Minacciano Bush via email, individuati

Due ragazzini di 15 anni hanno utilizzato account che credevano anonimi per inviare un'email di minacce al presidente americano George Bush. Dopo due giorni hanno ricevuto una visita della CIA
Due ragazzini di 15 anni hanno utilizzato account che credevano anonimi per inviare un'email di minacce al presidente americano George Bush. Dopo due giorni hanno ricevuto una visita della CIA

Washington (USA) – Non finiranno in carcere nè subiranno sanzioni disciplinari a scuola i due 15enni americani che hanno voluto minacciare via posta elettronica il presidente americano George Bush.

I due hanno utilizzato un account di posta elettronica gratuito ottenuto fornendo dati fasulli dal computer della biblioteca scolastica. Lì hanno redatto il messaggio che hanno poi provveduto a spedire alla Casa Bianca. A quanto pare, la “furbata” di ottenere un account fasullo ha consentito loro di farla franca per 48 ore. Tanto è infatti servito agli agenti della CIA per suonare il campanello delle abitazioni dei due.

A quanto pare gli agenti, attraverso il log del fornitore di web-email, hanno individuato la scuola sapendo esattamente il momento dell’invio del messaggio. Parlando con i responsabili scolastici hanno individuato i due nel giro di poche ore. Dopo aver chiacchierato con i ragazzini pare abbiano deciso di limitarsi a dar loro una “strigliata”, nella convinzione che l’email sia stata una ragazzata.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 02 2001
Link copiato negli appunti