Ministero Innovazione sì, ma con un nuovo URL

Un comunicato stampa annuncia l'arrivo dei .gov.it


Roma – I più attenti navigatori già se ne sono accorti nei giorni scorsi ma ora il ministero all’Innovazione ha voluto ufficializzare il cambiamento della propria URL ufficiale, modifica avvenuta con l’introduzione nelle scorse settimane in Italia dei suffissi di secondo livello “.gov.it”.

In attesa del cosiddetto “Portale Italia”, cioè il portale unico della PA, che avrà come indirizzo italia.gov, il ministero ha adottato www.innovazione.gov.it al posto del precedente www.mininnovazione.it.

Il dominio di secondo livello “.gov.it” è a disposizione di tutte le amministrazioni che ne faranno richiesta al Dipartimento per l?Innovazione e le Tecnologie. Nelle prossime settimane, il Ministro Stanca emanerà una Direttiva che definirà ? in riferimento ad accessibilità, sicurezza, usabilità, tutela della privacy, aggiornamento dei contenuti e valutazione della soddisfazione degli utenti ? gli standard minimi necessari per poter utilizzare il “.gov.it”.

“E? una innovazione di grande importanza ? ha commentato il Ministro Stanca ? sotto diversi punti di vista. In primo luogo, grazie al “.gov.it” l?utente potrà individuare con certezza un sito istituzionale. Ma la grande novità è che il dominio di secondo livello “.gov.it” diventerà una sorta di marchio di qualità dei siti. Solo le amministrazioni che rispetteranno una serie di standard minimi, infatti, avranno l?autorizzazione ad utilizzare il dominio di secondo livello”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    presso utenti internet di più di 18 anni!!!
    ma cazzarola quando capiranno che uno studente non puo permettersi 20 euro di cd???? ma piuttosto vado dai morocchini!!! 5 euro li sborsa chiunque...comunque io che son studente di 21 anni non comprerò mai nulla a quel prezzo!!MAI!!! come faccio??? 20 euro vuol dire che devo rinunciare a un week end con gli amici...per un cd? ma dai per favore... domani parto per le ferie...secondo me dovrebbero partire anche quelli della RIAA e della SIAE mi sembrano un po' esauriti... ciao a tuttidjflash
    • Anonimo scrive:
      Re: presso utenti internet di più di 18 anni!!!
      Quando mai il mio tesoro dice qualcosa di sbagliato! sempre ragione...e io sempre dalla sua parte! ciao genietto
  • Anonimo scrive:
    Si, scarico la musica e non la compro
    Si, scarico la musica e non la compro, è vero, ma mi spiegate per favore CHI C*AZZO (scriverei volentieri la parola ma mi censurano l'articolo) COMPRE UN CD DI 40 MILA LIRE CHE A PARTE UNA CANZONE FA COMPLETAMENTE CAGARE?????Se credete che scaricare musica 'pirata' equivalga a rubare, ditelo a mr. bill gates allora ad esempio (noto capitalista) che tra il codice sorgente dei suoi programmi ci mette anche quello opensource!! vi pare giusto? loro rubano quel che facciamo noi della comunità opensource e noi rubiamo quello che fanno quelle stramaledette majors discografiche del C*AZZO!!! secondo voi noi dovremmo solo pagare programmi di m*erda, pagare della stramaledetta musica che a parte una canzone fa s*chifo?? ma andate a f*anculizzarvi tutti!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    E le musiche introvabili?
    Cari signori discografici, se volete ridurre di un buon 50% i download di musica, fate in modo che TUTTI i negozi di dischi abbiano SEMPRE tutti i pezzi prodotti negli ultimi 50 anni... registrazioni di qualità, ovviamente, non quelle solite fregature di compilation di brani non originali mescolate alla rinfusa tra migliaia di altre... uno non può passare un pomeriggio intero in un negozio di dischi per trovare un singolo pezzo, diamine.Che mi dite, adesso?
    • Anonimo scrive:
      Re: E le musiche introvabili?
      - Scritto da: biffuz
      Che mi dite, adesso?Li hai bruciati.Non capiranno mai cos'e' la comodita'.Bye
  • Anonimo scrive:
    I Ragazzini alimentano la pirateria?
    E allora facciamo una legge che per i minorenni o per gli studenti sensa reddito la musica deve essere gratuità cosi allontaniamo i fanciulli dal furto del diritto d'autore e diamo ai genitori la possibilità di risparmiare sulla paghetta e limiamo le differnze fra figli di ricchi e figli di poveri. Se poi per effetto indiritto di questa legge si dovesse verificare un impoverimento della RIAA, vorrà dire che questa avrà anche meno fondi da sperperare per queste campagne ridicole.
  • Anonimo scrive:
    Prezzo dei cd...
    Sarebbe bello che i cd costassero meno, ma non sono solo le case discografiche ad essere contro:Una Major italiana sta per lanciare un catalogo a basso prezzo.. 15, 10 e addirittura 5 euro.Tra i cd a 5 euro c'è anche "Sotto il segno dei pesci" di Venditti.Sapete qual'è stato il suo commento?"Così si sminuisce e svilisce il valore di un'opera artistica...."Quindi un'opera è arte se costa tanto.Già un'anno fa ho assistito ad una polemica su MTV, si discuteva sul caro cd.Max Gazzè, che un tempo mi piaceva ma ora se la tira neanche fosse Andy Wharol, disse "Vendiamo pure i cd degli 883 a £10.000, ma per i prodotti di qualità (???) non si può abbassare il prezzo.Che ragionamento del cazzo, che ne pensate?
    • Anonimo scrive:
      Re: Prezzo dei cd...
      - Scritto da: Misfits
      Max Gazzè, che un tempo mi piaceva ma ora se
      la tira neanche fosse Andy Wharol, disse
      "Vendiamo pure i cd degli 883 a £10.000, ma
      per i prodotti di qualità (???) non si può
      abbassare il prezzo.

      Che ragionamento del cazzo, che ne pensate?Che secondo questo ragionamento, i suoi cd dovrebbero costare 1000 lire. ^___^ Ciao
    • Anonimo scrive:
      Poveretti
      Se Venditti e Gazze' ragionano davvero in questo modo, sono solo dei poveretti: lo scopo principe di un vero artista e' quello di raggiungero il piu' alto numero di persone.E poi non lo sanno che gli introiti dalla vendita dei cd sono una minima parte del loro guadagno? Si arricchiscono soprattutto con diritti, spettacoli, concerti...Mah... !!
      • Anonimo scrive:
        Re: Poveretti
        MA SCHERZIAMO paragoni Venditti ad un'artista????? un burino di borgata da 2 centesimi di euro
    • Anonimo scrive:
      Re: Prezzo dei cd...
      che è appunto un ragionamento del cazzo
      • Anonimo scrive:
        Re: Prezzo dei cd...
        Da una recente kiakkierata con Giorgia (ndr:la cantante) ho saputo ke un cd, come quasi tutti i prodotti sul mercato, l'IVA è il 20% e ke gli artisti di solito beccano meno di 2 euro x ogni cd venduto! Ciò vuol dire ke sono le case discografike quelle ke mangiano soldi a palate sui cd venduti, oltre allo stato ovviamente!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Udite udite..hanno scoperto l'acqua calda....
    .. sono talmente esterefatto da questa notizia che non trovo le parole (scusate l'emozione) per commentare queste baggianate!!! ^ |(prova di censura di PI ;-)ciao raga.
  • Anonimo scrive:
    Paura del futuro
    Secondo me le major hanno una grande paura del presente ma soprattutto del futuro: banda larga, grid computing, reti wi-fi... Tutto fa supporre che presto perderanno il controllo su un mercato che pilotano ormai da 50 anni.Come ho letto in un'intervista il CEO di Vitaminic, il modello di business dell'industria musicale sta cambiandoPS: Lo so che non e' bello citare un sito vostro "concorrente", ma vi consiglio uno degli ultimi articoli di Paolo Attivissimo su Apogeo
  • Anonimo scrive:
    Era ovvio
    E' inutile che protestiate ... la RIIA ha ragione da vendere e, a quanto posso vedere, anche dati giusti.Le vostre sono tutte scuse per continuare a sbafare la musica.Inoltre è OVVIO che chi scarica musica compra MENO cd: addirittura vi scaricate le immagini della copertina e del cover del CD e li applicate ai CD-R in modo che SEMBRINO ORIGINALI.Ma cosa volete ?Tutti hanno da campare: vi dovete RENDERE CONTO che copiare illegalmente equivale a RUBARE.
    • Anonimo scrive:
      Re: Era ovvio
      - Scritto da: zop
      E' inutile che protestiate ... la RIIA ha
      ragione da vendere e, a quanto posso vedere,
      anche dati giusti.non ne sarei troppo convinto
      Le vostre sono tutte scuse per continuare a
      sbafare la musica.non è assolutamente vero, una persona potrebbe anche scaricare delle canzoni per valutare se comprare un cd visto il prezzo enorme a cui sono arrivati, tu compreresti un'auto nuova senza provarla alla concessionaria? o compreresti qualcosa di cui non sai il contenuto?
      Inoltre è OVVIO che chi scarica musica
      compra MENO cd: addirittura vi scaricate le
      immagini della copertina e del cover del CD
      e li applicate ai CD-R in modo che SEMBRINO
      ORIGINALI.Guarda che la gente non scarica le copertine per farli sembrare originali, gli originali, si riconoscono subito. Non ti è mai venuta l'idea che la gente ha copiato quel cd magari perchè non aveva i soldi per acquistarlo o perchè non riteneva potesse valere il costo?
      Ma cosa volete ?
      Tutti hanno da campare: vi dovete RENDERE
      CONTO che copiare illegalmente equivale a
      RUBARE.Sul "rubare" ci sarebbe molto da dire.........
    • Anonimo scrive:
      Re: Era ovvio
      me li dai tu 40 sakki (20 ?) per comprare un cd che magari a parte il singolo che mi ha convinto a comprarlo fa cacare?
  • Anonimo scrive:
    Per forza i più giovani non comprano
    Da che mondo è mondo gli adolescenti che vanno a scuola non hanno le tasche gonfie di soldi (nella maggior parte dei casi), e mi sembra ovvio che con i prezzi da furto dei cd originali preferiscano copiarli piuttosto che comprarli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per forza i più giovani non comprano
      Io comunque nei negozi tipo Messaggerie Musicali o Virgin vedo sempre folle di ragazzini (purtroppo), quindi...dove sta questo calo delle vendite ? Forse finalmente la gente ha imparato a scegliere invece di comprare a manetta quello che suggerisce MTV ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Per forza i più giovani non comprano
      Oltre al fatto che la maggior parte degli adolescenti si ritrova in tasca pochi soldi e moltissime esigenze e tutte mi pare al giorno d'oggi molto costose, c'è da tenere in considerazione il fatto che non sono molto sensibili alla qualità. Mi spiego meglio: a volte gli adolescenti non comprendono la differenza di qualità tra un mp3 e un cd audio, anche perchè li ascoltano su apparecchi compattoni con mega lucine che vanno su e giù dove un mp3 può suonare uguale ad un cd.(A parte che con le nuove protezioni e le registrazioni fatte in ftretta e furia come sono solite fare le case discografiche oggi giorno, quasi quasi davvero non c'è più differenza tra cd ed mp3, NDR DDD)Poi conta anche il tipo di musica che ascoltano: come fanno a comprare un cd di musica dance quando dopo una settimana è già diventato obsoleto e costa sempre e comunque 20 euro? E poi sulla musica dance si sente la differenza di qualità tra cd ed mp3?Se fossi nei panni delle case discografiche diminuirei i prezzi, aumenterei la qualità di registrazione e di fattura dei cd e leverei quelle antipatiche protezioni che non servono a nulla se non a far scappare la voglia di comprare i cd originali visto che ne deteriorano la qualità e la portabilità. Secondo voi infilo in macchina un CD da 20 euro in modo che si rovini con il caldo e con i graffi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Per forza i più giovani non comprano
        ma come la senti la differenza tra cd musicali e mp3 visto che la differenza tra i due sono che l'mp3 "taglia" solo le frequenze che l'orecchio umano non sente e che inutilmente sono presenti nei cd audio? le ipotesi sono due: o hai un udito al pari dei cani o hai sempre rippato mp3 di bassa qualità.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per forza i più giovani non comprano
          Guarda che sentire l'mp3 (anche ad alto bitrate)e il cd audio sono due cose completamente differenti, fai una prova con un'impianto buono e capirai, ma se ancora non la senti confronta i due spettri e vedrai che oltre ai tagli a 16khz, lo spettro dell'mp3 è differente. La storia che l'algoritmo taglia solo quello che non sentiresti dovresti sapere meglio di me che non è del tutto veritiera, l'algoritmo taglia dopo i 16khz e inserisce artefatti ed enfasi strane. Senza contare la voce che è più metallica e sembra provenire da un imbuto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per forza i più giovani non comprano
            Voglio vederti in auto in mezzo al traffico per 2 ore al giorno a distinguere gli mp3 dai cd!!!Inoltre voglio vederti spendere una cifra folle in cd da 20 euro per ascoltarli in auto in mezzo al traffico per 2 ore al giorno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per forza i più giovani non comprano
            - Scritto da: nn

            Voglio vederti in auto in mezzo al traffico
            per 2 ore al giorno a distinguere gli mp3
            dai cd!!!
            Inoltre voglio vederti spendere una cifra
            folle in cd da 20 euro per ascoltarli in
            auto in mezzo al traffico per 2 ore al
            giorno.Infatti.Credo che si possa apprezzare la differenza solo in presenza delle seguenti 3 condizioni:1. buon orecchio2. ottimo impianto3. pochi o nulli rumori di disturbo
  • Anonimo scrive:
    IO NON HO MAI COMPRATO.
    neanche quando non c'era il file sharing. In principio esisteva la duplicazione dei pani e dei pesci, per la quale un tipo di betlemme venne accusato dalla SIAE di plagio. Li mando' tutti all'inferno.Piu' avanti semplicemente esisteva il Cassetta - sharing, nel senso che si comprava la cassettina in 20 e la si duplicava a tutti gli amici. Poi si e' passati alla duplicazione dei cd, con i quali fra l'altro, non c'era nessuna perdita di qualita' neanche dopo 1000 copie.Ora si scambia via internet, ma il concetto e' rimasto lo stesso.E' inutile che i capi della RIA e SIAE si facciano avanti per evitare la pirateria, perche' e' del tutto inutile. Se chiudono il file sharing, si tornera' al cd-sharing. Se smetteranno di produrre cd si tornera' alle cassette, e ammesso che smettano anche di produrre le cassette, incendieranno la sede della siae e faranno un banchetto con il presidente allo spiedo, che i cannibali africani si gusteranno con piacere, dopo essersi visti strappare le loro musiche afro e messo sopra il bollino siae.Ahah stanno proprio entrando nel ridicolo.Per pisciare in un prato devo chiederlo prima alla siae? non e' che infrango i diritti d'autore?
    • Anonimo scrive:
      Re: IO NON HO MAI COMPRATO.
      Cmq questo è un atteggiamento sbagliato, perchè se nessuno comprasse i cd, nessuno potrebbe fare musica. E' giusto che gli artisti vengano pagati per il loro lavoro, quello che è sbagliato è che le major strarubino e che ci propinino musica da spazzatura solo per far soldi. Ciao !
      • Anonimo scrive:
        Re: IO NON HO MAI COMPRATO.
        chi fa musica continuerebbe a farlo dato che co concerti ci fa i soldoni. che credi che se ho il cd pirata non vada a sentire il concerto? ci vado comunque di corsa come se avessi l'originale
        • Anonimo scrive:
          Re: IO NON HO MAI COMPRATO.
          - Scritto da: georgesfiladini
          chi fa musica continuerebbe a farlo dato che
          co concerti ci fa i soldoni. che credi che
          se ho il cd pirata non vada a sentire il
          concerto? ci vado comunque di corsa come se
          avessi l'originaleBeh a parte che se dovessi andare ai concerti di tutti gli artisti di cui ho i cd...cmq ok per il ragionamento, ma cmq io dico che non è giusto dire "io il cd me lo prendo a gratis, cazzi tuoi". Un conto è richiedere prezzi più onesti, un conto è fare i bambini :) Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: IO NON HO MAI COMPRATO.
      meno male che qualcuno si è ricordato della mitica cassetta! per tanto concordo pienamente nel dire che questi sono discorsi senza senso
  • Anonimo scrive:
    chi scambia musica online compra MEGLIO
    personalmente, il file sharing ha aumentato notevolmente la qualità dei miei acquisti (che continuo ad effettuare) e mi ha evitato parecchie delusioni...Certo, in termini assoluti, compro meno CD, ma solo perché vado di più a colpo sicuro e non devo acquistare tre CD per trovarne uno che mi piace.I file mp3, quando occupano troppo spazio sull'hd li cancello... tanto hanno già svolto la loro funzione.
    • Anonimo scrive:
      Re: chi scambia musica online compra MEGLIO
      Sai che penso: che è proprio questo che a loro da fastidio! Cioè, la gente ascoltando musica gratis prima di comprarla, si forma un gusto musicale, un'opinione, quindi non compra più la spazzatura commerciale che ti propinano le major ! Questo è il loro problema. SOLUZIONE: valorizzate gli artisti veri, spendete meno soldi in effetti speciali da videoclip e più soldi in musica vera. Avrete risolto il vostro problema. Finchè continuerete a lanciare 2000 lollicaz al mese, la gente continuerà a schifarle.
  • Anonimo scrive:
    Il contrario, miei cari giganti...
    ...credo che neanche Tolkien avrebbe saputo creare mostri così distruttivi come RIIA e SIAE. Vi sbagliate, i casi sono due:1) Chi scambia per il puro gusto di scambiare e di ascoltare musica pirata, che NON COMPREREBBE COMUNQUE il cd, quindi non vi fa perdere niente.2) Chi scambia per informarsi, che se trova qualcosa di buono poi compra il cd, per cui vi fa crescere i profitti (come faccio io, che ho comprato cd di artisti che se non avessi trovato online mai avrei comprato !!!).Non nego che c'è una percentuale di utenti che scambia per non comprare il cd e non spendere soldi, ma è fisiologica ! Così come prima la gente si faceva copiare le cassette !!! Non è un fenomeno nuovo è non ho mai visto artisti in giro in mutande per questo ! Per cui, smettetela e cominciate a vedere Internet come un'opportunità, miei cari giganti ! E smettetela di far pagare così tanto cd del cavolo come gli Spritosa o le Lollicaz !
  • Anonimo scrive:
    RIAA come i Sindacati
    1) i signori della RIAA ricevono per ogni supporto magnetico vergine venduto (cd,cassette,e altro) una percentuale del 10% questo anche dai produttori di masterizzatori, registratori...2) In ogni caso molta musica non andrebbe venduta lo stesso..un buon 70% di musica scaricata in rete dopo un paio di ascolti..va a finire nel cestino.3) in realtà la perdità e quasi nulla visto che le persone scaricano musica che non comprerebbero mai.
    • Anonimo scrive:
      Re: RIAA come i Sindacati

      1) i signori della RIAA ricevono per ogni
      supporto magnetico vergine venduto
      (cd,cassette,e altro) una percentuale del
      10% questo anche dai produttori di
      masterizzatori, registratori...
      2) In ogni caso molta musica non andrebbe
      venduta lo stesso..un buon 70% di musica
      scaricata in rete dopo un paio di
      ascolti..va a finire nel cestino.si vede che le vendite di cd e masterizzatori ultimamente sono diminuite...di 5%...
      3) in realtà la perdità e quasi nulla visto
      che le persone scaricano musica che non
      comprerebbero mai.ma lo dici tu a uno che non vuole sentire questo ????
  • Anonimo scrive:
    abbaste i prezzi dei cd
    se volete far cambiare le cose abbassate i prezzi dei cd.ciao a tutti
    • Anonimo scrive:
      Re: abbaste i prezzi dei cd
      - Scritto da: io
      se volete far cambiare le cose abbassate i
      prezzi dei cd.

      ciao a tuttiConsidera che un CD costa uguale o di più di un DVD contenente un film che sicuramente costa 100 volte in più rispetto a produrre un CD.Ciao
  • Anonimo scrive:
    abbassiamo l'eta criminale...
    da 18 a 10 anni...cosi tutti in carcere per download...pero se il figlio di un discografico scarica puniamo anche lui ????
    • Anonimo scrive:
      Re: abbassiamo l'eta criminale...
      - Scritto da: blah
      da 18 a 10 anni...
      cosi tutti in carcere per download...Il responsabile del download è chi ha sottoscritto l'abbonamento, quindi un maggiorenne.
      • Anonimo scrive:
        Re: abbassiamo l'eta criminale...


        da 18 a 10 anni...

        cosi tutti in carcere per download...

        Il responsabile del download è chi ha
        sottoscritto l'abbonamento, quindi un
        maggiorenne.tutti della famiglia dentro allora...vendiamo pure la casa e col ricavato compriamo cd...
        • Anonimo scrive:
          Re: abbassiamo l'eta criminale...
          - Scritto da: blah


          da 18 a 10 anni...


          cosi tutti in carcere per download...



          Il responsabile del download è chi ha

          sottoscritto l'abbonamento, quindi un

          maggiorenne.
          tutti della famiglia dentro
          allora...vendiamo pure la casa e col
          ricavato compriamo cd...non sto dicendo che è giusto.dico che le legge punisce chi ha firmato il contratto con il provider (che deve essere maggiorenne).
          • Anonimo scrive:
            Re: abbassiamo l'eta criminale...

            dico che le legge punisce chi ha firmato il
            contratto con il provider (che deve essere
            maggiorenne).insomma genitori comportatevi bene coi bimbi senno loro si mettono a scaricare gigabytes di roba al secondo...
  • Anonimo scrive:
    ...NOOOOOOOOOOOOOOOOOO
    ...chi scarica musica on line compra piu' CD ...mettetevelo nella zucca...ma secondo me lo sapete care case discografiche...state soltanto scaricando su un nuovo strumento la vostra incapacità di creare nuovi artisti, di trovare altre strade per la vostra fame di soldi...è come il discorso sul software care case discografiche....chi crakka un software non lo fa perche' cosi' risparmia, lo fa perche' TANTO non lo avrebbe comprato ( a perte le aziende).Basta con sta storia che a causa della pirateria si perdono...non perdete un bel niente...anzi state perdendo piuttosto facendovi odiare, profondanmente odiare anche da chi i Cd li ha sempre comprati.Vedi ad esempio me....mi siete diventati talmente tanto antipatici che non compro piu' un cd nemmeno se siete voi a pagare me...Contenti adesso?
    • Anonimo scrive:
      Re: ...NOOOOOOOOOOOOOOOOOO
      - Scritto da: wow
      ...chi scarica musica on line compra piu' CD
      ...mettetevelo nella zucca...Se così fosse (e non dico che non così non è) perchè le major protesterebbero?
    • Anonimo scrive:
      Re: ...NOOOOOOOOOOOOOOOOOO
      - Scritto da: wow
      ...chi scarica musica on line compra piu' CD
      ...mettetevelo nella zucca...E perché allora le vendite calano?....mi siete diventati
      talmente tanto antipatici che non compro
      piu' un cd nemmeno se siete voi a pagare
      me...E allora che musica ascolti (o hai smesso di ascoltare musica?)? Musica scaricata, no? se non la scaricassi/copiassi/comprassidai marocchini ti toccherebbe comprare legalmente...Hanno ragione loro...
      • Anonimo scrive:
        Re: ...NOOOOOOOOOOOOOOOOOO
        - Scritto da: HRL


        - Scritto da: wow

        ...chi scarica musica on line compra piu'
        CD

        ...mettetevelo nella zucca...
        E perché allora le vendite calano?

        ....mi siete diventati

        talmente tanto antipatici che non compro

        piu' un cd nemmeno se siete voi a pagare

        me...
        E allora che musica ascolti (o hai smesso di
        ascoltare musica?)? Musica scaricata, no? se
        non la scaricassi/copiassi/comprassidai
        marocchini ti toccherebbe comprare
        legalmente...
        Hanno ragione loro...
        No my dear, io NON scarico mp3, mi da fastidio gestire la musica dal pc..al massimo ascolto qualcosa in streaming.E l'hard disk mi serve per ben altro che gli mp3Dei pochi artisti che mi piacciono possiedo tutta la discografia.Tutto il resto per me è musica "modaiola" che non merita non solo di essere acquistata, ma nemmeno scaricata.Per ascoltare musica decente e di artisti che ancora non conosco , ci sono alcune radio che trasmettono di "default" tutto quello che le case discografiche non spingono volentieri e se qualcosa mi piace:a)registro su cassetta il pezzo e lo ascolto fino a quando , eventualmente, mi stanco di sentirlo.b)registro su cassetta il pezzo e lo ascolto fino a quando , eventualmente, mi decido ad acquistarlo.Come vedi.....
Chiudi i commenti