Microsoft: lasciate perdere l'open source

Questa volta l'attacco al mercato dei sistemi open source arriva dalla divisione malese di Microsoft, nella convinzione che open source sia un movimento che non può imporsi ma solo accontentarsi di vivere all'ombra del modello proprietario
Questa volta l'attacco al mercato dei sistemi open source arriva dalla divisione malese di Microsoft, nella convinzione che open source sia un movimento che non può imporsi ma solo accontentarsi di vivere all'ombra del modello proprietario


Kuala Lumpur (Malaysia) – Arrivano dall’Asia i nuovi strali della corporation americana Microsoft contro il software open source e il movimento che lo sostiene. Dichiarazioni con le quali l’azienda che ha la sua sede principale a Redmond, negli Stati Uniti, intende convincere il mondo della insostenibilità del mercato basato sull’open source.

“Temiamo – ha dichiarato il direttore della divisione marketing di Microsoft Malaysia, Alex Fong – che il movimento open source non abbia la motivazione economica necessaria a sostenere lo sviluppo e l’innovazione sul lungo periodo dal momento che, dopo tutto, qualcuno deve dar da mangiare agli sviluppatori”.

Non sono tesi nuove per Microsoft ma è di chiaro interesse la necessità per la mamma di Windows di difendere il business del software proprietario che, pur essendo assolutamente dominante nel mondo tecnologico, da diverso tempo si trova minacciato dalla crescita di Linux, dell’open source e del software libero in generale. In questo senso basti pensare a quanto emerso recentemente in Perù o a quanto sta accadendo in Italia .

Secondo Fong, per la Malaysia il software open source non rappresenta un possibile veicolo di sviluppo. Pur senza negare il ruolo che questo genere di sviluppo può rappresentare nel complesso del panorama del software, sul lungo periodo Fong ritiene che non possa affermarsi e che, sgonfiandosi, rischi di portarsi con sé energie ed aziende.

“Per esempio – ha affermato Fong – da quando Torvalds ha lanciato il kernel di Linux nel 1991 ci sono state poche aziende open source di successo. E i termini della GNU General Public Licence (il cuore dell’open source, NdR) rendono impossibile per gli sviluppatori proteggere la loro proprietà intellettuale”.

Fong segnala anche un diverso approccio di Microsoft al mondo open source. Dopo aver aspramente criticato Linux, che il presidente dell’azienda Steve Ballmer definì “comunista” , “cancro” e “giocattolo” , ora Microsoft sembra disponibile ad accreditare, per alcuni versi, il modello open source che potrebbe convivere con quello tradizionale.


“Ma – ha sottolineato Fong – scommettere il futuro di un’azienda sul free software è opinabile e non è qualcosa che la Malaysia dovrebbe adottare come modello di sviluppo nazionale”.

Stando a quanto raccolto dai magazine locali, Fong ha sottolineato come, anzi, il modello open source rischi di danneggiare le ambizioni tecnologiche del paese che dovrebbe, invece, sostenere la proprietà intellettuale.

“Il software open source – ha affermato – da solo non crea redditività e allo stesso tempo i servizi e la consulenza associati a un discorso di profitto sono generalmente limitati nell’ambito dei confini nazionali”.

Secondo Fong, poiché questi servizi necessitano di una certa quantità di personale tecnico, in una visione macroscopica la Malaysia con la sua popolazione non potrebbe competere con giganti come l’India o la Cina, capaci di formare milioni di tecnici. L’altra faccia della medaglia in questa visione è il software proprietario che, una volta sviluppato, può essere venduto in milioni di copie.

Un altro aspetto definito preoccupante da Fong è quello secondo cui una diffusione ampia del modello open source renderebbe inevitabile la perdita di controllo sul processo di sviluppo, con il rischio di una moltiplicazione delle direttrici.

“La produzione open source potrebbe anche finire come i molti diversi Unix di oggi, con tutti i relativi problemi di interoperabilità”. Svantaggi, dunque, che il software proprietario controllato dall’alto non deve scontare…

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 05 2002
Link copiato negli appunti