Metti una telecamera sul tuo cane

Non hai tempo per il tuo amico? Ecco la soluzione: un innovativo centro benessere per quadrupedi permette di tenere sotto controllo i propri compagni tramite interfaccia web


Sydney (Australia) – La chiamano dog cam e sembra l’ultima frontiera tecnologica per i cosiddetti dog sitter – una professione tanto insolita quanto stravagante. Una nuova semplice applicazione tecnologica permette di osservare il proprio cane mentre si è impegnati a fare altro: magari al lavoro, di fronte ad un monitor. Tutto attraverso una comoda interfaccia web .

Qualcuno potrebbe pensare che si tratti di un’inutilità, ma questo servizio telematico è la punta di diamante di un importante centro benessere per cani situato a Sydney, in Australia. “Molte persone vogliono dei cuccioli”, dichiara la responsabile di Dogs@Play , Amanda Raine, “ma tra gli impegni lavorativi dei padroni ed il poco spazio domestico”, aggiunge, “è molto difficile che gli animali possano svagarsi”.

La telecamera dà modo di osservare gli animali mentre si divertono in tranquillità e giocano con altri cani. “Qualche persona potrebbe sentirsi a disagio lasciando il proprio cane in affidamento”, conclude Amanda Raine, “ed Internet viene in loro aiuto”. Ma gli espedienti tecnologici per alleviare le pene dei padroni ( o dei loro cani? ) non finiscono qui.

In Giappone, un’azienda che produce gadget high-tech ha creato la Wonderful Shot : una microtelecamera agganciata ad un collare, pronta per essere piazzata sul petto dell’amico a quattro zampe. Il piccolo apparecchio crea immagini ad una risoluzione di 3,5 megapixel. In questo modo, il cucciolo è sempre sotto controllo .

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ah ah ah ah pagate macachi!
    orami apple ha finito con sti software patetici e senza grinta...i primi itunes e ipotho erano buoni, ma ora solo minestra riscaldata e SALATA!
    • Anonimo scrive:
      Re: ah ah ah ah pagate macachi!
      - Scritto da: Anonimo
      orami apple ha finito con sti software patetici e
      senza grinta...i primi itunes e ipotho erano
      buoni, ma ora solo minestra riscaldata e SALATA!detto da uno che usa winzzoz...
    • Anonimo scrive:
      Re: ah ah ah ah pagate macachi!
      - Scritto da: Anonimo
      orami apple ha finito con sti software patetici e
      senza grinta...i primi itunes e ipotho erano
      buoni, ma ora solo minestra riscaldata e SALATA!Ci hai pensato molto per dire la vaccata, o ti è venuto spontaneo?iPhoto, con questa versione, ha subito uno dei maggiori miglioramenti, che da solo vale i soldi di iLife (ma è evidente che tu non l'hai mai visto, né questa versione, né le precedenti)iTunes è gratisTu sei messo male.... ma veramente molto male...bye
  • pikappa scrive:
    iWork
    A me pare che questa suite sia decisamente sottovalutata, probabilmente anche da Apple stessa, a parte keynote che è uno splendido software, niente a che vedere con powerpoint, c'è pages, che sebbene giovane è un ottimo word processor, e tra l'altra ha un'ottima compatibilità con word (superiore anche a openoffice/Neooffice)Non capisco perchè la vogliano lasciare così, un foglio di calcolo l'avrebbe resa perfetta per l'utente comune che deve farsi 2 conti, scrivere 2 letterine e magari impaginare 2 volantini, per l'utenza professionale il basso costo è allettante per la sola presenza di keynote.Appleworks è sicuramente più completo, ma è dannatamente vecchio, e non penso che giri sui nuovi mac intel.Io spero che facciano uscire una versione di iWork con un foglio di calcolo ben compatibile con office, sarei il primo acquirente: Neooffice è buono, ma parecchio pesante, Office è pesante e costa uno sproposito, iwork sarebbe perfetto!Niente da dire invece su iLife che nella versione 06 mi pare decisamente migliorato
    • Anonimo scrive:
      Re: iWork
      La Apple ha un po' paura di inimicarsi Microsoft, come pure ha paura di inimicarsi Adobe.Vedrai che prima o poi una suite Office completa arriverà dalla Apple, ma secondo me se la sviluppano in sordina, e solo quando sarà finalmente migliore di Office la spigeranno come si deve.Stessa cosa per Photoshop, per ora si guardano bene da pestare i piedi ad Adobe (l'hanno già fatto con Final Cut, Adobe ha immediatamente cassato la versione Mac di Premiere, per fortuna Final Cut è MOLTO meglio...), per cui il loro Aperture non fa realmente concorrenza a Photoshop, ma magari, in segreto, come hanno fatto per OSX per Intel, che è 4 anni che gira anche su Intel ma nessuno lo sapeva, stanno lavorando al vero "Photoshop killer"
      • Anonimo scrive:
        Re: iWork
        - Scritto da: Anonimo
        La Apple ha un po' paura di inimicarsi Microsoft,
        come pure ha paura di inimicarsi Adobe.

        Vedrai che prima o poi una suite Office completa
        arriverà dalla Apple, ma secondo me se la
        sviluppano in sordina, e solo quando sarà
        finalmente migliore di Office la spigeranno come
        si deve.

        Stessa cosa per Photoshop, per ora si guardano
        bene da pestare i piedi ad Adobe (l'hanno già
        fatto con Final Cut, Adobe ha immediatamente
        cassato la versione Mac di Premiere, per fortuna
        Final Cut è MOLTO meglio...), per cui il loro
        Aperture non fa realmente concorrenza a
        Photoshop, ma magari, in segreto, come hanno
        fatto per OSX per Intel, che è 4 anni che gira
        anche su Intel ma nessuno lo sapeva, stanno
        lavorando al vero "Photoshop killer"
        il problema è che poi servirebbero i killer di indesign, flash, dreamweaver... :s :s :s
  • Anonimo scrive:
    E i macachi godono...
    http://phototravels.net/japan/drum0001/japanese-macaques-in-the-act-16.3.jpg(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    mac
    Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle poche volte che sono stata costretta ad usarli e' stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di piu' sotto le mie manine "crashava" !lulla
    • Anonimo scrive:
      Re: mac
      - Scritto da: Anonimo
      Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
      usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle
      poche volte che sono stata costretta ad usarli e'
      stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
      trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di
      piu' sotto le mie manine "crashava" !

      lullauna mia dipendete ha avuto lo stesso problema, solo che non crashava mai e dopo sei mesi si è presa un MiniMac.... parlando dello stress che provava ogni giorno accendondo il suo vecchio PC a casa la sera...
    • lroby scrive:
      Re: mac
      - Scritto da: Anonimo
      Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
      usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle
      poche volte che sono stata costretta ad usarli e'
      stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
      trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di
      piu' sotto le mie manine "crashava" !

      lullacapitato anche a me con un imac..andava in "bomba"
      • Anonimo scrive:
        Re: mac
        - Scritto da: lroby

        - Scritto da: Anonimo

        Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui

        usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle

        poche volte che sono stata costretta ad usarli
        e'

        stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho

        trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per
        di

        piu' sotto le mie manine "crashava" !



        lulla

        capitato anche a me con un imac..andava in "bomba"bomba? quindi su OS9? un os di nato 8 anni fa e morto da 4 anni?
        • lroby scrive:
          Re: mac

          bomba? quindi su OS9? un os di nato 8 anni fa e
          morto da 4 anni?Si esatto. su un OS9 molto vecchio,anche mi è successo qualche anno fà..ma questo non significa che sto additanto il dito contro i mac e tantomeno sto facendo l'associazione (stupida) che mac = crash.Era solo 1 testimonianza che anche un prodotto prodotto dalla Apple può uscire con i suoi problemi.Inoltre sono molto convinto che gli ultimi MAC, sopratutto il mac mini (che ho potuto provare personalmente) sia un prodotto decisamente valido e dall'elevata qualità..almeno a livello HW & OS..Stenderei un velo abbastanza pietoso sulla casa madre..Probabilmente fosse venduto da un'altra società l'avrei comprato anche io..
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: lroby

            bomba? quindi su OS9? un os di nato 8 anni fa e

            morto da 4 anni?

            Si esatto. su un OS9 molto vecchio,anche mi è
            successo qualche anno fà..ma questo non significa
            che sto additanto il dito contro i mac e
            tantomeno sto facendo l'associazione (stupida)
            che mac = crash.
            Era solo 1 testimonianza che anche un prodotto
            prodotto dalla Apple può uscire con i suoi
            problemi.Una testimonianza inutile, visto che stai parlando di un sistema vecchio di almeno 6 anni...MacOSX è completamente diverso sotto ogni aspettoUna testiminianza in malafede, visto che non avevi specificato che si trattava di un sistema vecchio... qui stiamo parlando di applicazioni nuove per il sistema nuovo.
            Inoltre sono molto convinto che gli ultimi MAC,
            sopratutto il mac mini (che ho potuto provare
            personalmente) sia un prodotto decisamente valido
            e dall'elevata qualità..almeno a livello HW &
            OS..
            Stenderei un velo abbastanza pietoso sulla casa
            madre..Probabilmente fosse venduto da un'altra
            società l'avrei comprato anche io..E qui ti dimostri troll... a meno che non vuoi spiegarci cosa intendi dire
          • lroby scrive:
            Re: mac

            E qui ti dimostri troll... a meno che non vuoi
            spiegarci cosa intendi direIntendo dire che non mi è mai piaciuto nè mai mi piacerà il modo in cui la Apple tratta gli utenti..Nulla di trollesco e nulla contro i suoi prodotti
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: lroby

            E qui ti dimostri troll... a meno che non vuoi

            spiegarci cosa intendi dire

            Intendo dire che non mi è mai piaciuto nè mai mi
            piacerà il modo in cui la Apple tratta gli
            utenti...Quale modo? se non spiegi hai la coda di paglia...E cmq non è che gli utenti Apple sono idioti che si fanno trattare male, tant'è che Apple è in testa alle classifiche di soddisfazione del cliente.Forse non staranno bene "a te" certe cose, e guardacaso tu *non sei* utente Apple...
            Nulla di trollesco e nulla contro i suoi prodottinulla di trollesco potrà esserlo quando spiegherai qualcosa, perché detto così è solo un'affermazione da troll
          • lroby scrive:
            Re: mac

            Quale modo? se non spiegi hai la coda di paglia...
            E cmq non è che gli utenti Apple sono idioti che
            si fanno trattare male, tant'è che Apple è in
            testa alle classifiche di soddisfazione del
            cliente.
            Forse non staranno bene "a te" certe cose, e
            guardacaso tu *non sei* utente Apple...http://groups.google.com/group/it.comp.macintosh/browse_thread/thread/30bb7f9f50f0d5ac/a0ea75a4a93c92e9?lnk=raot#a0ea75a4a93c92e9Questo sito è solo un esempio di cosa non mi piace della Apple, non mi piace a me punto..Non significa trollare dire che una compagnia non mi piace, è soltanto manifestare un proprio pensiero.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: lroby
            http://groups.google.com/group/it.comp.macintosh/..

            Questo sito è solo un esempio di cosa non mi
            piace della Apple, non mi piace a me punto..Non piace *a te*, ma tu *non sei* un utente Apple.E cmq, gli utenti Apple sono quelli che comprano un Mac... Apple ha tutti i diritti di vendere il proprio sistema *solo* per le proprie macchine, così come MS realizza Windows solo per x86 o Access solo per Windows. Si chiama "libero mercato"... se non sei d'accordo rivolgiti pure all'open surce.
            Non significa trollare dire che una compagnia non
            mi piace, è soltanto manifestare un proprio
            pensiero.E' trollare se si esprime un commento negativo senza motivarlobye
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: lroby

            Quale modo? se non spiegi hai la coda di
            paglia...

            E cmq non è che gli utenti Apple sono idioti che

            si fanno trattare male, tant'è che Apple è in

            testa alle classifiche di soddisfazione del

            cliente.

            Forse non staranno bene "a te" certe cose, e

            guardacaso tu *non sei* utente Apple...

            http://groups.google.com/group/it.comp.macintosh/b

            Questo sito è solo un esempio di cosa non mi
            piace della Apple, non mi piace a me punto..
            Non significa trollare dire che una compagnia non
            mi piace, è soltanto manifestare un proprio
            pensiero.guarda che siamo al limite della liceità su quanto viene fatto su quel sito....a meno che tu non sia uno che se ne impippa delle leggi...
      • Anonimo scrive:
        Re: mac
        - Scritto da: lroby
        capitato anche a me con un imac..andava in "bomba"Ecco il solito che ha visto una volta (7-8 anni fa, probabilmente ) OS8 o OS9, e l'immagine della "bomba" gli è rimasta indelebile in testa, e continua sicuro con le sue convinzioni "anche i Mac crashano, l'ho visto, ho visto la bomba!..."Ma Windows 95 funzionava BENE secondo te ??? Se vogliamo fare paragoni, facciamoli a parità di ERE informatiche uguali...
    • Anonimo scrive:
      Re: mac
      - Scritto da: Anonimo
      Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
      usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle
      poche volte che sono stata costretta ad usarli e'
      stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
      trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di
      piu' sotto le mie manine "crashava" !

      lullaLa mia ragazza ha lavorato in uno studio notarile con un PC per oltre 10 anni, e per lei Windows = PC e PC = Windows.Dopo aver usato un Mac per solo una settimana, perché io non ho un PC e lei aveva bisogno di un computer con cui lavorare in casa, le risulta difficile lavorare di nuovo con il PC al lavoro: lo trova faticoso e poco produttivo, ma le risulta intuitivo quanto un PC.A me no: il Mac ha molti di che di intuitivo; con il Mac io decido cosa fare, mentre al PC devo dire cosa fare.L'intuito, mia cara, è qualcosa di molto diverso con cui molte donne hanno a che fare.
      • Anonimo scrive:
        Re: mac

        A me no: il Mac ha molti di che di intuitivo; con
        il Mac io decido cosa fare, mentre al PC devo
        dire cosa fare.
        qual'e' la differenza scusase tu "gli dici cosa fare" sei tu che "decidi cosa fare"...
        L'intuito, mia cara, è qualcosa di molto diverso
        con cui molte donne hanno a che fare.questa frase non ha sensodi molto diverso da cosa?
        • Anonimo scrive:
          Re: mac
          - Scritto da: Anonimo


          A me no: il Mac ha molti di che di intuitivo;
          con

          il Mac io decido cosa fare, mentre al PC devo

          dire cosa fare.



          qual'e' la differenza scusa
          se tu "gli dici cosa fare" sei tu che "decidi
          cosa fare"...


          L'intuito, mia cara, è qualcosa di molto diverso

          con cui molte donne hanno a che fare.

          questa frase non ha senso
          di molto diverso da cosa?La differenza è la seguente: il PC resta in attesa dei tuoi comandi per fare, quindi devi sapere i comandi e la giusta sequenza per compiere una qualsiasi azione; nel Mac, è tutto lì.Cerco di spiegarmi con un esempio banale:come fai per copiare un testo da un sito in una pagina di Word?Rispondi a questa che poi ti dico come si fa con un Mac.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo




            A me no: il Mac ha molti di che di intuitivo;

            con


            il Mac io decido cosa fare, mentre al PC devo


            dire cosa fare.






            qual'e' la differenza scusa

            se tu "gli dici cosa fare" sei tu che "decidi

            cosa fare"...




            L'intuito, mia cara, è qualcosa di molto
            diverso


            con cui molte donne hanno a che fare.



            questa frase non ha senso

            di molto diverso da cosa?


            La differenza è la seguente: il PC resta in
            attesa dei tuoi comandi per fare, quindi devi
            sapere i comandi e la giusta sequenza per
            compiere una qualsiasi azione; nel Mac, è tutto
            lì.

            Cerco di spiegarmi con un esempio banale:
            come fai per copiare un testo da un sito in una
            pagina di Word?Apro openoffice, seleziono il testo e trascino il testo selezionato su openoffice

            Rispondi a questa che poi ti dico come si fa con
            un Mac.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: Anonimo


            La differenza è la seguente: il PC resta in

            attesa dei tuoi comandi per fare, quindi devi

            sapere i comandi e la giusta sequenza per

            compiere una qualsiasi azione; nel Mac, è tutto

            lì.



            Cerco di spiegarmi con un esempio banale:

            come fai per copiare un testo da un sito in una

            pagina di Word?

            Apro openoffice, seleziono il testo e trascino il
            testo selezionato su openoffice




            Rispondi a questa che poi ti dico come si fa con

            un Mac.aha, con OpenOffice. Io ti ho detto con Word. In effetti con il Mac fai lo stesso che con OpenOffice, con Word (quindi programma Microsoft) no.Nel Mac posso scegliere anche un'altra opzione (ottima se faccio una selezione di più testi): trascino il testo selezionato sul desktop e automaticamente appare un file testo con all'interno ovviamente il testo selezionato; poi, su Word, OpenOffice, Pages, qualsiasi programma di impaginazione professionale insomma, mi basta trascinare quel file nella pagina o box di testo che appare il tutto.E' questo ciò che rende intuitivo il Mac: hai degli oggetti e li sposti, trascini, posizioni dove vuoi. Con Word avrei dovuto selezionare il testo, CTRL+C o tasto destro
            Copia, quindi posizionarmi sul file e CTRL+V o tasto destro
            incolla. Un po' più complesso.Ieri dovevo fare una piccola pagina HTML per presentare delle fotografie di uno stand realizato dall'azienda per cui lavoro e inviarlo alla ditta committente. Data la semplicità del lavoro ho usato iWeb per fare la pagina HTML.In un box della Home (già esistente) volevo inserire il logo dell'azienda che è un disegno vettoriale di Illustrator. Per inserirlo mi è bastato trascinare il file .ai nel box: inserito. Senza aprire Illustrator né modificare il file. Poi ho modificato la maschera del box con il pulsante "Crea maschera" che sta in bella vista per adattarlo alle proporzioni del disegno e basta.Se avessi usato Front Page avrei dovuto:1. Aprire Illustrator e il file vettoriale;2. esportare il disegno in formato immagine (JPG o altro)3. in Front Page, creare un box e cliccare con il pulsante destro
            Inserisci
            Immagine
            Da file e cercare il file immagine nel PC;4. non avrei potuto mascherare le parti che volevo nascondere (e quindi avrei dovuto preventivamente modificare il file in Illustrator).Insomma, da quando ho lasciato il PC per il Mac, qualsiasi lavoro voglia fare lo faccio meglio, più velocemente e con una conoscenza di passaggi limitata, poiché faccio quello che mi viene in mente al momento e il Mac me lo permette.Puoi non esserne d'accordo, per carità, ma ti assicuro che con un Mac si lavora davvero bene.Ti lascio perché è ora di nanna; se rispondi leggerò domani il tuo post.Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            Io preferico la command line.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: Anonimo
            Io preferico la command line.vi rulez
          • deltree scrive:
            Re: mac
            LOL, hai scoperto il drag & drop con i Mac?Ma l'ultimo PC che hai usato era un IBM-Compatibile con DOS 3.3 sopra?

            aha, con OpenOffice. Io ti ho detto con Word. In
            effetti con il Mac fai lo stesso che con
            OpenOffice, con Word (quindi programma Microsoft)
            no.
            Il PC non è Word, cocco. Inoltre il D&D del testo a me funziona anche con word. Sin da Win 3.1...
            Nel Mac posso scegliere anche un'altra opzione
            (ottima se faccio una selezione di più testi):
            trascino il testo selezionato sul desktop e
            automaticamente appare un file testo con
            all'interno ovviamente il testo selezionato; poi,
            su Word, OpenOffice, Pages, qualsiasi programma
            di impaginazione professionale insomma, mi basta
            trascinare quel file nella pagina o box di testo
            che appare il tutto.
            Ti rendi conto che non è il massimo dell'intuitività trascinare del testo sul desktop e poi ritrascinarlo sull'applicazione (anche perché l'app potrebbe essere massimizzata)? Per il drag & drop di file testo e immagini tra un software e l'altro comunque, qualsiasi software recente (office compreso) lo supporta. Ormai anche su quasi tutti i Window Manager Linux (che con l'ergonomia stanno ai tempi di mia nonna).
            E' questo ciò che rende intuitivo il Mac: hai
            degli oggetti e li sposti, trascini, posizioni
            dove vuoi. Con Word avrei dovuto selezionare ilSi vero, lo diceva anche un editore per cui facevo l'IT manager. Quello sposta riposiziona e smanetta se usi più di un software diventa un incubo: devi lavorare con finestre piccole o switchare continuamente. Il D&D è bello se lo metti in mano ad uno che non sa nulla di PC (ammesso che ne padroneggi il concetto, cosa non banale neanche per gente che ha il pc da 3-4 anni). Icone e D&D non sono realmente intuitive: per anni ce le hanno fatte credere intuitive. Sono comandi visuali ma questo non le fa più amichevoli per uno che ha esperienza zero. Idem per il D&D che tra le altre cose è dannosissimo per la salute delle mani se protratto per anni con i mouse tradizionali orizzontali. Se devi lavorare, specie stando molto con le mani su tastiera e mouse gli shortcut sono il metodo + veloce, produttivo ed ergonimico. Già lasciare la tastiera per usare il mouse mentre lavori su un testo ti fa perdere un sacco di tempo, deconcentra e favorisce infortuni a lungo termine (come la RSI), per anni erroneamente associati all'uso della tastiera (perché il mouse faceva troppo cool). E non lo dico io ma i maggiori esperti di ergonomia mondiale.
            testo, CTRL+C o tasto destro
            Copia, quindi
            posizionarmi sul file e CTRL+V o tasto destro

            incolla. Un po' più complesso.
            Si fa anche in Apple e mi pare che sia usatissimo come sistema.
            Ieri dovevo fare una piccola pagina HTML per
            presentare delle fotografie di uno stand
            realizato dall'azienda per cui lavoro e inviarlo
            alla ditta committente. Data la semplicità del
            lavoro ho usato iWeb per fare la pagina HTML.

            In un box della Home (già esistente) volevo
            inserire il logo dell'azienda che è un disegno
            vettoriale di Illustrator. Per inserirlo mi è
            bastato trascinare il file .ai nel box: inserito.
            Senza aprire Illustrator né modificare il file.
            Poi ho modificato la maschera del box con il
            pulsante "Crea maschera" che sta in bella vista
            per adattarlo alle proporzioni del disegno e
            basta.WOW!

            Se avessi usato Front Page avrei dovuto:
            1. Aprire Illustrator e il file vettoriale;
            2. esportare il disegno in formato immagine (JPG
            o altro)
            3. in Front Page, creare un box e cliccare con il
            pulsante destro
            Inserisci
            Immagine
            Da file
            e cercare il file immagine nel PC;
            4. non avrei potuto mascherare le parti che
            volevo nascondere (e quindi avrei dovuto
            preventivamente modificare il file in
            Illustrator).
            Prova a fare drag & drop la prossima volta :)E prova a non usare Frontpage. Non lo usa nessuno. Nemmeno alla Microsoft.Inoltre: ti rendi conto che stai lasciando che un software decida per te? Premere "solo un tasto" implica un sacco di cose che oggi vanno bene, domani magari al 70% mi rompono le palle. Si ai wizard e ai semplificatori ma si anche ad avere una granularità più fine sul controllo. Si fa presto ad autodichiararsi pro quando fa tutto il sofware e si va in palla alla prima particolarità che vi si chiede.
            Insomma, da quando ho lasciato il PC per il Mac,
            qualsiasi lavoro voglia fare lo faccio meglio,
            più velocemente e con una conoscenza di passaggi
            limitata, poiché faccio quello che mi viene in
            mente al momento e il Mac me lo permette.
            La tua è una forma mentale. Perché quello che hai detto non è vero.Controesempio: devo fare eject del CD. Ti pare logico prendere l'icona del lettore e buttarla nel cestino (cavallo di battaglia dei macchisti per anni)? A me no. Io il CD non lo voglio "buttare" lo voglio "prendere" dal computer. Chi ha ragione? Nessuno. Tu sei ormai abituato a dare i comandi in un modo, io in un altro. Ma sempre comandi dai. Se il software controlla quello che dovresti fare te non "vuoi fare qualcosa" ma "lasci che qualcosa lo faccia per te". Ti rende dipendente dal prodotto, e inficia la tua padronanza della materia. E' la maria de filippi dell'informatica: foraggia ignoranza per renderti dipendente.Potrei citarti 40mila casi in cui questa filosofia è andata sempre bene, fino alla inevitabile catastrofe. Avere controllo su quello che fai non vuol dire sacrificare ergonomia e flessibilità. Ma solo avere scelta.
            Saluti.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: deltree
            Controesempio: devo fare eject del CD.
            Ti pare logico prendere l'icona del lettore e
            buttarla nel cestino (cavallo di battaglia dei
            macchisti per anni)? A me no. Io il CD non lo
            voglio "buttare" lo voglio "prendere" dal
            computer. A parte il fatto che il cestino, se stai trascinando un disco, si trasforma nel simblolo di eject, e a parte il fatto che ci sono molti altri modi per espellerlo, la metafora del cestino non quella di ciò che vuoi "buttare", ma di ciò che vuoi rimuovere dall spazioni di lavoro, una sorta di "buco nero" sul desktop, e in tal senso è pefettamente logico.In ogni caso, hai preso l'unico controesempio discutibile
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            Quel pulsante in quel momento non è un wizard, caro amico abituato alle ca*ate Microsoft, bensì un pulsante che si trova proprio nel momento adatto nel fare una certa azione.E' un concetto troppo difficile per te, lo so. Ecco perché per te è meglio Windows.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            Ti rende dipendente
            dal prodotto, e inficia la tua padronanza della
            materia. E' la maria de filippi dell'informatica:
            foraggia ignoranza per renderti dipendente.Sono talmente dipendenti dal mac e talmente negati su quello che rappresenta il 96 % del mercato dei sistemi operativi che poi non c'è da stupirsi se vengono definiti come appartenenti ad una setta. E sempre in virtù di questo "esser negati su windows", cercano di evangelizzare in tutti i modi più persone che possono, anche se gli spieghi che riesci a fare quello che fanno loro sul tuo "normale" Pc. Anzi, si attaccano alle "sfumature" pur di convincerti che solo su mac puoi lavorare, quando poi sappiamo che in tutti i settori ci sono dei professionisti che lavorano tranquillamente su Pc e il mac, pur conoscendolo, non l'hanno neppure in nota.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            Anzi, si attaccano
            alle "sfumature"Defrag? Virus/dialer e compagnia bella?Sì, sfumature. E non sono un macaco, quindi ho detto solo le prime due differenze che mi sono venute in mente.E comunque se non hai mai provato un Mac OS X, che cavolo parli a fare? :D
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: Anonimo
            Ti rende dipendente

            dal prodotto, e inficia la tua padronanza della

            materia. E' la maria de filippi
            dell'informatica:

            foraggia ignoranza per renderti dipendente.

            Sono talmente dipendenti dal mac e talmente
            negati su quello che rappresenta il 96 % del
            mercato dei sistemi operativi che poi non c'è da
            stupirsi se vengono definiti come appartenenti ad
            una setta. E sempre in virtù di questo "esser
            negati su windows", cercano di evangelizzare in
            tutti i modi più persone che possono, anche se
            gli spieghi che riesci a fare quello che fanno
            loro sul tuo "normale" Pc. Anzi, si attaccano
            alle "sfumature" pur di convincerti che solo su
            mac puoi lavorare, quando poi sappiamo che in
            tutti i settori ci sono dei professionisti che
            lavorano tranquillamente su Pc e il mac, pur
            conoscendolo, non l'hanno neppure in nota.ROTFL... il bello è che sembri veramente convito di questa marea di str0n#@t3 che hai scritto
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: Anonimo
            Ti rende dipendente

            dal prodotto, e inficia la tua padronanza della

            materia. E' la maria de filippi
            dell'informatica:

            foraggia ignoranza per renderti dipendente.

            Sono talmente dipendenti dal mac e talmente
            negati su quello che rappresenta il 96 % del
            mercato dei sistemi operativi che poi non c'è da
            stupirsi se vengono definiti come appartenenti ad
            una setta. E sempre in virtù di questo "esser
            negati su windows", cercano di evangelizzare in
            tutti i modi più persone che possono, anche se
            gli spieghi che riesci a fare quello che fanno
            loro sul tuo "normale" Pc. Anzi, si attaccano
            alle "sfumature" pur di convincerti che solo su
            mac puoi lavorare, quando poi sappiamo che in
            tutti i settori ci sono dei professionisti che
            lavorano tranquillamente su Pc e il mac, pur
            conoscendolo, non l'hanno neppure in nota.mentre essere convinti delle castronerie che si dicono piazzandosi fuori dalla realtà come stai facendo tu non è altrettanto da settaro?
      • Anonimo scrive:
        Re: mac

        La mia ragazza ha lavorato in uno studio notarile
        con un PC per oltre 10 anni, e per lei Windows =
        PC e PC = Windows.

        Dopo aver usato un Mac per solo una settimana,
        perché io non ho un PC e lei aveva bisogno di un
        computer con cui lavorare in casa, le risulta
        difficile lavorare di nuovo con il PC al lavoro:ma per favore!
    • Anonimo scrive:
      Re: mac
      - Scritto da: Anonimo
      Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
      usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle
      poche volte che sono stata costretta ad usarli e'
      stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
      trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di
      piu' sotto le mie manine "crashava" !

      lullaSei una donna è normale. Dovresti stare sui fornelli a cucinare piatti succulenti, mentre aspetti tuo marito che torna dal bosco dopo aver spaccato la legna.Ok ho aggiunto abbastanza luoghi comuni?
      • Anonimo scrive:
        Re: mac
        E poi vi meravigliate se le donne scarseggiano nei forum....lulla
        • Anonimo scrive:
          Re: mac
          - Scritto da: Anonimo
          E poi vi meravigliate se le donne scarseggiano
          nei forum....

          lullaNon scarseggiano nei forum, basta frequentare quelli giusti.Se vai su forum di cinema o di cucina ne trovi una marea.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            E poi vi meravigliate se le donne scarseggiano

            nei forum....



            lulla

            Non scarseggiano nei forum, basta frequentare
            quelli giusti.
            Se vai su forum di cinema o di cucina ne trovi
            una marea.Ecco i fora (plurale di forum) per te:http://p218.ezboard.com/bgrandefratellopointhttp://www.instablog.org/cgi-bin/gf6.plhttp://forum.clarence.com/forumdisplay.php?f=7http://forumfilmup.leonardo.it/forum/viewforum.php?forum=46&182http://it.dir.yahoo.com/Attualita_e_media/Televisione/Programmi_TV/TV_verita/Grande_fratello/Chat_e_forum/E cos' non ci pensi ai crash del (fu) System 9.
      • Anonimo scrive:
        Re: mac
        Io credo che la difficoltà che tu hai avuto con il Mac deriva dal fatto che lo hai usato come se fosse un PC con Windows.Sono due macchine diverse, e diverso è il concetto alla base del loro utilizzo. Non puoi usare un Mac ome un PC, né viceversa.Se poi tutti occupassero per primi le postazioni PC invece dei Mac, la ragione più logica è che questi signori conoscessero, e avessero a casa, solo il PC, e all'Università si ha poco tempo per imparare una nuova macchina quando dopo un'ora devi lasciare il posto a un altro.Io ho fatto lo "switch" e non mi pento, anzi ci ho guadagnato in tempo e produttività.Ciao.
        • deltree scrive:
          Re: mac
          - Scritto da: Anonimo
          Io credo che la difficoltà che tu hai avuto con
          il Mac deriva dal fatto che lo hai usato come se
          fosse un PC con Windows.

          Sono due macchine diverse, e diverso è il
          concetto alla base del loro utilizzo. Non puoi
          usare un Mac ome un PC, né viceversa.Questo concetto lo sento solo dai mac user: i pc si usano da pc. C'è un'interfaccia uomo macchina che ti permette di fare le cose. Se quando uso un mac (o Gnome, che sta seguendo la stessa strada) devo riimparare tutto perché qualche genialoide ha pensato di rendere tutto "amichevole" obbligandomi a fare le cose come dice lui e basta, mi arrabbio e dubito delle storielle sull'intuitività e su quanto tutto sia bello.Il concetto di usare un mac come un mac implica che non sono buoni computer ma sono elettrodomestici. Puoi dire ad una persona che non può usare il Microonde come un Videoregistratore, non che non può usare il pc... come un altro pc!Per molti è un concetto rassicurante (si potrebbe citare la metafora dell'esploratore e del colono) sapere che le cose si fanno solo in un modo. Per altri no. Se fai cose complesse, l'ultima cosa che vuoi è avere una rigidità di fondo nel farle e l'avere una interfaccia "intuitiva", "amichevole" ed "automatizzata" implica proprio usare determinati schemi per fare le cose. L'intuitività è una cosa che si supera quando usi il pc da PC, se per te è un word processor o solo un terminale per fare grafica, allora è diverso... A te serve il prodotto, il videoregistratore, non il PC.Non esiste una interfaccia uomo macchina proattiva o intuitiva: possono essere accattivanti e facili da usare. Ma comunque ti obbligano ad una forma mentis ben definita, tanto quanto fa un qualsiasi altro paradigma per inviare comandi ad un dispositivo. Il brutto è quando questa forma mentis è banalizzata e porta l'utente ad essere felice di fare le cose in un signolo modo, anche se presuppone laocontiche evoluzioni di mouse...

          Se poi tutti occupassero per primi le postazioni
          PC invece dei Mac, la ragione più logica è che
          questi signori conoscessero, e avessero a casa,
          solo il PC, e all'Università si ha poco tempo per
          imparare una nuova macchina quando dopo un'ora
          devi lasciare il posto a un altro.

          Io ho fatto lo "switch" e non mi pento, anzi ci
          ho guadagnato in tempo e produttività.

          Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: deltree
            Se quando uso un mac (o Gnome, che sta seguendo
            la stessa strada) devo riimparare tutto perché
            qualche genialoide ha pensato di rendere tutto
            "amichevole" obbligandomi a fare le cose come
            dice lui e basta, mi arrabbio e dubito delle
            storielle sull'intuitività e su quanto tutto sia
            bello.Eccerto... allora facciamo tutti come su Windows solo perché è più diffuso... chissenefrega se è illogico, se fa schifo, se non ci sarà innovazione perché tutti si limiteranno a copiare... se tu non ti senti in grado di fare la stessa cosa in due modi diversi, il problema è nella tua elasticità mentale... io uso principalmente Windows, ma a casa ho anche un Mac e un PC-Linux... non ho alcun problema a passare da un sistema all'altro
          • Anonimo scrive:
            Re: mac
            - Scritto da: deltree
            Questo concetto lo sento solo dai mac user: i pc
            si usano da pc.
            C'è un'interfaccia uomo macchina che ti permette
            di fare le cose.
            Se quando uso un mac (o Gnome, che sta seguendo
            la stessa strada) devo riimparare tutto perché
            qualche genialoide ha pensato di rendere tutto
            "amichevole" obbligandomi a fare le cose come
            dice lui e basta, mi arrabbio e dubito delle
            storielle sull'intuitività e su quanto tutto sia
            bello.
            Il concetto di usare un mac come un mac implica
            che non sono buoni computer ma sono
            elettrodomestici. Puoi dire ad una persona che
            non può usare il Microonde come un
            Videoregistratore, non che non può usare il pc...
            come un altro pc!Rileggi tutto quello che hai scritto.Non si usano i "pc" ma i sistemi oerativi con la relativa interfaccia, grafica o meno che sia.Ora dimmi se è la stessa cosa usare Win 3.x, con le sue finestre non sovrapponibili e il suo tristemente noto File Manager...e Windows dal 95 in poi, con il TASTO START e Explorer...Tornando al delirio di post che hai fatto poco prima mi permetto di rammentarti che i limiti al D&D che lamentavi (finestre massimizzate, troppe finestre etc) sono ESCLUSIVI di Windows, visto che su Mac non c'è una GUI MDI, non si usano finestre massimizzate perché le applicazioni NON sono finestre (i documenti sono finestre), tutte le cartelle si aprono a impulo e, se proprio vuoi andare di lusso, esiste ormai Exposé.Se conosci Exposé per averne provato un clone su WIndows, lascia perdere. Li conosco bene entrambi: ci passano anni luce.Per avere TUTTE le finestre a portata di mouse e di vista basta premere la rotella del mouse (io uso un Logitech ;) ).
    • Anonimo scrive:
      Re: mac
      - Scritto da: Anonimo
      Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
      usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle
      poche volte che sono stata costretta ad usarli e'
      stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
      trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di
      piu' sotto le mie manine "crashava" !

      lullaci credo il mac non ha il solitario di serie!e tu che ti ostinavi a cercarlo hai fatto "crashiare" tutto!!! infatti il mac lo usano tutti i professionisti di musica grafica cinema ed io che purtroppo non sono un prof. e non ho neanche un diploma informatico :) quante volte ti ho detto che per giocare ad un buon solitario devi usare xp :) :)
    • Anonimo scrive:
      Re: mac
      - Scritto da: Anonimo
      Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
      usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle
      poche volte che sono stata costretta ad usarli e'
      stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
      trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di
      piu' sotto le mie manine "crashava" !Ci si abitua a tutto, anche all'assurda interfaccia di Windows...
    • Anonimo scrive:
      Re: mac
      - Scritto da: Anonimo
      Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
      usavano solo Mac (una tragedia per me!) Beh, l'elasticità mentale non è da tutti
      e quelle
      poche volte che sono stata costretta hanno usato una pistola?
      ad usarli e'
      stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
      trovato per niente comodo ne' intuitivo.Beh, mia nonna di 78 anni trova poco intuito il cordless
      E per di
      piu' sotto le mie manine "crashava" !ammammamia... mo' stai attenta che salta fuori che si trattava di MacOS8...Bah... mi sa tanto di trollata
  • Anonimo scrive:
    Perché sul Mac sì e su Linux no?
    Come mai ci sono prodotti del genere altamente professionali per il mac e non per linux?Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte questo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
      - Scritto da: Anonimo
      Come mai ci sono prodotti del genere altamente
      professionali per il mac e non per linux?

      Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte
      questo?forse perché nessuno che usa Linux comprerebbe software? o almeno in larga parte?io fossi in Apple venderei iWork e iLife per Linux...come fa per shake.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Come mai ci sono prodotti del genere altamente

        professionali per il mac e non per linux?



        Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte

        questo?

        forse perché nessuno che usa Linux comprerebbe
        software? o almeno in larga parte?

        io fossi in Apple venderei iWork e iLife per
        Linux...
        come fa per shake.Ma in effetti a fare un porting per linux cosa ci vorrebbe?
        • jackoverfull scrive:
          Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
          Parecchio, visto che é tutto 100% cocoa?Shake é nato su linux, poi la apple lo comprò e lo portò al mac os.
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Come mai ci sono prodotti del genere altamente


          professionali per il mac e non per linux?





          Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte


          questo?



          forse perché nessuno che usa Linux comprerebbe

          software? o almeno in larga parte?



          io fossi in Apple venderei iWork e iLife per

          Linux...

          come fa per shake.

          Ma in effetti a fare un porting per linux cosa ci
          vorrebbe?nel 95% dei casi molto poco...credo... dato che il 95% di quello che gira su Linux gira anche su Mac...
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
            - Scritto da: Anonimo
            nel 95% dei casi molto poco...credo... dato che
            il 95% di quello che gira su Linux gira anche su
            Mac...Il tuo amico sopra dice il contrario.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            nel 95% dei casi molto poco...credo... dato che

            il 95% di quello che gira su Linux gira anche su

            Mac...

            Il tuo amico sopra dice il contrario.boh, non so... fatti un giro su qualche sito per software opensource e guarda nell'elenco delle versioni per download, Windows spesso non c'è Mac OSX appare addirittura assieme tra le distribuzioni Linux...magari ha ragione lui, magari ci sono due modi diversi... cocoa non so cosa c'entri ma puoi scrivere una app in tanti modi, java, xcode...
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
            - Scritto da: Anonimo
            magari ha ragione lui, magari ci sono due modi
            diversi... cocoa non so cosa c'entri ma puoi
            scrivere una app in tanti modi, java, xcode...Appunto potrebbero farlo. Probabilmente non lo fanno perché poi se uno può avere i loro programmi migliori su un sistema operativo stabile come Linux poi non si compra più il loro hardware.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
            - Scritto da: Anonimo
            cocoa non so cosa c'entri Se riesci a compilare per Linux un'applicazione scritta in cocoa (magari con "qualche" chiamata a librerie proprietarie per MacOSX), fatti pure avanti... avrai molto successo...ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
            - Scritto da: Anonimo
            nel 95% dei casi molto poco...credo... dato che
            il 95% di quello che gira su Linux gira anche su
            Mac...perchè a portare da Linux a Mac ci vuole relativamente poco, il problema è portare da Mac a Linux un programma (esempio) Cocoa, che è pieno di chiamate proprietarie Apple.
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
          - Scritto da: Anonimo
          Ma in effetti a fare un porting per linux cosa ci
          vorrebbe?Più di quanto non ce ne voglia per portare da Linux a MacOSX... Eppoi si fa presto a dire Linux... quale distribuzione? con quale kernel? per Gnome? Per KDE? Per vattelapesca? ecc...E poi, sei convinto che gli utenti Linux, dall'alto della loro "filosofia" OpenSource, sw free, condividi tutto, no alle multinazionali del sw, ... comprerebbero software di Apple?bye
          • francescor82 scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?

            Eppoi si fa presto a dire Linux... quale
            distribuzione?Qual è il problema? Un .tar.gz per chi lo vuole, altrimenti si fanno degli rpm e dei deb ad hoc. Una volta che hai il programma, creare il pacchetto è praticamente immediato.
            con quale kernel?Questi programmi andrebbero ad interagire direttamente con il kernel??
            per Gnome? Per
            KDE? Per vattelapesca? ecc...Da bravo troll tu non vuoi dire che è possibile eseguire le applicazioni di Gnome su KDE e viceversa.Semplicemente fai il programma con le librerie grafiche che ritieni più opportune, punto.
            E poi, sei convinto che gli utenti Linux,
            dall'alto della loro "filosofia" OpenSource, sw
            free, condividi tutto, no alle multinazionali del
            sw, ... comprerebbero software di Apple?E continui a trollare.
            byeBye.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
            Non conosco i dettagli, ma problemi di questo tipo sono stati sollevati da molte software-house, alcune delle quali auspicano e propongono una sorta di "versione standard" di Linux che faccia da riferimento... forse tutti i torti non li ha, e non è un mistero che alcuni software per Linux siano downloadabili in più versioni
          • francescor82 scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
            Beh, certamente distribuzioni diverse hanno in "dotazione" librerie diverse, ma questo non significa che il problema non sia aggirabile.Al limite, si può provare ad adottare la soluzione più usata su Windows e (credo) Mac, cioè fornire un unico file di installazione che contenga già tutte le librerie necessarie, e che debba solo essere decompresso in una directory e sia pronto all'uso. Questa soluzione ha svantaggi, ma se serve a facilitare l'installazione di alcuni programmi, ben venga.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
            - Scritto da: francescor82Comunque Google ha detto che porterà tutte le sue applicazioni tipo Picasa su Linux rivolgendosi per il porting a Codeweavers (non ricordo mai il nome esatto)
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
      Perche' il professionista della grafica o video montaggio vuole attaccare la periferica e lavorare subito, non perdere tempo tra newsgroups a cercare il modo di installarla.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
        - Scritto da: Anonimo
        Perche' il professionista della grafica o video
        montaggio vuole attaccare la periferica e
        lavorare subito, non perdere tempo tra newsgroups
        a cercare il modo di installarla.anche perche' non saprebbe farlo, e' un grafico.Io penso che con linux tutti potrebbero avere la loro fetta di mercato personalizzandolo e adattandolo alle diverse culture ... etcc etcc
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
        - Scritto da: Anonimo
        Perche' il professionista della grafica o video
        montaggio vuole attaccare la periferica e
        lavorare subito, non perdere tempo tra newsgroups
        a cercare il modo di installarla.i professionisti video usano GNU/Linuz.E per professionisti parliamo di case di produzione cinematografiche.Se tu che vuoi farti il filmino spinto con la morosa ti ritieni professionista è un altro discorso. Magri lei lo è...ma tu di certo no ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Perche' il professionista della grafica o video

          montaggio vuole attaccare la periferica e

          lavorare subito, non perdere tempo tra
          newsgroups

          a cercare il modo di installarla.


          i professionisti video usano GNU/Linuz.
          E per professionisti parliamo di case di
          produzione cinematografiche.tipo quelle che fanno montaggio digitale e post-produzione su Mac?
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Perche' il professionista della grafica o
            video


            montaggio vuole attaccare la periferica e


            lavorare subito, non perdere tempo tra

            newsgroups


            a cercare il modo di installarla.





            i professionisti video usano GNU/Linuz.

            E per professionisti parliamo di case di

            produzione cinematografiche.

            tipo quelle che fanno montaggio digitale e
            post-produzione su Mac?Tipo Pixar
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?

            Tipo PixarPixar fa film di animazione... il rendering delle scene 3D è risaputamente fatto con PC-Linux, ma il montaggio di un film "normale" è tutt'altra cosa...
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?

          i professionisti video usano GNU/Linuz.
          E per professionisti parliamo di case di
          produzione cinematografiche.

          Se tu che vuoi farti il filmino spinto con la
          morosa ti ritieni professionista è un altro
          discorso. Magri lei lo è...ma tu di certo no ;)si sta parlando di PC, computer personali, quello che io accendo alla sera quando torno a casa. E per questo mercato Linux rimane purtroppo ancora emarginato. Io utilizzo Kubuntu 5.10, sono contentissimo, ma se voglio utilizzare il mio bel scanner Canon Lide 80 devo avviare la partizione con win2000.. non e' "colpa" di linux, ma della canon che non gliene importa nulla non solo di realizzare driver compatibili, ma nemmeno di rilasciare qualche specifica. E non solo, nonostante Gimp io sento la mancanza di software come Photoshop. E quando devo utilizzarlo ancora una volta riavvio con win2000.. perche' con codeware l'ultima versione eseguibile su linux e' la 7, ma il CS2 (9) e' decisamente piu' completo per la gestione delle fotografie RAW.Insomma, il Mac ha gia' tutto dentro, perfettamente funzionante. E le persone vogliono qualcosa che funziona, subito, si perde gia' fin troppo tempo per altre cose. E quanto ne ho dedicato io sulla shell!!! ma capisco che l'ho fatto per passione, altrimenti mai l'avrei fatto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
      - Scritto da: Anonimo
      Come mai ci sono prodotti del genere altamente
      professionali per il mac e non per linux?

      Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte
      questo?perche' nessuno ha ritenuto che fosse il caso farli.E certamente non Apple che produce SW e OS solo per vendere le sue macchineComunque anche se li avessero fatti si sarebbe sempre trattato di rincorrere, e fare invece qualcosa di innovativo e far rincorrere gli altri?
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
      - Scritto da: Anonimo
      Come mai ci sono prodotti del genere altamente
      professionali per il mac e non per linux?

      Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte
      questo?Forse la domanda è mal posta. La domanda vera è questa: perché nella comunità dei programmatori Linux nessuno prende spunto dalla struttura e dall'integrazione della suite iLife per cominciare a creare qualcosa di simile per il pinguino? Office, che è una suite ben più impegnativa, è stata "riprodotta" in almeno tre versioni, perché nessuno crea una suite multimediale per il grande pubblico? E non ditemi "c'è già Gimp per le foto, Yakasha per il video, ecc. ecc. Io penso a cinque/sei applicazioni con caratteristiche omogenee di interfaccia, con la stessa filosofia di base, e capaci ognuna di leggere i database dell'altra, come iMovie che può vedere nativamente le librerie di iPhoto e le playlist di iTunes.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Come mai ci sono prodotti del genere altamente

        professionali per il mac e non per linux?



        Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte

        questo?

        Forse la domanda è mal posta. La domanda vera è
        questa: perché nella comunità dei programmatori
        Linux nessuno prende spunto dalla struttura e
        dall'integrazione della suite iLife per
        cominciare a creare qualcosa di simile per il
        pinguino? Office, che è una suite ben più
        impegnativa, è stata "riprodotta" in almeno tre
        versioni, perché nessuno crea una suite
        multimediale per il grande pubblico? E non
        ditemi "c'è già Gimp per le foto, Yakasha per il
        video, ecc. ecc. Io penso a cinque/sei
        applicazioni con caratteristiche omogenee di
        interfaccia, con la stessa filosofia di base, e
        capaci ognuna di leggere i database dell'altra,
        come iMovie che può vedere nativamente le
        librerie di iPhoto e le playlist di iTunes.Forse perche' nessuno e' interessato a programmare mattoni granitici in grado di intercomunicare tra loro e basta...Se dei programmi devono comunicare che lo facciano attraverso il sistema, che peraltro mette a disposizione DB e quant'altro, cosi' le applicazioni interagiscono senza che debbano essere programmate insieme .
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
        - Scritto da: Anonimo
        Forse la domanda è mal posta. La domanda vera è
        questa: perché nella comunità dei programmatori
        Linux nessuno prende spunto dalla struttura e
        dall'integrazione della suite iLife per
        cominciare a creare qualcosa di simile per il
        pinguino? Secondo me perché in questi anni il desktop di linux è rimasto un po' in stallo. Ora con xorg xgl cairo svg, il miglioramento dei tool di sviluppo ecc... le cose stanno cambiando completamente e presto qualche azienda si prenderà la briga di creare prodotti competitivi con Apple anche su Linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché sul Mac sì e su Linux no?
        - Scritto da: Anonimo
        Forse la domanda è mal posta. La domanda vera è
        questa: perché nella comunità dei programmatori
        Linux nessuno prende spunto dalla struttura e
        dall'integrazione della suite iLife per
        cominciare a creare qualcosa di simile per il
        pinguino?tanti motivi:- Ci vorrebbero anni solo per mettersi d'accordo. Guerre di religione su problemi filosofici, meglio c, meglio c++, meglio librerie tutte open, semi-open, quale licenza usare, quella si, quella no, in pratica la scena pietosa che si è trascinata per anni tra Gnome vs KDE- Un certo snobismo della comunità Linux, che probabilmente pensa che la suite iLife sia una roba da utenti idioti, perchè è tutta orientata alla semplicità d'uso, mentre loro sono gli "eroi della CLI"... I pacchetti Office sono un altro discorso, era obbligatorio averli, altrimenti nessuno avrebbe preso sul serio Linux nel mondo business, e comunque non sarebbero mai usciti senza i soldi di Sun e IBM.- Le suite Apple funzionano così bene tra loro, perchè hanno delle solide fondamenta: Quicktime che gestisce qualsiasi problematica multimediale, conversione di formati grafici, compressione decompressione video, codec, etc. Quartz composer, cioè tutta la gestione della visualizzazione 2D sullo schermo, accelerata usando le funzioni delle moderne GPU. Microsoft ci arriverà con Vista.Core Audio cioè un sistema ufficiale supportato dall'OS per fare plugin audio, utilizzabili da qualsiasi programma che gestisce l'audio, senza essere proprietario come il VST e con prestazioni migliori a livello di latenza del DirectX,.Core Image, similare ma in campo video, per sfruttare la GPU per fare plugin di elaborazione immagini utilizzabili da tutte le applicazioni dell'OS. Un esempio: il supporto delle macchine fotografiche digitali e i loro formati proprietari (RAW), in OSX è dato dall'OS, è ovvio che poi diventa molto semplice scrivere un programma tipo IPhoto.L'idea del supporto PDF integrato nell'OS, che arriva dal Next con il suo Display Postcript.Quando anche Linux avrà queste solide basi, allora si potrebbe COMINCIARE a scrivere una suite di applicazioni tipo ILife, facili da usare, e ben integrate tra loro.
Chiudi i commenti