MediaLibrary, prestito digitale a tempo

Al via la prima piattaforma di prestito digitale per le biblioteche pubbliche. Nel 2011 sarà realtà anche il download di ebook a scadenza

Roma – Con MediaLibraryOnLine (MLOL) nasce la prima piattaforma di prestito digitale per le biblioteche pubbliche italiane, che raccoglie circa 50mila contenuti: e-book, video, film, foto, documentari e quotidiani di 89 paesi in 39 lingue, saranno accessibili a tutti gli utenti della Rete, tramite apposita tessera del servizio bibliotecario, ogni giorno e a qualunque ora con un semplice click.

Al progetto, ideato e sviluppato da Horizons Unlimited Srl di Bologna con la collaborazione del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest di Milano e la Provincia di Reggio Emilia , hanno aderito circa mille biblioteche di quattro regioni: Lombardia, Toscana, Emilia Romagna ed Umbria.
Avviato nel 2005, il progetto, che oggi si rivolge a un pubblico di riferimento pari a 8,5 milioni di persone, conta di arrivare entro il prossimo anno a raggiungere oltre 1.500 biblioteche in almeno sei regioni italiane.

“Nasce dal bisogno – ha spiegato l’amministratore delegato di Horizon, Giulio Blasi – di riempire un vuoto delle biblioteche italiane rispetto agli Stati Uniti, dove da anni gli utenti possono accedere online alle risorse multimediali; in Italia c’era una profonda arretratezza. Il modello a cui ci siamo ispirati – ha aggiunto Blasi – era quello di un grande network nazionale di biblioteche che si uniscono e interagiscono sui contenuti multimediali”. “Nel 2009 – ha proseguito Blasi – nelle regioni più virtuose gli utenti delle biblioteche sono il 15-20 per cento della popolazione, mentre negli Stati Uniti la media nazionale è del 69 per cento”. “Attraverso la maggior confidenza con le nuove forme di fruizione culturale e i nuovi sistemi di lettura – ha precisato Blasi – si punta anche a formare nuove generazioni di lettori, che possano poi avvicinarsi con consapevolezza al mercato degli e-book e dell’editoria del futuro”.

Attualmente la piattaforma raccoglie 49.500 oggetti digitali , 50 per cento sono open access e 50 per cento sono risorse commerciali. Si contano 16.500 album musicali, 27.700 ebook, 2.500 ebook commerciali, 1.345 quotidiani, 1.000 audiolibri, 2.550 video, 120 banche dati, 180 learning object, e infine, 150 collezioni iconografiche.
Ad oggi sono circa 50 gli editori e i distributori presenti nella piattaforma di prestito digitale. Tra gli altri, Alexader Street Press (per la musica), NewsPaperDirect (che aggrega circa 1.250 quotidiani), Casalini Libri (con una collezione di 1.500 ebook da 40 editori italiani), Guaraldi Editore , Leone Verde , Morellini , Archetipo , Liguori , Emons Audiolibri , le banche dati del Sole24Ore e molti altri operatori italiani.
Inoltre, MLOL è in contatto con i distributori di ebook in Italia per consentire, entro il nuovo anno, il prestito digitale di tutti gli ebook italiani. Tra gli obiettivi principali, inoltre, c’è l’imperativo di lavorare per migliorare la tecnologia di accesso al portale tramite smartphone, iPhone, iPad e dispositivi basati su Android.

La fruizioni dei contenuti, attraverso un login ai servizi Web delle biblioteche aderenti al MLOL, è gratuito e l’acquisizione dei contenuti digitali avviene in due modi: streaming o download a tempo . Per ora gli utenti devono essere iscritti al sito della biblioteca e possono scaricare gli oggetti digitali solo in modalità streaming. Il download a tempo (da 15 giorni a qualche mese) sarà possibile solo dall’anno prossimo e sarà compito degli editori decidere le modalità per il rispetto del diritto d’autore, con o senza sistemi DRM. Si valuterà in un secondo momento l’introduzione di servizi a pagamento, per la musica o i video.

La piattaforma sta uscendo anche dal mondo dei lettori delle biblioteche. Infatti, da quest’anno ha avviato una sperimentazione con le cento scuole dell’ufficio scolastico provinciale di Modena. La piattaforma sta lavorando per adattarsi alle esigenze della scuola con un sistema di tag, di classificazioni per materia e di aggregazione di contenuti.

Raffaella Gargiulo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • alessandro cao scrive:
    installazione di un decoder on demand
    Salve ho letto questo articolo e volevo capirne di più.Qualora decidessi di aprire una attività commercile che preveda l'installazione di digitali terrestri capaci di trasmetere video on demand sarei obbligato ad iscrivermi all'albo?GrazieAlessandro
    • TlFpwwOpFps xoJ scrive:
      Re: installazione di un decoder on demand
      Calling all cars, clalnig all cars, we're ready to make a deal.
    • APlwcbkeHfd owb scrive:
      Re: installazione di un decoder on demand
      Y6Wf1c , [url=http://rxsrqgazojbs.com/]rxsrqgazojbs[/url], [link=http://azjjqjtmgbkt.com/]azjjqjtmgbkt[/link], http://dmxktfkkdvwd.com/
    • hULLOPxkT scrive:
      Re: installazione di un decoder on demand
      alAIrl , [url=http://sbwbahxqqzqv.com/]sbwbahxqqzqv[/url], [link=http://nnagepbiongw.com/]nnagepbiongw[/link], http://eksmrobtyxda.com/
  • Dan scrive:
    Chi se ne frega!!
    Ognuno se lo installa da sé. Figurarsi, non sarà di certo ne la primae ne l'ultima legge che gli italiani saranno costretti a violare. Mettano pure tutte le restrizioni che vogliano!!
  • finferlino scrive:
    reda: aggiornate?
    mi rivolgo alla redazione: sarebbe carino avere aggiornamenti e puntualizzazioni precise su questa notizia! E' importante davvero per un sacco di gente!
  • vuoto scrive:
    barzelletta
    D. Quanti tecnici iscritti all'albo apposito servono per cambiare una lampadina?R. Nessuno, ora. Almeno uno, se Berlusconi si mette a vendere candele.
  • X T scrive:
    o.O
    ma son cretini? altre perdite di tempo e soldi per attaccare un usb o ethernet, un alimentatore e un semplicissimo cavetto telefonico?
  • lordream scrive:
    lista
    faranno una lista dei router a cui si potra accedere senza avere la certificazione o si andrà a caso?.. ad esempio un friz si e un linksys no.. a parte la domanda mi chiedo come possa mettere su una simile certificazione e che costi comporterebbe per le aziende e/o famiglie che dovessero essere colpite da questa nuova incombenza
  • zander scrive:
    sono curioso...
    ...di vedere come l'installatore con patentino mi configura la chiavetta 3G sulla mia Slackware :-)
  • Maurizio Laureana scrive:
    Siamo alle solite!!!
    Quindi se questo è vero e verrà confermato anche un semplice cellulare che si collega alla "Rete" dovrà essere configurato da un SUPER TECNICO SPECIALIZZATO!!!!Poveri noi...Povera Italia...Il tempo della rivolizione è sempre più vicino...
    • Alex Lion scrive:
      Re: Siamo alle solite!!!
      Il tempo dell'espatrio è sempre più vicino, perchè perdere tempo con una rivoluzione?Tanto se anche i politici non ci fossero più ce ne saranno degli altri al posto loro che da Roma continuerann a far interessi loro o dei loro amici.Questa volta mi sa che Telecom ringrazia visto che alla fine sarà lei a dotarsi di tecnici qualificati e noleggiarli alle varie aziende che rivendono la connettività.- Scritto da: Maurizio Laureana
      Quindi se questo è vero e verrà confermato anche
      un semplice cellulare che si collega alla "Rete"
      dovrà essere configurato da un SUPER TECNICO
      SPECIALIZZATO!!!!
      Poveri noi...
      Povera Italia...
      Il tempo della rivolizione è sempre più vicino...
  • Fai il login o Registrati scrive:
    c'è chi si organizza
    http://www.cinkue.com/gig/aiutarti-a-configurare-la-tua-rete-lan-wifi
  • lorenzaccio scrive:
    Installare un router?
    Sono Pazzi Questi Romani
  • Sbino d scrive:
    Tutti schiavi per un solo padrone!
    Un solo padrone per una massa di schiavi! E' un pezzo che perseguono questa politica col beneplacito dei "sindacati" e della "sinistra" all'opposizione. Svegliatevi!
  • mik.ud scrive:
    Come ai tempi della SIP...
    Mi ricorda i tempi in cui era vietato collegare qualsiasi cosa che non fosse omologata SIP (modem, fax, ecc.) alla spina della SIP...
  • Marco Liss scrive:
    ma dovrebbe rimanere valida ...
    .. la regola del D.M. del 1992 che recita: "Gli abbonatipossono provvedere direttamente allinstallazione, al collaudo,allallacciamento ed alla manutenzione di apparecchiature terminaliomologate con capacità non superiore a due linee urbane, qualoralallacciamento alla terminazione della rete pubblica richieda il soloinserimento della spina nel relativo punto terminale".Inoltre la configurazione degli apparati non ricadeva per nulla nel vecchio D.M. 314. Allacciare un firewall alla rete pubblica non e' "configurare" un firewall o un sisteam VoIP. Detto questo, se nel nuovo regolamento così non sara', si violano nuovamente le normative europee e non la finiamo piu'...ML
  • Stefano Forzoni scrive:
    !?!
    Qui siamo alla follia ..
  • io esisto scrive:
    io la penso così
    ste cose di XXXXX mi fanno proprio XXXXXXXre, porda di quella XXXXX XXXXX. fottetevi legislatori di XXXXX rottinXXXX!
  • Il Profeta scrive:
    Ai winari non cambia nulla
    Già sono abituati a chiamare il tecnico per farsi formattare il PC zeppo di virus ogni 6 mesi... quindi per loro la configurazione del router risulta una spesa irrisoria :D :D
  • apri gli occhi scrive:
    italia come la cina (o forse peggio)
    loro ci controllano da tempo... ma ora alzano il tiro: il controllo passivo diventa attivo... televisione, stampa e radio già da tempo sono filtrate e manipolate... restava solo internet parzialmente libero... loro questo lo sanno... l'hanno autorizzato loro, per spiare le nostre abitudini... ora sanno cosa ci piace e sanno come manipolarci... la finalità di tutto questo è controllare l'unica risorsa ancora libera... ci hanno abituati ad usare internet, per renderci completamente schiavi il giorno che ce lo toglieranno... quel giorno è adesso...
  • anarkiko scrive:
    berlusconi crea posti di lavoro
    ecco come fa! vendendoti insieme al router la consulenza di un ragazzino assunto a tempo determinato se italiano, in nero se straniero. dopo 2 mesi i lavoratori vengono lasciati a casa e sostituiti da altri, così può vantarsi e dire "ci sono state migliaia, ma che dico migliaia... milioni di nuove assunzioni!"
    • Anonymous scrive:
      Re: berlusconi crea posti di lavoro

      così può vantarsi e dire
      "ci sono state migliaia, ma che dico migliaia...
      milioni di nuove
      assunzioni!"ma che dico "Millllllemila milllllioni di nuove assunzioni"
  • Stever scrive:
    manutenzione
    si parla anche di manutenzione..quindi se mi faccio da solo una NAT rischio 15K almeno di euro ? :-D
    • anarkiko scrive:
      Re: manutenzione
      finchè a capo dello stato ci sono elementi come gli attuli non puoi sperare in leggi furbe...
      • Italiano scrive:
        Re: manutenzione
        - Scritto da: anarkiko
        finchè a capo dello stato ci sono elementi come
        gli attuli non puoi sperare in leggi
        furbe...Tutti possono fare politica. Non capisco perché tutti sono capaci di criticare e mai fare. Mah...P.s. Anarchico si scrive con le c e le h.
  • Stever scrive:
    Europa
    Un pò la colpa è dell'europa che ha lasciato fumosa questa legge:http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2008:162:0020:01:IT:HTML
  • Mr Stallman scrive:
    Romani ha inventato pure Colpo Grosso
    Non dimentichiamo che il Ministro Romani oltre a questa chicca "tecnologica" ha inventato pure Colpo Grosso...http://blogdellopinione.blogspot.com/2010/10/colpo-grosso-di-romani.html
  • Andyphone scrive:
    Raccontante cavolate!
    Premesso che ogni legge può sempre essere scritta e precisata meglio e che ci sono le autorità (AGCOM inclusa) previste anche perché questo avvenga, mi pare abbastanza chiaro leggendo TUTTA la legge che la cosa non riguardi noi poveri utenti finali che continueremo ad "allacciare" i nostri modem e router da soli se lo vogliamo.Ciao a tutti!- Andy
    • sxmatozoo scrive:
      Re: Raccontante cavolate!
      visto che sei così bravo perchè non vai in parlamento?? ahhh, forse perchè non sei donna e non hai le tette grosse....
    • finferlino scrive:
      Re: Raccontante cavolate!
      - Scritto da: Andyphone
      Premesso che ogni legge può sempre essere scritta
      e precisata meglio e che ci sono le autorità
      (AGCOM inclusa) previste anche perché questo
      avvenga, mi pare abbastanza chiaro leggendo TUTTA
      la legge che la cosa non riguardi noi poveri
      utenti finali che continueremo ad "allacciare" i
      nostri modem e router da soli se lo
      vogliamo.

      Ciao a tutti!

      - Andynon vedo dove sia scritto, puoi indicarlo?
  • apahualca scrive:
    Senza senso
    ... Secondo l'art. 2 del provvedimento gli utenti sono tenuti ad affidare i lavori di installazione, di allacciamento, di collaudo e di manutenzione delle apparecchiature terminali che allacciano il PC alla rete pubblica (direttamente o indirettamente) di telecomunicazioni per trasmettere, trattare o ricevere informazioni (sia via cavo, fibra ottica o via elettromagnetica) ad un operatore riconosciuto come qualificato dalla leggi....Cioè in pratica, se vado dal cliente e attacco il mio portatile in LAN, ci vuole un tecnico iscritto all'albo ?
    • iupiter scrive:
      Re: Senza senso
      si lo porti direttamente da casa...vive con te e lo mantieni...cosi' e' risolto il problema dei posti di lavoro
    • Topolino scrive:
      Re: Senza senso
      Quindi tirando le somme...io sono un sistemista e lavoro in una società informatica, ma non ho questa licenza perchè fondamentalmente la trovo una presa per il Q*o.Quindi, vado dal mio cliente accompagnato da un tecnico di una società concorrente che provvede a collegarmi alla lan del cliente!! Bisogna avere una laurea per questa??? :D
      • ballista scrive:
        Re: Senza senso
        - Scritto da: Topolino
        Quindi tirando le somme...
        io sono un sistemista e lavoro in una società
        informatica, ma non ho questa licenza perchè
        fondamentalmente la trovo una presa per il
        Q*o.
        Quindi, vado dal mio cliente accompagnato da un
        tecnico di una società concorrente che provvede a
        collegarmi alla lan del cliente!!

        Bisogna avere una laurea per questa??? :DSe sei un sistemista, dovresti sapere che la terminazione di una rete pubblica non c'entra nulla con la lan
        • Virgilio Lattanzi scrive:
          Re: Senza senso
          - Scritto da: ballista
          Se sei un sistemista, dovresti sapere che la
          terminazione di una rete pubblica non c'entra
          nulla con la
          lanLeggiti la definizione di "apparato terminale" data nel decreto e vedrai che la cosa non è affatto scontata.
  • SSS scrive:
    Bene altri soldi.
    Prendo la certificazione mi apro la partita iva e il sabato e la domenica vado a fare soldi collegando router...
  • Fai il login o Registrati scrive:
    15.000
    15.000 euro di multa.Due rappresentanti delle forze dell'ordine hanno stuprato una prostituta, hanno dovuto pagare 5.000 euro di multa per il danno d'immagine al comune dove operavano. Il danno d'immagine all'Italia che emerge da tale confronto invece non ha prezzo.
  • gezer scrive:
    Leggere i testi di legge!(per redazione)
    Nella legge all'art2 comma2:f) i casi in cui, in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione, gli utenti possono provvedere autonomamente alle attività di cui al comma 1.Per cui, quando sara' redatto il regolamento attuativo allora ci si potra' arrabbiare se non rientreranno router, modem e telefoni in questa categoria.La legge va ad implementare una normativa europea per la -liberalizzazione- del mondo TLC e la normativa italiana non potra' stravolgerla, pena grossa XXXXXXXtura da UE
    • gnugnolo scrive:
      Re: Leggere i testi di legge!(per redazione)
      Leggi il testo appunto.... il punto f entra in gioco appena dopo un anno dall'entrata in vigore del decreto, fanno le cose alla rovescia... prima giochiamo la partita e poi stabiliamo le regole.... a zappare la terra devono andare!
    • albe scrive:
      Re: Leggere i testi di legge!(per redazione)
      - Scritto da: gezer
      Nella legge all'art2 comma2:
      f) i casi in cui, in ragione della semplicità
      costruttiva e funzionale delle apparecchiature
      terminali e dei relativi impianti di connessione,
      gli utenti possono provvedere autonomamente alle
      attività di cui al comma
      1.
      con che parametro viene valutata la semplicità? a volte ci sonoc ose vendute per semplici e ci devi perdere una giornata per farle funzionare.. senza considerare che comqunue se le cose le sai a te risultano semplici mentre a uno che non le sa risultano incomprensibili...
      • Anonymous scrive:
        Re: Leggere i testi di legge!(per redazione)

        con che parametro viene valutata la semplicità? a
        volte ci sonoc ose vendute per semplici e ci devi
        perdere una giornata per farle funzionare..

        senza considerare che comqunue se le cose le sai
        a te risultano semplici mentre a uno che non le
        sa risultano
        incomprensibili...Percui hai già capito. Sai cosa serve sta legge? Semplicemente ad evitare una multa dall'UE.La nostra rete:1) Non è pubblica (è privata)2) La legge non presenta chiaramente cosa sia escluso e cosa no; quali siano i destinatari del provvedimento; quale sia l'albo, quanto costi, chi può entrarvi ecc. (ed è un decreto legislativo...)3) Presenta "XXXXXTE" a livello giuridico, come quella che hai identificato tu. Esattamente, cos'è "semplice"?
        • albe scrive:
          Re: Leggere i testi di legge!(per redazione)
          non so perkè.. ma mi viene in mente quando venne fori windows 98 e il famigerato plug&play.. lo spacciavano per semplice e immediato e puntualmente un funzionava na s3ga nulla :D
  • fiffy la bruna scrive:
    diretta O INDIRETTA?
    ma diretta o indiretta vuol dire che se ho una rete, appena inserisco nella MIA rete un device nuovo ...ma sono fuori di mela???potrebbero responsabilizzare e basta, come dire : "chiunque causi danno" ecc ecc ecc.Dovevano muoversi prima a regolamentare le infrastrutture ... adesso la gente pensa ceh siccome compra la roba al supermercato allora sono esperti.Però attaccare un router... su, dai.
    • gnugnolo scrive:
      Re: diretta O INDIRETTA?
      Altrimenti come intascano vagonate di neuri?A quando l'albo dei tecnici per l'interruttore ON/OFF?
    • sxmatozoo scrive:
      Re: diretta O INDIRETTA?
      - Scritto da: fiffy la bruna
      adesso la gente pensa ceh
      siccome compra la roba al supermercato allora
      sono
      esperti.è quello che pensi anche tu vero???? però a leggere ituoi post mi sembri allieneato al resto del popolo!!
  • Francesco scrive:
    Fatto per la Telecom Italia
    Mi sono LETTO il testo, e a parte la definizione di rete pubblica che mi sfugge, credo di capire il senso di questa proposta di legge.Serve per impedire ai sub-sub-sub contrattor che manda in giro Telecom Italia di continuare a fare danni.bye
    • Valeren scrive:
      Re: Fatto per la Telecom Italia
      La rete pubblica, ne più ne meno, sono le dorsali.E con i danni che hanno fatto finora impedire che dei cani ci mettano su le mani non mi sembra un'idea malvagia.
      • gnugnolo scrive:
        Re: Fatto per la Telecom Italia
        Anche no: (http://www2.agcom.it/L_naz/dpr318_97.htm), come ha postato Giovanni sopra. Altrimenti tutto il decreto non avrebbe senso di esistere... non ci va tuo cugggino sulla dorsale ovviamente ;)
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: Fatto per la Telecom Italia
      - Scritto da: Francesco
      Mi sono LETTO il testo, e a parte la definizione
      di rete pubblica che mi sfugge, credo di capire
      il senso di questa proposta di
      legge.
      mitico, si basa tutto su quello che ti sfugge ma tu hai capito :-)
      Serve per impedire ai sub-sub-sub contrattor che
      manda in giro Telecom Italia di continuare a fare
      danni.
      byecome no, se hanno il foglietto di autorizzazione, sono a posto
    • Anonymous scrive:
      Re: Fatto per la Telecom Italia

      Serve per impedire ai sub-sub-sub contrattor che
      manda in giro Telecom Italia di continuare a fare
      danni.
      byeScusa, spiega un pò meglio, perchè non ho mica capito.Inoltre, ma qua sono OT, per tutti quelli che sono sintonizzati ed in ascolto, c'è un forum, una mailing list o qualcosa ove sono aggregati tutti i tecnici delle centrali telecom e coloro che hanno a che fare con sta parte della rete di T.I. in modo da permettere a tutti gli iscritti di capire come funziona la rete italiana, com'è organizzata, quali sono i trucchetti consigliati dai tecnici di centrale ecc., visto che è un enorme e gigantesco blackbox?
      • iupiter scrive:
        Re: Fatto per la Telecom Italia
        eh si i tecnici di centrale te li raccomando io sono 20 anni che pago una 7mb e mi hanno installato una 20...sono anni che fanno riparazioni e ancora non se ne sono accorti che col mio router gli frego una 20mb.il rumore l'attenuazione ehhhh superesperti ne so piu' io di loro...attendo ragguagli da fiffy la bruna magari di router se ne intende visto che del resto non capisce un kazzo
        • Wolf01 scrive:
          Re: Fatto per la Telecom Italia
          ahahah mi ricorda tanto quella volta che il tecnico mi fa "eh il rumore di attenuazione è un po' alto ma nella norma"io rispondo "nella norma sta sui 40 e non sui 60-65dB, specialmente con un rapporto segnale-rumore di 25dB che dovrebbe stare sotto i 15dB"Lui a questo punto fa "e tu cosa ne vuoi sapere?"Risposta: "sono perito in elettronica e telecomunicazioni, adesso prendi e vai a fare il tuo lavoro"Lui: sguardo basso e rassegnazione si incammina verso la torretta delle borchiePer informazione, questi sono i miei parametri di linea: Downstream UpstreamSNR Margin:24.5 17.0dbLine Attenuation: 63.0 24.0dbData Rate: 800 320kbpse sto pagando una 7Mega (19 al mese)
        • Anonymous scrive:
          Re: Fatto per la Telecom Italia

          il rumore l'attenuazione ehhhh superesperti ne so
          piu' io di loro...attendo ragguagli da fiffy la
          bruna magari di router se ne intende visto che
          del resto non capisce un
          kazzoMagari è per questo che li vogliono certificati ed iscritti ad un albo.Ci son di quei caproni nelle centrali che starebbero bene buttati in mezzo la strada. Altro che "Ho famiglia e figli". Se t'importasse qualcosa t'impegneresti di più nel tuo lavoro e non staresti lì a cazzegiare, gambizzando sistematicamente tutti i nuovi arrivati, come uno stramaledettissimo dittatoruccolo da tazza del water.
  • Andrea Bertani scrive:
    Ma basta...
    Se anche la notizia dovesse rivelarsi, a cose fatte, meno "drammatica" di quanto preannunciato. Mi sono stufato di farmi venire acidità di stomaco ad ogni geniale idea (incredibile come riescano sempre ad andare nella direzione opposta alla semplificazione) che i nostri burocrati si inventano un po' per legittimare la loro presenza negli uffici della P.A. e un po' per andare incontro ad amici di amici di amici.Ma basta... ma dove vivono? Ma chi sono? Ma chi li vuole? Tra l'altro non si parla di sinistra o destra, qui sono personaggi "trasversarli" e quindi ancora più pericolosi.Arrivederci
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: Ma basta...
      - Scritto da: Andrea Bertani
      Se anche la notizia dovesse rivelarsi, a cose
      fatte, meno "drammatica" di quanto preannunciato.
      Mi sono stufato di farmi venire acidità di
      stomaco ad ogni geniale idea [...] che i nostri burocrati si
      inventano un po' per legittimare la loro presenza
      negli uffici della P.A. e un po' per andare
      incontro ad amici di amici di
      amici.

      Ma basta... ma dove vivono? Ma chi sono? Ma chi
      li vuole[...]pensa che i criminali dicono la stessa cosa della polizia
      • Wolf01 scrive:
        Re: Ma basta...
        Pensa che la polizia servirebbe a controllare, mentre in questo caso i criminali sono quelli che controllano...
    • Maurizio Laureana scrive:
      Re: Ma basta...
      - Scritto da: Andrea Bertani
      Se anche la notizia dovesse rivelarsi, a cose
      fatte, meno "drammatica" di quanto preannunciato.
      Mi sono stufato di farmi venire acidità di
      stomaco ad ogni geniale idea (incredibile come
      riescano sempre ad andare nella direzione opposta
      alla semplificazione) che i nostri burocrati si
      inventano un po' per legittimare la loro presenza
      negli uffici della P.A. e un po' per andare
      incontro ad amici di amici di
      amici.

      Ma basta... ma dove vivono? Ma chi sono? Ma chi
      li vuole? Tra l'altro non si parla di sinistra o
      destra, qui sono personaggi "trasversarli" e
      quindi ancora più
      pericolosi.

      ArrivederciConcordo pienamente....
  • Pessimismo e Fastidio scrive:
    Anche il cellulare si connette alla rete
    Occorrerà chiamare il tecnico prima di accenderlo oppure quando cambio la sim?Scommettiamo che a quelli dei business dei cellulari non romperanno le scatole?
    • iupiter scrive:
      Re: Anche il cellulare si connette alla rete
      tocchera' mettersi la sim sotto la lingua e dopo aver detto amen il tecnico cospargera' le ceneri...
  • iupiter scrive:
    era meglio quando stavamo peggio
    io mi ricordo di un tempo in cui c erano i locali notturni ma non settecentomila XXXXX che si schiantavano con le macchine il sabato sera...gli edifici non erano imbrattati da presunti artisti writer del kazzo...c erano 4mila cinema aperti, potevi girare da ragazzino da solo senza il maniaco o l'extracomunitario violentatore, potevi fare un po' come kakkio ti pare in confronto ad ora..moto senza casco niente cinture in macchina perke' non c erano tanti XXXXXXXXX che si ammazzavano per strada...avevi un cane e manco lo dovevi denunciare perche non c erano padroni dementi che li trasformavano in lupi famelici...e potrei fare sette miliardi di esempi cosi'...il problema e' che sono cambiate le persone...ora girano 48 milioni di cretini che vogliono fare tutto anche se sono incapaci..una volta il cretino chiedeva o si informava prima di fare qualche guaio(e quindi conosceva i propri limiti).....il problema e' ke oggigiorno nessuno vuole ammettere i propri limiti in ogni campo e vuole strafare e fa kazzate che fa pagare a noi in termini di ristrezioni di liberta' perche' ovviamente un legislatore deve porre freno a comportamenti pericolosi per gli altri...begli anni i 70-80'(negli 80gia' si intravedeva l inizio del periodo del cretino)diranno e ma tu non hai rispetto...lo avevo e lo ho quando incontro un non cretino o cretino over35..gli altri a sentirli ti fanno cadere le braccia...tranne rari casi ormai protetti dal wwf.
    • Anonymous scrive:
      Re: era meglio quando stavamo peggio

      girano 48 milioni di cretini che vogliono fare
      tutto anche se sono incapaci..una volta il
      cretino chiedeva o si informava prima di fare
      qualche guaio(e quindi conosceva i propri
      limiti).....Il problema è che oggi giorno la popolazione è aumentata, percui più concorrenza, l'ignoranza pure, percui i chiacchieroni hanno vita più facile di chi si fa il fondoschiena ma non ha parlantina. Per non dire che oggi giorno gli incapaci vogliono fare tutto, non per il fatto di volerlo fare, ma per avere i soldi con cui passare un'altra giornata a tirarsela di fare la bella vita. Bella vita che in realtà non è nient'altro che il peggiore incubo da 200 anni a sta parte, visto che nessuno in realtà sta veramente BENE.
      • iupiter scrive:
        Re: era meglio quando stavamo peggio
        sta bene chi si accontenta di quello che ha che sia poco o tanto...chi non segue le mode etc......chi si accontenta godeconcordo in linea generale
    • gnugnolo scrive:
      Re: era meglio quando stavamo peggio
      Verissimo! L'ho sempre detto io che dal 1980 (almeno!) in poi avrebbero dovuto attuare la sterilizzazione di massa evitando così la presenza di una massa di babbei che non è conscia che ognuno ha dei limiti, piaccia o non piaccia... sei impedito col pc... non comprartene uno!!! Non sai cantare... non farlo... hai un monolocale da 30mq... non prenderti un sanbernardo... ecc. ecc.Non era tutto rose e fiori ovviamente. Tieni conto che comunque il grosso delle ragioni per tutte queste restrizioni )alcune giuste altre esagerate o assurde... se non altro nei modi) non è tanto il contenere i danni e proteggere dagli XXXXXXXXX ma tenerci tutti a bada e fare gli interessi del potere.
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: era meglio quando stavamo peggio
      - Scritto da: iupiter
      io mi ricordo di un tempo in cui c erano i locali
      notturni ma non settecentomila XXXXX che si
      schiantavano con le macchine il sabato sera...non conoscevi il dato e quindi dici "non esisteva"sembri mio nonno che diceva "una volta il cancro non esisteva!"o "una volta lo stress non esisteva!"
      gli
      edifici non erano imbrattati da presunti artisti
      writer del kazzo...le scritte sui muri ci sono dai tempi dei romani, leggi un po' e fatti una cultura, persino a pompei ... ah, ops, a nessuno gliene sbatte un XXXXX... e lasciano andare tutto a scatafascio... vabbé, pazienza per Pompei
      c erano 4mila cinema aperti,scommetto che se oggi ti chiedo di non scaricare più musica e film mi dici "ma sei matto?"
      potevi girare da ragazzino da solo senza il
      maniaco o l'extracomunitario violentatore, come no, infatti la favola di cappuccetto rosso l'hanno inventata per diletto, vero?
      potevi
      fare un po' come kakkio ti pare in confronto ad
      ora..moto senza casco niente cinture in macchina
      perke' non c erano tanti XXXXXXXXX che si
      ammazzavano per strada...tratti la tua ignoranza come se fosse l'istituto statale di statistica.
      avevi un cane e manco lo
      dovevi denunciare perche non c erano padroni
      dementi che li trasformavano in lupi famelici...citation needed
      e
      potrei fare sette miliardi di esempi cosi'ah non ne dubito. non te li accetterebbero nemmeno su "UFO OGGI"
      ...il
      problema e' che sono cambiate le persone...ora
      girano 48 milioni di cretini ah su questo devo concordare.
      che vogliono fare
      tutto anche se sono incapaci..aggiungici quelli che vogliono parlare anche se non sanno un XXXXX
      una volta il
      cretino chiedeva o si informava prima di fare
      qualche guaio(e quindi conosceva i propri
      limiti).....e pensa che c'era anche quello che taceva se non era certo di poter provare ciò che affermava
      il problema e' ke oggigiorno nessuno
      vuole ammettere i propri limiti in ogni campo ahahah :) ma quanto hai ragione? eccoti qui a dire cose giustissime e, stranamente, non considerare te stesso come parte del problema.
      e
      vuole strafare e fa kazzate che fa pagare a noivoi?no no, noi.[...] blah
      diranno e ma tu non hai rispetto...lo avevo e lo
      ho quando incontro un non cretino o cretino
      over35..insomma mi salvo :)
      gli altri a sentirli ti fanno cadere le
      braccia...tranne rari casi ormai protetti dal
      wwf.Santa paletta sei la dimostrazione vivente dello ying e yang
      • iupiter scrive:
        Re: era meglio quando stavamo peggio
        e tu la solita donna acida...ma cerco la tua approvazione no e quindi...
      • iupiter scrive:
        Re: era meglio quando stavamo peggio
        cerca di XXXXXXX di piu' e comunque confermi quello che dicevi...specie sottosviluppata e io i dati li so e tu non sai ki kazzo sono io...sei tu che non frequenti i tuoi neuroni...e si legge purtroppo
      • iupiter scrive:
        Re: era meglio quando stavamo peggio
        correggo i dati 48 milioni piu' fiffi la bruna ..cretini...cosi' sei aggiornata
      • iupiter scrive:
        Re: era meglio quando stavamo peggio
        dietro a un computer qualsiasi cretina e' brava..piu' difficile dimostrare la propria XXXXXXXXXta' di persona...ma tu sei brava in tutti e due i casi comunque prova con la citrosodina per l acidita'
  • Frank scrive:
    Per Quale Ragione
    Vada per il tecnico obbligatorio ma una cosa è certa io non lo pago deve venire a gratis a carico della compania telefonica.Altrimenti fanXXXX mi confifuro i router da solo tanto voglio vedere chi viene a casa mia a vedere se me lo sono installato da solo oppure lo ha fatto un tecnico certificato è anche se dovessero venire come potrebbero mai capire che l'installazione non è stata fatta da un tecnico autorizzato?
    • iupiter scrive:
      Re: Per Quale Ragione
      ma sti kazzi...kome la revisione dell auto se ti beccano....ma ki l ha mai fatta...e beccatemi sono nullacapitano(grado maggiore di nullatenente)tra poco metteranno pure l'installatore di cane a casa se prendi un cane, dopo il chip e ciop la paletta e il secchiello, il triangolo di avviso quando caga, gli avvisi stradali sul non si XXXXXX sugli alberi, il casco obbligatorio etc etc..il problema e' ke negli anni 70 non c erano tanti cretini in giro come adesso...la gente un po' di cervello ce l aveva ora fanno leggi in continuazione sempre per il numero di cretini che si vanno a sfracellare o per incompetenti che non leggono mai un kavolo(anche perke' non sanno leggere) se vedete una puntata del grande fratello, per vostra sfortuna, vi rendete conto della cultura media degli italiani che e' pietosa...mi fanno schifo quei politici che salgono sui tetti delle universita' per la foto...io li butterei giu'Comunque la soluzione e' semplicissima dato che nelle aziende non sono XXXXX come gli italiani faranno di sicuro un modello di ruter(sara' un router che rutta se occupa troppa banda)autoconfigurante che manda un messaggio al ministero delle comunicazioni:" mi sono autoconfigurato autorevisionato e scarico solo cose regolari inoltre conosco tutti e 10 i comandamenti e ho fatto pure la cresima" e tutto finira' li'.
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: Per Quale Ragione
      - Scritto da: Frank
      Vada per il tecnico obbligatorio ma una cosa è
      certa io non lo pago deve venire a gratis a
      carico della compania telefonica.Altrimenti
      fanXXXX mi confifuro i router da solo tanto
      voglio vedere chi viene a casa mia a vedere se me
      lo sono installato da solo oppure lo ha fatto un
      tecnico certificato è anche se dovessero venire
      come potrebbero mai capire che l'installazione
      non è stata fatta da un tecnico
      autorizzato?prova a fare lo stesso discorso con la casal'impianto elettricola costruzione della tua autola patente... e alla fine la tua stessa esistenza: chi dice che tu sei veramente tu? Chi dice che davvero sei proprietario di ciò che tu dici?la cultura alle masse ha portato ad un abbassamento generale e ad un innalzamento dell'arroganza.di gente che crede di sapere e si comporta di conseguenza.
      • iupiter scrive:
        Re: Per Quale Ragione
        ma chi sei il mio enemy public numero uno o cosa ti rode? trovati un altro bersaglio centrista sociale o comunistella del kaiser
    • panda rossa scrive:
      Re: Per Quale Ragione
      - Scritto da: Frank
      ... anche se dovessero venire
      come potrebbero mai capire che l'installazione
      non è stata fatta da un tecnico
      autorizzato?Devi poter esibire il solito certificato standard in carta bollata (bolli a carico tuo) con il timbro del certificatore, che non certifica che il tutto funziona, ma solo che qualcuno iscritto all'albo (a prescindere dalle sue competenze tecniche, ma solo perche' paga per essere in quell'albo), ha eseguito l'installazione che tu hai pagato.Quindi:- tizio paga per essere iscritto all'albo- tu paghi tizio per avere il certificato- il funzionamento del router non e' comunque garantitoOppure:- hai un router che funziona- non hai il certificato di cui sopra- multone e sequestro delle apparecchiature
      • anarkiko scrive:
        Re: Per Quale Ragione
        oppure introdurranno piccole modifiche alla portante adsl (come il nostro digitel terreste diverso da quello del resto europa) così:- nascerà qualche nuova azienda italiana (essendo evento eccezzionale magari verrà gestita da Bertolaso) che produrrà modem di infima qualità- altre aziende come Pirelli fabricheranno modem compatibili- le varie Netgear, Linksys, D-Link ecc verranno tagliate fuori a meno di pagare costosissime certificazioni- l'unica parte funzionante dei nuovi modem sarà l'autenticazione... per modificare qualsiasi parametro servirà una chiave HW in dotazione al tecnico... se la si krakka parte subito un messaggio al ministero delle telecomunicazioni che provvederà a formulare la multa
  • contrario scrive:
    mandate a casa il nano
    E' evidente che con questa mossa c'è il tentativo di portare vantaggio alle aziende medio-grandi e di far convergere tutto il lavoro svolto dalle piccole imprese artigiane verso quelle piu grandi.La marcegaglia si dovrebbe vergognare di questo. Altrochè sostegno all'industria... a quelle di fascia alta, come le sue!O come quell di berlusconi.Ma insomma, quando si va al voto? Io non ne posso piu di questi qua. Minacciano il voto come se fosse una pioggia acida, invece io, come tanti altri, lo aspettiamo con ansia per poter dare un calcio in XXXX a questi baronetti dell'impresa.
    • gnugnolo scrive:
      Re: mandate a casa il nano
      Ancora credi alla favoletta x bambini del voto e della democrazia? I politici sono come i giocatori di una squadra e chi comanda VERAMENTE è allenatore e presidente della squadra (e pure arbitro!) e decide di volta in volta chi far giocare e chi tenere in panchina fino alla prox partita. Che "vinca" uno o l'altro non importa quando entrambe le squadre sono tue!
      • fesion scrive:
        Re: mandate a casa il nano
        - Scritto da: gnugnolo
        Ancora credi alla favoletta x bambini del voto e
        della democrazia? I politici sono come i
        giocatori di una squadra e chi comanda VERAMENTE
        è allenatore e presidente della squadra (e pure
        arbitro!) e decide di volta in volta chi far
        giocare e chi tenere in panchina fino alla prox
        partita. Che "vinca" uno o l'altro non importa
        quando entrambe le squadre sono
        tue!quotissimo!
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: mandate a casa il nano
      - Scritto da: contrario[...]
      Ma insomma, quando si va al voto? Io non ne posso
      piu di questi qua. Minacciano il voto come se
      fosse una pioggia acida, invece io, come tanti
      altri, lo aspettiamo con ansia per poter dare un
      calcio in XXXX a questi baronetti
      dell'impresa.con che alternative?e poi i politici contano poco: nel momento in cui non consideriamo INACCETTABILE E CRIMINALE fare lobbying ...
  • SCF IS EVIL scrive:
    Ma...
    vengono anche pagati (coi soldi nostri) per fare delle "norme" del genere?!Una norma che dia responsabilità al legislatore, con opportune sanzioni pecuniarie, nel caso rovini un mercato come questo, no?
    • gnugnolo scrive:
      Re: Ma...
      Welcome to the club! Poi si chiedono perché la gente emigra o evade... come dici tu, il lavoro c'è eccome solo che ti fanno passare la voglia... tra un po' verrà fuori che x fare una certa attività dovrai avere un certo nome e cognome e una precisa data di nascita altrimenti ti attacchi!
      • Wolf01 scrive:
        Re: Ma...
        No, tra un po' si tornerà al medio evo: corvè, decime e ius primae noctis ( http://it.wikipedia.org/wiki/Ius_primae_noctis ) con il politico di turno
    • gnugnolo scrive:
      Re: Ma...
      Infatti...
  • alessandro scrive:
    i politici sono inutili e molto ignorant
    cosa unica al mondo,sono felice di vivere all'estero. L'Italia fà sempre piu' paura.Mi dispiace per tutti voi che dovete sempre subire torti...e poi avere giornalisti tipo E.Fede che dice di menare i manifestanti...Sono senza parole,,,bisognerebbe far vedere il film V per Vendetta 24ore al giorno a reti unificate.auguri
    • western scrive:
      Re: i politici sono inutili e molto ignorant
      veramente al povero emilio gli hanno menato ier sera... non gli è andato giù il dolce, gli hanno portato un digestivo un po' pesante..
      • deactive scrive:
        Re: i politici sono inutili e molto ignorant
        ci godo, e qualunque cosa gli abbiano fatto, non e' stato abbastanza se e' ancora li' per raccontarlo con quella sua faccia di c**o allegro.
        • chi sei scrive:
          Re: i politici sono inutili e molto ignorant
          - Scritto da: deactive
          ci godo, e qualunque cosa gli abbiano fatto, non
          e' stato abbastanza se e' ancora li' per
          raccontarlo con quella sua faccia di c**o
          allegro.straquoto
      • Franky scrive:
        Re: i politici sono inutili e molto ignorant
        - Scritto da: western
        veramente al povero emilio gli hanno menato ier
        sera... non gli è andato giù il dolce, gli hanno
        portato un digestivo un po'
        pesante..Amaro medicinale Giuliani per caso ? Si e' attirato il Karma negativo predicando la violenza contro dei pacifici manifestanti...accusati di aver portato la loro protesta davanti alla "casa degli italiani" :il parlamento...e di aver tirato delle uova quando si sono viste chiuse le porte in faccia...(questo fatto delle uove e' stato giudicato un comportamento politicamente scorretto)...per risposta hanno ricevuto delle manganellate in testa che secondo alcune persone democratiche... sono invece "politicamente corrette"... evidentemente queste "persone democratiche" hanno la stessa idea di democrazia e di civilta' che hanno avuto i cinesi quando hanno accolto la manifestazione studentesca a Pechino con i carri armati contro gli studenti.... e la stessa idea di democrazia che hanno avuto gli iraniani quando hanno accolto con uguale atteggiamento le manifestazioni studentesche per la laicita' del loro stato... Mi domando se l'ordine dei giornalisti abbia un codice di deontologia professionale e come si faccia a non radiare dei giornalisti che "istigano apertamente alla violenza contro dei manifestanti che protestano pacificicamente e democraticamente"...
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: i politici sono inutili e molto ignorant
      - Scritto da: alessandro
      cosa unica al mondo,
      sono felice di vivere all'estero. sono certo che sia vero
  • Paolo scrive:
    Ha-Ha
    Che bella barzelletta.E' IMPOSSIBILe e COSTOSISSIMO, visto che implicherebbe mantenere una MAPPA di come sono fatte TUTTE le LAN (con acXXXXX a internet) esistenti in Italia...
  • ballista scrive:
    Notizia balla
    Non cambia niente, i router e i telefoni continuiamo a metterceli da soli, leggetevi la legge:2. Entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, il Ministro dello sviluppo economico, adotta, ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, un decreto volto a disciplinare:..........f) i casi in cui, in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione, gli utenti possono provvedere autonomamente alle attività di cui al comma 1.
    • kouiyfyuj scrive:
      Re: Notizia balla
      infatti - Scritto da: ballista
      Non cambia niente, i router e i telefoni
      continuiamo a metterceli da soli, leggetevi la
      legge:

      2. Entro dodici mesi dalla data di entrata in
      vigore del presente decreto legislativo, il
      Ministro dello sviluppo economico, adotta, ai
      sensi dell’articolo 17, comma 3, della
      legge 23 agosto 1988, n. 400, un decreto volto a
      disciplinare:
      ..........
      f) i casi in cui, in ragione della semplicità
      costruttiva e funzionale delle apparecchiature
      terminali e dei relativi impianti di connessione,
      gli utenti possono provvedere autonomamente alle
      attività di cui al comma
      1.
    • ITA84 scrive:
      Re: Notizia balla
      Questo dettaglio è già presente nell'articolo"E questo onere si applica a tutte le situazioni di questo tipo, eccetto ciò che verrà esplicitamente escluso ma che resta ancora da stabilire: si parla di scelta "in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione", ma nient'altro è ancora specificato."L'unica cosa è che il redattore evidentemente è più scettico a riguardo.
      • Franky scrive:
        Re: Notizia balla
        - Scritto da: ITA84
        Questo dettaglio è già presente nell'articolo

        "E questo onere si applica a tutte le situazioni
        di questo tipo, eccetto ciò che verrà
        esplicitamente escluso ma che resta ancora da
        stabilire: si parla di scelta "in ragione della
        semplicità costruttiva e funzionale delle
        apparecchiature terminali e dei relativi impianti
        di connessione", ma nient'altro è ancora
        specificato."

        L'unica cosa è che il redattore evidentemente è
        più scettico a
        riguardo.Si' dai che e' cosi'...ve lo ricordate il 1993 ? Quante storie assurde per un modem omologazione...canone...schedatura (all'epoca chi possedeva un modem per loro era un pericoloso hacker...) ma poi alla fine chi lo possedeva e ci sapeva fare...(nel senso che non creava nessun problema alla linea telefonica) non aveva alcun problema...qui e' un po' meno tragica...ma e' la solita burocrazia italiana...ci sono delle norme che si applicano nel caso in cui non sai installare un router... se lo sai installare...e non ci sono problemi... a chi vuoi che importi chi lo ha installato ? Voglio dire chi viene a casa di 60 milioni di italiani a chiederti:"Chi ti ha installato il router?"
    • lollipoppon e scrive:
      Re: Notizia balla
      purtroppo adesso ancora non lo sai!E se stabilissero che i modem ADSL sono liberi ed invece i modem/router con hub incorporato no?Io che produco solo modem/router fallisco per colpa di una normativa che dovrebbe favorire la liberalizzazione???
    • contrario scrive:
      Re: Notizia balla
      - Scritto da: ballista
      Non cambia niente, i router e i telefoni
      continuiamo a metterceli da soli, leggetevi la
      legge:

      2. Entro dodici mesi dalla data di entrata in
      vigore del presente decreto legislativo, il
      Ministro dello sviluppo economico, adotta, ai
      sensi dell’articolo 17, comma 3, della
      legge 23 agosto 1988, n. 400, un decreto volto a
      disciplinare:
      ..........
      f) i casi in cui, in ragione della semplicità
      costruttiva e funzionale delle apparecchiature
      terminali e dei relativi impianti di connessione,
      gli utenti possono provvedere autonomamente alle
      attività di cui al comma
      1.Bravo bravo.Comma qui, comma la, ma forse tu non hai capito che nel giro di 24 ore il nano ti fa un decreto che puo cambiare tutto.Ti piace stare sulla corda? Perchè è di questo che si sta parlando, lasciando al POTERE un clown.
      • iupiter scrive:
        Re: Notizia balla
        svegliati...so tutti clown...se pensi esista un politico buono scendi dalla favoletta di alice nel paese delle meraviglie...chi va su li'...racconta solo frottole e pensa ai cavoli suoi...ma svegliatevi...chi ha visto 20 governi ha visto solo una cosa..chiunque c e' su non cambia un tubo nel sedere la prendiamo sempre noi...io preferisco un clown che il sign, prodi e il resto della comunita' europea che con l'euro ha fatto la piu' grande truffa del secolo ha messo sul lastrico tutta l europa arricchendo le banche(tranne quelle XXXXX che si sono indebitate)e chi e' il presidente dell' abi...un certo sella che gestisce l'ecommerce in italia..provate a guardare che furti fanno in sella ecommerce...e per chi vota il sign. sella? pd...quindi siete dei poveri illusi...dalla padella alla brace..io preferisco qualsiasi clown che dare il mio voto alle banche...a parte che non voto e me ne frego dell'italia ma leggere ancora che qualcuno pensa che esista un politico buono...ormai sono dei casi umani quelli che la pensano cosi'.Si lo sono che sono l unico a pensarla cosi' ma sono contento di esserlo...mai stato con la massa.
        • Regur Mortis scrive:
          Re: Notizia balla
          hai ragione ma la differenza è che il clown ha la faccia come il didietro, ce lo mette di dietro e dice che lo fa per il nostro bene, e il problema è che il nano sa fare il suo lavoro :DPer quanto riguarda internet tutti si riempiono la bocca di belle parole ma poi quando vanno al potere lo temono o ricevono pressioni per limitarlo, basti vedere Obama, pro internet pro internet e intanto vogliono bloccare siti con filtri dns (da noi si fa già da un bel pò anzi si va oltre ora mai si censura direttamente l'ip), la differenza che in America hanno anche aziende che quasi quasi si comprano pure le major (vedi Google, IBM etc...) che fanno pressioni nel senso opposto.
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: Notizia balla
      - Scritto da: ballista
      Non cambia niente, i router e i telefoni
      continuiamo a metterceli da soli, leggetevi la
      legge:

      2. Entro dodici mesi dalla data di entrata in
      vigore del presente decreto legislativo, il
      Ministro dello sviluppo economico, adotta, ai
      sensi dell’articolo 17, comma 3, della
      legge 23 agosto 1988, n. 400, un decreto volto a
      disciplinare:
      ..........
      f) i casi in cui, in ragione della semplicità
      costruttiva e funzionale delle apparecchiature
      terminali e dei relativi impianti di connessione,
      gli utenti possono provvedere autonomamente alle
      attività di cui al comma
      1.sei tu che non leggi l'articolo: c'è scritto quello che dici: ma chi la stabilisce la semplicità?per me uno switch layer3 stackable è normale, per un'altro a casa sua è difficile
      • ballista scrive:
        Re: Notizia balla
        - Scritto da: fiffy la bruna

        sei tu che non leggi l'articolo: c'è scritto
        quello che dici: ma chi la stabilisce la
        semplicità?

        per me uno switch layer3 stackable è normale, per
        un'altro a casa sua è
        difficileAh, per te uno switch e' un terminale di rete pubblica, e lo colleghi alla rete ADSL con il rj11 ?Caspita, spero che tu di mestiere faccia tutt'altro che l'informatico e volevi solo scrivere due paroloni in inglese
    • Akiro scrive:
      Re: Notizia balla
      - Scritto da: ballista
      f) i casi in cui, in ragione della semplicità
      costruttiva e funzionale delle apparecchiature
      terminali e dei relativi impianti di connessione,
      gli utenti possono provvedere autonomamente alle
      attività di cui al comma 1.qui leggo solo che in alcuni casi l'iscrizione all'albo non serve, per cui come fai tu a stabilire che il nostro router casalingo rientra nella categoria?anzi, io direi proprio di no dato che vogliono utenti "esperti" che non lasciano pubbliche e senza protezione le proprie reti casalinghe. Per cui è ovvio che serva qualcuno un po' più skillato dell'utente medio.
  • upr scrive:
    caldaie come router
    Per loro sono la stessa cosa...la caldaia va certificata anche nel privato..ma vi manca poco....fra un po vi levate dalle palle, se non vi ci buttano gli studenti a calci in XXXX...
    • Riketto scrive:
      Re: caldaie come router
      Li' un senso c'e'.. se la caldaia e' mal funzionante rischi di farti esplodere la casa...voglio vedere io invece l'esplosione di un hub....
      • Franky scrive:
        Re: caldaie come router
        - Scritto da: Riketto
        Li' un senso c'e'.. se la caldaia e' mal
        funzionante rischi di farti esplodere la
        casa...
        voglio vedere io invece l'esplosione di un hub....Guarda ti giuro...l'anno scorso sono venuti questi "tecnici specializzati" del cavolo...per la revisione obbligatoria ed hanno svitato una vitina del componente che pompa l'acqua(scusate il linguaggio per nulla tecnico...ma di caldaie non me ne intendo per niente...) ...la caldaia funzionava benissimo prima che arrivassero questi e si beccassero 70 euro per distruggermi la caldaia...dopo che se ne sono andati faceva un rumore sovrumano e per fortuna si e' spenta automaticamente...da incosciente l'ho riaccesa...e questa si e' spenta di nuovo dopo pochi minuti... alla fine ho chiamato un mio amico che non ha l'abilitazione per revisionare le caldaie ma e' un tecnico specializzato...ed in pratica...la "pompa" si era completamente scassata ed era uscita l'acqua che si era riversata sulla scheda elettronica della caldaia e si era bruciato un fusibile...mi ha trovato una pompa funzionante...(dopo averne provate ben 3...!!!) abbiamo comprato un nuovo fusibile...ed abbiamo dovuto asciugare prima la scheda con il phon...vedi tu...uno paga 70 euro per farsi scassare la caldaia...che schifo!!!
        • Anonymous scrive:
          Re: caldaie come router
          - Scritto da: Franky
          - Scritto da: Riketto

          Li' un senso c'e'.. se la caldaia e' mal

          funzionante rischi di farti esplodere la

          casa...

          voglio vedere io invece l'esplosione di un
          hub....

          Guarda ti giuro...l'anno scorso sono venuti
          questi "tecnici specializzati" del cavolo...per
          la revisione obbligatoria ed hanno svitato una
          vitina del componente che pompa
          l'acqua
          (scusate il linguaggio per nulla tecnico...ma di
          caldaie non me ne intendo per niente...) ...la
          caldaia funzionava benissimo prima che
          arrivassero questi e si beccassero 70 euro per
          distruggermi la
          caldaia...
          dopo che se ne sono andati faceva un rumore
          sovrumano e per fortuna si e' spenta
          automaticamente...da incosciente l'ho
          riaccesa...e questa si e' spenta di nuovo dopo
          pochi minuti... alla fine ho chiamato un mio
          amico che non ha l'abilitazione per revisionare
          le caldaie ma e' un tecnico specializzato...ed in
          pratica...la "pompa" si era completamente
          scassata ed era uscita l'acqua che si era
          riversata sulla scheda elettronica della caldaia
          e si era bruciato un fusibile...mi ha trovato una
          pompa funzionante...(dopo averne provate ben
          3...!!!) abbiamo comprato un nuovo fusibile...ed
          abbiamo dovuto asciugare prima la scheda con il
          phon...vedi tu...uno paga 70 euro per farsi
          scassare la caldaia...che
          schifo!!!Beh, è di norma. Perchè cosa credi? I negozietti che fanno le revisioni ai PC (lessi un qualcosa del genere sui newsgroup di lavoro d'informatica in italia). Gente che è pure convinta di dover portare il PC a REVISIONARE ogni anno, per far deframmentazioni, controlli al registro (sebbene Russinovich abbia PALESEMENTE definito il tutto come XXXXXXX, in quanto, tranne nei server Win2000, ove la frammentazione del registro poteva comportare problemi ai Terminal Services, per il resto, da WinXP in poi il registro interno di Win è stato ottimizzato al fine di evitare ogni sorta di problema presente nei vecchi Win9x, già peraltro dotati di uno scanner di registri integrato, il famigerato scanreg.exe), il tutto a 50/100 a computer, perchè ovviamente poi, per alzare i prezzi questi LADRI trovano sempre qualcosa che non va. E se non lo trovano, lo inventano. Normale, visto i tempi che corrono. Strano che vi siano ancora degli idioti che credono a simili FANFALUCHE. Comunque, d'improvvisati BimbiMinkia-Pigiatasti-Fanboy-SNMP (perchè questi qui, ultra-qualificati, sono i primi a disattivarti l'UAC, mandando a farsi friggere la sicurezza, piuttosto che tentare qualche configurazione più afferrata via group-policies) ne è piena l'itaGLIa e purtroppo, non si sa il perchè, sono anche più credibili di chi apre bocca perchè le cose le sa.Sentirmi rispondere, durante la configurazione di un AP, che avevano cifrato il tutto usando WEP ed una password semplice (detto dal tane), ma che c'era la famigerata tabella IP-MAC Address (da lui spacciata in un inglese stentoreo, come se fosse una sorta di panacea di cui solo lui era a conoscenza della potenza ed efficacia) proprio... m'ha fatto venire un mezzo infarto. Questa gente sarebbe da far sparire.Comunque sia sta notizia è vecchia. Già nel 2008 P.I. venne fuori con una news del genere, passata abbastanza in sordina a quei tempi.
  • Comprendito re scrive:
    Nuove opportunita'!!!
    Mi meraviglio dei commenti su questo forum!Ma come, ci si offre la possibilita' di iniziare una lucrosa carriera di installatore certificato di dispositivi di rete, semplicemente iscrivendoci ad un albo (quanto costera' mai? 3000 Euro? e vabbe' li pago tanto poi ne guadagno dici volte tanto in poco tempo) e noi che facciamo? Ci lamentiamo?Forza ragazzi un po' di spirito imprenditoriale!!!A proposito, se avete un ragazza/moglie carina o anche una mamma ancora bella e piacente, ho un'altra opportunita' di guadagno per voi...
  • western scrive:
    evviva!!!
    ho appena finito l'albo... meno male che ne esce uno nuovo... o mi sto confondendo?!
  • collione scrive:
    propongo una legge....
    .....che imponga l'obbligo di chiamare il tecnico per allacciare qualsiasi dispositivi elettronico alla rete elettrica PUBBLICA, eh si, perchè anche quella è pubblicainoltre leggendo quel decreto mi viene un dubbio: "non è che vale pure se collega un nuovo pc appena comprato al router?"in fondo anche in questo caso sto permettendo ad un dispositivo di allacciarsi ( anche se indirettamente ) ad una rete di comunicazione pubblica
    • I did it for the lulz scrive:
      Re: propongo una legge....

      "non è che vale pure se collega un nuovo pc appena comprato al router?"Certamente, anche se imposti un ip forwarding per fare tethering dalla wifi all'ethernet il contratio..
    • William scrive:
      Re: propongo una legge....
      Mi hai fatto ridere, ma purtroppo il ragionamento fila.
      • fiffy la bruna scrive:
        Re: propongo una legge....
        - Scritto da: William
        Mi hai fatto ridere, ma purtroppo il ragionamento
        fila.c'è poco da ridere, se dicono "indirettamente".se attacco un altro switch allo stack ... : indirettamente; non sono iscritto all'albo: vuol dire che per continuare a fare quello che già faccio devo iscrivermi all'albo?
      • Maurizio Laureana scrive:
        Re: propongo una legge....
        Quindi anche un cellulare di ultima generazione che si collega alla rete deve essere configurato e certificato e omologato e ...ato da un SUPER SUPER TECNICO SPECIALIZZATISSIMISSIMO?
        • Hai ragione scrive:
          Re: propongo una legge....
          E ogni volta che ti colleghi ad una nuova rete wifi con il melafonino devi chiamare il tecnico ... ma sta uscendo un tecnico tascabile da portare con se per ogni evenienza.
  • Fetente scrive:
    COME per il SOFTWARE
    come per il software... per dimostrare che un software è originale, la legge prevede solo la fattura d'acquisto. Ma un privato non è obbligato a conservarla. Quindi ciccia.Stessa cosa per l'installazione del router... si chiama il tecnico (trad. cugggino-che-sa-cliccare) e poi si... ehm... smarrisce la ricevuta.
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: COME per il SOFTWARE
      - Scritto da: Fetente
      Stessa cosa per l'installazione del router... si
      chiama il tecnico (trad.
      cugggino-che-sa-cliccare) e poi si... ehm...
      smarrisce la
      ricevuta.Come per gli impianti elettrici... si chiama il tecnico (trad.-cugggino-che-sa-attaccare-due-fili) e poi si... ehm... smarrisce la ricevuta. Poi se accade qualcosa tu gli dici che hai perso la ricevuta, che non ricordi il nome del tecnico, che quel giorno c'erano le cavallette, tua nonna è caduta nella gabbia dei leoni... e quelli se ne fottono e ti portano in tribunale... e lì ti tocca di pagare: a) avvocato; b) sanzione; c) spese processuali; d) tecnico certificato che ti faccia la certificazione che, sono sicuro, stavolta NON SMARRIRAI!
    • Anonymous scrive:
      Re: COME per il SOFTWARE

      Stessa cosa per l'installazione del router... si
      chiama il tecnico (trad.
      cugggino-che-sa-cliccare) e poi si... ehm...
      smarrisce la
      ricevuta.Solita XXXXXta all'italiota.
  • sasuke scrive:
    vergogna
    vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna vergogna
  • Antonio Massai scrive:
    ci vuole un tecnico iscritto all'albo an
    Esempio lampante dell'inettitudine di chi mandiamo a governarci.Di questo passo ci vorrà un tecnico iscritto all'albo anche per collegare l'aspirapolvere alla presa a 220v.
    • gnugnolo scrive:
      Re: ci vuole un tecnico iscritto all'albo an
      Dimentichi quello che ti accompagna a comprare l'aspirapolvere in questione, quello che ti aiuterà a estrarre il portafogli e quello che omologherà il tuo ritorno a casa, dove troverai quello che deve verificare che la presa sia a norma... il tutto per la modica cifra di 3000 euro + iva.
    • r1348 scrive:
      Re: ci vuole un tecnico iscritto all'albo an
      Dopo aver visto gente forzare la spina shuko nella presa italiana, senza adattatori, non sarebbe una così cattiva idea...
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: ci vuole un tecnico iscritto all'albo an
      - Scritto da: Antonio Massai
      Esempio lampante dell'inettitudine di chi
      mandiamo a
      governarci.
      Di questo passo ci vorrà un tecnico iscritto
      all'albo anche per collegare l'aspirapolvere alla
      presa a
      220v.per attaccare la presa all'aspirapolvere no, ma per attaccare la presa, si.
  • Antonello scrive:
    emigriamo tutti!
    lasciamoli da soli tutti i burocrati succhiasangue!
    • copyche scrive:
      Re: emigriamo tutti!
      Se qualcuno ha iniziative io ci sto :D
    • gnugnolo scrive:
      Re: emigriamo tutti!
      sto già preparando le valigie.... non ti preoccupare...
    • William scrive:
      Re: emigriamo tutti!
      Ci sono 100.000 che stanno per diventare vacanti in Irlanda :-P
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: emigriamo tutti!
      - Scritto da: Antonello
      lasciamoli da soli tutti i burocrati
      succhiasangue!pensi di essere pronto a competere davvero con il resto del mondo?saresti già andato
      • iupiter scrive:
        Re: emigriamo tutti!
        tu da mo' che sei andata...di cervello...ammazzati per il bene dell' umanita acida.
      • Italiano scrive:
        Re: emigriamo tutti!
        - Scritto da: fiffy la bruna
        - Scritto da: Antonello

        lasciamoli da soli tutti i burocrati

        succhiasangue!

        pensi di essere pronto a competere davvero con il
        resto del
        mondo?
        saresti già andatoIo tempo fa, qui su PI, avevo proposto di pagare il biglietto aereo, di sola andata, a tutti coloro che volevano andare via dall'Italia, con il semplice presupposto di dire: "Che ce ne facciamo di gente così, qui?"In molti hanno dato la loro disponibilità alla "donazione" di biglietti, ma... magicamente dopo il post è stato bannato ed eliminato...NPR: perché mai non bannate anche "gli altri"? E' vero, se lo fate siete dei faziosi ed, al grido di Fas***ti, andrebbero per strada a spaccare vetrine... Mentre noi sempre qui, testa bassa e lavorare.
  • The Real Gordon scrive:
    Me ne frego e installo il router da solo
    Se no che mi fate, la bua? La multa? E come fai a sapere se il router l'ho installato da solo? Ah, mi dovevano rilasciare la certficazione? Sorry, l'ho persa. Mi multi lo stesso? Vado al TAR, e vediamo chi vince.
    • gnugnolo scrive:
      Re: Me ne frego e installo il router da solo
      Loro perché il tecnico ovviamente deve conservare copia della certificazione ;)Devono morire!
      • The Real Gordon scrive:
        Re: Me ne frego e installo il router da solo
        - Scritto da: gnugnolo
        Loro perché il tecnico ovviamente deve conservare
        copia della certificazione
        ;)

        Devono morire!Non ho conservato la certificazione, e non mi ricordo neanche il nome del tecnico. Che fai, chiami TUTTI i tecnici italiani? Mi mandi in galera? La multa? C'è il TAR, alla prima sentenza favorevole, l'intero provvedimento va a vacche e non vale più per nessuno, non solo per il ricorrente.
        • gnugnolo scrive:
          Re: Me ne frego e installo il router da solo
          Purtroppo non vinceresti cmq... DEVI conservare, non corservando hai già torto e quindi hai perso. E' assurdo quanto vuoi, sono d'accordissimo con te ma...Fai prima ad ammazzare il funzionario che ti multa... almeno poi il tribunale sarebbe usato per qualcosa di un attimino più utile (proc. per omicidio)... troveresti anche tanti testimoni a favore:)))
    • Herst scrive:
      Re: Me ne frego e installo il router da solo
      - Scritto da: The Real Gordon
      Se no che mi fate, la bua? La multa? E come fai a
      sapere se il router l'ho installato da solo? Ah,
      mi dovevano rilasciare la certficazione? Sorry,
      l'ho persa. Mi multi lo stesso? Vado al TAR, e
      vediamo chi vince.+ che altro tu lo scontrino ce l'hai ma dopo 6 mesi s'è scolorito del tutto, perchè negozianti e affini sono dei gran paraculi
      • rennex scrive:
        Re: Me ne frego e installo il router da solo
        Che c'entra il commerciante se il cliente lo scontrino non lo sa conservare?Tutti i reg. di cassa usano carta termica che col tempo si scolorisce se prende luce o è a contatto con la plastica (tipo cartelletta trasparente), per gli scontrini delle garanzie è meglio sempre fare una fotocopia.
        • uff scrive:
          Re: Me ne frego e installo il router da solo
          e perchè viene usata quel tipo di carta?
          • rennex scrive:
            Re: Me ne frego e installo il router da solo
            Perchè le stampanti sono più semplici, più veloci e più silenziose.La carta deve avere una omologazione ministeriale stampigliata sul retro (se il registratore di cassa è fiscale, cosa non necessaria per i negozi che hanno una contabilità forfettaria) che ne garantisce la leggibilità nel tempo purchè correttamente conservata.
    • iupiter scrive:
      Re: Me ne frego e installo il router da solo
      io sono iscritto all albo delle figurine panini..mi basta quello e poi se ho la mortadella magno pure
    • gezer scrive:
      Re: Me ne frego e installo il router da solo
      e potrai installarlo, leggiti il mio post o il testo di legge per intero, cosa che PI non ha fatto!
    • Akiro scrive:
      Re: Me ne frego e installo il router da solo
      non sarebbe il primo elettrodomestico che ha bisogno di una certificazione, vedi la certificazione energetica, degli impianti a norma, della caldaia,..son tutte cose che se non hai sono dolori, che facciamo le togliamo tutte?con questo non voglio dire che sia un provvedimento giusto, tutt'altro, ma che se dovesse continuare il suo iter c'è da stare attenti.
  • Paolo Villaggio scrive:
    Sono basito
    Bene!Fatemi capire na cosa, un privato che deve installare un seplice ruter deve chiamare uno scroccon.... volevo dire un 'tecnico' specializzato?Ma se è capace anche mia nonna!
    • 3xchange scrive:
      Re: Sono basito
      Si va beh ma tanto e' tutta fuffa, ognuno continua a installarsi il router per i fatti suoi, ma chi ti becca ? chi controlla ?
      • copyche scrive:
        Re: Sono basito
        Hai perfettamente ragione, se fosse vero il nostro paese non sarebbe alla frutta; però il principio che sta dietro è fuori da ogni buon senso ed è per questo che la gente si lamenta. D' altronde meglio farlo prima che non dopo essersi presi per "CASO" la multa minima da 15 MILA EURO
      • gnugnolo scrive:
        Re: Sono basito
        Non è questo il punto, il fatto è che già per scrivere queste idiozie si sono beccati soldi NOSTRI! 15k euro se attacchi un cavo a uno scatolotto e solo 6 mesi di galera (ossia la galera non la vedi manco con Google Earth!) se eserciti abusivamente la professione medica... già questo ti dà la misura del circo in cui viviamo
      • LUBULO scrive:
        Re: Sono basito
        Tecnicamente il Gestore potrebbe non darti la linea se non presenti la certificazione di conformità, il che significa che alla primo allaciamento ti ci vorrà per obbligo, poi se si passa alla certificazione Annuale peggio che peggio.Se lo fanno, metterò un antenna direttiva ed andrò a caccia di Router.
    • Anonymous scrive:
      Re: Sono basito
      - Scritto da: Paolo Villaggio
      Bene!
      Fatemi capire na cosa, un privato che deve
      installare un seplice ruter deve chiamare uno
      scroccon.... volevo dire un 'tecnico'
      specializzato?
      Ma se è capace anche mia nonna!Tu che scrivi ruter devi pagare il doppio.
    • tecnico sfruttato scrive:
      Re: Sono basito
      - Scritto da: Paolo Villaggio
      Bene!
      Fatemi capire na cosa, un privato che deve
      installare un seplice ruter deve chiamare uno
      scroccon.... Lo scroccone, nella maggior parte dei casi, è proprio quello che chiama.Quello che rompe i XXXXXXXX all'amico implorandolo di installargli il "coso".Lo scroccone sei tu che chiami l'amico, non l'amico che liquidi con un caffè, o con un grazie o con una bottiglia di vino qualunque essa sia.Tu, se hai un lavoro, a fine mese ti pagano con dei grazie? con una fornitura di caffè? di vino?MaXXXXXXXXXX i grazie i caffe e il vino.
      volevo dire un 'tecnico' specializzato?Ecco, a ognuno il suo mestiere. Tu ce l'hai un mestiere? Nessuno obbietta su quello che fai, almeno non qui.
      Ma se è capace anche mia nonna!Ecco bravo, chiama tua nonna che dei tuo grazie, caffè e vino ci siamo rotti le palle.Altrimenti stai senza internet e PC, cosi come ti puo capitare che ti si rompa il tubo dell'acqua o del gas.Cosa gli dai all'idraulico, un caffè? (rotfl)Eppure riparare un tubo è MOLTO piu facile che riparare o installare un PC.Ma è inutile farvela capire.Lo scrocco è insito nel votro midollo.
    • Cavallo Pazzo scrive:
      Re: Sono basito
      Allora anche tua nonna può iscriversi all'albo
  • Darth Vader scrive:
    Un po' di lavoro per noi...
    Almeno riuschirò a farmi pagare per un lavoro che normalmente amici e parenti pretendono che gli faccia "in cambio di un caffé". Manco gli amici che fanno i dentisti o gli idraulici mi permettessero di pagarli con un caffé.
    • fred scrive:
      Re: Un po' di lavoro per noi...
      devi essere iscritto all'albo e allo stato attuale non sappiamo un granche in proposito.
      • copyche scrive:
        Re: Un po' di lavoro per noi...
        Possiamo però desumere confrontandolo con gli altri ( che andrebbero aboliti come han fatto la maggior parte degli altri paesi e come la CE consiglia) che per essere iscritto dovrai pagare una quota annuale, spendere quote annuali per corsi inutili che l' albo tiretà fuori ( tipo patente europea ) e non oso immaginare altro.Anche se è assurdo posso capire la volontà ( che se vado a vedere in fondo non c' è in quanto è piuttosto un obbligo delle disposizioni europee ) di regolamentare il miasma attuale ma la creazione di un altro ALBO ladro mi sembra più dannosa che altro... facciamo piuttosto dei contratti nazionali per la classe non è possibile che a 30 anni di distanza si continuano ad usare i contratti dei metalmeccanici per la nostra classe.
    • Vindicator scrive:
      Re: Un po' di lavoro per noi...
      - Scritto da: Darth Vader
      Almeno riuschirò a farmi pagare per un lavoro che
      normalmente amici e parenti pretendono che gli
      faccia "in cambio di un caffé". Manco gli amici
      che fanno i dentisti o gli idraulici mi
      permettessero di pagarli con un
      caffé.arrivi tardi.l'epoca delle vacche grasse quando rubavate alla povera gente per un format c: sono finiti.cambia mestiere. ;)
      • Face The Truth scrive:
        Re: Un po' di lavoro per noi...
        Con la grande cultura informatica che abbiamo in Italia? Per cortesia...Conosco personalmente (e vedo tutti i giorni sul lavoro, sigh) ingegneri laureati cum laude che non sono in grado di seguire un wizard di installazione. In windows (next-i agree-next-next-aspettachefinisca-finish).Però...ora che ci penso sono capacissimi di formattarlo, il PC. Ovviamente senza volerlo o avere un backup che sia uno.
        • Anonymous scrive:
          Re: Un po' di lavoro per noi...
          - Scritto da: Face The Truth
          Con la grande cultura informatica che abbiamo in
          Italia? Per
          cortesia...

          Conosco personalmente (e vedo tutti i giorni sul
          lavoro, sigh) ingegneri laureati cum laude che
          non sono in grado di seguire un wizard di
          installazione. In windows (next-i
          agree-next-next-aspettachefinisca-finish).
          Il problema è che tutti credono che l'ingegnere sappia qualcosa d'informatica, quando in realtà passa i 3/4 della sua formazione a far di tutto tranne che informatica. Poi.. pratica, esperienza.. per carità. Loro escono con il libro di magia e la bacchetta magica e vogliono pure il posto strapagato in azienda. A pulire i cessi! Esaltati buoni a nulla.
          • Regur Mortis scrive:
            Re: Un po' di lavoro per noi...
            dipende dall'ingegnere ho conosciuto persone che erano in grado di smontare e rimontare una MBO Ovviamente ci sono anche gli incompetenti ma quello vale per qualsiasi lavoro, mestiere o grado, conosco pure gente senza laurea che spacca un ingegnere medio :D
          • fesion scrive:
            Re: Un po' di lavoro per noi...
            - Scritto da: Regur Mortis
            dipende dall'ingegneree dalla facoltà da cui è uscito
          • panda rossa scrive:
            Re: Un po' di lavoro per noi...
            - Scritto da: Regur Mortis
            dipende dall'ingegnere ho conosciuto persone che
            erano in grado di smontare e rimontare una MBOSpero che tu intenda dire "dissaldare e risaldare i chips".Perche' smontare e rimontare una mobo sul case e' una cosa che so fare da quando ancora andavo a scuola, altro che laurea.
          • Anonymous scrive:
            Re: Un po' di lavoro per noi...

            Perche' smontare e rimontare una mobo sul case e'
            una cosa che so fare da quando ancora andavo a
            scuola, altro che
            laurea.Infatti, capirai che difficoltà. Ti credo che non trovano lavoro poi..
          • desyrio scrive:
            Re: Un po' di lavoro per noi...
            - Scritto da: Anonymous

            Il problema è che tutti credono che l'ingegnere
            sappia qualcosa d'informatica, quando in realtà
            passa i 3/4 della sua formazione a far di tutto
            tranne che informatica. Poi.. pratica,
            esperienza.. per carità. Loro escono con il libro
            di magia e la bacchetta magica e vogliono pure il
            posto strapagato in azienda.


            A pulire i cessi! Esaltati buoni a nulla.Ottima e sensata generalizzazione.Ti propongo un altro punto di vista: se investi 5 anni della tua vita, o qualcosa in più in formazione, ti aspetti di entrare in azienda con la stessa qualificazione di un perito?Poi i buffoni esaltati ed incapaci ci sono ovunque, ma non confondere la voglia di non essere sottopagati (dopo i sacrifici fatti) con l'arroganza.
          • Ing_guest scrive:
            Re: Un po' di lavoro per noi...
            [Mod ing troll: on]Mi sa che qualche ing ti ha ciulato la donna :P[Mod ing troll: off]E' sempre buona norma non generalizzare.
    • r1348 scrive:
      Re: Un po' di lavoro per noi...
      Beh forse dovresti scegliere amici e parenti un po' meglio (ok, i parenti non si scelgono...).Ieri ho configurato il decoder del digitale terrestre ad una vicina (5 minuti scarsi) e questa voleva darmi 30 :|
      • gnugnolo scrive:
        Re: Un po' di lavoro per noi...
        Approfittane e creati una nuova attività:))) Anche i pagamenti in natura delle vicine sono una buona e valida alternativa ;)
        • r1348 scrive:
          Re: Un po' di lavoro per noi...
          Considerando che la vicina in questione ha le proprie foto "disinibite" appese in salotto, non sarebbe un'idea così malvagia. Poi però la moglie giustamente mi castra con un cucchiaino da dessert...
          • gnugnolo scrive:
            Re: Un po' di lavoro per noi...
            Allora dammi l'indirizzo della vicina che mentre tu ti gusti il dessert me lo gusto pure io:)))
    • LUBULO scrive:
      Re: Un po' di lavoro per noi...
      Trattasi di Albo Professionale, che comporta un Canone Annuo, nel mio per esempio devo pagare 70 per un albo che si gratta il C*lo e non fa niente, ma la legge lo prevede solo per esercitare.
    • tecnico sfruttato scrive:
      Re: Un po' di lavoro per noi...
      - Scritto da: Darth Vader
      Almeno riuschirò a farmi pagare per un lavoro che
      normalmente amici e parenti pretendono che gli
      faccia "in cambio di un caffé". Manco gli amici
      che fanno i dentisti o gli idraulici mi
      permettessero di pagarli con un
      caffé.Hai tutta la mia soliderietà.Con la scusa dell'amicizia o del "mi dai un occhiata quando passi di qua", non scuciono mai un soldo.Sono dei barboni, SIETE DEI BARBONI! MI SENTITE?Comunque il problema non è questo, si sta chiedendo di iscriversi a un albo pagando fior di palanche.Io non voglio pagare migliaia di euro per poi chiedere quanto mi compete ai soliti barboni che chiamano quando hanno dei problemi.E che magari mi ridono in faccia o mi regalano una bottiglia di vino.Perchè è cosi che va. Quindi l'albo che se lo mettano pure nell'orifizio che gli da piu piacere.In quanto agli amici scrocconi o presunti tali, non rispondo piu alle loro chiamate o gli do il numero di una assistenza che fattura 50 euro all'ora.Mi spiace, ma lo scrocco è finito.E anche la presunta amicizia.Quindi non è una questione di albo, per quanto riguarda il lavoro, ma degli scrocconi morti di fame.L'albo è solo un modo di cercare di rastrellare altri soldi su una fascia di lavoratori/artigiani che (secondo loro) non sono stati abbastanza spremuti.Infatti si vede. Non ci sono piu negozi di PC e assistenza, chissà perche.Ehhh nano nano, altrochè bitter e bunga bunga.Spero che prima venga il tempo che te la passerai come noi.
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: Un po' di lavoro per noi...
      - Scritto da: Darth Vader
      Almeno riuschirò a farmi pagare per un lavoro che
      normalmente amici e parenti pretendono che gli
      faccia "in cambio di un caffé". Manco gli amici
      che fanno i dentisti o gli idraulici mi
      permettessero di pagarli con un
      caffé.rifiutati.ma digli anche: scusa, ma siccome lo faccio per lavoro farei concorrenza sleale.ti consiglio di andare da un altro tecnico competente, e considerare se il TUO lavoro valga quanto un caffé.
    • iupiter scrive:
      Re: Un po' di lavoro per noi...
      dentisti o gli idraulici no ma almeno all' oculista puoi dire mi costi un occhio della testa
    • Akiro scrive:
      Re: Un po' di lavoro per noi...
      almeno ti danno un caffè...io pure il giorno di natale in pantofole son dovuto andare dal vicino a sistemare il modem.
  • albe scrive:
    olè
    "se si vuole installare un device e collegarlo alla rete di comunicazione pubblica, occorre chiamare un installatore iscritto all'albo"rete di comunciazione si intende anche quella telefonica? quindi fax, centralino, modem, telefono, pos, teleallarme, segreteria telefoncia... si potrebbe dire che pure la vecchia presa tripolare è collegata alla rete di comunicazone pubblica..se si intende solo internet allora andrebbero annvoerati modem, chiavette 3g,pure i vari iphone e ipad ... e chi più ne ha + ne metta... ma anche se ci fosse sta legge... come ti costringono a pagare? su quale base? mandano un controllo a tutti quelli che hanno un doppino telefonico in casa?e chi lo fa il controllo? la pula? i finanzieri? o altri controllori iscritto all'albo?bah.. io continuerò a installarmi la roba da me medesimo legge o non legge..
  • Fai il login o Registrati scrive:
    Io andrei persino oltre!
    "Chi, non utilizzando le idonee misure di prevenzione, intasa la rete perché il suo pc è utilizzato in una botnet o similare, è sottoposto ad una sanzione da . 5.000 ad . 500.000"Chissà, magari la gente si decide ad aggiornare gli antivirus (giusto ieri mi hanno portato un pc con su Norton 2006 con la licenza per gli aggiornamenti scaduta da metà 2008!!!), gli antispyware e ad abilitare gli aggiornamenti automatici di WinUpdate (quasi sempre disabilitati per paura che M$ di becchi il Windows tarocco).
    • forse no scrive:
      Re: Io andrei persino oltre!
      Sai quante pubbliche amministrazioni sarebbero tenute a pagare quella multa?
    • banca scrive:
      Re: Io andrei persino oltre!
      - Scritto da: Fai il login o Registrati
      "Chi, non utilizzando le idonee misure di
      prevenzione, intasa la rete perché il suo pc è
      utilizzato in una botnet o similare, è sottoposto
      ad una sanzione da €. 5.000 ad €.
      500.000"
      Chissà, magari la gente si decide ad aggiornare
      gli antivirus (giusto ieri mi hanno portato un pc
      con su Norton 2006 con la licenza per gli
      aggiornamenti scaduta da metà 2008!!!), gli
      antispyware e ad abilitare gli aggiornamenti
      automatici di WinUpdate (quasi sempre
      disabilitati per paura che M$ di becchi il
      Windows
      tarocco).non solo per win crackato, un altro problema sono sono gli aggiornamenti che falliscono e bloccano il tutto (oppure cambiano funzionalità senza preavviso)
      • Fai il login o Registrati scrive:
        Re: Io andrei persino oltre!
        - Scritto da: banca
        non solo per win crackato, un altro problema sono
        sono gli aggiornamenti che falliscono e bloccano
        il tuttoUn errore può accadere per qualunque aggiornamento, indipendentemente dal S.O. che usi.
        (oppure cambiano funzionalità senza preavviso)Ecco, questo invece accade solo in alcuni S.O. :-)
      • Osvy scrive:
        Re: Io andrei persino oltre!
        - Scritto da: banca
        non solo per win crackato, un altro problema sono
        sono gli aggiornamenti che falliscono e bloccano
        il tuttoNon mi pare che ultimamente siano più così frequenti. Comunque di solito con il Ripristino si recupera la situazione
        (oppure cambiano funzionalità senza preavviso)Questo fa un tantinello incavolare, anche se "lo fanno per il nostro bene"... :-)Comunque, a mio parere non si può fare a meno di aggiornare. Al limite puoi ritardare di una 15ina di giorni "per vedere l'effetto che fa" (sui PC degli altri, ma non applicare gli aggiornamenti vuol dire cercarsela(a meno che non usi il PC senza alcun filo collegato all'esterno...)
    • www scrive:
      Re: Io andrei persino oltre!
      o obbligare chi produce quel SO a non aver bisogno di altri software a pagamento per funzionare decentemente?
      • pietro scrive:
        Re: Io andrei persino oltre!
        - Scritto da: www
        o obbligare chi produce quel SO a non aver
        bisogno di altri software a pagamento per
        funzionare
        decentemente?o almeno ad avere l'antivirus/antimalware integrato nell'OS
      • William scrive:
        Re: Io andrei persino oltre!
        Mi hai tolto le parole di bocca: io sanzionerei chi produce prodotti non sicuri, ma come al solito è più facile colpire i più fragili e gli indifesi.
      • Fai il login o Registrati scrive:
        Re: Io andrei persino oltre!
        Nessuno ti obbliga ad utilizzare quel S.O., io ne faccio a meno e vivo contento lo stesso...
        • vac scrive:
          Re: Io andrei persino oltre!
          Anch'io ne faccio a meno! (a casa mia)Ma spesso capita di essere costretti.Tu pensa solo ai corsi di Office che in realtà sono cordi di M$ Office e che ad un certo momento hanno deciso di stravolgere l'interfaccia grafica per aumentarne le differenze rispetto prodotti alternativi.
    • LUBULO scrive:
      Re: Io andrei persino oltre!
      Scusa, una volta la carta igenica era o Morbida o Resistente, ora che usa la Morbistenza, posso chiamare uno di quei tecnici e farmici pulire il XXXX ?
    • Anonymous scrive:
      Re: Io andrei persino oltre!
      - Scritto da: Fai il login o Registrati
      "Chi, non utilizzando le idonee misure di
      prevenzione, intasa la rete perché il suo pc è
      utilizzato in una botnet o similare, è sottoposto
      ad una sanzione da . 5.000 ad .
      500.000"
      Chissà, magari la gente si decide ad aggiornare
      gli antivirus (giusto ieri mi hanno portato un pc
      con su Norton 2006 con la licenza per gli
      aggiornamenti scaduta da metà 2008!!!), gli
      antispyware e ad abilitare gli aggiornamenti
      automatici di WinUpdate (quasi sempre
      disabilitati per paura che M$ di becchi il
      Windows
      tarocco).Piuttosto che queste leggi farlocche, io introdurrei una legge delle 3 disconnessioni (stile HADOPI francese), proprio per chi viene beccato, come dici tu, a spammare, diffondere malware ecc.Non è possibile che ogni cane rognoso si connetti alla rete e faccia quello che vuole, facendosi zombizzare il PC, per poi contribuire ad imputtanire il tutto. Idem per quelle reti remote causa di malware, spam, su nazioni ove non vengono perseguiti i beoti di turno ecc.Si continua a lottare contro lo spam, ma nessuno fa neanche niente, dalla sua parte, per arginare e scoraggiare il fenomeno. Se i cinesi ed i rumeni sono la causa dei siti web maligni infiltrati via Black SEO, li si esclude dalla rete e amen.
      • gnugnolo scrive:
        Re: Io andrei persino oltre!
        Eh ma la lotto allo spam e compagnia cantante non rientra negli interessi delle major...Quanta banda viene consumata ogni giorno da queste zozzerie? E quanti TB di dati consumano sui vari server?
        • Anonymous scrive:
          Re: Io andrei persino oltre!
          - Scritto da: gnugnolo
          Eh ma la lotto allo spam e compagnia cantante non
          rientra negli interessi delle
          major...

          Quanta banda viene consumata ogni giorno da
          queste zozzerie? E quanti TB di dati consumano
          sui vari
          server?E quanti soldi vengono buttati nella registrazione di domini usati per le *oglionate? E quanti IP? Altro che 90 giorni all'esaurimento. Se venissero XXXXti tutti i *irloni lì fuori, ne avremmo abbondamentemente fino al 2012.
  • www scrive:
    Iinterfaccia di una rete pubblica di
    A costo di sembrare stupido (ma la domanda a me non sembra banale)...qual'è la definizione legale di "Interfaccia di una rete pubblica di telecomunicazioni"? ...
    • gnugnolo scrive:
      Re: Iinterfaccia di una rete pubblica di
      Al solito fanno le leggi coi piedi e alla rovescia...Prima obbligano a far eseguire i lavori da personale specializzato e autorizzati e poi.... dico POI... definiranno quale sarà questo personale e come funziona il tutto... geniale:ART 22. Entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, il Ministro dello sviluppo economico, adotta, ai sensi dellarticolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, un decreto volto a disciplinare:a) la definizione dei requisiti di qualificazione tecnico-professionali che devono possedere le imprese per linserimento nellelenco delle imprese abilitate all'esercizio delle attività di cui al comma 1;b) le modalità procedurali per il rilascio dellabilitazione per lallacciamento dei terminali di telecomunicazione allinterfaccia della rete pubblica;c) le modalità di accertamento e di valutazione dei requisiti di qualificazione tecnico-professionali di cui alla lettera a);d) le modalità di costituzione, di pubblicazione e di aggiornamento dellelenco delle imprese abilitate ai sensi della lettera a);e) le caratteristiche e i contenuti dellattestazione che limpresa abilitata rilascia al committente al termine dei lavori;f) i casi in cui, in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione, gli utenti possono provvedere autonomamente alle attività di cui al comma 1.Cosa vuol dire semplicità costruttiva e funzionale? Nulla... o dai delle specifiche o non consumi i miei soldi per scrivere idiozie generiche!Ma la meraviglia è l'art. 1, dove appunto si definiscono (in teoria perché al solito comprende tutto e niente):Ti trovi in: Home : Governo : Consiglio dei Ministri : ProvvedimentiDECRETO LEGISLATIVO: Attuazione della direttiva 2008/63/CE relativa alla concorrenza sui mercati delle apparecchiature terminali di telecomunicazioni.Consiglio dei Ministri: 22/10/2010 Proponenti: Politiche Europee VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione;VISTA la direttiva 2008/63/CE della Commissione, del 20 giugno 2008, relativa alla concorrenza sui mercati delle apparecchiature terminali di telecomunicazioni, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea n. 162 del 21 giugno 2008;VISTA la legge 28 marzo 1991, n. 109, recante nuove disposizioni in materia di allacciamenti e collaudi degli impianti telefonici interni, di attuazione della direttiva 88/301/CEE;VISTO il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 23 maggio 1992, n. 314, concernente regolamento recante disposizioni di attuazione della legge 28 marzo 1991, n. 109, in materia di allacciamenti e collaudi degli impianti telefonici interni;VISTO il decreto legislativo 9 maggio 2001, n. 269, recante attuazione della direttiva 1999/5/CE riguardante le apparecchiature radio, le apparecchiature terminali di telecomunicazione ed il reciproco riconoscimento della loro conformità;VISTO il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, recante codice delle comunicazioni elettroniche;VISTO il decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121;VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 28 novembre 2008, n. 197, concernente regolamento di riorganizzazione del Ministero dello sviluppo economico, in attuazione dellarticolo 1, comma 16, del decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121, e dellarticolo 74 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico in data 7 maggio 2009 recante individuazione degli uffici di livello dirigenziale non generale, pubblicato nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 152 del 3 luglio 2009;VISTA la legge 7 luglio 2009, n. 88, recante disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee - Legge comunitaria 2008;VISTA la preliminare deliberazione del Consiglio di Ministri, adottata nella riunione del 22 luglio 2010;ACQUISITO il parere delle competenti commissioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica;VISTA la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 22 ottobre 2010;SULLA PROPOSTA del Ministro per le politiche europee e del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con i Ministri degli affari esteri, della giustizia e dell'economia e delle finanze;EMANAil seguente decreto legislativo:ART. 1(Definizioni)1. Ai sensi del presente decreto si intendono per:a) apparecchiature terminali:1) le apparecchiature allacciate direttamente o indirettamente allinterfaccia di una rete pubblica di telecomunicazioni per trasmettere, trattare o ricevere informazioni; in entrambi i casi di allacciamento, diretto o indiretto, esso può essere realizzato via cavo, fibra ottica o via elettromagnetica; 2) le apparecchiature delle stazioni terrestri per i collegamenti via satellite;b) apparecchiature delle stazioni terrestri per i collegamenti via satellite: le apparecchiature che possono essere usate soltanto per trasmettere o per trasmettere e ricevere, ricetrasmittenti, o unicamente per ricevere, riceventi, segnali di radiocomunicazioni via satelliti o altri sistemi nello spazio;c) imprese: gli enti pubblici o privati ai quali lo Stato concede diritti speciali o esclusivi di importazione, di commercializzazione, di allacciamento, di installazione o di manutenzione di apparecchiature terminali di telecomunicazione.- "direttamente o indirettamente"... quindi SEMPRE!- non definisce "interfaccia d'allacciamento alla rete pubblica" e tantomeno "rete pubblica".. parole al vento.. tutto interpretabile...- sul comma 2b sorvolo perché si commenta da solo... in pratica quindi anche qualsiasi parabola e ricevitore satellitare...un allacciamento è indiretto se lapparecchiatura è interposta fra il terminale e linterfaccia della rete pubblica; Anche il router/modem di casa? La chiavetta? Tutto è interposto a meno che non ti infili sulla dorsale oceanica col tuo bel cavetto...Quindi... intanto io ti multo (che poi in base a cosa mi dai 15k invece di 150k non si sa... sempre 10x tanto facciamo noi), poi fra un anno ti faccio sapere chi DOVEVA installarti tutto...E noi manteniamo questi????? A zappare in cimitero!
      • Osvy scrive:
        Re: Iinterfaccia di una rete pubblica di
        - Scritto da: gnugnolo
        Cosa vuol dire semplicità costruttiva e
        funzionale? Nulla... o dai delle specifiche o non
        consumi i miei soldi per scrivere idiozie generiche!Ci saranno dei casi complicati, sul limite dell'interpretazione,ma "ovviamente" non credo davvero che riguarderà i router domestici, più o meno sofisticati che siano. Al limite, basterà - come credo sia già - che siano apparecchi "omologati"
        Quindi... intanto io ti multo (che poi in base a
        cosa mi dai 15k invece di 150k non si sa...Questa invece LA SO!!! E' la modalità normale delle Sanzioni Amministrative, in genere funziona così:- la Sanzione va da un minimo ad un massimo;- nella prima fase, ti fanno un "avviso" che devi pagare, e qui l'importo è stabilito per legge: è un "pagamento ridotto", di solito il doppio del minimo o un terzo del massimo (quello più favorevole), e se paghi entro un tot di giorni il discorso si chiude;- se ritieni di ricorrere, puoi chiedere l'annullamento (motivi/argomenti) o al limite l'applicazione del minimo; se le tue ragioni vengono ritenute non condivisibili, viene emesso un altro provvedimento più "imperativo", e l'importo in questa fase è discrezionale secondo quello che ritiene (motivando, ritengo) l'ufficio.ciao
        E noi manteniamo questi????? A zappare in cimitero!purché ne arrivino di migliori... :-)
    • giovanni.v scrive:
      Re: Iinterfaccia di una rete pubblica di
      - Scritto da: www
      qual'è la definizione legale
      di "Interfaccia di una rete pubblica di
      telecomunicazioni"?Articolo 1 comma 1 lettera -i- del D.P.R. 318/97: http://www2.agcom.it/L_naz/dpr318_97.htm)."i ) rete pubblica di telecomunicazioni, una rete di telecomunicazioni utilizzata, in tutto o in parte, per fornire servizi di telecomunicazioni accessibili al pubblico;"E ancora:"r )servizio pubblico di telecomunicazioni, un servizio di telecomunicazioni accessibile al pubblico;"
  • Guybrush Fuorisede scrive:
    Calma
    La legge si applica non agli utenti, ma a quei soggetti connessi direttamente o indirettamente (ovvero con UN apparato interposto) alla rete pubblica.La rete pubblica e' quella che entra nella centrale telefonica, non in casa nostra.Raccomando a tutti di leggere con un po' di attenzione il testo della Direttiva europea e TUTTO il Decreto Legislativo (in particolare l'articolo 1 che contiene le definizioni dei termini usati nell'articolo 2) perche' altrimenti si fa confusione.Non e' una legge pessima e pur tuttavia col fatto di dover creare un nuovo albo la' dove la CE ci invita a fare a meno di quelli esistenti fi fa accapponare i (pochi) capelli rimasti.GTFS
    • www scrive:
      Re: Calma
      e le trasmissioni satellitari allora cosa c'entrano? ... e non mi risulta che la vecchia rete Telecom sia pubblica... quindi non dico che hai torto ma indica dove la cosa è spiegata in articoli di legge. Tra l'altro vengono chiaramenti compresi terminali collegati INDIRETTAMENTE ... quindi anche il mio router di casa... che dici?
    • copyche scrive:
      Re: Calma
      ART. 2(Allacciamento dei terminali di telecomunicazione alle interfacce della rete pubblica)1. Gli utenti delle reti di comunicazione elettronica sono tenuti ad affidare i lavori di installazione, di allacciamento, di collaudo e di manutenzione delle apparecchiature terminali di cui allarticolo 1, comma 1, lettera a), numero 1), che realizzano lallacciamento dei terminali di telecomunicazione allinterfaccia della rete pubblica, ad imprese abilitate secondo le modalità e ai sensi del comma 2.Scusa ma allora chi sarebbero gli utenti delle reti di comunicazione elettronica???? ( scritto così posso metterci anche mia nonna e mio zio che stanno parlando ad un cellulare )
      • gnugnolo scrive:
        Re: Calma
        solite ambiguità di chi invece è pagato per fare chiarezza!!! Se noti infatti non hanno definito né interfaccia né utente ma solo "imprese"... ossia le vere beneficiarie insieme a lor signor politici...
      • Guybrush Fuorisede scrive:
        Re: Calma
        - Scritto da: copyche
        ART. 2

        (Allacciamento dei terminali di telecomunicazione
        alle interfacce della rete
        pubblica)

        1. Gli utenti delle reti di comunicazione
        elettronica sono tenuti ad affidare i lavori di
        installazione, di allacciamento, di collaudo e di
        manutenzione delle apparecchiature terminali di
        cui allarticolo 1, comma 1, lettera a), numero
        1), che realizzano lallacciamento dei terminali
        di telecomunicazione allinterfaccia della rete
        pubblica, ad imprese abilitate secondo le
        modalità e ai sensi del commaGli "utenti" sono quelli indicati nella direttiva CE, dove si parla di utenti con diritti speciali. Leggi.Gli apparati di cui all'articolo 1, lettera a) numero 1) sono quelli collegati alla rete Pubblica. Per cui se hai un backbone della rete pubblica che ti entra in casa sei tenuto, altrimenti no.
        2.

        Scusa ma allora chi sarebbero gli utenti delle
        reti di comunicazione elettronica???? Quegli utilizzatori di reti che sono collegati direttamente o indirettamente attraverso UN (1) apparato in mezzo (pensa ai DSLAM di operatori diversi da telecom parcheggiati nelle centrali telecom). La Direttiva e' abbastanza chiara.La mota comincia ad uscire fuori quando si comincia a parlare di albo professionale.GTFS
        • gnugnolo scrive:
          Re: Calma
          Le mie critiche non sono alla Direttiva ma alla Legge italiana. Se recepisci una Direttiva, allora ne riporti i punti e le definizioni, cosa che la Legge non fa. Che senso ha? E' ovvio che un DSLAM non te lo installa tuo cuggggino e che non te lo installi in casa. Che bisogno c'era di perdere tempo a scrivere queste menate?
          • copyche scrive:
            Re: Calma
            Probabilmente il fine è l' albo...
          • Guybrush Fuorisede scrive:
            Re: Calma
            - Scritto da: gnugnolo
            Le mie critiche non sono alla Direttiva ma alla
            Legge italiana. Se recepisci una Direttiva,
            allora ne riporti i punti e le definizioni, cosa
            che la Legge non fa. Che senso ha? E' ovvio che
            un DSLAM non te lo installa tuo cuggggino e che
            non te lo installi in casa. Che bisogno c'era di
            perdere tempo a scrivere queste
            menate?Ed e' questo quel che dice la direttiva, che poi e' la prima cosa che mi sono andato a leggere. A differenza della legge italiana, la direttiva europea mi pare molto chiara e la legge locale non puo' andare a parare in un'area (quella delle connessioni domestiche) diversa da quella stabilita dalla direttiva.Il succo della legge, a leggerla con attenzione e a ricostruire i rinturcinamenti legalesi creati da gente piuttosto ignorante, e' che dall'entrata in vigore deve essere possibile per CHIUNQUE mettersi in casa un DSLAM o quello che gli pare per la connessione a patto che faccia effettuare l'installazione da personale certificato.La dove si parla di connessioni via satellite non si parla di SKY, ma di terminali per telecomunicazioni.Se hai un cantiere e vuoi fare in modo che i servizi di fonia e dati siano garantiti, prima dovevi rivolgerti PER FORZA a VodafoneTelecom3BT e pochi altri e usare PER FORZA (o pagare n volte di piu') le apparecchiature indicate dal carrier.Dopo potrai rivolgerti a chiunque sia "iscritto all'albo" (ammesso che venga creato) o comunque qualificato per farlo e con le apparecchiature che decidi tu.C'e' poi da aggiungere che il modo in cui l'articolo e' scritto, lascia intendere che la legge include i router soho. Non e' coso': l'amico che configura il WIFI a casa del cuggino potra' continuare a farlo in tutta tranquillita' senza rischiare di pagare una multa da 15.000 euro o vendere la casa per pagare la multa da 150.000.Baci & AbbracciGTFS
          • Anonymous scrive:
            Re: Calma

            C'e' poi da aggiungere che il modo in cui
            l'articolo e' scritto, lascia intendere che la
            legge include i router soho. Non e' coso':
            l'amico che configura il WIFI a casa del cuggino
            potra' continuare a farlo in tutta tranquillita'
            senza rischiare di pagare una multa da 15.000
            euro o vendere la casa per pagare la multa da
            150.000.

            Baci & Abbracci
            GTFSE per i sistemisti delle aziende? Cos'è, devono chiamare uno apposta per far fare 2 configurazioni al router ed attaccare un cavo?
        • Osvy scrive:
          Re: Calma
          - Scritto da: Guybrush Fuorisede
          La Direttiva e' abbastanza chiara.E meno male, una volta tanto.. Grazie per i chiarimenti :-)
          La mota comincia ad uscire fuori quando si
          comincia a parlare di albo professionale.Che già la legge sugli installatori è già un pasticcio per conto suo. Sulla carta è tutto chiaro, ma poi nella realtà i casi sono diversi e si intrecciano.Beh, occhio a quando mettete mano all'impianto di antenna per il digitale terrestre, per dire. ciao
    • zuzzurro scrive:
      Re: Calma
      Ciao, non ho potuto ancora approfondire... sei certo che la cosa riguardi solamente DSLAM e altre apparecchiature simili e non il semplice router di casa?
      • Guybrush Fuorisede scrive:
        Re: Calma
        - Scritto da: zuzzurro
        Ciao, non ho potuto ancora approfondire... sei
        certo che la cosa riguardi solamente DSLAM e
        altre apparecchiature simili e non il semplice
        router di
        casa?Leggi tutta la direttiva prima di approfondire l'articolo.La rete pubblica non comprende il doppino che ti entra in casa e men che meno la fibra di fastweb.La direttiva riguarda chi quel doppino lo gestisce perche' e' attaccato alla rete pubblica direttamente, o per tramite di un apparato (ma uno, di numero).GTFS
        • zuzzurro scrive:
          Re: Calma
          Ciao... hai letto la cosa qui sotto postata da me? Che ne pensi?
        • mela marcia doc scrive:
          Re: Calma
          - Scritto da: Guybrush Fuorisede
          La rete pubblica non comprende il doppino che ti
          entra in casa Però...Quando fai una nuova casa o ristrutturi, il doppino telefonico deve viaggiare in una forassite a parte cosi come il cavo dell'antenna perché se lo fai passare insieme ai cavi elettrici e poi per una dispersione sul doppino, friggi qualche apparato a monte, ti possono chiedere danni (almeno questo è quello che mi ha raccontato l'elettricista quando ho ristrutturato).Quindi se sei responsabile di come installi il doppino (infatti poi serve l'installatore abilitato - l'elettricista - che ti rilascia il certificato di conformità dell'impianto), allo stesso modo potresti essere ritenuto responsabile di cosa attacchi al doppino?L'articolo 1 recita:a) apparecchiature terminali:1) le apparecchiature ALLACCIATE DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE allinterfaccia di una rete pubblica di telecomunicazioni per trasmettere, trattare o ricevere informazioni; in entrambi i casi di allacciamento, diretto o indiretto, esso può essere realizzato via cavo, fibra ottica o via elettromagnetica; Quindi in teoria anche per attaccare al doppino un telefono dovrei chiamare il tecnico?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 novembre 2010 17.47-----------------------------------------------------------
          • Anonymous scrive:
            Re: Calma

            Quindi in teoria anche per attaccare al doppino
            un telefono dovrei chiamare il
            tecnico?Il problema è questo: una rete pubblica è una dorsale. Quella di telecom è privata. Non è pubblica. Indi percui... c'è poco da fare. Non rientra in questo caso.
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Calma
            Ok, hai chiarito il mio dubbio.Grazie.
          • Anonymous scrive:
            Re: Calma
            - Scritto da: mela marcia doc
            Ok, hai chiarito il mio dubbio.
            Grazie.Sai cosa credo? Credo che sti qua abbiano fatto sta "XXXXXTA" solo per accontentare l'UE. Nessuno s'è ricordato che in Italia, a differenza di tutti gli altri stati, la rete è PRIVATA e non pubblica. ROTFL
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Calma
            Già rete pubblica pagata interamente da noi che poi è diventata privata!Vi ricordate quando la SIP introdusse la TUT (Tariffa Urbana a Tempo) per coprire i costi di adeguamento tecnologico delle centraline?Forse i più giovani non lo sanno ma ancora negli anni '80 le tariffe delle telefonate urbane non tenevano conto della durata della conversazione, pagavi lo scatto alla risposta di 200 lire e fine.
          • Anonymous scrive:
            Re: Calma

            Forse i più giovani non lo sanno ma ancora negli
            anni '80 le tariffe delle telefonate urbane non
            tenevano conto della durata della conversazione,
            pagavi lo scatto alla risposta di 200 lire e
            fine.Ecco il perchè dei famigerati gettoni rossi...Devo averne ancora qualcuno nella musigna. Ci sono anche parecchie lire in moneta lì dentro..
          • pippuz scrive:
            Re: Calma

            Sai cosa credo? Credo che sti qua abbiano fatto
            sta "XXXXXTA" solo per accontentare l'UE. Nessuno
            s'è ricordato che in Italia, a differenza di
            tutti gli altri stati, la rete è PRIVATA e non
            pubblica.La rete non è privata solo in Italia, informati prima di scrivere.
      • zuzzurro scrive:
        Re: Calma
        Ho letto or ora questo:f) i casi in cui, in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione, gli utenti possono provvedere autonomamente alle attività di cui al comma 1.:| Sono allibito: chi decide cosa è facile? Bah, tanto tra poco passo a F***web internet+telefonia e in questo caso ad ogni modo il router lo installano loro... :D
        • Guybrush Fuorisede scrive:
          Re: Calma
          - Scritto da: zuzzurro
          Ho letto or ora questo:

          f) i casi in cui, in ragione della semplicità
          costruttiva e funzionale delle apparecchiature
          terminali e dei relativi impianti di connessione,
          gli utenti possono provvedere autonomamente alle
          attività di cui al comma
          1.

          :| Sono allibito: chi decide cosa è facile?
          Bah, tanto tra poco passo a F***web
          internet+telefonia e in questo caso ad ogni modo
          il router lo installano loro...
          :DRagionando per analogia... sai che per i fuochi d'artificio (giochi pirotecnici ndr) ci sono delle categorie.Fino alla categoria III possono usarli tutti senza problemi, dalla IV in su occorre una licenza apposita.Mi sembra una complicazione inutile. La maggior parte degli apparati "da banco" non richiede particolari conoscenze: fan tutto da soli ormai.Viceversa per riuscire a far funzionare un router cisco, non dico configurarlo a dovere, occorre studiare e sudare parecchio.Al pari dei giochi pirotecnici, anche i dispositivi di connessione eliminano coloro i quali non sanno farne un uso corretto.Rimane la follia dell'albo professionale. E' l'antitesi della libera concorrenza.GTFS
          • Anonymous scrive:
            Re: Calma


            Rimane la follia dell'albo professionale. E'
            l'antitesi della libera
            concorrenza.

            GTFSSe sta roba riguarda solo gli ISP, al fine di evitare la continua creazione di pirloni che si spacciano per venditori di banda larga, quando non ti danno neanche quella stretta e i tane devono essere iscritti all'albo, ben venga. Un modo come un altro per XXXXre le gambe a chi fa il furbo. Ma costringere il pagamento a chi s'è fatto due maroni così e vuole solo poter lavorare onestamente, è proprio da dittatori.
        • Osvy scrive:
          Re: Calma
          - Scritto da: zuzzurro
          Ho letto or ora questo:

          f) i casi in cui, in ragione della semplicità
          costruttiva e funzionale delle apparecchiature
          terminali e dei relativi impianti di connessione,
          gli utenti possono provvedere autonomamente alle
          attività di cui al comma
          1.

          :| Sono allibito: chi decide cosa è facile? Immagino sia previsto un regolamento
    • giovanni.v scrive:
      Re: Calma
      - Scritto da: Guybrush Fuorisede
      La legge si applica non agli utenti, ma a quei
      soggetti connessi direttamente o indirettamente
      (ovvero con UN apparato interposto) alla rete
      pubblica.

      La rete pubblica e' quella che entra nella
      centrale telefonica, non in casa
      nostra.Spiacente Guybrush purtroppo le cose non stanno così.Pur essendo gli operatori giuridicamente entità private (T.I., BT, Vodafone, etc...) essi gestiscono la "rete pubblica di telecomunicazioni".La definizione giuridica è chiaramente spiegata all'articoli 1 comma 1 lettera -i- del D.P.R. 318/97 in ottemperanza alle direttive Europee (http://www2.agcom.it/L_naz/dpr318_97.htm).Ne consegue che, ad esempio, la presa adsl è un acXXXXX diretto alla rete pubblica ed il router è certamente un terninale così come lo è la presa tripolare di un telefono analogico (il terminale) o, ancora, è una connessione indiretta la presa RJ45 di una borchia ISDN o la V35 di una borchia HDSL.
      • gnugnolo scrive:
        Re: Calma
        Oh finalmente!!! Quindi, in base al link che (FINALMENTE, ti ringrazio moltissimo davvero) hai fornito, si va dalla dorsale al doppino di casa e gli utenti sono anche i consumatori... a dimostrazione che potenzialmente quindi riguarda anche il routerino 4 porte di casa.
      • zuzzurro scrive:
        Re: Calma
        Sì, ma c'è questo:
        f) i casi in cui, in ragione della semplicità
        costruttiva e funzionale delle apparecchiature
        terminali e dei relativi impianti di connessione,
        gli utenti possono provvedere autonomamente alle
        attività di cui al comma
    • fiffy la bruna scrive:
      Re: Calma
      - Scritto da: Guybrush Fuorisede
      La legge si applica non agli utenti, ma a quei
      soggetti connessi direttamente o indirettamente
      (ovvero con UN apparato interposto) alla rete
      pubblica.

      La rete pubblica e' quella che entra nella
      centrale telefonica, non in casa
      nostra.
      perché quella che esce da casa mia dove entra?[...]
  • 123456789 scrive:
    Per l'utente
    lo stesso articolo 2 che riportate dice anche:"f) i casi in cui, in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione, gli utenti possono provvedere autonomamente alle attività di cui al comma 1."ergo: router,switch etc di fascia home/soho non necessitano per legge l'installazione da parte di un "tecnico approvato".
    • Bic Indolor scrive:
      Re: Per l'utente
      - Scritto da: 123456789
      lo stesso articolo 2 che riportate dice anche:

      "f) i casi in cui, in ragione della semplicità
      costruttiva e funzionale delle apparecchiature
      terminali e dei relativi impianti di connessione,
      gli utenti possono provvedere autonomamente alle
      attività di cui al comma
      1."

      ergo: router,switch etc di fascia home/soho non
      necessitano per legge l'installazione da parte di
      un "tecnico
      approvato".Si, può darsi... ma le aziende che necessitano di infrastrutture IP di un certo livello conviene già fare i contratti per l'installazione e manutenzione, e li fanno. Perché allora questa bischerata?
      • copyche scrive:
        Re: Per l'utente
        Per una nuova lobby che uscirà fuori con relativo ALBO... bisogna dargli un po' di cash.E' anche umiliante per una persona competente che non vuole iscriversi all' albo ( per non spendere euro che fanno fatica a rimanere in casa a fine mese ) dover chiamare un muratore magari iscritto all' albo per farsi accendere il router e collegargli la spina al telefono o per farsi fare della "manutenzione"... e poi come fanno a sapere se la manutenzione o L'allacciamento per la luna l' ho fatto io o un tecnico? ( e qui si riderà ancor di più ). E' tutto assurdo.
      • botafogo scrive:
        Re: Per l'utente
        Perche' in questo modo chi ha il contratto di assistenza dovra' certificarsi e quini pagare un nuovo balzello?Si raschia il fondo...
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Per l'utente
        perchè non è vero che conviene... semplicemente il canone è più semplice da gestire, ma affidare tutto a una ditta esterna è scomodo e costoso. L'ideale è la giusta via di mezzo con un po di personale specializzato interno.
    • fred scrive:
      Re: Per l'utente
      Devi leggere completamente l'articolo compresa la parte che precede; si riferisce che per quanto riguarda il caso citato delle piccole reti verra' emanato un decreto attuativo che ne regolera' i limiti.In nessuna parte del testo del decreto e' scritto che in questo momento i privati sono esonerati, per cui o si emenda durante la conversione in legge, o si attente il decreto attuativo, o se come credo il 14 dicembre il governo cade e il 22 dicembre il decreto decade per mancata conversione (e ci sono solo 10 giorni di attivita' parlamentare a disposizioen per il passaggio ad entrambe le camere.
  • Bic Indolor scrive:
    L'unico paese al MONDO!!!
    Dopo essere stati per cinque anni l'unico paese tra quelli (relativamente) liberi del mondo a richiedere la carta d'identità a chi si collega da un posto pubblico, stiamo per diventare l'unico paese al mondo dove un privato cittadino non può installarsi un router da solo (si, questa volta di TUTTO il mondo: gli unici altri paesi in cui non ci si può installare un router sono quelli dove Internet non arriva o è vietato tout court) sotto pena di multe salatissime (perché?? quale sarebbe il danno arrecato alla collettività nell'installarsi il router?).Ah per la cronaca... quando ho fatto installare il router compreso nell'offerta Telecom, il tecnico autorizzato e patentato mi ha fatto inchiodare la LAN bloccando il lavoro per mezza giornata, senza peraltro riuscire a far funzionare il rutto in questione. Mi ci metto io che non sono né sistemista né tecnico installatore né certificato da chicchessia e nei 5 minuti necessari a collegare il routerino, settarlo quel pochetto che serve (IP, firewall, ecc.) ed ero online. Ok, ce ne saranno pure di bravi non voglio generalizzare... ma che caspio!!
    • gnugnolo scrive:
      Re: L'unico paese al MONDO!!!
      Non offendere le parole, per favore... NON siamo un paese;)
    • Tux scrive:
      Re: L'unico paese al MONDO!!!
      Anni fa mi capitava di fare dei corsi di formazione ai tecnici del "padrone dei doppini". Questi poveri tecnici, seppure espertissimi nel cablaggio e nella prova di normali linee telefoniche, non conoscevano il networking ed erano mandati allo sbaraglio dal "padrone dei doppini" ad installare e configurare connessioni dsl presso privati e aziende.Oltre alla borsa dei ferri avevano un fascio di fotocopie sbiadite dove si contemplava una certa casistica di problemi e relative soluzioni; al di fuori di quella roba non sapevano dove mettere le mani.Adesso esce questa chicca ed io, che spiegavo ai tecnici le basi del tcp/ip, non posso installare un router a casa di mio fratello?
      • gnugnolo scrive:
        Re: L'unico paese al MONDO!!!
        Ti capisco benissimo. Per fortuna ho conosciuto un tecnico del "padrone dei doppini" vecchio stile ed era preparato ma mi ha raccontato delle cose da far rabbrividire... infatti hanno smantellato e distrutto un'azienda e le varie professionalità.... ma andremmo OT.Pare che tu possa ma, onestamente, non si capisce... la legge ita. è un pseudo copia e incolla della direttiva. Al solito le leggi sono interpretabili.Comunque, ti consiglio di andarlo a installare alla vicina di r1348 piuttosto che da tuo fratello;)
      • dapinna scrive:
        Re: L'unico paese al MONDO!!!
        Un amico di un amico, dipendente del "padrone dei doppini", mi ha chiesto più volte di fargli un corso base su come funzionano i router.Meravigliato del perché ho fatto qualche domanda... in pratica sono previsti dei corsi... ma sono di quelli "intensivi" dove vengono dette un sacco di cose che, chi non è già almeno un po ferrato", non ci capisce nulla.
    • Daniele Cusumano scrive:
      Re: L'unico paese al MONDO!!!
      Ti stimo.A chi è destinata questa ennesima mazzetta?- Scritto da: Bic Indolor
      Dopo essere stati per cinque anni l'unico paese
      tra quelli (relativamente) liberi del mondo a
      richiedere la carta d'identità a chi si collega
      da un posto pubblico, stiamo per diventare
      l'unico paese al mondo dove un privato cittadino
      non può installarsi un router da solo (si, questa
      volta di TUTTO il mondo: gli unici altri paesi in
      cui non ci si può installare un router sono
      quelli dove Internet non arriva o è vietato tout
      court) sotto pena di multe salatissime (perché??
      quale sarebbe il danno arrecato alla collettività
      nell'installarsi il
      router?).

      Ah per la cronaca... quando ho fatto installare
      il router compreso nell'offerta Telecom, il
      tecnico autorizzato e patentato mi ha fatto
      inchiodare la LAN bloccando il lavoro per mezza
      giornata, senza peraltro riuscire a far
      funzionare il rutto in questione. Mi ci metto io
      che non sono né sistemista né tecnico
      installatore né certificato da chicchessia e nei
      5 minuti necessari a collegare il routerino,
      settarlo quel pochetto che serve (IP, firewall,
      ecc.) ed ero online. Ok, ce ne saranno pure di
      bravi non voglio generalizzare... ma che
      caspio!!
    • francoecicc io scrive:
      Re: L'unico paese al MONDO!!!
      E non si tratta solo di router.Si parla anche di decoder satellitare (Sky, per intenderci).Ovviamente, un decoder digitale per Mediaset Premium lo si potrà installare da soli.Interessante, no?
Chiudi i commenti