NASA, chi offre di più?

In palio brevetti e licenze detenuti dal laboratorio Goddard Space Flight Center
In palio brevetti e licenze detenuti dal laboratorio Goddard Space Flight Center

NASA mette all’asta circa 25 tra licenze, brevetti e diritti inerenti alle nuove tecnologie. A rendere ciò possibile è una partnership tra il Goddard Space Flight Center e Ocean Tomo azienda specializzata nella vendita e nella promozione di beni intangibili. L’iniziativa è volta a commercializzare la tecnologia, per renderla fruibile al mercato pubblico, favorendone lo sviluppo. In ballo molti interessi, soprattutto tra le grandi aziende produttrici di tecnologia, pronte ad investire capitali per assicurarsi i preziosi lotti.

all'asta i brevetti L’evento si terrà il prossimo 20 ottobre al Chicago Cultural Center, presso il quale saranno vendute le licenze, incorporate nei lotti 56 , 57 e 58 . Il primo dei tre riguarda la trasformata di Hilbert-Huang , un nuovo metodo per elaborare segnali non lineari, tecnologia che si rivelerebbe molto utile a quelle aziende che operano in settori come controllo e automazione, esplorazione sismica, sviluppo geografico nonché manifatturiero. Il secondo, il lotto 57, comprende licenze e brevetti basati sull’utilizzo di applicazioni GPS nelle navicelle spaziali. L’ultimo lotto comprende le licenze per la tecnologia dei sensori “capaciflector” che consentono di identificare massa e movimento, utili per identificare oggetti e forme di vita.

Tecnologie che di sicuro fanno gola a molti, dai grandi nomi dell’industria alle piccole aziende. Va anche sottolineato come gli esperti del settore abbiano indicato nell’acquisizione di diritti e licenze su queste tecnologie un promettente investimento. In tal prospettiva, l’asta promette di essere un ritrovo di paperoni e aziende dai fatturati con molti zeri. Non a caso il Governo statunitense ha emanato un decreto in cui si chiede al venditore e al banditore di favorire, se possibile , le piccole aziende. L’asta sarà comunque al buio: NASA conoscerà il nome dell’aggiudicatario solo a giochi fatti, per evitare sospetti di combine o di accordi precedenti.

Ma non è ai soldi che l’ente aerospaziale pensa: “Vendere licenze ci permette di veicolare al meglio la nostra tecnologia all’industria” – dichiara Nona Cheeks, portavoce NASA. “Vogliamo che la tecnologia da noi sviluppata e testata sia utilizzata per realizzare prodotti che portino benefici al settore pubblico. Abbiamo il dovere di essere buoni amministratori delle risorse a noi concesse. Se del denaro entrerà nelle nostre casse, lo reinvestiremo in nuovi progetti”.

Vincenzo Gentile

fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 09 2008
Link copiato negli appunti