Microsoft: partita finale contro Eolas

La Corte Suprema degli Stati Uniti si rifiuta di procedere all'esame di un caso che ha scosso l'intera rete e che secondo Tim Berners-Lee rappresenta un grave rischio per il Web. Rimane una sola carta da giocare


Washington (USA) – Niente da fare, Eolas non verrà fermata dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Il massimo tribunale americano ha infatti deciso di non esaminare il caso che contrappone la piccola società che controlla alcuni importanti brevetti al gigante del software Microsoft. Un procedimento che secondo molti esperti potrebbe avere ripercussioni pesantissime sul Web in quanto Eolas sbandiera la paternità di funzionalità-chiave per il Web, come quelle di integrare plug-in nei browser.

La decisione presa a Washington nei fatti consente alla società di Bill Gates di tentare un’altra carta: dopo aver vinto in appello e dopo l’annuncio della Corte Suprema, Microsoft ora può riportare tutto il procedimento dinanzi ad un tribunale distrettuale come imposto dalla decisione d’appello.

In quella sede Microsoft potrà cercare di far valere la più importante delle argomentazioni, quella secondo cui il brevetto rivendicato da Eolas non è valido in quanto si riferisce a funzionalità già esistenti prima che venisse richiesto: se dimostrata, la cosiddetta prior art invaliderebbe il brevetto.

Se ciò avvenisse Microsoft eviterebbe di dover tirar fuori i 500 milioni di dollari come imposto dalla sentenza di primo grado ma soprattutto tutti gli operatori web potrebbero tirare un sospiro di sollievo. A partire da Tim Berners-Lee, padre del WWW, che si è già scagliato con forza contro la validità del brevetto Eolas, paventando peraltro gravi conseguenze sul libero sviluppo del Web stesso qualora Eolas l’abbia vinta.

Ma non tutto è così facile. Mentre infatti procedeva il caso in tribunale e poi in appello, Eolas ha ottenuto dall’ Ufficio brevetti un sostanzioso appoggio : l’Ufficio, dopo una lunga analisi, ha infatti stabilito che il brevetto detenuto da Eolas è valido . Un’analisi e un giudizio di merito che la stessa Eolas non mancherà di portare al prossimo appuntamento di questa intricata vicenda legale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Valmont scrive:
    sicuramente c'è chi resta senza parole
    per lo stupore di fronte a un'idea ormai peregrina, che i diritti della libertà e della privacy possano essere *violati* dallo stato solo per giustificato motivo
  • ayoade folorunso scrive:
    matematica
    :)(love) ;) O)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Beh?
    Tutti a far finta che la notizia non esiste?
    • soulista scrive:
      Re: Beh?
      - Scritto da: Anonimo
      Tutti a far finta che la notizia non esiste?le belle notizie non fanno... notizia
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh?
        - Scritto da: soulista
        le belle notizie non fanno... notiziaViviamo in un mondo dove l'arte di piangersi addosso e mostrarsi oggetto di persecuzioni è tanto praticata che la gente letteralmente *GODE* quando ci sono brutte notizie.Figurati se commentano quelle belle...
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh?
      - Scritto da: Anonimo
      Tutti a far finta che la notizia non esiste?Se preferiscono parlare di windows live che ci possiamo fare... :( L'articolo é molto interessante ed é davvero una bella notizia: ormai col patriot act non si capisce più niente in america!Arriveranno ad installarti una telecamera pure in casa!Spero che i giudici sappiano opporsi alla sempre maggiore sete di potere dei governanti.Io sono un difensore della privacy: secondo me non vale la pena di ridurre la libertà delle persone per un briciolo di sicurezza in più...Ci sono ben altri modi per combattere i criminali, senza per questo compromettere la privacy.
Chiudi i commenti