MP3Pro sale a cavallo dell'hardware

L'erede del formato MP3 si guadagna la fiducia dei produttori di hardware e spera di entrare presto su player e telefoni cellulari


San Mateo (USA) – Grazie a Texas Instruments e STMicroelectronics anche il neo formato di Thomson MultiMedia e del Fraunhofer Institute, MP3Pro , può contare su un ampio supporto hardware.

Il nuovo formato audio, erede diretto del diffusissimo MP3, è dunque pronto per entrare su player portatili, autoradio, telefoni cellulari ed altri dispositivi in grado di archiviare e riprodurre file audio compressi.

STMicroelectronics e TI hanno portato gli algoritmi di MP3Pro sulle rispettive linee di DSP. In occasione di questo annuncio, TI ha dichiarato che “l’MP3 è per l’industria della musica quello che la Coca Cola è per l’industria delle bevande”. Ma è probabile che l’industria discografica non troverebbe molto calzante questa comparazione…

MP3Pro dichiara di poter offrire una qualità uguale o superiore a quella MP3 a fronte di dimensioni dei file dimezzate: in pratica la stessa qualità audio ottenibile con MP3 ad un bit-rate di 128 Kbps, con la versione Pro la si potrà ottenere utilizzando un bit-rate di soli 64 Kbps. Tutto ciò – vantaggio non da poco – mantenendo la compatibilità con il vecchio formato.

A differenza dei formati concorrenti, MP3Pro non adotta nessuna tecnologia per la gestione e la protezione dei diritti intellettuali, una scelta che Thomson e Fraunhofer hanno intrapreso nella speranza che il neo formato possa ripetere il successo di MP3: ma di certo questo non gli farà guadagnare l’appoggio dei potenti dell’industria discografica.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    SI DIVORINO TRA LORO
    E i loro "brevetti" di aria fritta.
    • Anonimo scrive:
      Ma vai a lavorare, pirla...
      Cazzo, il tuo intervento è, pur nella sua brevità, talmente stupido e qualunquista che, paradossalmente, fa riflettere. A Lavorare, Rosco, nei campi! Hai anche un nick del cazzo, tralatro.
Chiudi i commenti