MIT, un guanto per interfaccia

Guanti coloratissimi da un dollaro e una webcam: servirebbe poco ai ricercatori per rivoluzionare il mondo dei controller

Roma – Un paio di guanti in lycra dai numerosi colori accesi (costo: un dollaro) e una webcam: questa la base dell’ intuizione del MIT per un’interfaccia utente basata sui gesti, utile ad interagire direttamente con gli oggetti virtuali.

Venti forme irregolari di dieci diversi colori su ogni guanto, a parere dei ricercatori del MIT, possono essere registrate da una webcam e tradotte in comandi univoci basati su gesti delle mani. Sfruttando la corrispondenza tra colori e forme , infatti, gli studiosi sembrano essere stati in grado di sviluppare un sistema che “ottiene la configurazione 3D della mano, delle dita e del loro movimento”.

Il sistema riesce a far ciò grazie ad un algoritmo che permette di isolare l’immagine della mano guantata, ridurla a 40 pixel per 40 e cercare un’immagine corrispondente nel database di miriadi di modelli che, con le stesse dimensioni, rappresentano una mano in differenti posizioni a cui sarà collegata la corrispondente posizione sullo schermo.

Il sistema prossimamente potrebbe esser disponibile anche in una versione più discreta, grazie all’utilizzo di materiali che rendano i dettagli dei colori visibili solo dall’occhio di una telecamera. Tuttavia ancora non è dato sapere quando un simile modello di interfaccia sarà disponibile al pubblico.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • HomoSapiens scrive:
    interessante
    ma comunque quando si clicca su un link http (non ssl) si può sniffare il link cliccato. tuttavia ho notato che quando si clicca un link trovato con ssl google non manda il Referer al sito
  • Dott Gonzo scrive:
    "scandalo"
    apprezzo l'onestà del virgolettato,dato che gli unici a trovare scandalosala cosa sono stati alcuni "giornalisti"
  • Nastro Ciliegia scrive:
    Centrifuga
    Ingredienti:- 1 Kg di SSL - 30 g di wifi libera- 1 ruota di Google Car- 2 pizzichi di StreetViewPreparazione:Mettere tutto in una centrifuga e dare da bere al lettore PI, magari precisando che i gusti potrebbero non stare bene assieme (eufemismo), leggi:"Non che le due cose (la questione Street View e le ricerche cifrate su https) siano collegate in maniera diretta"Mastro Ciliegia
    • TheBouncing Thing scrive:
      Re: Centrifuga
      - Scritto da: Nastro Ciliegia
      Mastro CiliegiaMa no! Nastro Ciliegia era bellissima. Peccato! :'(
  • abc scrive:
    Sempre meglio di niente
    Sempre meglio di niente.https://www.google.com
  • Nedanfor non loggato scrive:
    Per i log IP
    C'è TOR, ci sono i proxy. Mi capita spesso di fare ricerche via hotspot pubblici o di bar/fastfood, sono contento di questa opzione in più. Inoltre è un problema relativo che un'azienda possa avere i log delle mie ricerche... Sarei oggettivamente più infastidito se qualcuno a due metri da me sniffasse i dati (anche fosse una ricerca al volo sui Pokémon) :D
Chiudi i commenti