Multa Telecom, deciderà il Consiglio di Stato

I provider non ci stanno e l'AIIP annuncia che, vista la sentenza del TAR, emergono contraddizioni che in realtà confermano le decisioni dell'Antitrust


Roma – No, i provider non ci stanno e non intendono accettare senza lottare la clamorosa sentenza del TAR del Lazio che, come noto, ha cancellato la megamulta inflitta a Telecom Italia dall’ Antitrust per abuso di posizione dominante sul mercato dell’accesso.

“AIIP – si legge in una nota diffusa dalla celebre associazione di provider – esaminata la sentenza del TAR che ha annullato la multa a Telecom Italia di 152 milioni di euro, ritiene vi siano alcune contraddizioni nelle motivazioni della stessa che confermano la correttezza dell’analisi dell’Autorità Antitrust sulle condotte abusive di posizione dominante di Telecom Italia”.

Nell’annunciare dunque il ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza, AIIP spiega che oltre alle contraddizioni il Consiglio potrà anche valutare “il mancato rispetto degli impegni assunti da Telecom Italia al fine di limitare l’entità della sanzione, impegni che come è noto sono stati in massima parte disattesi da Telecom Italia stessa”.

Secondo AIIP, infine, “il mancato rispetto dei predetti impegni costituisce un vincolo insormontabile all’innovazione da parte dei concorrenti di Telecom Italia limitando quindi la scelta di servizi innovativi da parte degli utenti”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Far partire il wi-fi intanto...
    Non sarebbe male.La tecnologia è già in sperimentazione da due anni, liberalizzare quello sarebbe un bel passo avanti, anche per far crescere il PIL.
    • Anonimo scrive:
      Re: Far partire il wi-fi intanto...
      ma figuriamoci. il giorno in cui si renderanno conto che dovrebbero usare mezzi quali investire sulle nuove tecnologie e sulla ricerca, verrà giù il diluvio universale.Intanto teniamoci le nostre belle infrastrutture statali con computer anni 80 e con database inesistenti (ovviamente, qui in Italia, la ricerca di documenti non avviene mica tramite ricerche in database, bensì a mano e a rilento).Ma questo è solo uno dei tanti aspetti in cui il nostro Paese "industrializzato" è ai primi posti, nella classifica di arretratezza.
  • Anonimo scrive:
    ALLA FACCIA DEL DIGITAL DIVIDE
    Ci stanno mettendo una vita a far partire sta benedetta sperimentazione e. . . avete letto le località dove, almeno per ora, verrà sperimentato il Wimax?Sono tutte zone già stracoperte dall'adsl !!!tutto questo non ha senso, appunto in barba al tanto deprecato digital divide.Signori miei, se abitate in uno sperduto pesino di montagna o in uma zona depressa arrangiatevi!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: ALLA FACCIA DEL DIGITAL DIVIDE
      era scontato facessero così... noi intanto, col 56k non possiamo far altro che portare pazienza, cercando di non farci prendere da strani pensieri.Quello che aspetto è di vedere, a sperimentazione finita, dove andranno a portare il wimax.Se andranno a coprire le zone già coperte, beh, allora sono proprio delle t**te di ca**o.
      • Anonimo scrive:
        Re: ALLA FACCIA DEL DIGITAL DIVIDE
        Per me invece è una manna: Io abito in una zona teoricamente coperta dall' ADSL, ma ho ahimè la sventura di essere dietro ad una centrale telefonica di tipo MUX che impedisce di fatto l' attivazione dell'ADSL. Mamma Telecom ,poverina, non può permettersi di levare quelo cesso di centralina, sai deve pagare le vacanze ad Afef e stupidaggini varie. Il giorno che arriverà il WI-Max potrò avere la soddisfazione di mandare a quel paese questa nostra cara (in tutti i sensi!!) Tecozz e la sua POLITICA COMMERCIALE DI M..............
    • Anonimo scrive:
      Re: ALLA FACCIA DEL DIGITAL DIVIDE
      bravo...e come si dovrebbe arrangiare questa gente?? il classico ignorante...non ne lsenso ke ignora...
      • Anonimo scrive:
        Re: ALLA FACCIA DEL DIGITAL DIVIDE
        - Scritto da: Anonimo
        bravo...e come si dovrebbe arrangiare questa
        gente?? il classico ignorante...non ne lsenso ke
        ignora...l'ironia, questa sconosciuta...
  • oscarfc scrive:
    Toni eccessivamente ottimistici
    Mi sembra che l'articolo sia quasi entusiasta, riguardo il WIMAX.Non ho grandi conoscenze al riguardo, ma mi chiedo quanti utenti é in grado di servire contemporaneamente un apparato WIMAX? E quanta banda effettiva è in grado di dare ad ogni utente?In Italia 50 Km di raggio sono tanti, ritrovarsi con più di 1000 utenti in una area così vasta, non è un eccezione ma la regola.Ciao Oscar
  • Anonimo scrive:
    e a sicurezza come siamo messi?
    ho letto che tutte le comunicazioni wirelless possono essere craccate, apartire dal wi-fi ,col wimax che sicurezza abbiamo?insomma per giocarci va bene il Wimax ma per fare home banking o cose serie non so mica..
    • DarkDirtyDwarf scrive:
      Re: e a sicurezza come siamo messi?
      Per l'home banking con il sistema di protezione a doppia chiave anche se ti intercettano che ti importa? Basta che stai attento a non trovarti con un keylogger/trojan sul terminale che usi (cosa che ti puo' succere anche usando ADLS o la 56k).
    • Anonimo scrive:
      Re: e a sicurezza come siamo messi?
      - Scritto da: Anonimo
      ho letto che tutte le comunicazioni wirelless
      possono essere craccate, apartire dal wi-fi ,
      col wimax che sicurezza abbiamo?
      insomma per giocarci va bene il Wimax ma per fare
      home banking o cose serie non so mica..Attenzione ad affiancare Wi-Fi e WiMAX; sono due cose ben distinte ! Al di la che sono "wireless" (senza filo il Wi-Fi e senza cavi il WiMAX) queste tecnologie condividono poco o nulla.Per maggiori info dai una letta a questo interessante (e tecnico) articolo in merito: http://www.spectrum.ieee.org/WEBONLY/resource/mar04/0304ncom.html
  • Anonimo scrive:
    Con barlusconi
    Con quel nano bastardo che abbiamo noi, non si farà mai nessuna innovazione e non ci saranno mai cambiamenti per l'ITALIA che ricordo essere una Nazione e non un paese tipo cologno monzese, il paese della merda!
  • Anonimo scrive:
    Proibirranno il voip
    Non posso credere che il domino degli operatori di telefonia mobile sia sul punto di finire, il ministero proibirra lo sfruttamento del wimax per la telefonia almeno per diversi anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Proibirranno il voip
      A parte il fatto che quanto scritto tocca marginalmente il VoIP, o per meglio dire lo tocca tanto quanto la banda larga in generale (ADSL) inclusa; ad ogni modo il VoIP (via operatore telefonico "virtuale") non e' il futuro, pagare un operatore anziche' un altro e' solo un palliativo, risparmierai all'inizio e poi ritornera' il cartello, lo sposteranno solo da un'altra parte (perche' i piu' forti mangeranno sempre i piu' deboli anche in un mercato apparentemente "aperto").Il vero futuro e' nel sapersi "organizzare", ovvero utilizzare soluzioni alternative e totalmente gratuite eliminando definitivamente l'intermediario (l'operatore telefonico): io e te siamo connessi in rete, chiami direttamente me PUNTO (hai un IP no? Perche' pagare altri?), senza pagare fornitori che di fatto non fanno nulla che trasportare qualcosa che e' gia' trasportato (e pagato, con l'abbonamento internet): i dati.Come potrebbero impedire una cosa del genere? Non potrebbero, nemmeno rilasciando sw a pagamento, ci sara' sempre qualcuno che creera' un sw completamente gratuito per una normale audio/video-conferenza.Quindi il futuro (quello "buono") non e' nel far espandere il VoIP commerciale, quanto piuttosto nel dare la possibilita' a chiunque di poter disporre di banda larga mobile... se ho il mio bel palmare o smartphone wifi/wimax, di telecom, tim, infostrada, squillo, vattellapesca me ne frego altamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Proibirranno il voip
        Certo, con voip mi riferivo in generale alla "voice over ip", non alle offerte commericiali.
      • Anonimo scrive:
        Re: Proibirranno il voip
        ma allora scenderebbe il PIL :-|
        • Anonimo scrive:
          Re: Proibirranno il voip
          - Scritto da: Anonimo
          ma allora scenderebbe il PIL :-|scusa ma la cosa è impossibile, .... a meno di non scavare una buca più profonda di quella già esistente.....:-(
        • Anonimo scrive:
          Re: Proibirranno il voip
          - Scritto da: Anonimo
          ma allora scenderebbe il PIL :-|è colpa delle vacanze pasquali
      • Anonimo scrive:
        Re: Proibirranno il voip
        - Scritto da: Anonimo
        A parte il fatto che quanto scritto tocca
        marginalmente il VoIP, o per meglio dire lo tocca
        tanto quanto la banda larga in generale (ADSL)
        inclusa; ad ogni modo il VoIP (via operatore
        telefonico "virtuale") non e' il futuro, pagare
        un operatore anziche' un altro e' solo un
        palliativo, risparmierai all'inizio e poi
        ritornera' il cartello, lo sposteranno solo da
        un'altra parte (perche' i piu' forti mangeranno
        sempre i piu' deboli anche in un mercato
        apparentemente "aperto").
        Il vero futuro e' nel sapersi "organizzare",
        ovvero utilizzare soluzioni alternative e
        totalmente gratuite eliminando definitivamente
        l'intermediario (l'operatore telefonico): io e te
        siamo connessi in rete, chiami direttamente me
        PUNTO (hai un IP no? Perche' pagare altri?),
        senza pagare fornitori che di fatto non fanno
        nulla che trasportare qualcosa che e' gia'
        trasportato (e pagato, con l'abbonamento
        internet): i dati.
        Come potrebbero impedire una cosa del genere? Non
        potrebbero, nemmeno rilasciando sw a pagamento,
        ci sara' sempre qualcuno che creera' un sw
        completamente gratuito per una normale
        audio/video-conferenza.
        Quindi il futuro (quello "buono") non e' nel far
        espandere il VoIP commerciale, quanto piuttosto
        nel dare la possibilita' a chiunque di poter
        disporre di banda larga mobile... se ho il mio
        bel palmare o smartphone wifi/wimax, di telecom,
        tim, infostrada, squillo, vattellapesca me ne
        frego altamente.Faranno in modo tale che tu non possa chiamare direttamente un IP se non "autorizzato" dal tuo provider.Un po' come Fastweb.Se voglio si può fare. Altro es., wi-fi vietato in pratica ai privati.Ciao.
        • Anonimo scrive:
          Re: Proibirranno il voip
          - Scritto da: Anonimo
          parli per caso del fatto che fw natti?
          no perché se è così ti consiglio di informarti
          meglio prima di sparare a zero...Veramente io non stavo sparando a zero.Tu mi dici che con Fastweb non ci sono limitazioni?Spiegami la differenza tra il privato e l'azienda e perchè l'azienda debba pagare un mucchio di soldi in più.Grazie.Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: Proibirranno il voip
        - Scritto da: Anonimo
        Come potrebbero impedire una cosa del genere? Non
        potrebbero, nemmeno rilasciando sw a pagamento,
        ci sara' sempre qualcuno che creera' un sw
        completamente gratuito per una normale
        audio/video-conferenza.Tu sottovaluti la "fantasia normativa" dei nostri governanti... :(Autorizzeranno/Obbligheranno gli ISP a bloccare i protocolli VoIP "non registrati/non autorizzati" :'-(.
    • Anonimo scrive:
      Re: Proibirranno il voip
      In campagna elettorale? Con i dati economici che sono appena stati pubblicati? Con quello che rischia Berlusconi in caso di sconfitta? Non credo proprio. A me sembra un tentativo disperato di dare al popolo qualche motivo per rivotare questo governo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Proibirranno il voip
        - Scritto da: Anonimo
        In campagna elettorale? Con i dati economici che
        sono appena stati pubblicati? Con quello che
        rischia Berlusconi in caso di sconfitta? Non
        credo proprio.

        A me sembra un tentativo disperato di dare al
        popolo qualche motivo per rivotare questo
        governo.Perché secondo te il Berlusca sa cos'è il VoIP e gliene importa qualcosa? 8)
        • Anonimo scrive:
          Re: Proibirranno il voip
          - Scritto da: Anonimo
          Perché secondo te il Berlusca sa cos'è il VoIP e
          gliene importa qualcosa? 8)Di sicuro gli importerebbe nel momento in cui facesse affari in quel settore e cio' gli portasse utili...Di sicuro!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Proibirranno il voip
          - Scritto da: Anonimo
          Perché secondo te il Berlusca sa cos'è il VoIP e
          gliene importa qualcosa? 8)Il "Tronchetto dell'Infelicità" sa benissimo cos'è il VoIP e gliene frega anche parecchio: di conseguenza lo sa anche l'Unto del Signore suo degno compagno di merende. Altrimenti perchè quel tipo sveglio di Gasparri ha osteggiato fino adessso il WiMax con la scusa che quelle erano frequenze militari? Adesso l'amico G. ha liberato le frequenze necessarie al WiMax per la sperimentazione: bisogna vedere se gli operatori che vorranno entrare in affari dovranno chiedere la concessione al ministero competente o alla Telecom (che con apposita legge gli verrà delegata tale responsabilità):(
Chiudi i commenti