Mozilla 1.0 è qui. O quasi...

Voci e rumors sul quasi-rilascio della 1.0 di Mozilla. Ma la versione definitiva potrebbe richiedere ancora settimane


Roma – Secondo quanto riportato dal sito Mozillaquest.com, l’attesissima versione 1.0 di Mozilla, il browserone open source a cui Punto Informatico ha di recente dedicato un’approfondita recensione , è già stata rilasciata sul sito FTP pubblico di Mozilla.org.

Si tratta di una versione non ufficiale, priva di note di rilascio, documentazione, FAQ, file di help e della nuova Mozilla Start Page… Tuttavia il codice di questa build – denominata 1.0.0 – dovrebbe essere, tranne poche modifiche, quello su cui si baserà la versione definitiva ufficiale.

Questa versione 1.0 di Mozilla fa seguito al recentissimo rilascio della terza release candidate (RC3). Mozillaquest.com sostiene che questa build 1.0 di Mozilla è praticamente identica alla RC3; tuttavia, l’elenco dei bug da correggere, a tutt’oggi, è ancora abbastanza corposo: questo potrebbe significare che la versione 1.0 ufficiale non è così imminente come potrebbe sembrare.

Chi proprio non sa aspettare può scaricare l’attuale build 1.0 da qui . Mozillaquest.com suggerisce però prudenza visto che questa non è una versione ufficiale e, pertanto, va trattata alla stessa stregua di una beta.

La moltiplicazione dei rumors e l’inusitata attenzione a Mozilla da parte del mondo informatico non solo fanno crescere la temperatura in attesa della release ufficiale della 1.0 ma fanno anche intravedere il successo a cui potrebbe andare incontro…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Intel?

    Gia' perche' ora Intel non e' affidabileinfatti la nasa i vecchi 8086 li compra sulle aste perchè ha soldi da buttare.Come mai non compra i p4?le vecchie cpu sono ok, ma i nuovi processori non sono paragonabili ai sun.
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel?
      - Scritto da: Vertigo

      Gia' perche' ora Intel non e' affidabile

      infatti la nasa i vecchi 8086 li compra
      sulle aste perchè ha soldi da buttare.
      Come mai non compra i p4?

      le vecchie cpu sono ok, ma i nuovi
      processori non sono paragonabili ai sun.Beh dai, magari nelle radio sveglie vanno da dio
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel?
      Dilla tutta..li compra perché le spese per l'impianto di un sistema ex-novo per lo shuttle sarebbero stratosferiche (per restare in tema :D), e quindi aspettano di mandare in pensione il vecchio mezzo, si pensa 2010, per poi basare i prossimi veicoli su nuovi sistemi.- Scritto da: Vertigo

      Gia' perche' ora Intel non e' affidabile

      infatti la nasa i vecchi 8086 li compra
      sulle aste perchè ha soldi da buttare.
      Come mai non compra i p4?

      le vecchie cpu sono ok, ma i nuovi
      processori non sono paragonabili ai sun.
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel?

      infatti la nasa i vecchi 8086 li compra
      sulle aste perchè ha soldi da buttare.
      Come mai non compra i p4?Ah scusa, pensavo fossi competente.
  • Anonimo scrive:
    Che lingua parlate?
    "sistemi di gestione pianificata dell'azienda (ERP)"Ma che lingua parlate?SAP, JDEdwards, PeopleSoft li conosco da tempo ma i vostri "sistemi di gestione pianificata dell'azienda (ERP)" ,davvero sono una novità!E non mi sto riferendo al termine ERP!
  • Anonimo scrive:
    A volte....
    .... per migliorare le prestazioni, non è necessario aumentare la potenza dei processori.L'esempio, è quello di elaborazioni dovute ad errate configurazione di tabelle ed indici di database.Pur l'"ottimizzatore" di sistema non indicasse come necessaria alcuna operazione, è bastato studiare come implemetare alcuni indici per ridurre le prestazioni di alcune importanti transazioni da alcune ore a pochi minuti.Alla faccia dei quadriprocessori e giga di memoria..... Quanti però, si sarebbero fidati dei "consigli" del sistema, ed avrebbero indicato (come ci avevano consigliato anche consulenti) come soluzione all'aumento delle prestazioni l'upgrade del sistema?Le logiche informatiche, purtroppo, stanno cedendo alle logiche del commercio....
  • Anonimo scrive:
    mah
    Spero che nel mercato enterprise esistano ancora degli esperti perche' senno' vedremo quello che e' successo coi pc, 2,4 ghz che sembrano un trattore, venditori che non sanno cosa vendono e compratori che non sanno cosa comprano, tutti che guardano ai ghz come se fossero l'indicatore principale delle performances e poi software pesanti che non rendono un bel niente.Quante fregature ho visto all' insegna dell' economia iniziale dei sistemi.E per colpa dell' ignoranza.
  • Anonimo scrive:
    Più di quello non ci puoi fare


    Intel scaglia Itanium 2 contro SunPiù che usarlo come sasso cosa ci puoi fare? Mica vorrete mettere sul serio un Itanium in azienda vero?Intel datti al mercato delle svegliette, forse contro Motorola ce la puoi fare (forse).
  • Anonimo scrive:
    Mi piace sentire...
    ... dire "applicazioni chiave nel settore enterprise".E' una frase bella, che mi richiama alla mente tutti quei grafici inconcludenti fatti a torta che non servono a niente.
  • Anonimo scrive:
    Intel ha il potere...
    ... e nulla teme. Dove vuole arrivare arriva, in un modo o "nell'altro" !!! Penso che molti di voi mi abbiamo capito !
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel ha il potere...
      - Scritto da: Pisolo
      ... e nulla teme. Dove vuole arrivare
      arriva, in un modo o "nell'altro" !!! Penso
      che molti di voi mi abbiamo capito !pisolo, dai, torna a dormire. Ho esperienza dei sun e hanno una affidabilita'maggiore. Ho visto rotti solo due processori sparc, contro una lunga seriedi intel bruciati.....A che serve avere un processore anche piu' velocce se non e' affidabile?
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel ha il potere...
      Mah, attualmente sono consulente per un'azienda che è tra le prime 5 in Italia e la 3° nel suo settore di punta nel mondo. Eroga anche servizi nformatici (a pagamento, s'intende) per altri enti o aziende.I processori IA64 sono stati considerati dal gruppo adetto (è a Milano), ma scartati rispetto agli Sparc e ai RISC (sono le 2 piattaforme usate, gli Alpha non sono usati, vi sono solo 4-5 elaboratori su Alpha dell'azienda in giro per il mondo).E le cause erano le performance; performance che non credo (alla propaganda di Intel) IA64 avvicinerà per ora neanche con questo 2° IA64.Poi il paragone con Sparc, pur senza citare l'ultraSparc IV non regge: una macchina Sun può arrivare attualmente ad averne fino a 76 Sparc gestiti da Solaris, 56 da Linux (e debbo dire che fischiano come un missile, avendone fatto rifornimento l'azienda di 6 ultime Sun meno di 1 mese fà).
Chiudi i commenti