Microsoft mette Visual Studio nel cloud

Microsoft mette Visual Studio nel cloud

Redmond annuncia la disponibilità di una componente totalmente online della suite di sviluppo. Un servizio SaaS pensato per lo sviluppo. E a costo zero, almeno per i primi 5 utenti
Redmond annuncia la disponibilità di una componente totalmente online della suite di sviluppo. Un servizio SaaS pensato per lo sviluppo. E a costo zero, almeno per i primi 5 utenti

Noto in precedenza come Team Foundation Service , Visual Studio Online è la nuova offerta “cloud” di Microsoft per lo sviluppo collaborativo online. Si tratta, almeno per il momento, di un componente opzionale di Visual Studio che offre una serie di strumenti e servizi aggiuntivi all’IDE di Redmond tutti basati sulla piattaforma (e l’infrastruttura online) Windows Azure dell’azienda di Redmond.

Svelato in contemporanea con il rilascio definitivo di Visual Studio 2013 e Net 4.5.1, Visual Studio Online porta alle estreme conseguenze il concetto di SaaS (software-as-a-service) trasformando lo sviluppo di codice in un servizio gestito interamente da server remoti – e che è naturalmente possibile “offrire” all’impavido programmatore/utente per un modico prezzo di abbonamento mensile scaglionato.

Con VSO è possibile accedere a progetti software ospitati sui server di Azure con tanto di repository Git privati, servizi di test, Application Insights per l’analisi statistica del codice, e infine l’ambiente di sviluppo noto come Monaco: in quest’ultimo caso Microsoft offre la possibilità di sviluppare direttamente all’interno di un browser – su qualsiasi OS e tipo di dispositivo, ci tiene a precisare Microsoft – realizzando codice che è naturalmente pensato per scenari incentrati sull’uso dell’infrastruttura cloud di Azure.

Il costo di un abbonamento all’IDE VSO è gratuito per i primi 5 utenti nella versione base, con un prezzo iniziale “speciale” di 10 dollari al mese per ogni utente aggiuntivo. L’elenco completo dell’offerta SaaS con tanto di offerte speciali e condizioni privilegiate per i clienti MSDN è consultabile sul sito di Visual Studio .

Non fosse sufficientemente chiara la vocazione tutta nuvole e Internet del nuovo corso, Microsoft rimarca la questione stringendo una partnership con Xamarin : la società è già impegnata da anni per fornire accesso alla piattaforma dotNET sui gadget mobile basati su iOS e Android, e ora Redmond vi aggiunge le proprie iniziative di sviluppo mobile (cioè Windows Phone) con mutua soddisfazione e condivisione di opportunità, utenti e conoscenze.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 11 2013
Link copiato negli appunti