Milano sa sempre più di ECDL

L'Università apre il CertL@b insieme ad AICA: computer e certificazioni informatiche, a partire dai già avviati corsi per la Patente Europea


Milano – Non si ferma la corsa all’occupazione dei nuovi spazi di formazione da parte dei sostenitori della Patente Europea del Computer (ECDL) introdotta dall’ AICA in Italia nel 1998. In una nota diffusa ieri, l’ Università degli Studi di Milano e la stessa AICA hanno annunciato la nascita di CertL@b, una struttura interamente dedicata alla formazione e alla certificazione ICT, ECDL in testa.

CertL@b (Centro di Ateneo per le Certificazioni Informatiche) è costituito da un’aula informatica con 61 box dotati di PC e da una segreteria, una struttura in grado, si legge nella nota, di formare e certificare “ampie capacità di utilizzo dello strumento informatico nelle diverse attività professionali”.

Nella nota si accenna anche alla convenzione di AICA con la CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) per la diffusione delle certificazioni ECDL all’interno di tutti i corsi di studio in molti atenei. E proprio a Milano, con il progetto “Matricola 2001”, sono già stati certificati ECDL migliaia di studenti, operazione che verrà ripetuta con “Matricola 2002”.

“Il Centro – si legge nella nota – si propone inoltre come sede di esame per le nuove certificazioni riconosciute a livello europeo previste da AICA e finalizzate ad attestare le competenze dei vari livelli di operatori del settore informatico, quali ECDL Advanced Livello Applicativo e Specialistico ed il programma EUCIP (European Certificate for Informatics Professionals)”.

Ai progetti l’Università intende portare anche i contributi delle convenzioni che saranno firmate con alcune importanti aziende, in primis i colossi americani Microsoft, Cisco e Oracle.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Denunciamo Search King
    "...sistemi promozionali che consentono ai loro siti di divenire più visibili tra i risultati di ricerca di Google"In altre parole, questa azienza fa reverse engineering degli algoritmi di ranking di Google, per aumentare fittiziamente il ranking ottenuto dai propri clienti paganti.Search King danneggia quindi contemporanemente:- Gli utenti, perche' altera i risultati delle loro ricerche, facendogli perdere piu' tempo per trovare quello che vogliono.- Google, perche' usa (senza pagarli) i servizi e la tecnologia di Google per il proprio business.Rimettendo le cose nella loro naturale prospettiva, direi quindi che se c'e' qualcuno da denunciare e' proprio Search King.SalutiGiorgio
  • Anonimo scrive:
    Non sanno fare il proprio lavoro
    Personalmente ritengo sia un bell'esempio del solito andazzo...L'azienda americana ha speso più risorse in pubblicità che in qualità dei servizi offerti e ora si trova con un pugno di mosche per la scarsa qualità nel fare il proprio lavoro. E se la prendono con Google per farsi altra pubblicità...Google è ovvio che "ogni tanto" rimescoli le carte per stuzzicare gli utenti interessati.Senza contare (e non me ne voglia nessuno) che basta solo un po' di tempo e di "contenuti" per posizionare degnamente un sito... Un qualsiasi webmaster dovrebbe saperlo fare degnamente.E che le realtà commerciali per il posizionamento siano delle mezze bufale è risaputo persino da un utonto come il sottoscritto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sanno fare il proprio lavoro
      - Scritto da: Utonto_da_sempre
      L'azienda americana ha speso più risorse in
      pubblicità che in qualità dei servizi
      offerti e ora si trova con un pugno di
      mosche per la scarsa qualità nel fare il
      proprio lavoro. E se la prendono con Google
      per farsi altra pubblicità...No magari è semplicemente questa la loro campagna pubblicitaria. Sanno che perderanno la causa ma i soldi investiti serviranno a far parlare di loro.
  • Anonimo scrive:
    Le posizioni e Keyword si vendono
    Per chi non lo sapesse le keyword con relative posizioni si vendono, sui maggiori motori di ricera yahoo, google, altavista, virgilio ect ect.Provare per credere.
  • Anonimo scrive:
    La Search King ha sbagliato motore
    Già, perché se voleva essere in cima ad un motore di ricerca, bastava che si rivolgesse ad AltaVista, nel quale chi più paga più va in alto.Si è ben visto l'effetto di questo gioco, un completo crollo di popolarità di AltaVista (che prima era il mio motore preferito).Non ha senso che i risultati vengano ordinati per "denaro", poiché ci si ritrova con decine di risultati inutili.E comunque anche in Google, volendo, si possono comprare "collegamenti sponsorizzati" (che compaiono in una colonna a destra), ma comunque è ben evidenziata la separazione tra pubblicità e risultati.Un bravo a Google, continua così.
  • Anonimo scrive:
    STATALIZZIAMO GOOGLE
    Questa e' una soluzione POSSIBILE.Pensateci: uno prende Google, gli da' un sacco di soldi e lo fa diventare un progetto diciamo statale (oppure USA-UE) che garantisca imparzialita'.Ha dimostrato di essere il migliore, dovrebbero adottarlo tutti
    • Anonimo scrive:
      Re: STATALIZZIAMO GOOGLE
      - Scritto da: Criss
      Questa e' una soluzione POSSIBILE.
      Pensateci: uno prende Google, gli da' un
      sacco di soldi e lo fa diventare un progetto
      diciamo statale (oppure USA-UE) che
      garantisca imparzialita'.Questa è la maniera migliore di farlo andare in malora in fretta.Certo che voi rossi non avete ancora capito che così non funziona...KKL
      • Anonimo scrive:
        Re: STATALIZZIAMO GOOGLE
        Io non sono rosso ma l'idea non e' male, vista la qualita' di GOOGLE (che uso tutti i giorni)- Scritto da: KKL
        - Scritto da: Criss

        Questa e' una soluzione POSSIBILE.

        Pensateci: uno prende Google, gli da' un

        sacco di soldi e lo fa diventare un
        progetto

        diciamo statale (oppure USA-UE) che

        garantisca imparzialita'.

        Questa è la maniera migliore di farlo andare
        in malora in fretta.

        Certo che voi rossi non avete ancora capito
        che così non funziona...

        KKL
        • Anonimo scrive:
          Re: STATALIZZIAMO GOOGLE
          La differenza fra aziende di proprietà privata e di proprietà pubblica è che nelle prime per corrompere basta pagare, mentre nelle seconde oltre a pagare bisogna anche leccare il culo al poilitico di turno.Quindi, lasciamolo privato.
      • Anonimo scrive:
        Re: STATALIZZIAMO GOOGLE
        - Scritto da: KKL
        - Scritto da: Criss

        Questa e' una soluzione POSSIBILE.

        Pensateci: uno prende Google, gli da' un

        sacco di soldi e lo fa diventare un
        progetto

        diciamo statale (oppure USA-UE) che

        garantisca imparzialita'.

        Questa è la maniera migliore di farlo andare
        in malora in fretta.

        Certo che voi rossi non avete ancora capito
        che così non funziona...

        KKLScusami allora il modello che funziona qual'è'?Forse il modello americano(quello della Enron,WorldCom,Kirch Media)?
  • Anonimo scrive:
    Google vittima del suo successo
    Non puo' pensare di scappolarla. L'importanza dei suoi ranking e' enorme e presto dovra' certificarli. Senno' sara' distrutto in tribunale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Google vittima del suo successo
      - Scritto da: L'avvuchet
      Non puo' pensare di scappolarla.
      L'importanza dei suoi ranking e' enorme e
      presto dovra' certificarli. Senno' sara'
      distrutto in tribunale.certificarli? certificare i suoi algoritmi?basta che tenga separati inserzionisti da siti gratuiti, il resto è fuffa e si sa come va a finire (Altavista, hasta la vista!)
  • Anonimo scrive:
    [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
    Aprite Google.com o Google.itAndate su "immagini" (o "images")Digitate "lampadina" e date l'okOsservate il 4° risultato della prima fila. In effetti google non ha limiti di alcun tipo, e forse in situazioni come queste la cosa crea qualche dubbio sull'efficacia di "tanta potenza".
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
      beh... gli algoritmi di ranking non possono sapere quale sia il contenuto di una immagine...io posso chiamarla "wallpaper_tramonto.jpg" e poi metterci un porno...non possono mia mettersi a guardare tutte le immagini che indicizzano....
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
        Sicuramente, ma ammetterai che in questo caso (e altri simili) è alquanto discutibile il criterio di scelta di Google.
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
          - Scritto da: Lok
          Sicuramente, ma ammetterai che in questo
          caso (e altri simili) è alquanto discutibile
          il criterio di scelta di Google.Quale "criterio", scusa?L'immagine si chiama "lampadina" e Google l'ha indicizzata sotto questo termine.
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
            Anche tutte le altre si chiamano "lampadina.jpg". Però che venga mostrato come primo risultato quella piuttosto che un'altra... dipenderà da qualcosa, no? Da un criterio, appunto (a meno che faccia tutto a caso, ma non si direbbe da quello che sostengono alla Google). A questo punto mi chiedo: quale criterio indicizza QUELLA immagine piuttosto che tutte le altre? Un criterio di cliccabilità? Visibilità? Refernziazione (urgh!)? A caso non penso, mentre il SOLO nome non basta (essendo comune a tutti gli altri risultati).In tal senso dico: Google è un motore potente, versatile e (ormai) indispensabile. Tuttavia se digitando un termine banale come "lampadina" mi ritrovo (dopo un click) in un sito dove un tizio lecca la sua urina, mi permetti di avere qualche DUBBIO sull'intelligenza di questo strepitoso motore?
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini

            In tal senso dico: Google è un motore
            potente, versatile e (ormai) indispensabile.
            Tuttavia se digitando un termine banale come
            "lampadina" mi ritrovo (dopo un click) in un
            sito dove un tizio lecca la sua urina, mi
            permetti di avere qualche DUBBIO
            sull'intelligenza di questo strepitoso
            motore?be, se aveste cercato lampadina tra i siti, in 4° posizione avreste beccato "quanti matematici ci vogliono per avvitare una lampadina", quindi vi è andata bene... ;-)scherzi a parte, ci sono motori di ricerca come msn, yahoo, altavista, lycos ecc che per tirare fuori le stesse vaccate impiegano minuti anzichè decimi di secondo...un motore di ricerca può essere intelligente quanto vuole (come ask jeeves) ma non potrà mai competere con chi indicizza i siti, se non altro perchè chi lo fa ha modo di controllare i propri risultati ed adeguarsi per migliorarli, invece chi programma il motore di ricerca non può controllare milioni di siti e miliardi di miliardi di miliardi di possibili combinazioni di ricerca.Quindi in buona sostanza un motore di ricerca deve semplicemente essere il più veloce possibile per dare più velocemente risultati tra cui sarà il "cliente" a scegliere. Altrimenti ci sono le directory e i pointer, che sono appunto cose diverse.E poi la ricerca per immagini, su ogni motore, mi sembra proprio una gran vaccata, danno peso solo al nome dell'immagine e ai click che riceve, nel migliore dei casi alle directory in cui è salvata, invece dovrebbero darne molto di più al tag alt e ad eventuali watermark dell'immagine.
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
      che delusione, la lampadina era spenta.:(
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
        - Scritto da: long time lurker
        che delusione, la lampadina era spenta.
        :(Beh, finché non ci si siede sopra Zio Fester...
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
          Ma quella lampadina secondo voi con che energia funziona...? Secondo me con l'energia eolica....:)
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
      Ok quello che trovi digitando "lampadina" è strano, ma quello che trovi digitando "ca**o" lo è ancora di più (ma nel senso opposto).PERCHE' c'è quel tipo nella quinta riga (poveretto)? E il pulsnte "entra" nella seconda?E tutte le altre?Nella prima pagina ci sono solo 7 immagini che c'entrano qualcosa, il resto...mah!(scusate se vi chiedo di cercare 'sta parola, ma il risultato è proprio assurdo)
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Cercate "lampadina" tra le immagini
        Avete mai provato a cercare figa? Il risultato è una serie di immagini con il significato di 'Figura A'
        "ca**o" lo è ancora di più (ma nel senso
  • Anonimo scrive:
    La Search King ha ragione....
    ...ed io, se fossi il giudice, condannerei Google ha restituire alla Search King ciò che ha pagato per essere inserita negli archivi Google.Dopo di che intimerei a Google, per evitare nuovi illeciti, di rimuovere per sempre la Search King dai propri archivi.
    • Anonimo scrive:
      Re: La Search King ha ragione....
      - Scritto da: TeX
      ...ed io, se fossi il giudice, condannerei
      Google ha restituire alla Search King ciò
      che ha pagato per essere inserita negli
      archivi Google.

      Dopo di che intimerei a Google, per evitare
      nuovi illeciti, di rimuovere per sempre la
      Search King dai propri archivi.^_________________^
      • Anonimo scrive:
        Re: La Search King ha ragione....
        - Scritto da: Cavallo GolOso


        - Scritto da: TeX

        ...ed io, se fossi il giudice, condannerei

        Google ha restituire alla Search King ciò

        che ha pagato per essere inserita negli

        archivi Google.



        Dopo di che intimerei a Google, per
        evitare

        nuovi illeciti, di rimuovere per sempre la

        Search King dai propri archivi.


        ^_________________^:) leggendo il titolo e ilnome dell'autore mi si era gelato il sangue :)
  • Anonimo scrive:
    Non ho mai capito i criteri di Google!
    La rete senza Google sarebbe come finire i tortrlloni al burro fuso senza il pane: un orgasmo interrotto!Google però ha un sistema buffo di catalogare i siti. Io mi sono trovato pagine assolutamente inutili (addirittura pagine di prova, in ASP PHP o HTML) linkate e raggiungibili con termini banali. Inutile dire che non mi interessava minimamente l'indicizzazione di tali pagine (per altro mai linkate da nessuno, visto che nessuno sa manco della loro esistenza, essendo pagine del cacchio per scopi "educativi" personali).Al contrario, molti siti per cui ho perso minuti per compilare meta tag (qualsiasi tipo esistente), inserire paroline ripetute e altri trucchetti de genere... sono ancora li che attendono (ma di solito googolone le becca senza problemi).
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho mai capito i criteri di Google!

      Google però ha un sistema buffo di
      catalogare i siti. Io mi sono trovato pagine
      assolutamente inutili (addirittura pagine di
      prova, in ASP PHP o HTML) linkate e
      raggiungibili con termini banali. Se non sono linkate google non ci arriva, e poi potrsti usare robot.txt
      Al contrario, molti siti per cui ho perso
      minuti per compilare meta tag (qualsiasi
      tipo esistente), inserire paroline ripetute
      e altri trucchetti de genere... sono ancora
      li che attendono (ma di solito googolone le
      becca senza problemi).Il ranking viene fatto soprattutto in base alle catene di markov dei link. Il concetto e` che galleggiano le pagine che sono piu` probabilmente raggiungibili andando a zonzo sul web e cliccando a caso sui link. Il risultato e` che e` impossibile cercare di far galleggiare le pagine usando i trucchetti di questo tipo. E meglio costruire una fitta ragnatela di link collegata con qualche servizio di directory.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ho mai capito i criteri di Google!


        Google però ha un sistema buffo di

        catalogare i siti. Io mi sono trovato pagine

        assolutamente inutili (addirittura pagine di

        prova, in ASP PHP o HTML) linkate e

        raggiungibili con termini banali.
        Se non sono linkate google non ci arriva,
        e poi potrsti usare robot.txtE' questo il punto: google le ha linkate eccome, pur essendo pagine di prova, sicuramente non linkate da altri!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho mai capito i criteri di Google!
      Ah addirittura hai dedicato diversi..."minuti" a scrivere i metatags ? ma bravo !- Scritto da: Lazzario
      La rete senza Google sarebbe come finire i
      tortrlloni al burro fuso senza il pane: un
      orgasmo interrotto!

      Google però ha un sistema buffo di
      catalogare i siti. Io mi sono trovato pagine
      assolutamente inutili (addirittura pagine di
      prova, in ASP PHP o HTML) linkate e
      raggiungibili con termini banali. Inutile
      dire che non mi interessava minimamente
      l'indicizzazione di tali pagine (per altro
      mai linkate da nessuno, visto che nessuno sa
      manco della loro esistenza, essendo pagine
      del cacchio per scopi "educativi"
      personali).

      Al contrario, molti siti per cui ho perso
      minuti per compilare meta tag (qualsiasi
      tipo esistente), inserire paroline ripetute
      e altri trucchetti de genere... sono ancora
      li che attendono (ma di solito googolone le
      becca senza problemi).
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ho mai capito i criteri di Google!
        Qualche minuto ci vuole, dai. Tu magari sei una scheggia e ci metti qualche secondo, ma io tra copia e incolla qualche minuto ce l'ho messo (stiamo parlando di meta-tag, non di programmazione) :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Non ho mai capito i criteri di Google!
          Guardate che i meta-tag non servono proprio più a niente, ormai tutti i motori migliori (compreso google) non li guaardano MINIMAMENTE (comrpeso il tag descriptions.Inoltre MAI attenzione alle pagine con solo link (veniva suggerito in qualche post precedente).Il discorso dei posizionamenti sui motori di ricerca è molto ma mooooolto più complicato che scrivere qualche meta-tag...- Scritto da: Sisi
          Qualche minuto ci vuole, dai. Tu magari sei
          una scheggia e ci metti qualche secondo, ma
          io tra copia e incolla qualche minuto ce
          l'ho messo (stiamo parlando di meta-tag, non
          di programmazione) :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho mai capito i criteri di Google!
            Infatti, per quello ho scritto che ci ho dedicato qualche minuto. Altrimenti ci avrei passato le ore (ma è abbastanza inutile, ci pensano i motori e il passaparola).
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho mai capito i criteri di Google!
      - Scritto da: Lazzario
      La rete senza Google sarebbe come finire i
      tortrlloni al burro fuso senza il pane: un
      orgasmo interrotto!E su questo sono d'accordo, specie per la parte relativa ai tortelloni :-P yuk
      Google però ha un sistema buffo di
      catalogare i siti. Buffo?E' l'unico serio.
      Io mi sono trovato pagine
      assolutamente inutili (addirittura pagine di
      prova, in ASP PHP o HTML) linkate e
      raggiungibili con termini banali. Domanda : stai parlando di pagine tue?
      Inutile
      dire che non mi interessava minimamente
      l'indicizzazione di tali pagine (per altro
      mai linkate da nessuno, visto che nessuno sa
      manco della loro esistenza, essendo pagine
      del cacchio per scopi "educativi"
      personali).in primo luogo loro non indicizzano quello che vuoi, ma quello che vogliono, in seconda analisi, non ci sono solo le segnalazioni dirette e l'inseguimento del link ... ma ci sono i crawlers e le analisi della directory.Soprattutto ciò che è semplice (il vero HTML) è sicuramente preferito ad incasinamenti inutili tipo portali e roba dinamica.Non che Google non sia in grado di seguirla, ma ormai si sa che la maggior parte della roba affidabile è quella di tipo "vecchio".
      Al contrario, molti siti per cui ho perso
      minuti per compilare meta tag (qualsiasi
      tipo esistente)...inutile, Google se ne sbatte dei meta tagGli interessa solo la pertinenza.
      ... inserire paroline ripetute
      e altri trucchetti de genere... sono ancora
      li che attendono (ma di solito googolone le
      becca senza problemi).Se sono trucchetti, anche lui sa che sono trucchetti... di solito :-)Se oltre ai truicchetti c'è il contenuto, di solito il tutto passa e resta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho mai capito i criteri di Google!

      Google però ha un sistema buffo di
      catalogare i siti. Io mi sono trovato pagine
      assolutamente inutili (addirittura pagine di
      prova, in ASP PHP o HTML) linkate e
      raggiungibili con termini banali. Inutile
      dire che non mi interessava minimamente
      l'indicizzazione di tali pagine (per altro
      mai linkate da nessuno, visto che nessuno sa
      manco della loro esistenza, essendo pagine
      del cacchio per scopi "educativi"
      personali).Sei sicuro che non siano presenti nei file di log, magari con accesso via web?!?!?
Chiudi i commenti