Microsoft conferma: guerra a Google

Dopo l'accavallarsi di indiscrezioni e i primi avvistamenti in rete del suo MSNBot, un ricercatore del big di Redmond spiega: stiamo mettendo i migliori cervelli attorno ad un tavolo per fornire un servizio migliore del migliore

Roma – Assumere le migliori teste del settore, metterle attorno ad un tavolo con ricercatori e sviluppatori e tirar fuori un progetto per motore di ricerca e indice web capace di competere con Google, il mattatore. C’è questo e nientemeno nei piani di Microsoft che, dopo una serie di indiscrezioni, voci e supposizioni, vengono ora confermati.

“Da quando Yahoo! ha comprato Inktomi, Bill ha deciso che avevamo bisogno del nostro strumento”. Così Jennifer Tour Chayes, che guida il Theory Group di Microsoft, ha parlato ieri ai reporter richiamati dal quinto Congresso internazionale su “Industrial and Applied Mathematics”. Proprio il Theory Group può contare su matematici e scienziati di altissimo livello.

Chayes ha confermato che Microsoft sta sviluppando e brevettando una serie di algoritmi che saranno necessari all’azienda per rimpiazzare definitivamente per i propri servizi web i sistemi di Inktomi. Algoritmi e sviluppo che nel tempo potrebbero fornire a Microsoft il necessario per battagliare con Google .

Jennifer Chayes Ciò su cui punta Microsoft, stando a quanto dichiarato da Chayes, non è però soltanto l’ampliamento delle funzionalità di ricerca ma anche la realizzazione di nuove tecnologie di filtering. “Mano a mano che i computer si diffondono – ha spiegato la ricercatrice Microsoft – saremo assediati (dall’informazione, ndr.) anche quando camminiamo. Per avvantaggiarci di tutto quello che l’IT ha da offrire, avremo bisogno di un filtro. Non potremo avere un segretario che filtra per noi tutto quello che arriva, abbiamo bisogno di una soluzione teorica”.

Come si ricorderà a giugno un crawler Microsoft era stato avvistato in rete, una notizia che ha ulteriormente accelerato i rumors attorno alla nuova creatura dell’azienda. Va detto, comunque, che Chayes non ha parlato di tempi di realizzazione del nuovo progettone ma, anzi, ha descritto un piano di sviluppo pluriennale che legherà indissolubilmente le nuove tecnologie via via sviluppate con le piattaforme software dell’azienda e i web services.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'indice dei libri proibiti
    L'abitudine di decidere cosa si può e non si può leggere è millenaria.Sebbene nel caso specifico Digilander sia libera di decidere cosa è lecito sui suoi server, a mio parere non dovrebbe essere permesso "oscurare" dei siti per qualunque motivo, se uno li ospita su un proprio server.Il mio consiglio è di passare tutti quanti a FreeNet:http://freenetproject.org/index.php?page=newsElf Qrin -- www.ElfQrin.com
  • Anonimo scrive:
    Ci sono parecchi siti...
    Che spiegano come creare ordigni semplici come le pipe- bombs pero' se sbagli e sembra che basti veramente poco, ti rendi personalmento conto di quanto quella roba possa far male :-|
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci sono parecchi siti...
      - Scritto da: Anonimo
      Che spiegano come creare ordigni semplici
      come le pipe- bombs pero' se sbagli e sembra
      che basti veramente poco, ti rendi
      personalmento conto di quanto quella roba
      possa far male :-|
      beh cosa azz ci sta a dire?wtf??? ci sono anche siti che spiegano come milgiorare il tuo rapporto con il tuo uccello, provali! wtf???la violenza e il razzismo non sono piu tollerabili.. chiudiamo gli stadi e tutti a casa con la paytv e ci leviamo di mezzo 2/3 del problema
  • Anonimo scrive:
    ostracismo
    le parole dovrebbero evitare la violenza.tapparle serve solo a trasformarle in violenza nella testa di chi viene censurato.è sempre più violenta una censura che un ceffone.viva la libertà di parola: serve a sfogarsi e ad evitare la violenza.voltaire:"sono disposto a morire affinchè io possa esprimere anche ciò che non condivido"
  • Colonelu scrive:
    VERGOGNOSO
    In questo paese di MXXDA, è normale chiudere un sito nazista, fascista, anti-semita ecc., (xke ormai si deve sempre essere"politically correct", non si può più insultare nessuno, non si può dire cosa uno pensa, sono tutti troppo delicati, dei moluschi, dei essere senza colonna vertebrale; poi come sapete i siti fascisti offendono l'intelligenza - l'intelligenza di chi mi chiedo?? - condizionano l'intelletto di colui che legge; ma allora vuol dire che colui che legge non è molto intelligente; anche io ho letto un sacco di cazzate sui rossi, ma mica mi sono condizionato!!), mentre è del tutto normale sfillare con le bandiere rosse con la falce ed il martello (un simbolo già offensivo per qualunque persona che abbia almeno 2 neuroni che facciano contatto !!!), avere i sindacati che fanno politica, membri delle brigate rosse che vanno ai talk show invece che alla sedia elettrica ... ATTENZIONE LA FRASE PRIMA DI QUESTA E' OFFENSIVA !!! E' UN REATO DI OPINIONE, QUINDI MI POTETE ANCHE DENUNCIARE !!!! NON LA LEGGETE SE OFFENDE IL VOSTRO INTELETTO DELICATO !!! OOPS L'AVVERTENZA L'HO MESSA DOPO ... fa lo stesso ...Quindi come sempre in questo paese, ci sono due pesi e due misure !!!! ma comunque cosa dobbiamo dire ... questa si che è una democrazia ... ma scusatemi, la democrazia non è quella che sulla carta hai la libertà di esprimere il proprio PENSIERO ??? Si vede che si tratta solo del PENSIERO ROSSO ... beh a me questa mi pare un "democrazia dittatoriale" ... quindi, viva l'italia, viva la UE, viva gli ebrei e i rossi ... SALUTI A TUTTI ... IL CERVELLO USATELO PRIMA DI SCRIVERE CERTE COSE !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: VERGOGNOSO
      Io personalmente odio con tutto il cuore.. chi ha scritto quelle cose immonde,.... PERo'.. cazzzz... voglio che lui le possa scrivere... è una persona forse anche un pò malata emntalmente PERO' cazzzz.. deve aver la possibilità di esprimere il suo pensiero... Sicuramente è anche un violento.. che non si pone mai il problema degli altri.. PERO' Cazzz perchè gli proibiamo di farsi sentire....Chissa che tra un pò di anni.. accorgendosi che a difenderlo.. ci siamo solo noi di SINISTRA... non venga illuminato??'Ciao ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: VERGOGNOSO
        Io mi sento stra di destra! Eppure condivido pienamente le tue parole, e anch'io sono pronto a difendere con tutto me stesso questa libertà di esprimere un'opinione totalmente diversa dalla mia. Accetto sempre un dialogo, e a volte da una frase del cazzo può uscire una discussione costruttiva che fa crescere tutti gl'interlocutori. Il negare a priori una cosa va bene per un bambino di 2/3 anni che cmq. non può capire tutto e per il suo bene deve fare così e basta.. L'unica cosa che conta non è lo schieramento politico o ideologico, ma il proprio cervello e i propri sentimenti. Molto meglio uno che spara cazzate sul fascismo sul suo sito internet che uno che predica bene e poi quando torna a casa picchia la moglie...
    • markoer scrive:
      Re: VERGOGNOSO
      La cosa più vergognosa è che nel XXI secolo esistano persone ignoranti come te. Almeno impara la sintassi italiana.
      • Anonimo scrive:
        Re: VERGOGNOSO
        - Scritto da: markoer
        La cosa più vergognosa è che nel XXI secolo
        esistano persone ignoranti come te. Almeno
        impara la sintassi italiana.Perchè dovrebbe?L'importante è farsi capire... e quello che ha scritto si capisce benissimo.Ma forse sei un professore di italiano e stai segnando col pennarellone rosso gli errori sul monitor.O ti hanno detto che se scrivi male l'itaGliano non è cosa buona e bella e tutti ti dicono che sei sfigato e ignIUrantHe ?Cmq cerca di imparare a parlare con meno arroganza, và.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    quello che a sinistra non capiscono...
    è che libertà di espressione non significa poter quello che si vuole, così come la libertà di ciascuno di noi non è senza limiti!altrimenti non saremo in democrazia ma in un regime di anarchia...
    • Altf4 scrive:
      Re: quello che a sinistra non capiscono...
      Che a SINISTRA non capiscono? guarda che questo argomento tocca la democrazia in genere, sia che la guardi da destra che da sinistra.E poi se la vera democrazia, quella di destra, consente al presidente prima di rubare e poi di fare una legge per non essere denunciato, allora forse faresti meglio a stare zitto, no?
      • Anonimo scrive:
        Re: quello che a sinistra non capiscono...
        Embè??? che c'è di amle nell'anarchia??? forse gli anrchici sponsorizzano l'annientamento delel altre persone???
  • Anonimo scrive:
    i siti rossi sono peggio
    chiudiamo pure quelli allora...ma gia'..la magistratura e' di parte..
    • Anonimo scrive:
      Re: i siti rossi sono peggio
      - Scritto da: Anonimo
      chiudiamo pure quelli allora...ma gia'..la
      magistratura e' di parte..Certo, anche la tua stupidità lo è.
    • Anonimo scrive:
      Re: i siti rossi sono peggio
      - Scritto da: Anonimo
      chiudiamo pure quelli allora...ma gia'..la
      magistratura e' di parte..un url di sito "rosso" che invita alla violenza?
      • Anonimo scrive:
        Re: ostracismo
        Benissimo ora verifichaimo subito se invita alla violenza... e insegna a costruire bombeciao ciao
      • bacillo scrive:
        Re: ostracismo
        Mio caro amico theDRaKKaR.. sai ne vorrei un pò uno in ITALIANO.. tanto per "la par condicio" visto che quelli chiusi erano italiani... quindi dai datti da afre spulcia per bene nel WEB e SPARACI pure questi siti violenti.. dichiaratamente di SINISTRA!!!! siamo in attesa!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: i siti rossi sono peggio
      - Scritto da: Anonimo
      chiudiamo pure quelli allora...ma gia'..la
      magistratura e' di parte..Io non sono di sinistra, ma non vedo perchè metterla a forza in questa notizia. Non c'entra nulla. Incitare all'odio razziale (come mi pare di aver letto nell'articolo) è reato, punto e basta.
    • Anonimo scrive:
      Re: i siti rossi sono peggio
      - Scritto da: Anonimo
      chiudiamo pure quelli allora...ma gia'..la
      magistratura e' di parte..Berlusconiano fai da te? Ahi ahi ahi!
    • Anonimo scrive:
      Re: i siti rossi sono peggio
      - Scritto da: Anonimo
      chiudiamo pure quelli allora...ma gia'..la
      magistratura e' di parte..Sicuro il sito Fascista e' stato Chiuso per colpa di un complotto segreto tra la magistratura (comunista), la stampa comunista internazionale(Economist,El Mundo,Financial Times,NY Times),i comunisti, gli ebrei comunisti, i palestinesi,gli irakeni e i talebani il tutto con la supervisione di cuba coi soldi del petrolio libico e venezuelano e del turismo in brasile chiaramente organizzato dai comunististalinisti nazisti rossi...che vogliono, la razza unica,la moneta unica,l'utero unico,la famiglia orizontale la legalizzazione della pedofilia.. e l'immigrazione libera per avere un base sociale per la rivolta popolareKGB still watching you!
      • Anonimo scrive:
        attentato, poteva essere una strage
        un gruppo dimagistrati e poliziotti informatici, quindi COMUNISTI hanno oscurato 2 siti che insegnavano biologia umana e chimica sperimentale, così come previsto dalla riforma della scuola proposta da letizia moratti.Emilio Fede
  • Altf4 scrive:
    Secondo me
    La polizia postale ha fatto benissimo. Ma non riesco a capire chi passa all'estremo opposto, desiderando che i web-hosters o providers richiedano documenti per gli indirizzi email o per lo spazio web che offrono gratuitamente. Secondo me chiunque si registri è "innocente" fino a prova contraria, nel senso che è il provider stesso che dovrebbe segnalare i siti con contenuti pericolosi. E, statisticamente, immagino che i siti ospitati da xoom, geocities ecc ecc siano per il 95% dei casi siti "innocenti". Sarebbe davvero grave che per colpa di pochi stupidi tutti ci rimettano.Sergio
    • ryoga scrive:
      Re: Secondo me
      scusa...mi spieghi la sottile differenza di privacy (o di quel che ti pare ) che passa tra :- Registrarti presso il portale fornendo i tuoi dati- Inviare per fax o via posta i dati della tua carta d'identita'O forse non sai, che al momento della sottoscrizione, se fornisci dati fasulli, stai commettendo un reato?
  • Terra2 scrive:
    Hanno fatto male...
    ...probabilmente mi avrebbero fatto schifo i contenuti di quel sito. Ma purtroppo viviere in un paese democratico significa lasciare a tutti (idioti compresi) la possibilità di esprimere le proprie opinioni!
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto male...
      - Scritto da: Terra2
      ...probabilmente mi avrebbero fatto schifo i
      contenuti di quel sito. Ma purtroppo viviere
      in un paese democratico significa lasciare a
      tutti (idioti compresi) la possibilità di
      esprimere le proprie opinioni!
      magari senza offendere sarebbe pure meglio... stai dando dell'idiota a uno che è diverso da te perchè ha idee diverse dalle tue...lo vedi che sei razzista?
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno fatto male...
        mi sembra coda di paglia. lasciare a tutti (idioti compresi)... non vuol dire giudicare chi ha scritto quei siti, ma dire che anche gli idioti possono parlare.mi sento un idiota.
        • Terra2 scrive:
          Re: Hanno fatto male...

          magari senza offendere sarebbe pure
          meglio... stai dando dell'idiota a uno che è
          diverso da te perchè ha idee diverse dalle
          tue...lo vedi che sei razzista?Gli idioti (purtroppo) non sono una razza!Altrimenti sarebbero facilmente identificabili e circoscrivibili. Dal Garzanti: IDIOTA - (ant.) persona rozza, incolta (agg.) si dice di persona o cosa che rivela stupidità: espressione, risposta idiota.E comunque, dal momento che lascio agli idioti l'opportunità di esprimere le loro opinioni, mi riservo il diritto di esprimere la mia opinione nei loro confronti e per le loro idee... Si chiama dialettica, ed in tutta onestà mi risulterebbe difficile, anzi impossibile, esprimere il mio punto di vista su un razzista senza offenderlo!Forse non diventerò un gentleman e nessuno mi offrirà mai la direzione di una sede diplomatica... ma difficilmente mi si potrà dare del razzista.
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno fatto male...

            Gli idioti (purtroppo) non sono una razza!
            Altrimenti sarebbero facilmente
            identificabili e circoscrivibili. arridaie vedi che se fossero una razza li circoscriveresti (magari radunandoli in campi di sterminio...) perchè la pensano diversamente da te...mi ricordi qualcuno...
            Dal Garzanti: IDIOTA - (ant.) persona rozza,
            incolta (agg.) si dice di persona o cosa che
            rivela stupidità: espressione, risposta
            idiota.
            E comunque, dal momento che lascio agli
            idioti l'opportunità di esprimere le loro
            opinioni, mi riservo il diritto di esprimere
            la mia opinione nei loro confronti e per le
            loro idee...
            Si chiama dialettica,a me sembra si chiamino insulti...
            ed in
            tutta onestà mi risulterebbe difficile, anzi
            impossibile, esprimere il mio punto di vista
            su un razzista senza offenderlo!...e questa maleducazione, ha idee diverse dalle tue, stop!

            Forse non diventerò un gentleman e nessuno
            mi offrirà mai la direzione di una sede
            diplomatica... ma difficilmente mi si potrà
            dare del razzista.
            vedi sopra
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno fatto male...

            arridaie vedi che se fossero una razza li
            circoscriveresti (magari radunandoli in
            campi di sterminio...) perchè la pensano
            diversamente da te...mi ricordi qualcuno...Il problema è che NON pensano. Moltissimi di loro non sono stupidi, ma solo troppo pigri per usare il cervello.
            ...e questa maleducazione, ha idee diverse
            dalle tue, stop!Un razzista può anche essere rispettato, finchè non danneggia il prossimo, ma non chi predica il terrorismo.Il rispetto e i diritti bisogna guadagnarseli
          • Terra2 scrive:
            Re: Hanno fatto male...


            Gli idioti (purtroppo) non sono una razza!

            Altrimenti sarebbero facilmente

            identificabili e circoscrivibili.

            arridaie vedi che se fossero una razza li
            circoscriveresti (magari radunandoli in
            campi di sterminio...) perchè la pensano
            diversamente da te...Oh, non ce n'è bisogno, molti lo fanno già da soli in questa stagione, si chiamano "villaggi vacanza".
            mi ricordi qualcuno...Ti prego... dimmi che su tratta di Bruce Willis!

            mi riservo il diritto di esprimere

            la mia opinione nei loro confronti e per le

            loro idee... Si chiama dialettica,

            a me sembra si chiamino insulti...Chiamali come vuoi! Ma se io penso che una persona sia un idiota non ho problemi a riferirglielo!Se la cosa li offende non mi turba più di tanto, per lo meno so che hanno recepito il messaggio.Se accettano il dibattito, sta poi a loro chiedere delucidazioni sul perchè io li abbia "insultati" ed a quel punto sta a loro decidere se accettare le mie spiegazioni e cambiare atteggiamento oppure cercare di randellarmi di botte e continuare nel loro atteggiamento.Se io potessi esprimere la mia opinione sul censurarti o meno, io non ti censurerei (quando hai tempo domandati se tu saresti saresti disposto a fare altrettanto con me...), ma non per questo ti tratterei con gentilezza nel caso tu cominciassi a sparare una valanga di idiozie.Accettare di parlare, laddove sai che qualcuno potrebbe avere opinioni discordanti dalle tue implica il fatto che tu debba obbligatoriamente ricevere degli insulti prima o poi!Se la cosa potrebbe offenderti, evita di parlare con me e soprattutto evita di chiedere cosa io penso di te in questo momento :)

            ed in

            tutta onestà mi risulterebbe difficile, anzi

            impossibile, esprimere il mio punto di vista

            su un razzista senza offenderlo!

            ...e questa maleducazione, ha idee diverse
            dalle tue, stop!Ti sei dimenticato un "nei confronti di chi" dopo la virgola... vabè...Ho già detto che so di essere "maleducato". Ma se l'educazione consiste nel dare dell'idiota a qualcuno facendo un diplomatico "giro di parole" allora si tratta di semplice ipocrisia.ah... il tuo STOP mi sembra alquanto fuori luogo :)Ti sei autoeletto moderatore?Questo non è uno spazio democratico... è uno spazio messo a disposizione da PI, c'è una policy che per certi versi interpretabile (come tutti i regolamenti scritti), ma che per certi altri non lo è assolutamente... In questa policy c'è scritto che i moderatori hanno il potere di "stoppare" non tu :)Se ti da fastidio quello che scrivo, non leggere! Metto la firma di fianco ai miei commenti apposta. Ma, a meno che tu non sia un moderatore, non venirmi a dire quando devo stare zitto!

            Forse non diventerò un gentleman e nessuno

            mi offrirà mai la direzione di una sede

            diplomatica... ma difficilmente mi si potrà

            dare del razzista.


            vedi sopravedi sopra
  • usseldridge scrive:
    E Dio disse...
    .sarete liberi di scegliere il bene ed il male. E l'uomo gli rispose, sti'cazzi...
  • Anonimo scrive:
    Re: io invece dico che...
    Io lo prendo allegramente in culo e ti assicuro che ti perdi veramente tanto dal tuo corpo e dalle possibilità di piacere che ci sono concesse in quanto esseri umani. Per quanto riguarda la tua possibilità di esprimere dissenso su quanto gli altri pensino o facciano hai la mia piena solidarietà. Sei e devi restare libero di tacciarmi di essere un mostro contronatura. Io , ovviamente, per parte mia, sono e devo restare libero di pensare che ad essere contronatura sei tu e quelli come te.
    • Anonimo scrive:
      Re: io invece dico che...
      Ovviamente mi hai fatto pentire della mia affermazione volgare e offensiva, costringendomi a chiederti scusa.In ogni caso, speravo fosse ovvio che il mio post voleva essere un sasso nello stagno.Io con la mente so che siamo tutti uguali e tutti abbiamo gli stessi diritti e doveri (e ti assicuro che nel mio piccolo cerco di garantire a tutti l'uguaglianza); tuttavia mi capita che quando mi vogliono per forza pulire il parabrezza al semaforo o mi chiedono insistentemente l'elemosina, mi incazzo.Sono razzista? Io dico di si: quanti di noi sono disturbati se una zingara gli si mette vicino in autobus, o se in una via stretta e buia si incontrano quattro albanesi, quanti di noi non hanno un attimo di titubanza? Per me questo è razzismo, e io non ne sono immune, pur se a malincuore; ma allo stesso tempo sono convinto che buona parte di coloro che leggeranno questa replica la pensano come me.Comunque la figlia di un mio amico si sta facendo proprio carina... Tranquillo, ha quasi 30 anni :-)
  • Anonimo scrive:
    Mah!!!
    Vabbè! Chiudereb un sito perchè contiene riferimenti alle più grande cialtronata degli ultimi anni mi sembra esagerato! Sicuramente nel sito c'era la verità sul fatto che Smith non era stato pestato da nessuno e che per fare la figura del bravo perseguitato aveva deciso di fare tutto da se solo per non perdere il lavoro e per tirare un po' di cacca gratuita sulla città di Verona!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Vabbè! Chiudereb un sito perchè contiene
      riferimenti alle più grande cialtronata
      degli ultimi anni mi sembra esagerato!
      Sicuramente nel sito c'era la verità sul
      fatto che Smith non era stato pestato da
      nessuno e che per fare la figura del bravo
      perseguitato aveva deciso di fare tutto da
      se solo per non perdere il lavoro e per
      tirare un po' di cacca gratuita sulla città
      di Verona!!1 non era smith che e' stato pestato in diretta TV2 era marsiglia che comunque era stato oggetto di attacchi politici da parte di lefreviani e dela borghesia nera (denunce per aver portato alunni in gita ad auschwitz)
  • Anonimo scrive:
    Abolire i reati di opinione
    La questione è semplice: bisogna abolire i reati di opinione. Non è con le maniere forti che si ottengono risultati.
  • Anonimo scrive:
    Re: io invece dico che...

    Ma secondo te il razzista e' razzista contro
    cosa?Come il film la vita e' bella il
    razzista era contro i visigoti e i camguri?

    Curati,tanto e magari leggi di piu'.

    non sono andato sul pesante solo perche mi
    spostavano nel post dei troll ma te ne
    meritavi di insulti
    Si vabbè ma lui sarà anche malato, ma tu dopo la punteggiatura dovresti mettere uno spazio, e non incollare tutto come se fosse una frase unica.E poi la gente posta sui forum...
  • Anonimo scrive:
    OT - Refuso?
    su http://digilander.libero.it/orgoglionazionale/ si legge: "Sito posto sotto sequestro in riferiemento al Procedimento Nr" etc etc.riferiemento?bah.
    • Anonimo scrive:
      Re: OT - Refuso?
      Ecco un altro idiota che guarda gli errorini e magari non legge nemmeno tutta la notizia.Sappi che-Punto Informatico è gratis-I Refusi non sono abbondanti! Corriere.it ne ha molti di piu!-Perche non scrivi una mail alla redazione invece di farci leggere le tue stron2ate nel forum?-se sei cosi bravo apri un tuo sito di news informatiche.Sei un maestrino imbecilleSergio
  • Anonimo scrive:
    Re: io invece dico che...
    - Scritto da: Anonimo
    Sono libero di pensarla come voglio:Si e' vero, sei libero di pensara come vuoi. Tuttavia non sei libero di esprimere ogni pensiero, per tanti motivi, vuoi perche' disdicevole, vuoi perche' offensivo, vuoi perche' inopportuno oppure pericoloso e anche fuori legge.In alcuni paesi e' tutelata molto la liberta' di esprimersi, in altri e' amministrata, in altri ancora e' limitata e in alcuni ostacolata.Visto che non puoi cambiare il prossimo o modificare le idee generali di giusto e sbagliato di generazioni di persone, sta a te avere la furbizia di conviverci, avendo ben presente che la liberta' di pensiero e' inalienabile (a meno che non ti educhino da bambino a credere in qualcosa), la liberta' di parola e' la liberta' di dire quello che e' comunemente accettato sentire.
    • Mechano scrive:
      Re: io invece dico che...
      - Scritto da: Anonimo
      Visto che non puoi cambiare il prossimo o
      modificare le idee generali di giusto e
      sbagliato di generazioni di persone, sta a
      te avere la furbizia di conviverci, avendo
      ben presente che la liberta' di pensiero e'
      inalienabile (a meno che non ti educhino da
      bambino a credere in qualcosa), la liberta'
      di parola e' la liberta' di dire quello che
      e' comunemente accettato sentire.Mi spiegheresti il senso di quest'ultima frase che scrivi?"La liberta' di parola e' la liberta' di dire quello che e' comunemente accettato sentire".Io sono libero di parlare ma purche' dica solo cose che piacciono a te e alle altre persone che mi circondano?Perche' invece non puo' succedere l'opposto che io possa parlare e le persone che mi circondano non si tappano le orecchie?E' piu' facile censurare uno che insegnare a molti come e perche' sarebbe meglio ignorarlo?--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
      • Anonimo scrive:
        Re: io invece dico che...
        - Scritto da: Mechano
        - Scritto da: Anonimo


        Visto che non puoi cambiare il prossimo o

        modificare le idee generali di giusto e

        sbagliato di generazioni di persone, sta a

        te avere la furbizia di conviverci, avendo

        ben presente che la liberta' di pensiero
        e'

        inalienabile (a meno che non ti educhino
        da

        bambino a credere in qualcosa), la
        liberta'

        di parola e' la liberta' di dire quello
        che

        e' comunemente accettato sentire.

        Mi spiegheresti il senso di quest'ultima
        frase che scrivi?
        "La liberta' di parola e' la liberta' di
        dire quello che e' comunemente accettato
        sentire".

        Io sono libero di parlare ma purche' dica
        solo cose che piacciono a te e alle altre
        persone che mi circondano?Non e' un mio auspicio, ma una mia visione pessimistica delle proprie liberta', dedotto dalla realta' che mi circonda.Se dici cose inaccettabili (qualuque esse siano), sei allontanato, censurato, contestato, per quanto in linea di principio tu possa appellarti al fatto di avere la liberta' di esprimerti. Molti te la negano o ci provano con forza. A volte ci riescono a volte no.
        Perche' invece non puo' succedere l'opposto
        che io possa parlare e le persone che mi
        circondano non si tappano le orecchie?Perche' la natura umana e' competitiva. Se qualcuno dichiara di essere della fazione opposta alla tua, cio' costituisce una minaccia, reale o potenziale, immediata o futura.
        E' piu' facile censurare uno che insegnare a
        molti come e perche' sarebbe meglio
        ignorarlo?Si sicuramente lo e' ! Se vivi in un villaggio che reputa il gatto sacro (ovvero sono convinti di un idea, buona o cattiva che sia) e viene uno a negare questa sacralita', e' piu' semplice far tacere "il pazzo" che spiegare a tutti che venerano un semplice felino.Piu' facile non vuol dire impossibile, si puo' ottenere molto con le nuove generazioni e trasmettergli un idea nuova, ma altrettanto cercheranno di fare gli adoratori del gatto, che vorranno trasmettere ai figli questo culto.
        • Mechano scrive:
          Re: io invece dico che...
          - Scritto da: Anonimo

          Perche' invece non puo' succedere
          l'opposto

          che io possa parlare e le persone che mi

          circondano non si tappano le orecchie?

          Perche' la natura umana e' competitiva. Se
          qualcuno dichiara di essere della fazione
          opposta alla tua, cio' costituisce una
          minaccia, reale o potenziale, immediata o
          futura.No! E' la legge del branco e non tanto della competizione. In un branco di animali organizzati socialmente gli individui piu' forti o quelli che si fanno portavoce delle necessita' del branco (cacciare, cercare acqua, sopravvivere e procreare insomma) cercano di emarginare gli individui ritenuti pericolosi per la stabilita' del branco o malati e che quindi possono contagiare e portare malattie.Il fatto certo e' che, anche se organizzato in una struttura sociale simile al branco, comunque l'uomo non e' un animale. E in quanto razionale e forse anche misericordioso dopo millenni di evoluzione sociale e religiosa, si suppone in grado di aiutare gli elementi deviati o lasciargli liberta' purche' tali liberta' restino nell'impossilita' di fare del male (educazione, leggi, certezza delle pene se s'ingrangono tali leggi). E questo lo dovrebbe fare il "capobranco" (lo Stato) innanzitutto essendo portavoce di tutto il "branco" dato che in quanto formato da uomini dovrebbe essere dotato di un'educazione, cultura e raziocinio provenienti da secoli di storia e consapevolezza del proprio passato e della propria natura invece che di soli istinti.
          Si sicuramente lo e' ! Se vivi in un
          villaggio che reputa il gatto sacro (ovvero
          sono convinti di un idea, buona o cattiva
          che sia) e viene uno a negare questa
          sacralita', e' piu' semplice far tacere "il
          pazzo" che spiegare a tutti che venerano un
          semplice felino.
          Piu' facile non vuol dire impossibile, si
          puo' ottenere molto con le nuove generazioni
          e trasmettergli un idea nuova, ma
          altrettanto cercheranno di fare gli
          adoratori del gatto, che vorranno
          trasmettere ai figli questo culto.Eppure tutto cio' che scrivi mi suona strano di fronte a tutti gli eventi di questo secolo legati alla Chiesa Cattolica e al suo avvicinamento a tutte le altre religioni del mondo, oltre all'aver chiesto scusa per secoli di persecuzioni di eretici e vendita di icone nella convinzione che la sua fosse la verita' assoluta.Solo Ratzingher resta integralista e critica la tolleranza e desiderio di fratellanza della Chiesa Cattolica nei confronti delle altre religioni "pagane".Se nel "villaggio dei gatti" che descrivi qualcuno dice che il gatto e' solo un felino e che non va adorato, questo non giustifica il tappargli la bocca e impedirgli di dire come la pensa finche' questi non passa ad azioni realmente criminali.Ossia venire giudicato malato e per questo non solo emarginato ma soprattutto criminalizzato e censurato per avere diffuso solo nozioni destabilizzanti senza passare a vie di fatto.Ritorna ad essere un comportamento istintivo ed animale. E dato che siamo in tema anche peggiore di quello dei gatti che sono animali individualisti e che si tollerano sempre tranne che nella sola competizione per l'accoppiamento.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Anonimo scrive:
            Re: io invece dico che...
            - Scritto da: Mechano
            No! E' la legge del branco e non tanto della
            competizione.Ok, chiamala cosi', il concetto comunque e' emerso per me. Come dici, il capobraco si fa portavoce delle necessita' del branco. Ma perche'? Per assicurare il benessere al branco in competizione con altri branchi o per prevenire l'estinzione stessa del branco. Insomma tenere d'occhio e/o allontanare e tacere idee ritenute pericolose (a torto o a ragione) e' un atteggiamento di difesa. Ed e' anche un atteggiamento di aggressivita'.Ovviamente, visto che la realta' e' alquanto sfaccettata, se subisci e' un atteggiamento di sopraffazione, se lo pratichi puoi chiamarlo autodifesa. Ma limitiamoci al puro meccanismo semplificato per altro, di come un idea diversa sia percepita come estranea, senno' ci si imbarca in un discorso prima su cosa sia giusto e poi su qualche sia la vera percezione della realta' da cui non se ne esce piu'.
            Il fatto certo e' che, anche se organizzato
            in una struttura sociale simile al branco,
            comunque l'uomo non e' un animale. E in
            quanto razionale e forse anche
            misericordioso dopo millenni di evoluzione
            sociale e religiosa, si suppone in grado di
            aiutare gli elementi deviati o lasciargli
            liberta' purche' tali liberta' restino
            nell'impossilita' di fare del maleSi, si suppone, ma nei fatti? Ovvero, siamo coscienti che anche i "disturbatori" sono degni di rispetto. Il problema e' che ciascuno ha i proprio metri per giudicare quando finisce il rispetto per il disturbatore e quando la sua intransigenza diviene eccessiva ed e' ora di usare la frusta o l'impiccagione.
            E questo lo
            dovrebbe fare il "capobranco" (lo Stato)
            innanzitutto essendo portavoce di tutto il
            "branco" dato che in quanto formato da
            uomini dovrebbe essere dotato di
            un'educazione, cultura e raziocinio
            provenienti da secoli di storia e
            consapevolezza del proprio passato e della
            propria natura invece che di soli istinti.Ma questo e' una civilta' ideale.Nelle civilta' reali che la nostra storia ha vissuto, il capobranco e' stato spesso tale anche solo per diritti di famiglia, o ferocia o astuzia ed ambizione e non per reali capacita' amministrative o di equita'. Per cui, i risultati positivi raggiunti dalle nostre societa' nella direzione di una sempre maggiore sensibilita' al rispetto reciproco, sono doppiamente encomiabili. E non a caso sono estremamente recenti nella sotria umana.
            semplice felino.

            Piu' facile non vuol dire impossibile, si

            puo' ottenere molto con le nuove
            generazioni

            e trasmettergli un idea nuova, ma

            altrettanto cercheranno di fare gli

            adoratori del gatto, che vorranno

            trasmettere ai figli questo culto.

            Eppure tutto cio' che scrivi mi suona strano
            di fronte a tutti gli eventi di questo
            secolo legati alla Chiesa CattolicaE chi parlava della chiesa cattolica?Per altro paralvo di una societa' in cui il culto puo' anche evolversi in meglio o in peggio a seconda che prevalga attraverso le nuove generazioni una ideologia piu' conservatrice o una piu' dinamica e adattabile.Che la chiesa cattolica abbia rinnegato alcuni sbagli francamente mi sembra off topic, cioe' non stavo mica facendo un attacco alla chiesa, per cui non vedo l'esigenza di difenderla. Oppure possiamo prendere l'esempio di come nella chiesa ha prevalso una componente di adattamento generale alla nuova realta' sociale, cioe' hanno prevalso i meno intransigenti alle nuove idee - al momento.Questo perche' anche gli odierni sacerdoti sono figli di un secolo che ha spazzato via alcuni preconcetti - sulle donne ad esempio - ed essi hanno colpto piu' lo sprito innovatore che li circondava rispetto agli insegnamenti molto severi dei loro maestri. Chi osteggia la chiesa puo' dire che e' diventata piu' subdola cambiando pelle e modi di agire. Chi la appoggia, dice che e' piu' aperta ala societa' moderna e piu' rispettosa delle persone. Entrambe le affermazioni non sono false.
            Se nel "villaggio dei gatti" che descrivi
            qualcuno dice che il gatto e' solo un felino
            e che non va adorato, questo non giustifica
            il tappargli la bocca e impedirgli di dire
            come la pensa finche' questi non passa ad
            azioni realmente criminali.Sicuro, sono d'accordissimo e non ho mai scritto il contrario, ma e' cosi' che DI FATTO avviene tutt'oggi, in certi casi in maniera eclatante, o con il rigore delle leggi in certi casi con un semplice biasimo.
            Ossia venire giudicato malato e per questo
            non solo emarginato ma soprattutto
            criminalizzato e censurato per avere diffuso
            solo nozioni destabilizzanti senza passare a
            vie di fatto.
            Ritorna ad essere un comportamento istintivo
            ed animale...Io non direi "ritorna", ma "continua", per il resto sono d'accordo che sia deplorevole.Ciao
          • Mechano scrive:
            Re: io invece dico che...
            - Scritto da: Anonimo
            branco. Insomma tenere d'occhio e/o
            allontanare e tacere idee ritenute
            pericolose (a torto o a ragione) e' un
            atteggiamento di difesa. Ed e' anche un
            ...
            Si, si suppone, ma nei fatti? Ovvero, siamo
            coscienti che anche i "disturbatori" sono
            degni di rispetto. Il problema e' che
            ciascuno ha i proprio metri per giudicare
            quando finisce il rispetto per il
            disturbatore e quando la sua intransigenza
            diviene eccessiva ed e' ora di usare la
            frusta o l'impiccagione.E chi decide quando la sua intransigenza diventa eccessiva tanto da dover usare "frusta" e "impiccagione"?I nostri esempi sono ottimi spunti per arrivare al cuore del discorso derivante da questa notizia di P.I. Quando l'aver solo pubblicato concetti non graditi ai piu' puo' essere definito intransigenza tanto da dover usare la "frusta" (censura)?
            Ma questo e' una civilta' ideale.
            Nelle civilta' reali che la nostra storia ha
            vissuto, il capobranco e' stato spesso tale
            anche solo per diritti di famiglia, o
            ferocia o astuzia ed ambizione e non per
            reali capacita' amministrative o di equita'.
            Per cui, i risultati positivi raggiunti
            dalle nostre societa' nella direzione di una
            sempre maggiore sensibilita' al rispetto
            reciproco, sono doppiamente encomiabili. E
            non a caso sono estremamente recenti nella
            sotria umana.Non e' societa' ideale. E' quello che come minimo ci si dovrebbe aspettare da una societa' moderna, e con moderna s'intende una societa' che ha una preistoria e una storia tanto lunga da potersi definire moderna e quindi avere avuto un'evoluzione.Se continua a sembrare corretto, come per te, che il capobranco (lo stato) continui a emarginare e condannare, secondo la tendenza e il volere del suo rappresentato (il branco) senza tenere conto di tutta la storia ed evoluzione che dovremmo aver avuto e che ci hanno fatto evolvere anche culturalmente, allora torniamo ad essere animali, ma allora siamo sicuri di non essere ancora animali? Ossia se nonostante siano chiari i concetti di diritto e liberta' dopo secoli di oppressioni, anche se allo Stato e' demandato il rappresentare i suoi elettori, questi deve fare il loro volere nonostante questo comporti calpestare diritti come quello di espressione, tornando ad ascoltare i suoi istinti animaleschi?Uno Stato che agisce cosi' secondo me non ha ancora consapevolezza del passato e della sua evoluzione, finche' tutti i suoi cittadini non si sono evoluti culturalmente.Quindi io definisco l'Italia quando giunge a tali fenomeni di censura, uno Stato non ancora maturo e ralmente tollerante e con una societa' sana.
            E chi parlava della chiesa cattolica?
            Per altro paralvo di una societa' in cui il
            culto puo' anche evolversi in meglio o in
            peggio a seconda che prevalga attraverso le
            nuove generazioni una ideologia piu'
            conservatrice o una piu' dinamica e
            adattabile.Era solo che la storia della religione dei gatti e la censura per chi lidenigra era terribilmente simile a quella della nostra Chiesa Cattolica e i fenomeni di repressione del passato nei confronti degli eretici. Una forma di censura anche quella. --Ciao. Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: io invece dico che...
            - Scritto da: Mechano

            E chi decide quando la sua intransigenza
            diventa eccessiva tanto da dover usare
            "frusta" e "impiccagione"?Appunto chi lo decide? Ognuno ha i suoi metri, per altro mutevoli nel tempo e soggetti a mutazioni di circostanza. Non a caso abbiamo avuto anche all'interno degli stessi paesi, dei giudizi molto diversi per gli stessi fatti (penso ai processi per stupro degli anni '60 e a quelli degli anni '80 ad esempio). Le leggi di una societa' sono una media del pensiero comune che pone alcuni paletti e decreta quando un'intransigenza diventa crimine.I criteri di tali punti fermi partono da diversi presupposti, tanto per citare uno, dal diritto romano "ne cives ad arma veniant" (se ricordo bene) cioe' afffinche' i cittadini non vengano alle armi.
            I nostri esempi sono ottimi spunti per
            arrivare al cuore del discorso derivante da
            questa notizia di P.I.
            Quando l'aver solo pubblicato concetti non
            graditi ai piu' puo' essere definito
            intransigenza tanto da dover usare la
            "frusta" (censura)?Non so rispondere. Direi quando tali concetti sono mediamente percepiti come pericolosi, appunto oltre la media. E perche' sono percepiti come tali? Perche' nel caso specifico di oggi, siamo di fronte a due casi che risvegliano subito la sensibilita' dei nostri giorni, ovvero abbiamo alle spalli i precedenti nefasti del terrorismo e del fascismo. Probabilmente se negli anni di piombo le vittime fossero state tutte avvelenate con gas, nessuno avrebbe degnato di uno sguardo i siti dedicati agli esplosivi - pur essendo fuorilegge, mentre avremmo visto una censura dei siti di chimica dedicata ai gas tossici.
            Non e' societa' ideale. E' quello che come
            minimo ci si dovrebbe aspettare da una
            societa' moderna, e con moderna s'intende
            una societa' che ha una preistoria e una
            storia tanto lunga da potersi definire
            moderna e quindi avere avuto un'evoluzione.Mi piacerebbe un mondo del genere, personalmente sono piu' pessimista, perche' all'atto pratico una tale societa' non la vedo se non in pochi illuminati paesi, penso all'Olanda che citi in un altro discorso, che lungi dall'essere perfetta, sotto questo profilo ha fatto piu' strada in avanti.
            Se continua a sembrare corretto, come per
            te, che il capobranco (lo stato) continui a
            emarginare e condannare, secondo la tendenza
            e il volere del suo rappresentatoNo no non mi fraintendere, non lo trovo "corretto". Non lo trovo nemmeno scorretto. Mi limito ad osservare che alla base di un atteggiamento di censura c'e' questa esigenza - sembre, ribadisco semplificando un po'.L'evoluzione che "dovremmo aver avuto" non mi convince. Dovremmo? Cioe', ancora una volta non fraintendermi, mi piacerebbe, ma non la vedo una cosa scontata, quanto una meta da raggiungere, non dico un utopia perche' voglio essere fiducioso. Il fatto che tale meta non sia stata sempre raggiunta pero' mi mostra che non e' una cosa certa.
            (il
            branco) senza tenere conto di tutta la
            storia ed evoluzione che dovremmo aver avuto
            e che ci hanno fatto evolvere anche
            culturalmente, allora torniamo ad essere
            animali, ma allora siamo sicuri di non
            essere ancora animali? Beh, per molti versi lo siamo, per altri, abbiamo una nostra cultura genuina e distinta, piuttosto raffinata, e ricca di estremi.
            Ossia se nonostante siano chiari i concetti
            di diritto e liberta' dopo secoli di
            oppressioni, anche se allo Stato e'
            demandato il rappresentare i suoi elettori,
            questi deve fare il loro volere nonostante
            questo comporti calpestare diritti come
            quello di espressione, tornando ad ascoltare
            i suoi istinti animaleschi?Sapere cosa e' bene non vuol dire riuscire o volerlo applicare. Ma questo e' grave, e quindi...
            Uno Stato che agisce cosi' secondo me non ha
            ancora consapevolezza del passato e della
            sua evoluzione, finche' tutti i suoi
            cittadini non si sono evoluti culturalmente.... quindi la definizione che gli dai e' appropriata.
            Quindi io definisco l'Italia quando giunge a
            tali fenomeni di censura, uno Stato non
            ancora maturo e ralmente tollerante e con
            una societa' sana.Concordo.

            E chi parlava della chiesa cattolica?...

            Era solo che la storia della religione dei
            gatti e la censura per chi lidenigra era
            terribilmente simile a quella della nostra
            Chiesa Cattolica Ah capisco, forse ho fatto un esempio che calzava troppo, ma l'esempio di una comunita' religiosa mi sembrava adeguato per raffigurare una comunita' che si sente minacciata dalle idee (una societa', nel suo complesso, a meno che non sia terribilmente omogena, e' in genere molto piu' elastica).
          • Mechano scrive:
            Re: io invece dico che...
            - Scritto da: Anonimo
            Non so rispondere. Direi quando tali
            concetti sono mediamente percepiti come
            pericolosi, appunto oltre la media. E
            perche' sono percepiti come tali? Perche'
            nel caso specifico di oggi, siamo di fronte
            a due casi che risvegliano subito la
            sensibilita' dei nostri giorni, ovvero
            abbiamo alle spalli i precedenti nefasti del
            terrorismo e del fascismo. Probabilmente seE allora e' semplice paura del passato? Ma anche in quel caso sono state aberrazioni che si potevano evitare in una societa' che negli anni '60 avrebbe dovuto gia' essere abbastanza moderna.
            Mi piacerebbe un mondo del genere,
            personalmente sono piu' pessimista, perche'
            all'atto pratico una tale societa' non la
            vedo se non in pochi illuminati paesi, penso
            all'Olanda che citi in un altro discorso,
            che lungi dall'essere perfetta, sotto questo
            profilo ha fatto piu' strada in avanti.In fin dei conti penso che ci troviamo daccordo nell'aver trovato la fonte del problema. Io voglio provare a riassumere e sintetizzare in brevi periodi il mio pensiero e far capire dove sta il succo della questione.L'animale organizzato in branchi tende a emarginare l'individuo malato e pericoloso, ragiona in modo istintivo e quindi non conoscera' mai ne' i concetti di diritto, ne avra' un'evoluzione. Ha solo l'istinto di sopravvivenza che e' piu' importante rispetto ai diritti di pochi.L'uomo anche se mantiene la caratteristica di un'organizzazione in societa' che sono simili al branco di animali che vivono in questa organizzazione gerarchica e' diverso dall'animale per la sua razionalita' ed ha avuto una preistoria ed una storia in cui imparando dagli sbagli del passato dovrebbe avere avuto un progresso fino all'era moderna. Perche' l'uomo al contrario dell'animale ha anche una memoria e subisce un'evoluzione clturale e non soltanto fisica di adattamento al territorio.L'uomo nell'era moderna c'e' arrivato dopo secoli di perfezionamenti ed errori che hanno portato al calpestio dei diritti di molti per gli interessi di pochi, si suppone che in tutti questi secoli si sia imparato da questi sbagli e si abbia adesso una societa' in cui tutti hanno dei diritti inalienabili tra cui parola ed espressione.L'evoluzione che ha avuto l'uomo deve essere e fare parte della cultura di tutti. La scuola e la famiglia devono insegnare questi diritti e doveri insieme agli sbagli del passato e contribuire a formare una societa' sana che generi meno aberrazioni possibili.L'uomo non e' un animale, si suppone che capisca quando un individuo e' malato o vittima di aberrazioni non va punito, censurato, allontanato, ma aiutato o al limite se l'aberrazione non e' pericolosa, ignorato. Gli animali eleggono un capobranco di solito tra i piu' forti, per farsi guidare e difendere. Gli uomini eleggono dei rappresentati (lo Stato) che ne difendano piu' che altro i diritti tra cui anche quello alla vita.Lo Stato si fa portavoce dei diritti e necessita' di coloro che rappresenta, ma non deve dimenticare l'evoluzione che questa societa' ha avuto nei secoli. Fornendo a tutti i membri di tale societa' una cultura derivante da questa evoluzione.A questo punto se ci sono delle aberrazioni, e il passato ci ha insegnato a cosa hanno portato (terrorismo, nazismo, genocidi) ecc. tutti i membri di questa societa' sono consci del fatto che sono cose immonde e senza senso, degli errori del passato da cui dovremmo ormai essere immuni.Se la societa' tutta si rende conto di cio' le manifestazioni di questi pochi individui, che comunque hanno diritto di parola ed espressione, non saranno colte e resteranno li, solo come manifestazioni culturali ma di una cultura che tutti sappiamo essere negativa e quindi in fondo inutile se non al solo scopo conoscitivo e culturale o di semplice soddisfazione per l'individuo malato che la manifesta.Quindi non sara' mai pericolosa e l'autore di tale forma di cultura e' solo un deviato o una persona che si ostina a ripetere sbagli ormai fatti e strafatti o chi ottiene soddisfazione dal'esternare tali manifestazioni.Questa persona quindi non ha senso che venga censurata se i suoi messaggi trovano il muro di gomma dell'evoluzione in una societa' sana e quindi non sortiscono alcun effetto.Perche' questi individui aberrati da soli sono impotenti e cercano proseliti, se la societa' e' sana, non ne trovera' e quindi o guarira' o restera' inoffensivo.L'Italia e in particolare i suoi "capibranco" con questa censura dimostra di essere tornata (o non aver abbandonato) all'istinto animalesco. Invece che partire dal presupposto che tutti hanno il diritto di esprimere le loro opinioni, e conscia del fatto di essere una societa' moderna, sana e ormai immune a queste provocazioni o aberrazioni di alcuni singoli, dove l'individuo aberrato non trovera' proseliti, preferisce la censura ossia si fa portavoce dell'istinto animalesco di sopravvivenza allontanando l'individuo malato. Calpestando diritti acquisiti dagli individui nel mondo moderno in nome della prevenzione che non e' altro che istinto di sopravvivenza.Ricordo che agire per istinto di sopravvivenza e' una prerogativa dei singoli e quindi perdonabile, non lo dovrebbe essere per uno Stato che nel suo complesso si presume abbia una storia e un'organizzazione evoluta per evitare aberrazioni dando buona cultura ed educazione oltre che conoscenza e consapevolezza degli errori della sua storia.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
  • ryoga scrive:
    Libero & Altri...
    Se Libero e altri, la smettessero di regalare spazio web e indirizzi email, si avrebbero un sacco di cose positive :- Meno siti pedopornografici intestati a persone inesistenti- Meno spam da miliardi di indirizzi inesistenti- Piu' banda libera su internet.Speriamo che se ne accorgano presto
    • Mechano scrive:
      Re: Libero & Altri...
      - Scritto da: ryoga
      Se Libero e altri, la smettessero di
      regalare spazio web e indirizzi email, si
      avrebbero un sacco di cose positive :
      - Meno siti pedopornografici intestati a
      persone inesistenti
      - Meno spam da miliardi di indirizzi
      inesistenti
      - Piu' banda libera su internet.
      Speriamo che se ne accorgano prestoCosi' non avremmo neppure siti di appassionati di motociclismo, taglio&cucito, erboristeria, cucina, fumetti, animali, viaggi, computer, meccanica, astrologia, astronomia, ecc. ecc.Stiamo tutti a casa a guardare la TV e facciamo i fruitori passivi delle idee preconfezionate altrui, con altrui inteso come aziende e venditori...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
      • ryoga scrive:
        Re: Libero & Altri...
        Basta non essere cosi "restrittivi".Basterebbe chiedere i documenti di identita' di una persona ( se si vuol dare un accesso free e una casella free ), in modo da riconoscere e perseguire la stessa se commette illeciti.Invece, oggi, puoi benissimo, crearti 1 milione di account su quei portali e attivare altrettante email e siti web.Spesso mi arrivano email da questi siti, di username assurdi, messi su da pippo di Topolinia...... Capito il concetto?
        • Mechano scrive:
          Re: Libero & Altri...
          - Scritto da: ryoga
          Basta non essere cosi "restrittivi".

          Basterebbe chiedere i documenti di identita'
          di una persona ( se si vuol dare un accesso
          free e una casella free ), in modo da
          riconoscere e perseguire la stessa se
          commette illeciti.Quindi tu mi chiederesti di essere schedato per poter parlare di astronomia e cucina? Cosi' come qualche tempo fa grossi siti divulgativi dovevano essere iscritti agli albi dei giornalisti...Leggi mi devono imporre a rilasciare documenti e dare generalita' invece che educare persone a capire ed ignorare fenomeni devianti?Questi siti i dati li chiedono gia', ma se riescono ad essere gratuiti e darci la possibilita' di farci conoscere dal resto del mondo e poter mostrare cosa sappiamo fare e cosa ci piace, e' perche' non vengono obbligati da nessuna legge a dover avere una struttura di raccolta e archiviazione di documenti e schedari, quando dovrebbe essere demandata allo Stato il fornire strumenti culturali e legislativi per prevenire tali fenomeni.Perche' fino a prova contraria io ISP che fornisco spazio web in una nazione mi aspetto che in questa nazione vi siano persone sane, o anche meno sane ma che quelle sane siano in grado di emarginare ed evitare.Anche perche' lo strumento fornito dall'ISP non e' per nulla pericoloso tanto da dover schedare chi lo usa.--Ciao. Mr. Mechano
          • ryoga scrive:
            Re: Libero & Altri...
            :) non parlo di schedare una persona o meno.Ad esempio....se io voglio aprire un account su Libero, vado su REGISTRATI e inserisco :Nome : PippoCognome : PipponioCitta' : Topoliniae cosi via.... alla fine mi registra con l'account pippo12345, e posso partire a fare cio' che piu' mi piace ( aprire un sito sul modellismo, o un sito sui pedofili ).Nel secondo caso, risalire a me, risulta abbastanza difficile, in quanto i miei dati, sono fasulli, e la polizia dovra' lavorare un bel po'.Se invece, dopo la registrazione, l'abilitazione, venisse effettuata solo dietro l'invio di documenti ( che il portale si preoccupera' di archiviare o distruggere -tanto basta verificare che quelli inseriti sono esatti- ), io avrei piu' difficolta' a creare un sito e "passarla liscia" se vado ad infrangere la legge.Stesso discorso per gli spam a contenuto pornografico che sempre piu' vengono inviati da provider quali libero e tiscali.In fondo, ti schedano gia' ora....solo che tu "furbamente" inserisci dati inesatti. Forse, e' ora che i provider, finiscano di fare i "tonti".Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Libero & Altri...
            Sono perfettamente d'accordo con te. Una volta Videonline chiedeva almeno la copia della carta d'identità per avere un indirizzo e-mail. Come mai adesso i provider si comportano così? Credo che qualcuno (autorità garante per la privacy o polizia postale) dovrebbe dirgli di smettere!
          • Anonimo scrive:
            Re: Libero & Altri...
            Senti: se viene qualcuno a casa tua e ti chiede di usare il tuo telefono non preferisci conoscerlo almeno? O lasci che ognuno faccia quel cazzo che vuole col tuo telefono? Per i provider dovrebbe essere la stessa cosa nei confronti degli utenti. E' che loro non sono come te ma pensano solo al business e sono privi di scrupoli e morale!Ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: Libero & Altri...
            - Scritto da: Anonimo
            Senti: se viene qualcuno a casa tua e ti
            chiede di usare il tuo telefono non
            preferisci conoscerlo almeno? O lasci che
            ognuno faccia quel cazzo che vuole col tuo
            telefono? Per i provider dovrebbe essere la
            stessa cosa nei confronti degli utenti. E'
            che loro non sono come te ma pensano solo al
            business e sono privi di scrupoli e morale!
            Ciao!e allora? sono aziende CAPITALISTE e DEVONO produrre profitto di problemucci etici e morali si occupano solo se possono nuocere al profitto.OpenCurcio*** Non esiste il capitalismo etico,il capitalismo deve solo fare profitto ---- G.Ferrara ***
          • Anonimo scrive:
            Re: Libero & Altri...
            n mi hai risposto...sei solo comunista e saccente
          • Anonimo scrive:
            Re: Libero & Altri...
            - Scritto da: Anonimo
            Non mi hai risposto...sei solo comunista e
            saccenteok sono comunista..ma ti ho dato 1 risposta..vediamo di esplicitarla meglio :Quello che io faccio colla linea telefonica su cui pago un affittopoco importa ai fini della discussione posso far telefonare anche uno sconosciuto...e' un problema mioper quanto riguarda Libero tu dici di loro che "pensano solo al business e sono privi di scrupoli e morale"io ho detto che non vi e' nulla di strano e' un azienda capitalista e deve pensare al profitto... non sono benefattoriil capitalismo funziona cosi...molti liberisti sono d'accordo su quest'analisi del capitalismo...la differenza e' che a loro va bene cosi il mondo...a me...no! e considerando l'uomo prima del profitto la vita prima della proprieta, la dignita prima dei bilanci... la salute piu importante del lucro... be ho pensato grazie ai pensatori liberali borghesi(che mi hanno aperto gli occhi) che questo sistema non mi piace...OpenCurcio*** Ne Nazione,Ne Razza : CLASSE ***
          • Mechano scrive:
            Re: Libero & Altri...
            - Scritto da: Anonimo
            Senti: se viene qualcuno a casa tua e ti
            chiede di usare il tuo telefono non
            preferisci conoscerlo almeno? O lasci che
            ognuno faccia quel cazzo che vuole col tuo
            telefono? Per i provider dovrebbe essere la
            stessa cosa nei confronti degli utenti. E'
            che loro non sono come te ma pensano solo al
            business e sono privi di scrupoli e morale!
            Ciao!Il paragone non ha senso, perche' lui non mi chiede se posso fargli usare il telefono, ma sono io che ho deciso di dare questo servizio, e se ho deciso di farlo, ossia gli faccio usare un mezzo di comunicazione, non sono tenuto a prendergli le generalita' perche' questi comunque ha liberta' di parola dato che il telefono e' nato per parlare come per web ed e-mail e non si ha responsabilita' di cio' che altri dicono al telefono, ne' tantomeno sto ad origliarlo per sentire cosa dice e se questo puo' essere contrario ai miei pensieri e ideologie.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Libero & Altri...
            mio paragone ha senso eccome, sei solo saccente e forse anche comunista. Non hai risposto alla mia domanda. Leggiti le norme Telecom sull'uso che devi fare del tuo abbonamento telefonico prima di sparare cazzate!Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Libero & Altri...
            - Scritto da: Anonimo
            Il mio paragone ha senso eccome, sei solo
            saccente e forse anche comunista. Non hai
            risposto alla mia domanda. Leggiti le norme
            Telecom sull'uso che devi fare del tuo
            abbonamento telefonico prima di sparare
            cazzate!
            Ciaosul fatto che io fossi comunista..e' stranoto..ma tu attacchi tutti dandogli del comunista..? mah da cosa capisci che mechano sia comunista?
          • ryoga scrive:
            Re: Libero & Altri...
            -------------QUOTE-----------------------------------Il paragone non ha senso, perche' lui non mi chiede se posso fargli usare il telefono, ma sono io che ho deciso di dare questo servizio, e se ho deciso di farlo, ossia gli faccio usare un mezzo di comunicazione, non sono tenuto a prendergli le generalita' perche' questi comunque ha liberta' di parola dato che il telefono e' nato per parlare come per web ed e-mail e non si ha responsabilita' di cio' che altri dicono al telefono, ne' tantomeno sto ad origliarlo per sentire cosa dice e se questo puo' essere contrario ai miei pensieri e ideologie. -------------QUOTE-----------------------------------Benissimo.Aspettero' il giorno in cui, i parlamentari, o i giudici, faranno pagare a Libero & Co. una forte sanzione amministrativa per pagare i danni che finora hanno contribuito a far aumentare grazie ai loro contrattini "falsi", incentivando lo spam e l'aumento di siti illegali.Cmq. a me nessuno toglie di mente che chi difende Libero e la sua politica, ha la coda di paglia.
          • Mechano scrive:
            Re: Libero & Altri...
            - Scritto da: ryoga
            Benissimo.
            Aspettero' il giorno in cui, i parlamentari,
            o i giudici, faranno pagare a Libero & Co.
            una forte sanzione amministrativa per pagare
            i danni che finora hanno contribuito a far
            aumentare grazie ai loro contrattini
            "falsi", incentivando lo spam e l'aumento di
            siti illegali.
            Cmq. a me nessuno toglie di mente che chi
            difende Libero e la sua politica, ha la coda
            di paglia.Libero sta antipatico anche a me...Ma se dovesse essere punito Libero allora lo si deve fare con Yahoo, Hotmail, e tutti quei siti specie americani che danno connettivita' e/o e-mail e/o spazio web in maniera gratuita e quasi anonima. Poiche' chiedono dei dati ma in tanti ne inseriscono di fittizi. Anche io lo faccio per questioni di privacy, e a tutti i sondaggini per scopi commerciali che ti fanno fare rispondo sempre a caso.Molti di voi non capiscono ancora che Internet non e' un mezzo di comunicazione che va censurato e regolarizzato. Internet e' l'equivalente moderno della piazza, il bar, il bazaar, un luogo di pubblica utilita' ed espressione del proprio io, e in quanto tale non puo' e non deve essere regolamentato e censurato.Se io mi metto in una piazza con un megafono a dire che mi fanno schifo i negri non credo di commettere un reato, neppure se lo faccio al pub con gli amici e conoscenti, la mia aberrazione va ricercata altrove e va corretta dandomi cultura ed educazione. E Internet non e' ne' piu' ne meno che un luogo pubblico come questi, e' il luogo pubblico del futuro, la sua pericolosita' viene esagerata solo dal punto di vista della sua visibilita' ossia il numero di persone che questo mezzo e' in grado di raggiungere.Ma la sua pericolosita' e' anche il suo miglior pregio se quello che vi si fa non e' illegale.Il problema dei documenti. In Inghilterra la gente ha il diritto di camminare senza documenti e anche di non mostrarli a chi glieli chiede, poliziotti compresi.Per stare in una piazza o un pub a parlare, nessuno mi chiede un documento e cosi' non vedo perche' li devo fornire per spedire e-mail e stare in una piazza virtuale.Finche' molte persone vedranno nella piazza virtuale il problema della diffusione di aberrazioni e deviazioni sociali allora non capiranno mai il concetto e il paragone. E non ci sara' mai liberta' di parola e di espressione.Ancora non capite che il problema non e' nel chi ti permette di stare in piazza, ma nell'educazione socio-culturale delle persone che ci stanno, e' li che bisogna cercare il problema non nei provider di servizi.--Ciao. Mr. Mechano
          • ryoga scrive:
            Re: Libero & Altri...
            Ancora non capite che il problema non e' nel chi ti permette di stare in piazza, ma nell'educazione socio-culturale delle persone che ci stanno, e' li che bisogna cercare il problema non nei provider di servizi-----------------------------------------------------------------Anche tu hai ammesso di inserire dati falsi.Dato che tutti lo fanno, non c'e' altra scelta, che "costringere" chi vuol usufruire di alcuni servizi, a dare prove delle proprie dichiarazioni nei vari moduli.
          • Mechano scrive:
            Re: Libero & Altri...
            - Scritto da: ryoga
            Anche tu hai ammesso di inserire dati falsi.
            Dato che tutti lo fanno, non c'e' altra
            scelta, che "costringere" chi vuol usufruire
            di alcuni servizi, a dare prove delle
            proprie dichiarazioni nei vari moduli.Anche io voglio entrare in una piazza o un pub, e se qualcuno vuole sapere come mi chiamo, ho il diritto di non dirglielo. Vado in una piazza a parlare, e parlare di qualsiasi cosa e' un mio diritto, anche di come si fabbricano bombe o su quanto siano sporchi i negri. Poi sta alla coscienza degli altri occasionali spettatori ignorarmi (in questi casi).E poi i moduli di cui parlo sono ricerche a fini commerciali, e quella e' un'altra cosa che mi sta antipatica. Compilandoli con dovizia li metto sulla buona strada sulle mie preferenze in fatto di consumi cosi' sanno come fregarmi meglio sul portafogli...Ed avere una mail anonima o pseudo-anonima e' un mio diritto per poter dire come la penso in situazioni in cui vedo qualcosa che non mi piace, senza essere perseguito o indagato.Piu' andiamo avanti e piu' e' preziosa la privacy e l'anonimato, bombe o non bombe.--Ciao. Mr. Mechano
          • Schicchi scrive:
            Re: Libero & Altri...

            - Scritto da: ryoga

            Anche tu hai ammesso di inserire dati falsi.

            Dato che tutti lo fanno, non c'e' altra

            scelta, che "costringere" chi vuol usufruire

            di alcuni servizi, a dare prove delle

            proprie dichiarazioni nei vari moduli.OK, esistono siti dove si dice che i negri sono sporchi. Dobbiamo averne paura? Direi che semmai dobbiamo aver paura del fatto che ci sia tanta gente che lo pensa, NON che ci sia gente che lo scrive su internet. Anzi, paradossalmente il fatto che ci siano siti dove la cosa viene pubblicizzata aiuta a far emergere il problema... sarebbe forse meglio che i razzisti se ne stessero rintanati come carbonari a complottare per rovesciare l'ordine costituito? Io dubito che chiunque abbia un minimo di comprendonio si converta al razzismo solo perche' ne legge su internet. O uno e' razzista, ed allora non sara' certo chiudendo un sito internet che si risolvera' il problema (ammesso che sia un problema, o per lo meno che sia un problema della societa' e non suo) oppure non lo e', ed allora vedere nero su bianco cosa ne pensano certi individui lo aiutera' a capire come va il mondo.Non esistono siti per *diventare* razzisti... andiamoci piano coi reati di opinione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Libero & Altri...
            - Scritto da: ryoga
            Se invece, dopo la registrazione,
            l'abilitazione, venisse effettuata solo
            dietro l'invio di documenti ( che il portale
            si preoccupera' di archiviare o distruggere
            -tanto basta verificare che quelli inseriti
            sono esatti- ), io avrei piu' difficolta' a
            creare un sito e "passarla liscia" se vado
            ad infrangere la legge.
            ok......ma!!.....perchè limitarsi solo a questo?(Non è la prima volta che lo faccio notare)Tu ad esempio potresti spedire una normale lettera ordinaria con tanto di francobollo, o un pacchetto, con dentro del materiale pedopornografico. quindi mi sembra giusto che per inviare una lettera o una cartolina (potresti inviare degli insulti) tu debba presentare un documento di identità valido.Si potrebbe dire la stessa cosa per i normali acquisti......azz, quando compri un coltello ....potresti usarlo per uccidere qualcuno....oppure del concime.....potresti farci uma bomba...massi....che ci frega tanto noi non siamo colpevoli di nulla(almeno per ora)ciao paolo
  • Anonimo scrive:
    Non per spam....
    Ma mi ha preso un colpo quando ho visto la home page di oggi di PI.. visto che amministro un forum che si chiama The Dark Side of HWU forum... :D:D:D ed ha proprio quel logo... praticamente.... http://luvi.altervista.org/forum//templates/subSilver/images/logo_phpBB.gif
  • Anonimo scrive:
    Quando...
    verranno chiusi i tanti siti che propagandano ideologie rivoluzionarie di sinistra??????????Perchè un'ideologia di estrema destra (a cui sono contrario, chiariamo!!!) viene giustamente perseguitata mentre chi parla di comunismo combattente viene tollerato????Fatevi un giretto su Google, ne troverete a dozzine!!!!!!!Per non parlare poi di quei bravi ragazzi no global, disobbedienti, centri sociali e vari.. Tutte brave persone, tutti innocenti, tutti pacifisti.. VERO???????
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando...
      stai male...stai piu' male di questo governo di sbandati..
      • Anonimo scrive:
        Re: Quando...
        Perchè non provi ad attivare il tuo mono-neurone prima di rispondere?- Scritto da: Anonimo
        tu stai male...stai piu' male di questo
        governo di sbandati..
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando...
      Non preoccuparti, l'obiettivo delle classi dominanti è proprio quello di tappare la bocca a chiunque sia contro corrente. Ancora non vengono oscurati i siti "di sinistra", come li chiami tu, poichè non rappresentano nessun pericolo immediato, perchè contengono analisi politiche e sociali difficilmente attaccabili (a differenza delle bestialità razziste...), e perchè non si spingono oltre certi limiti, di visibilità e linguaggio.Purtroppo non credere, la censura cercherà di raggiungere anche loro. Sta a noi difendere la liberta del web. Tu inneggi la censura per tutti. Io inneggio la libertà per tutti. Anche se non condivido assolutamente la presenza sul web di un sito dalla matrice fascista e razzista, so che la sua chiusura rappresenterà un precedente, e per piccoli passi cercheranno di arrivare ad arginare e controllare ogni spazio d'informazione.Ricordo che la libertà d'espressione rimane tale, e ci mancherebbe, anche quando è scomoda! Son concetti che risalgono alla rivoluzione francese, ma il nostro mondo, iper tecnologico e foderato di veline per addormantare le coscienze, li sta velocemente rimuovendo. Pensiamoci.Cordialmente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quando...
        Io non sono per la censura totale, però non capisco come mai si ha così paura di due imbecilli fascisti mentre appena sotto la superficie della legalità ribolle un fermento rivoluzionario di sinistra da far paura.....- Scritto da: Anonimo
        Non preoccuparti, l'obiettivo delle classi
        dominanti è proprio quello di tappare la
        bocca a chiunque sia contro corrente. Ancora
        non vengono oscurati i siti "di sinistra",
        come li chiami tu, poichè non rappresentano
        nessun pericolo immediato, perchè contengono
        analisi politiche e sociali difficilmente
        attaccabili (a differenza delle bestialità
        razziste...), e perchè non si spingono oltre
        certi limiti, di visibilità e linguaggio.

        Purtroppo non credere, la censura cercherà
        di raggiungere anche loro. Sta a noi
        difendere la liberta del web. Tu inneggi la
        censura per tutti. Io inneggio la libertà
        per tutti.
        Anche se non condivido assolutamente la
        presenza sul web di un sito dalla matrice
        fascista e razzista, so che la sua chiusura
        rappresenterà un precedente, e per piccoli
        passi cercheranno di arrivare ad arginare e
        controllare ogni spazio d'informazione.
        Ricordo che la libertà d'espressione rimane
        tale, e ci mancherebbe, anche quando è
        scomoda! Son concetti che risalgono alla
        rivoluzione francese, ma il nostro mondo,
        iper tecnologico e foderato di veline per
        addormantare le coscienze, li sta
        velocemente rimuovendo.

        Pensiamoci.

        Cordialmente.
    • Mechano scrive:
      Re: Quando...
      Scritto da: Anonimo
      Per non parlare poi di quei bravi ragazzi no
      global, disobbedienti, centri sociali e
      vari.. Tutte brave persone, tutti innocenti,
      tutti pacifisti.. VERO???????Io starei attento a parlare male dei no-global. E' come con gli hacker e i cracker.I movimenti dei no-global sono un po' come i guardiani dell'economia e dell'etica proprio come gli hacker lo sonoquelli della rete e dei diritti dei cittadini telematici, sono persone che lottano contro le multinazionali del profitto e la distruzione dei piccoli mercati e delle identita' culturali.Se all'interno ci si mischiano persone che non hanno capito niente, o vengono marcate come no global persone violente che non hanno capito il senso del problema questo non significa che tutto il movimento sia marcio.I no global lavorano anche per te, per darti un futuro senza OGM e senza classismo, ma soprattutto un futuro che non sia standardizzato e preconfezionato.I no global lavorano per difenderti dal falso altruismo delle multinazionali e dei governi corrotti che le appoggiano.No global = violenza e/o ignoranza e' una propaganda voluta dalle aziende e dai politici corrotti che tramite i mass media vogliono diffondere un messaggio destabilizzante contro persone che invece difendono altre persone contro le bugie del potere capitalistico. Il che non significa che i no global siano comunisti anzi, sono solo persone che vogliono difendere un vivere sano in una crescita culturale globale e non uno fruttamento economico globale.Ti consiglierei di guardare molta meno televisione o cercare di sviluppare un senso critico davanti a tutto quello che vedi e senti...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
      • ryoga scrive:
        Re: Quando...
        usa l'OT, ma....anche Giuliani era un no global pacifista vero?Diciamo che in ogni luogo/movimento, esistono quelli + calmi e quelli + esagitati.L'importante e' che i movimenti e i gruppi, per la loro sopravvivenza, incomincino a sbatter fuori quelli + pericolosi, altrimenti, la massa pensera' sempre che il movimento o il gruppo sia tutto marcio.P.s. : Politici corrotti e mass media non c'entrano nulla con quello che successe a Genova.*Per non dimenticare*
      • Anonimo scrive:
        Re: Quando...

        Io starei attento a parlare male dei
        no-global. E' come con gli hacker e i
        cracker.
        I movimenti dei no-global sono un po' come i
        guardiani dell'economia e dell'etica proprio
        come gli hacker lo sonoquelli della rete e
        dei diritti dei cittadini telematici, sono
        persone che lottano contro le multinazionali
        del profitto e la distruzione dei piccoli
        mercati e delle identita' culturali.Se permetti, scelgo io di lottare per ciò che ritengo giusto, di certo non delego la mia lotta a quei 4 cialtroni....
        Se all'interno ci si mischiano persone che
        non hanno capito niente, o vengono marcate
        come no global persone violente che non
        hanno capito il senso del problema questo
        non significa che tutto il movimento sia
        marcio.Non è mai stata fatta una dichiarazione chiara di dissociazione.. Guarda caso ad ogni corteo si ripresentano sempre le stesse facce da galera... Ah, ma scusa, sono poliziotti che si fingono dimostranti.. Dimenticavo!!!!
        I no global lavorano anche per te, per darti
        un futuro senza OGM e senza classismo, ma
        soprattutto un futuro che non sia
        standardizzato e preconfezionato.
        I no global lavorano per difenderti dal
        falso altruismo delle multinazionali e dei
        governi corrotti che le appoggiano.No, grazie... Non voglio il loro lavoro, voglio essere libero di scegliere chi mi rappresenta e loro NON MI RAPPRESENTANO!!!!!Chi mi difende dal falso altruismo e dal falso pacifismo di questi movimenti???
        No global = violenza e/o ignoranza e' una
        propaganda voluta dalle aziende e dai
        politici corrotti che tramite i mass media
        vogliono diffondere un messaggio
        destabilizzante contro persone che invece
        difendono altre persone contro le bugie del
        potere capitalistico. Il che non significa
        che i no global siano comunisti anzi, sono
        solo persone che vogliono difendere un
        vivere sano in una crescita culturale
        globale e non uno fruttamento economico
        globale.No, non sono comunisti, sono capitalisti!!!!!!!!!!!!!!Ma fammi il piacere dai, questa te la potevi risparmiare!!!!E' solo la scusa per poter organizzare un movimento rivoluzionario anticapitalista..A che serve spaccare le vetrine dei Mc Donald's????? Basta informare la gente delle schifezze che si cucinano lì, però poi ognuno è libero di andare e mangiare ciò che vuole!!!!!!!!!!
        Ti consiglierei di guardare molta meno
        televisione o cercare di sviluppare un senso
        critico davanti a tutto quello che vedi e
        senti...La TV la guardo pochissimo, per fortuna...Ti consiglio di frequentare un pò meno certa gente che ti ha messo i paraocchi e di usare un pò di più la tua testa invece di quella del "movimento"...
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando...
      - Scritto da: Anonimo
      verranno chiusi i tanti siti che
      propagandano ideologie rivoluzionarie di
      sinistra??????????
      Perchè un'ideologia di estrema destra (a cui
      sono contrario, chiariamo!!!) viene
      giustamente perseguitata mentre chi parla di
      comunismo combattente viene tollerato????
      Fatevi un giretto su Google, ne troverete a
      dozzine!!!!!!!
      Per non parlare poi di quei bravi ragazzi no
      global, disobbedienti, centri sociali e
      vari.. Tutte brave persone, tutti innocenti,
      tutti pacifisti.. VERO???????Quando li chiuderanno? Quando inizieranno a sparare a vista a quelli che sfondano una vetrina di un negozio a mazzate durante una "manifestazione" o a quelli che oltrepassano un limite invalicabile. La linea della zona rossa al G8 era un limite, le recinzioni delle caserme e ambasciate americane prese d'assalto all'inizio della guerra in q8 erano un limite...perchè nessuno ha sparato? un colpo in aria, due, e dopo puntare alle gambe ai pochi rimasti...un solo problema, erano di sinistra, sinistroidi e anarchici intoccabili!
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando...
      - Scritto da: Anonimo
      verranno chiusi i tanti siti che
      propagandano ideologie rivoluzionarie di
      sinistra??????????
      Perchè un'ideologia di estrema destra (a cui
      sono contrario, chiariamo!!!) viene
      giustamente perseguitata mentre chi parla di
      comunismo combattente viene tollerato????
      Fatevi un giretto su Google, ne troverete a
      dozzine!!!!!!!
      Per non parlare poi di quei bravi ragazzi no
      global, disobbedienti, centri sociali e
      vari.. Tutte brave persone, tutti innocenti,
      tutti pacifisti.. VERO???????meno male che ti sei risposto da solo. certo che è vero.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando...
      - Scritto da: Anonimo
      verranno chiusi i tanti siti che
      propagandano ideologie rivoluzionarie di
      sinistra??????????se non istigano direttamente alla violenza (nessuno dice sprangate i fasci) non commettono reato
      Perchè un'ideologia di estrema destra (a cui
      sono contrario, chiariamo!!!) viene
      giustamente perseguitata mentre chi parla di
      comunismo combattente viene tollerato????comunismo combattente???? l'unico PC armato e' clandestino (BR-PCC)
      Fatevi un giretto su Google, ne troverete a
      dozzine!!!!!!!zero solo articoli e dossier sulle BR molti di area borghese..ma tutti puramente descrittivi
      Per non parlare poi di quei bravi ragazzi no
      global, disobbedienti, centri sociali e
      vari.. Tutte brave persone, tutti innocenti,
      tutti pacifisti.. VERO???????si sono pacifici e innocenti......a differenza di certi personaggi in parlamento(corrotti , ex ordinovisti ,p2isti ecc)
  • Anonimo scrive:
    Re: io invece dico che...
    - Scritto da: Anonimo
    Qui nessuno è malato quando esprime la sua
    opinione.
    Scusa l'intrommissione ma studia di più, tu.Ma come pensi?Se un malato scrive un post, quel post ha il segno della sua malattia.Anche a mio avviso e' sbagliatissimo offendere, tanto pù quando si ha a che fare con i malati e sicuramente una risposta come quella non ha guarito nessuno.Probabilmente e' stato lo sfogo di un razzista che odia i razzisti. Magari e' una nuova tendenza.E poi io ho il diritto di pensarla come voglio e di fare icche' mi pare, ora ho deciso che tutti voi siete esseri inferiori, ho le prove, mi trovo un bel sitino per la costruzione di bombe-fai-da-te e si vede se non ho ragione. (Devo avere due linee di febbre.)
  • Anonimo scrive:
    Non ho parole...!
    La Polizia Postale (giustamente) ha oscurato due siti, uno che incitava all'odio e al razzismo, l'altro che insegnava a costruire ordigni esplosivi; e che cosa trova trovo leggendo i commenti? Gente che sta criticando!!! Ma io dico: Ma ci fate o ci siete? Non vi sta bene? Allora perchè non andate a dirlo alla Polizia? Non avete coraggio, vero? E magari fate anche parte di quelli che hanno esposto la bandiera della pace! Già...tutti pacifisti...poi...L'intelligenza e l'educazione sotto le scarpe!
    • Anonimo scrive:
      Neanch'io
      Perchè mi devi spiegare che centra la bandiera della pace...Ma forse non lo sai neppure tu!Era tanto per scrivere qualcosa vero? Piove, governo ladro....Cordialmente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Neanch'io
        ntra perchè molta gente l'ha esposta soltanto per un fine prettamente politico! E non perchè sono veri pacifisti! ...quelli sono una bassissima percentuale. Si nota anche girando per il forum di Punto Informatico, che oramai frequento sempre meno. Fai un'analisi delle persone e quello che scrivono, poi capirai...se hai un pò di intelligenza! Ogni cosa che le nostre forze dell'ordine fanno o che il nostro Stato fà è soggetto a dure e stupide critiche! Uno stato non cresce se il 90% della popolazione rema contro!Tu hai scritto "Governo ladro", come ti permetti? Chi sei?Non vi piace l'Italia? ...ANDATEVENE!
        • Anonimo scrive:
          Ma allora gli alieni esistono!
          , sono sbalordito...Spiego, per i marziani, che "Piove , governo ladro!" è una famosissima espressione ironica per parafrasare l'italica tendenza ad accusare il governo per qualsiasi cosa non funzioni nel paese.Poi che non si possa accusare la classe politica di un paese senza essere costretti all'esilio è un retaggio fascista che, grazie a dio solo pochi vorrebbero veder tornare, anche se qualcuno ai piani alti potrebbe avere un certo interesse nella cosa (magari qualche insindacabile... unto dal signore :-) ) .E poi, mi si consenta, tutto questo è davvero OT, per cui capirò i moderatori quando sposteranno in blocco questa discussione senza ne capo ne coda!Cordialmente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Neanch'io
          - Scritto da: Anonimo
          Centra perchè molta gente l'ha esposta
          soltanto per un fine prettamente politico! E
          non perchè sono veri pacifisti! ...Il mio trollometro e' arrivato al 99%, il vostro?holacrack
        • Anonimo scrive:
          Re: Neanch'io
          - Scritto da: Anonimo
          Centra perchè molta gente l'ha esposta
          soltanto per un fine prettamente politico! E
          non perchè sono veri pacifisti! ...quelli
          sono una bassissima percentuale. Anche la pace è politica dato che l'indirizzo "guerraiolo" o "pacifista" di uno stato viene definito dal suo governo che, guarda caso, è composto da politici.Poi si può essere pacifisti per motivi religiosi indipendenti dalla politica, ma l'indirizzo politico di uno stato non può essere definito dalla religione, altrimenti saremmo in una teocrazia modello afgano....Quindi: pace come diretta conseguenza della politica
          Ogni cosa che le nostre forze
          dell'ordine fanno o che il nostro Stato fà è
          soggetto a dure e stupide critiche! Se fanno delle cavolate è giusto che siano anche loro criticate, è così che funziona una democrazia.Detto questo, non mi pare che sia stata una trovata malvagia quella di oscurare un sito che incitava all'odio razziale ! (ovvio che bisogna anche prendere i responsabili e magari metterli in una cella con una cinquantina di extracomunitari incazzati....)
          Uno stato non cresce se il 90% della popolazione
          rema contro!Se il 90% della popolazione "rema contro" allora vuol dire che il governo non rappresenta la maggioranza della popolazione (ma solo il 10%) e quindi o cambia indirizzo o va a casa !Inoltre (per fortuna) esiste ancora la libertà di dissentire.
          Tu hai scritto "Governo ladro", come ti
          permetti? Chi sei?A parte che non sono io che l'ho scritto, mi permetto di farti notare quanto detto sopra, siamo in democrazia, tutti possono dissentire
          Non vi piace l'Italia? ...ANDATEVENE!No, ho un idea migliore, andiamo a votare (un altro governo) !
    • Mechano scrive:
      Re: Non ho parole...!
      - Scritto da: Anonimo
      La Polizia Postale (giustamente) ha oscurato
      due siti, uno che incitava all'odio e al
      razzismo, l'altro che insegnava a costruire
      ordigni esplosivi; e che cosa trova trovo
      leggendo i commenti? Gente che sta
      criticando!!! Io chiamo siti come quelli forme d'espressione, e cultura underground.Se uno Stato necessita di censurarli allora vuol dire che gli abitanti in quello Stato non sono in grado di capire e proteggersi da soli evitando e lasciando perdere siti come quelli.Io credo che uno Stato sia sano e immune dagli atti di propaganda razzista e pericolosa quando i suoi cittadini hanno una buona educazione e cultura.L'Italia invece e' uno Stato dove sono mancate sia educazione che cultura. E basta guardarne le sue trasmissioni televisive che sono specchio dei reali interessi e tendenze della maggioranza dei telespettatori che le guardano.Il sito per la costruzione di ordigni esplosivi e' cultura, in una forma particolare ma sempre cultura, ed espressione di conoscenza. A molti potrebbe servire piu' che altro per capire come potersi difendere da attentati o comunque imparare che le cazzate che vede nei film d'azione sono certamente cazzate, insomma cultura personale comunque. Quello sul razzismo e l'incitazione alla violenza e' espressione di odio o direi piu' paura per il diverso che nella storia dell'uomo e' sempre esistita. Un cittadino sano culturalmente ed emotivamente capisce da se che e' espressione di pochi imbecilli e non lo dovrebbe corrompere piu' di tanto.Ma in Italia si censura perche' noi cittadini dobbiamo essere protetti da culture che potrebbero corromperci o darci in mano potenti mezzi di distruzione...Io la definisco una forma di censura non molto diversa da quella che viene fatta da nazioni con regimi totalitari come Cina e Vietnam o Corea del Nord.E soprattutto mi reputo anche offeso, perche' il mio Governo mi reputa abbastanza ignorante e stupido da non capire e quindi di essere corruttibile da simili manifestazioni d'imbecillita' (razzismo) e di pericolosita' della cultura underground per gli ordigni esplosivi.Tra l'altro vi invito caldamente ad andare almeno una volta agli Hack Meeting che si svolgono in Belgio, Olanda e paesi dalle mentalita' di piu' ampio respiro. Scoprirete tante cose impensabili tra le tende dei coltivatori di marjuana, gli scassinatori, i chimici e gli elettronici, dove vengono illustrate teniche di coltivazione di droghe leggere, di esplosivi e prodotti chimici, di circuiti e radio per ascoltare frequenze come quelle della polizia e flasher per accecare i telelaser per l'eccesso di velocita', tecniche di apertura di centinaia di modelli di serrature e tante altre cosine interessanti. E il tutto sotto l'occhio vigile delle autorita' che pero' non intervengono e lasciano fare di queste manifestazioni poiche' gli accordi con gli organizzatori contemplano la liberta' di espressione in tutte le sue forme compresa quella underground.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ho parole...!
        ..."Tra l'altro vi invito caldamente ad andare almeno una volta agli Hack Meeting che si svolgono in Belgio, Olanda e paesi dalle mentalita' di piu' ampio respiro. Scoprirete tante cose impensabili tra le tende dei coltivatori di marjuana, gli scassinatori, i chimici e gli elettronici, dove vengono illustrate teniche di coltivazione di droghe leggere, di esplosivi e prodotti chimici, di circuiti e radio per ascoltare frequenze come quelle della polizia e flasher per accecare i telelaser per l'eccesso di velocita', tecniche di apertura di centinaia di modelli di serrature e tante altre cosine interessanti. E il tutto sotto l'occhio vigile delle autorita' che pero' non intervengono e lasciano fare di queste manifestazioni poiche' gli accordi con gli organizzatori contemplano la liberta' di espressione in tutte le sue forme compresa quella underground...."Tutto ciò viola la legge, e violare la legge me la chiami libertà di espressione? Finchè giochi a fare l'inventore ok, ma non credo che quelle cose vengano progettate per lasciarle sulla carta! Mostrare al "mondo" come costruire esplosivi in un momento ad alto rischio di terrorismo è per me pericoloso! E va tolto di mezzo! Vallo a dire a chi ha perso una persona cara in un attentato...
        • Mechano scrive:
          Re: Non ho parole...!
          - Scritto da: Anonimo
          poiche' gli accordi con gli organizzatori
          contemplano la liberta' di espressione in
          tutte le sue forme compresa quella
          underground...."

          Tutto ciò viola la legge, e violare la legge
          me la chiami libertà di espressione? Finchè
          giochi a fare l'inventore ok, ma non credo
          che quelle cose vengano progettate per
          lasciarle sulla carta! Mostrare al "mondo"
          come costruire esplosivi in un momento ad
          alto rischio di terrorismo è per me
          pericoloso! E va tolto di mezzo! Vallo a
          dire a chi ha perso una persona cara in un
          attentato...Allora hai difficolta' a capire il mio pensiero...Se uno Stato e' sano e i suoi cittadini hanno avuto una buona educazione e cultura, anche queste forme di censura non hanno motivo d'essere attuate e perche' quelle espressioni restano per l'appunto solo espressioni di cultura. Esistono ed esisteranno sempre. Conoscerle serve per soddisfazione personale, ma certe volte anche per potersi/sapersi difendere.Queste forme di cultura sono sempre esistite e circolano pero' soltanto tra gli "addetti ai lavori". In moltissimi casi conoscerle tutti puo' essere utile a costruire oggetti, case, organi di polizia e comunque una societa' migliore, proprio perche' si sa che esistono pericoli di questo tipo e si ha un aiuto in piu' per prevenirne le conseguenze.A monte di tutto ci sta una buona educazione della persona che deve venire dalla qualita' delle scuole di un paese e dalle sue Istituzioni che devono diffondere leggi e consapevolezza del loro rispetto, cosi' come un sistema giudiziario che garantisca oltre all'efficienza la certezza della pena.Da questo punto di vista capisco perche' in Belgio ed Olanda le droghe leggere, ma anche certi tipi di manifestazioni culturali underground siano permessi e invece a "Coglionilandia" (in Italia cit. Pippo Franco) si ha paura per donne e bambini e ci si prodighi da una parte di far finta di difenderli e dall'altra di trattarli come imbecilli e derubarli per giunta.L'Italia e' il paese delle soap opera e delle facezie, dove una vera cultura non e' mai esistita e non esistera' mai finche' ci sara' tanta strafottenza e poca attenzione a tutti i problemi derivanti da mancanza di cultura e serieta' delle persone e delle istituzioni.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            Wow! che fortuna ha lo stato sano Olanda!I sui cittadini sapranno come difendersi dai "coltivatori", visto che sanno come coltivarle sapranno anche come "debellere queste piante minaccia per la società", sapranno costruirsi una serratura per difendersi dai ladri e anche come disinnescare una bomba sotto casa loro! Mah...Devi però pensare che nello stato malato Italia (solo qui) esiste anche gente non del tutto mentalmente sana, con manie varie (Unabomber) che per far parlare di loro sono pronti a tutto. Un sito come quello che indicava come fabbricare bombe penso che gli avrebbe fatto comodo...
          • Mechano scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Anonimo
            Wow! che fortuna ha lo stato sano Olanda!
            I sui cittadini sapranno come difendersi dai
            "coltivatori", visto che sanno come
            coltivarle sapranno anche come "debellere
            queste piante minaccia per la società",
            sapranno costruirsi una serratura per
            difendersi dai ladri e anche come
            disinnescare una bomba sotto casa loro!
            Mah...E infatti in Olanda la marjuana e le droghe leggere sono libere. Le statistiche di furti e attentati dicono che non c'e' quasi nulla e invece piangono i mali e le infelicita' delle societa' moderne portati dal benessere e dal consumismo.Stando alle tue affermazioni dovrebbero piangere quelli da attentati e furti oltre che produzione e vendita di stupefacenti.
            Devi però pensare che nello stato malato
            Italia (solo qui) esiste anche gente non del
            tutto mentalmente sana, con manie varie
            (Unabomber) che per far parlare di loro sono
            pronti a tutto. Un sito come quello che
            indicava come fabbricare bombe penso che gli
            avrebbe fatto comodo...In Italia infatti mi confermi che personaggi come Unabomber esistono nonostante la censura su argomenti inerenti gli esplosivi.E mi confermi anche la sua scarsa sanita' mentale e desiderio di protagonismo causato invece che da buona cultura ed educazione portata dai mass media di Stato, da eccessiva spettacolarizzazione e passivita' voluta dalle aziende e i loro commerci.Come anche la crescita dell'uso e consumo di droghe leggere e di quelle sintetiche, nonostante la proibizione.Ti ringrazio.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            xchè non vai a vivere in olanda allora? fa più comodo parlarne da qui?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Anonimo
            xchè non vai a vivere in olanda allora? Però, che argomenti.Quando non si sa più cosa rispondere a una critica tutto sommato costruttiva, si comincia a sparar 'ste caxxate
            fa
            più comodo parlarne da qui?Ma mi spieghi che cazzo vuol dire? Pensi che in Olanda non si viva meglio che qua? Pensi per caso che se uno ci volesse andare, ci potrebbe andare così, su due piedi? Non ti viene in mente che per caso uno qui si è fatto una famiglia, ha un lavoro e non può prendere e andarsene in questo modo?Mah...
          • Mechano scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Anonimo

            xchè non vai a vivere in olanda allora?
            Però, che argomenti.
            Quando non si sa più cosa rispondere a una
            critica tutto sommato costruttiva, si
            comincia a sparar 'ste caxxate

            fa più comodo parlarne da qui?
            Ma mi spieghi che cazzo vuol dire? Pensi che
            in Olanda non si viva meglio che qua? Pensi
            per caso che se uno ci volesse andare, ci
            potrebbe andare così, su due piedi? Non ti
            viene in mente che per caso uno qui si è
            fatto una famiglia, ha un lavoro e non può
            prendere e andarsene in questo modo?
            Mah...Rispondo a te data la sterilita' di opinioni dell'altra persona. Io ho vissuto per alcuni anni in Svizzera, poi al nord Italia, provenivo dal capoluogo siciliano e per lavoro ho avuto modo di girare tantissimo e vedere culture diverse all'interno del nostro paese.Perche' non me ne vado a vivere in Olanda? Perche' e' piatta, tutta in pianura e piove troppo.Mi sembrano argomenti importanti per un motociclista che ama le bellissime strade del paese piu' bello del mondo.Perche' le sue citta' sono splendide e anche la sua cucina. Perche' "Dio da sempre il pane a chi non ha i denti". Cioe' grandi ricchezze e fortuna a chi non se la merita. Ossia cultura e buonsenso agli Olandesi e un bel paese agli Italiani.Eppure basterebbe un minimo di impegno e imparare dagli errori del passato per non ripeterli. Basterebbe anche solo guardare a chi c'e' riuscito e sta meglio invece che reinventare la ruota, e questo non significa essere copioni o non originali, ma e' una cosa che ci risparmia tempo e problemi.Io sono contento della formazione di una Comunita' Europea per il semplice fatto che con la sempre piu' agguerrita cattiveria e maleducazione delle aziende e dei commercianti disposti anche a corrompere politici ai quali non frega nulla delle conseguenze delle loro decisioni quidate da questi interessi, in una comunita' in cui si viene guardati e giudicati da altri piu' potenti o piu' seri per alcune cose, ci si limita nella corruzione e nell'opportunismo. Ma e' dura anche cosi'.Quindi tornando alla censura, anche in questo bisognerebbe guardare a paesi che hanno affrontato il problema di un passato nazista o di altre situazioni e prenderli come esempio invece invece che nascondere la testa come gli struzzi.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Mechano
            Rispondo a te data la sterilita' di opinioni
            dell'altra persona.
            Io ho vissuto per alcuni anni in Svizzera...[MEGA-CUT]
            Ciao.
            Mr. Mechano
            mechano@punto-informatico.itChe dire... parole sante!Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!

            E infatti in Olanda la marjuana e le droghe
            leggere sono libere. Le statistiche di furti
            e attentati dicono che non c'e' quasi nulla
            e invece piangono i mali e le infelicita'
            delle societa' moderne portati dal benessere
            e dal consumismo.
            Stando alle tue affermazioni dovrebbero
            piangere quelli da attentati e furti oltre
            che produzione e vendita di stupefacenti.

            In Italia infatti mi confermi che personaggi
            come Unabomber esistono nonostante la
            censura su argomenti inerenti gli esplosivi.si, e se unabomber non fosse riuscito a trovare informazioni forse (dico forse) non sarebbe riuscito nel suo intento
            E mi confermi anche la sua scarsa sanita'
            mentale e desiderio di protagonismo causato
            invece che da buona cultura ed educazione
            portata dai mass media di Stato, da
            eccessiva spettacolarizzazione e passivita'
            voluta dalle aziende e i loro commerci.piano, non ho detto questo. Non ho mai parlato di cultura o educazione, (che, concordo, è pessima) ho detto solo che le persone mentalmente poco sane ci sono, non aiutiamole a fabbricare bombe, tutto qui
            Come anche la crescita dell'uso e consumo di
            droghe leggere e di quelle sintetiche,
            nonostante la proibizione.mi dispiace di questo aumento, sono favorevole anch'io alla legalizzazione, almeno lo stato potrà guadagnarci e, in parte, ripagare le spese mediche come sta facendo col fumo. Ma non penso che porti a nulla di buono legalizzare la diffusione di informazioni su come costruire una bomba

            Ti ringrazio.

            --
            Ciao.
            Mr. Mechano
            mechano@punto-informatico.itPS: quello che ti ha risp sotto non ero io
          • psik0 scrive:
            Re: Non ho parole...!
            Scusami tanto, ma credi che CHI VERAMENTE VUOLE FARE DANNI, non trova mezzi migliori, più completi e MENO INTERCETTABILI che guardare un sito internet?Credi VERAMENTE che unabomber costruisce i suoi ordigni seguendo le istruzioni
          • psik0 scrive:
            Re: Non ho parole...!
            Scusate, click infame...continuo...- Scritto da: psik0
            Scusami tanto, ma credi che CHI VERAMENTE
            VUOLE FARE DANNI, non trova mezzi migliori,
            più completi e MENO INTERCETTABILI che
            guardare un sito internet?
            Credi VERAMENTE che unabomber costruisce i
            suoi ordigni seguendo le istruzioni contenute su un sito?O magari credi che in italia i mafiosi non hanno pistole perche non le vendono come in america???Ma dai ragazzi, apriamo gli occhi, non è con una QUALSIASI forma di censura che si può fermare il crimine...!
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: psik0
            Scusami tanto, ma credi che CHI VERAMENTE
            VUOLE FARE DANNI, non trova mezzi migliori,
            più completi e
            MENO INTERCETTABILI chemeno intercettabili???? non credo che per ogni attentato vengano spulciati tutti i log degli accessi a tutti i siti che si occupano di come costruire una bomba...ti pare?
            guardare un sito internet?
            Credi VERAMENTE che unabomber costruisce i
            suoi ordigni seguendo le istruzionichi veramente vuol far danni o stragi troverà materiale anche da un'altra parte, ma chi ti dice che a qualche psicopatico, guardando un sito su come si costruiscono bombe, non venga in mente di piazzartene una sotto casa? E chi ti dice che unabomber all'inizio non sia stato uno di quelli?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Anonimo
            chi veramente vuol far danni o stragi
            troverà materiale anche da un'altra parte,
            ma chi ti dice che a qualche psicopatico,
            guardando un sito su come si costruiscono
            bombe, non venga in mente di piazzartene una
            sotto casa? E chi ti dice che unabomber
            all'inizio non sia stato uno di quelli?E allora censuriamo i film con Bruce Willis dove esplode tutto, non si sa mai che qualcuno imiti i cattivi... peche' chi ci dice che unabomber non si sia ispirato ad un libro od ad un film?Ma a ben guardare, il problema sta nel film/sito/libro o nella testa di chi poi agisce?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            chi veramente vuol far danni o stragi

            troverà materiale anche da un'altra parte,

            ma chi ti dice che a qualche psicopatico,

            guardando un sito su come si costruiscono

            bombe, non venga in mente di piazzartene
            una

            sotto casa? E chi ti dice che unabomber

            all'inizio non sia stato uno di quelli?

            E allora censuriamo i film con Bruce Willis
            dove esplode tutto, non si sa mai che
            qualcuno imiti i cattivi... peche' chi ci
            dice che unabomber non si sia ispirato ad un
            libro od ad un film?
            Ma a ben guardare, il problema sta nel
            film/sito/libro o nella testa di chi poi
            agisce?sicuramente sta anche nella testa di chi agisce, ma se lo aiuti a reperire anche il materiale... mi sono spiegato male prima: non intendevo la pura ispirazione, ma anche un indicazione di come realizzarla.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Anonimo
            sicuramente sta anche nella testa di chi
            agisce, ma se lo aiuti a reperire anche il
            materiale... mi sono spiegato male prima:
            non intendevo la pura ispirazione, ma anche
            un indicazione di come realizzarla.http://www.amazon.com/exec/obidos/tg/detail/-/0873643208/qid=1057848844/sr=8-1/ref=sr_8_1/104-1803382-0548729?v=glance&s=books&n=507846Chiudiamo Amazon!!!! :-)Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!

            http://www.amazon.com/exec/obidos/tg/detail/-

            Chiudiamo Amazon!!!! :-)

            Ciao"From a former top explosives expert with the Israeli Army comes a manual that presents ten simple yet powerful formulas for explosives and incendiaries that give the basis for making bombs, booby traps and mines. Learn to obtain or make the needed chemicals, or get substitutes. For information only!" Ecco, non vedo perchè si fanno i test psicologici (giustissimi) prima di ottenere il porto d'armi, e questi libri sono disponibili a tutti (For information only!), a te non sembra un controsenso?(E non capisco chi possa essere interessato a sput*****e 40 $ per sapere come si fanno bombe e trappole, ma questa è prettamente una questione di gusti)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Anonimo

            "From a former top explosives expert with
            the Israeli Army comes a manual that
            presents ten simple yet powerful formulas
            for explosives and incendiaries that give
            the basis for making bombs, booby traps and
            mines. Learn to obtain or make the needed
            chemicals, or get substitutes.
            For information only!"

            Ecco, non vedo perchè si fanno i test
            psicologici (giustissimi) prima di ottenere
            il porto d'armi, e questi libri sono
            disponibili a tutti (For information only!),
            a te non sembra un controsenso?La tua veduta è condivisibile, ma la realtà è,a mio avviso, quella presentata da Mr. mechano nei post precedenti ossia: il problema non è la censura, il problema è la società. In questo senso è istruttivo bowling a coloumbine, che mostra come negli USA e in Canada, con + o - la stessa quantità, in proporzione, di armi per persona (in canada ci sono 7 milioni di armi per 10 milioni di persone), ci siano 11000 omicidi per armi da fuoco annui da una parte e una sessantina dall'altra (se nn ricordo male). La censura e il proibizionismo, la storia lo dimostra, son sempre serviti a poco. Chi è matto davvero e vuole fare una strage, troverà comunque, più o meno facilmente, le informazioni che cerca. Il problema riguarda la società, non la libertà d'informazione
            (E non capisco chi possa essere interessato
            a sput*****e 40 $ per sapere come si fanno
            bombe e trappole, ma questa è prettamente
            una questione di gusti) perfettamente d'accordo :-)Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            [...]
            il problema è la
            società.Ok, questo è un discorso e mi va bene, fine a se stesso, cioè viviamo in una società con effettivi problemi
            In questo senso è istruttivo
            bowling a coloumbine, che mostra come negli
            USA e in Canada, con + o - la stessa
            quantità, in proporzione, di armi per
            persona (in canada ci sono 7 milioni di armi
            per 10 milioni di persone), ci siano 11000
            omicidi per armi da fuoco annui da una parte
            e una sessantina dall'altra (se nn ricordo
            male). La censura e il proibizionismo, la
            storia lo dimostra, son sempre serviti a
            poco. Chi è matto davvero e vuole fare una
            strage, troverà comunque, più o meno
            facilmente, le informazioni che cerca.
            Il problema riguarda la società, non la
            libertà d'informazione...in questa società qualcuno può sclerare, ok, perchè allora al "matto per davvero" bisogna dare così facilmente la possibilità di fare una strage solo per non voler censurare così poco? L'appassionato per davvero di bombe, mi fa un test psicologico, e dopo gli do il libro, stiamo parlando di BOMBE non della ricetta della Co*aC**a. Se si diffonde un mercato nero (dubito) di questi libri...quello poi sarà interesse della polizia (non voglio aprire una discussione sull'efficienza dei controlli in Italia, grazie)
            perfettamente d'accordo :-)almeno su questo :)
            Ciaociao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Anonimo
            [...]

            il problema è la

            società.
            Ok, questo è un discorso e mi va bene, fine
            a se stesso, cioè viviamo in una società con
            effettivi problemifine a se stesso fino a un certo punto.... io la vedo molto inerente al disocrso

            In questo senso è istruttivo

            bowling a coloumbine, che mostra come
            negli

            USA e in Canada, con + o - la stessa

            quantità, in proporzione, di armi per

            persona (in canada ci sono 7 milioni di
            armi

            per 10 milioni di persone), ci siano 11000

            omicidi per armi da fuoco annui da una
            parte

            e una sessantina dall'altra (se nn ricordo

            male). La censura e il proibizionismo, la

            storia lo dimostra, son sempre serviti a

            poco. Chi è matto davvero e vuole fare una

            strage, troverà comunque, più o meno

            facilmente, le informazioni che cerca.

            Il problema riguarda la società, non la

            libertà d'informazione

            ...in questa società qualcuno può sclerare,
            ok, perchè allora al "matto per davvero"
            bisogna dare così facilmente la possibilità
            di fare una strage solo per non voler
            censurare così poco? Perchè tanto l'informazione è trovabilissima (per esempio nei libri di chimica), non ha senso censurarla. Ripetendo un famoso detto: "informations want to be free" ed è praticamente impossibile censurare _tutto_ ciò che c'è sulle bombe e sulla loro fabbricazione. E' uno spreco di tempo, oltre che una negazione,sicuramente idealistica, della libertà d'informazione.Mi potrai chiedere: "a cosa serve a una persona sana (e per sana intendo una che non fa saltare abitualmente i palazzi per divertimento) informazioni su come costruire un bomba? Probabilmente a nulla, tranne se non si è in una situazione alla MacGuyver :-), ma comunque è una conoscienza in più. Per me ogni cosa può, deve ed è utile che sia conoscibile
            L'appassionato per
            davvero di bombe, mi fa un test psicologico,
            e dopo gli do il libro, stiamo parlando di
            BOMBE non della ricetta della Co*aC**a.Intendevi dire coca cola? :-)
            Se
            si diffonde un mercato nero (dubito) di
            questi libri...quello poi sarà interesse
            della polizia (non voglio aprire una
            discussione sull'efficienza dei controlli in
            Italia, grazie)Ma è necessario parlarne, proprio per il ragionamenteo di cui sopra

            perfettamente d'accordo :-)
            almeno su questo :)

            Ciao
            ciaoAriciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!

            Ecco, non vedo perchè si fanno i test
            psicologici (giustissimi) prima di ottenere
            il porto d'armi, e questi libri sono
            disponibili a tutti (For information only!),
            a te non sembra un controsenso?
            (E non capisco chi possa essere interessato
            a sput*****e 40 $ per sapere come si fanno
            bombe e trappole, ma questa è prettamente
            una questione di gusti)Io ho libro dettagliatissimo su come fare il coltivatore, come fare siepi, recinti, come e quando seminare e raccogliere, dove e come rimediare i materiali, come acquistare oche e maiali e come macellarli.Mi chiedo che cosa vadano a fare gli studenti di agraria quando libri come questi sono disponibili a tutti! Ovviamente "For information only!" visto che non ho campi e non faro' mai il coltivatore.Non e' un controsenso che io abbia un libro del genere?Se ho un libro del genere io DEVO fare il contadino, cosi come se ho libro sulle bombe io DEVO farne una. Questa e' coerenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!


            Io ho libro dettagliatissimo su come fare il
            coltivatore, come fare siepi, recinti, come
            e quando seminare e raccogliere, dove e come
            rimediare i materiali, come acquistare oche
            e maiali e come macellarli.e con questi non fai male a nessuno...(poveracce le bestie)
            Mi chiedo che cosa vadano a fare gli
            studenti di agraria quando libri come questi
            sono disponibili a tutti! Ovviamente "For
            information only!" Forse ci vanno per fare pratica?E che vorresti fare, anche una scuola per bombaroli (legale, non è mica detto che poi diventino attentatori, intendiamoci!)?
            visto che non ho campi e
            non faro' mai il coltivatore.allora li adoperi per accendere il fuoco o mettere sotto la tavola che traballa, che ti devo dire, insegnano comunque cose non dannose per la società
            Non e' un controsenso che io abbia un libro
            del genere?un pochino mi fa pensare, ma di solito non faccio critiche su persone che non conosco
            Se ho un libro del genere io DEVO fare il
            contadino, cosi come se ho libro sulle bombe
            io DEVO farne una. Questa e' coerenza.Se fai il contadino non fai del male a nessuno, puoi avere una libreria piena di questo genere di libri a me non me ne sbatte niente.Se hai un libro sulla fabbricazione di ordigni esplosivi o trappole non posso preoccuparmi? e se queste informazioni puoi reperirle facilmente in rete dovrei stare tranquillo?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!
            - Scritto da: Anonimo
            Se hai un libro sulla fabbricazione di
            ordigni esplosivi o trappole non posso
            preoccuparmi? e se queste informazioni puoi
            reperirle facilmente in rete dovrei stare
            tranquillo?Posso anche reperire in rete il miglior modo possibile per romperti una gamba, ma non lo faro' mai. Perche' non lo farei? La mia scelta di non cagionare violenza dipende dalle informazioni tecniche (cioe' non so come si fa e non lo faccio) oppure dalla mia educazione e civilta'?E se fossi un barbaro violento ed incivile non ti potrei rompere comunque una gamba senza aver mai apero un librio di anatomia?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho parole...!

            Posso anche reperire in rete il miglior modo
            possibile per romperti una gamba, ma non lo
            faro' mai.rompermi una gamba, uccidermi, non fare una strage
            Perche' non lo farei?
            La mia scelta di non cagionare violenza
            dipende dalle informazioni tecniche (cioe'
            non so come si fa e non lo faccio) oppure
            dalla mia educazione e civilta'?

            E se fossi un barbaro violento ed incivile
            non ti potrei rompere comunque una gamba
            senza aver mai apero un librio di anatomia?Si potresti, potresti anche uccidermi, ucciderne anche altri 2 o 3, ma prima o poi verresti fermato, lo sai quante vittime puoi fare invece con una bomba? una sola in mezzo ad una piazza/fiera/concerto?
          • Anonimo scrive:
            - - -
            Commento sospeso su richiesta degli interessati. Per ulteriori informazioni si può scrivere alla redazione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non ho parole...!

          lasciarle sulla carta! Mostrare al "mondo"
          come costruire esplosivi in un momento ad
          alto rischio di terrorismo è per me
          pericoloso! certo perche i terroristi "bombaroli" dicono :"mo quasi quasi faccio un attentato andiamo su internettee vediamo come si fa sta bomba"non hanno "scuole" di formazione, non hanno chimici,balistinon si rivolgono al mercato nero...comprano il piccolo chimico e fanno le bombe seguendo "internette"anche gli stragisti NERI degli anni 60/70 (Piazza Fontana,Brescia,Bologna ecc) scarivano la ricetta da internet ma dai....
          E va tolto di mezzo! Vallo a
          dire a chi ha perso una persona cara in un
          attentato...i peggiori attentati in italia avvennero con la complicita dei Servizi Segreti e ben prima di internet..... aboliamo i servizi segreti, e il segreto di stato, apriamo gli archivi del sismi e del sisde e poi diciamolo..dati gli esecutori materiali Togliatti avrebbe fatto meglio a non amnistiare i fascistiOpenCurcio*** Lotta Continua sara! ***
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ho parole...!
        - Scritto da: Mechano Bravo, sono d'accordo con quanto esprimi.Parlare di armi, bombe, rapine non vuol dire essere un criminale. Ovviamente per tanti la distinzione e' difficilissima. Oppure ti vengono a dire che quello che tu studi per cultura un altro lo puo' fare per commettere crimini. Cosi' in Italia il pericolo potenziale si antepone alla liberta', e si preferisce privarti della liberta' di toccare certi argomenti con l'idea che il tuo sacrificio di diritti possa dare maggiore benessere a tutti. Questa cosa pero' non e' sempre vera, perche' parte da premesse teoriche. E allora ritorniamo ad un nodo molto dibattuto anche in questi forum: e' meglio privarsi di un po' di liberta' ma essere teoricamente piu' sicuri oppure avere ampia liberta' con le conseguenze anche negative che questo puo' comportare? La liberta' di possedere un arma ad esempio fa aumentare i morti nelle liti perche' aumenta la probabilita' di scontri a fuoco. Pero' un arma e' anche liberta' di difendersi e liberta' piu' generica di possesso.In Italia la legislazione, dopo secoli di scontri sociali tra Guelfi e Ghibellini di ogni epoca, ritiene che sia meglio limitare in ogni modo la diffusione di strumenti che possano alimentare o peggiorare lo scontro sociale (fossero anche idee). E il prezzo di questo e' la liberta' degli onesti.
  • Anonimo scrive:
    Re: io invece dico che...
    Stai cercando di darti pace e di giustificare ai tuoi occhi e ai nostri che sei un razzista "buono e consapevole"...Ma allora che tiri in ballo a fare la questione del "razzismo nel razzismo"? I fasci sono emarginati? I pedofili anche? Gente priva dei diritti più elementari?Fatico a trovare corerenza nel tuo discorso, ma tutto sommato non me ne frega nulla...Io dico che il razzismo è ormai un fenomeno globale, multirazziale e ad ogni livello della società: la taglia in verticale: c'è il ricco razzista che non sopporta i perdenti, che urla insieme al povero razzista che se la prende con l'immigrato reo di rubargli lavoro, e il medio-borghese che darebbe fuoco un po a tutti...
  • Anonimo scrive:
    Sono contento!!!
    no contento perché si sta facendo un po' di pulizia finalmente.Dopo i due lamer di cui si parlava ieri, ora anche questi teppistelli da quattro soldi.EVVIVA!
  • Anonimo scrive:
    Scusate
    Ma e' vietato dire come si costruiscono le bombe? Non c'e' liberta' di parola in questo paese???????
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate
      certo... sai ho visto che in edicola sta uscendo una rivista a fascicoli: "come assembalre montare un atomica" con il primo numero ti danno un pezzo del detonatore.... (L'uranio sarà nell'ultimo numero...)
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate
        - Scritto da: Anonimo
        certo... sai ho visto che in edicola sta
        uscendo una rivista a fascicoli: "come
        assembalre montare un atomica" con il primo
        numero ti danno un pezzo del detonatore....
        (L'uranio sarà nell'ultimo numero...)ork mi sono perso il numero 3 quello con l'orologio led dentro per il countdown che dici se uso una sveglia è uguale?:D
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate
      - Scritto da: Anonimo
      Ma e' vietato dire come si costruiscono le
      bombe? Non c'e' liberta' di parola in questo
      paese???????Probabilmente come si costruiscono le bombe no, i trucchi per trovare e detenere materiale illegale e incitare alla violenza credo di si.Noi italioti ci appelliamo sempre a "libertà di parola", "privacy" e "Ricorso al TAR/appello", il chè andrebbe anche bene se pensassimo maggiormente anche ai nostri DOVERI oltre che diritti.Del tipo non paghiamo le tasse e poi vinciamo la causa perchè la GdF per scoprirlo ha violato la nostra privacy...
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate
        - Scritto da: Anonimo
        Del tipo non paghiamo le tasse e poi
        vinciamo la causa perchè la GdF per
        scoprirlo ha violato la nostra privacy...La gdf non è al di sopra della legge.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate
      Se l'uomo sapesse farne buon uso di questa tanto ambita libertà...Comunque la libertà di pensiero c'è, di parola fino a un certo punto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate
      Beh sinceramente l'argomento a me non sembra cosi' idiota.Ci vorrebbe un avvocato. La domanda e':Ci sono degli argomenti di cui in Italia non si puo' parlare?
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate (topolino)
      ricordo che in alcune storie di topolino vengono assemblate bombe miscelando in parti uguali salnitro, fosforo e carbonio, ricavati da muffe da cantina, capocchie di fiammiferi e mine di matita.I numeri contenenti storie che mostravano tali cose erano regolarmente in edicola quando io ero bambino (anni 70)
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate (topolino)
        - Scritto da: Anonimo
        ricordo che in alcune storie di topolino
        vengono assemblate bombe miscelando in parti
        uguali salnitro, fosforo e carbonio,
        ricavati da muffe da cantina, capocchie di
        fiammiferi e mine di matita.
        I numeri contenenti storie che mostravano
        tali cose erano regolarmente in edicola
        quando io ero bambino (anni 70)Incredibile, anch'io mi ricordo di quella storia e devo avere ancora quel numero in soffitta !
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate (topolino)
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          ricordo che in alcune storie di topolino

          vengono assemblate bombe miscelando in
          parti

          uguali salnitro, fosforo e carbonio,

          ricavati da muffe da cantina, capocchie di

          fiammiferi e mine di matita.

          I numeri contenenti storie che mostravano

          tali cose erano regolarmente in edicola

          quando io ero bambino (anni 70)

          Incredibile, anch'io mi ricordo di quella
          storia e devo avere ancora quel numero in
          soffitta !comunque la cosa fondamentale è che lì non è stata fatta censura, nonostante la semplicissima reperibilità, nonchè il basso costo e la semplicissima realizzabilità dell'ordigno illustrato.....il metodo di costruzione delle bombe molotov era illustrato sul mio libro di chimica della scuola superiore, nonchè su quello di storia della scuola media (materiali leggermente più costosi, ma reperibilità uguale all'ordigno di sopra, se non migliore)al contrario, per quanto riguarda il sito razzista, credo che andrebbero censurate anche alcune leggi (martelli, vassallo-jervolino, turco-napolitano (la legge, non il film di totò), bossi-fini), nonchè alcune parti del trattato di shengen (o come cavolo si scrive), che sono incitazioni reali al razzismo, nonchè addirittura obbligo ad essere razzisti per le forze dell'ordine.mi sembra davvero ipocrita che uno stato con leggi razziali censuri siti con il pretesto dei contenuti razzisti.concludendo, vedo ipocrisia dello stato in entrambi i provvedimenti, anche se con motivazioni opposte; comunque non li ritengo giustificabili.diceva voltaire:"posso essere contrario alle tue idee, ma sono pronto a morire affinchè tu possa esprimerle"
  • Anonimo scrive:
    Occhio alla censura
    Non conosco i due siti pero' bisogna fare attenzione: e' sempre un giorno triste quando un sito viene chiuso
    • Anonimo scrive:
      Re: Occhio alla censura

      Non conosco i due siti pero'
      bisogna fare attenzione: e' sempre
      un giorno triste quando un sito viene chiusonon SEMPRE.... quando si incita alla violenza contro qualcuno,quando si usano i siti per incitare alla pedofiliae ialtre occasioni non credo sia sbagliato chiuderli.P.S. attento alle parole "MAI" e "SEMPRE"... tendono a far diventare conviti -
      fanatici -
      VIOLENTI !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Occhio alla censura
      - Scritto da: Anonimo
      Non conosco i due siti pero' bisogna fare
      attenzione: e' sempre un giorno triste
      quando un sito viene chiusoE' anche un giorno triste quando qualunque sbandato esaltato e possibilmente anche drogato puo' fare qualsiasi porcata in nome della "liberta' di parola" di cui a lui stesso non importa niente. Ad essere buoni e progressisti ad ogni costo ci troviamo le strade piene di delinquenti e si indaga chi reagisce, si difendono gli esaltati che scrivono qualunque scemenza... d'altra parte, con una giustizia schiava di pentiti lautamente stipendiati...
      • Anonimo scrive:
        Re: Occhio alla censura
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Non conosco i due siti pero' bisogna fare

        attenzione: e' sempre un giorno triste

        quando un sito viene chiuso

        E' anche un giorno triste quando qualunque
        sbandato esaltato e possibilmente anche
        drogato puo' fare qualsiasi porcata in nome
        della "liberta' di parola" di cui a lui
        stesso non importa niente. Ad essere buoni e
        progressisti ad ogni costo ci troviamo le
        strade piene di delinquenti e si indaga chi
        reagisce, si difendono gli esaltati che
        scrivono qualunque scemenza... d'altra
        parte, con una giustizia schiava di pentiti
        lautamente stipendiati...infatti basta guardare indietro verso gli anni di contestazione, risultato: caos e basta;è incredibile, vivamo in una nazione dove i "disobbedienti" sono delle brave persone (perchè di sinistra) e dall'altra parte vengono paragonati gli esponenti più estremi pericolosi come pedofili, c'è qualcosa che non va, a livello di coerenza...saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Occhio alla censura
      In generale concordo, nel caso specifico 1) un sito in cui si incitava a "bruciare i negri" e si facveva continua apologia di fascismo e' stato chiuso. L'incitazione all'odio razziale e l'apologia di fascismo sono due reati perseguibili penalmente in italia (e specie il secondo non viene applicato abbastanza spesso). Quindi il sito in questione era illegale ed e' stato giustamente chiuso.2) Un sito che spiegava come fare bombe e come procurarsi il materiale per farlo e' stato chiuso. Anche qui, erano informazioni che legalmente non possono essere diffuse. Quindi la polizia postale ha chiuso il sito.Io mi sento di parlare di censura quando vengono chiusi siti che non sono in palese violazione delle leggi dello stato. Non in questo caso.Resta il fatto che dopodomani quelli di orgoglio nazionale avranno un nuovo sito da un'altra parte!
      • Anonimo scrive:
        Re: Occhio alla censura

        2) Un sito che spiegava come fare bombe e
        come procurarsi il materiale per farlo e'
        stato chiuso. Anche qui, erano informazioni
        che legalmente non possono essere diffuse.Ecco, questo vorrei capire. C'e' un articolo di legge che dice "Vietato pubblicare istruzioni per costruire armi?"Perche' se non c'e' allora e' becera censura, Senno' hanno fatto bene.
        • Anonimo scrive:
          Re: Occhio alla censura

          Ecco, questo vorrei capire. C'e' un articolo
          di legge che dice "Vietato pubblicare
          istruzioni per costruire armi?"
          Perche' se non c'e' allora e' becera
          censura, Senno' hanno fatto bene.Ma che ragionamento è ????? La Legge recita. "chiunque progetti, produca, importi, esporti, ponga comunque in vendita o DISTRIBUISCA armi o parti di esse o INFORMAZIONI ATTE A TRASFORMARE OEGGETTI O MATERIE PRIME IN STRUMENTI ATTI AD OFFENDERE FISICAMENTE, è PUNITO con la reclusione da uno a tre anni, salvo che il fatto non costituisa più grave reato".INFORMATEVI, PRIMA DI SCRIVERE CAZZ****** !!!!!!!!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Occhio alla censura

            La Legge recita. "chiunque progetti,
            produca, importi, esporti, ponga comunque in
            vendita o DISTRIBUISCA armi o parti di esse
            o INFORMAZIONI ATTE A TRASFORMARE OEGGETTI O
            MATERIE PRIME IN STRUMENTI ATTI AD OFFENDERE
            FISICAMENTE, è PUNITO con la reclusione da
            uno a tre anni, salvo che il fatto non
            costituisa più grave reato".Che articolo e'? Codice penale?Ma si applica anche alla costruzione di coltelli da cucina?
          • Anonimo scrive:
            Re: Occhio alla censura
            - Scritto da: Anonimo

            La Legge recita. "chiunque progetti,

            produca, importi, esporti, ponga comunque
            in

            vendita o DISTRIBUISCA armi o parti di
            esse

            o INFORMAZIONI ATTE A TRASFORMARE
            OEGGETTI O

            MATERIE PRIME IN STRUMENTI ATTI AD
            OFFENDERE

            FISICAMENTE, è PUNITO con la reclusione da

            uno a tre anni, salvo che il fatto non

            costituisa più grave reato".

            Che articolo e'? Codice penale?
            Ma si applica anche alla costruzione di
            coltelli da cucina?;___;Secondo te?Ti faccio una domanda io: puoi circolare per strada con un coltello da cucina in mano che abbia foggia che presenti punta acuminata e lunghezza superiore a circa 8-10 cm?
          • Anonimo scrive:
            Re: Occhio alla censura

            Ti faccio una domanda io: puoi circolare per
            strada con un coltello da cucina in mano che
            abbia foggia che presenti punta acuminata e
            lunghezza superiore a circa 8-10 cm?Vuoi quindi dire che se io scrivo su un sito come realizzare un coltello di quel tipo allora me lo chiudono?
          • Anonimo scrive:
            Re: Occhio alla censura
            - Scritto da: Anonimo

            Ti faccio una domanda io: puoi circolare
            per

            strada con un coltello da cucina in mano
            che

            abbia foggia che presenti punta acuminata
            e

            lunghezza superiore a circa 8-10 cm?

            Vuoi quindi dire che se io scrivo su un sito
            come realizzare un coltello di quel tipo
            allora me lo chiudono?Voglio dire: ma ti aspetti veramente che l'uso di armi improprie o bianche non sia severamente regolamentato?In quanto alla tua domanda: e' possibile.Ma siccome il coltello e' in vendita, questa ipotesi di un sito che ne spieghi la realizzazione, non e' concreta. Se pero' scrivi come utilizzare un coltello da cucina per ottenere una morte sicura e rapida di una vittima o come occultare un coltello in luoghi pubblici, le probabilita' che il sito in questione venga chiuso aumentano considerevolemente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Occhio alla censura
            usa, sono un po' curioso e vorrei porgerti una domanda:come mai una persona apparentemente 'integra' come te si mette a perdere tempo coi ragazzini (mi auguro ragazzini) con seri problemi di apprendimento? e' il tuo nuovo hobby?
Chiudi i commenti