Mi chiamo IBM, risolvo problemi

Gestire l'emergenza come fosse ordinaria amministrazione. Grazie ai potenti mezzi e ai brevetti messi in campo da Big Blue
Gestire l'emergenza come fosse ordinaria amministrazione. Grazie ai potenti mezzi e ai brevetti messi in campo da Big Blue

Terremoti, inondazioni, disastri meteo inaspettati. Il caos monta tra la popolazione , tra le autorità, tra gli esperti e tra i soccorritori. Niente paura: arriveranno gli uomini IBM a risolvere i problemi. Un po’ come il Winston Wolf di Pulp Fiction . Tutto grazie ad una procedura, in corso di brevetto, per controllare l’incontrollabile, gestire l’ingestibile, arrivare là dove nessuno è mai giunto prima.

La procedura descritta da un diagramma di stato nel brevetto IBM Quanto contenuto nelle carte depositate dall’azienda di Armonk presso l’ufficio dei brevetti USA è in realtà un “sistema e metodo per ottimizzare la selezione, la verifica e la distribuzione delle risorse esperte in un momento di caos”. In altre parole, Big Blue sta studiando un sistema informatico in grado di gestire rapidamente le emergenze : se servono esperti di idrogeologia per un’alluvione, vulcanologi per un’eruzione, guardie del corpo per Naomi Campbell , basterà inserire alcune informazioni in un computer. Quest’ultimo unirà questi dati ad altri in suo possesso e fornirà una lista delle possibili persone da contattare e azioni da intraprendere.

La cosa è meno banale di quanto sembri. Se all’utente basterà inserire le sue richieste per veder spuntare automaticamente le risposte, il cervellone di Big Blue provvederà invece a “identificare le skill richieste (…) ottimizzarle in base a vincoli fissati (…) verificare la disponibilità dei profili selezionati (…) ri-ottimizzare quanto già ottimizzato basandosi sui dati fin qui elaborati”.

Sembra facile, ma non lo è. Le decisioni prese sul campo spesso sono dettate dalla fretta, e non sempre le persone giuste sono al posto giusto nel momento giusto. Il sistema di IBM dovrebbe consentire di gestire al meglio situazioni complesse come un attacco terroristico , un evento naturale distruttivo come uno tsunami o un uragano: niente più disorganizzazione dettata dal panico, da eventi che si succedono troppo rapidamente. Solo un freddo elaboratore che suggerisce chi convocare e cosa fare per uscire dall’impasse minimizzando i danni.

Se il brevetto di Big Blue verrà approvato e se l’azienda proseguirà nello sviluppo, questo potrebbe trasformarsi in un altro caso in cui ad un computer viene affidato un compito importante dal quale possono dipendere molte vite . E visto che pur sempre di emergenze si tratta, Techdirt si domanda : “È giusto che un marchio detenga il monopolio su un sistema di computer utilizzati per mettere ordine nel caos?”.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 04 2008
Link copiato negli appunti