Nanocosi, regole per controllarli

La Royal Society britannica non arriva ad una conclusione: per capire gli effetti delle nanotecnologie è necessario studiare. Ma norme, limiti e prudenza servono subito


Londra – Niente da fare. Sia coloro che predicano l’imminente fine del mondo a causa dell’avvento delle nanotecnologia sia quelli che sostengono i benefici del loro sviluppo non possono ancora contare su un autorevole parere “terzo”, capace di dare al dibattito sulle nanotech una prima sterzata. Ciò nonostante si chiedono regole subito .

A poche settimane dall’ intervento del Principe Carlo , la più autorevole istituzione accademica britannica, la Royal Society , ha concluso dopo lunghe analisi che non è ancora chiaro quali saranno gli effetti possibili dell’introduzione dei nanocosi per l’ambiente o la salute dell’uomo.

“La maggior parte delle nanotecnologie – ha dichiarato il professore di Cambridge Ann Downling, membro della Royal Society – non costituiscono un rischio per la salute o l’ambiente ma riteniamo che ricerca e regolamentazioni siano necessarie subito per prendersi cura delle incertezze sugli effetti della produzione di nanoparticelle e nanotubi”.

Le preoccupazioni dovute alle nanotecnologie sono le più diverse e così anche le potenziali applicazioni. Ma non si tratta di materiale futuribile: già oggi il nanotech è uscito dal mondo della ricerca e ha fatto il suo ingresso sul mercato, sotto forma di abbigliamento, cosmetici e, come ben sanno i lettori di Punto Informatico, microprocessori.

Il rapporto non nasconde che la comunità scientifica nutra delle preoccupazioni e Dowling ha voluto sottolineare che tanto gli effetti disastrosi quanto i vantaggi del nanotech sono stati esagerati, una situazione che nei fatti danneggia la ricerca .

Nel rapporto, la Royal Society chiede alle istituzioni britanniche ed europee di considerare i nanoprodotti alla stregua di nuovi agenti chimici , di limitare l’esposizione sul posto di lavoro e di dar vita ad un organismo scientifico e istituzionale che autorizzi l’uso dei nanocosi prima della loro introduzione sul mercato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    homepage.mac.com/breadboi/shake /



    mi risulta che con shake, con il quale

    lavoro, sia piu' lento su G5 che su
    Xeon.

    Chi è che non capisce una mazza?

    si certo lavori come no...e magari lavori su
    Windows vero eh?
    :Dera chiaro che lavora su linux
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
    - Scritto da: Anonimo
    homepage.mac.com/breadboi/shake /

    mi risulta che con shake, con il quale
    lavoro, sia piu' lento su G5 che su Xeon.
    Chi è che non capisce una mazza?si certo lavori come no...e magari lavori su Windows vero eh?:D
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
    - Scritto da: Anonimo
    La madre degli stron*i è sempre
    incinta!esperto immagino!
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
    - Scritto da: Anonimo
    meglio un dual opteron o g5 ma del resto voi
    fun di intel non capite un
    c...o!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!http://homepage.mac.com/breadboi/shake/mi risulta che con shake, con il quale lavoro, sia piu' lento su G5 che su Xeon. Chi è che non capisce una mazza?
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
    - Scritto da: Anonimo
    meglio un dual opteron o g5 ma del resto voi
    fun di intel non capite un
    c...o!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!La madre degli stron*i è sempre incinta!
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
    meglio un dual opteron o g5 ma del resto voi fun di intel non capite un c...o!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
    - Scritto da: Anonimo

    Uno Xeon è più lento ? E
    da

    quando ?

    Certo perchè la cache L3
    integrata

    non serve a niente, eh?

    la ram a 800mhz e l'HT del P4 non servono a
    nulla? Eh?LHT è stato introdotto sullo Xeon almeno 1 anno prima che sui P4
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...

    Uno Xeon è più lento ? E da
    quando ?
    Certo perchè la cache L3 integrata
    non serve a niente, eh?la ram a 800mhz e l'HT del P4 non servono a nulla? Eh?
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Per inciso: la presentazione dei nuovi
    Xeon

    si è avuta oltre un mese fa....
    per

    quanto ne so solo qualche brand li
    propone

    ma in giro, anche a livello di bench
    non si

    vede nulla.

    Normalmente uno xeon è più
    lento di un p4 parifrequenza, questi
    dovrebbero avere le stesse performances.
    Sto aspettando anche io queste cpu per farmi
    una nuova workstation dual.Uno Xeon è più lento ? E da quando ?Certo perchè la cache L3 integrata non serve a niente, eh?
  • Anonimo scrive:
    Re: Vederli...
    - Scritto da: Anonimo
    Per inciso: la presentazione dei nuovi Xeon
    si è avuta oltre un mese fa.... per
    quanto ne so solo qualche brand li propone
    ma in giro, anche a livello di bench non si
    vede nulla.Normalmente uno xeon è più lento di un p4 parifrequenza, questi dovrebbero avere le stesse performances.Sto aspettando anche io queste cpu per farmi una nuova workstation dual.
  • Anonimo scrive:
    Vederli...
    Per inciso: la presentazione dei nuovi Xeon si è avuta oltre un mese fa.... per quanto ne so solo qualche brand li propone ma in giro, anche a livello di bench non si vede nulla.
Chiudi i commenti