Microsoft sfida Linux sui supercomputer

Il gigante del software proprietario vuole sfidare il modello open source di Linux anche nei grossi cluster di server, un segmento a cui dedicherà una specifica versione di Windows


Redmond (USA) – Microsoft è decisa a spingere Windows nel settore dell’high-performance computing (HPC), e in modo particolare sui grossi cluster di server, gli stessi che stanno progressivamente prendendo il posto dei costosi e monolitici supercomputer basati su architetture proprietarie.

Questo lucroso segmento del mercato rappresenta una stuzzicante opportunità per il gigante del software, soprattutto se si considera che la stragrande maggioranza dei cluster di computer sono basati su architetture Intel-based già supportate dalle correnti versioni di Windows.

Ma per fare di Windows il “cervello” dei supercomputer, Microsoft dovrà investire moltissimo per riuscire a competere con le soluzioni già sul mercato, in buona parte basate sull’arcirivale Linux e su diversi altri software open source.

A tale scopo il big di Redmond ha formato un team per l’HPC che avrà il compito di rifinire il supporto ai cluster di Windows Server 2003 e di iniziare lo sviluppo di una nuova versione di Windows, chiamata Server HPC Edition, espressamente dedicata ai supercomputer.

Il team HPC di Microsoft è composto da numerosi ricercatori accademici, molti dei quali esperti di sistemi UNIX. In una nota, uno dei responsabili del progetto di Microsoft ha detto che per competere con Linux e il software open source “è richiesta creatività, innovazione, rapida realizzazione e stretti rapporti con produttori di hardware e software e partner accademici”.

La sfida che si pone davanti a Microsoft è forse una delle più difficili che il colosso di Redmond abbia mai dovuto affrontare. Uno dei vantaggi goduti da Linux, particolarmente apprezzato in questo settore, è la disponibilità del codice sorgente, una caratteristica che permette alle aziende di ottimizzare al massimo le prestazioni e adattare Linux alla propria infrastruttura di supercomputing. Nel caso di sistemi da diverse centinaia di migliaia di dollari, come quelli a cui punta Microsoft, le risorse spese nel modificare e migliorare il codice rappresentano infatti una minima parte di quelle complessive: il gioco, dunque, vale ampiamente al candela.

Per sopperire a questa mancanza, Microsoft punterà probabilmente sulla propria licenza Shared Source che, benché contornata da molti steccati, consente ai suoi clienti più importanti di guardare il codice e proporre eventuali modifiche. Dalla sua parte il colosso di Redmond avrà invece la possibilità di legare in modo stretto le piattaforme di HPC a quelle desktop e di espandere i propri tool di sviluppo, già ampiamente diffusi, su grid e cluster.

Microsoft ha inoltre già lasciato intendere che la sua prossima versione di SQL Server, nome in codice Yukon, sarà adatta a girare all’interno di ambienti di HPC grazie al supporto di grandi database e cluster di server.

C’è da dire che i nuovi progetti di Microsoft non rappresentano i primi sforzi del colosso per entrare sul mercato dell’HPC: già oggi Microsoft evidenzia, attraverso alcune pagine del proprio sito, come sia possibile utilizzare Windows 2000 e Windows Server 2003 per creare ambienti di supercomputing e migrare le applicazioni di HPC che girano su UNIX.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re:Lasciaci in pace Alien!
    - Scritto da: Anonimo
    Basta. Lasciate in pace LINUX, specialmete
    qui su Punto Informatico che avete
    già dato abbastanza prove di
    appiattimento e devozione su microzoz.
    LINUX ormai va avanti anche senza le vostre
    continue stronzate, non lo può
    fermare nessuno perchè è il
    più forte di tutti e la sua forza
    nasce dall' Open Source che nemmeno i toponi
    della SCO, che presto sparirà dalla
    faccia della terra con tutti i loro venduti
    dirigenti, riescono a scalfire con le loro
    minacce di estorsione foraggiate da
    microzoz.8):'(;):|"I toponi della SCO" è il tuo modo di scrivere:;)Il tuo fanatismo lascialo su C.A.:@
  • dotnet scrive:
    Finchè non c'è grana fanno gli spacconi
    ...i salvatori del mondo, i benefattori e i comunisti.A tutti i paladini di Stallman, un consiglio: limitatevi ad evangelizzare l'open source come principio astratto..., lasciate stare il pinguino... questo è solo un prodotto come tutti gli altri...Ma alcuni di voi evidentemente non vogliono accettare questo inevitabile destino...Si al software commerciale, no ai mistificatori==================================
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta per favore. Lasciate in pace LINUX
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!
    - Scritto da: Anonimo

    ciao, se è veramente come dici,

    potresi citarmi i nomi delle
    multinazionali

    che hanno fatto avanzare la
    società

    negli ultimi 10'000 anni,
    dall'invenzione

    della ruota a oggi?

    quante ne vuoi.

    Senza ford e daimler, noi oggi andremmo a
    piedi.
    Senza ibm le cassiere farebbero i conti a
    mano e non con una calcolatrice.
    Senza bayern non ci sarebbe un rimedio
    paliativo contro il mal di testa.

    Potremmo continuare all'infinito.Già, peccato che Ford & C. abbiano sfruttato conoscenze di pubblico dominio, la ruota su tutto, per fare qualcosa che però non è più utilizzabile se non pagando...chi è il "ladro"??



    Il fenomeno delle multinazionali
    è un

    fenomeno recentissimo, così come

    quello dei copyright e dei brevetti.

    Cosa cosa cosa?
    Scusa, ma il diritto latino lo conosci? Vi
    erano principi "simili nello spirito" ai
    brevetti, senza contare che le
    multinazionali sono sempre esistite, a
    partire dall'impero macedone.
    Veramente il principio su cui si basa il diritto romano non contemplava il (C) come lo intende una Monsanto, tanto per fare un nome.....

    Non sono quelli che hanno fatto
    avanzare la

    civiltà e non credo che saranno
    loro

    che la faranno avanzare nel prossimo
    futuro.

    Certo ne hanno forse dato una buona
    spinta

    nell'ultimo secolo, ma pensi veramente
    che

    tra 2 o 3 mila anni qualcuno si

    preoccuperà ancora di Microsoft e

    della guerra tra Windows e Linux?
    L'unica

    cosa che sopravviverà sarà

    quella parte della cultura che
    sarà

    stata liberamente disponibile.

    magari tra 3000 anni ci saremo già
    autdistrutti da un pezzo, quindi chi se ne
    frega di tutti questi bei paroloni?
    Io penso alla mia vita, oggi, non al domani.


    E credo che se i computers esisteranno

    ancora (sicuramente non come li
    conosciamo

    oggi), non credo proprio che
    funzioneranno

    con Microsoft Windows (e neppure con
    Linux

    se è per questo), ma penso che le

    conoscenze e le tecnologie necessarie

    saranno liberamente disponibili,
    esattamente

    come oggi lo sono le conoscenze di 2'000

    anni fa. Senza brevetti, senza
    copyright o

    altre limitazioni.



    Spesso per accedere a queste conoscenze
    bisogna comunque pagare, quindi che
    differenza c'è?
    Ti andrebbe di pagare per respirare??

    La cultura ha bisogno di essere libera,

    altrimenti andiamo verso un nuovo
    medioevo,

    dove l'oscurantismo non è
    più

    retto dalla chiesa (che preferiva avere

    pochi conoscitori e un mare di
    ignoranti da

    controllare) ma dalle grandi aziende
    (che

    per ragioni di profitto desiderano la
    stessa

    situazione voluta dal clero quasi 1'000
    anni

    fa).



    Non parlarmi della chiesa, che la odio
    (senza offesa per nessuno)
    Se odi cosi tanto la Chiesa, perché ami così tanto le Multinazionali??? In gran parte il modello di funzionamento è lo stesso....

    Ma se mi permetti di flamare un po'
    anch'io,

    direi che probabilmente tu in fatto di

    cultura non te ne intendi molto (dal

    commento fatto su 1984 di Orwell). Ti

    consiglio di informarti un pochettino
    sulle

    opere della letteratura, forse allora

    capirai perchè l'open source e il

    free software hanno un'avvenire mentre
    il

    closed source è destinato a
    morire

    (non subito. Forse tra 100 anni, ma

    morirà).



    io non conosco Orwell e sinceramente non me
    ne frega niente di chi sia o che cosa abbia
    scritto, l'unica cosa che so è che
    linux è un cancro per il mercato. Non
    sono io a dirlo, ma la microsoft stessa lo
    ammette candidamente.Allora ammetti che hai un dio che ha un vangelo unico per te: M$!!ricordati però che ci sono altre religioni degne di rispetto, quulacuna molto più antica di quello che comunemente si pensa...Inoltre il fatto che tu non sappia nulla di Orwell e di ciò che scrisse ben prima dell'avvento dei computer è molto limitativo e indice del tuo modo di pensare!:(Conoscere le cose significa informarsi su tutto, ovvero sia sulla parte che ci piace sia sulla parte contraria al nostro modo di pensare: da qui se sei libero, usi il tuo cervello, ragioni sulle cose e trai le tue conclusioni, che possono anche essere contrarie al comune modo di pensare di chi ti vuol imporre le cose.tanto per citare qualcuno, se Galileo Galileii non si fosse ribellato al comune modo di pensare imposto da pochi a tutti, forse la Luna sarebbe ancora qualcosa di lontano.....PENSA con la tua testa, non con la testa delle multinazionali, solo così sarai "libero"!:):$
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: trollenstein


    chi è Orwell? se ne parla su pi....

    E` uno che ha fatto un sacco di soldi con i
    Reality Show, non ti preoccupare, poteva
    essere un pericolo 20 anni fa, ma adesso e`
    tutto a posto, stai tranquillo, e` tutto
    sotto controlloStraLOL !!! :-)
  • Anonimo scrive:
    Come rallentare ulteriormente...
    ...lo sviluppo e la diffusione di linux. Complimenti: non ci avevo pensato nemmeno io!ZioBill***no linux and no open source software were used for writing this post***
    • Anonimo scrive:
      Re: Come rallentare ulteriormente...
      - Scritto da: Anonimo
      ...lo sviluppo e la diffusione di linux.
      Complimenti: non ci avevo pensato nemmeno io!

      ZioBill
      ***no linux and no open source software were
      used for writing this post***Toh... chi si rivede... ZioTroll....
      • CoreDump scrive:
        Re: Come rallentare ulteriormente...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...lo sviluppo e la diffusione di
        linux.

        Complimenti: non ci avevo pensato
        nemmeno io!



        ZioBill

        ***no linux and no open source software
        were

        used for writing this post***

        Toh... chi si rivede... ZioTroll....Arghhhh, e tornato zio Bill :| :DP.s. preferivo quando c'era il dragasaccoccie redmond. ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] ed eckeptical
          non mi sogno minimamente di associare ZioBill (tempo fa ho visto in giro anche ZioBallmer, manca solo ZioAllen) ad Ekleptical, ma dov'è finito? Rinchiuso nel politecnico, si diceva, quindi starà per laurearsi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!
    - Scritto da: trollenstein
    chi è Orwell? se ne parla su pi ogni
    tanto ma io non so chi sia... è un
    altro linaro pinguinazzolo open sorcio che
    ha magari sviluppato un cazzillo che non
    serve ad un'emerita cippa?E` uno che ha fatto un sacco di soldi con i Reality Show, non ti preoccupare, poteva essere un pericolo 20 anni fa, ma adesso e` tutto a posto, stai tranquillo, e` tutto sotto controllo
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco cosa ne pensa Tanenbaum
    La cosa è ampiamente risaputa da anni, quando la matricola torvalds osò rispondere a Tanenbaum che "il suo sistema non era gratuito" (basta comprare il libro, babbeo: ma si vede che lui non l'ha mai neppure letto).Da allora torvalds è totalmente bruciato nella comunità accademica dei SO realtime e affini. Amen.
    • cutler scrive:
      Re: Ecco cosa ne pensa Tanenbaum

      osò rispondere a Tanenbaum che "il
      suo sistema non era gratuito" (basta
      comprare il libro, babbeo: ma si vede che
      lui non l'ha mai neppure letto).Se leggi la biografia di Linus, dice che ha passato mesi sul libro di Tanenbaum , ed è diventato il suo libro da comodino ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco cosa ne pensa Tanenbaum
      - Scritto da: Anonimo
      La cosa è ampiamente risaputa da
      anni, quando la matricola torvalds
      osò rispondere a Tanenbaum che "il
      suo sistema non era gratuito"uff..ecco un altro fesso che scambia free con gratuito quando il contesto tratta di libertà..
  • trollenstein scrive:
    Re: SVEGLIA!
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: trollenstein

    Ragazzi, ma perchè rispondete?
    Trollenstein -

    troll + enste(a)in = troll-genio,
    cioè gran testa di troll...
    è uno che si diverte e che ci fa
    divertire, solo che lui crede che noi lo
    sappiamo, ma non si rende conto che non lo
    sappiamo affatto!!!finalmente qualcuno d'intelligente su pi
    • Anonimo scrive:
      Re: SVEGLIA!
      Il fatto è che scrivendo su un forum come PI si perde il contatto con la realtà telematica esterna: qui chiamano "troll" chiunque, anche il primo idiota che capita, e non sanno riconoscere un artista.W Usenet.
    • Anonimo scrive:
      Re: SVEGLIA!
      Solo una curiosità sull'immagine che hai adottato come avatar: hai pagato a M$ i diritti d'autore per lo sfruttamento di materiale proprietario?
  • Anonimo scrive:
    Re: SVEGLIA!
    - Scritto da: trollensteinRagazzi, ma perchè rispondete? Trollenstein -
    troll + enste(a)in = troll-genio, cioè gran testa di troll...è uno che si diverte e che ci fa divertire, solo che lui crede che noi lo sappiamo, ma non si rende conto che non lo sappiamo affatto!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!
    - Scritto da: Anonimo......
    io non conosco Orwell e sinceramente non me
    ne frega niente di chi sia o che cosa abbia
    scritto, l'unica cosa che so è che
    linux è un cancro per il mercato. Non
    sono io a dirlo, ma la microsoft stessa lo
    ammette candidamente.Ah... beh....Comunque ti consiglierei di lasciar perdere l'informatica, che tanto non è il tuo campo, e farti una cultura generale, così eviterai in futuro queste figure barbine....
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!
    - Scritto da: Anonimo

    io non conosco Orwell e sinceramente
    non me

    ne frega niente di chi sia o che cosa
    abbia

    scritto,

    Quindi quando guardi il "Grande Fratello"
    pensi che il titolo sia scelto a caso?
    si, perchè non è cosi'?

    l'unica cosa che so è che

    linux è un cancro per il
    mercato. Non

    sono io a dirlo, ma la microsoft stessa
    lo

    ammette candidamente.

    ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!

    io non conosco Orwell e sinceramente non me
    ne frega niente di chi sia o che cosa abbia
    scritto,Quindi quando guardi il "Grande Fratello" pensi che il titolo sia scelto a caso?
    l'unica cosa che so è che
    linux è un cancro per il mercato. Non
    sono io a dirlo, ma la microsoft stessa lo
    ammette candidamente....
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!

    ciao, se è veramente come dici,
    potresi citarmi i nomi delle multinazionali
    che hanno fatto avanzare la società
    negli ultimi 10'000 anni, dall'invenzione
    della ruota a oggi?quante ne vuoi. Senza ford e daimler, noi oggi andremmo a piedi.Senza ibm le cassiere farebbero i conti a mano e non con una calcolatrice.Senza bayern non ci sarebbe un rimedio paliativo contro il mal di testa.Potremmo continuare all'infinito.
    Il fenomeno delle multinazionali è un
    fenomeno recentissimo, così come
    quello dei copyright e dei brevetti.Cosa cosa cosa?Scusa, ma il diritto latino lo conosci? Vi erano principi "simili nello spirito" ai brevetti, senza contare che le multinazionali sono sempre esistite, a partire dall'impero macedone.
    Non sono quelli che hanno fatto avanzare la
    civiltà e non credo che saranno loro
    che la faranno avanzare nel prossimo futuro.
    Certo ne hanno forse dato una buona spinta
    nell'ultimo secolo, ma pensi veramente che
    tra 2 o 3 mila anni qualcuno si
    preoccuperà ancora di Microsoft e
    della guerra tra Windows e Linux? L'unica
    cosa che sopravviverà sarà
    quella parte della cultura che sarà
    stata liberamente disponibile.magari tra 3000 anni ci saremo già autdistrutti da un pezzo, quindi chi se ne frega di tutti questi bei paroloni?Io penso alla mia vita, oggi, non al domani.
    E credo che se i computers esisteranno
    ancora (sicuramente non come li conosciamo
    oggi), non credo proprio che funzioneranno
    con Microsoft Windows (e neppure con Linux
    se è per questo), ma penso che le
    conoscenze e le tecnologie necessarie
    saranno liberamente disponibili, esattamente
    come oggi lo sono le conoscenze di 2'000
    anni fa. Senza brevetti, senza copyright o
    altre limitazioni.
    Spesso per accedere a queste conoscenze bisogna comunque pagare, quindi che differenza c'è?
    La cultura ha bisogno di essere libera,
    altrimenti andiamo verso un nuovo medioevo,
    dove l'oscurantismo non è più
    retto dalla chiesa (che preferiva avere
    pochi conoscitori e un mare di ignoranti da
    controllare) ma dalle grandi aziende (che
    per ragioni di profitto desiderano la stessa
    situazione voluta dal clero quasi 1'000 anni
    fa).
    Non parlarmi della chiesa, che la odio (senza offesa per nessuno)
    Ma se mi permetti di flamare un po' anch'io,
    direi che probabilmente tu in fatto di
    cultura non te ne intendi molto (dal
    commento fatto su 1984 di Orwell). Ti
    consiglio di informarti un pochettino sulle
    opere della letteratura, forse allora
    capirai perchè l'open source e il
    free software hanno un'avvenire mentre il
    closed source è destinato a morire
    (non subito. Forse tra 100 anni, ma
    morirà).
    io non conosco Orwell e sinceramente non me ne frega niente di chi sia o che cosa abbia scritto, l'unica cosa che so è che linux è un cancro per il mercato. Non sono io a dirlo, ma la microsoft stessa lo ammette candidamente.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!
    - Scritto da: trollenstein
    E' la storia, baby...
    oddio no... è tornato...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!
    Sarebbe giusto che oltre al nick fosse richiesta anche la foto messa pubblica sui messaggi cosi poi non avresti più il coraggio di andare in giro.Chi è che ha stabilito tassativamente che il closed source e i copyright sono la cosa giusta?Tu credi che funzioni meglio un sistema dove vengono avvantaggiate le multinazionali o le PMI?Ci terrei se rispondessi cosi giusto per cominciare un discorso, serio però!
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux stai attento!
    - Scritto da: trollenstein
    PS= a proposito del tuo commendo sulla
    relazione tra ebrei economicamente e
    politicamente potenti e linux, mi hai tolto
    le parole di bocca. Ogni movimento eversivo
    è stato caratterizzato dalla presenza
    in "background" di lobbies ebraiche.Peccato, senza questo PS saresti stato un buon troll. Così sei solo un flamer.
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta per favore. Lasciate in pace L
    Odio la Microsoft amo Linux ma mi devo vergonare sapendo che ci sono persone del tuo calibro. Mi auguro che tu non abbia più di 16 anni. Se sei più vecchio chiediti a cosa può servire il forum di punto-informatico.Se volevi dire una cosa intelligente dovevi dire di smettere di sparare a zero senza prove e senza aver prima letto bene le cose.Buona fortuna!
  • Anonimo scrive:
    Linux stai attento!
    vedo troppi movimenti in giro che non mi piaciono. Questa idea di certificare le patch al kernel mi puzza tanto di censura, mi puzza tanto di controllo, mi puzza tanto di 1984 di Orwell...Le multinazionali si stanno interessando a linux, i soldi stanno arrivando, mi sa che presto il nostro pinguino potrebbe soccombere sotto l'influenza dei poteri forti.Linux è nato libero, non voglio che muoia schiavo delle logiche di business delle multinazionali...Inoltre, un'ultima analisi: per favore, non accusatemi di razzismo o di antisemitismo, perchè non è vero. Faccio solo una considerazione: tutti sanno che molto del potere economico e politico del mondo occidentale è in mano ad ebrei.Come si spiega il fatto che il capo dell'OSDL si chiama Cohen, il cognome ebreo per eccellenza?Non è forse questa un'altra prova che i poteri forti, quelli che gestiscono davvero il mondo, stanno cercando di mettere le mani su linux?Penso che si debba fare qualcosa...ciao a tutti
    • trollenstein scrive:
      Re: Linux stai attento!

      Questa idea di certificare le patch al
      kernel mi puzza tanto di censura, mi puzza
      tanto di controllo, mi puzza tanto di 1984
      di Orwell...
      chi è Orwell? se ne parla su pi ogni tanto ma io non so chi sia... è un altro linaro pinguinazzolo open sorcio che ha magari sviluppato un cazzillo che non serve ad un'emerita cippa?
      Penso che si debba fare qualcosa...Hai ragione, bisogna fare qualcosa: DISTRUGGERE LINUX!Il modello open sorcio sta facendo del male al mercato del software in particolare e dell'industria in generale.Tra poco ci saranno fabbriche che chiuderanno, persone disoccupate e tensioni sociali.Tutto perchè dei linari pinguinazzoli open sorci stanno facendo delle attività CRIMINALI copiando del codice già esistente (prova ne sia la causa che SCO vincerà sicuramente) .Stop open sorcioStop linuxStop free softwareGo Closed softwareGo Propertary softwareGo MicrosoftPS= a proposito del tuo commendo sulla relazione tra ebrei economicamente e politicamente potenti e linux, mi hai tolto le parole di bocca. Ogni movimento eversivo è stato caratterizzato dalla presenza in "background" di lobbies ebraiche.E' la storia, baby...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux stai attento!
      A quando la soluzione finale?:@
  • Skaven scrive:
    Re: Ecco cosa ne pensa Tanenbaum
    Semplicemente fantastico! questo dialogo poi la dice mooolto lunga:AST: "Che cosa è la Alexis de Tocqueville Institution?"KB: Facciamo del lavoro politico pubblico.AST: Una specie di "think tank", come la Rand Corporation?KB: Qualcosa del genere.AST: Che cosa fa?KB: Pubblica rapporti e libri.AST: Chi la finanzia?KB: Abbiamo molteplici fonti di finanziamento.AST: SCO è una di quelle? E' correlato alla causa (contro Linux ndt) di SCO?KB: Abbiamo molteplici fonti di finanziamento.AST: Microsoft è una di quelle?KB: Abbiamo molteplici fonti di finanziamento.chi vuole intendere, intenda...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco cosa ne pensa Tanenbaum
      Se vai avanti nella traduzione noti anche che questo Brown e' piu' ignorante di un mattone.E' comunque confortante vedere che a fare questi sporchi lavori siano disponibili solo le mezze calzette: significa che sono solo dei poveracci che per alzare un po' di grano venderebbero anche la propria madre.
  • lorenzaccio scrive:
    Re: Sto morendo dal ridere
    Su qualunque articolo che parli della storia del software c'è scritto che Torvalds partì da Minix, che poi trovò inadeguato, per arrivare al kernel di Linux. Ora c'è chi crede di aver fatto una scoperta, ma ha scoperto l'acqua calda.
  • Anonimo scrive:
    Re: Rotfl...
    - Scritto da: HotEngine
    "Attinto a piene mani da minix..."
    A parte la smentita del creatore, ma
    pensiamoci bene. Se anche fosse così
    l'unico che avrebbe diritto di lagnarsene
    è Tanenbaun... E pare che non si
    lagni. ;)Anzi, si è lagnato del contrario contestando la struttura monolitica di Linux....
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta per favore. Lasciate in pace LINUX
    la profondita' del tuo post, e di quelli a seguire (o sono sempre roba tua?) e' sconvolgente.sembrano frasi fatte prese dal manuale del bravo linaro, quello che si tiene stretto in pugno guardando il sole di un radioso avvenire in cui ci sara' solo linux, e tutto il resto sparira'.presumo che tu sia molto giovane, si denota dal furore idealistico-ideologico delle tue asserzioni, e solo per questo non ti do del trollone: deve ancora venire il tempo, per te, di considerare freddamente che ogni OS, cosi' come tutte le cose, e' perfettibile, ha cose buone e cose cattive.un consiglio sereno: se vuoi catturare la stima di altre persone verso Linux (che pure e' una splendida realta') usa meno slogan e piu' concretezza, senno' finisci per appiattirti sulla banalita' del marketing del tuo nemico numero uno.uno simpaticamente infastidito dai massimalismi informatici
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta per favore. Lasciate in pace LINUX
    - Scritto da: Anonimo
    Basta. Lasciate in pace LINUX, specialmete
    qui su Punto Informatico che avete
    già dato abbastanza prove di
    appiattimento e devozione su microzoz.
    LINUX ormai va avanti anche senza le vostre
    continue stronzate, non lo può
    fermare nessuno perchè è il
    più forte di tutti e la sua forza
    nasce dall' Open SourceQuanti anni hai? 13 ?
  • Anonimo scrive:
    Ecco cosa ne pensa Tanenbaum
    Tradotto in (IT)http://michele.sciabarra.com/page/ChiHaScrittoLinux_di_Andy_Tanenbaum
  • HotEngine scrive:
    Rotfl...
    "Attinto a piene mani da minix..."A parte la smentita del creatore, ma pensiamoci bene. Se anche fosse così l'unico che avrebbe diritto di lagnarsene è Tanenbaun... E pare che non si lagni. ;-)
  • Alessandrox scrive:
    Re: Basta per favore. Lasciate in pace L
    Allora smettiamola di parlare anche dli Windows ma anche di SCo ma anche di IBM Java SUN .Net e tutto il resto!Ma sai cosa... basta con tutta questa informazione inutile, che chiudano il sito eh?- Scritto da: Anonimo
    Basta. Lasciate in pace LINUX, specialmete
    qui su Punto Informatico che avete
    già dato abbastanza prove di
    appiattimento e devozione su microzoz.
    LINUX ormai va avanti anche senza le vostre
    continue stronzate, non lo può
    fermare nessuno perchè è il
    più forte di tutti e la sua forza
    nasce dall' Open Source che nemmeno i toponi
    della SCO, che presto sparirà dalla
    faccia della terra con tutti i loro venduti
    dirigenti, riescono a scalfire con le loro
    minacce di estorsione foraggiate da
    microzoz.8):'(;):|Ecco! mangiate pesante la sera e poi pretendete di fare discorsi sensati...E' passata la mezzanotte e ancora non hai finito di digerire la cena..., cosi' ti rovini la salute!
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta per favore. Lasciate in pace L
      - Scritto da: Alessandroxsuvvia, lo sappiamo.Sei della banda dei venduti a microzoz di Punto Informatico.Sappaimo che è per questo che vi divertite tanto a denigrare LINUX,....poveretti,...non c'è proprio + trippa x i gatti ormai.
      • Alessandrox scrive:
        Re: Basta per favore. Lasciate in pace L
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Alessandrox
        suvvia, lo sappiamo.
        Sei della banda dei venduti a microzoz di
        Punto Informatico.
        Sappaimo che è per questo che vi
        divertite tanto a denigrare
        LINUX,....poveretti,...non c'è
        proprio + trippa x i gatti ormai.Ehhh?Venduto a M$?Si in effetti mi sono arricchito Bah...
  • Mechano scrive:
    L'invidia
    dall'articolo:"Il processo di sviluppo di Linux ha funzionato bene per più di 10 anni, ma con il crescente successo di questo sistema operativo si sono presentate nuove sfide"Ossia le invidie di chi non riesce o non vuole innovare e viene fregato da una miriade di hacker sbarbatelli ma appassionati!--Ciao. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta per favore. Lasciate in pace L
    SCO ( Smoking Crack Organization )Linus Torwalds
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta per favore. Lasciate in pace L
      - Scritto da: Anonimo
      SCO ( Smoking Crack Organization )

      Linus TorwaldsSempre Cornuti Organizzati.....:|
    • KerNivore scrive:
      Re: Basta per favore. Lasciate in pace L
      - Scritto da: Anonimo
      SCO ( Smoking Crack Organization )

      Linus TorwaldsNon chiedo tanto, ma almeno imparare a scrivere correttamente i nomi non guasterebbe...
  • Anonimo scrive:
    Sto morendo dal ridere

    in cui suggerisce che Torvalds, nello scrivere Linux, abbia
    attinto a piene mani al codice di Minix Di solito mi limito a lurkare, ma questa volta proprio non resistito:http://makeashorterlink.com/?B26E15568Bye, Giubbe
  • Anonimo scrive:
    Basta per favore. Lasciate in pace LINUX
    Basta. Lasciate in pace LINUX, specialmete qui su Punto Informatico che avete già dato abbastanza prove di appiattimento e devozione su microzoz.LINUX ormai va avanti anche senza le vostre continue stronzate, non lo può fermare nessuno perchè è il più forte di tutti e la sua forza nasce dall' Open Source che nemmeno i toponi della SCO, che presto sparirà dalla faccia della terra con tutti i loro venduti dirigenti, riescono a scalfire con le loro minacce di estorsione foraggiate da microzoz.8):'(;):|
Chiudi i commenti