MIUR, chiesta una documentazione libera

Parte la raccolta firme per chiedere al ministero dell'Istruzione di rilasciare sotto licenza aperta la documentazione dei Corsi di formazione informatica per i docenti delle superiori. Ecco di cosa si tratta


Roma – Si moltiplicano le iniziative dei sostenitori del software libero in merito ai Corsi di formazione informatica organizzati dai ministeri all’Innovazione e dell’Istruzione per gli insegnanti italiani. Dopo la lettera aperta con cui si è criticata la scelta di utilizzare prevalentemente software proprietario, arriva ora una petizione che chiede di rendere aperta, cioè pubblicamente accessibile e ridistribuibile, la documentazione realizzata dal MIUR per i corsi, noti come ForTIC .

La raccolta firme è appena cominciata. Il testo della petizione ricorda come i tutor dei corsi organizzati con i fondi delle licenze UMTS “avevano ed hanno a disposizione del materiale commissionato dal Ministero dell?Istruzione, dell?Università e della Ricerca”.

Dunque, “quello che i firmatari di questa petizione intendono chiederLe – si legge nella petizione – è il rilascio di questi materiali di formazione sotto una licenza d?uso GNU FDL o Creative Commons , che renda possibile la redistribuzione e la modifica, in maniera simile a quello che accade per il software libero”.

Secondo i firmatari, una tale licenza consentirebbe al Ministero di contribuire alla formazione informatica non solo dei docenti ma, più in generale, di tutti i cittadini italiani.

A loro dire, “data la necessità contingente di favorire la formazione dei cittadini su queste tematiche, questa richiesta si configura come una grossa opportunità di incentivare lo sviluppo delle conoscenze sulle tematiche vicine alle tecnologie dell?informazione, così importanti per il futuro prossimo di ogni paese”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Basta con la C CARD
    7 euro per ricevere catene e spamdove sta la convenienza?!la maggior parte delle persone non spende 7 euro di messaggi al mese ... e non mi dite "si ma cosi ne mando di piu'" perche' i messaggi in piu' sono solo catene squallide
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta con la C CARD
      Povero illuso!!Conosco gente che spende 100 euro al mese di telefonino e la metà sono sms!Non chiedetemi come facciano a sopravvivere, ma il bello è che non fanno spam o catene di sant'antonio.. semplicemente mandano un SMS ogni respiro alla propria ragazza...Vabbè torniamo ad occuparci di computerFRK
Chiudi i commenti