Microsoft ritocca le censure sui blog

Con una nuova policy l'azienda cambia approccio: i magistrati che chiederanno la sospensione di un blog otterranno la sua non-visibilità nel paese in cui quel blog è illegale. Una censura formato soft. Applausi ONU
Con una nuova policy l'azienda cambia approccio: i magistrati che chiederanno la sospensione di un blog otterranno la sua non-visibilità nel paese in cui quel blog è illegale. Una censura formato soft. Applausi ONU


Lisbona – La censura del blogger cinese e le conseguenti proteste della comunità internazionale, con in testa le associazioni per la libertà di stampa, hanno convinto Microsoft ad aggiornare la propria policy sui blog. Durante il Forum di Lisbona, Brad Smith, avvocato di punta di BigM, ha dichiarato che d’ora in poi la censura potrà avvenire solo ed esclusivamente in presenza di una notifica giudiziaria. E anche in presenza di questa il blog non verrà chiuso, ma solo reso inaccessibile dagli utenti del paese che lo considerano illegale .

“Stiamo completando lo sviluppo di una soluzione tecnologica che permette l’accesso ai blog da specifici paesi. La attiveremo quando avremo una segnalazione giudiziaria che ci obbliga alla chiusura”, ha dichiarato Smith.

Prima della parziale censura, il blogger verrà informato di tutto , e gli sarà fornita tutta la documentazione. L’Alto Commissario ONU per i diritti dell’uomo, Mary Robinson, ha accolto positivamente la notizia, e ha definito l’azione di Microsoft di “vitale importanza”.

Sul caso del blogger cinese, però, Smith ha sentito l’esigenza di fornire ulteriori spiegazioni. ” MSN Spaces , in Cina, opera grazie alla licenza della Shanghai News, un organo del Governo cinese. L’ente ha l’autorità legale, riconosciuta dalla legge cinese, di notificare ufficialmente la rimozione di contenuti online. Obbligati da questa azione non abbiamo potuto far altro che adeguarci”, ha dichiarato Smith.
“Ovviamente quello che stiamo tentando di fare con questa nuova policy è di rispettare le leggi dei paesi dove operiamo, e anche le esigenze dei nostri utenti, sia quelli che postano sui blog che quelli che vogliono leggere notizie da tutto il mondo”, ha aggiunto Smith.

Al centro del dibattito vi sono più questioni. Le aziende sono impegnate ad approfittare delle grandi potenzialità del mercato emergente cinese, ma per farlo scendono a patti con le questioni etiche da una parte e le leggi locali dall’altra. Secondo Jonathan Zittrain, co-fondatore del Berkman Center for Internet and Society del Harvard Law School, vi sono due scenari che dividono l’opinione pubblica. “Uno di questi è che le aziende dovranno sottostare a questo genere di censure occasionali, facendo affidamento sul potere sovversivo a lungo termine dei blog. L’altro è che le aziende occidentali non dovrebbero essere conniventi con le società che attuano questo tipo di politica”.

“Nessuno sta chiedendo alle aziende occidentali di spingere il Governo cinese a cambiare il suo comportamento. Non è possibile. Quello che possono fare, però, è cambiare il modo in cui reagiscono alle sue prese di posizione e la modalità di interazione”, ha sostenuto Rebecca MacKinnon, collaboratrice del Berkman Center. “La lealtà con i propri utenti dovrebbe essere una priorità”.

Dario d’Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 02 2006
Link copiato negli appunti