Morta la flat? Viva l'ADSL!

In questo periodo poco felice per la flat, molti operatori rilanciano i contratti ADSL, proponendo nuove offerte e promozioni. E chi non può accedervi?
In questo periodo poco felice per la flat, molti operatori rilanciano i contratti ADSL, proponendo nuove offerte e promozioni. E chi non può accedervi?


Roma – Autunno, l’ADSL scotta. Molti operatori decidono di puntare tutto sull’offerta di connessioni a banda larga, rinnovando le promozioni, affilando le tariffe, moltiplicando le opzioni lanciate sul mercato.

Tiscali ha appena varato un modello di ADSL a velocità ridotta, garantendo anche canone e attivazione gratuite fino a ottobre per tutti i profili previsti, vecchi e nuovi, e lo sta promuovendo presso tutti i propri utenti free internet.
Infostrada , in accordo con Wind, sta preparando dal canto suo un lancio pubblicitario massiccio dell’offerta Libero ADSL.

Infostrada e Wind hanno infatti reclutato Fiorello comeprotagonista della nuova campagna pubblicitaria ideata per promuovere l’offerta Libero ADSL. I primi spot sono già partiti ieri (domenica 16 settembre) e vedono l’ex eroe del karaoke alle prese con situazioni dal sapore pantomimico, in cui si decanta l’utilità di possedere una connessione a banda larga.

Per esempio, Fiorello cercherà di imparare il giapponese tramite un corso online che, a causa della lentezza dovuta alla connessione dial up, si rivelerà poco produttivo; infatti mal ne incoglierà all’attore, che riceverà un sonoro ceffone quando deciderà di agganciare una ragazza giapponese. In un altro spot, Fiorello legge su un computer connesso in rete: “Oggi tempo splendido. Nessuno sulle spiagge…” e si affretta a recarsi in spiaggia. Peccato che, a causa della connessione troppo lenta, non sia riuscito a leggere in tempo utile l’intera frase: “Nessuno sulle spiagge… causa mare infestato dagli squali”.
L’utente si affretti allora: da oggi l’ADSL d’Infostrada salva la vita e assicura conquiste asiatiche…

A parte gli eccessi della pubblicità, non si può fare a meno di notare il grosso polverone che si è alzato sul mercato ADSL. Gli operatori hanno di recente moltiplicato e diversificato le proprie offerte in modo considerevole, cercando di assecondare diverse esigenze del pubblico: alcuni ISP (come Tiscali, Telecom Italia , Infostrada) propongono connessioni ADSL che implicano velocità e canoni ridotti; altri, al contrario, preferiscono sedurre gi utenti assicurando un alto livello di banda minima garantita ( Albacom , Clic , Dada , EdinsonTel , ePlanet , Videobank , Quipo , Telvia , fanno parte di questo gruppo).

Tutto questo movimento nel panorama dell’ADSL si verifica proprio quando, a causa della crisi della flat, molti operatori hanno deciso di eliminare tale tipologia di contratto dalle proprie offerte: questa coincidenza di fattori forse indica la nuova direzione intrapresa dal mercato della connettività in Italia.

Stando a quanto si legge online, molti attribuiscono la situazione attuale ad un preciso disegno di Telecom; l’ex monopolista del resto in più occasioni non ha nascosto il proprio interesse per l’ADSL e la propria sfiducia verso il modello business della flat in Italia.

Il futuro è tuttavia incerto: Telecom cercherà di soffiare sulle vele dell’ADSL a danno della flat, offrendo agli OLO (Other Local Operator) contratti per l’usufrutto delle linee studiati ad hoc per assecondare questo disegno di marketing; l’ultima parola sulla questione però spetta all’Autorità garante delle Telecomunicazioni, che potrebbe decidere di obbligare Telecom a tornare sui suoi passi, ridando così vita all’offerta flat-rate.

In quel caso, la flat risorgerebbe come un’Araba Fenice; la direzione attuale del mercato, tuttavia, sembra rivolta altrove, ossia verso l’evoluzione delle offerte ADSL e l’inesorabile scomparsa dei contratti flat. Con buona pace di chi non vive in aree coperte dalle centraline abilitate all’ADSL…

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 09 2001
Link copiato negli appunti