MMORPG e barriere architettoniche

Un gamer cieco fa causa a Sony: non garantirebbe l'accesso ai suoi giochi online agli utenti non vedenti. I mondi virtuali come luoghi pubblici

Roma – Un giocatore cieco sta cercando di farsi sentire da Sony per chiedere maggiore accessibilità ai suoi giochi. E per farlo è ricorso al tribunale.

Protagonista della vicenda è il californiano Alexander Stern: accusa Sony di violare l’ Americans with Disabilities Act , mancando di prevedere misure specifiche per permettere l’accesso ai suoi giochi MMORPG agli utenti non vedenti.
Secondo la normativa statunitense chiamata in causa “nessun individuo deve essere discriminato sulla basi di disabilità nel pieno accesso e godimento di beni, servizi, privilegi, vantaggi o disposizioni in ogni luogo pubblico”.

Il querelante avrebbe, tra l’altro, subito danni economici, dal momento che non avrebbe potuto accedere al meccanismo di asta con cui si possono vendere gli oggetti del gioco in cambio di soldi reali.

A supporto dell’accusa, le soluzioni adottate da concorrenti di Sony come Blizzard, che in World of Warcraft ha favorito lo sviluppo di una serie di programmi di terze parti utili a garantire l’accessibilità ai disabili.

Nel caso, inoltre, entra la definizione stessa di luogo pubblico, cui fa riferimento la normativa chiamata in causa: è possibile far rientrare in questo termine anche i giochi MMORPG?

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    Saranno tutti virus razzisti
    Colpiranno solo i pirati!CheXXXXXta :D
  • lroby scrive:
    ma se uno volesse potrebbe?
    ma se uno volesse potrebbe fare come si fà con il Nokia N97?ovvero io mi faccio il backup delle cose che mi interessano memorizzate nel cellulare (nel mio caso la rubrica dei numeri di telefono e l'agenda degli appuntamenti), poi lo posso formattare in qualunque momento e poi posso ripristinare tranquillamente i dati da me backuppati poco prima?in teoria in questo modo (FORSE) si potrebbe eliminare anche il virus no?
    • ruppolo scrive:
      Re: ma se uno volesse potrebbe?
      - Scritto da: lroby
      ma se uno volesse potrebbe fare come si fà con il
      Nokia
      N97?Come si fa con l'iPhone, vorrai dire. Anzi come lui fa (tu non devi fare nulla).
      ovvero io mi faccio il backup delle cose che mi
      interessano memorizzate nel cellulare (nel mio
      caso la rubrica dei numeri di telefono e l'agenda
      degli appuntamenti), poi lo posso formattare in
      qualunque momento e poi posso ripristinare
      tranquillamente i dati da me backuppati poco
      prima?

      in teoria in questo modo (FORSE) si potrebbe
      eliminare anche il virus
      no?Basta un semplice click su "Ripristina" e alcuni minuti di attesa. Virus kaputt. Certo che se poi rifai il XXXXXXXXX allora te le vai a cercare col lumino...
    • MeX scrive:
      Re: ma se uno volesse potrebbe?
      ogni volta che sincronizzi l'iPhone/iPod Touch con iTunes viene creato un bakcup dei contatti, sms, lista chiamate, applicazioni installate etc etc...Quando metti l'iPhone/iPod in modalitá di ripristino (DFU) ti viene chiesto se vuoi ripristinare il backup.
      • ruppolo scrive:
        Re: ma se uno volesse potrebbe?
        - Scritto da: MeX
        ogni volta che sincronizzi l'iPhone/iPod Touch
        con iTunes viene creato un bakcup dei contatti,
        sms, lista chiamate, applicazioni installate etc
        etc...

        Quando metti l'iPhone/iPod in modalitá di
        ripristino (DFU) ti viene chiesto se vuoi
        ripristinare il
        backup.E il backup NON contiene le applicazioni, che vengono invece riprese dagli originali.
  • MeX scrive:
    mio pensiero...
    riassunto dalle parole di Miller:"Apple ha reso molto difficile penetrare in iPhone" dichiara Miller precisando subito dopo però che il proXXXXX di XXXXXXXXX di fatto distrugge il modello di sicurezza di Cupertino rendendo lo smartphone vulnerabile. Oltre alla utility SSH la cui password standard è stata utilizzata per il primo worm di iPhone riportato ieri, Miller cita l'eliminazione della sandbox e della tecnica di data execution prevention, due tecniche di protezione che rispettivamente impediscono ai software di accedere ad altri programmi e di accedere ad aree di memoria riservate.Per tutte queste ragioni al termine della sua intervista Miller prevede che nei prossimi mesi assisteremo alla crescita di worm e attacchi vari nel mondo iPhone, soprattutto nell'ambito della comunità XXXXXXXXX così come è avvenuto per i primi casi rilevati fino a oggi.http://www.macitynet.it/macity/aA40649/miller_il_XXXXXXXXX_rende_iphone_vulnerabile_agli_attacchi.shtml
  • Nome e cognome scrive:
    Per dirla tutta
    A quanto mi risulta, in Italia tutti gli iPhone che si collegano ad Internet mediante rete mobile vengono messi dietro NAT: il daemon SSH non è accessibile dall'esterno.Se vi collegate ad Internet mediante router Wi-Fi, è necessario intervenire sul firewall (Port Forwarding) perchè l'iPhone possa essere accessibile dall'esterno.In pratica, siete attaccabili solo se 1) il vostro iPhone è jailbroken con 2) SSH in ascolto con 3) password di default e 4) uno dei dispositivi presenti nella vostra LAN partecipa alla diffusione del worm.
    • MeX scrive:
      Re: Per dirla tutta
      questo é solo un proof of concept grossolano... io mi preoccuperei di piú che il giochino che scarico da Cidya non si vada a leggere tutte le mie email cercando numeri di carta di credito e mandarli a qualche server a TAIWAN...
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Per dirla tutta
        Potrebbe benissimo farlo, e d'altronde ci sono anche sviluppatori ufficiali (App Store) che in maniera poco corretta inoltrano a casa propria più dati di quanto non sia lecito chiederne (UDID in primis, ecc.)
        • MeX scrive:
          Re: Per dirla tutta
          appunto, ma almeno sono limitati a quel poco, e sono sempre soggetti al rispetto della licenza che nel caso venga violata li mette dalla parte del torto senza se e senza ma...Come ha dichiarato Miller:"Apple ha reso molto difficile penetrare in iPhone" dichiara Miller precisando subito dopo però che il proXXXXX di XXXXXXXXX di fatto distrugge il modello di sicurezza di Cupertino rendendo lo smartphone vulnerabile. Oltre alla utility SSH la cui password standard è stata utilizzata per il primo worm di iPhone riportato ieri, Miller cita l'eliminazione della sandbox e della tecnica di data execution prevention, due tecniche di protezione che rispettivamente impediscono ai software di accedere ad altri programmi e di accedere ad aree di memoria riservate.Per tutte queste ragioni al termine della sua intervista Miller prevede che nei prossimi mesi assisteremo alla crescita di worm e attacchi vari nel mondo iPhone, soprattutto nell'ambito della comunità XXXXXXXXX così come è avvenuto per i primi casi rilevati fino a oggi.
    • ruppolo scrive:
      Re: Per dirla tutta
      - Scritto da: Nome e cognome
      A quanto mi risulta, in Italia tutti gli iPhone
      che si collegano ad Internet mediante rete mobile
      vengono messi dietro NATSolo Vodafone.
    • Funz scrive:
      Re: Per dirla tutta
      - Scritto da: Nome e cognome
      In pratica, siete attaccabili solo se 1) il
      vostro iPhone è jailbroken Cosa che spesso si fa per installare funzionalità inibite da Apple.con 2) SSH in ascoltoNon è così di default? Cosa ne sa l'utente medio?
      con 3) password di default Cosa ne sa l'utente medio?e 4) uno dei
      dispositivi presenti nella vostra LAN partecipa
      alla diffusione del
      worm.Qui non ho capito: basta che sia a portata di wifi?
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Per dirla tutta
        No. Tutte le condizioni devono essere soddisfatte.Gli iPhone non nascono XXXXXXXXXkati, non nascono con SSH attivo, ecc.
      • ruppolo scrive:
        Re: Per dirla tutta
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: Nome e cognome

        In pratica, siete attaccabili solo se 1) il

        vostro iPhone è jailbroken

        Cosa che spesso si fa per installare funzionalità
        inibite da
        Apple.Come fanno certi cacciatori che tolgono il blocco che impedisce al loro fucile di sparare a ripetizione.
        con 2) SSH in ascolto

        Non è così di default? Cosa ne sa l'utente medio?Non è così di default, non esiste il terminale SSH nei normali iPhone e l'utente medio non ne sa nulla, come è giusto che sia.


        con 3) password di default

        Cosa ne sa l'utente medio?Nulla, e nel suo iPhone non c'è nessuna password.
        e 4) uno dei

        dispositivi presenti nella vostra LAN partecipa

        alla diffusione del

        worm.

        Qui non ho capito: basta che sia a portata di
        wifi?No, occorre che nella stessa rete locale ci sia l'iPhone taroccato e infetto e un altro iPhone taroccato non infetto: il primo infetta il secondo.
        • Funz scrive:
          Re: Per dirla tutta
          - Scritto da: ruppolo

          Cosa che spesso si fa per installare
          funzionalità

          inibite da

          Apple.
          Come fanno certi cacciatori che tolgono il blocco
          che impedisce al loro fucile di sparare a
          ripetizione.esempio non pertinente: usare Google Voice o altre applicazioni lecite non è illegale.

          con 2) SSH in ascolto



          Non è così di default? Cosa ne sa l'utente
          medio?
          Non è così di default, non esiste il terminale
          SSH nei normali iPhone e l'utente medio non ne sa
          nulla, come è giusto che
          sia.ma se sei obbligato a fare XXXXXXXXX per installare app lecite, puoi essere obbligato a usare il terminale SSH.Quindi la scelta dell'utente iphone è: uso un sistema chiuso e sicuro senza l'app che mi serve, o un sistema aperto ma insicuro?Preferisco un sistema aperto e sicuro e completo (Linux), grazie...

          Qui non ho capito: basta che sia a portata di

          wifi?
          No, occorre che nella stessa rete locale ci sia
          l'iPhone taroccato e infetto e un altro iPhone
          taroccato non infetto: il primo infetta il
          secondo.Qui sono ignorante: come fa un iphone a entrare in una rete locale? Basta che sia a portata di antenna o l'utente deve entrarci di proposito?
          • ruppolo scrive:
            Re: Per dirla tutta
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: ruppolo



            Cosa che spesso si fa per installare

            funzionalità


            inibite da


            Apple.

            Come fanno certi cacciatori che tolgono il
            blocco

            che impedisce al loro fucile di sparare a

            ripetizione.

            esempio non pertinente: usare Google Voice o
            altre applicazioni lecite non è
            illegale.E chi ha detto che sono lecite? Tu? L'uso di tecnologie licenziate è soggetto appunto a licenza, e questa può includere ed escludere qualsiasi utilizzo.



            con 2) SSH in ascolto





            Non è così di default? Cosa ne sa l'utente

            medio?

            Non è così di default, non esiste il terminale

            SSH nei normali iPhone e l'utente medio non ne
            sa

            nulla, come è giusto che

            sia.

            ma se sei obbligato a fare XXXXXXXXX per
            installare app lecite, puoi essere obbligato a
            usare il terminale
            SSH.No, tu compi un illecito sia quando esegui il XXXXXXXXX sia quando installi l'applicazione che TU credi sia lecita, ma non lo è.Se io ti do una pistola in mano, non è implicito che per TE ne sia lecito l'uso!
            Quindi la scelta dell'utente iphone è: uso un
            sistema chiuso e sicuro senza l'app che mi serve,
            o un sistema aperto ma
            insicuro?
            Preferisco un sistema aperto e sicuro e completo
            (Linux),
            grazie...Si, e senza nulla intorno a te.



            Qui non ho capito: basta che sia a portata di


            wifi?

            No, occorre che nella stessa rete locale ci sia

            l'iPhone taroccato e infetto e un altro iPhone

            taroccato non infetto: il primo infetta il

            secondo.

            Qui sono ignorante: come fa un iphone a entrare
            in una rete locale? Basta che sia a portata di
            antenna o l'utente deve entrarci di
            proposito?Un iPhone entra in rete locale solo via wi-fi, di proposito, quindi deve essere una rete aperta o una rete di cui si conosca la password, e deve essere operativo in tale rete un server DHCP.
          • angros scrive:
            Re: Per dirla tutta


            esempio non pertinente: usare Google Voice o

            altre applicazioni lecite non è

            illegale.
            E chi ha detto che sono lecite? Tu?Magari l' ha detto Google (che, guarda caso, è il detentore dei diritti di tali applicazioni)
            No, tu compi un illecito sia quando esegui il
            XXXXXXXXX sia quando installi l'applicazione che
            TU credi sia lecita, ma non lo
            è.Chi ha detto che non è lecita? Tu?

            Preferisco un sistema aperto e sicuro e completo

            (Linux),

            grazie...
            Si, e senza nulla intorno a te.Sì, senza ladri, truffatori o gente che chiede il pizzo intorno a me.
  • uccello_gigante scrive:
    ben vi sta
    Avete voluto sbriccare l'iPhone?e mo vi arrangiate! 8)Il mio è perfetto e intatto (apple)
    • Paul scrive:
      Re: ben vi sta
      Anche il mio è perfetto, nonostante abbia fatto il XXXXXXXXX.Naturalmente io ho subito cambiato le password dell'utente root e di quello mobile e poi ho disabilitato SSH...non ci voleva un worm per capire che bisognava farlo! :-)Il problema di base secondo me è che l'iPhone non è un telefonino (se così vogliamo chiamarlo) per tutti.La maggior parte della gente lo compra soltanto per la sua interfaccia, o perché è bello esteticamente, e poi si ritrova con un oggetto che usa al 2% delle sue potenzialità.Conosco gente che lo ha comprato senza neanche possedere un computer!
      • ruppolo scrive:
        Re: ben vi sta
        - Scritto da: Paul
        Il problema di base secondo me è che l'iPhone non
        è un telefonino (se così vogliamo chiamarlo) per
        tutti.Esattamente il contrario. Per questo è praticamente l'unico che naviga su Internet.
        La maggior parte della gente lo compra soltanto
        per la sua interfaccia,Esatto, l'interfaccia, non il tema.
        o perché è bello
        esteticamente, e poi si ritrova con un oggetto
        che usa al 2% delle sue
        potenzialità.Al contrario, e sono state fatte interviste e statistiche proprio su questo punto, che dimostra come l'utente iPhone è quello che sfrutta maggiormente le funzioni offerte, rispetto i concorrenti.
        Conosco gente che lo ha comprato senza neanche
        possedere un
        computer!E quindi lo ha messo nella vetrina del salotto?
        • Renegade scrive:
          Re: ben vi sta
          - Scritto da: ruppolo
          Esattamente il contrario. Per questo è
          praticamente l'unico che naviga su
          Internet.Ecco il rutto quotidiano di Ruppolo.Vorrei sapere vossignoria perché sarebbe l'unico che praticamente naviga... Almeno un minimo di onestà per essere credibili ci vorrebbe.
          • lroby scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: Renegade
            Ecco il rutto quotidiano di Ruppolo.
            Vorrei sapere vossignoria perché sarebbe l'unico
            che praticamente naviga... Almeno un minimo di
            onestà per essere credibili ci
            vorrebbe.io navigo senza problemi con il mio N97 in wifi usando Opera Mini, ma forse sto utilizzando l'emulatore di Iphone!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: Renegade
            - Scritto da: ruppolo

            Esattamente il contrario. Per questo è

            praticamente l'unico che naviga su

            Internet.

            Ecco il rutto quotidiano di Ruppolo.
            Vorrei sapere vossignoria perché sarebbe l'unico
            che praticamente naviga... Almeno un minimo di
            onestà per essere credibili ci
            vorrebbe.Va bene, non è l'unico, ma è comunque quello più utilizzato.Il perché è ovvio: è quello che offre l'esperienza di navigazione più simile a quella di un normale personal computer.
    • angros scrive:
      Re: ben vi sta
      Avete voluto l' iPhone?Non avete voluto imparare nulla di informatica?Vi arrangiate!Ora, o sarete schiavi delle direttive Apple (che vi farà pagare per tutto, anche per applicazioni che su altri sistemi sono gratis), oppure alla mercè dei creatori di virus (e non so cosa è meglio).L' iphone funziona solo per chi continua a pagare, pagare, pagare ... se preferite questo, piuttosto che imparare due nozioni di informatica, accomodatevi.
      • ruppolo scrive:
        Re: ben vi sta
        - Scritto da: angros
        Avete voluto l' iPhone?
        Non avete voluto imparare nulla di informatica?

        Vi arrangiate!Esatto. Per usare iPhone, come per usare Mac, non è necessario "intendersi di computer".
        Ora, o sarete schiavi delle direttive Apple (che
        vi farà pagare per tutto, anche per applicazioni
        che su altri sistemi sono gratis),anche per applicazioni che su altri sistemi costano dalle 10 alle 20 volte di più, ovvero quasi tutte.
        oppure alla
        mercè dei creatori di virus (e non so cosa è
        meglio).Parli degli utenti Windows Mobile o di quelli Symbian?
        L' iphone funziona solo per chi continua a
        pagare, pagare, pagare ... se preferite questo,
        piuttosto che imparare due nozioni di
        informatica,
        accomodatevi.Anche la caldaia di casa mia funziona se continuo a pagare. Strano, vero?
        • ullala scrive:
          Re: ben vi sta
          - Scritto da: ruppolo
          Anche la caldaia di casa mia funziona se continuo
          a pagare. Strano,
          vero?La caldaia la paghi una volta sola!Quello che paghi si chiama combustibile!E funziona anche se ci metti IP o SHELL o AGIPNon hanno ancora inventato la caldaia che ti XXXXXX via il combustibile a seconda della marca!
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: ruppolo


            Anche la caldaia di casa mia funziona se
            continuo

            a pagare. Strano,

            vero?

            La caldaia la paghi una volta sola!
            Quello che paghi si chiama combustibile!
            E funziona anche se ci metti IP o SHELL o AGIP
            Non hanno ancora inventato la caldaia che ti
            XXXXXX via il combustibile a seconda della
            marca!Anche l'iPhone lo pago una volta sola. Quello che pago sono i programmi, e funziona anche se ci metto i programmi di Gameloft, Google o FaceBook.E per ora nessuno dei 324 è stato "XXXXXXto via", nemmeno quello che stava lì illecitamente, tal Tris.
        • Wolf01 scrive:
          Re: ben vi sta
          Anche per usare un forno a microonde non è necessario essere dei cuochi.Però uno normalmente non va a mettere roba in metallo dentro al forno, non va a mettere un panino per 5 minuti con potenza a 1000W invece che scongelamento.E pure ha solo 2 manopole, è fatto per chi non sa usarlo...Hai voluto un telefono più figo, un pc, un media center interattivo, una ruspa cingolata, un forno a microonde... la bicicletta? Devi capire che quel 90% che non sai usare può essere usato contro di te, ti conviene imparare ad usarlo.Questo è il punto e io la smetterei con la storia dell'è fatto per chi non ha voglia di imparare ad usarlo.Ciò non toglie che uno è liberissimo di comprare DeepBlue per giocare a scacchi così come prendersi un PC, però se fossi in lui sceglierei Deep Blue che almeno fa solo quello e non ci sono rischi che sbadatamente si colleghi ad internet e scarichi virus o che il gioco di scacchi per PC che ha appena acquistato non funzioni sul nuovo Mac, si chieda il perchè e poi rompa il XXXXX al tecnico di turno.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 novembre 2009 13.24-----------------------------------------------------------
          • MeX scrive:
            Re: ben vi sta
            il punto é che XXXXXXXXXkarlo equivale a mettere un contenitore di metallo nel microonde
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: Wolf01
            Anche per usare un forno a microonde non è
            necessario essere dei
            cuochi.
            Però uno normalmente non va a mettere roba in
            metallo dentro al forno, non va a mettere un
            panino per 5 minuti con potenza a 1000W invece
            che
            scongelamento.Esatto, e non lo manomette, hai dimenticato di dire.
            E pure ha solo 2 manopole, è fatto per chi non sa
            usarlo...Alcuni hanno invece tanti tasti e un display, ed è ancora un forno per casa e non per cuochi.
            Hai voluto un telefono più figo, un pc, un media
            center interattivo, una ruspa cingolata, un forno
            a microonde... la bicicletta? Devi capire che
            quel 90% che non sai usare può essere usato
            contro di te, ti conviene imparare ad
            usarlo.No. Perché la parte di forno che io non uso non potrà essere usata contro di me, per il semplice motivo che il costruttore non ha messo un comando nascosto che attiva il forno a portello aperto. Certo che se io lo manometto, allora...
            Questo è il punto e io la smetterei con la storia
            dell'è fatto per chi non ha voglia di imparare ad
            usarlo.Invece non la smetto, e i dati di utilizzo mi danno ragione.
            Ciò non toglie che uno è liberissimo di comprare
            DeepBlue per giocare a scacchi così come
            prendersi un PC, però se fossi in lui sceglierei
            Deep Blue che almeno fa solo quello e non ci sono
            rischi che sbadatamente si colleghi ad internet e
            scarichi virus o che il gioco di scacchi per PC
            che ha appena acquistato non funzioni sul nuovo
            Mac, si chieda il perchè e poi rompa il XXXXX al
            tecnico di
            turno.Sta tranquillo che quelli che rompono il XXXXX sono solo ed esclusivamente gli utenti Windows.
        • angros scrive:
          Re: ben vi sta

          Esatto. Per usare iPhone, come per usare Mac, non
          è necessario "intendersi di
          computer".Con il risultato che gli utenti non sanno cosa significhi cambiare una password, e così accadono cose del genere.


          Ora, o sarete schiavi delle direttive Apple (che

          vi farà pagare per tutto, anche per applicazioni

          che su altri sistemi sono gratis),
          anche per applicazioni che su altri sistemi
          costano dalle 10 alle 20 volte di più, ovvero
          quasi
          tutte.Quali applicazioni sull' iphone costano meno che su altri sistemi? Su linux sono gratis... per costare meno di gratis dovrebbero essere loro a pagare l' utente.

          L' iphone funziona solo per chi continua a

          pagare, pagare, pagare ... se preferite questo,

          piuttosto che imparare due nozioni di

          informatica,

          accomodatevi.
          Anche la caldaia di casa mia funziona se continuo
          a pagare. Strano,
          vero?Sì, perchè sul mio computer i programmi funzionano senza bisogno di pagare nulla. Se paghi per la caldaia, ottieni in cambio del metano (e puoi usarlo come vuoi, per la caldaia, per il boiler, per cucinare... dal momento che è TUO). Se paghi per le applicazioni iPhone, cosa ottieni in cambio? Le applicazioni che hai comprato ti appartengono?
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: angros
            Con il risultato che gli utenti non sanno cosa
            significhi cambiare una password, e così accadono
            cose del
            genere.Mi sembra di sentire un ladro si è scottato con la lancia termica...
            Quali applicazioni sull' iphone costano meno che
            su altri sistemi? Su linux sono gratis... per
            costare meno di gratis dovrebbero essere loro a
            pagare l'
            utente.Gratis nemmeno il cane muove la coda.Lo sai che i sassi sui fiumi sono gratis? Eppure, incredibile, non vedo orde di persone che vanno a prenderli...
            Sì, perchè sul mio computer i programmi
            funzionano senza bisogno di pagare nulla.Certo, anche brucare l'erba in giardino non costa nulla, mentre il radicchietto di primo taglio costa 8 euro al chilo.
            Se paghi per la caldaia, ottieni in cambio del
            metano (e puoi usarlo come vuoi, per la caldaia,
            per il boiler, per cucinare... dal momento che è
            TUO). Se paghi per le applicazioni iPhone, cosa
            ottieni in cambio? Le applicazioni che hai
            comprato ti
            appartengono?Mi appartengono nella stessa misura in cui mi appartiene la casa in affitto. Con la differenza che l'affitto ogni mese si ripresenta.Abito la casa in affitto e uso i programmi NON gratuiti nel mio iPhone. Con soddisfazione, QUESTO è quello che conta. Non il gratis. Il gratis è per i pidocchi, per le "braccine corte".
          • angros scrive:
            Re: ben vi sta

            Mi sembra di sentire un ladro si è scottato con
            la lancia
            termica...A me invece sembra di sentire un analfabeta informatico che si vanta del suo analfabetismo e cerca di promuoverlo.
            Gratis nemmeno il cane muove la coda.
            Lo sai che i sassi sui fiumi sono gratis? Eppure,
            incredibile, non vedo orde di persone che vanno a
            prenderli...Se continui a fare finta di non sapere che esistono applicazioni gratuite, e che c' è gente che ci lavora, e si trova benissimo, continua pure a tenerti i tuoi bei paraocchi (con sopra il logo della mela, naturalmente), e a seguire solo il sentiero che la Apple ha tracciato per te (e per le altre pecore da tosare)
            Certo, anche brucare l'erba in giardino non costa
            nulla, mentre il radicchietto di primo taglio
            costa 8 euro al
            chilo.Vedi sopra.
            Mi appartengono nella stessa misura in cui mi
            appartiene la casa in affitto. Con la differenza
            che l'affitto ogni mese si
            ripresenta.
            Abito la casa in affitto e uso i programmi NON
            gratuiti nel mio iPhone. Con soddisfazione,
            QUESTO è quello che conta. Non il gratis. Il
            gratis è per i pidocchi, per le "braccine
            corte".Se cominci a offendere, ti rispondo semplicemente che solo un utente a cui la Apple ha fatto il completo lavaggio del cervello può esibire un simile delirante fanatismo, tanto da rifiutare qualsiasi cosa non venga dalla Apple, anche se gliela regalano, e da insultare chi era disposto a donargli la propria opera.
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: angros
            e da insultare chi era disposto
            a donargli la propria
            opera.Grazie, ma se uno deve regalare XXXXXXX, CHE SE LE TENGA.
          • angros scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: angros

            e da insultare chi era disposto

            a donargli la propria

            opera.
            Grazie, ma se uno deve regalare XXXXXXX, CHE SE
            LE TENGA.Ecco che continui a insultare; anche se c' è qualche programma che non ti piace, tra i programmi liberi, puoi cancellarlo, e non ci hai rimesso nulla, mentre tra i programmi dell' iPhone, se l' hai pagato non puoi farti ridare i soldi.Non ti sei mai accorto che anche tra i programmi commerciali ci sono delle schifezze immonde? addirittura ci sono i rogue program, malware che viene VENDUTO a chi è tanto ingenuo da comprarlo.Tu sei convinto che, se un programma si paga, è automaticamente migliore di un programma gratuito, e continui a ripeterlo come se fosse una verità assoluta, ma sulla base di cosa lo affermi? Non hai nessun elemento, e quando te lo fanno notare ti metti a recitare il numero di applicazioni dell' iphone come un mantra, quasi come se fosse la risposta universale a tutto. Sei in grado di tirare fuori qualche argomento, per dire che se paghi un software automaticamente il software è migliore, o no?
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: angros
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: angros


            e da insultare chi era disposto


            a donargli la propria


            opera.

            Grazie, ma se uno deve regalare XXXXXXX, CHE SE

            LE TENGA.

            Ecco che continui a insultare; anche se c' è
            qualche programma che non ti piace, tra i
            programmi liberi, puoi cancellarlo, e non ci hai
            rimesso nulla, mentre tra i programmi dell'
            iPhone, se l' hai pagato non puoi farti ridare i
            soldi.C'è un errore di fondo nel tuo pensiero, che è quello che accomuna i pirati informatici (senza offesa), è cioè che il TEMPO non abbia alcun valore.Quando ho perso ore dietro un programma gratuito che poi si rivela essere una ciofeca, il danno non è zero, il danno sono le ore perse dietro questo programma, ore che avrei potuto utilizzare in modo più proficuo. E questo a prescindere se tale programma viene buttato dopo 1 ora o dopo 5 anni.Un aspetto che un imprenditore, invece, conosce molto bene.
            Non ti sei mai accorto che anche tra i programmi
            commerciali ci sono delle schifezze immonde?Certo, ma sono in rapporto 1/100, come lo sono i programmi gratuiti buoni.
            addirittura ci sono i rogue program, malware che
            viene VENDUTO a chi è tanto ingenuo da
            comprarlo.Un rischio che l'utente iPhone non corre, visto che c'è una squadra di persone che verifica i programmi prima di immetterli nello store.
            Tu sei convinto che, se un programma si paga, è
            automaticamente migliore di un programma
            gratuito, e continui a ripeterlo come se fosse
            una verità assoluta, ma sulla base di cosa lo
            affermi?Sulla base della mia esperienza di 30 anni sui computer e, più recentemente, con l'opportunità di un parco di 100.000 applicazioni, sulla mia esperienza delle mie 326 applicazioni per iPhone.
            Non hai nessun elemento, e quando te lo
            fanno notare ti metti a recitare il numero di
            applicazioni dell' iphone come un mantra, quasi
            come se fosse la risposta universale a tutto. Sei
            in grado di tirare fuori qualche argomento, per
            dire che se paghi un software automaticamente il
            software è migliore, o
            no?L'argomento l'ho tirato fuori, ma se non lo ritieni sufficiente (per me lo è oltre qualsiasi altro ragionamento, visto che sono prove provate), potrai trovare su Internet parecchi argomenti che testimoniano come la qualità del lavoro sia incentivata dal compenso ricevuto. Il cosiddetto "premio di produzione", ad esempio, previsto nelle buste paga, serve proprio a questo.Sono banalità che chiunque può capire.
          • angros scrive:
            Re: ben vi sta

            Quando ho perso ore dietro un programma gratuito
            che poi si rivela essere una ciofeca, il danno
            non è zero, il danno sono le ore perse dietro
            questo programma, ore che avrei potuto utilizzare
            in modo più proficuo. E questo a prescindere se
            tale programma viene buttato dopo 1 ora o dopo 5
            anni.Con un programma a pagamento posso perdere ore per farlo funzionare, esattamente come per un programma gratuito (installare Windows in 20 ore, come è capitato a qualcuno, non è una perdita di tempo?)
            Certo, ma sono in rapporto 1/100, come lo sono i
            programmi gratuiti
            buoni.Dove hai trovato dati così precisi? Potresti citarmi le tue fonti, o quello che hai scritto è solo la tua opinione?


            addirittura ci sono i rogue program, malware che

            viene VENDUTO a chi è tanto ingenuo da

            comprarlo.

            Un rischio che l'utente iPhone non corre, visto
            che c'è una squadra di persone che verifica i
            programmi prima di immetterli nello
            store.Se è per questo, anche gli store di linux sono controllati.Il punto è che il rogue program è un programma a pagamento, ed è un malware, quindi non puoi dire che i programmi a pagamento sono automaticamente migliori (come non lo posso dire io per i programmi open: era stato realizzato anche un virus con licenza GNU GPL)
            Sulla base della mia esperienza di 30 anni sui
            computerSe, dopo 30 anni di esperienza sui computer, sei diventato il paladino dell' analfabetismo informatico, permettimi di mettere in dubbio l' utilità di tale esperienza.
            e, più recentemente, con l'opportunità
            di un parco di 100.000 applicazioni, sulla mia
            esperienza delle mie 326 applicazioni per
            iPhone.Ripetere il numero delle applicazioni dell' iphone come un disco rotto non aumenta certo la tua credibilità.
            L'argomento l'ho tirato fuori, ma se non lo
            ritieni sufficiente (per me lo è oltre qualsiasi
            altro ragionamento, visto che sono prove
            provate), potrai trovare su Internet parecchi
            argomenti che testimoniano come la qualità del
            lavoro sia incentivata dal compenso ricevuto.Infatti i 30 milioni di dollari spesi per realizzare un sistema di DRM efficace hanno prodotto un risultato di qualità, vero?Tutti i soldi spesi per realizzare Vista hanno prodotto un risultato eccellente, secondo te?E potrei continuare...Google è nato con investimenti non molto alti, e solo DOPO aver realizzato un risultato di qualità ha cominciato ad ottenere degli utili.
          • loguh scrive:
            Re: ben vi sta

            Con il risultato che gli utenti non sanno cosa
            significhi cambiare una password, e così accadono
            cose del
            genere.in questo caso no, se fosse stata una pwd ufficiale stai tranquillo che apple non avrebbe mai permesso agli utonti di tenere il default. E' sucXXXXX proprio perchè gente scarsa ha voluto usare tool "underground", che non essendo di mamma Apple richiedono un minimo di competenza
            Quali applicazioni sull' iphone costano meno che
            su altri sistemi? Su linux sono gratis... per
            costare meno di gratis dovrebbero essere loro a
            pagare l'
            utente.non mi risultano queste masse di applicazioni gratuite per smartphone non Apple, probabilmente ce ne sono di più su Itunes che per gli altri, anche linux based come Android
            Sì, perchè sul mio computer i programmi
            funzionano senza bisogno di pagare nulla.esatto, sul computer, non sugli smartphone. Su un computer Apple invece, pensa un po', usi il 95% del sw free per linux, PIU' tutti i sw proprietari od open specifici per mac.
            TUO). Se paghi per le applicazioni iPhone, cosa
            ottieni in cambio? Le applicazioni che hai
            comprato ti
            appartengono?ci sono probabilmente più applicazioni free per iphone che per tutte le altre piattaforme. In ogni caso ognuno eventualmente paga secondo il valore che percepisce. Le app per iphone sono di fatto le meno costose in giro (0.79 moltissime, sotto i 4 la stragrande maggioranza), App store ha messo una barra molto alta per tutti gli altri, che in effetti stanno copiando il modello.
          • angros scrive:
            Re: ben vi sta

            esatto, sul computer, non sugli smartphone. Su un
            computer Apple invece, pensa un po', usi il 95%
            del sw free per linux, PIU' tutti i sw
            proprietari od open specifici per mac.Non hai tutti i torti: sui cellulari c' è sempre stata la mentalità di spremere soldi agli utenti anche per risorse che sul computer sono gratuite : se io volevo una musichetta in MIDI sul computer, posso trovarla gratis, se invece volevo la stessa musica come suoneria, dovevo pagarla, e anche cara (e lo stesso valeva per i loghi... le stesse immagini, o molto simili, su computer erano gratis); forse dipendeva dal fatto che è più facile far pagare un utente di cellulare (che deve solo mandare un SMS o chiamare un numero) piuttosto che l' utente di computer (che potrebbe non avere carta di credito o paypal); rispetto al modello dei cellulari, l' iphone è una evoluzione comprensibile. A me questo sistema non è mai piaciuto (infatto uso un cellulare "base", che ha solo telefonate e MMS, e per il resto un palmare, con navigatore GPS e applicazioni che installo collegandolo al computer), ma è questione di gusti.Quello che a me dà fastidio è il fatto che ruppolo continui a propagandare questo modello anche per le applicazioni del computer: è lo stesso modello che la microsoft aveva proposto come Palladium, e che aveva fatto inviperire quasi tutti gli utenti che ne avevano sentito parlare (e che ha, almeno in parte, contribuito allo scarso sucXXXXX di Vista). Tale modello, per i computer, è completamente assurdo (e anche sui cellulari, non so quanto durerà, visto che comincia a scricchiolare... da un lato escono i crack, dall' altro i sistemi liberi)
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: angros
            Quello che a me dà fastidio è il fatto che
            ruppolo continui a propagandare questo modello
            anche per le applicazioni del computer: è lo
            stesso modello che la microsoft aveva proposto
            come Palladium, e che aveva fatto inviperire
            quasi tutti gli utenti che ne avevano sentito
            parlare"sentito parlare"?Qui non stiamo parlando di ipotesi, ma di cose concrete. lo store è lì, vivo e vegeto, e testimonia la sua validità: tutti sono soddisfatti, sviluppatori, Apple e gli utenti.
            Tale modello, per
            i computer, è completamente assurdo (e anche sui
            cellulari, non so quanto durerà, visto che
            comincia a scricchiolare... da un lato escono i
            crack, dall' altro i sistemi
            liberi)Sistemi liberi che prevedono lo stesso modello. L'ultimo in ordine cronologico è Bada della Samsung, che getterà il vecchiume Symbian e Windows Mobile:http://www.macitynet.it/macity/aA40652/samsung_bada_il_nuovo_sistema_operativo_per_smartphone.shtmlPer chi legge l'inglese:http://www.bada.com/about/ Ecosystem of badaSamsung is deeply committed to the developer community and the application store. With a series of developer days, the developer challenge, and the opening of the application store , Samsung is establishing an environment to encourage innovation and creativity among bada developers.
          • angros scrive:
            Re: ben vi sta

            Qui non stiamo parlando di ipotesi, ma di cose
            concrete. lo store è lì, vivo e vegeto, e
            testimonia la sua validità: tutti sono
            soddisfatti, sviluppatori, Apple e gli
            utenti.Utenti dei cellulari, che erano abituati magari a chiamare gli 899 per scaricarsi la suoneria, e ad altre mezze truffe del genere; per loro magari l' iPhone è un miglioramento (e visto che sono in tanti, l' iPhone ha avuto sucXXXXX), ma da qui a dire che il modello iphone è adatto per tutti c' è un po' di differenza; tu invece vorresti portare tutti gli utenti (di cellulare, computer, videoregistratore...) al livello di quelli che si spendono tutta la ricarica per la suoneria di Virgola
            Sistemi liberi che prevedono lo stesso modello.Un conto è il modello dello store online (usato anche da linux), un conto è il modello che blocca tutto ciò che si trova al di fuori dello store (che, fortunatamente, per ora è limitato all' iPhone).
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: angros
            Un conto è il modello dello store online (usato
            anche da linux),Usato da Linux un benamato XXXXX. Linux non ha 100 milioni di carte di credito registrate, che producono un giro di affari di miliardi di dollari, XXXXX.Tu hai i PARAOCCHI Linux, si parla di modello e pensi al server che distribuisce pacchetti, mentre si tratta di un MODELLO ECONOMICO!
          • angros scrive:
            Re: ben vi sta
            Quando rimani senza argomenti intelligenti, ti metti a insultare e a dire volgarità?Io forse avrò i paraocchi linux, ma tu hai subito un completo lavaggio del cervello, riesci a pensare solo secondo gli schemi Apple (le uniche idee che hai sono quelle certificate ed approvate dall' Apple store)
        • Funz scrive:
          Re: ben vi sta
          - Scritto da: ruppolo
          Esatto. Per usare iPhone, come per usare Mac, non
          è necessario "intendersi di
          computer".il che è una fesseria, visto che l'iphone è un computer a tutti gli effetti.E' come voler andare in bicicletta per strada senza sapere minimamente il codice. Si può fare, ma rischi.
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: ruppolo

            Esatto. Per usare iPhone, come per usare Mac,
            non

            è necessario "intendersi di

            computer".

            il che è una fesseria, visto che l'iphone è un
            computer a tutti gli
            effetti.Già, ma esistono i computer ed esistono i personal computer. I personal computer sono concepiti per essere utilizzati dalle persone normali senza competenze informatiche. E per ora gli unici a soddisfare tale requisito sono gli Apple, a dispetto del nome PC attribuito da IBM alla sua creatura e alla pletora di cloni che si sono succeduti fino ad oggi.
            E' come voler andare in bicicletta per strada
            senza sapere minimamente il codice. Si può fare,
            ma
            rischi.No, è come voler andare in bicicletta. Punto.
      • MeX scrive:
        Re: ben vi sta

        L' iphone funziona solo per chi continua a
        pagare, pagare, pagare ...verissimo, mi ricordi quanto hanno pagato gli acquirenti del primo iPhone per il cambio di due firmwares che hanno aggiunto diverse funzionalitá?Tanto quanto quelli che hanno preso l'n4, n5, n6, n7... che l'unica cosa che cambia é la forma dei tasti, i MEGAPIXEL e lenti Carlo Zeisto
        • Wolf01 scrive:
          Re: ben vi sta
          Con quello che avete pagato l'iPhone 1g avreste dovuto esigere anche l'aggiornamento hardware
          • MeX scrive:
            Re: ben vi sta
            a parte che in Italia non é mai stato venduto, e quelli che hanno comprato l'n95?
          • Wolf01 scrive:
            Re: ben vi sta
            Vale per tutto, anche per il passaggio dalle musicassette a cd e dalle videocassette ai blueray, bisogna smaltire il vecchiume.Sinceramente dovrebbe valere anche per il passaggio tra le varie versioni dello stesso modello di automobile.Io penso che se sostituissero l'usato con la nuova versione chiedendo 1/10 del costo originario ci sarebbe molto più giro, avresti sempre il prodotto in garanzia e dovresti comprarne uno nuovo solo se lo perdi/distruggi o se interrompono la produzione della serie.Inoltre i vecchi prodotti potrebbero recuperarli o rigenerarli a basso costo per chi vuole prendere un usato garantito come succede con varie altre cose.
          • MeX scrive:
            Re: ben vi sta
            beh nel mercato delle auto c'é sia la rottamazione che formule analoghe a quello che dici tu, per cui cambi la macchina ogni 2 / 4 anni
          • ruppolo scrive:
            Re: ben vi sta
            - Scritto da: MeX
            a parte che in Italia non é mai stato venduto, e
            quelli che hanno comprato
            l'n95?Gli mandano l'etichetta "n97", gratis.
  • ruppolo scrive:
    Mi fa molto piacere
    che i "pirati della domenica" lo prendano in quel posto.È la legge della natura.
    • alexjenn scrive:
      Re: Mi fa molto piacere
      A essere sincero, dopo la scadenza della garanzia anch'io ho XXXXXXXXXato, ma credo di essere più al sicuro dato che SSH lo tengo sempre chiuso e la password di default l'ho sostituita.Inoltre, uso il Wi-Fi solo quando serve.Per il resto tutto ok.
      • MeX scrive:
        Re: Mi fa molto piacere
        il problema é cosa scarichi dai repositori... potenzialmente potrebbero fare anche di peggio...
      • ruppolo scrive:
        Re: Mi fa molto piacere
        - Scritto da: alexjenn
        A essere sincero, dopo la scadenza della garanzia
        anch'io ho XXXXXXXXXato, ma credo di essere più
        al sicuro dato che SSH lo tengo sempre chiuso e
        la password di default l'ho
        sostituita.

        Inoltre, uso il Wi-Fi solo quando serve.

        Per il resto tutto ok.Ah si?http://www.macitynet.it/macity/aA40649/miller_il_XXXXXXXXX_rende_iphone_vulnerabile_agli_attacchi.shtml
    • angros scrive:
      Re: Mi fa molto piacere
      Certo, se tengono la password di default, che è conosciuta da mezzo mondo... del resto, l' iphone non è certo destinato agli utenti che capiscono qualcosa di informatica o che sono disposti ad imparare, quindi non mi stupisce che non lo sapessero (la Apple di certo non glielo insegna).
      • pabloski scrive:
        Re: Mi fa molto piacere
        apple otterrà un vantaggio da tutto ciò e cioè riuscirà a demonizzare il XXXXXXXXXingdel resto se vuoi usare cosa da accher, devi essere un accher altrimenti sei fregatoè disarmante vedere che milioni di individui installano qualsiasi schifezza su pc, smartphone, netbook e quant'altronon oso pensare a cosa dovremo assistere tra 10-15 anni
        • angros scrive:
          Re: Mi fa molto piacere

          è disarmante vedere che milioni di individui
          installano qualsiasi schifezza su pc, smartphone,
          netbook e
          quant'altroCredo che venga definito " pebkac "
      • loguh scrive:
        Re: Mi fa molto piacere

        non è certo destinato agli utenti che capiscono
        qualcosa di informatica o che sono disposti ad
        imparare, quindi non mi stupisce che non lo
        sapessero (la Apple di certo non glielo
        insegna).Penso che tu non sia mai stato in vita tua ad una Apache conference. La maggioranza degli sviluppatori Apache usano mac e iphone. La categoria degli utonti è presente ovunque ed è un buon mercato per Apple. Ma all'altro diametralmente opposto lato anche la categoria hardcore developer è un po' di anni che predilige Apple
        • ruppolo scrive:
          Re: Mi fa molto piacere
          - Scritto da: loguh
          La
          categoria degli utonti è presente ovunque ed è un
          buon mercato per Apple.Infatti, quello è il VERO mercato del personal computer, secondo la definizione riportata su Wikipedia.Il personal computer è e deve essere il computer per gli utonti, quelle persone normali che non vogliono diventare informatici né studiare anni o fare corsi di centinaia di ore per imparare a usare tale strumento.
          Ma all'altro
          diametralmente opposto lato anche la categoria
          hardcore developer è un po' di anni che predilige
          AppleOvvio, le cose belle e semplici non sono appannaggio degli utonti.
          • lroby scrive:
            Re: Mi fa molto piacere
            - Scritto da: ruppolo
            Il personal computer è e deve essere il computer
            per gli utonti, quelle persone normali che non
            vogliono diventare informatici né studiare anni o
            fare corsi di centinaia di ore per imparare a
            usare tale
            strumento.
            Ovvio, le cose belle e semplici non sono
            appannaggio degli
            utonti.deciditi, le cose difficili non vanno bene per gli utonti, le cose semplici non vanno nemmeno bene per gli utonti.. ma che razzo devono fare sti utonti?
          • ruppolo scrive:
            Re: Mi fa molto piacere
            - Scritto da: lroby
            - Scritto da: ruppolo

            Il personal computer è e deve essere il computer

            per gli utonti, quelle persone normali che non

            vogliono diventare informatici né studiare anni
            o

            fare corsi di centinaia di ore per imparare a

            usare tale

            strumento.


            Ovvio, le cose belle e semplici non sono

            appannaggio degli

            utonti.
            deciditi, le cose difficili non vanno bene per
            gli utonti, le cose semplici non vanno nemmeno
            bene per gli utonti.. ma che razzo devono fare
            sti
            utonti?Forse il termine appannaggio non è corretto?Volevo dire che le cose belle e semplici non sono ad uso esclusivo degli utonti.
  • angros scrive:
    I-worm
    Ma allora Dovella aveva ragione? :|
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: I-worm
      In realtà, è proprio Dovella che si è intrufolato nell'iPhone sotto forma di worm ...
    • The Punisher scrive:
      Re: I-worm
      Hai letto ben l'articolo?Se uno e' uno sprovveduto anche il sistema piu' blindato che ti viene in mente diventa un colabrodo.
      • ruppolo scrive:
        Re: I-worm
        - Scritto da: The Punisher
        Hai letto ben l'articolo?

        Se uno e' uno sprovveduto anche il sistema piu'
        blindato che ti viene in mente diventa un
        colabrodo.Qui non si parla di sprovveduti, si parla di "furbi".
        • The Punisher scrive:
          Re: I-worm
          Confermo sprovveduti.Un furbo la password la cambia.In merito alla distinzione fra furbi e sporvveduti mi viene in mente un mio ex-collega che si autodefiniva hacker che aveva installato un server di posta con sendmail su Linux lasciando attivo telnet su Internet e "master" come password di root.Dopo alcune discussioni che ho avuto con lui e dopo che avevo cambiato ditta e' "casualmente" sucXXXXX che qualcuno si sia collegato da Internet come root ed abbia lanciato un bel shutdown -h now.Parliamo del 2000 con un kernel molto vecchi e sendmail, immaginati le conseguenze.
          • ullala scrive:
            Re: I-worm
            - Scritto da: The Punisher
            Confermo sprovveduti.

            Un furbo la password la cambia.Neanche tanto furbo... il minimo sindacale...
          • ruppolo scrive:
            Re: I-worm
            - Scritto da: The Punisher
            Confermo sprovveduti.

            Un furbo la password la cambia.Io ho scritto "furbo".Noti la differenza?
          • The Punisher scrive:
            Re: I-worm
            Notata e ribadisco.SprovvedutiMa se preferisci scrivo c@gli@*i ;)
          • ullala scrive:
            Re: I-worm
            - Scritto da: The Punisher

            Parliamo del 2000 con un kernel molto vecchi e
            sendmail, immaginati le
            conseguenze.Vecchio o nuovo... poco importa con quella password sei comunque Dio... per quel sistema.L'unica è sperare nel buon cuore del "cracker" (si fa per dire ... in quel caso basta un qualsiasi moccioso "wannabe").Con sendmail attivo e sprotetto poi.....Per curiosità quanto tempo ci ha messo a finire su Spamhaus?1 minuto ? 10 ?
    • Dovellas scrive:
      Re: I-worm
      Ho sempre ragione. Macachi rosicate
      • albertobs88 scrive:
        Re: I-worm
        - Scritto da: Dovellas
        Ho sempre ragione.
        Macachi rosicateL'eccezione che conferma la regola.Trolling Control: ***STRON**TA DETECTED***
      • ruppolo scrive:
        Re: I-worm
        - Scritto da: Dovellas
        Ho sempre ragione.
        Macachi rosicatecerto certo... hai saputo che iPhone ha 100 mila applicazioni? Immagina il prossimo anno... (rotfl)
        • angros scrive:
          Re: I-worm
          L' abbiamo capito che tu passi il tuo tempo a contare le applicazioni dell' iphone, ma in questo caso cosa c' entra?
          • ruppolo scrive:
            Re: I-worm
            - Scritto da: angros
            L' abbiamo capito che tu passi il tuo tempo a
            contare le applicazioni dell' iphone, ma in
            questo caso cosa c'
            entra?Nel caso del worm? C'entra poco (poco non significa nulla), ma siccome i cari amici di PI hanno accuratamente evitato di riportare la notizia (come hanno fatto praticamente tutte le testate di informatica, a partire da PCworld), allora ogni volta che si parla di iPhone ci infilo la notizia mancante.
          • angros scrive:
            Re: I-worm

            Nel caso del worm? C'entra poco Allora perchè lo scrivi?
            siccome i cari amici di PI
            hanno accuratamente evitato di riportare la
            notizia (come hanno fatto praticamente tutte le
            testate di informatica, a partire da PCworld),Forse hanno evitato di riportarla perchè, come tu stesso ammetti, c' entra ben poco.
            allora ogni volta che si parla di iPhone ci
            infilo la notizia
            mancante.e ti comporti da spammer, quindi sarai trattato come tale.
          • ruppolo scrive:
            Re: I-worm
            - Scritto da: angros

            Nel caso del worm? C'entra poco

            Allora perchè lo scrivi?Il perché è scritto di seguito.


            siccome i cari amici di PI

            hanno accuratamente evitato di riportare la

            notizia (come hanno fatto praticamente tutte le

            testate di informatica, a partire da PCworld),

            Forse hanno evitato di riportarla perchè, come tu
            stesso ammetti, c' entra ben
            poco.C'entra poco con l'informatica?Quando mai nella storia sono stati scritti 100 mila programmi in un anno e mezzo, per un solo sistema?


            allora ogni volta che si parla di iPhone ci

            infilo la notizia

            mancante.

            e ti comporti da spammer, quindi sarai trattato
            come
            tale.Da chi, da te? Ma pussa via!
          • angros scrive:
            Re: I-worm

            C'entra poco con l'informatica?L' hai scritto tu stesso, se ti contraddici da solo non è colpa mia
            Quando mai nella storia sono stati scritti 100
            mila programmi in un anno e mezzo, per un solo
            sistema?Quando qualcuno realizza un port di una applicazione già esistente sugli altri sistemi, e la spaccia per programma nuovo (su altri sistemi, grazie alla retrocompatibilità, alla standardizzazione e agli emulatori esistono già un mucchio di applicazioni e non c' è bisogno di fingere di riscriverle)Inoltre, se conti anche applicazioni-spazzatura tipo IAmRich (ok, quella l' hanno ritirata) il numero cresce in fretta.
          • ruppolo scrive:
            Re: I-worm
            - Scritto da: angros

            C'entra poco con l'informatica?

            L' hai scritto tu stesso, se ti contraddici da
            solo non è colpa
            miaSe non capisci l'italiano, non è colpa mia.Io ho scritto: "Nel caso del worm? C'entra poco".Caso Worm, non informatica.

            Quando mai nella storia sono stati scritti 100

            mila programmi in un anno e mezzo, per un solo

            sistema?

            Quando qualcuno realizza un port di una
            applicazione già esistente sugli altri sistemi, e
            la spaccia per programma nuovo (su altri sistemi,
            grazie alla retrocompatibilità, alla
            standardizzazione e agli emulatori esistono già
            un mucchio di applicazioni e non c' è bisogno di
            fingere di
            riscriverle)Questo è già stato fatto su tutte le piattaforme, console comprese, quindi la tua teoria non regge. Tra l'altro, se reggesse la storia dell'emulatore, significherebbe che la potenza dell'iPhone è almeno un ordine di grandezza superiore ai dispositivi emulati.
            Inoltre, se conti anche applicazioni-spazzatura
            tipo IAmRich (ok, quella l' hanno ritirata) il
            numero cresce in
            fretta.Le cagate sono state scritte per tutte le piattaforme, quindi la tua teoria non regge.Riprova, sarai più fortunato.
          • angros scrive:
            Re: I-worm

            Io ho scritto: "Nel caso del worm? C'entra poco".

            Caso Worm, non informatica.Vatti a rileggere il post, tu dicevi che PI ometteva il dato in molti suoi articoli (ad esempio in questo che parlava di worm), e che quindi lo mettevi tu, anche se tu stesso ammetti che con i worm c' entra poco.Quindi il tuo messaggio o è una trollata o è spam
          • ruppolo scrive:
            Re: I-worm
            - Scritto da: angros

            Io ho scritto: "Nel caso del worm? C'entra
            poco".



            Caso Worm, non informatica.

            Vatti a rileggere il post, tu dicevi che PI
            ometteva il dato in molti suoi articoli (ad
            esempio in questo che parlava di worm), e che
            quindi lo mettevi tu, anche se tu stesso ammetti
            che con i worm c' entra
            poco.

            Quindi il tuo messaggio o è una trollata o è spamInutile che continui a sventolare a destra e manca come una bandiera, ho scritto che c'entra poco con il worm ma c'entra con l'iPhone. Stiamo sempre parlando della notizia dei 100 mila programmi per iPhone, naturalmente.
          • angros scrive:
            Re: I-worm
            Inutile che tu continui a ripetere quel numero come un mantra, cosa speri di ottenere?
Chiudi i commenti