Motori di ricerca rivoluzionari per podcast

Podzinger e Blinks permettono la ricerche online di contenuti multimediali sfruttando l'analisi testuale dell'audio; i competitor diretti sfruttano solo la dominazione dei file e i metadata correlati


Roma – Apple sostiene che il podcasting stia diventando un ottimo strumento per incrementare l’audience delle piattaforme di distribuzione digitale, ma grazie a Podzinger domani questo fenomeno potrebbe trasformarsi in un vero e proprio motore economico.

La piattaforma di ricerca online Podzinger, sviluppata dalla BBN Technologies , infatti, si distingue per la capacità di rilevare gli elementi audio-testuali presenti all’interno di file multimediali.

Invece di analizzare solo le denominazioni dei file e i metadata correlati ai contenuti multimediali, come fanno ad esempio AOL Video , Google Video e Yahoo , Podzinger sarebbe in grado di andare in maggiore profondità . “Questa è una differenza sostanziale. Il nostro obiettivo è dare la possibilità di effettuare ricerche all’interno dei contenuti audio”, ha dichiarato Alex Laats, presidente di Podzinger. In pratica, sfruttando questo sistema, una conferenza in podcasting può essere individuata online non solo grazie ai suoi elementi descrittivi allegati, ma anche al vero e proprio contenuto dei discorsi registrati.

Anche Blinkx con la sua piattaforma online blinks.tv ha confermato di aver raggiunto lo stesso livello di sofisticazione. Nel dettaglio, il portavoce della società anglo-statunitense ha spiegato che il sistema è in grado di effettuare una “trascrizione” digitale delle parole contenute in un file multimediale, che poi può essere individuata tramite il motore di ricerca proprietario.

Gli esperti del settore, però, sostengono che per quanto le due soluzioni si dimostrino avanzate le trascrizioni audio non sono complete. I risultati delle ricerche non sono ancora così efficienti. Un test con i termini “Dick Cheney” ha prodotto 39 risultati video su Podzinger, 50 su Blinkx.tv, 57 su Google Video, 357 su Yahoo Video e 392 su AOL Truveo . In molti casi l’attinenza non è stata rispettata.

Podzinger e Blinkx si differenziano sopratutto per la modalità di riproduzione dei file individuati. Nel primo caso avviene direttamente sulle pagine del sito grazie ad un player proprietario. Nel secondo caso viene aperta una nuova finestra che permette la riproduzione direttamente sul sito proprietario dei contenuti, nel massimo rispetto dei diritti di copyright.

A parte l’indiscutibile comodità di un sistema di questo genere, secondo Laats, è sotto il profilo finanziario che qualcosa potrebbe cambiare. La maggiore “visibilità” dei contenuti presenti all’interno dei file multimediali permetterebbe agli sviluppatori di attirare un numero più alto di inserzionisti. Laats è convinto che le potenzialità di Podzinger permetteranno un incremento sostanziale degli investimenti pubblicitari correlati al podcasting. Un esempio su come il fenomeno sia in netta espansione proviene da Rocketboom , uno dei pionieri del video blog, che all’inizio di marzo ha racimolato per una serie di cinque spot, della durata di 15 secondi ciascuno, circa 40 mila dollari. Il successo di questa soluzione ha convinto EarthLink a siglare un contratto pubblicitario con il blog.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Trollfighter scrive:
    Re: abbandonare il wep??? NOOO
    - Scritto da: AlphaC
    Non abbandonatelo, io speravo di telefonare
    gratis ab aeternum con il mio smartphone linux e
    accesso ad internet wifi gratis per le citta'!!!

    Noo tenetelo GSM e' troooppo caro!

    Ovviamente scherzo anche se l'idea mi ha
    solleticato parecchio...Ma cosa dici? Ma LOL. E' incredibile quante palle è in grado di gonfiare certa gente e quante persone abbocchino al messaggio. Non sai quanto... ne so piu di te (sul GSM) @^
  • TADsince1995 scrive:
    Re: WEP LINUX
    - Scritto da: Anonimo
    come mai le distro linux supportano solo il wep e
    per i wpa bisogna smacchinare???Basta compilare i giusti moduli nel kernel, io ho web nel portatile ma ho attivato anche il wpa in caso dovesse servire...TAD
  • Anonimo scrive:
    Re: WEP LINUX
    Idem..suse 10 tutto ok col wpa
  • Anonimo scrive:
    Ok. Ma un po' di ciccia?
    Vabbè, io ho settato la modalità WPA-PSK dal primo giorno che ho comprato il mio routerino wi-fi, visto che genericamente mi avevano detto che WEP è vulnerabile verso i DDOS, quando ho letto il titolo dell'articolo speravo di trovarci dentro informazioni un po' più dettagliate, non vorrei PI stia diventando come la sezione "Lavoro NEI computer" dei quotidiani generici, cioè superficiale come il sughero in acqua.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ok. Ma un po' di ciccia?
      - Scritto da: Anonimo
      Vabbè, io ho settato la modalità WPA-PSK dalok, spero che tu abbia messo una PSK cazzuta altrimenti ti hackano quasi meglio che col wep
      primo giorno che ho comprato il mio routerino
      wi-fi, visto che genericamente mi avevano detto
      che WEP è vulnerabile verso i DDOS, quando ho
      letto il titolo dell'articolo speravo di trovarci
      dentro informazioni un po' più dettagliate, non
      vorrei PI stia diventando come la sezione "Lavoro
      NEI computer" dei quotidiani generici, cioè
      superficiale come il sughero in acqua.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ok. Ma un po' di ciccia?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Vabbè, io ho settato la modalità WPA-PSK dal

        ok, spero che tu abbia messo una PSK cazzuta
        altrimenti ti hackano quasi meglio che col wep


        primo giorno che ho comprato il mio routerino

        wi-fi, visto che genericamente mi avevano detto

        che WEP è vulnerabile verso i DDOS, quando ho

        letto il titolo dell'articolo speravo di
        trovarci

        dentro informazioni un po' più dettagliate, non

        vorrei PI stia diventando come la sezione
        "Lavoro

        NEI computer" dei quotidiani generici, cioè

        superficiale come il sughero in acqua.Uhm... "password" va bene? eheheheheh ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ok. Ma un po' di ciccia?

          Uhm... "password" va bene? eheheheheh ;)Ovvio! Di dove sei, che vengo a farti una visita. ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ok. Ma un po' di ciccia?
      - Scritto da: Anonimo
      Vabbè, io ho settato la modalità WPA-PSK dal
      primo giorno che ho comprato il mio routerino
      wi-fi, visto che genericamente mi avevano detto
      che WEP è vulnerabile verso i DDOS, quando ho
      letto il titolo dell'articolo speravo di trovarci
      dentro informazioni un po' più dettagliate, non
      vorrei PI stia diventando come la sezione "Lavoro
      NEI computer" dei quotidiani generici, cioè
      superficiale come il sughero in acqua.Vieni al MOCMPescara, 25 Marzohttp://mocm.olografix.orginfo: mocm(at)olografix(dot)org
    • Anonimo scrive:
      Re: Ok. Ma un po' di ciccia?
      - Scritto da: Anonimo
      dentro informazioni un po' più dettagliate, non
      vorrei PI stia diventando come la sezione "Lavoro
      NEI computer" dei quotidiani generici, cioè
      superficiale come il sughero in acqua.trovi tutto spiegato qua.http://ed.gomez.free.fr/bart.png:-)Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: abbandonare il wep??? NOOO
    ma di che stai parlando? Cosa sarebbe per te il wep?
    • Anonimo scrive:
      Re: abbandonare il wep??? NOOO
      :| SpeechlessMa li leggete gli articoli?E le parole che non sapete magari le cercate su Wikipedia...Confondere il WEP col WAP... in teoria potrebbe passare... ma se avessi letto l'articolo avresti sicuramente compreso che il contesto era completamente diverso...Tenete presente che scrivere commenti non è un obbligo, e non serve a migliorare la circolazione delle dita...
      • Anonimo scrive:
        Re: abbandonare il wep??? NOOO
        - Scritto da: Anonimo
        :|
        Speechless
        Ma li leggete gli articoli?
        E le parole che non sapete magari le cercate su
        Wikipedia...
        Confondere il WEP col WAP... in teoria potrebbe
        passare... ma se avessi letto l'articolo avresti
        sicuramente compreso che il contesto era
        completamente diverso...
        Tenete presente che scrivere commenti non è un
        obbligo, e non serve a migliorare la circolazione
        delle dita...Non sono l'autore del post iniziale, ma penso che abbia bene in mente che il WEP (troppo blanda) è una modalità di protezione wi-fi e non lo confonde col protocollo WAP di GSM. Piuttosto di consigliare ad altri (che evidentemente non ne hanno bisogno) di leggere bene gli articoli, dovresti piuttosto leggere tu bene i post di commento agli articoli.
    • Anonimo scrive:
      Re: abbandonare il wep??? NOOO
      - Scritto da: Anonimo
      ma di che stai parlando? Cosa sarebbe per te il
      wep?Ma forse che forse l'autore intendeva dire che essendo WEP molto facilmente bucabile, poteva telefonare aggratisss tramite il suo smartphone e gli access point bucati?Dai, su, sveglia!
  • Anonimo scrive:
    Re: WEP LINUX
    Ignorante o troll?
  • Anonimo scrive:
    Re: WEP LINUX
    SuSe dalla versione 9.3 supporta il wpa (che uso a casa senza problemi)
  • AlphaC scrive:
    abbandonare il wep??? NOOO
    Non abbandonatelo, io speravo di telefonare gratis ab aeternum con il mio smartphone linux e accesso ad internet wifi gratis per le citta'!!!Noo tenetelo GSM e' troooppo caro!Ovviamente scherzo anche se l'idea mi ha solleticato parecchio...
  • AlphaC scrive:
    Re: WEP LINUX
    - Scritto da: Anonimo
    come mai le distro linux supportano solo il wep e
    per i wpa bisogna smacchinare???arrivi tardi, ormai anche wpa e grafica
  • Anonimo scrive:
    Re: WEP LINUX
    Anch'io trovo RIDICOLO che nessuna distro abbia una GUI integrata per impostare le chiavi WPA.
    • Anonimo scrive:
      Re: WEP LINUX
      wpa_supplicant ha una comoda interfaccia chiamata (con grande fantasia) wpa_gui
      • Anonimo scrive:
        Re: WEP LINUX
        - Scritto da: Anonimo
        wpa_supplicant ha una comoda interfaccia chiamata
        (con grande fantasia) wpa_guiE anche yast ha integrata la gestione wpa
      • Anonimo scrive:
        Re: WEP LINUX
        quindi suse (anche opensuse?) include già il supporto wpa? ce ne sono altre? sio volevo provare la nuova fedora
        • Giambo scrive:
          Re: WEP LINUX
          - Scritto da: Anonimo
          quindi suse (anche opensuse?) include già il
          supporto wpa? ce ne sono altre? Mi pare l'applet di Gnome per ndiswrapper (Quindi qualsiasi distribuzione).
          • Anonimo scrive:
            Re: WEP LINUX
            io ho scaricato l'alfa 5 live d ubuntu e il wpa nn me lo supportava, mi dava solamente la possibilità di usare la rete o naked o cn wep.
          • Giambo scrive:
            Re: WEP LINUX
            - Scritto da: Anonimo
            io ho scaricato l'alfa 5 live d ubuntu e il wpa
            nn me lo supportava, mi dava solamente la
            possibilità di usare la rete o naked o cn wep.Probabilmente non hai installato il pacchetto "wpasupplicant".Puoi sempre provare con questo installer: http://ubuntuforums.org/attachment.php?attachmentid=7375&d=1142973684scompatta e poi dai un "sudo apt-get install zenity"
  • Anonimo scrive:
    WEP LINUX
    come mai le distro linux supportano solo il wep e per i wpa bisogna smacchinare???
Chiudi i commenti