Multimedia, 25mila euro per i giovani

Un concorso nazionale sostenuto da numerosi enti stimola la partecipazione di under39 per acchiappare i ricchi premi e acquisire notorietà. Al centro le opere multimediali


Bologna – Un montepremi costituito da 25mila euro dovrebbe attirare verso il concorso indetto da Palinsesto Italia tutti coloro che sono oggi impegnati in progetti per l’editoria multimediale e multipiattaforma . Scopo del concorso, infatti, è offrire risorse economiche e visibilità alle menti italiane più brillanti.

Per partecipare al concorso, che al primo classificato offrirà una borsa di 15mila euro , mentre il rimanente sarà suddiviso in premi da 2.500 euro l’uno, è necessario non aver ancora compiuto 40 anni e inviare il proprio progetto all’organizzazione entro il prossimo 5 novembre. L’11 dicembre si terranno le premiazioni.

Che il concorso sia una cosa più che seria lo dimostra il fatto che “Palinsesto Italia” è promosso da un imponente schieramento di enti e organizzazioni pubbliche e private: Legacoop Bologna, Camera di Commercio di Bologna, Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna, Bologna Fiere spa, Università degli Studi di Bologna, Cineteca del Comune di Bologna, Comune di Bologna, Provincia di Bologna, Regione Emilia Romagna – Assessorato alle Attività Produttive, Ascom Bologna.

“Palinsesto Italia – si legge in una nota – si pone due obiettivi: creare un supporto di promozione e un incentivo per le nuove generazioni impegnate nella ricerca e nello sviluppo di produzioni originali e valorizzare la vocazione al multimediale del territorio bolognese, diventando uno strumento di marketing del territorio anche in Europa”.

Ulteriori informazioni, compreso il testo del bando, possono essere scaricati dal sito palinsestoitalia.it .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    Bhe' se qualcuno si stava chiedendo di chi e' Saturno sappiate che e' mio, anche alpha centauri è mia, quindi vedete di smetterla con tutte queste sonde che mi inviate che mi sto proprio stancando, minimo mi dovete pagare le royalrty... anzi ora che ci penso meglio che corro subito a brevettare gli anelli
  • Terra2 scrive:
    Nemmeno Valentino Rossi vince sempre :)
    Diciamo che, dal lasciar campo aperto alla microsoft, così come succedeva anche solo 4/5 anni fa, al "non vincere sempre", mi sembra che si siano fatti OTTIMI passi avanti...(apple)
  • Alessandrox scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    - Scritto da: Anonimo

    In fondo e' quello che penso anche io ma

    siccome credo che casi come questi siano

    abbastanza diffusi, vorrebbe dire che
    non

    gli ne frega nulla di perdere molti

    potenziali clienti.

    Vedremo, secondo me il loro Java Desktop

    System, stando cosi' le cose, fara' poca

    strada.

    Ma posso anche sbagliarmi.
    Mi sembra che facendo certe scelte sono loro
    a
    scegliersi una certa tipologia di clienti.
    Se poi si
    sbagliano sono loro a rimetterci. Non vedo il
    problemaUna certa tipologia? Non si evince quale...Che il problema sia loro e' vero.
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
  • Mechano scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi è veramente di parte?
    - Scritto da: Anonimo

    Oggi si incomincia a parlare di sw libero al
    di fuori della ristretta cerchia degli
    addetti ai lavori, e i risultati si vedono:
    valori assoluti di utilizzo che raddoppiano
    ogni sei mesi (trovassi il benedetto link!).
    Vai a vedere le percentuali relative ai
    server: qualcosa vorrà dire, no?

    ciao
    fbSui server ti do ragione. Sul fatto che raddoppino gli utenti Linux & c. ogni 6 mesi ho seri dubbi. Dalle statistiche degli accessi dei siti che gestisco (che parlano di argomenti diversi) mi risulta che gli utenti che accedono a quei siti con Linux siano circa lo 0,6%, e 2 anni fa erano lo 0,5%.Anche le statistiche di Google dicono più o meno la stessa cosa. Purtroppo anche io non ritrovo il link.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi è veramente di parte?
    - Scritto da: Anonimo
    Tutte le volte che qualcuno esprime opinioni
    diverse dalle vostre lo accusate di essere
    di parte e/o di essere sul libro paga
    Microsoft, o di aver intascato bustarelle.

    Se consideriamo che almeno il 98% degli
    utenti non la pensa come voi, e continua ad
    usare software closed, possiamo concludere
    che, secondo voi, solo il 2% degli utenti
    è bravo, è sveglio, è
    intelligente, è furbo, non si lascia
    fregare, ecc, ecc... tutti gli altri non
    capiscono nulla, sono "utonti", idioti,
    ignoranti, disinformati, stipendiati da
    Microsoft, ecc, ecc..

    Chi è veramente di parte? il 2% o il
    98%?Lo sai che miliardi di mosche mangiano merda ? Si ? Bene... buon appetito...Comunque il 98% di quel 98% non è che non la pensi come noi. E' che non la pensa e basta. Semplicemente va in un ipermercato e compra il primo PC che trova. Il quale ovviamente ha sopra l'unico (per lui) sistema operativo esistente.
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale

    Senti ma se Winzozz ti brucia la rede
    aziendale a chi denunci la Micro$oft?
    Come fai a denunicare un'azienda per i danni
    provocati dal suo software, se prima di
    aprire il CD e la licenza d'uso di quel
    software hai automaticamente acconsentito
    all'esonero da qualsiasi responsabilita' per
    i danni causati da questo software?

    Anzi no con i nuovi Winzozz XP e 2000 c'e'
    un risarcimento per i danni causati da
    Winzozz, e' di $5. La tua rete aziendale per
    Micro$ozz vale $5.

    Non era meglio restare nel paese dei
    balocchi?

    --
    Saluti.
    Mr. Mechanoma parlare senza un winzozz ogni tre parole è difficile?
  • Anonimo scrive:
    Re: Non solo nella P.A. Linux non vince
    - Scritto da: Anonimo
    boh... sarà, ma io l'ho visto solo un
    paio di volte perchè ho avuto la
    curiosità di installarlo

    c'ho perso un paio d'ore ad installare la
    suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
    mi sono messo a ridere...Adesso cosa usi, XBox o PS/2?Io vengo da una settimana passata a ripulire macchine XP dai vari Blaster, Sasser, e compagnia bella. Perchè sicuramente la colpa è dell'utente che non ha applicato le patch a ora e tempo (ovviamente solo gli smanettoni hanno l'abitudine di leggere i forum sulla sicurezza, di tenere aggiornati gli antivirus, di usare i firewall,... )L'utente Win notoriamente invece ha altro da fare. Lui il computer lo usa per LAVORARE. Impressionante il numero di scuse che mi vengono propinate quotidianamente per giustificare l'interminabile sfilza di siti porno che trovo nelle cache dei pc. Alle volte ho l'impressione che l'utente medio (di cui ho esperienza io, ovviamente) sia un incrocio tra un orango adolescente e un bradipo cerebroleso. Va, torno al lavoro,un paio di portatili che casualmente si resettano dopo aver mostrato una finestrella che parla di un qualcosa che ha a che fare con uno strano servizio mi aspettano...ciaofb(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Nei paesi poveri
    - Scritto da: Anonimo
    E comunque non la penso come te, la politica
    ha smesso di essere una cosa bella da molto
    tempo.Non sono d'accordo. Politica è qualsiasi scelta noi facciamo, all'estremo anche la mancanza di scelta.Penso che chi intende la politica come l'appartenenza ad un partito svilisca molto tutto quello che di squisitamente politico c'è nel volontariato, nell'associazionismo, nella partecipazione ai movimenti. La crisi del sistema dei partiti tradizionali nasce anche dal non aver saputo comprendere questa voglia di partecipazione o dall'aver cercato di inglobare queste dinamiche.La politica è una cosa bella, mi permette di comunicare e condividere con chi ha esperienze e aspettative diverse dalle mie. Dall'incontro delle idee nascono le cose, non dalla naftalina delle ideologie.ciaofb
  • Anonimo scrive:
    Re: Non solo nella P.A. Linux non vince
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    voi dove lo trovate Linux?

    In questa pagina:

    punto-informatico.it/p.asp?i=49492

    ... e nelle scuderie di Maranello, e...



    (apple)

    boh... sarà, ma io l'ho visto solo un
    paio di volte perchè ho avuto la
    curiosità di installarlo
    allora sei un l'espertone...
    c'ho perso un paio d'ore ad installare la
    suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
    mi sono messo a ridere...sapessi le risate che mi faccio io ad usare win qualche volta...
  • Mechano scrive:
    Re: E' piu' una questione culturale
  • Anonimo scrive:
    Re: vincere o perdere ?

    In fondo e' quello che penso anche io ma
    siccome credo che casi come questi siano
    abbastanza diffusi, vorrebbe dire che non
    gli ne frega nulla di perdere molti
    potenziali clienti.
    Vedremo, secondo me il loro Java Desktop
    System, stando cosi' le cose, fara' poca
    strada.
    Ma posso anche sbagliarmi.Mi sembra che facendo certe scelte sono loro ascegliersi una certa tipologia di clienti. Se poi si sbagliano sono loro a rimetterci. Non vedo ilproblema
  • Trin scrive:
    Re: Non solo nella P.A. Linux non vince
    - Scritto da: Anonimo


    c'ho perso un paio d'ore ad installare la
    suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
    mi sono messo a ridere...Tanti anni fa?Perchè ti hanno fatto ridere?
  • Anonimo scrive:
    Re: E' piu' una questione culturale
  • Anonimo scrive:
    Chi è veramente di parte?
    Tutte le volte che qualcuno esprime opinioni diverse dalle vostre lo accusate di essere di parte e/o di essere sul libro paga Microsoft, o di aver intascato bustarelle.Se consideriamo che almeno il 98% degli utenti non la pensa come voi, e continua ad usare software closed, possiamo concludere che, secondo voi, solo il 2% degli utenti è bravo, è sveglio, è intelligente, è furbo, non si lascia fregare, ecc, ecc... tutti gli altri non capiscono nulla, sono "utonti", idioti, ignoranti, disinformati, stipendiati da Microsoft, ecc, ecc..Chi è veramente di parte? il 2% o il 98%?
  • staicalmo scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    cioè vorresti farmi credere che infinite società e altrettanti progetti legati alla scelta di un linguaggio come Java, siano nelle mani di un paio di bottegai pieni di soldi invece che controllati da commissioni pubbliche se non dai governi di tutto il mondo occidentale?non posso crederci....:|:|:|
  • Anonimo scrive:
    Re: Non solo nella P.A. Linux non vince
    - Scritto da: Anonimo

    voi dove lo trovate Linux?
    In questa pagina:
    punto-informatico.it/p.asp?i=49492
    ... e nelle scuderie di Maranello, e...

    (apple)boh... sarà, ma io l'ho visto solo un paio di volte perchè ho avuto la curiosità di installarloc'ho perso un paio d'ore ad installare la suse di qualche anno fa e una mandrake e poi mi sono messo a ridere...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non solo nella P.A. Linux non vince

      c'ho perso un paio d'ore ad installare la
      suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
      mi sono messo a ridere...Parecchi anni fa: mandrake e fedora ci mettono massimo 20 min. O sono io un hacker e non lo sapevo.Ma forse sono un hacker e non lo so: il mio mandrake ha riconosciuto il modem asdl usb in 30 secondi e non mi ha chiesto driver,,,(apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non solo nella P.A. Linux non vince
      - Scritto da: Anonimo
      ...
      c'ho perso un paio d'ore ad installare la
      suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
      mi sono messo a ridere...Pensa invece che io mi metto a piangere tutte le volte che devo perdere un paio di giorni a (re)installare Windows....
  • Anonimo scrive:
    Re: Non solo nella P.A. Linux non vince

    voi dove lo trovate Linux?In questa pagina:http://punto-informatico.it/p.asp?i=49492... e nelle scuderie di Maranello, e...(apple)
  • Anonimo scrive:
    Non solo nella P.A. Linux non vince
    Sarebbe stato più corretto scrivere che Linux non sempre vince. (punto). Anzi, che non vince quasi mai, eccetto nel settore server, in casa di qualche smanettone e nelle università (e tutti sappiamo quale sia la corrispondendenza tra ciò che si fa a scuola e ciò che si fa nel mondo del lavoro), voi dove lo trovate Linux?
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...
    - Scritto da: Mechano
    La fortuna di M$ nel mondo commerciale e
    delle PA e' stata la tolleranza della
    pirateria casalinga.
    Saluti.
    Mr. MechanoTolleranza? E cosa dovrebbero fare Microsoft e Adobe? Andare casa per casa a cercare le copie piratate di Office e di Photoshop?
  • fancu scrive:
    Non rispondete, dipendente microsoft
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale

    la luna è in comune a tutti i governi
    e un giorno forse verrà data in
    appalto...Quindi appartiene a tutti i governi, e appartenendo a titti non appartiene a nesuno secondo i tuoi ragionamenti.Un'appalto non ne rivendica la proprietà.La Red Hat ad esempio potrebbe essere, alla larga, "una ditta appaltatrice" linux.
    i mari sono dei governi e concessi (entro i
    limiti) a uso commerciale per i pescatoriGoverno, quindi di tutti...Il governo gestisce, non possiede, noi tutti possediamo perché siamo nati qui in Italia.
    ti sei mai chiesto perchè paghi le
    imposte?Perché essendo italiano devo contribuire a gestire il MIO paese.Ti sei mai chiesto perché vai a votare?
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...
  • Mechano scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Mechano





    I vari software GPL che compongono gli
    altri

    componenti sono sviluppati da aziende o

    anche privati che li hanno rilasciati
    liberi

    e spesso gratuiti.



    ok, ma se uno di questi programmi gratis e
    liberi di cui tu parli dovesse danneggiare
    seriamente una rete aziendale, chi si
    potrebbe denunciare ??? "ESCLUSIONE DI ALTRE GARANZIE. - Il Produttore non riconosce alcuna altra garanzia, espressa o implicita, comprese, tra le altre, la garanzia di commerciabilità ed idoneità per un fine particolare, relativamente al SOFTWARE, al materiale scritto di accompagnamento ed ad ogni hardware annesso.ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ PER DANNI INDIRETTI. - In nessun caso il Produttore o i suoi fornitori saranno responsabili per i danni (inclusi, senza limitazioni, il danno all'integrità fisica nonchè il danno per perdita o mancato guadagno, interruzione dell'attività, perdita di informazioni o altre perdite economiche) derivanti dall'uso di questo prodotto, anche nel caso che il Produttore sia stato avvertito della possibilità di tali danni. In ogni caso, la responsabilità del Produttore e dei suoi fornitori ai sensi del presente contratto sarà limitata ad un importo corrispondente a quello effettivamente pagato per il software e/o per l'hardware Microsoft."Questa non è la GPL. Questa è l'EULA Microsoft....
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma che razza di ricerca sarebbe?
    - Scritto da: Anonimo
    Io un'ipotesi ce l'avrei, dedotta da
    un'esperienza vissuta in prima persona:
    alcune settimane spese a presentare un
    progetto di informatizzazione di una
    struttura pubblica usando Linux e sw open
    source, grande entusiasmo dei committentiho delle idee in testa mi contatti???cristiano.valenti [presso] [un noto gestore sardo].it
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
  • Mechano scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Anonimo
    la luna è in comune a tutti i governi
    e un giorno forse verrà data in
    appalto...E da chi verra' data in appalto, da chi c'e' arrivato per primo? Ehehehh vorrei essere ancora vivo per ridere il giorno in cui si atterrera' nell'ipotetico punto di atterraggio dell'Apollo 1. Eheheheh
    i mari sono dei governi e concessi (entro i
    limiti) a uso commerciale per i pescatoriChe io sappia nessuno mi vieta di comprare una barchetta e una rete e pescare, salvo in luoghi e periodi vietati per motivi ecologici e di riproduzione.
    ti sei mai chiesto perchè paghi le
    imposte?Forse solo per i servizi e la cura del territorio? Nessuno mi vieta di percorrere strade statali, spiagge, coste e boschi demaniali.--Saluti. Mr. Mechano
  • Mechano scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Anonimo
    come vedi l'open source non sta in piedi,
    è tutta fuffa senza ordine, nome e
    cognome. Roba per i paesi dei balocchi...Senti ma se Winzozz ti brucia la rede aziendale a chi denunci la Micro$oft?Come fai a denunicare un'azienda per i danni provocati dal suo software, se prima di aprire il CD e la licenza d'uso di quel software hai automaticamente acconsentito all'esonero da qualsiasi responsabilita' per i danni causati da questo software?Anzi no con i nuovi Winzozz XP e 2000 c'e' un risarcimento per i danni causati da Winzozz, e' di $5. La tua rete aziendale per Micro$ozz vale $5.Non era meglio restare nel paese dei balocchi?--Saluti. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Anonimo

    allora dimmi un po'... chi è il

    proprietario di "Linux" o il diretto

    responsabile... ???



    Voglio nomi chiari di persone e di
    aziende!

    La luna é piena di materie prime e
    metalli.
    Purtroppo, secondo il tuo ragionamento non
    potremo estrarle neppure quando ne avremo i
    mezzi adatti perché la luna non ha un
    proprietario, é di tutti quindi di
    nessuno.la luna è in comune a tutti i governi e un giorno forse verrà data in appalto...

    E i pesci del mare a chi appartengono?
    Pescarli é danneggiare le aziende che
    li allevano in vasche? I pesci del mare non
    sono di nessuno...i mari sono dei governi e concessi (entro i limiti) a uso commerciale per i pescatori
    E l'Italia ha un proprietario o é di
    tutti?ti sei mai chiesto perchè paghi le imposte?
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Mechano


    I vari software GPL che compongono gli altri
    componenti sono sviluppati da aziende o
    anche privati che li hanno rilasciati liberi
    e spesso gratuiti.
    ok, ma se uno di questi programmi gratis e liberi di cui tu parli dovesse danneggiare seriamente una rete aziendale, chi si potrebbe denunciare ???come vedi l'open source non sta in piedi, è tutta fuffa senza ordine, nome e cognome. Roba per i paesi dei balocchi...
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale

    allora dimmi un po'... chi è il
    proprietario di "Linux" o il diretto
    responsabile... ???

    Voglio nomi chiari di persone e di aziende!La luna é piena di materie prime e metalli.Purtroppo, secondo il tuo ragionamento non potremo estrarle neppure quando ne avremo i mezzi adatti perché la luna non ha un proprietario, é di tutti quindi di nessuno.E i pesci del mare a chi appartengono? Pescarli é danneggiare le aziende che li allevano in vasche? I pesci del mare non sono di nessuno...E l'Italia ha un proprietario o é di tutti?
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Anonimo....
    a si??

    allora dimmi un po'... chi è il
    proprietario di "Linux" o il diretto
    responsabile... ???

    Voglio nomi chiari di persone e di aziende!"Linux is a Registered Trademark of Linus Torvalds."http://www.kernel.org/Per quanto riguarda la proprietà del codice, ti scarichi i sorgenti e sei libero di verificare file per file.
  • Mechano scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Anonimo
    allora dimmi un po'... chi è il
    proprietario di "Linux" o il diretto
    responsabile... ???

    Voglio nomi chiari di persone e di aziende!Del kernel il responsabile e' l'OSDL l'OpenSource Development Laboratory, con in testa Linus Torvalds e quell'altro che ha sostituito Daniel Cox. Ma il laboratorio e' fnanziato (stipendi dei programmatori, macchine e locali) sia da donazioni pubbliche di privati ed enti non governativi che da aziende dell'IT come IBM, HP, Dell ecc.I vari software GPL che compongono gli altri componenti sono sviluppati da aziende o anche privati che li hanno rilasciati liberi e spesso gratuiti.Ma quelle che sono le distribuzioni cioe' l'insieme di Kernel+ programmi GPL di contorno possono essere messi insieme sia da aziende tradizionali che da enti senza scopo di lucro che da un pinco pallino qualsiasi che volesse farsi la propria distribuzione.Nell'opensource puo' esserci il gratis, il a pagamento, e il libero che ha un significato che te difficilmente potrai comprendere.--Saluti. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: mahhh

    Ma, so anche dell'esatto contrario, gente
    che ha proposto Linux e a cui e' stato riso
    in faccia proprio da esperti IT della pa.Mica deve essere sostituito del tutto Microsoft, a volte potrebbero mancare programmi o qualcosa del genere.
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Ergo, il software gratis e di nessuno
    (open

    source) non dovrebbe essere accettato
    da uno

    stato democratico...


    "gratis e di nessuno"...


    Complimenti.

    2 cazzate in un colpo solo.a si??allora dimmi un po'... chi è il proprietario di "Linux" o il diretto responsabile... ???Voglio nomi chiari di persone e di aziende!
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Anonimo
    Ergo, il software gratis e di nessuno (open
    source) non dovrebbe essere accettato da uno
    stato democratico..."La PA garantisce la concorrenza leale"Ergo dovrebbe sanzionare le aziende monopolistiche che spezzano le gambe ai concorrenti, come é successo con IE e Netscape.Approposito, l'open source non é sempre software gratis (neppure il proprietario é sempre a pagamento) e al massimo é di tutti, non di nessuno.E nessuno lo impone come fanno altri, per parlare di concorrenza leale.
  • Mechano scrive:
    Re: Solito studio di parte...
    - Scritto da: Anonimo
    Il confronto non può reggere tra
    closed-WC e Open Source.
    L' Open Source vinc x forza .......e non x
    una mra ragione di costi inferiori, ma x ben
    altro; sicurezza in primis,
    esportabilità in secundis,Si si lo sappiamo tutti perche' l'opensource e' meglio.Lo sanno anche i sassi compresi i dirigenti delle PA. Non fosse che i criteri di scelta di software e soluzioni sono ben altri.La diffusione dell'opesnource nelle PA deve partire dalle nostre case.Se si diffondesse tantissimo in casa e tra i figli studenti l'opensource presso i luoghi di lavoro ci sarebbe difficolta' ad acquistare prodotti commerciali.La fortuna di M$ nel mondo commerciale e delle PA e' stata la tolleranza della pirateria casalinga. La pirateria fa male soprattutto all'opensource. Perche' se pirati software commerciali non ricorrerai mai al mondo opensource.E la lotta alla pirateria e' fasulla in tutti i paesi del mondo, o comunuqe e' una lotta mirata.Dimmi si e' mai sentito di qualche privato o studente denunciato perche' usava solo software pirata? Forse ora se ne parla riferito ad MP3 e musica varia.E si guarderebbero bene sia i mass media che l'industria del software a fare terrorismo attorno alla pirateria hobbistica.E' piu' frequente sentire di aziende di duplicazione e diffusione di programmi pirata, ma mai di utenti anche grossi. E si colpiscono solo le aziende e solo le piu' grandi o con fatturati medio-elevati.Se mai si mettesse paura agli utenti comuni col pericolo di denunce ecc. Questi inizierebbero a installare Linux, OpenOffice e Gimp.Imparerebbero ad usarli con soddisfazione, ne parlerebbero e li vorrebbro al lavoro e cosi' si diffonderebbero anche nelle PA.Sono quelli i motivi di tante regalie di M$ a studenti, famiglie, insegnanti e la tolleranza della pirateria hobbistica.--Saluti. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: La PA garantire la concorrenza leale
    - Scritto da: Anonimo
    Ergo, il software gratis e di nessuno (open
    source) non dovrebbe essere accettato da uno
    stato democratico..."gratis e di nessuno"...Complimenti.2 cazzate in un colpo solo.
  • Anonimo scrive:
    La PA garantire la concorrenza leale
    Ergo, il software gratis e di nessuno (open source) non dovrebbe essere accettato da uno stato democratico...
  • Mechano scrive:
    Re: Ma che razza di ricerca sarebbe?
    - Scritto da: Anonimo
    Non ho capito bene il target di questa
    ricerca, visto che alla fine tra le
    conclusioni c'e` quella che "il sw libero
    non minaccia quello proprietario, in
    particolare M$" ... mi pare una cosa gia`
    bacata in partenza, ma forse e`
    un'impressione mia.Mi trovo daccordo.Una ricerca inutile di quelle che appaiono ormai periodicamente per rammentare a tutti quanti si fossero fatti distrarre dall'avanzata dell'opensource, che questo non e' la panacea di tutti i mali e che in fin dei conti il closed costa meno. Questo almeno nelle intenzioni di chi promuove e divulga periodicamente di queste ricerche...Non mi stupirei se si indagasse su chi sotto sotto ha mosso e finanziato questo genere di ricerche e si trovassero i soliti nomi noti del closed.Riguardo all'Italia pero' per fortuna non e' tutta uguale. E cosi' come si litiga tra rossi e berlusconiani o se la pasta e' meglio al pomodoro o con la panna, nelle PA ci sono anche situazioni in cui si provano soluzioni opensource si trovano valide e poi il passa parola inizia a girare almeno a livello regionale e poi pian pianino passa alle regioni vicine. E cosi' si e' cominciato dai primi serverini di servizi con Linux, fino poi a comprare sempre meno licenze MSOffice sostituendolo con StarOffice od OpenOffice.Ma una cosa che aiutera' l'opensource sara' inizialmente sempre e soltanto il costo di acquisto.A mungere la vacca di continuo prima o poi finisce sia il latte che il sangue. Quindi i vari Oracle, IBM e M$ ne hanno di fare proclami e finanziare ricerche' se non c'e' soldi rimane solo il baratto, 2 licenze Office per il dente d'oro di un uscere va bene? :-)E le varie finanziarie hanno previsto e continueranno a prevedere tagli di fondi, alla faccia dei 60milioni di euro per le spese di IT tanto sbandierati dai vari ministeri. Per i quali tra l'altro se fossero veri farebbe rabbia anche a me che finissero nelle mani delle solite 4 multinazionali americane.Per quanto possano scontare i loro prodotti, chiudere i formati e proteggere con i brevetti hai poco da vendere a chi non ha soldi per comprare.--Saluti. Mr. Mechano==================================Modificato dall'autore il 08/09/2004 16.01.06
  • Mechano scrive:
    Re: mahhh
    - Scritto da: Anonimo
    Ma, so anche dell'esatto contrario, gente
    che ha proposto Linux e a cui e' stato riso
    in faccia proprio da esperti IT della pa.A me e' capitato di vedere proporre un software che si appoggiava a MSOffice per le stampe e la generazione dei documenti ed e' stata subito chiesta la modifica o la disponibilita' di un modulo per StarOffice/OpenOffice o non sarebbe stato acquistato.Fortunatamente si stanno diffondendo le alternative, e il risparmio e' tangibile, contrariamente a tutti coloro che dicono che non e' importante.--Ciao. Mr. Mechano
  • Mechano scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    - Scritto da: Alessandrox
    E all' atto pratico cosa cambia? Forse
    qualcosa ma rimane poco rilevante perche'
    tanto anche prima potevi comunque passare da
    una Jvm all' altra scegliendo quella che ti
    aggrada (nelle impostazioni di IE) ma la
    situazione generale rimane la stessa...
    e' la JVM di M$ che va resa illegale.
    Non deve esserci proprio.Su due cose confidano le aziende:1) i dettagli tecnici che in informatica posso fare la differenza. Infatti la virtual machine di M$ si chiama JVM ed il linguaggio e' il Visual J non il Java. Quindi chi programma per la JVM di M$ sta programmando in Visual J per una MS-JVM e non in Java per una Java Virtual Machine incompatibile con quella di Sun.2) La lentezza della burocrazia e dei processi legati a dispute nel mondo dell'IT. I cambiamenti nel mondo IT sono talmente rapidi, l'adozione di uno standard, o peggio la diffusione di uno pseudo-standard che M$ puo' pompare a suo piacimento, prima che un tribunale riconosca l'illegittimita' di quello standard e condanni ad un risarcimento irrisorio a danno fatto.--Ciao. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    mahhh

    Quando dietro alla PA esiste
    già una struttura informatica, tante
    volte questa tende a proporre ed applcare
    queste soluzioni senza tante cerimonieMa, so anche dell'esatto contrario, gente che ha proposto Linux e a cui e' stato riso in faccia proprio da esperti IT della pa.
  • Anonimo scrive:
    dati errati
    I dati sul numero di nazioni ed unità locali indicati sono errati.Vi sono alcune PA che pur non essendo state contate utilizzano almeno per alcune cose il software libero (soprattutto sui server).I dati si riferiscono soltanto a quelle realtà che usando solo sofware proprietario hanno fatto studi ed in alcuni casi avviato il processo di passaggio di parte del software da commerciale a libero. Non sono stati contati chi invece già aveva o è passato senza fare troppi studi, ma verificando la funzionalità e la soluzione di vari problemi non risolvibili riscontrati sui software commerciali. Quando dietro alla PA esiste già una struttura informatica, tante volte questa tende a proporre ed applcare queste soluzioni senza tante cerimonie
  • Trin scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    Vado a memoria, ma credo che con i quasi 2 mld di $ che ha ricevuto sun da microsoft abbia accettato di non fargli causa nei prossimi 10 anni per fatti pecedenti all'accordo.Quindi anche volendo non credo sia possibile renderla illegale, almeno per i prossimo 10 anni -.-Da prendere con beneficio d'inventario ^^
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...
    Solo una precisazione.Non si chiama Comunismo, ma estremismo.Ogni estremismo di destra o sinistra adotta la tecnica della disinformazione/ignoranza (vedi anche il Nazi-fascismo).Un appunto doveroso.In Russia ed a Cuba lo studio universitario era gratuito anche sotto il regime.
  • Alessandrox scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    - Scritto da: shevathas

    Voglio vedere che mi rispondono....
    fai sapere, sarei curioso anche io.farovvi sapere...
  • Alessandrox scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    - Scritto da: Anonimo

    Perche' Sun permette che tante aziende

    sviluppino applicazioni che girano

    ****SOLO****

    con la JVM di Microsoft????????

    Quasi quasi scrivo all' uff.
    commerciale di

    Sun Italia dicendogli guardate volevamo
    fare

    un' ordine di vs macchine con
    javaDesktop ma

    abbiamo dovuto rinunciare perche' certe

    appl. funzionano con la MS-JVM e non
    con la

    vostra... e come noi tanti nostri
    colleghi e

    conoscenti.



    Voglio vedere che mi rispondono....
    Rispondono che loro si comportano come
    meglio credono e se non ti va bene passi
    lunghi e ben distesi. Ah non puoi mandarli a
    spendere, ti hanno mandato prima loro.In fondo e' quello che penso anche io ma siccome credo che casi come questi siano abbastanza diffusi, vorrebbe dire che non gli ne frega nulla di perdere molti potenziali clienti.Vedremo, secondo me il loro Java Desktop System, stando cosi' le cose, fara' poca strada.Ma posso anche sbagliarmi.
  • Alessandrox scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Alessandrox

    - Scritto da: shevathas


    in realtà se le PA
    preferiscono


    windows o linux non mi sembra molto


    importate.


    Quello che a mio avviso è

    importante


    è che comunque ci sia la


    possibilità di scelta fra
    diverse


    soluzioni senza dover essere


    obbligatoriamente legati vita
    natural


    durante ad una sola soluzione.


    Per questo più che la
    questione


    open/closed source credo sia
    più


    importante la questione formati
    aperti

    vs


    formati proprietari.


    Con il formato aperto non sei
    vincolato

    ad


    un unico programma e in seguito
    puoi


    cambiare software senza essere
    legato.



    Ci siamo letti nel pensiero...



    Ma per questo occorrono delle
    direttive, dei

    regolamenti e magari delle leggi.
    Insomma la

    questione dei formati ecc. e' anche
    politica

    e come sappiamo la lobby delle majors e
    in

    particolare M$ sa come influenzare i
    nostri

    politici.

    Inoltre si ricade sempre li...

    se le applicazioni , in particolare le
    web

    appl., son fatte per girare
    esclusivamente

    su Win+IE come fanno altre aziende che
    di

    questi servizi ne fruiscono a fare altre

    scelte?

    Perche' Sun permette che tante aziende

    sviluppino applicazioni che girano

    ****SOLO****

    con la JVM di Microsoft????????

    Quasi quasi scrivo all' uff.
    commerciale di

    Sun Italia dicendogli guardate volevamo
    fare

    un' ordine di vs macchine con
    javaDesktop ma

    abbiamo dovuto rinunciare perche' certe

    appl. funzionano con la MS-JVM e non
    con la

    vostra... e come noi tanti nostri
    colleghi e

    conoscenti.

    Voglio vedere che mi rispondono....
    Perchè probabilmente, gli
    sviluppatori utilizzano packages proprietari
    scritti da ms.
    esempio
    com.ms.*
    System.* E che evidentemente funzionano solo con la M$-Jvm, se questa fosse illegale e fosse imposto di farla sparire il problema non si porrebbe...
  • Alessandrox scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    - Scritto da: Anonimo

    mi pare che ci sia stata un po' di
    bagarre

    legale fra SUN e M$ per questo, non so
    come

    è andata a finire.

    BTW la caratteristica più
    importante

    di java è la portabilità
    del

    codice, se gli togli quella allora ti
    rimane

    un pseudo C++ lento e castrato.
    Mi sembra che Sun abbia vinto, e la
    microsoft abbia dovuto fare uscire una patch
    che permetta di disinstallare la virtual
    machine di MS.E all' atto pratico cosa cambia? Forse qualcosa ma rimane poco rilevante perche' tanto anche prima potevi comunque passare da una Jvm all' altra scegliendo quella che ti aggrada (nelle impostazioni di IE) ma la situazione generale rimane la stessa...e' la JVM di M$ che va resa illegale.Non deve esserci proprio.
  • Anonimo scrive:
    Re: in italia è normale che sia così
    Chissà perchè si pensa sempre che sia solo l'Italia ad essere in queste condizioni.I problemi che hai citato ci sono in tutto il mondo, tranne che nelle dittature.
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...
    A me non pare proprio di parte, ho visto di peggio.(linux)(apple)(win)
  • Anonimo scrive:
    Re: Opportunità e visione a lungo termin

    oppure a qualunque ditta locale che con 3
    ragazzi in gamba e 1 intervento ogni 6 mesi
    mi risolve tutti i problemi??
    A medio-lungo termine faccio crescere la
    società che mi circonda, e aumento il
    benessere del territorio locale...Shhh!Stai parlando di far crescere l'economia italiana e le medie imprese!Ma sei pazzo? E' un'eresia!Infila subito 100 euro in una busta e spediscili a qualche americano per fare penitenza...
  • Anonimo scrive:
    Re: Nei paesi poveri
    Nei paesi poveri non hanno problemi: piratano Windows, pure nelle PA...Però, é bello pensare che molte persone in Italia si comportano come se vivessero nel terzo mondo...E comunque non la penso come te, la politica ha smesso di essere una cosa bella da molto tempo.
  • Anonimo scrive:
    Re: vincere o perdere ?

    mi pare che ci sia stata un po' di bagarre
    legale fra SUN e M$ per questo, non so come
    è andata a finire.
    BTW la caratteristica più importante
    di java è la portabilità del
    codice, se gli togli quella allora ti rimane
    un pseudo C++ lento e castrato.Mi sembra che Sun abbia vinto, e la microsoft abbia dovuto fare uscire una patch che permetta di disinstallare la virtual machine di MS.
  • Anonimo scrive:
    Non cambierà molto nelle PA...
    ... infatti li la maggior parte non sa usare neppure i prodotti proprietari, quindi...Un mio amico é andato a ritirare un modello sanitario e ha dovuto stamparlo lui perché l'impiegato non ci capiva più nulla...Ed era finita solo la carta. :DOk, forse con i soldi risparmiati con l'OS potrebbero rimandare alcuni impiegati a scuola, che ne dite? :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...

    zone-h.org è un sito ridicolo gestito
    da 4 lamerozzi ignoranti e prezzolati da MS.Vabbè .. comunque il sito si limita a segnalare i defacement; le qualità di chi lo gestisce non influiscono sul numero di attacchi segnalati.
  • Anonimo scrive:
    Re: Nei paesi poveri
    La tua risposta l'hai capita solo tu.La puoi spiegare ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...
    - Scritto da: Anonimo
    Ciò che dici è più
    teoria che pratica.
    L'open source è sicuramente la scelta
    + democratica e quindi andrebbe preferita
    nei governi democratici.
    Ma questa è l'unica ragione.
    L' open source, infatti non è +
    economico del software proprietario (tieni
    conto del costo di tecnici specializzati e
    della configurazione/aggiornamento dei
    sistemi), spesso presenta alcune (seppuri
    piccole) incompatibilità tra le varie
    distro e non è nemmeno + sicuro (come
    rilevato quotidianamente da zone-h.org e
    simili)Mrentre un sistema M$ viene gestito, abitualmente, da 2 spazzini comunali.....E' bello vedere che nei costi della PA si considera la possibilità di licenziare (o non assumere) tecnici specializzati.Questo, che avviene anche nel privato, a beneficio dell'equazione tanto cara allo zio bill :-tecnici specializzati = +ingoranza informaticaquindi+ignoranza informatica =+dipendenza da microsoftinfine+dipendenza da microsoft = +soldi per gates, ballmerd e compagni vari (ad esempio la campagna elettorale di bush...)Se non è comunismo questo.......(ripeto, lo zio bill i metodi staliniani li conosce e li applica alla perfezione!)
  • Anonimo scrive:
    Opportunità e visione a lungo termine
    Chi sceglie OpenSource ha sicuramente un occhio che scruta più lontano. Visto che ormai non ci sono più dubbi su qualità del sw OS, non vedo motivi solidi per scegliere altrimenti. Se anche avessi Win installato su tutti i PC del mio municipio, perchè installare Office e spendere milioni? Scarico OpenOffice da Internet e lo installo su tutti... E non tiraremi fuori il TCO, che per un pacchetto del genere è irrilevante!Qualunque segretaria lo impara ad usare in 10 minuti!E poi, se anche decidessi di dare in outsourcing la manutenzione del sw a chi voglio dare i miei soldi? Alla solita multinazionale, con sede a Milano o Dublino, oppure a qualunque ditta locale che con 3 ragazzi in gamba e 1 intervento ogni 6 mesi mi risolve tutti i problemi??A medio-lungo termine faccio crescere la società che mi circonda, e aumento il benessere del territorio locale...
  • Anonimo scrive:
    in italia è normale che sia così
    in un paese in cui da fine anni 70 ainizi anni 90 la politica ha rubatoduemilionidimiliardi di lire, e sonoancora tutti li meno due, in cuioltre un terzo del territorio è inmano alla delinquenza con connivenzepolitiche ad altissimo livello, che l'assessoreabbia la clientela col fornitore che gli fapiaceri e regalini è un'assioma politico.ecco perché in italia, quanto all'ossnon si deve sperare nel pubblico, checontinuerà a fare fumo in certi momentiper motivi tattici, ma arrosto per le tascheproprie e della conventicola, anche e soprattutto quando si è costretti come oraa raschiare il fondo del barile
  • Anonimo scrive:
    Ma che razza di ricerca sarebbe?
    Non ho capito bene il target di questa ricerca, visto che alla fine tra le conclusioni c'e` quella che "il sw libero non minaccia quello proprietario, in particolare M$" ... mi pare una cosa gia` bacata in partenza, ma forse e` un'impressione mia.Certo e` che se vanno a vedere la percentuale di progetti proposti, e poi quelli realizzati, siamo un po' sul ridicolo andante. Cioe`, i risultati di questa ricerca come sono da leggere?Io un'ipotesi ce l'avrei, dedotta da un'esperienza vissuta in prima persona: alcune settimane spese a presentare un progetto di informatizzazione di una struttura pubblica usando Linux e sw open source, grande entusiasmo dei committenti per via delle prospettive e dei costi ridotti, e laconica comunicazione finale "il progetto e` valido e molto bello, molte grazie, ma i dirigenti ci hanno detto che tutto l'impianto va commissionato ai 'soliti' fornitori" :@Non so se questo sia un problema tutto italiano o se anche all'estero funziona cosi`, ma e` evidente che costi, prestazioni, affidabilita`, sicurezza o quant'altro non hanno molto a che vedere con i criteri con cui la PA realizza i suoi sistemi :D ... :s
  • leonardo() scrive:
    Re: Nei paesi poveri
    ... mi ricordi qualcuno che conosco... :D
  • Anonimo scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    - Scritto da: Alessandrox
    - Scritto da: shevathas

    in realtà se le PA preferiscono

    windows o linux non mi sembra molto

    importate.

    Quello che a mio avviso è
    importante

    è che comunque ci sia la

    possibilità di scelta fra diverse

    soluzioni senza dover essere

    obbligatoriamente legati vita natural

    durante ad una sola soluzione.

    Per questo più che la questione

    open/closed source credo sia più

    importante la questione formati aperti
    vs

    formati proprietari.

    Con il formato aperto non sei vincolato
    ad

    un unico programma e in seguito puoi

    cambiare software senza essere legato.

    Ci siamo letti nel pensiero...

    Ma per questo occorrono delle direttive, dei
    regolamenti e magari delle leggi. Insomma la
    questione dei formati ecc. e' anche politica
    e come sappiamo la lobby delle majors e in
    particolare M$ sa come influenzare i nostri
    politici.
    Inoltre si ricade sempre li...
    se le applicazioni , in particolare le web
    appl., son fatte per girare esclusivamente
    su Win+IE come fanno altre aziende che di
    questi servizi ne fruiscono a fare altre
    scelte?

    Perche' Sun permette che tante aziende
    sviluppino applicazioni che girano
    ****SOLO****
    con la JVM di Microsoft????????

    Quasi quasi scrivo all' uff. commerciale di
    Sun Italia dicendogli guardate volevamo fare
    un' ordine di vs macchine con javaDesktop ma
    abbiamo dovuto rinunciare perche' certe
    appl. funzionano con la MS-JVM e non con la
    vostra... e come noi tanti nostri colleghi e
    conoscenti.

    Voglio vedere che mi rispondono....
    Perchè probabilmente, gli sviluppatori utilizzano packages proprietari scritti da ms.esempiocom.ms.*System.*
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...
    - Scritto da: Anonimo
    parte CLOSED-WC ovviamnete.
    Oppura da PA di UTONTI!

    Il confronto non può reggere tra
    closed-WC e Open Source.
    L' Open Source vinc x forza .......e non x
    una mra ragione di costi inferiori, ma x ben
    altro; sicurezza in primis,
    esportabilità in secundis,
    scalabilità in terzis....il closed-WC
    non può che rimanere al palo. Il
    closed-WC ha raggiunto il vertice della
    piramide, non ha altre alternative ora che
    quelle di precipitare.Bravo! Tu si che non sei di parte.
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...
    - Scritto da: Anonimo
    spesso presenta alcune (seppuri
    piccole) incompatibilità tra le varie
    distro e non è nemmeno + sicuro (come
    rilevato quotidianamente da zone-h.org e
    simili)zone-h.org è un sito ridicolo gestito da 4 lamerozzi ignoranti e prezzolati da MS.Se proprio vogliamo vedere le falle del kernel linux, basta andare sul sito stesso di linux: è lì che lo sviluppo viene seguito passo a passo...
  • shevathas scrive:
    Re: vincere o perdere ?

    Ci siamo letti nel pensiero...
    già...
    Ma per questo occorrono delle direttive, dei
    regolamenti e magari delle leggi. Insomma la
    questione dei formati ecc. e' anche politica
    e come sappiamo la lobby delle majors e in
    particolare M$ sa come influenzare i nostri
    politici.considerando che spesso i politici non sono molto esperti della materia, vedi il caso di Giulio U. :@, e spesso ottengono risultati tragicomici (per non dire tragici e basta).
    Inoltre si ricade sempre li...
    se le applicazioni , in particolare le web
    appl., son fatte per girare esclusivamente
    su Win+IE come fanno altre aziende che di
    questi servizi ne fruiscono a fare altre
    scelte?

    Perche' Sun permette che tante aziende
    sviluppino applicazioni che girano
    ****SOLO****
    con la JVM di Microsoft????????
    mi pare che ci sia stata un po' di bagarre legale fra SUN e M$ per questo, non so come è andata a finire.BTW la caratteristica più importante di java è la portabilità del codice, se gli togli quella allora ti rimane un pseudo C++ lento e castrato.
    Quasi quasi scrivo all' uff. commerciale di
    Sun Italia dicendogli guardate volevamo fare
    un' ordine di vs macchine con javaDesktop ma
    abbiamo dovuto rinunciare perche' certe
    appl. funzionano con la MS-JVM e non con la
    vostra... e come noi tanti nostri colleghi e
    conoscenti.

    Voglio vedere che mi rispondono....fai sapere, sarei curioso anche io.
  • Anonimo scrive:
    Re: Solito studio di parte...
    Ciò che dici è più teoria che pratica.L'open source è sicuramente la scelta + democratica e quindi andrebbe preferita nei governi democratici.Ma questa è l'unica ragione.L' open source, infatti non è + economico del software proprietario (tieni conto del costo di tecnici specializzati e della configurazione/aggiornamento dei sistemi), spesso presenta alcune (seppuri piccole) incompatibilità tra le varie distro e non è nemmeno + sicuro (come rilevato quotidianamente da zone-h.org e simili)
  • Anonimo scrive:
    Re: vincere o perdere ?

    Ci siamo letti nel pensiero...

    Ma per questo occorrono delle direttive, dei
    regolamenti e magari delle leggi. Insomma la
    questione dei formati ecc. e' anche politica
    e come sappiamo la lobby delle majors e in
    particolare M$ sa come influenzare i nostri
    politici.
    Inoltre si ricade sempre li...
    se le applicazioni , in particolare le web
    appl., son fatte per girare esclusivamente
    su Win+IE come fanno altre aziende che di
    questi servizi ne fruiscono a fare altre
    scelte?

    Perche' Sun permette che tante aziende
    sviluppino applicazioni che girano
    ****SOLO****
    con la JVM di Microsoft????????

    Quasi quasi scrivo all' uff. commerciale di
    Sun Italia dicendogli guardate volevamo fare
    un' ordine di vs macchine con javaDesktop ma
    abbiamo dovuto rinunciare perche' certe
    appl. funzionano con la MS-JVM e non con la
    vostra... e come noi tanti nostri colleghi e
    conoscenti.

    Voglio vedere che mi rispondono....Rispondono che loro si comportano comemeglio credono e se non ti va bene passilunghi e ben distesi. Ah non puoi mandarli aspendere, ti hanno mandato prima loro.
  • Alessandrox scrive:
    Re: vincere o perdere ?
    - Scritto da: shevathas
    in realtà se le PA preferiscono
    windows o linux non mi sembra molto
    importate.
    Quello che a mio avviso è importante
    è che comunque ci sia la
    possibilità di scelta fra diverse
    soluzioni senza dover essere
    obbligatoriamente legati vita natural
    durante ad una sola soluzione.
    Per questo più che la questione
    open/closed source credo sia più
    importante la questione formati aperti vs
    formati proprietari.
    Con il formato aperto non sei vincolato ad
    un unico programma e in seguito puoi
    cambiare software senza essere legato. Ci siamo letti nel pensiero...Ma per questo occorrono delle direttive, dei regolamenti e magari delle leggi. Insomma la questione dei formati ecc. e' anche politica e come sappiamo la lobby delle majors e in particolare M$ sa come influenzare i nostri politici.Inoltre si ricade sempre li...se le applicazioni , in particolare le web appl., son fatte per girare esclusivamente su Win+IE come fanno altre aziende che di questi servizi ne fruiscono a fare altre scelte?Perche' Sun permette che tante aziende sviluppino applicazioni che girano ****SOLO**** con la JVM di Microsoft????????Quasi quasi scrivo all' uff. commerciale di Sun Italia dicendogli guardate volevamo fare un' ordine di vs macchine con javaDesktop ma abbiamo dovuto rinunciare perche' certe appl. funzionano con la MS-JVM e non con la vostra... e come noi tanti nostri colleghi e conoscenti.Voglio vedere che mi rispondono....==================================Modificato dall'autore il 08/09/2004 1.00.11
  • Anonimo scrive:
    Nei paesi poveri
    Molti dicono che non c'entran nulla un coll'altro...ma perche?dietro l'informatica ci sono interessi enormi (quando il perù decise di passare al SW LIBERO intervenne l'ambasciata usa...) e dove ci sono interessi enormi (e perche no diverse visioni del mondo) c'e' politica.RMS (Stallman) e' politicalmente MOLTO attivo (guardate il suo sito personale) e tutta la dialettica sull'utilizzo dei termini"OpenSource" o "Software Libero" e' basata sulla convenienza di porre l'accento sulla questione tecnica piu che politica (open source) o sulla questione politica (software libero) ora la sinistra antagonista(ma non solo) vede nella libertaria filosofia del software libero un modello cooperativoe una possibilita di sviluppo per i paesi poveri (non a caso Chavez,Lula ma anche il sudafrica sn passati al sw libero)PS basta col criticare la politica..la politica e' una cosa nobilissima l'antipolitica un po meno
  • shevathas scrive:
    vincere o perdere ?
    in realtà se le PA preferiscono windows o linux non mi sembra molto importate.Quello che a mio avviso è importante è che comunque ci sia la possibilità di scelta fra diverse soluzioni senza dover essere obbligatoriamente legati vita natural durante ad una sola soluzione.Per questo più che la questione open/closed source credo sia più importante la questione formati aperti vs formati proprietari.Con il formato aperto non sei vincolato ad un unico programma e in seguito puoi cambiare software senza essere legato.==================================Modificato dall'autore il 08/09/2004 0.40.21
  • Anonimo scrive:
    Solito studio di parte...
    parte CLOSED-WC ovviamnete.Oppura da PA di UTONTI!Il confronto non può reggere tra closed-WC e Open Source.L' Open Source vinc x forza .......e non x una mra ragione di costi inferiori, ma x ben altro; sicurezza in primis, esportabilità in secundis, scalabilità in terzis....il closed-WC non può che rimanere al palo. Il closed-WC ha raggiunto il vertice della piramide, non ha altre alternative ora che quelle di precipitare.
Chiudi i commenti