MIT, circola da sé la robosedia a rotelle

Il prototipo è un concentrato di tecnologia, tra segnali Wi-Fi e GPS, arti bionici e sistemi anti collisione

Roma – “Portami nella mia stanza”: basterà un semplice comando vocale per azionare la nuova sedia a rotelle automatizzata in fase di sviluppo al Massachusetts Institute of Technology ( MIT ). Il dispositivo apprende i comandi dalla voce ed è in grado di interagire in un dato circuito, memorizzando la posizione di oggetti e luoghi. Le nuove risorse tecnologiche sono il primo passo nella visione dei progettisti, che stanno implementando nuovi modelli di macchine per arrivare in futuro a costruire congegni in grado di semplificare o addirittura sostituire il lavoro umano.

la sedia-robot Basato su tecnologia WiFi, il prototipo può creare mappe dell’ambiente circostante, da utilizzare come guida per muoversi al suo interno. Inoltre è in grado di memorizzare percorsi ed associare ad essi richiami vocali: è sufficiente fornire la destinazione desiderata e la sedia porta a destinazione il passeggero, proprio come un taxi. Va detto che per far memorizzare al device i percorsi di una mappa tipo, come ad esempio un appartamento, bisogna per prima cosa seguire la procedura di approaching , un semplice tour guidato per segnalare al dispositivo i luoghi cardinali. Comunque la sedia a comando vocale non è limitata al solo uso indoor: grazie alla possibilità di inserire ricevitori GPS è possibile utilizzarla anche all’aperto.

“Stiamo sviluppando una varietà di macchine, di varie dimensioni, dotate di una consapevolezza situazionale, in grado di memorizzare mappe per aiutare le persone a fare ciò che vogliono fare, o farlo al loro posto” – ha dichiarato Seth Teller, professore a capo del gruppo di ricerca. Ed è proprio questa la filosofia dei nuovi prototipi: rendere autonome le persone. In prospettiva, verranno testati in futuro parti complementari alla macchina, come bracci meccanici che permetteranno di interagire con gli oggetti e “fare cose, come schiacciare un interruttore o prendere una tazza e portarla alla bocca della persona” – continua Teller. Ma non solo: sulle sedie a rotelle sarà anche implementato un sistema che metterà in comunicazione il device con i suoi simili, consentendo di annullare i rischi di collisione.

I ricercatori del Computer Science and Artificial Intelligence dunque puntano in alto: “Oltre alla sedia a rotelle sono in cantiere altri progetti, da un telefonino che riconosce la propria posizione ad un sollevatore industriale, capace di trasportare grossi carichi autonomamente da un luogo all’altro, anche all’aperto”, aggiunge Teller.

Vincenzo Gentile

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonymous Guest scrive:
    Sono ansioso
    Io che sono ansioso dalla nascita sono quindi un potenziale stragista da fermare e interrogare per ore?
  • cicciolo scrive:
    contro l'ansia...
    Un terrorista potrebbe anche prendere un calmante e scansare il pericolo...
  • Funz scrive:
    Occhio umano e macchine
    Guardie addestrate possono stimare comportamenti sospetti molto meglio di tutta questa pletora di tecnologie. solo costano di più.Daranno questo aggeggio a un pirla qualunque con mezz'ora di training, poi quando arriverà gente trafelata perché in ritardo lui li fermerà, non si prenderà mai la responsabilità di lasciar passare un "potenziale terrorista". Primum: culum parare
  • Alberto scrive:
    C.K.Chesterton
    IN un racconto (primi del novencento) di C.K.Chesterton con protagonista Padre Brown,la macchina della verita' viene sbugiardata,in quanto un tale vi viene sottoposto per stabilirese ha ucciso una persona, la macchina sembra confermarlo, ma poi si scopre che in realta' il presunto assassinoera la prevunta vittima sotto mentite spoglie, e il delittonon era mai avvenuto.saluti
  • Giuseppe Rossi scrive:
    Sei agitato
    Già per i problemi tuoi, non stai bene la moglie ti cornifica, stai perdendo soldi, il tuoi colleghi ti stanno facendo le scarpe, inoltre sai che esistono queste cose e passando in aereoporto ti blindano come un terrorista perchè stai male.Proprio un bel mondo di mexxa che sta venendo avanti.
    • Franco Il Vigile scrive:
      Re: Sei agitato
      pensa se oltretutto sei in strabotta... ti seccano subito!sai che storia? huahua
    • johnny scrive:
      Re: Sei agitato
      - Scritto da: Giuseppe Rossi
      Già per i problemi tuoi, non stai bene la moglie
      ti cornifica, stai perdendo soldi, il tuoi
      colleghi ti stanno facendo le scarpe, inoltre sai
      che esistono queste cose e passando in aereoporto
      ti blindano come un terrorista perchè stai
      male.

      Proprio un bel mondo di mexxa che sta venendo
      avanti.In questo caso la soluzione a tutti i problemi e' una 357 magnum.
  • Marco Marcoaldi scrive:
    ANSIA ... e attacchi di panico !!!!
    E chi soffre d'ansia e attacchi di panico sarà trattato come un delinquente solo perchè appunto è ansioso ? :D
Chiudi i commenti