Mozilla, Firefox e la mobilitazione del web

Un anno di grandi risultati per la fondazione statunitense, che ha coinvolto sviluppatori e utenti per una maggiore apertura del web. Nel 2013, la grande sfida sarà Firefox OS

Roma – Un’infografica per riassumere l’anno della Fondazione Mozilla, al lavoro negli ultimi 12 mesi per “mobilitare il mondo del web”. Sul fronte desktop, i componenti aggiuntivi del browser Firefox hanno superato il totale dei 3 miliardi di download , a disposizione di utenti e sviluppatori in 89 lingue del mondo.

In mobilità, la fondazione statunitense è riuscita ad aumentare le prestazioni del suo strumento di navigazione su altri 15 milioni di dispositivi basati su Android . Con il nuovo Firefox OS , i responsabili di Mozilla stanno “costruendo il primo dispositivo mobile open web al mondo”, con un nuovo gruppo di 30 API per la gestione delle applicazioni.

Nei bilanci alla fine del 2012, si mostra come quasi il 20 per cento degli utenti Android abbia deciso di abilitare la funzione anti-tracciamento Do Not Track per la navigazione da browser in mobilità .

La foundation ha inoltre ricordato il suo impegno contro il famigerato disegno di legge Stop Online Piracy Act (SOPA), raggiungendo oltre 30 milioni di persone sul pianeta.

“Il percorso per il 2013 si prospetta tanto chiaro quanto impegnativo – si legge in un post apparso sul blog ufficiale di Mozilla – I browser dovranno maturare e migliorare ancora, per evolversi insieme agli utenti, con caratteristiche come la social API e l’integrazione con Facebook Messenger, che ampliano il concetto di ciò che un browser può essere”.

Per Firefox OS, il 2013 risulterà un anno decisivo, “in cui il mondo potrà toccare con mano il primo vero dispositivo mobile alimentato unicamente dalla potenza del web”. Mozilla continuerà perciò a “mobilitare il mondo del web”, coinvolgendo la comunità degli sviluppatori e degli utenti per un ecosistema digitale “aperto, potente e trasparente”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • andy61 scrive:
    ci lamentiamo dell'Italia, ma ...
    certo che anche l'Europa in quanto a lungimiranza eccelle ...Se l'obiettivo è competere sul mercato globalizzato, ve li immaginate i cinesi e gli americani, ed un domani anche gli africani, e comunque tutti i paesi emergenti, che si trovaranno a dover verificare le proprie idee di brevetto con quanto depositato non soltanto in inglese in tutto il mondo, ma anche in francese e tedesco depositati in Europa?Concorrenza a gogo', e provate a sostenere i costi per una disputa in un tribunale internazionale, che dovrà confrontare brevetti scritti in inglese con altri scritti in tedesco o francese ...!Tutto sommato forse l'Italia non ha molto da perderci, anche perché le sarebbe comunque convenuto depositare i brevetti in inglese.Chi ne pagherà di più lo scotto saranno tedeschi e francesi.La seccatura per noi italiani è che ci toccherà per forza di cose internazionalizzarci; insomma, una spinta forzata all'internazionalizzazione (non certo per la lungimiranza del nostro governo).Ciò detto, non posso non condividere la protesta per questa discriminazione a favore di Francia e Germania, a scapito di tutti gli altri paesi europei (almeno sul mercato EU).
    • ThEnOra scrive:
      Re: ci lamentiamo dell'Italia, ma ...
      - Scritto da: andy61
      certo che anche l'Europa in quanto a lungimiranza
      eccelle
      ...Dicono che sia "ancora giovane"... errori della gioventù!
      Se l'obiettivo è competere sul mercato
      globalizzato, ve li immaginate i cinesi e gli
      americani, ed un domani anche gli africani, e
      comunque tutti i paesi emergenti, che si
      trovaranno a dover verificare le proprie idee di
      brevetto con quanto depositato non soltanto in
      inglese in tutto il mondo, ma anche in francese e
      tedesco depositati in
      Europa?Beh, già accade.
      Concorrenza a gogo', e provate a sostenere i
      costi per una disputa in un tribunale
      internazionale, che dovrà confrontare brevetti
      scritti in inglese con altri scritti in tedesco o
      francese
      ...!Non conosco i particolari, ma immagino che essendo le lingue ufficiale sia onere del tribunale fare le traduzioni: dunque siamo noi che paghiamo!
      Tutto sommato forse l'Italia non ha molto da
      perderci, anche perché le sarebbe comunque
      convenuto depositare i brevetti in
      inglese.
      Chi ne pagherà di più lo scotto saranno tedeschi
      e
      francesi.Come detto sopra, non credo proprio. Anzi, il contrario! Ne beneficieranno, solo loro!
      La seccatura per noi italiani è che ci toccherà
      per forza di cose internazionalizzarci; insomma,
      una spinta forzata all'internazionalizzazione
      (non certo per la lungimiranza del nostro
      governo).Già lo fanno. Non aderendo, non cambia molto. Anzi, non cambia niente.
      Ciò detto, non posso non condividere la protesta
      per questa discriminazione a favore di Francia e
      Germania, a scapito di tutti gli altri paesi
      europei (almeno sul mercato
      EU).Già! Per una volta abbiamo fatto una scelta "politica" giusta!
    • libcyborg scrive:
      Re: ci lamentiamo dell'Italia, ma ...
      ..."Grazie al brevetto europeo, invece, un inventore potrà sempre rivolgersi all'EPO per ottenere un brevetto unico valido in tutti e 25 gli Stati che hanno sottoscritto il pacchetto brevettuale: questo - almeno per il momento - continuerà a coesistere con i brevetti nazionali, ma a differenza del precedente titolo rilasciato dall'EPO non dovrà passare attraverso le procedure, i costi amministrativi, le traduzioni linguistiche e gli altri atti burocratici degli uffici brevettuali dei singoli stati. Il primo brevetto unitario europeo, secondo le intenzione dell'EPO, dovrebbe essere conXXXXX per febbraio 2014.La prima conseguenza del brevetto unitario europeo ora approvato è, dunque, una netta semplificazione burocratica e amministrativa e quindi un notevole taglio dei costi: secondo le prime stime dovrebbe permettere un risparmio fino all'80 per cento, dal momento che un brevetto unitario europeo dovrebbe costare in media 4.725 euro, contro i 36mila necessari ad oggi per ottenere una protezione pan-europea...."QUINDI O SONO IO CONFUSO ED AVVEZZO A CAPTARE I CONCETTI ALLA BASE DEGLI SCRITTI OPPURE CREDO SIA MEGLIO QUESTO BREVETTO UNITARIO......NON CAPISCO IL CHIACCHIERICCIO CHE CI STATE FACENDO ATTORNO.ABBITUIAMOCI A CRESCERE ED INTERNAZIONALIZZARCI E BASTA PIANGERCI ADDOSSO. Piangerci addosso perchè la nostra lingua non viene utilizzata? Beh allora gli spagnoli che dovrebbero dire? Prima di giudicare gli altri ....cerchoiamo di lavare i nostri panni sporchi in casa nostra e di cercare di renderci più seri agli occhi del mondo poi potremo anche cercare di far voce più grossa.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 dicembre 2012 15.08-----------------------------------------------------------
      • andy61 scrive:
        Re: ci lamentiamo dell'Italia, ma ...
        Non ci stiamo piangendo addosso, ed il brevetto europeo non è un gadget: è un must, se si vuole tentare di competere con altri paesi.La discussione verte sulle lingue ammesse per depositare il brevetto.Premetto che la lingua di fatto standard è l'inglese, soprattutto quando ci si vuole confrontare con il mercato americano, che fino ad oggi è stato il primo per numero di brevetti depositato (oggi superato dalla Cina, a quanto mi risulta).Ma anche restringendo il ragionamento alla sola comunità europea, una ricerca per verificare se sia già stato registrata una particolare idea implica una perfetta padronanza non solo dell'inglese, ma anche del francese e del tedesco.Il che implica costi per interpreti e traduzioni.Ed implicherà conflitti legali nel momento in cui idee simili verranno depositate in lingue differenti.Senza contare la difficoltà per gli stranieri per venire a registrare un'idea già depositata altrove anche sul mercato EU.A parere mio si tratta di una porcheria protezionistica di Germania e Francia; non per niente hanno fatto il diavolo a quattro per impedire l'utilizzo di altre lingue, tra cui incidentalmente anche la nostra.Ribadisco, il problema non è che non siano state adottate altre lingue: il problema è che ne siano state adottate tre invece che una.Sarebbe stato meno peggio adottare soltanto il tedesco o il francese, piuttosto che tre lingue.
  • Alias scrive:
    I costi traduzioni caleranno
    quoto: "Alla limitazione a queste tre lingue si affianca poi la promessa da parte del Parlamento europeo di rimborsare i costi di traduzione sostenuti dalle piccole e medie imprese europee, dalle organizzazioni non profit, dalle università e dagli enti pubblici di ricerca: il brevetto unitario nasce con una particolare attenzione nei confronti delle piccole e medie imprese europee."E guardate che una volta era peggio: prima di brevettare dovevi leggere tutti i brevetti esistenti traducendoli a tue spese per capirli e questo da tutte le lingue europee.Ora i legali studieranno i brevetti in 3 lingue soltanto, molto meno lavoro, e poi emetteranno un brevetto redatto in inglese. Sai che spesa, se poi te la rimborsano pure.
  • attonito scrive:
    ah ho capito
    "la prova del cuoco" e la rivista di giacobbo sono editi dalla edizioni master, che e' anche il padrone di Punto Informatico. Si vede che fanno promozione inter-gruppo. Comunque se mia madre si azzarda a comprare "la prova del cuoco" le spezzo le braccia.
    • nikasdvba scrive:
      Re: ah ho capito
      Hi! Amici! Tablet PC 7 pollici resistivo android 4.0! Questo è un bel regalo! Posso dare a mia moglie! Ora a soli 55,99! http://www.goobao.com/WWBUM/
    • panda rossa scrive:
      Re: ah ho capito
      - Scritto da: attonito
      "la prova del cuoco" e la rivista di giacobbo
      sono editi dalla edizioni master, che e' anche il
      padrone di Punto Informatico. Si vede che fanno
      promozione inter-gruppo. Comunque se mia madre si
      azzarda a comprare "la prova del cuoco" le spezzo
      le
      braccia.Io le spezzerei le braccia se compra giacobbo!La prova del cuoco tutto sommato lo dice di essere una cosa idiota.
      • dubbio scrive:
        Re: ah ho capito
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: attonito

        "la prova del cuoco" e la rivista di giacobbo

        sono editi dalla edizioni master, che e'
        anche
        il

        padrone di Punto Informatico. Si vede che
        fanno

        promozione inter-gruppo. Comunque se mia
        madre
        si

        azzarda a comprare "la prova del cuoco" le
        spezzo

        le

        braccia.

        Io le spezzerei le braccia se compra giacobbo!
        La prova del cuoco tutto sommato lo dice di
        essere una cosa
        idiota.credo che intenda dire che meno soldi si danno a edizioni master in generale meglio e'.
        • panda rossa scrive:
          Re: ah ho capito
          - Scritto da: dubbio
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: attonito


          "la prova del cuoco" e la rivista di
          giacobbo


          sono editi dalla edizioni master, che e'

          anche

          il


          padrone di Punto Informatico. Si vede che

          fanno


          promozione inter-gruppo. Comunque se mia

          madre

          si


          azzarda a comprare "la prova del cuoco" le

          spezzo


          le


          braccia.



          Io le spezzerei le braccia se compra giacobbo!

          La prova del cuoco tutto sommato lo dice di

          essere una cosa

          idiota.

          credo che intenda dire che meno soldi si danno a
          edizioni master in generale meglio
          e'.Va bene, ma se devi scegliere tra giacobbo e un XXXXX intasato ricolmo di XXXXX, non ci dovrebbero essere dubbi.
  • attonito scrive:
    haha i grembiuli ahahah
    certo che la pubblicita dei grembuili con la tardona binoda con punto informatico ci vanno a nozze! a quando la rubrica gossip tenuta da Signorini?
  • stocktrader scrive:
    Ma usiamo il latino no?
    Tanto non credo che l'Italia produca piu' molta innoviazione quindi...se vogliono restare fuori dalla modernita' lo facciano pure tanto per darsi sempre di piu' la zappa sui piedi.Svezia, Finlandia, Danimarca, Lettonia, Estonia e Lituania, Polonia, Ungheria, Romania ed altri che forse mi son dimenticato sono piu' lungimiranti si vede e piu' ''umili''.
    • Ubunto scrive:
      Re: Ma usiamo il latino no?
      - Scritto da: stocktrader
      Tanto non credo che l'Italia produca piu' molta
      innoviazione quindi...se vogliono restare fuori
      dalla modernita' lo facciano pure tanto per darsi
      sempre di piu' la zappa sui
      piedi.
      Svezia, Finlandia, Danimarca, Lettonia, Estonia e
      Lituania, Polonia, Ungheria, Romania ed altri che
      forse mi son dimenticato sono piu' lungimiranti
      si vede e piu'
      ''umili''.Avessero usato solo l'inglese, come lingua internazionale, la cosa avrebbe avuto senso. Ma perché francese e tedesco?L'umiltà stupida non serve a niente. L'Italia e la Spagna, nonostante tutto, non sono paesi industrialmente così arretrati come credi tu.
      • panda rossa scrive:
        Re: Ma usiamo il latino no?
        - Scritto da: Ubunto
        - Scritto da: stocktrader

        Tanto non credo che l'Italia produca piu'
        molta

        innoviazione quindi...se vogliono restare
        fuori

        dalla modernita' lo facciano pure tanto per
        darsi

        sempre di piu' la zappa sui

        piedi.

        Svezia, Finlandia, Danimarca, Lettonia,
        Estonia
        e

        Lituania, Polonia, Ungheria, Romania ed
        altri
        che

        forse mi son dimenticato sono piu'
        lungimiranti

        si vede e piu'

        ''umili''.

        Avessero usato solo l'inglese, come lingua
        internazionale, la cosa avrebbe avuto senso. Ma
        perché francese e
        tedesco?Sarcosi' non sa l'inglese, e la merkel e' quello che comanda.
        L'umiltà stupida non serve a niente. L'Italia e
        la Spagna, nonostante tutto, non sono paesi
        industrialmente così arretrati come credi
        tu.La spagna di sicuro e' un paese avanzato: sono anni che vince titoli mondiali.L'italia invece ha fatto il suo tempo.
        • Alias scrive:
          Re: Ma usiamo il latino no?

          La spagna di sicuro e' un paese avanzato: sono
          anni che vince titoli mondiali.Alludi alla ricerca sui farmaci ;-) beh credimi abbiamo medici molto preparati pure noi
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma usiamo il latino no?
            - Scritto da: Alias

            La spagna di sicuro e' un paese avanzato:
            sono

            anni che vince titoli mondiali.

            Alludi alla ricerca sui farmaci ;-) beh credimi
            abbiamo medici molto preparati pure
            noiMa i loro ciclisti vincono e i nostri vanno a rifornirsi da loro.Come si spiega?
    • bubba scrive:
      Re: Ma usiamo il latino no?
      - Scritto da: stocktrader
      Ma usiamo il latino, no?Mossa pericolosa.Sai, no, qual'e' l'unica organizzazione mondiale che usa il latino anche oggi,si?
  • attonito scrive:
    prostituiti a tutto
    ok giacobbo, ok window 8, ok il banner "potresti vincere un ipad da 600 euro" ma la pubblicita' dei "GREMBIULI DELLA PROVA DEL CUOCO" no! Ma un minimo di amor proprio niente, eh?
  • Pinco Panco scrive:
    OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
    OT: cliccando sull'apposito link "salta pubblicità", la pagina viene ricaricata. E con essa la pubblicità che riparte allegramente! Ho dovuto interrompere il caricamento della pagina per arrivare qui...
    • noADinvasiv a scrive:
      Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
      - Scritto da: Pinco Panco
      OT: cliccando sull'apposito link "salta
      pubblicità", la pagina viene ricaricata. E con
      essa la pubblicità che riparte allegramente! Ho
      dovuto interrompere il caricamento della pagina
      per arrivare
      qui...installa l'estensione ADBLOCK PLUS e risolvi il problema
      • panda rossa scrive:
        Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
        - Scritto da: noADinvasiv a
        - Scritto da: Pinco Panco

        OT: cliccando sull'apposito link "salta

        pubblicità", la pagina viene ricaricata. E con

        essa la pubblicità che riparte allegramente! Ho

        dovuto interrompere il caricamento della pagina

        per arrivare

        qui...

        installa l'estensione ADBLOCK PLUS e risolvi il
        problemaE' chiaro che l'individuo usa IE, altrimenti manco si poneva il problema.Chi e' causa del suo mal, pianga se stesso!
        • attonito scrive:
          Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: noADinvasiv a

          - Scritto da: Pinco Panco


          OT: cliccando sull'apposito link "salta


          pubblicità", la pagina viene
          ricaricata. E
          con


          essa la pubblicità che riparte
          allegramente!
          Ho


          dovuto interrompere il caricamento
          della
          pagina


          per arrivare


          qui...



          installa l'estensione ADBLOCK PLUS e risolvi
          il

          problema

          E' chiaro che l'individuo usa IE, altrimenti
          manco si poneva il
          problema.
          Chi e' causa del suo mal, pianga se stesso!e' il segno dei tempi. stanno affondando, e danno il qlo a qualunque inserzionista pur di procrastinare l'inevitabile. il facco che anche libero.it li abbia calciorotati dopo meno di 6 mesi vorra' pur dire qualcosa, no?
        • Dodge scrive:
          Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: noADinvasiv a

          - Scritto da: Pinco Panco


          OT: cliccando sull'apposito link "salta


          pubblicità", la pagina viene
          ricaricata. E
          con


          essa la pubblicità che riparte
          allegramente!
          Ho


          dovuto interrompere il caricamento
          della
          pagina


          per arrivare


          qui...



          installa l'estensione ADBLOCK PLUS e risolvi
          il

          problema

          E' chiaro che l'individuo usa IE, altrimenti
          manco si poneva il
          problema.
          Chi e' causa del suo mal, pianga se stesso!A me è successa la stessa cosa con Chrome e con Safari, sia qui su PI, sia su Telefonino.net.Queste pubblicità a pieno schermo sono una grandissima idiozia che tengono lontani gli utenti.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
            - Scritto da: Dodge
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: noADinvasiv a


            - Scritto da: Pinco Panco



            OT: cliccando sull'apposito link
            "salta



            pubblicità", la pagina viene

            ricaricata. E

            con



            essa la pubblicità che riparte

            allegramente!

            Ho



            dovuto interrompere il caricamento

            della

            pagina



            per arrivare



            qui...





            installa l'estensione ADBLOCK PLUS e
            risolvi

            il


            problema



            E' chiaro che l'individuo usa IE, altrimenti

            manco si poneva il

            problema.

            Chi e' causa del suo mal, pianga se stesso!
            A me è successa la stessa cosa con Chrome e con
            Safari, sia qui su PI, sia su
            Telefonino.net.

            Queste pubblicità a pieno schermo sono una
            grandissima idiozia che tengono lontani gli
            utenti.Anche secondo me sono controproducenti e spingono gli utenti ad aggirarle con Adblock e simili!
          • Lia scrive:
            Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
            non riesco a credere che in un blog che tratta di informatica vi siano utenti non equipaggiati con adblock o simili...
          • panda rossa scrive:
            Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
            - Scritto da: Lia
            non riesco a credere che in un blog che tratta di
            informatica vi siano utenti non equipaggiati con
            adblock o
            simili...Questo non e' mica un blog, e neppure tratta di informatica. 8)
        • prova123 scrive:
          Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
          Io uso IE8 su un netbook e non ho il minimo problema. Di quali pubblicità parlate?Se siete niubbi usate Firefox & Co.
          • Dodge scrive:
            Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
            - Scritto da: prova123
            Io uso IE8 su un netbook e non ho il minimo
            problema. Di quali pubblicità
            parlate?

            Se siete niubbi usate Firefox & Co.I metodi per aggirare le pubblicità ci sono, ma è più furbo se PI si sveglia e evita certe idiozie così invasive, perché il risultato non può che essere uno solo: allontanare gli utenti dalla pubblicità e dal sito.
          • attonito scrive:
            Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
            - Scritto da: Dodge
            - Scritto da: prova123

            Io uso IE8 su un netbook e non ho il minimo

            problema. Di quali pubblicità

            parlate?



            Se siete niubbi usate Firefox & Co.
            I metodi per aggirare le pubblicità ci sono, ma è
            più furbo se PI si sveglia e evita certe idiozie
            così invasive, perché il risultato non può che
            essere uno solo: allontanare gli utenti dalla
            pubblicità e dal
            sito.e tu credi che disperati come sono ti ascolteranno? "pochi, maldedetti e subito" ecco come vogliono i soldi. dei lettori non gli frega un beneamato, tutto qui. spero falliscano al piu presto, maruccia sotto un ponte e annunzuata in miniera.
          • panda rossa scrive:
            Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
            - Scritto da: prova123
            Io uso IE8 su un netbook e non ho il minimo
            problema. Non ci fai questa gran figura a vantarti di queste cose, sai...
            Di quali pubblicità
            parlate?Non ho idea. Chiedi a quello che si lamenta, che avra' ie pure lui.
            Se siete niubbi usate Firefox & Co.Il niubbo usa ie, il niubbo al quadrato usa ie consapevolmente.
          • Lia scrive:
            Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
            ie è la più grande XXXXXta mai prodotta nell'arco dell'intera storia umana
          • panda rossa scrive:
            Re: OT: x lo staff PI: pubblicità invasiva
            - Scritto da: Lia
            ie è la più grande XXXXXta mai prodotta nell'arco
            dell'intera storia
            umana <b
            92 MINUTI DI APPLAUSI </b
            [img]http://i40.tinypic.com/2i0pzjo.jpg[/img]
  • Enjoy with Us scrive:
    Bella XXXXXta!
    Perchè mai dovrebbero essere usate tre lingue come Tedesco , Inglese e Francese, quanto a popolazione europea direi che a parte una leggera prevalenza del tedesco, le altre lingue numericamente parlando stanno alla pari, anzi se non erro si parla più italiano in Europa di quanto si parli l'inglese!Allora o si usano tutte le lingue Europee principali, compreso Italiano e spagnolo o se proprio si deve fare una scelta si adotti l'inglese per la sua maggiore universalità!Poi avete notato dove metterebbero le sedi principali dei tribunali? Sparpagliate ovviamente fra Germania francia ed inghilterra... quell'inghilterra che manco è entrata nell'euro e che si oppone agli accordi di sorveglianza bancaria... sta unione europea fa sempre più schifo!
    • panda rossa scrive:
      Re: Bella XXXXXta!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Perchè mai dovrebbero essere usate tre lingue
      come Tedesco , Inglese e Francese, quanto a
      popolazione europea direi che a parte una leggera
      prevalenza del tedesco, le altre lingue
      numericamente parlando stanno alla pari, anzi se
      non erro si parla più italiano in Europa di
      quanto si parli
      l'inglese!Da che mondo e' mondo, si parla la lingua del padrone.Si parla l'arabo in nord africa, si parla spagnolo in sudamerica, si parla inglese in india.C'e' qualche vecchietto in Somalia che e' in grado di pronunciare un paio di parole in italiano, se ti puo' interessare...
    • ThEnOra scrive:
      Re: Bella XXXXXta!
      Per una volta l'Italia ha fatto benissimo a non aderire: le aziende italiane avrebbero avuto una voce di costo in più rispetto a propri competitor inglesi, francesi e tedeschi.
      • il signor rossi scrive:
        Re: Bella XXXXXta!
        - Scritto da: ThEnOra
        Per una volta l'Italia ha fatto benissimo a non
        aderire: le aziende italiane avrebbero avuto una
        voce di costo in più rispetto a propri competitor
        inglesi, francesi e
        tedeschi.vedremo quando la conseguenza sarà che, per fare un favore alle solite caste italiane (ci sono poltrone agli uffici brevetti, che credete? e vogliamo parlare della possibilità di rivolgersi magari a un avvocato non italiano?) le aziende italiane avranno brevetti che non valgono una cippa rispetto alle altre aziende europee.
        • tucumcari scrive:
          Re: Bella XXXXXta!
          - Scritto da: il signor rossi
          - Scritto da: ThEnOra

          Per una volta l'Italia ha fatto benissimo a non

          aderire: le aziende italiane avrebbero avuto una

          voce di costo in più rispetto a propri
          competitor

          inglesi, francesi e

          tedeschi.

          vedremo quando la conseguenza sarà che, per fare
          un favore alle solite caste italiane (ci sono
          poltrone agli uffici brevetti, che credete? e
          vogliamo parlare della possibilità di rivolgersi
          magari a un avvocato non italiano?) le aziende
          italiane avranno hanno brevetti che non valgono una
          cippa rispetto alle altre aziende
          europee.Fixed :D
        • ThEnOra scrive:
          Re: Bella XXXXXta!
          A volerla vedere così ci può stare anche questo aspetto, che è sempre suggestivo e attira troll, tuttavia mi devi allora spiegare perchè l'azienda tedesca o francese possa depositare un brevetto senza doverlo tradurre, mentre quella italiana no!
          • panda rossa scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: ThEnOra
            A volerla vedere così ci può stare anche questo
            aspetto, che è sempre suggestivo e attira troll,
            tuttavia mi devi allora spiegare perchè l'azienda
            tedesca o francese possa depositare un brevetto
            senza doverlo tradurre, mentre quella italiana
            no!Siamo nel 2012.Un brevetto lo presenti in inglese.Qualunque sia la lingua che parli tu.
          • Ubunto scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ThEnOra

            A volerla vedere così ci può stare anche
            questo

            aspetto, che è sempre suggestivo e attira
            troll,

            tuttavia mi devi allora spiegare perchè
            l'azienda

            tedesca o francese possa depositare un
            brevetto

            senza doverlo tradurre, mentre quella
            italiana

            no!

            Siamo nel 2012.
            Un brevetto lo presenti in inglese.
            Qualunque sia la lingua che parli tu.Appunto... quindi perché francese e tedesco?
          • panda rossa scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ThEnOra


            A volerla vedere così ci può stare anche

            questo


            aspetto, che è sempre suggestivo e
            attira

            troll,


            tuttavia mi devi allora spiegare perchè

            l'azienda


            tedesca o francese possa depositare un

            brevetto


            senza doverlo tradurre, mentre quella

            italiana


            no!



            Siamo nel 2012.

            Un brevetto lo presenti in inglese.

            Qualunque sia la lingua che parli tu.

            Appunto... quindi perché francese e tedesco?Come ho gia' scritto altrove: sarcosi' non sa l'inglese e la merkel e' quello che comanda.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            Mi ripeto: l'Italia ha fatto bene a non aderire.
    • 444 scrive:
      Re: Bella XXXXXta!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Perchè mai dovrebbero essere usate tre lingue
      come Tedesco , Inglese e Francese, quanto a
      popolazione europea direi che a parte una leggera
      prevalenza del tedesco, le altre lingue
      numericamente parlando stanno alla pari, anzi se
      non erro si parla più italiano in Europa di
      quanto si parli
      l'inglese!Prova ad andare in giro per l'Europa e parlare inglese e vedrai in quanti lo parlano. Pure il francese è molto conosciuto ovviamente. L'italiano purtroppo lo parliamo solo noi.
      Allora o si usano tutte le lingue Europee
      principali, compreso Italiano e spagnolo o se
      proprio si deve fare una scelta si adotti
      l'inglese per la sua maggiore
      universalità!Ovviamente concordo su tutta la linea. O solo inglese, che tanto ormai quasi tutti sanno almeno capire, o tutte quante.
      • panda rossa scrive:
        Re: Bella XXXXXta!
        - Scritto da: 444
        Prova ad andare in giro per l'Europa e parlare
        inglese e vedrai in quanti lo parlano. Pure il
        francese è molto conosciuto ovviamente.
        L'italiano purtroppo lo parliamo solo
        noi.E neanche tanto bene...
      • Skywalker scrive:
        Re: Bella XXXXXta!
        Guarda io ho vissuto in Germania e Irlanda, sono mediamente in giro tra Danimarca, Svezia e Finlandia e attualmente vivo in Italia, vicino al confine Svizzero.In Germania non parlano Inglese. Certo, più degli italiani, ma non parlano inglese. Ad esser buoni parlano Globish quando va bene.In Finlandia, ad Helsinki (che fa 1/3 di tutti i Finlandesi) puoi anche girare in Inglese, ma se vai ad est o a nord-est (zona Grande Saimaa, per intenderci) non ci farei troppo conto.Danimarca, Svezia, Svizzera centro-nord ed Irlanda parlano Inglese.Non conosco la Francia, ma se tu costringessi la piccola-media industria tedesca a scrivere i brevetti in inglese (che è ben diverso dal andare ad una conferenza in inglese...), dovrebbe ricorrere ad un traduttore tanto quanto una italiana...L'idea che "in Europa tutti parlino Inglese" è molto vicino al mito: nei paesi meno popolati che non parlano la lingua di una altro grande paese, per necessità, parlano una sorta di Inglese, come in Italia oltre al Dialetto si parla una sorta di Italiano. Tutta la Finlandia ha la popolazione del Veneto, tutta la Svezia quella della Lombardia, la Danimarca quella di Piemonte e Lombardia. Ce la faresti a vivere in Europa parlando solo Veneto?In buona parte dell'Europa si parla inglese come seconda lingua, tra i più giovani anche buon B2 o un A1, ma NON è Inglese, non quello che si parlerebbe a Oxford o a Yale. Ed un brevetto, è un misto di capziosità e minuzie, dove ogni parola viene scelta soppesando i termini.Ed anche se optassimo per il solo "Inglese", a quale "Inglese" si dovrebbe fare riferimento? All'Inglese di Copenhagen o a quello di Londra? O a quello di Seattle?Un "biscuit" è solo quelli morbidi o anche quelli secchi?Per i danesi, famosi per i biscotti, potrebbe non essere secondario.Pensare che una PICCOLA-MEDIA azienda, di qualunque paese europeo, possa pensare di scrivere un brevetto in Inglese senza appoggiarsi ad un traduttore madrelingua è pura follia. Già ora c'è disparità tra il brevetto scritto in ITALIANO LEGALESE dell'ufficio brevetti di una grossa azienda e quello scritto in ITALIANO corrente scritto dal figlio laureato del titolare dell'azienda familiare: figuriamoci tra l'INGLESE LEGALESE dell'Ufficio Brevetti Londinese di una multinazionale e l'INGLESE A1 del figlio laureato della stessa azienda familiare.Di fronte ad un brevetto-troll chi rinuncia? Siemens, Philips, SAP o l'aziendina di due amici e dieci dipendenti?Il Brevetto Unico Europeo in una sola lingua serve alle multinazionali, Europee e non, per risparmiare e uniformare, non alle piccole-medie, che tanto comunque dovranno appoggiarsi ad una società esterna specializzata in brevetti.Per le piccole-medie, se una sola lingua deve essere, sarebbe meglio fosse il greco, così tradurre per tradurre devono tradurre praticamente tutti e diamo una mano ad un paese in crisi economica...
        • panda rossa scrive:
          Re: Bella XXXXXta!
          - Scritto da: Skywalker

          Ed anche se optassimo per il solo "Inglese", a
          quale "Inglese" si dovrebbe fare riferimento?
          All'Inglese di Copenhagen o a quello di Londra? O
          a quello di
          Seattle?L'inglese e' quello di londra.A Seattle si parla americano.
      • goodjob scrive:
        Re: Bella XXXXXta!
        - Scritto da: 444
        Ovviamente concordo su tutta la linea. O solo
        inglese, che tanto ormai quasi tutti sanno almeno
        capire, o tutte
        quante.Con 'sti complessi d'inferiorità sulla lingua me parete tutti francesi!Ebbasta...
    • Alias scrive:
      Re: Bella XXXXXta!

      se proprio si deve fare una scelta si adotti
      l'inglese per la sua maggiore universalità!ignori la storia: i Francesi non lo accetterebbero maiignori la realtà: se i tedeschi stanno fuori non serve a nulla
      • Skywalker scrive:
        Re: Bella XXXXXta!
        Ignora l'evidenza: la maggior parte parla Globish, non IngleseIgnora la pratica: un brevetto non si scrive in Globish. Perché il tribunale di Londra darebbe significati Oxfordiani ai termini usati nel brevetto.
        • pietro scrive:
          Re: Bella XXXXXta!
          - Scritto da: Skywalker
          Ignora l'evidenza: la maggior parte parla
          Globish, non
          Inglese
          Ignora la pratica: un brevetto non si scrive in
          Globish. Perché il tribunale di Londra darebbe
          significati Oxfordiani ai termini usati nel
          brevetto.però quella potrebbe essere la soluzione ideale, la lingua europea è il globish, si scrive tutto in globish e agli inglesi si dà un dizionario inglese-globisch come per tutte le altre lingue, tutti uguali, anzi per loro potrebbe essere pure peggio.
          • Skywalker scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            (rotfl)Sono d'accordo con te. Ma il problema è che il Globish nasce per colloquiare tra due persone che vogliono capirsi, non tra due soggetti che cavillano sul quarto significato rispetto al contesto. Bisognerebbe prima "standardizzare" il Globish... e su Wikipedia che ne sono già due diversi! :)Potrebbe essere più facile adottare l'Esperanto o il Latino. :) :D(rotfl)
          • pietro scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: Skywalker
            (rotfl)

            Sono d'accordo con te.
            Ma il problema è che il Globish nasce per
            colloquiare tra due persone che vogliono capirsi,
            non tra due soggetti che cavillano sul quarto
            significato rispetto al contesto. Bisognerebbe
            prima "standardizzare" il Globish... e su
            Wikipedia che ne sono già due diversi!
            :)

            Potrebbe essere più facile adottare l'Esperanto o
            il Latino. :)
            :D(rotfl)sarà il globish in ogni caso, prima o poi, quando i cinesi butteranno tutto il loro peso sui mercati mondiali sarà inevitabile.
          • Skywalker scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            Non ci sperare... (rotfl)La lingua è qualcosa di vivo che si mischia alla cultura. Se non mantieni una unità politico-culturale, anche se parti dalla stessa, deriva velocemente.Nel correttore ortografico del programma che ho davanti, alla voce "Inglese" ho 15 varianti. Intelleggibili tra di loro, ovviamente, ma quando parli di brevetti non basta l'intellegibilità."to go in the bush" non significa la stessa cosa in Australia ed ad Oxford. "Buscuit" sono due cose diverse in USA e UK. Lo stesso "torch". Ma anche nel Globish: "badge" in Itanglese significa una cosa, in Inglese un'altra. Prova a dire che la tua azienda fornisce personale in "Body Rental", o prova a cercare una Hostess su un aereo. E si potrebbe scrivere un libro sull'argomento (e più di uno lo ha fatto).Anche il Globish ha già iniziato a differenziarsi per gruppi culturali diversi...Se il Cinese si estenderà succedendo all'Inglese là dove l'Inglese ha sostituito il Francese, nascera il Chinish. Stanne certo... :D
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: Skywalker
            Non ci sperare... (rotfl)

            La lingua è qualcosa di vivo che si mischia alla
            cultura. Se non mantieni una unità
            politico-culturale, anche se parti dalla stessa,
            deriva
            velocemente.

            Nel correttore ortografico del programma che ho
            davanti, alla voce "Inglese" ho 15 varianti.
            Intelleggibili tra di loro, ovviamente, ma quando
            parli di brevetti non basta
            l'intellegibilità.

            "to go in the bush" non significa la stessa cosa
            in Australia ed ad Oxford. "Buscuit" sono due
            cose diverse in USA e UK. Lo stesso "torch". Ma
            anche nel Globish: "badge" in Itanglese significa
            una cosa, in Inglese un'altra. Prova a dire che
            la tua azienda fornisce personale in "Body
            Rental", o prova a cercare una Hostess su un
            aereo. E si potrebbe scrivere un libro
            sull'argomento (e più di uno lo ha
            fatto).

            Anche il Globish ha già iniziato a differenziarsi
            per gruppi culturali
            diversi...

            Se il Cinese si estenderà succedendo all'Inglese
            là dove l'Inglese ha sostituito il Francese,
            nascera il Chinish. Stanne certo...
            :DAllora Io suggerirei una cosa, usiamo l'Italiano in tutta Europa: é una lingua precisa con i termini appropriati per ogni situazione, non come l'inglese che ha termini che hanno anche più di 10 significati diversi a seconda del contesto, inoltre, caso forse unico fra le lingue, si scrive come si parla!
          • panda rossa scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: Enjoy with Us
            inoltre, caso forse unico fra le lingue, si
            scrive come si
            parla!Mica vero.i suoni sc- gn- e gl- non si scrivono come si parlano.Poi c'e' l'acca muta.Senza contare gli accenti che non e' obbligatorio indicare se a meta' parola, e spesso si scambiano quelli acuti con quelli gravi.Anche l'italiano ha le sue belle difficolta' di scrittura.Meno di altre lingue, ma non e' vero che si scrive come si parla.Non sempre.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Enjoy with Us


            inoltre, caso forse unico fra le lingue, si

            scrive come si

            parla!

            Mica vero.
            i suoni sc- gn- e gl- non si scrivono come si
            parlano.
            Poi c'e' l'acca muta.

            Senza contare gli accenti che non e' obbligatorio
            indicare se a meta' parola, e spesso si scambiano
            quelli acuti con quelli
            gravi.

            Anche l'italiano ha le sue belle difficolta' di
            scrittura.
            Meno di altre lingue, ma non e' vero che si
            scrive come si
            parla.
            Non sempre.Abbi pazienza hai mai sentito la richiesta di fare lo spelling del tuo nome? Hai mai sentito qualcuno chiederti di sillabare la tua via di residenza?Ecco in inglese è la normalità!Le difficoltà dell'italiano sono le sue regole grammaticali, ma a parte pochissime eccezioni si scrive come si parla!
          • panda rossa scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Enjoy with Us




            inoltre, caso forse unico fra le
            lingue,
            si


            scrive come si


            parla!



            Mica vero.

            i suoni sc- gn- e gl- non si scrivono come si

            parlano.

            Poi c'e' l'acca muta.



            Senza contare gli accenti che non e'
            obbligatorio

            indicare se a meta' parola, e spesso si
            scambiano

            quelli acuti con quelli

            gravi.



            Anche l'italiano ha le sue belle difficolta'
            di

            scrittura.

            Meno di altre lingue, ma non e' vero che si

            scrive come si

            parla.

            Non sempre.

            Abbi pazienza hai mai sentito la richiesta di
            fare lo spelling del tuo nome?Il mio non si presta. Ma altre persone che conosco hanno talvolta questa necessita'.Ad ogni modo quello che obiettavo era la tua precisazione "si scrive come si legge" e questo presuppone che vi sia una lettera per ogni suono.E non e' cosi'.
            Hai mai sentito
            qualcuno chiederti di sillabare la tua via di
            residenza?Quello purtroppo sempre, trattandosi di via Washington. :(
            Ecco in inglese è la normalità!
            Le difficoltà dell'italiano sono le sue regole
            grammaticali, ma a parte pochissime eccezioni si
            scrive come si
            parla!...e si parla come si mangia! :D
          • Izio01 scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Enjoy with Us



            Abbi pazienza hai mai sentito la richiesta di

            fare lo spelling del tuo nome?

            Il mio non si presta. Ma altre persone che
            conosco hanno talvolta questa
            necessita'.
            Ad ogni modo quello che obiettavo era la tua
            precisazione "si scrive come si legge" e questo
            presuppone che vi sia una lettera per ogni
            suono.
            E non e' cosi'.
            No, bè, l'italiano è una lingua fonetica e questo vuol dire che esistono regole che ti mettono in grado di leggere correttamente anche le parole che non conosci. La 'h' muta che menzioni non viola questa proprietà, visto che non la pronuncerai mai. Già diverso il discorso gl-, in effetti, perché glifo lo pronunci in maniera diversa da aglio. Ah no, aspetta, che sia gl- seguito da una vocale sola? Sì :)http://www.treccani.it/enciclopedia/gl-prontuario_(Enciclopedia_dell'Italiano)/L'inglese, invece, non è una lingua fonetica e qualsiasi parola può avere una pronuncia per conto suo. Wind si pronuncia uind nel caso del vento e uaind se indica il verbo avvolgere. Susy si pronuncia siusi e busy si pronuncia bisi. Ah, esiste una gemma al riguardo, mette in difficoltà anche gli studenti più bravi, se non i madrelingua:http://www.mipmip.org/tidbits/pronunciation.shtmlGiusto per farsi un'idea. Tutte queste ambiguità in italiano non ci sono.
          • sbrotfl scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: Skywalker

            Non ci sperare... (rotfl)



            La lingua è qualcosa di vivo che si mischia
            alla

            cultura. Se non mantieni una unità

            politico-culturale, anche se parti dalla
            stessa,

            deriva

            velocemente.



            Nel correttore ortografico del programma che
            ho

            davanti, alla voce "Inglese" ho 15 varianti.

            Intelleggibili tra di loro, ovviamente, ma
            quando

            parli di brevetti non basta

            l'intellegibilità.



            "to go in the bush" non significa la stessa
            cosa

            in Australia ed ad Oxford. "Buscuit" sono due

            cose diverse in USA e UK. Lo stesso "torch".

            Ma

            anche nel Globish: "badge" in Itanglese
            significa

            una cosa, in Inglese un'altra. Prova a dire
            che

            la tua azienda fornisce personale in "Body

            Rental", o prova a cercare una Hostess su un

            aereo. E si potrebbe scrivere un libro

            sull'argomento (e più di uno lo ha

            fatto).



            Anche il Globish ha già iniziato a
            differenziarsi

            per gruppi culturali

            diversi...



            Se il Cinese si estenderà succedendo
            all'Inglese

            là dove l'Inglese ha sostituito il Francese,

            nascera il Chinish. Stanne certo...

            :D

            Allora Io suggerirei una cosa, usiamo l'Italiano
            in tutta Europa: é una lingua precisa con i
            termini appropriati per ogni situazione, Mah... non mi sembra che la legge italiana sia proprio la più chiara del mondo :S
            non come
            l'inglese che ha termini che hanno anche più di
            10 significati diversi a seconda del contesto,
            inoltre, caso forse unico fra le lingue, si
            scrive come si
            parla!
          • krane scrive:
            Re: Bella XXXXXta!
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: Enjoy with Us

            - Scritto da: Skywalker


            Non ci sperare... (rotfl)





            La lingua è qualcosa di vivo che si
            mischia

            alla


            cultura. Se non mantieni una unità


            politico-culturale, anche se parti dalla

            stessa,


            deriva


            velocemente.





            Nel correttore ortografico del
            programma
            che

            ho


            davanti, alla voce "Inglese" ho 15
            varianti.


            Intelleggibili tra di loro, ovviamente,
            ma

            quando


            parli di brevetti non basta


            l'intellegibilità.





            "to go in the bush" non significa la
            stessa

            cosa


            in Australia ed ad Oxford. "Buscuit"
            sono
            due


            cose diverse in USA e UK. Lo stesso
            "torch".



            Ma


            anche nel Globish: "badge" in Itanglese

            significa


            una cosa, in Inglese un'altra. Prova a
            dire

            che


            la tua azienda fornisce personale in
            "Body


            Rental", o prova a cercare una Hostess
            su
            un


            aereo. E si potrebbe scrivere un libro


            sull'argomento (e più di uno lo ha


            fatto).





            Anche il Globish ha già iniziato a

            differenziarsi


            per gruppi culturali


            diversi...





            Se il Cinese si estenderà succedendo

            all'Inglese


            là dove l'Inglese ha sostituito il
            Francese,


            nascera il Chinish. Stanne certo...


            :D



            Allora Io suggerirei una cosa, usiamo
            l'Italiano

            in tutta Europa: é una lingua precisa con i

            termini appropriati per ogni situazione,

            Mah... non mi sembra che la legge italiana sia
            proprio la più chiara del mondo
            :SCredo che il latino sia quello con le sfumature necessarie.

            non come

            l'inglese che ha termini che hanno anche più
            di

            10 significati diversi a seconda del
            contesto,

            inoltre, caso forse unico fra le lingue, si

            scrive come si

            parla!
Chiudi i commenti