Microsoft: ecco il cellulare del futuro

Più piccolo di un PDA, più leggero della media dei telefoni cellulari dell'attuale generazione, ma con funzionalità simili a quelle di un Pocket PC. Si tratta del futuro smart phone di Microsoft con sistema operativo Stinger
Più piccolo di un PDA, più leggero della media dei telefoni cellulari dell'attuale generazione, ma con funzionalità simili a quelle di un Pocket PC. Si tratta del futuro smart phone di Microsoft con sistema operativo Stinger

Cannes – La piattaforma Stinger, basata su Windows CE 3.0, è stata annunciata da Microsoft lo scorso novembre e sarà al centro di una linea di smart phone che l’azienda ha svelato ieri durante la 3GSM World Congress 2001.

Il primo prototipo di smart phone basato su Stinger è stato mostrato ieri: si chiama Z100 Smartphone ed è stato sviluppato dall’inglese Sendo. Il piccolo dispositivo ha un display TFT da 65.000 colori, è in grado di riprodurre audio e video (inclusi i file MP3), supporta gli attuali standard GSM e GPRS ed include uscite USB, IrDA, seriale ed uno slot per memorie Multimedia Card.

In generale questi nuovi telefoni mobili basati su Stinger, pensati soprattutto per le reti mobili di terza generazione, avranno un display relativamente ampio, a colori o in scala di grigi, e nonostante questo saranno circa il 30% più piccoli di un telefono cellulare attuale, peseranno meno di 100 grammi e offriranno un centinaio d’ore di autonomia in stand by.

Gli smart phone di Microsoft offriranno molte delle funzionalità più comuni che si ritrovano nei palmari, ma a differenza di questi non saranno data-centrici perché orientati prevalentemente alla telefonia. Dal lato hardware non sfigureranno troppo visto che saranno equipaggiati con processori ARM da 60 MHz in su e presenteranno molteplici possibilità di espansione come Secure Digital, Solid State Floppy Disk Card e memory stick.

La piattaforma software Stinger, che metterà a disposizione dell’utente funzionalità essenziali per leggere la posta, navigare su Internet ed organizzare i propri contatti ed appuntamenti, erediterà dai Pocket PC applicazioni come Mobile Explorer 3.0, il vero cuore del sistema, Pocket Outlook, qui ribattezzato Outlook Companion, e una versione alleggerita del Windows Media Player.

Grazie a Mobile Explorer 3 gli smart phone di Microsoft parleranno diversi linguaggi della Rete, fra cui WAP 2.0 (WML), HTML, cHTML, JScript, XML e persino XFL.

Lo Z100 dovrebbe arrivare sul mercato in autunno e inserirsi in una fascia di prezzo che sarà comune un po ‘ a tutta la prima generazione di smart phone, e che va dai 600 agli 800 dollari.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 02 2001
Link copiato negli appunti