Microsoft ci prova anche sul wireless

Le ambizioni del big di Redmond mirano a incastonare la strategia nel wireless e nel mobile con i progetti legati alla infrastruttura .NET. Da Stinger ai Tablet PC passando per Pocket PC: il NETcerchio si sta chiudendo


Las Vegas (USA) – Durante la conferenza CTIA Wireless 2001 Steve Ballmer, CEO di Microsoft, ha svelato nuovi progetti riguardanti “Microsoft in Mobility”, tanto per cambiare l’ennesimo mattone della strategia.NET.

Microsoft pensa di portare la sua piattaforma “pocket.NET” su un crescente numero di telefoni cellulari e PDA di prossima generazione. Fra questi c’è il pager di Motorola, l’MSN T900, che arriverà verso la fine dell’anno e porterà con sé i servizi di messaggistica istantanea e di Web mail di Microsoft, il tutto su un aggeggino grande quanto un cerca-persone.

Ballmer non ha mancato poi di annunciare il lancio, questa settimana, del nuovo Journada 525 di HP, un handheld Pocket PC con schermo a colori che, con il suo prezzo di 359$, tenta di dare una spallata all’ancor caro iPAQ di Compaq.

Microsoft è poi riuscita a portare il suo formato Windows Media Audio (WMA) sul nuovo telefono cellulare di Ericsson, l’R520, che è così in grado non solo di riprodurre file audio ma anche di ricevere lo streaming in tempo reale delle radio su Internet.


Nella strategia mobile di Microsoft c’è anche il Tablet PC , una appliance dal display molto ampio che dovrebbe fornire più o meno le stesse prestazioni di un notebook di fascia bassa, pur essendo orientato all’utilizzo dei servizi Internet e della navigazione sul Web.

Il Tablet PC di Microsoft dovrebbe arrivare fra un annetto ed essere basato su una speciale versione di Windows XP in grado di supportare i display touch-screen ed offrire un’interfaccia utente a riconoscimento vocale.

Ma Microsoft non si attende che il Tablet PC possa divenire un dispositivo di massa, almeno non a breve. La strada potrebbe invece essere ben più in discesa per lo Smart Phone, un telefono cellulare di nuova generazione che eredita molte delle funzionalità tipiche di un PDA, compreso un display generoso, pur rimanendo prevalentemente orientato alla telefonia.

Il sistema operativo degli Smart Phone, di cui Microsoft ha mostrato un primo prototipo lo scorso mese, sarà Stinger, una versione più stringata e leggera di Pocket PC ma integrante applicazioni come Mobile Explorer, Outlook Companion e un Windows Media Player “lite”.

Ballmer sostiene che l’attuale generazione di telefoni cellulari non è in grado di avvalersi di tutte le nuove funzionalità che lo standard XML, alla base della piattaforma.NET, porterà con sé. Questa stessa tecnologia, insieme all’imminente Mobile Information Server 2001, renderà possibile scambiare informazioni fra dispositivi equipaggiati con i vari sistemi operativi di Microsoft, da Stinger passando per Pocket PC e arrivando a Windows XP.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Mi spiegate una cosa?
    Cari lettori di Punto Informatico, mi spiegate una cosa?Perchè quando parlavano di chiudere Napster eravate in migliaia a scrivere per dire "non sono d'accordo" e ora che si parla di mettere Internet a pagamento siete quasi tutti d'accordo? (ho letto solo un commento contrario, gli altri erano favorevoli).Non è che sotto sotto state pensando: "tanto io un modo per non pagare lo trovo lo stesso?"
  • Anonimo scrive:
    Finita la rete gratis
    Non ci sara' piu' molto presto, e' solo questione di tempo.Preparate il portafoglio
  • Anonimo scrive:
    Forza Salon
    Siti come Salon (ma anche Slashdot e perche' no anche PI) devono poter contare sull'appoggio dei lettori. Fanno un'informazione senza filtri e se Salon chiude ci avremo perso tutti.Lancio una "sottoscrizione virtuale" su questo forum. Chi sarebbe disposto a pagare i 30 dollari per Salon?1. Manlio Minotti
  • Anonimo scrive:
    Fare come King
    Se io avessi una situazione del genere direi ai miei lettori: tutti possono leggere quel che gli pare, ma se almeno il 75 per cento non versa 30 dollari l'anno allora chiudiamo.Come ha fatto King, che si e' intascato miliardate senza finire theplant.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fare come King
      Anche secondo me e' la soluzione migliore, perche' non obbliga nessuno a niente ma anzi in fondo testimonia quanto vale la qualita' di quel che si scrive.- Scritto da: Aristide Timokritos
      Se io avessi una situazione del genere direi
      ai miei lettori: tutti possono leggere quel
      che gli pare, ma se almeno il 75 per cento
      non versa 30 dollari l'anno allora
      chiudiamo.
      Come ha fatto King, che si e' intascato
      miliardate senza finire theplant.
  • Anonimo scrive:
    neanche per sogno
    mi rendo conto che hanno bisogno di quei 30 dollari ma io non sono disposto a spendere per leggere le loro notizie. se me le danno con la pubblicita' ok, se non me le danno pazienza.
  • Anonimo scrive:
    Ragionevole, direi...
    Come assiduo frequentatore di Salon, sono dell'opinione che la qualità del materiale pubblicato ben vale 30 $$$ l'anno.Peccato che non ho la carta di credito...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ragionevole, direi...
      Anch'io leggo spesso Salon pero' non so. C'e' qualcosa che non mi convince nel dare soldi per leggere articoli online.Non so se lo faro' (anche se ho la carta di credito ;-|- Scritto da: Flyingdutchman
      Come assiduo frequentatore di Salon, sono
      dell'opinione che la qualità del materiale
      pubblicato ben vale 30 $$$ l'anno.

      Peccato che non ho la carta di credito...
Chiudi i commenti