MIT, golf cart senza pilota

La tecnologia di pilotaggio automatico sale a bordo di piccoli veicoli, nello scenario di un parco pubblico. Con un sistema di prenotazione e di gestione automatica di smistamento dei mezzi a favore dei passeggeri

Roma – Proseguono le sperimentazioni per portare sulle strade di tutto il mondo auto per muoversi senza bisogno di qualcuno alla guida: l’ultimo esperimento in ordine di tempo vede l’impiego di golf cart indipendenti in un grande parco pubblico.


L’esperimento si è svolto a Singapore ad opera del gruppo Singapore-MIT Alliance for Research and Technology (SMART): per sei giorni una serie di golf cart che si guidano da soli hanno trasportato a circa 15 miglia all’ora 500 turisti sui percorsi tracciati all’interno del parco e trafficati da passanti, ciclisti ed animali.

I visitatori del parco potevano prenotare la visita e la possibilità di salire a bordo dei veicoli automatici scegliendo, tramite un altro sistema sperimentale di booking online, di approfittare di un passaggio da una qualsiasi delle 10 distinte postazioni dislocate all’interno del giardino pubblico: i mezzi erano programmati per riorganizzarsi in automatico per ricevere e processare le diverse richieste .

“Vorremmo utilizzare macchine automatizzate per rendere il trasporto pubblico disponibile per tutti. – ha spiegato Daniela Rus, professoressa presso il dipartimento di elettronica del MIT – L’idea è quella che quando si ha bisogno di un passaggio si fa una prenotazione, magari tramite smartphone, e la vettura semplicemente arriva quando desiderato” ottimizzando i propri percorsi sulla base delle esigenze del momento.

Il 98 per cento dei primi passeggeri dei 6 giorni di esperimento afferma che utilizzerebbe di nuovo e volentieri i golf cart automatici.

A differenza delle altre automobili senza pilota al momento alle prese con la sperimentazione, come le Google Car, i golf cart del progetto SMART sono caratterizzati dal minimalismo, un’altra intuizione su cui i ricercatori hanno cercato di lavorare: “Basta una semplice suite di sensori piazzati strategicamente – riferiscono – e supportati da algoritmi affidabili”. In pratica i golf cart sono equipaggiati con sensori LIDAR facilmente rintracciabili sul mercato (e a quanto pare facilmente ingannabili ), montati a diverse altezze per tenere sotto controllo solo le vicinanze, e con una telecamera ed un algoritmo che i ricercatori chiamano “dynamic virtual bumper”, in grado di rappresentare la realtà costituita dall’area circostante il veicolo immaginata come un cilindro la cui altezza e lunghezza sono direttamente proporzionali alla velocità a cui si viaggia.

In questo modo i calcoli sono meno complessi e minori sono le possibilità di confondere i dati da elaborare con segnali che si sovrappongono o situazioni contraddittorie, ma il tutto basta a muoversi ad una velocità minima evitando i possibili ostacoli. Unico ostacolo davanti cui i cart hanno titubato, d’altra parte, è stata una lucertola che ha incrociato la strada di uno dei cart creando una situazione di incertezza in cui non era chiaro chi dovesse passare.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti