Messaggini via etere baciati dallo standard

Messaggini via etere baciati dallo standard

Gli sparamessaggini wireless possono ora contare su di uno standard teso a portare interoperbilità nel mondo dell'instant messaging mobile
Gli sparamessaggini wireless possono ora contare su di uno standard teso a portare interoperbilità nel mondo dell'instant messaging mobile


Londra – La Wireless Village , un’iniziativa capeggiata da colossi del calibro di Nokia, Motorola e Ericsson, ha rilasciato le specifiche 1.0 di uno standard per l’instant messaging ed i servizi di presenza on-line attraverso le reti mobili.

Le specifiche definiscono un protocollo, l’Instant Messaging and Presence Services (IMPS), che consentirà a dispositivi mobili e PC di scambiare messaggini e informazioni di presenza attraverso varie tecnologie di trasporto, quali SMS (Short Message Service), WAP (Wireless Application Protocol) e HTTP (HyperText Transfer Protocol), e avvalendosi di standard già affermati come MMS (Multimedia Messaging Services), SIP (Session Initiation Protocol) e XML (Extensible Markup Language).

Lo standard prevede funzionalità di sicurezza come l’autenticazione, la crittografia e il controllo di accesso, inoltre può essere implementato sulle reti cellulari di attuale e di prossima generazione, abbracciando GSM, GPRS e UMTS.

Un’iniziativa concorrente a quella del succitato trio è stata varata lo scorso anno da AOL e NTT DoCoMo, una coppia impegnata a migliorare il protocollo di AIM in modo che possa essere utilizzato sulle reti mobili i-Mode. In passato AOL aveva già preso accordi con il colosso della telefonia americana Sprint per portare servizi di IM sulla rete wireless di quest’ultima.

I membri del Wireless Village si aspettano che i produttori, sviluppatori di software e operatori wireless siano in grado di rilasciare prodotti conformi allo standard IMPS entro la fine dell’anno.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 feb 2002
Link copiato negli appunti