MSI, novità all-in-one

Il produttore taiwanese si appresta a lanciare sul mercato italiano un nuovo PC con schermo touch. Con un cuore AMD a basso consumo e supporto all'alta definizione

Roma – MSI si appresta a rinnovare la propria gamma di PC all-in-one con il nuovo Wind Top AE2010, un sistema che integra tutti i componenti hardware sul retro di uno schermo LCD touch screen da 20 pollici.

MSI presenta un nuovo PC all-in-one Il nuovo Wind top si caratterizza per l’adozione di una CPU Athlon 2650e a basso consumo affiancata al chipset 780G con GPU integrata ATI Mobility Radeon HD 3200, capace di decodificare i video HD (MPEG-2, H.264 e VC-1) e di supportare la tecnologia DirectX 10.

Il processore 2650e è costituito da un singolo core che gira a 1,6 GHz, dispone di 512 KB di cache L2 e ha un thermal design power (TDP) di 15 watt. MSI afferma che il proprio nettop touch screen è in grado di consumare, a pieno carico, un massimo di 63 watt di e di generare non più di 30 decibel di rumore. Il sistema soddisfa lo standard risparmio energetico e protezione dell’ambiente Energy Star 5.0.

Dotato di 2 GB di RAM DDR2, l’AE2010 ha un display con risoluzione da 1600 x 900 punti, un hard disk SATA da 320 GB e 7200 RPM, un drive DVD super multi, un card reader 4in1 (XD, SD, MMC, MS), due speaker da 2 watt con tecnologia virtual surround SRS Premium Sound, modulo wireless 802.11n, webcam da 1,3 MP e una ricca dotazione di porte di espansione (6 USB, una RJ45, una E-SATA, una VGA in e una VGA out, microfono e cuffie). Sul retro dello schermo è anche presente un attacco in standard VESA.

Tra le peculiarità dell’AE2010 vi è la cornice in simil-pelle e la suite di sicurezza EasyFace Recognition, che mediante la webcam e la tecnologia di riconoscimento del volto permette l’autenticazione biometrica al sistema o il blocco automatico di Windows quando l’utente si allontana dal PC.

Il sistema operativo preinstallato sull’AE2010 è Windows Vista Home Premium, personalizzato da MSI con l’interfaccia Wind Touch User già vista sui precedente modelli.

Prezzi e data di lancio del Wind Top AE2010 non sono ancora noti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • NO copyright scrive:
    Elogio della pirateria
    Carlo GubitosaElogio della pirateriaLicenza Creative Commons BY-NC-ND 2.0http://www.gugli.org/elogio_della_pirateria-carlo_gubitosa.pdf
  • NO copyright scrive:
    Winston Churchill
    Se due persone fumano sotto il cartello divieto di fumare gli fai la multa.Se venti persone fumano sotto il cartello divieto di fumare chiedi loro di spostarsi.Se duecento persone fumano sotto il cartello divieto di fumare togli il cartello.Winston Churchill
  • ninjaverde scrive:
    Inutile
    Una legge che si rivelerà inutile.Poi lasciamo pure che si applichi...forse finiranno nella rete alcuni sprovveduti, quindi i "pesci" piccoli o piccolissmi.Non è che si poteva fare di meglio...no certo: non ci si arriva.
  • XYZ scrive:
    Pirateria
    Controllo comportamentale e sociale coatto dell'essere umano che da tale viene denigrato ad utente, o peggio, semplice cifra da calcolare e da cui riscuotere multe. Un piccolo passo contro la pirateria, Un grande balzo verso il finale annientamento di ogni capacità di giudizio e di scelta propria dell'essere umano. E in ogni caso, tanto per renderlo pubblico e far capire il punto focale.... "Io Non Faccio Pirateria Per Rubacchiare Qualche Stupido Album/Film.Io faccio Pirateria per poter leggere ciò che nel mio paese non si può leggere e capirne il "Perchè", faccio Pirateria per vedere ciò che non si può vedere e capirne il "Perchè", faccio Pirateria per ascoltare ciò che è talmente raro e di nicchia che nessuna etichetta/major si sognerebbe di ristampare, faccio pirateria per diffondere il piu possibile l'idea di chi, a mio parere c'ha visto giusto piu di altri in un "ben determinato argomento", e PER QUESTO viene ignorato dai media (o meglio, i giornalisti ne vorrebbero parlare, ma le direttive delle loro testate e il loro naturale bisogno di soldi glie lo impediscono). Se poi fare Pirateria, reca veramente danno a delle grasse entità impersonali chiamate "Major" (che piu tali non sono) votate a perseguire il profitto, e naturalmente a sottostare alle richieste di chi, quel profitto glie lo fà perseguire, allora "fare pirateria" diventa piu che mai un dovere morale. Si insomma... Se è vero che la Pirateria uccide quell'insulso Cinema Globalizzato di bassa lega e altamente influenzante verso le menti deboli, Se è vero che la Pirateria uccide quell'insulso mercato musicale votato espressamente al prodotto/compravendita del prodotto/showbizzing da starsystemoverflooding/rinnovo del prodotto/rinnovo della compravendita/etc...etc..etc.. Allora IMHO: La Pirateria nel mondo attuale di Internet, è un diritto della persona, al PARI, dell'aver un acXXXXX alla rete. (visto che ultimamente se ne è parlato.)Saluti e Buon Download a Tutti. Please, Keep Your Mind Free.
  • Marco scrive:
    mal che si vuole....
    Cosi come in italia, abbiamo votato ed eletto Berlusconi il cui governo si sta facendo promotore di DDL che violentano la rete, e pure l'intelligenza delle persone, in Francia il Sarkiapone se lo son voluti e votati loro....Mal che si vuole, non duole!Toccherà anche in Italia prima o poi :(Purtroppo l'essere umano è pecorone per natura e non è disposto a qualche sforzo o rinuncia per un bene comunque e tantomeno per speranze a lungo termine.Abbiamo scelto di seguire chi ci mostra luci colorate, veline, l'illusione della bella vita (non solo in Italia e in Francia, se è per quello).Ora si inizia a pagar lo scotto.Troppo tardi per rimediare! Bisogna pagare!
    • XYZ scrive:
      Re: mal che si vuole....
      - Scritto da: Marco
      Cosi come in italia, abbiamo votato ed eletto
      Berlusconi il cui governo si sta facendo
      promotore di DDL che violentano la rete, e pure
      l'intelligenza delle persone, in Francia il
      Sarkiapone se lo son voluti e votati
      loro....
      Mal che si vuole, non duole!
      Toccherà anche in Italia prima o poi :(
      Purtroppo l'essere umano è pecorone per natura e
      non è disposto a qualche sforzo o rinuncia per un
      bene comunque e tantomeno per speranze a lungo
      termine.
      Abbiamo scelto di seguire chi ci mostra luci
      colorate, veline, l'illusione della bella vita
      (non solo in Italia e in Francia, se è per
      quello).
      Ora si inizia a pagar lo scotto.
      Troppo tardi per rimediare! Bisogna pagare!O pagare, o continuare a fare quello che si ritiene giusto nella veste di criminale. Personalmente, per me, il fare ciò che Io ritengo giusto ha la prevalenza sul "senso comune" di net-criminale che i media hanno creato in questi ultimi anni. Ergo, Continuerò a fare quello che faccio, trovando il modo piu sicuro per farlo, in ogni caso.
      • Marco scrive:
        Re: mal che si vuole....
        Si si, si continua sicuramente a far quel che si vuole, sempre che se ne sia disposti a pagarne le eventuali conseguenze.:D :D
        • ezio scrive:
          Re: mal che si vuole....
          discorso analogo vale per chi fa le leggi. facciano pure le leggi che vogliono ma devono accettarne le conseguenze.ovvero: sfiducia nel governo e nello stato, evasione fiscale, menefreghismo ecc. ecc.
          • XYZ scrive:
            Re: mal che si vuole....
            - Scritto da: ezio
            discorso analogo vale per chi fa le leggi.
            facciano pure le leggi che vogliono ma devono
            accettarne le
            conseguenze.
            ovvero: sfiducia nel governo e nello stato,
            evasione fiscale, menefreghismo ecc.
            ecc.Magari instaurare una situazione caotica tale è può essere un obiettivo da perseguire e non un problema da scansare, non credi? Renderebbe necessarie (nella loro ottica) misure piu restrittive, che causerebbero dell'altro *caos* e cosi via... E nel giro di un decennio, ciaociao libertà di espressione/etc.. Ma d'altronde, è proprio questo che sta accadendo (ORA) in Italia.Sarà anche vero che una *massa* non si puo controllare, ma è anche vero che un elite, può organizzarsi piu facilmente per informarsi e decidersi a perseguire un determinato obiettivo. Ecco perchè, una Internet libera "as-is" è VITALE oggi piu che mai, visto che si stà massificando.
  • Guybrush scrive:
    Cominciasse Don Sarko'
    A vigilare sulla propria connessione.Monsieur le president si rammenti che craccare la password di una rete wifi protetta con WAP2 richiede 2 giorni e mezzo di lavoro di un Core2Duo che attacca a forza bruta usando uno dei programmi piu' diffusi del web.Sarebbe divertente se fosse lui la prima vittima della ghigliottina.-- GT
    • XYZ scrive:
      Re: Cominciasse Don Sarko'
      - Scritto da: Guybrush
      A vigilare sulla propria connessione.

      Monsieur le president si rammenti che craccare la
      password di una rete wifi protetta con WAP2
      richiede 2 giorni e mezzo di lavoro di un
      Core2Duo che attacca a forza bruta usando uno dei
      programmi piu' diffusi del
      web.

      Sarebbe divertente se fosse lui la prima vittima
      della
      ghigliottina.

      --
      GTHo paura che questo sia solo il primo passo.. Non mi sorprenderei se tra qualche mesetto ci ritrovassimo qua su PI un bell'articolo su un nuovo tipo di standardizzazione delle reti wi-fi, magari soggetto a qualche polemica di "backdoor di stato". Cosi come qualche mese fà, riguardo a quell'articolo sullo standard di cifratura nei dischi. (non ho trovato il link all articolo cosi su due piedi, ma facendo una ricerchina lo trovate di sicuro)
    • C.B. scrive:
      Re: Cominciasse Don Sarko'
      Che sia in Francia o in Italia... quale giudice avrebbe mai il coraggio di denunciare un politicante o un suo familiare per un reato del genere? Molto piu` comodo schiacciare un cittadino qualunque. Fre l'altro, se certi politici non sono condannati per reati ben piu` grossi...
    • Matx scrive:
      Re: Cominciasse Don Sarko'
      - Scritto da: Guybrush
      Monsieur le president si rammenti che craccare la
      password di una rete wifi protetta con WAP2
      richiede 2 giorni e mezzo di lavoro di un
      Core2Duo che attacca a forza bruta usando uno dei
      programmi piu' diffusi del
      web.Ehm veramente WAP2 non esiste proprio, casomai esiste WEP che è craccabile in qualche minuto, ed invece WPA e WPA2 che se usate con una buona chiave non sono craccabili per niente! (sopratutto WPA2 con codifica AES)
      • XYZ scrive:
        Re: Cominciasse Don Sarko'
        - Scritto da: Matx
        - Scritto da: Guybrush

        Monsieur le president si rammenti che craccare
        la

        password di una rete wifi protetta con WAP2

        richiede 2 giorni e mezzo di lavoro di un

        Core2Duo che attacca a forza bruta usando uno
        dei

        programmi piu' diffusi del

        web.

        Ehm veramente WAP2 non esiste proprio, casomai
        esiste WEP che è craccabile in qualche minuto, ed
        invece WPA e WPA2 che se usate con una buona
        chiave non sono craccabili per niente!
        (sopratutto WPA2 con codifica
        AES)WPA2(AES)+PSKcon una buona password. E ciaociao Baby. :)
  • attackment scrive:
    p2p anonimo
    il p2p anonimo, la criptatura delle reti p2p è proprio quell che la stessa nca, l'america stessa, non vuole....http://forum.adunanza.net/showpost.php?p=831135&postcount=41
    • XYZ scrive:
      Re: p2p anonimo
      - Scritto da: attackment
      il p2p anonimo, la criptatura delle reti p2p è
      proprio quell che la stessa nca, l'america
      stessa, non
      vuole....

      http://forum.adunanza.net/showpost.php?p=831135&poPer non parlare del fatto che si recrimina l'uso di p2p criptato, per deprecare l'introduzione di forme di comunicazione criptate end2end.Il prossimo passo sarà iniziare a considerare "amorali" tutti i sistemi di network-stealthing (un esempio tra tutti TOR), per poi trattarli alla stessa maniera in cui si tratta il p2p. Naturale che per i governi occidentali, le cui controverse vicende sono molto suscettibili ad una distribuzione di massa dell'informazione libera (vedi vicende di wikileaks ad esempio) sono illuminanti in questa dinamica. Avere un sistema di distribuzione di informazioni (anche non di dominio pubblico, ma comunque di grande rilevanza) rapido e assolutamente incontrollabile è evidentemente malvisto da chi quelle informazioni le produce. Spero che questo problema sia sentito dalla maggior parte degli sviluppatori open-source, e spero vivamente che essi (come me), contribuiscano il prima possibile, ad eliminare il problema sul nascere :)
  • francososo scrive:
    ora ammesso che passasse.....
    ora ammesso che passasse e diventasse legge , mi chiedo : è costituzionale ?saranno poi cosi stupidi i francesi ?non credo !Buona fortuna francesi : ne avete molto bisogno !
    • pippo scrive:
      Re: ora ammesso che passasse.....

      ora ammesso che passasse e diventasse legge , mi
      chiedo : è costituzionale
      ?
      saranno poi cosi stupidi i francesi ?
      non credo !
      Buona fortuna francesi : ne avete molto bisogno !... Per continuare a scarica' aggratise :D
    • fred scrive:
      Re: ora ammesso che passasse.....
      il decollo del p2p anonimo e' garantito.
    • Valeren scrive:
      Re: ora ammesso che passasse.....
      - Scritto da: francososo
      ora ammesso che passasse e diventasse legge , mi
      chiedo : è costituzionale?Si, passerà.No, non è costituzionale.No, non gliene frega nulla: le lobbies stanno giocandosi il tutto per tutto.
      saranno poi cosi stupidi i francesi ?Dipende. Alle europee l'hanno premiato, quindi non penso che si opporranno così tanto.Certo, qualcuno in piazza, ma sono stati attirati su altri problemi (banlieu, terrorismo, Carla) e Sarko ha le mani molto in pasta con le major.Tristemente, stanno utilizzando gli stessi spauracchi e gli stessi sistemi in europa ed USA.Almeno in Cina sono diretti, ti dicono che ti censurano e ti bloccano e stop.
      • pippO scrive:
        Re: ora ammesso che passasse.....

        Tristemente, stanno utilizzando gli stessi
        spauracchi e gli stessi sistemi in europa ed
        USA.
        Almeno in Cina sono diretti, ti dicono che ti
        censurano e ti bloccano e
        stop.Beh un "firewall" di celerini è difficile da superare... :D
  • pippo scrive:
    Era ora
    Basta col tutto aggratise: tanto pago l'adsl e l'equo compenso!
    • BlueSky scrive:
      Re: Era ora
      - Scritto da: pippo
      Basta col tutto aggratise: tanto pago l'adsl e
      l'equo compenso!Ma perché pagare l'equo compenso se questo non ti da alcun diritto? Se dopo aver raddoppiato il prezzo dei cd io potessi almeno copiarci sopra dei cd audio... Ma non posso. Pago, anche se uso il cd per altro, ma non ottengo alcun beneficio. L'equità dove sarebbe? Lo stesso vale per tutti gli altri prodotti.
      • rolly scrive:
        Re: Era ora
        be l'equo compenso c'è...in fatti ce l'ha stanno mettendo in XXXX gratis
        • Fabio scrive:
          Re: Era ora
          - Scritto da: rolly
          be l'equo compenso c'è...in fatti ce l'ha stanno
          mettendo in XXXX
          gratisbwhahahahahahhahahahahahahahahahme la posso rivendere?
          • pippO scrive:
            Re: Era ora


            be l'equo compenso c'è...in fatti ce l'ha stanno

            mettendo in XXXX

            gratis

            bwhahahahahahhahahahahahahahahah

            me la posso rivendere?solo se paghi la siae ;)
          • Bumba Byl scrive:
            Re: Era ora
            Drogati meno!
Chiudi i commenti