Nanotecnologia al centro per gli USA

Il budget di sostegno alla ricerca tecnologica va nella direzione dei nanosistemi, anche se il documento approvato da Bush prevede una riduzione della spesa per la ricerca di base. La nanotecnologia alimenta polemiche tra scienziati


Washington (USA) – Il presidente americano George W. Bush ha firmato una disposizione per aumentare fortemente gli investimenti nella ricerca di nanotecnologie riducendo invece la spesa per la ricerca di base. E sono partite le polemiche, non ultima quella sui rischi legati alla nanotecnologia, quelle tecnologie cioè che mirano a lavorare sulle dimensioni più piccole per combinare in modo nuovo materiali e computer.

In pratica, l’amministrazione Bush garantirà alla National Science Foundation (NSF), che controlla la spesa scientifica, un budget di 4,47 miliardi di dollari, poco più di quanto già garantito dall’amministrazione precedente. I fondi per la ricerca nanotecnologica saliranno a quota 174 milioni di dollari, con un incremento del 16 per cento, mentre salirà solo del 5 per cento, a quota 273 milioni di dollari, la ricerca sulle tecnologie dell’informazione, da tempo la parte più “pesante” dei fondi erogati dalla NSF.

Il direttore della NSF, Rita Colwell, ha spiegato di essere favorevole alla scelta di Bush perché consente di non chiudere alcuno dei programmi in corso: “Non vedo alcuna riduzione dell’interesse per la ricerca nelle tecnologie dell’informazione”.

La nanotecnologia, che sta guadagnando un ruolo sempre più centrale in molti paesi, offre peraltro molte opportunità proprio alle tecnologie dell’informazione, potendo contribuire alla creazione di materiali del tutto nuovi per l’uso nell’informatica o di processori basati su nuovi concetti. Va anche detto, però, che la nanotecnologia è al centro di numerose ricerche militari, motivo a cui forse va ascritto l’interesse dimostrato per questo settore dall’amministrazione americana.

Anche per questo la nanotecnologia è entrata nelle polemiche tra scienziati di alto livello. In un celebre articolo il cofondatore di Sun Microsystems, Bill Joy, aveva attaccato vari rami di ricerca, compreso quello sulla nanotecnologia, sostenendo che possono portare a effetti disastrosi. Affermazioni a cui hanno fatto eco le dichiarazioni di Ray Kurzweil, scienziato di chiara fama, secondo cui i timori di Joy sono infondati. Una cosa chiara ad entrambi, comunque, è che fermare la ricerca nanotecnologia è una utopia…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • jammer scrive:
    jammer sono legali?
    Il jammer o disturbatore di frequenze è uno strumento utilizzato per inibire l'utilizzo di microspie GSM e non, microfoni, microcamere, telefoni, VoIP, e sistemi GPS. I jammer vengono impiegati principalmente in luoghi dove luso dei cellulari o di comandi a distanza su frequenza possono rappresentare un pericolo o per proteggere la propria privacy. Endoacustica Europe srl propone jammer solo ad enti autorizzati.
  • FSB scrive:
    Re: i jammers GSM
    A parte che non è onesto farsi pubblicità così su questo spazio, poi guardando il tuo sito, siamo sempre alle solite, i siti italiani sono siti di ladri! Basta guardare i prezzi per capirlo e tu applichi un ricarico che andrà dal 1000 al 2000% minimo! Spero che la finanza ti arresti!
  • rrgfhfghhg ghghg scrive:
    rrùùùùù
    sicuri sicuri?
  • Giuseppe Punzo scrive:
    Precisazione
    Non so come facciate a fare tali affermazioni con tale sicurezza. Anch'io lavoro in questo settore e i furti con i Jammer sono in continuo aumento. Credo che la vostra sia cattiva informazione e vi prego di informarvi meglio di ciò che comunicate agli utenti. E'chiaro che chi vuole compiere un atto criminale si procura prodotti che limitano al massimo il rischio di essere arrestati e quindi provvedono a usare potenti Jammer professionali, di quelli sicuramente funzionanti. Le Forze dell'Ordine stanno cercando di limitare i furti dei TIR, questi reati appunto, sono perpetrati con Jammer potentissimi contenuti in valigette capaci di oscurare il segnale GSM nel raggio anche di cento metri. Questo fenomeno in ascesa si può però contrastare oggi con le debite contromisure. Ci sono alcuni prodotti denominati AntiJammer che avvisano con un segnale acustico la presenza di un forte disturbo nelle immediate vicinanze generato da questi illegali dispositivi, con tempestività e senza falsi allarmi. Tali AntiJammer sono collegabili a qualsiasi Centralina d'Antifurto Satellitare permettendole di gestire l'allarme come meglio crede...visto che tale Centralina non può comunicare l'allarme alla Centrale Operativa per il completo oscuramento del seglale GSM . Attualmente tale prodotto è montato su circa 500 TIR tramite vari Istituti di Vigilanza ed ha già sventato 11 tentativi su 11 di rapina con Jammer tutto dimostrabile con denunce e rapporti degli organi di Polizia. Difenderci è un nostro diritto. Per qualsiasi altra delucidazione o informazione info@nikam.it o www.antijammer.com....
  • Alessandro Telich scrive:
    jammer
    Non vi erano dubbi sulla risposta di questo tema da parte della Viasat, peccato che dichiara il falso.1) Perchè tali prodotti sono reperibili tramite internet senza alcuna licenza: www.jammers.it2) Non è vero che non inibiscono le reti Gsm e GpsMi dispiace che la gente ancora crede d'essere sicura con il Viasat, quando praticamente è il sistema più facile per rubare una macchina!
    • Paolillo scrive:
      Re: jammer
      Via SAT si conosce solo per la pubblicità fatta in tutti questi anni, ho avuto due auto ognuna con il via sat installato, ho perso tutte e due le auto , RUBATE probabilmente con i Jammer.... ho sentito pero' che un azienda Napoletana ha ideato un sistema che si chiama ANTIJAMMER......vedi il sito www.dssgroup.it , vi potrà aiutare a capire meglio come funziona...E vi assicuro che funziona veramente.....
    • FSB scrive:
      Re: jammer
      - Scritto da: Alessandro Telich
      Non vi erano dubbi sulla risposta di questo tema
      da parte della Viasat, peccato che dichiara il
      falso.
      1) Perchè tali prodotti sono reperibili tramite
      internet senza alcuna licenza:
      www.jammers.it
      2) Non è vero che non inibiscono le reti Gsm e Gps
      Mi dispiace che la gente ancora crede d'essere
      sicura con il Viasat, quando praticamente è il
      sistema più facile per rubare una
      macchina!HAI RAGIONE DA VENDERE! IN ITAGLIA I COMMERCIANTI LADRI SCHIFOSI APPROFITTANO DELL'IGNORANZA DEGLI ITAGLIANI CHE NON VANNO A SQUOLA E ALZANO I PREZZI IN MODO VERGOGNOSO! Cercano di farti fesso dicendo che l'hanno dovuto ordinare dall'estero e che costerebbe pure di più... ma solo per te fanno un prezzo speciale... così una cosa che costerebbe 80 euro te la fanno pagare anche 800 euro! Quella dei negozi spy è la categoria più ladra schifosa che esista... ma solo in Italia! Comprate all'estero che è molto meglio!
  • rospo scrive:
    in italia si specula sui jammer
    basta guardare in giro nei vari negozi da 007 italiani,per trovare il reato di INDEBITO ARRICCHIMENTO.ora a differenza del 2001 i jammer,hanno potenze di 30-50watt e costano,comprati in qualsiasi parte del mondo,tranne in italia,dove ho gia detto si specula a livelli paurosi,dai 20 ai 150 euro,x i modelli piu' prestanti.amici li hanno provati quasi tutti, e addirittura a 140 euro si trovano apparecchi migliori di quelli venduti in italia a 450 euro o di piu'. se poi uno lo usa per rubare e' uno schifoso,scusate il termine,ma applicato in chiesa,in laboratori di analisi,vale la pena di comprarli all estero,dove c'e una mentalita' mooooolto piu' aperta su tutto, e si risparmiano 300-400 euro e si prende un prodotto di qualita'. oramai sono digitalizzati,con antenne direttive e chipset di fattura ottima. solo in italia ho visto il peggio che gira per il mondo.e faccio elettronica e sicurezza da 20 anni. non capisco perche' la finanza non controlla questi pseudo negozi italiani,e confronta il prezzo e la qualita' con qualsiasi ,dico qualsiasi negozio estero che vende lo stesso prodotto.chiaramente c'e' sotto qualche cosa, immaginabile da tutti.se la ditta lo vende a 50 euro e io lo trovo a siracusa a 400 euro,c'e' qualche cosa che non va no????
    • Andrea G scrive:
      Re: in italia si specula sui jammer
      Oggigiorno si stanno molto diffondendo jammers provenienti dall'estremo oriente (cina, corea,...) a prezzi sicuramente molto più vantaggiosi di quelli nostrani o provenienti dalla comunità europea, per cui è normale trovare delle differenze di prezzo anche notevoli. Un prodotto elettronico progettato e fabbricato in Italia ha un suo costo, lo stesso prodotto realizzato in cina (ma anche in Korea, Taiwan, ecc..) ha un costo produttivo di gran lunga più basso per varie ragioni: manodopera meno costosa, qualità dei componenti più bassa, mancanza dei relativi controlli sulla qualità dei prodotti e sui processi produttivi, ecc..Quello che affermi sulla qualità del jammer meno costoso è un'azzardo ed un'assurdità! Se hai un' occhio esperto noti subito che un jammer di tipo "cinese" ha le antenne molto ravvicinate (ovviamente per recuperare spazio e fare il dispositovo più piccolo)questo comporterà una bassa efficacia a causa della mutua interferenza tra le stesse, oltre ad altri problemi di natura tecnica che non sto qui a spiegare. In Italia ci sono al massimo 3 aziende che progettano e producono jammers digitalizzati con chipset a sintensi di frequenza (DDS) controllati da FPGA (Field programmable gate array) e ti assicuro per certo che i livelli qualitativi sono concorrenziali o a volte superiori dei restanti paesi!
  • rospo scrive:
    i jammer vanno alla grande
    devo dire che amici hanno comprato jammer, risparmiando sui prezzi dei ladroni........... e si trovano benissimo,anzi.meglio di chi ha speso 10 volte di piu' nei malefici negozi di 007 made in italy.
  • Frenk scrive:
    jammer
    ciao, lavoro per una centrale operativa di sistemi satellitari e vi dico subito per eperienza che i jammers venduti su internet hanno effetto, di fatti molte auto son sparite nel nulla nel giro di pochi attimi di secondi dopo aver avuto un collegamento diretto con l'auto di circa un secondo prima.questi jammer esistono veramente e guai a chi capita, l'unica soluzione di non farsi rubare l'auto è di contattare la centraleoperativa e farsi programmare il propio impianto in modo diverso dallo standard cioe:il sistema satellitare che avete sulla vostra auto ha un sistema anche di "mncanza di segnale o Sopravvivensa", ciò significa che il mezzo non si collega con la centrale operativa da 1 ora o 2 ore o 3 ore come da voi concordati e che ovviamente ha un costo di un sms ad ogni collegamento con la centrale.in circa per avere un buon controllo del mezzo bisogna attivare una connessione continua tramite sms o meglio chiamato sistema GPRS e di sicuro appena la vostra auto o camion non riceve il segnale gps invia subito l'allarme dando la possibilità alla centrale di avvisare subito il propietario e dare l'ultima psizione del mezzo e quindi avere un riscontro molto veloce rispetto a prima. ciao
  • Anonimo scrive:
    Esistono e vengono usati
    I jammers esistono, non costano tanto e vengono utilizzati. Lo posso confermare avendoli visti e anche visti funzionare.
  • Anonimo scrive:
    Troppo complicato ...
    ... questo discorso del GSM. Basta mettere la macchina in una gabbia di Faraday (p.es. un cassone chiuso di un camion) e il sistema GPS non riceve più ... e senza dati di localizzazione la macchina sparisce nel nirwana ... coll' allarme acceso ...
    • Anonimo scrive:
      metti la camera dei deputati in un camion?
      ok per una macchina... ma i jammer di cui faceva menzione anche punto informatico un po' di tempo fa, erano delle scatolette da mettere nell'accendi sigari ... robetta piccolina... come fai a mettere un cinema in condizioni di non essere disturbato?E un ufficio pubblico?... e la faccenda della legge sulle telecomunicazioni?Se ti vogliono rimpere le palle lo fanno comunque... troppi soldi in mezzo.- Scritto da: Anonimo
      ... questo discorso del GSM. Basta mettere
      la macchina in una gabbia di Faraday (p.es.
      un cassone chiuso di un camion) e il sistema
      GPS non riceve più ... e senza dati di
      localizzazione la macchina sparisce nel
      nirwana ... coll' allarme acceso ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo complicato ...
      Ne dubito, qui stiamo parlando di onde elettromagnetiche, non di corrente elettrica.- Scritto da: Anonimo
      ... questo discorso del GSM. Basta mettere
      la macchina in una gabbia di Faraday (p.es.
      un cassone chiuso di un camion) e il sistema
      GPS non riceve più ... e senza dati
      di localizzazione la macchina sparisce nel
      nirwana ... coll' allarme acceso ...
  • Anonimo scrive:
    Notizie false e tendenziose
    Perchè ci vogliono far credere alle favole?Uno Jammer economico ed efficace è il comune rocchetto di Rumcof usato nei vecchi campanelli di casa, che senza gli opportuni filtri, emette uno spettro così vasto in grado di disturbare e bloccare tutte le comunicazioni radio.E che dire delle coperte termiche da campeggio di alluminio e oro che opportunamente posizionate sono una gabbia di Faraday ideale? Ma mi facciano il piacere......La migliore cura ai furti d'auto è la prevenzione e la punizione.
Chiudi i commenti