Megaupload, il destino di un founder

Dotcom sarebbe stato picchiato brutalmente dagli agenti federali. Qualcuno gli avrebbe proposto la cauzione in cambio di denaro. Ma l'Alta Corte neozelandese nega ancora la libertà provvisoria. Il suo avvocato: soffre di diabete
Dotcom sarebbe stato picchiato brutalmente dagli agenti federali. Qualcuno gli avrebbe proposto la cauzione in cambio di denaro. Ma l'Alta Corte neozelandese nega ancora la libertà provvisoria. Il suo avvocato: soffre di diabete

Picchiato in maniera selvaggia, con le mani sanguinanti e il volto sul freddo pavimento di una camera di massima sicurezza. È il crudo e dettagliato racconto del founder di Megaupload Kim Dotcom, presentatosi ancora davanti al giudice neozelandese nel vano tentativo di evitare l’estradizione in terra statunitense .

Gli agenti avrebbero dunque malmenato il corpulento boss del mega-impero, successivamente molestato da alcuni compagni di cella. Persino avvicinato da un misterioso soggetto per una proposta da non rifiutare: soldi in cambio della cauzione per la libertà provvisoria .

Dotcom avrebbe invece rifiutato seccamente, desideroso di ottenere la cauzione attraverso l’Alta Corte neozelandese. Una libertà provvisoria che gli è già stata ancora una volta negata: i velivoli di proprietà del founder potrebbero servire a fuggire . Un’ipotesi ora contestata dal suo avvocato Ira Rothken, che ha anche sottolineato come Dotcom soffra di diabete.

Nel frattempo, le autorità di Hong Kong hanno annunciato l’istituzione di un centro investigativo per combattere fenomeni illeciti come la pirateria e in generale il crimine a mezzo elettronico. Un organo che ponga fine alla libera circolazione di business come quello di Megaupload . Altri protagonisti del file hosting – Filesonic su tutti – hanno infatti una presenza nella metropoli asiatica.

Sul fronte della battaglia sono poi tornati gli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF), che hanno promesso azioni legali qualora gli utenti del cyberlocker non riescano a riavere indietro i propri (legittimi) contenuti . La piattaforma Megaretrieval.com farà da ponte tra la squadra di EFF, la società di hosting Carpathia e i netizen adirati per la possibile cancellazione dei rispettivi file.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 02 2012
Link copiato negli appunti