MySpace si inchina a Facebook

Accordo tra il sito di Beverly Hills e Facebook. Milioni di musicisti potranno condividere musica e video con i propri fan sul sito di Mark Zuckerberg. E c'è chi ha parlato di una concessione inevitabile

Roma – Aveva innanzitutto perso il suo scettro nel reame social, cadendo sotto i colpi inesorabili di una nuova piattaforma in blu chiamata Facebook. MySpace pare ora essersi definitivamente inchinato al nuovo padrone incontrastato dei social network, siglando un patto che era già nell’aria da almeno un anno.

In sostanza, il sito di Beverly Hills permetterà a tutti i suoi utenti di sincronizzare i propri update con i profili del social network da 500 milioni di iscritti. E non solo: gli utenti di MySpace potranno tranquillamente condividere musica, foto e filmati con i propri amici sul sito in blu .

“Si tratta di una novità elettrizzante per milioni di musicisti – ha spiegato un comunicato ufficiale di MySpace – che ora potranno utilizzare questo strumento come complemento alla loro presenza su MySpace Music, per condividere il proprio archivio di contenuti. Compresi interi cataloghi di album, ora a disposizione di tutte quelle persone che abbiano espresso una preferenza per le loro pagine Facebook”.

C’è chi ha quindi parlato di una concessione inevitabile da parte del social network musicale, data una sostanziale incapacità di competere con il sito di Mark Zuckerberg. Qualcun’altro ha invece sottolineato come a questo punto MySpace debba venir considerato più un sito di contenuti che un vero e proprio social network.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luigi Raschera scrive:
    OTTIMO!
    Grandissima notizia!!!!Nel 2011 dovro' cambiare il portatile.Ho un miniMac come computer fisso ma il portatile e' sempre stato un PC Windows proprio per applicazioni come autocad e Money.Ora Money non gira piu' nativamente su Win 7 (quindi devo trovare alternativa) e Auocad sara' disponibile su Mac...Ora il gioco si fa davvero alla pari ache dal punto di vista degli applicativi...Ben bene!!!^______________^
  • Al Debaran scrive:
    una parte di mercato, ma esigua
    ovvio che si cerchi di aggredire ogni parte del mercato.ma Microsoft ci ha già detto chiaramente quali siano i numeri di Apple rispetto ai suoi. Come guardare un granello di polvere in confronto ad un grattacielo.
  • harvey scrive:
    Solo autocad serve a pochi ...
    Autocad e' stato grande anche perche' facilmente implementabile da altre aziende, quindi e' spesso solo un motore per altre applicazioniInsomma un grande passo, ma ne manca ancora di strada
    • collione scrive:
      Re: Solo autocad serve a pochi ...
      autocad motore per altre applicazioni e implementabile da altre aziende????io ero rimasto che autocad era venduto e sviluppato da autodesk :Dche è 'sta novità?
      • harvey scrive:
        Re: Solo autocad serve a pochi ...
        Soprattutto per la parte elettrica, esistono tante altre applicazioni che usano i dwg per disegnare, ma l'interfaccia e i menu sono personalizzati
        • rover scrive:
          Re: Solo autocad serve a pochi ...
          AutoLisp?
          • harvey scrive:
            Re: Solo autocad serve a pochi ...
            Tipo IDEA della Electro GraphicsMa ce ne sopo veramente tanti. Visto che autocad e' uno standar, tutti si sono buttati a fare applicativi che buttano fuori un dwg
  • kais scrive:
    gpu all'altezza per chi vorrà...
    adesso devono aggiornare però alcuni loro prodotti con delle gpu all'altezza, magari delle quadro per restare in casa nvidia, perchè autocad fa abbastanza uso della gpu.Spero lo facciano per quanto i prodotti autodesk non mi entusiasmino e preferisco solidworks per molti lavori....vedremo.
    • pabloski scrive:
      Re: gpu all'altezza per chi vorrà...
      lo faranno, anzi già lo fanno, ma sui macpro.....secondo te nella testa di Steve c'è autocad per mac=imac o autocad per mac=macpro?io opto per la seconda ;)
      • MacBoy scrive:
        Re: gpu all'altezza per chi vorrà...
        - Scritto da: pabloski
        lo faranno, anzi già lo fanno, ma sui
        macpro.....secondo te nella testa di Steve c'è
        autocad per mac=imac o autocad per
        mac=macpro?

        io opto per la seconda ;)Quando un software costa 4000$, il costo del computer diventa quasi irrilevante.Se davvero si ha necessità di tale accelerazione il MacPro mi sembra d'obbligo, altrimenti gli ultimi iMac sono molto più che adeguati.
  • pietro scrive:
    l'unica cosa
    l'unica cosa buona che vedo in questo porting è lo sdoganamento della piattaforma Mac al CAD professionale, dopo Autocad probabilmente anche altri, penso a Catia e Pro Engineer per esempio, potranno pensare di passare al mac
    • rb1205 scrive:
      Re: l'unica cosa
      ProE nasce su macchine unix, e fino alla wildfire 3 (uscita circa 6 anni fa mi pare) c'era la doppia versione windows / linux. Dalla 4 hanno abbandonato quella linux :(
  • LaNberto scrive:
    Era ora, diranno
    Quando venne presentato Maya per MacOs, da subito si prese un quarto delle vendite, percentuale che è andata aumentando, perché molti non aspettavano altro per liberarsi dei PC che sopportavano a malapena.Secondo me succederà lo stesso. In particolar modo nell'architettura (più che altro perché molti ingegneri si ostinano a usare autocad quando ci sono applicazioni più adatte)
    • rb1205 scrive:
      Re: Era ora, diranno
      Non è l'ingegnere a decidere che software usare, ma il datore di lavoro / cliente :)Fosse per me userei solo ProEngineer, ma se il cliente vuole un lavoro fatto con autocad o inventor non posso certo dirgli di no.
      • pietro scrive:
        Re: Era ora, diranno
        - Scritto da: rb1205
        Non è l'ingegnere a decidere che software usare,
        ma il datore di lavoro / cliente
        :)

        Fosse per me userei solo ProEngineer, ma se il
        cliente vuole un lavoro fatto con autocad o
        inventor non posso certo dirgli di
        no.in teoria il cliente dovrebbe commissionare un progetto, non importa con quale programma viene eseguito, una volta che lo stampi sulla carta son tutti uguali, spetta alla società di ingenieria decidere la sua personale politica del SW, scegliendo un SW che permetta di produrre più rapidamente e meglio i suoi progetti.Se vai al ristoraante non chiedi al cuoco quali pentole usa, gli chiedi un piatto prelibato.
        • pabloski scrive:
          Re: Era ora, diranno
          ma nel settore professionale non è mai così....il cliente vuole un progetto con inventor, perchè gli serve esportato in un certo formato che poi verrà dato in pasto al tal programma CAM che piloterà la stazione di lavoro CNC del cliente....è vero che ormai i programmi CAD/CAM/CAE supportano tutti i formati conosciuti nel settore ( hanno un'organizzazione a cui fanno capo tutti loro che permette l'interscambio delle specifiche dei formati )poi c'è il fatto che molti si abituano ad usare un certo CAD ( beh col tempo che ci vuole per padroneggiarli :D ) e Autodesk e quella che ha più share nel settore edilizio/architettonico....se prendi il settore meccanico, lì è diffusissimo Solidworks
        • rb1205 scrive:
          Re: Era ora, diranno
          Dipende molto dal cliente e dal lavoro. In alcuni casi al cliente interessano solo le tavole dei disegni, e in quel caso hai abbastanza libertà. Ma personalmente, nella maggior parte dei lavori il cliente esige (a ragione) i "sorgenti" del lavoro effettuato, e non sempre si accontentano di un esportazione o di un interscambio. Questo vale sopratutto nel 3D ma anche nel 2D.Per non parlare delle commesse negli ambiti high reliability (Come l'aerospaziale) dove i software da impiegare con tanto di versione e librerie sono spesso vincolati a livello di contratto.
        • harvey scrive:
          Re: Era ora, diranno
          - Scritto da: pietro
          in teoria il cliente dovrebbe commissionare un
          progetto, non importa con quale programma viene
          eseguito, una volta che lo stampi sulla carta sonMi sa che sei rimasto un po' indietro...La carta e disegno bastano per un progetto per il comune e basta...Tutti vogliono i sorgenti, altro che i disegni !Altrimenti per fare una cosa devi lavorarci 10 volte tanto
          • pietro scrive:
            Re: Era ora, diranno
            - Scritto da: harvey
            - Scritto da: pietro

            in teoria il cliente dovrebbe commissionare un

            progetto, non importa con quale programma viene

            eseguito, una volta che lo stampi sulla carta
            son

            Mi sa che sei rimasto un po' indietro...

            La carta e disegno bastano per un progetto per il
            comune e
            basta...

            Tutti vogliono i sorgenti, altro che i disegni !
            Altrimenti per fare una cosa devi lavorarci 10
            volte tanto lo so benissimo ma è perchè in Italia le società sono piccolissime, una fa un pezzo di un lavoro e un'altra ne fa un'altro, e quindi ha bisogno del progetto di quella che precede.In altri Paesi le società di ingegneria prendono in carico un lavoro e lo completano fornendo il prodotto finito. Anzi i sorgenti sono di loro proprietà e non li danno a nessuno, se devi fare una modifica devi tornare da loro.
          • harvey scrive:
            Re: Era ora, diranno
            - Scritto da: pietro
            lo so benissimo ma è perchè in Italia le società
            sono piccolissime, una fa un pezzo di un lavoro e
            un'altra ne fa un'altro, e quindi ha bisogno del
            progetto di quella che
            precede.
            In altri Paesi le società di ingegneria prendono
            in carico un lavoro e lo completano fornendo il
            prodotto finito. Anzi i sorgenti sono di loro
            proprietà e non li danno a nessuno, se devi fare
            una modifica devi tornare da
            loro.Veramente non e' proprio così...Il fatto e' che o progetti tutto da solo, o con chiunque ti devi interfacciare vuole lavorare bene. Quindi niente perdite di tempo con cartaPensa alla fiat, secondo te se fai ingegneria per la fiat, gli dai i progetti in formato cartaceo? I primi a utilizzare le ditte esterne per la progettazione sono proprio le multi-nazionali, dove hai diverse sedi sparse per il mondo e ogni sede ha diversi studi di progettazione sotto di essa.
          • harvey scrive:
            Re: Era ora, diranno
            - Scritto da: pietro
            lo so benissimo ma è perchè in Italia le società
            sono piccolissime, una fa un pezzo di un lavoro e
            un'altra ne fa un'altro, e quindi ha bisogno del
            progetto di quella che
            precede.
            In altri Paesi le società di ingegneria prendono
            in carico un lavoro e lo completano fornendo il
            prodotto finito. Anzi i sorgenti sono di loro
            proprietà e non li danno a nessuno, se devi fare
            una modifica devi tornare da
            loro.Veramente non e' proprio così...Il fatto e' che o progetti tutto da solo, o con chiunque ti devi interfacciare vuole lavorare bene. Quindi niente perdite di tempo con cartaPensa alla fiat, secondo te se fai ingegneria per la fiat, gli dai i progetti in formato cartaceo? I primi a utilizzare le ditte esterne per la progettazione sono proprio le multi-nazionali, dove hai diverse sedi sparse per il mondo e ogni sede ha diversi studi di progettazione sotto di essa.
        • harvey scrive:
          Re: Era ora, diranno
          - Scritto da: pietro
          in teoria il cliente dovrebbe commissionare un
          progetto, non importa con quale programma viene
          eseguito, una volta che lo stampi sulla carta sonMi sa che sei rimasto un po' indietro...La carta e disegno bastano per un progetto per il comune e basta...Tutti vogliono i sorgenti, altro che i disegni !Altrimenti per fare una cosa devi lavorarci 10 volte tanto
  • mario scrive:
    gli utenti Apple
    Autocad è stato ritirato dalla piattaforma Mac perchè non vendeva abbastanza, infatti Autocad non è mai piaciuto agli utenti Apple, l'interfaccia e l'approccio al disegno che ha Autocad è quanto di più lontano ci sia dalla filosofia del mac, perchè questa volta dovrebbe funzionare?L'unica possibilità è che un sufficiente numero di utenti Windows passi al mac e si formi una comunità abbastanza grande che sostenga la piattaforma.Sempre che non incomincino ad apprezzare anche loro la filosofia del mac.
    • sadness with you scrive:
      Re: gli utenti Apple
      - Scritto da: mario
      Autocad è stato ritirato dalla piattaforma Mac
      perchè non vendeva abbastanza, infatti Autocad
      non è mai piaciuto agli utenti Apple,
      l'interfaccia e l'approccio al disegno che ha
      Autocad è quanto di più lontano ci sia dalla
      filosofia del mac, perchè questa volta dovrebbe
      funzionare?perché adesso ci sono molti "suiccer", e molti utenti di iPhone/iPad chde vorrebbero passare a Mac ma necessitano di AutoCAD
      L'unica possibilità è che un sufficiente numero
      di utenti Windows passi al mac e si formi una
      comunità abbastanza grande che sostenga la
      piattaforma.appunto
      Sempre che non incomincino ad apprezzare anche
      loro la filosofia del mac.a volte non c'è scelta
    • nome e cognome scrive:
      Re: gli utenti Apple

      filosofia del mac, perchè questa volta dovrebbe
      funzionare?Uh perchè lo faranno touch, perchè sarà più colorato e soprattutto perchè costerà il doppio della versione windows... che domande.
      • MarcOsx scrive:
        Re: gli utenti Apple
        Strano, in genere i software Apple costano uguale su mac e pc
        • nome e cognome scrive:
          Re: gli utenti Apple
          - Scritto da: MarcOsx
          Strano, in genere i software Apple costano uguale
          su mac e
          pcPer questo non vendono... l'utente apple DEVE pagare almeno il doppio altrimenti non può vantarsi con gli amici.
          • ruppolo scrive:
            Re: gli utenti Apple
            - Scritto da: nome e cognome
            - Scritto da: MarcOsx

            Strano, in genere i software Apple costano
            uguale

            su mac e

            pc

            Per questo non vendono... l'utente apple DEVE
            pagare almeno il doppio altrimenti non può
            vantarsi con gli
            amici.Ma quanti anni hai?
          • nome e cognome scrive:
            Re: gli utenti Apple


            Per questo non vendono... l'utente apple DEVE

            pagare almeno il doppio altrimenti non può

            vantarsi con gli

            amici.
            Ma quanti anni hai?Troppi per comprare roba Apple.
          • FDG scrive:
            Re: gli utenti Apple
            - Scritto da: nome e cognome


            Per questo non vendono... l'utente apple DEVE


            pagare almeno il doppio altrimenti non può


            vantarsi con gli


            amici.

            Ma quanti anni hai?

            Troppi per comprare roba Apple.Demenza senile?
          • FDG scrive:
            Re: gli utenti Apple
            - Scritto da: nome e cognome
            Per questo non vendono... l'utente apple DEVE
            pagare almeno il doppio altrimenti non può
            vantarsi con gli amici.E stranamente su mac gli stessi software vendono di più.Avanti, adesso che str*nzata scriverai?
          • giacche scrive:
            Re: gli utenti Apple
            - Scritto da: FDG
            E stranamente su mac gli stessi software vendono
            di più.Questa è bella!!!E da quale attendibile fonte deriva questa tua fantastica statistica?Di quali software parli?
          • ati scrive:
            Re: gli utenti Apple
            secondo me basta chiamare AutoCAD iCAD e finisce che vende un sacco anche su Mac :D
    • ruppolo scrive:
      Re: gli utenti Apple
      - Scritto da: mario
      Autocad è stato ritirato dalla piattaforma Mac
      perchè non vendeva abbastanza, infatti Autocad
      non è mai piaciuto agli utenti Apple,
      l'interfaccia e l'approccio al disegno che ha
      Autocad è quanto di più lontano ci sia dalla
      filosofia del mac, perchè questa volta dovrebbe
      funzionare?
      L'unica possibilità è che un sufficiente numero
      di utenti Windows passi al mac e si formi una
      comunità abbastanza grande che sostenga la
      piattaforma.
      Sempre che non incomincino ad apprezzare anche
      loro la filosofia del
      mac.Forse è proprio per questo che Autocad è stato tenuto lontano da Mac. Usando Mac un utente Autocad potrebbe venire a contatto con VectorWorks, un programma che ovviamente funziona secondo i canoni Mac. Il pericolo che Autocad venga progressivamente buttato alle ortiche è reale.
      • MacBoy scrive:
        Re: gli utenti Apple
        - Scritto da: ruppolo
        Forse è proprio per questo che Autocad è stato
        tenuto lontano da Mac. Usando Mac un utente
        Autocad potrebbe venire a contatto con
        VectorWorks, un programma che ovviamente funziona
        secondo i canoni Mac. Il pericolo che Autocad
        venga progressivamente buttato alle ortiche è
        reale.Me lo ricordo l'AutoCad su Mac di 15 fà. DAVVERO era penoso. Assolutamente non un programma Mac. Certo che nessuno se lo filava (visto il costo, anche!). Per CAD architettonici i Mac sono stati sempre messi bene (ArchiCAD, ecc). Per il resto VectorWorks (prima si chiamava MiniCAD) mi è sempre sembrato superiore ad AutoCAD in tutto, oltre a costare una frazione.Vediamo stavolta cosa tirano fuori...
    • Tork scrive:
      Re: gli utenti Apple
      - Scritto da: mario
      Autocad è stato ritirato dalla piattaforma Mac
      perchè non vendeva abbastanza, infatti Autocad
      non è mai piaciuto agli utenti Apple,
      l'interfaccia e l'approccio al disegno che ha
      Autocad è quanto di più lontano ci sia dalla
      filosofia del mac, perchè questa volta dovrebbe
      funzionare?
      L'unica possibilità è che un sufficiente numero
      di utenti Windows passi al mac e si formi una
      comunità abbastanza grande che sostenga la
      piattaforma.
      Sempre che non incomincino ad apprezzare anche
      loro la filosofia del
      mac.Al disegnatore serve solo il programma con cui disegnare, le due versioni saranno molto simili, non è una tragedia trovare differenze.Ci sono anche in CS di Adobe ma ti assicuro che è fattibilissimo lavorare sia su Mac che su Windows con lo stesso rendimento.Mac lo preferisco a Windows, sono onesto, Linux vive del suo open-source il che è un bene per molte cose ma dal punto di vista professionale lo limita molto e le grandi SH non sembrano voler investire in questo OS.Comunque una prova con un Mac Pro / iMac la faccio di sicuro, pur sapendo che il programma è fresco fresco e che ci potrebbero essere dei difetti di gioventù !Sono daccordissimo con te che serve una buona base istallata per spingere la piattaforma.
  • MacBoy scrive:
    Non solo AutoCad, perfino Office!
    Non solo arriva il mitico AutoCAD (per quanto io lo odi), ma anche la nuova versione di Office (2011) forse stavolta non è male. E' tornato il VBA, sembra più veloce ed ha un'interfaccia quasi Mac. Direi finalmente usabile, di nuovo.A breve non servirà più vmWare :)
  • public static void main scrive:
    Un altro passo...
    Verso la decontaminazione da Windows. Finalmente tutti quelli che dicevano "Eh ma io senza Autocad come faccio?" saranno saziati.Photoshop già c'è su Mac, quindi ad oggi non c'è più nessun motivo di usare Windows, se non per gli sparagestionaliVB e coloro che provano piacere a farsi del male.
    • rover scrive:
      Re: Un altro passo...
      Guarda che di programmi scritti solo per Windows nel mondo professionale (quello vero) ce ne sono un mare.Gestionali, ma non solo.
    • harvey scrive:
      Re: Un altro passo...
      - Scritto da: public static void main
      Verso la decontaminazione da Windows. Finalmente
      tutti quelli che dicevano "Eh ma io senza Autocad
      come faccio?" saranno
      saziati.E rimarranno sempre quelli che gli fa proprio schifo il MAC ...Non ti preoccupare, ce ne sono sempre di più che proprio non lo possono vedere :D
      • nome e cognome scrive:
        Re: Un altro passo...

        Non ti preoccupare, ce ne sono sempre di più che
        proprio non lo possono vedere
        :DBasta provarlo... dopo 10 minuti, se non fosse per la fattura che ancora brucia, butteresti mac, macacos e la sua fighissima scatola giu dalla finestra.
        • ruppolo scrive:
          Re: Un altro passo...
          - Scritto da: nome e cognome

          Non ti preoccupare, ce ne sono sempre di più che

          proprio non lo possono vedere

          :D

          Basta provarlo... dopo 10 minuti, se non fosse
          per la fattura che ancora brucia, butteresti mac,
          macacos e la sua fighissima scatola giu dalla
          finestra.È per questo che una volta provato Mac, si resta con Mac, vero?
          • nome e cognome scrive:
            Re: Un altro passo...

            È per questo che una volta provato Mac, si resta
            con Mac,
            vero?Io una volta provato l'ho restituito ... per fortuna l'aziendale potevo sceglierlo.
          • public static void main scrive:
            Re: Un altro passo...

            Io una volta provato l'ho restituito ... per
            fortuna l'aziendale potevo
            sceglierlo.Fammi capire, perché stento a crederlo. Ti hanno dato un Mac aziendale e lo hai rifiutato per un pc con Windows?
      • ruppolo scrive:
        Re: Un altro passo...
        - Scritto da: harvey
        Non ti preoccupare, ce ne sono sempre di più che
        proprio non lo possono vedere
        :DStando sia alle statistiche sul web e che sui dati di vendita, risulta proprio il contrario :D
        • harvey scrive:
          Re: Un altro passo...
          - Scritto da: ruppolo
          Stando sia alle statistiche sul web e che sui
          dati di vendita, risulta proprio il contrario
          :DLe statistiche di venda da quando inseriscono il fatto di detestare?
          • ruppolo scrive:
            Re: Un altro passo...
            - Scritto da: harvey
            - Scritto da: ruppolo

            Stando sia alle statistiche sul web e che sui

            dati di vendita, risulta proprio il contrario

            :D

            Le statistiche di venda da quando inseriscono il
            fatto di
            detestare?È perché è rimasta una "e" di troppo nella frase?
          • harvey scrive:
            Re: Un altro passo...
            - Scritto da: ruppolo
            È perché è rimasta una "e" di troppo nella frase?Visto che ne sai tante, mi puoi linkare un a statistica che afferma la diminuzione della gente che detesta apple?Io conosco un sacco di gente che e' passata da ignora, a magari compra (dopo l'uscita dell'iphone) e non comprerò mai un prodotto apple :D
    • sadness with you scrive:
      Re: Un altro passo...
      - Scritto da: public static void main
      Verso la decontaminazione da Windows. Finalmente
      tutti quelli che dicevano "Eh ma io senza Autocad
      come faccio?" saranno saziati.Non che i CAD mancassero eh... Vectorwork, IMHO, è una spanna sopra AutoCAD, anche se quest'ultimo ha diverse "espansioni" che per molti fanno la differenza (e continueranno a farla)
      Photoshop già c'è su Mac, Photoshop è nato su Mac... ma che, scherziamo?
      quindi ad oggi non c'è
      più nessun motivo di usare Windows, se non per
      gli sparagestionaliVB e coloro che provano
      piacere a farsi del male.di motivi ce ne sono diversi altri, in determinati ambiti professionali
      • public static void main scrive:
        Re: Un altro passo...


        quindi ad oggi non c'è

        più nessun motivo di usare Windows, se non per

        gli sparagestionaliVB e coloro che provano

        piacere a farsi del male.

        di motivi ce ne sono diversi altri, in
        determinati ambiti
        professionaliCertamente. Ma non è detto che le cose non possano cambiare lentamente. Qualche esempio:1) Server: usare Windows come server, di qualunque tipo, è storicamente un atto di follia, fatto semplicemente perché si vuol essere sicuri di poter andare a bastonare qualcuno nel caso si pianti qualche macchina. Oppure perché ci si illude che l'amministratore Windows sia più economico in quanto richiede meno competenze rispetto a uno Linux.2) I sopracitati gestionali. Chi ci vieta di pensare che un po' più in la le operazioni gestionali non si possano utilizzare con un iPad? Restano le applicazioni da ufficio, ma su Mac office c'è e al limite ci si sposta su Openoffice.Insomma, per farla breve, finché c'è un motivo serio per restare incancreniti con quella crosta allora posso anche capirlo, ma quando l'alternativa c'è, è valida e comincerà a costare poco mi sa che Microsoft comincerà davvero a ballare la samba...
    • dubi scrive:
      Re: Un altro passo...
      - Scritto da: public static void main
      Photoshop già c'è su Mac, Perche' una volta c'era solo per Windows??
      • ruppolo scrive:
        Re: Un altro passo...
        - Scritto da: dubi
        - Scritto da: public static void main


        Photoshop già c'è su Mac,

        Perche' una volta c'era solo per Windows??Forse si è espresso male.
    • Joshthemajor scrive:
      Re: Un altro passo...
      Dimentichi i videogiocatori.
      • ati scrive:
        Re: Un altro passo...
        che man mano passeranno alle console con kinetic/natal,ecc.
      • public static void main scrive:
        Re: Un altro passo...
        - Scritto da: Joshthemajor
        Dimentichi i videogiocatori.Steam sta iniziando la diffusione di giochi per Mac. E si parla di un progetto per farlo anche su Linux. Inoltre, Microsoft ha avuto sucXXXXX con la Xbox, quindi se i giochi spariscono da Windows non penso che gli cambierà granchè...
  • Domenico scrive:
    ...porting anche sul pinguino
    Non vorrei sembrare un rompipalle linaro e cantinaro, però, se lo portano su mec os ten perché non portarlo anche su un altro "noto" (1%) sistema operativo?(linux)
    • anonimo scrive:
      Re: ...porting anche sul pinguino
      - Scritto da: Domenico
      Non vorrei sembrare un rompipalle linaro e
      cantinaro, però, se lo portano su mec os ten
      perché non portarlo anche su un altro "noto" (1%)
      sistema
      operativo?

      (linux)Perché non hanno abbastanza clienti che lo richiedono.
    • anonimo scrive:
      Re: ...porting anche sul pinguino
      - Scritto da: Domenico
      Non vorrei sembrare un rompipalle linaro e
      cantinaro, però, se lo portano su mec os ten
      perché non portarlo anche su un altro "noto" (1%)
      sistema
      operativo?

      (linux)Perché non hanno abbastanza clienti che lo richiedono.
    • angros scrive:
      Re: ...porting anche sul pinguino
      Perchè su linux i programmi proprietari e chiusi non sono visti di buon occhio... per portarlo su linux per davvero, dovrebbero metterlo open source (come blender).A parte le questioni di principio, sarebbe problematico realizzare una procedura di installazione valida per tutte le distribuzioni di linux (alcune non usano nemmeno il proXXXXXre x86, quindi occorrerebbe ricompilare, e non puoi senza sorgente); la distribuzione di software per linux è stata pensata e progettata per software open source.
      • luigi scrive:
        Re: ...porting anche sul pinguino
        - Scritto da: angros
        A parte le questioni di principio, sarebbe
        problematico realizzare una procedura di
        installazione valida per tutte le distribuzioni
        di linux (alcune non usano nemmeno il proXXXXXre
        x86, quindi occorrerebbe ricompilare, e non puoi
        senza sorgente); la distribuzione di software per
        linux è stata pensata e progettata per software
        open
        source.in che senso scusa? matlab lo fanno girare tranquillamente su linux con un installatore proprio (non un pacchetto deb o rpm) che mette tutto in /usr/local (presente credo in qualunque distribuzione), renoise e spss uguale; skype mette a disposizione pacchetti deb e rpm che comunque uno può scompattare così da poter posizionare i file dove è necessario; ci sono tool come alien che convertono i pacchetti deb in rpm o viceversa; dove sarebbe il problema?
        • luigi scrive:
          Re: ...porting anche sul pinguino
          aggiungo:tra l'altro altri programmi architettonici per rendererizzare come kerkythea o thea render o quello della nvidia di cui non ricordo il nome sono installabili sia su mac che win che linux.non credo che autodesk abbia di questi problemi, almeno spero.
          • lordream scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            - Scritto da: luigi
            aggiungo:
            tra l'altro altri programmi architettonici per
            rendererizzare come kerkythea o thea render o
            quello della nvidia di cui non ricordo il nome
            sono installabili sia su mac che win che
            linux.non credo che autodesk abbia di questi
            problemi, almeno
            spero.molte parti di autocad su windows sono fatte in .net chissà che salti mortali hanno fatto per portarlo su mac.. probabilmente usando mono.. bisognerà vedere se bisogna aspettare la 3° versione per trovarlo stabile ed usabile come solito per autocad.. però che peccato.. un programma così blasonato che si converte in una versione per ipad.. li facevo piu seri quelli di autodesk.. anche loro si sono arresi alle mode.. quello che ancora non ho compreso è.. costerà come su windows?.. la mia licenza di autocad per windows è valida anche per il mac? che versione sarà? la solita lt o quella completa?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 agosto 2010 22.36-----------------------------------------------------------
          • mat scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            - Scritto da: lordream
            però che peccato.. un
            programma così blasonato che si converte in una
            versione per ipad.. li facevo piu seri quelli di
            autodesk.. anche loro si sono arresi alle mode..Si vede che sei parecchio acerbo... non c'è nulla di meglio che arrivare dal cliente e potergli far sfogliare i progetti sull'iPad. Peccato solo che Autocad sia una bestemmia sia per fare architettura che design. Mi auguro che anche Graphisoft produca presto un viewer per iPad.
        • angros scrive:
          Re: ...porting anche sul pinguino

          in che senso scusa? matlab lo fanno girare
          tranquillamente su linux con un installatore
          proprio (non un pacchetto deb o rpm) che mette
          tutto in /usr/local (presente credo in qualunque
          distribuzione), renoise e spss uguale; skype
          mette a disposizione pacchetti deb e rpm che
          comunque uno può scompattare così da poter
          posizionare i file dove è necessario; ci sono
          tool come alien che convertono i pacchetti deb in
          rpm o viceversa; dove sarebbe il
          problema?Molti dei vantaggi di linux rispetto a windows si perdono, con un installatore proprio (ad esempio, l'aggiornamento automatico centralizzato)Comunque, pensandoci, una soluzione sarebbe anche quella di fornire il software su workstation già pronte per l'uso: per l'utente professionale può essere un vantaggio, perchè hai sicuramente un hardware adeguato, e non hai problemi di configurazione (è tutto compreso nel contratto di assistenza).E in tal caso al fornitore converrebbe usare linux, così non ha i costi di sistemi operativi di terze parti.
          • Clicca qui per recuperare la password scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            - Scritto da: angros
            E in tal caso al fornitore converrebbe usare
            linux, così non ha i costi di sistemi operativi
            di terze
            parti.Una licenza windows OEM costa si e no 80 euro.... secondo te di fronte ad un software come autocad il cui costo è di qualche migliaio di euro e mediamente gira su macchine non proprio entry level, quindi altre cifre a 3 zeri da spendere... il problema saranno proprio sti 80/100 euro spesi per il sistema operativo ?!?
          • ati scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            ma poi sto linux bisogna proprio usarlo a tutti i costi? sembra che le 80 euro da dare a microsoft siano 80.000
          • angros scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            Ma perchè devi dare dei soldi a MS (o a chiunque altro)?
          • p4bl0 scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            perchè hanno 2 scelte:1- pagare 80 (secondo me sono anche meno) a MS e installare il sw già pronto2- spendere molto di più per fare il porting su linux
          • pietro scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            - Scritto da: ati
            ma poi sto linux bisogna proprio usarlo a tutti i
            costi? sembra che le 80 euro da dare a microsoft
            siano
            80.000inizialmente sono 80 ma con il passare degli anni se sommi tempi morti, tempo perso per risolvere conflitti, dati persi per virus e malware, tempo perso per ripristini formattazioni (il tempo è denaro) e consulenze se non arrivano a 80.000 ci manca poco
          • shevathas scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            - Scritto da: pietro
            - Scritto da: ati

            ma poi sto linux bisogna proprio usarlo a tutti
            i

            costi? sembra che le 80 euro da dare a microsoft

            siano

            80.000

            inizialmente sono 80 ma con il passare degli anni
            se sommi tempi morti, tempo perso per risolvere
            conflitti, dati persi per virus e malware, tempo
            perso per ripristini formattazioni (il tempo è
            denaro) e consulenze se non arrivano a 80.000 ci
            manca
            pocoperò in tal caso dovresti:considerare anche il TCO di linux e soffermarti in particolare su: acquisto di hw sicuramente supportato, ricerca di programmi professionali per le tue esigenze, dati e XXXXXX dovuti a programmi perennemente in beta, consulenze che servono anche con linux, tempo perso a fare conversioni di formato...
          • pietro scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: pietro

            - Scritto da: ati


            ma poi sto linux bisogna proprio usarlo a
            tutti

            i


            costi? sembra che le 80 euro da dare a
            microsoft


            siano


            80.000



            inizialmente sono 80 ma con il passare degli
            anni

            se sommi tempi morti, tempo perso per risolvere

            conflitti, dati persi per virus e malware, tempo

            perso per ripristini formattazioni (il tempo è

            denaro) e consulenze se non arrivano a 80.000 ci

            manca

            poco

            però in tal caso dovresti:

            considerare anche il TCO di linux e soffermarti
            in particolare su: acquisto di hw sicuramente
            supportato, ci sono sempre meno problemi in tal senso
            ricerca di programmi professionali
            per le tue esigenze, dati e XXXXXX dovuti a
            programmi perennemente in beta, si sta appundo discutendo di portare programmi professionali su linux
            consulenze che
            servono anche con linux, tieni presente un paio di cose, i soldi per le consulenze pagate per linux:1 rimangono in italia2 fanno crescere il Know How dell'IT nazionale3 non vengono dati a una multinazionale4 favoriscono aziende italiane5 fanno aumentare l'occupazione specializata Hi Tech 6 danno una maggiore resa soldi spesi/servizi ricevuti (molto del costo di un OS o un SW serve per pagare le strutture di supporto es. pubblicità e MKTG di una grande SW house)tempo perso a fare
            conversioni di
            formato...quelle ci sono anche con windows, dipendono dai programmi non dall'OS
          • shevathas scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino


            consulenze che

            servono anche con linux,

            tieni presente un paio di cose, i soldi per le
            consulenze pagate per
            linux:premessa: un modo ottimo per svalutare un software, per quanto valido, è cercare motivi "etici" e non tecnici per la sua adozione. Se un software ha bisogno, per affermarsi, di cercare giustificazioni etiche significa che ha, o si presume abbia, manchevolezze tecniche.
            1 rimangono in italiale consulenze su windows le può fare solamente la microsoft ? le millemila aziende italiane che forniscono supporto a windows sono tutte domiciliate fiscalmente a san marino ? I soldi per le licenze RHEL restano in italia ?
            2 fanno crescere il Know How dell'IT nazionalevedi punto 1.
            3 non vengono dati a una multinazionaleper coerenza allora dovrei anche rifiutarmi di usare server linux con RH preinstallato sopra, o server IBM, e in caso di problemi chiamare gino il cantinaro.
            4 favoriscono aziende italianevedi punto 1
            5 fanno aumentare l'occupazione specializata Hi
            Tech
            vedi punto 1
            6 danno una maggiore resa soldi spesi/servizi
            ricevuti (molto del costo di un OS o un SW serve
            per pagare le strutture di supporto es.
            pubblicità e MKTG di una grande SW
            house)
            fatto di ifima importanza, a me del software interessa che sia funzionale ai miei scopi e che abbia, per il lavoro cui voglio impiegarlo, il miglior rapporto qualità/prezzo. Di come cavolo impieghi i soldi una SWH me ne può fregar di meno. Parli di servizi: che servizi migliori potrei avere acquistando supporto linux rispetto al supporto windows ?
          • pietro scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            - Scritto da: shevathas


            consulenze che


            servono anche con linux,



            tieni presente un paio di cose, i soldi per le

            consulenze pagate per

            linux:

            premessa: un modo ottimo per svalutare un
            software, per quanto valido, è cercare motivi
            "etici" e non tecnici per la sua adozione. Se un
            software ha bisogno, per affermarsi, di cercare
            giustificazioni etiche significa che ha, o si
            presume abbia, manchevolezze
            tecniche.sono motivi soprattutto etici del genere che ho descritto quelli che, in moltissime amministrazioni pubbliche e europee e anche nell'organizzazione dell'EU stanno facendo scegliere, a parità tecnica, prodotti open source piuttosto che provenienti dalle principali SW house.
          • shevathas scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino

            sono motivi soprattutto etici del genere che ho
            descritto quelli che, in moltissime
            amministrazioni pubbliche e europee e anche
            nell'organizzazione dell'EU stanno facendo
            scegliere, a parità tecnica, prodotti open source
            piuttosto che provenienti dalle principali SW
            house.a parità tecnica come tu hai scritto, a parità tecnica, altrimenti non è una scelta etica ma solo una scelta idiota.Vedasi ad esempio monaco di baviera con linux.
          • Funz scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            - Scritto da: shevathas
            considerare anche il TCO di linux e soffermarti
            in particolare su: acquisto di hw sicuramenteQuesto si riduce solo a: cerca un fornitore di HW che è capace.
            supportato, ricerca di programmi professionali
            per le tue esigenze, dati e XXXXXX dovuti a
            programmi perennemente in beta, consulenze che
            servono anche con linux, tempo perso a fare
            conversioni di
            formato...Se Autocad gira anche su Linux, che problemi di formato può avere (a parte quelli soliti di incompatibilità tra versioni diverse)
          • panda rossa scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            - Scritto da: Clicca qui per recuperare la password
            Una licenza windows OEM costa si e no 80 euro....Anche un'ora di lavoro al giorno per sverminare e formattare costa si e no 80 euro...A cui bisogna aggiungere il costo dei dati corrotti o persi... facciamo altri 80 euro.
          • ati scrive:
            Re: ...porting anche sul pinguino
            non esistono sistemi senza problemi. Anche le ore per ricompilare kernel e risolvere problemini vari costano.C'e' comunque gente che preferisce sistemi più semplici, tanto software, costi inferiori di manutenzione (mi costa meno il tecnico del negozietto che l'esperto di unix), supporto dell'ultimo gingillo hardware, ecc.Al limite si installa l'antivirus. Chiaramente tu sei un sistemista unix e la cosa per te potrebbe essere differente
        • random name scrive:
          Re: ...porting anche sul pinguino
          Mathlab e SPSS girano con le VM Java, Skype su Linux ha sempre meno funzionalità rispetto alla controparte corrente di Windows e comunque, così come Renoise, non è comparabile ad AutoCAD come complessità.Grossi applicativi multipiattaforma che non usano le VM Java sono rari, perchè alla fine il costo di sviluppo e manutenzione si moltiplica per ogni piattaforma supportata.
      • Funz scrive:
        Re: ...porting anche sul pinguino
        - Scritto da: angros
        Perchè su linux i programmi proprietari e chiusi
        non sono visti di buon occhio... per portarlo su
        linux per davvero, dovrebbero metterlo open
        source (come
        blender).Dissento. Chi deve mettere su delle workstation con Autocad penso sarebbe ben felice di evitare la tassa-Windows. Ammesso che Autocad per Linux giri altrettanto bene se non meglio che su Windows.
        A parte le questioni di principio, sarebbe
        problematico realizzare una procedura di
        installazione valida per tutte le distribuzioni
        di linux (alcune non usano nemmeno il proXXXXXre
        x86, quindi occorrerebbe ricompilare, e non puoi
        senza sorgente); la distribuzione di software per
        linux è stata pensata e progettata per software
        open
        source.Possono farsi il loro bel repository almeno per le distribuzioni principali.
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: ...porting anche sul pinguino
      Xché noi del pinguino siamo 4 sfigati x cui non vale la pena investire denari in un porting. :-( In fondo Autocad è un programma professionale, ed io (geometra) purtroppo non conosco alcuno studio a cui interessi investire tempo e denaro migrando i propri pc su Linux, con la miseria che c'è in giro non è certo il costo di una licenza Windows il problema, anche perché per il software molti studi adottano la politica "compri (se compri...) 1 ed installi su 4".Piuttosto, leggevo da qualche parte tempo addietro che non sarebbe un enorme problema far girare applicazioni Mac su Linux. Ricordo bene?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: ...porting anche sul pinguino
      contenuto non disponibile
    • Domenico scrive:
      Re: ...porting anche sul pinguino
      Suppongo che, attualmente, il motore grafico faccia uso delle DirectX, per MAC saranno usate le OpenGL. Qualcuno qui ha detto che AutoCAD è pieno di parti in .NET, chiaramente da riscrivere per MAC quindi parlavo di porting su Linux perché pensavo che fosse decisamente più facile portare qualcosa da MAC a Linux invece che da Windows a Linux....ma magari le mie supposizioni sono errate :D
  • MICHELE PANICHI scrive:
    FINALMENTE
    FINALMENTEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!W IL MAC !!!!
  • Filuz scrive:
    yes
    almeno nelle aule studio di ingegneria non vedrò più i civili con windows che gira sul mac solo per autocad...
    • nome e cognome scrive:
      Re: yes
      - Scritto da: Filuz
      almeno nelle aule studio di ingegneria non vedrò
      più i civili con windows che gira sul mac solo
      per
      autocad...Un ingegnere che usa mac è come un allievo di medicina che studia con l'allegro chirurgo.
  • supermario3 scrive:
    Invertito
    Avete invertito i link tra le versioni pro e mobile di sketchbook xD
Chiudi i commenti