Nasce Blogosfere, i blog... pro

da M. Montemagno


Milano – Nelle scorse ore è stata annunciata la nascita di Blogosfere.it , che ha l’ambizione esplicita di diventare “il più grande network italiano di informazione online, basandosi soltanto su blog professionali, monotematici, curati da esperti (giornalisti e non)”.

Il progetto, che intende puntare su 100 blog d’informazione all’interno del suo network, dovrebbe completare la fase di attivazione entro la fine del 2006.

Come spiega Marco Montemagno , promotore del progetto, “Blogosfere darà grande spazio anche ai giovani talenti che popolano la Rete Italiana” e “non si tratterà quindi di blog intesi come semplici diari personali ma di blog utilizzati in modo professionale, intesi come veri e propri strumenti d’informazione”.

“Sul sito di Blogosfere – si legge in una nota – è già possibile proporre la propria candidatura per curare uno dei blog del network”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Smagnetizzatela con la calamita
    basta passare la calamita sulla banda magnetica, così la carta d'identità o il tesserino sanitario saranno smagnetizzati e nessuna banca o assicurazione potrà recuperare i dati sensibili per le loro lucrose operazioni alla faccia della privacySe non ci difendono le istituzioni, facciamo da soli.
  • AnyFile scrive:
    Qundo una mano non sa cosa fa l'altra
    Pochi giorni fa ho visto una pubblicita' che lo Stato inviera' a cvasa di ogni cittadino una nuova tessera che unira' la tessera sanitaria con quella del codice fiscale.Peccato che circa un anno fa a tutti i Lombardi sia gia' arrivata una tessera che contenga questi due dati ed in piu' e' chiamata tessera del citttadino e dovrebbe consentire altri servizi, la cosa ben strana e' che in questi servizi sono conesse strutture per nulla pubbliche come la banca intesa.Oltre a quest'ultima stranezza, facendo cosi' i Lombardi (e probabilmene altri) si ritroveranno con due tessere con gli stessi dati.E poi arrivera' la carta d'identita' elettronica che anche lei vorra' contenere questi dati ... ... uffa ma una buona volta inizino a spendere i loro soldi i nostri politici oppure a ridursi lo stipendio e la loro lautissima pensione invece di sperperare denaro pubblico!
  • Anonimo scrive:
    [News]E' stata cancellata
    http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/rep_nazionale_n_1136881.htmlNiente finanziamento -
    Niente CIE
    • Anonimo scrive:
      Re: [News]E' stata cancellata
      a me par di aver capito: niente finanziamento = cittadino paghi le spese di produzione della carta.Scarlight
  • Anonimo scrive:
    Il tesserino sanitario in banca
    Oggi sono stato in banca e in bella mostra c'è la pubblicità del tesserino sanitario sponsorizzato dall'ABI (Associazione Bancaria Italiana).Mi spiegate cosa c'entrano i miei dati sanitari con la banca!!!!!Scarlight
    • Anonimo scrive:
      Re: Il tesserino sanitario in banca
      forse perché si può usare anche solo come codice fiscale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il tesserino sanitario in banca
      - Scritto da: Anonimo
      Oggi sono stato in banca e in bella mostra c'è la
      pubblicità del tesserino sanitario sponsorizzato
      dall'ABI (Associazione Bancaria Italiana).
      Mi spiegate cosa c'entrano i miei dati sanitari
      con la banca!!!!!

      ScarlightIo ce l'ho. Ti arriva una tessera sanitaria che sembra una carta di credito con il tuo codice fiscale sopra.Infatti la puoi usare come carta di credito e aprire un vero e proprio conto bancario.Se vai in ospedale e pagare una visita, fai la strisciata ed è tutto pagato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il tesserino sanitario in banca
      - Scritto da: Anonimo
      Mi spiegate cosa c'entrano i miei dati sanitari
      con la banca!!!!!Prova ad andare in banca e dire "Salve, sono ammalato di diabete da 18 anni e vorrei un mutuo ventennale per comprare un appartamento".Poi impari cosa c'entrano i tuoi dati sanitari con la banca.
  • Anonimo scrive:
    meditate, gente, meditate
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1159836&tid=1159836&p=1&r=PI
  • Anonimo scrive:
    Perchè tutte queste carte?
    Perchè c'è la tessera sanitaria, la patente, la carta d'identità, il codice fiscale, il tesserino qui, il tesserino là ecc. ecc.?Basta un solo codice e puoi fare tutto. Lo metti su una sola carta e quel codice lo usi per quello che ti serve. Chi gestisce i servizi ovviamente saranno autorizzati ad accedere solo alle informazioni inerenti a quel servizio.E' facile, veloce ed economico quindi non si fa.Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè tutte queste carte?
      Anch'io dico che basta un codice, ma abbiamo già il codice fiscale che è personale e univoco. Perché inventarne altri?Ciao
  • Anonimo scrive:
    Una buffonata
    Perdonate se non mi firmo.Ho partecipato all'attivazione delle procedure per il rilascio della CIE in un comune.Ne ho viste di cotte e di crude anche se non me la sento di riportare episodi troppo esplicitamente.Due piccole perle:- il modulo sulla quantità di sicurezza mi ha fatto impazzire perché chiedeva di certificare il funzionamento della connessione a determinati IP su porte precise (una ventina di IP, per una ventina di porte ciascuno). Alla fine presi dalla disperazione abbiamo chiamato il ministero scoprendo così che la connessione su quelle porte non era ancora abilitata.- una volta installato il programma ministeriale non è più possibile cambiare la password di accesso al computer, cosa che va platealmente in contraddizione con l'applicazione delle misure minime di sicurezza.
  • Anonimo scrive:
    Io ce l'ho già....
    e a parte essere bloccato al banco Ryanair in Irlanda perchè non sapevano cosa fosse, non mi è servita a molto.In teoria con il suo pin dovresti poter accedere ai servizi online della pubblica amministrazione, ma sappiamo che nell'Italia del terzo mondo dovremo aspettare altri 10 anni minimo.P.S. Intanto ti fanno apporre anche l'impronta digitale dell'indice sinistro, che non si sa mai, magari non hai fatto la visita di leva e non sei schedato.
    • TPK scrive:
      Re: Io ce l'ho già....
      - Scritto da: Anonimo
      P.S. Intanto ti fanno apporre anche l'impronta
      digitale dell'indice sinistro, che non si sa mai,
      magari non hai fatto la visita di leva e non sei
      schedato.Gia'. O magari sei una donna...
      • Anonimo scrive:
        Re: Io ce l'ho già....
        - Scritto da: TPK

        - Scritto da: Anonimo

        P.S. Intanto ti fanno apporre anche l'impronta

        digitale dell'indice sinistro, che non si sa
        mai,

        magari non hai fatto la visita di leva e non sei

        schedato.

        Gia'. O magari sei una donna...Ma a me alla visita di leva mica avevano preso le impronte.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io ce l'ho già....
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: TPK



          - Scritto da: Anonimo


          P.S. Intanto ti fanno apporre anche l'impronta


          digitale dell'indice sinistro, che non si sa

          mai,


          magari non hai fatto la visita di leva e non
          sei


          schedato.



          Gia'. O magari sei una donna...

          Ma a me alla visita di leva mica avevano preso le
          impronte.A me si, nel 1984 (ogni riferimento ad Orwell è puramente casuale)
        • Anonimo scrive:
          Re: Io ce l'ho già....
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: TPK



          - Scritto da: Anonimo


          P.S. Intanto ti fanno apporre anche l'impronta


          digitale dell'indice sinistro, che non si sa

          mai,


          magari non hai fatto la visita di leva e non
          sei


          schedato.



          Gia'. O magari sei una donna...

          Ma a me alla visita di leva mica avevano preso le
          impronte.Ho fatto i tre giorni l'anno scorso e le impronte venivano prese eccome
          • Anonimo scrive:
            Re: Io ce l'ho già....
            - Scritto da: Anonimo
            Ho fatto i tre giorni l'anno scorso e le impronte
            venivano prese eccomeAh ecco si vede che è una cosa che hanno introdotto, perché anni fa non le prendevano.
  • Anonimo scrive:
    Ci penseranno le banche
    Nella legge se non erro c'è la possibilità che le banche ele assicurazioni si propongano come sponsor dell'iniziativa.Bene, cioè male. Se la cosa sarà gestita dalle banche e dalle assicurazioni (come è già successo per i tesserini universitari) i nostri dati saranno a disposizioni di chi conta... i soldi.Pensiamo ai dati sanitari in mano alle assicurazioni, non ditemi che saranno crittografati a prova di bomba, perchè già adesso la banca dati a disposizione dei medici ha delle password ridicole. Quindi prima o poi...Scarlight
  • Anonimo scrive:
    UAUUUUUUU
    peccato che le prefetture italiane non sappiano trovare nemmeno il propietario di un dialer figuriamoci se sanno gestire una cosa del generechi ha fatto denuncia per un dialer sa di cosa parlohanno trovato il tipo che alla fine incassa ?adesso questi pretendono di gestire i dati con sistemi propietari (immaginatevi una bella backdoor fatta anche con i certificati o con il tcpa)al governo sono una manca di imbranati, non conoscono la tecnologia (giocattoli) e pretendono di gestire la vita di tutti.P.S.(in trasca del comune mortale il chip dura si e no 4 gg)e la banda ottica fara si e no 1 anno (CI ridotta a pezza di carta da WC.)questo e' come si riduce il tutto (fisicamente, non per sfottere)
    • Anonimo scrive:
      Re: UAUUUUUUU
      - Scritto da: Anonimo
      peccato che le prefetture italiane non sappiano
      trovare nemmeno il propietario di un dialer
      figuriamoci se sanno gestire una cosa del genere

      chi ha fatto denuncia per un dialer sa di cosa
      parlo
      hanno trovato il tipo che alla fine incassa ?

      adesso questi pretendono di gestire i dati con
      sistemi propietari (immaginatevi una bella
      backdoor fatta anche con i certificati o con il
      tcpa)
      al governo sono una manca di imbranati, non
      conoscono la tecnologia (giocattoli) e pretendono
      di gestire la vita di tutti.

      P.S.
      (in trasca del comune mortale il chip dura si e
      no 4 gg)
      e la banda ottica fara si e no 1 anno (CI ridotta
      a pezza di carta da WC.)
      questo e' come si riduce il tutto (fisicamente,
      non per sfottere)

      basta con questi deliri
      • Anonimo scrive:
        Re: UAUUUUUUU

        basta con questi deliriNon sono l'autore ma vedo nei suoi "deliri" una grande conoscenza della gente comune.Le procedure di sicurezza stanno in 200 pagine, e saranno molto tecniche perche' tutti sappiamo che nessuno puo' vantare l'inviolabilita' del suo sistema.... ne' Bill Gates ne' Linus Torvald.Nei comuni e nelle prefetture non ci vedo dei gran esperti di sicurezza informatica. Nemmeno me lo vedo il sindaco di Canicatti' alle prese con firewall e IDS.Potrebbero fare tutti una bella consulenza esterna ma i soldi non ci stanno.Non so se hai letto che a molte caserme dei Carabinieri hanno limitato il numero di Km di ogni turno di pattuglia PER RISPARMIARE LA BENZINA!!!Dice il saggio: Non si puo' fare nozze con fichi secchi.
      • LinoX scrive:
        Re: UAUUUUUUU
        Macchè deliri... ha una sacrosanta ragione...Voglio vedere come faranno a gestire la sicurezza di tutto ciò.. andrà sicuramente in outsourcing...quando ci saranno i fondi ovviamente...
        • Anonimo scrive:
          Re: UAUUUUUUU
          Io spero bene che i Comuni si rivolgano a dei consulenti. Che male c'è se la pubblica amministrazione dà da lavorare a degli informatici (speriamo italiani).Per quanto riguarda i fondi necessari, si spera che la riduzione dei costi burocratici che la CIE dovrebbe portare li compensi.
    • Anonimo scrive:
      Re: UAUUUUUUU
      - Scritto da: Anonimo
      (in trasca del comune mortale il chip dura si e
      no 4 gg)
      e la banda ottica fara si e no 1 anno (CI ridotta
      a pezza di carta da WC.)
      questo e' come si riduce il tutto (fisicamente,
      non per sfottere)la carta è in standard ISO, vatti a leggere le caratteristiche meccaniche,elettriche e altro specificate nello standard, poi magari torni qui e continui il thread.Hai mai provato a smagnetizzare una carta magnetica ISO qlsasi? ci sei riuscito? non credo...Hai provato a piegare fino a rompere le card ISO con il chip? in quale condizioni hai rotto il chip? secondo te le condizioni riscontrate sono paragonabili all'uso quotidiano? non credo...ma ovviamente basta criticare...
  • Anonimo scrive:
    Il numero della bestia!
    Rifiutiamolo, opponiamoci a questa marchiatura, l'uomo non ha bisogno di essere un numero, siamo persone non cose, non facciamoci togliere quest'ultima dignità, quella di essere uomini.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il numero della bestia!
      - Scritto da: Anonimo
      Rifiutiamolo, opponiamoci a questa marchiatura,
      l'uomo non ha bisogno di essere un numero, siamo
      persone non cose, non facciamoci togliere
      quest'ultima dignità, quella di essere uomini. Non dire cavolate, la carta di identità elettronica ci risparmia ORE ed ORE di fila agli sportelli pubblici, era ora che si muovessero, per lavoro passo più tempo agli sportelli pubblici che con i clienti, da gennaio potrò almeno fare tutto in 5 minuti via internet.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il numero della bestia!
        - Scritto da: Anonimo
        Non dire cavolate, la carta di identità
        elettronica ci risparmia ORE ed ORE di fila agli
        sportelli pubblici, era ora che si muovessero,
        per lavoro passo più tempo agli sportelli
        pubblici che con i clienti, da gennaio potrò
        almeno fare tutto in 5 minuti via internet.Ma bisogna comprare qualche apparecchio dove infilarla?O ti danno una password tipo il bancomat?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il numero della bestia!

        ... da gennaio potrò
        almeno fare tutto in 5 minuti via internet.Da gennaio certamente però gennaio 2012...
      • Anonimo scrive:
        Re: Il numero della bestia!
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        Rifiutiamolo, opponiamoci a questa marchiatura,

        l'uomo non ha bisogno di essere un numero, siamo

        persone non cose, non facciamoci togliere

        quest'ultima dignità, quella di essere uomini.

        Non dire cavolate, la carta di identità
        elettronica ci risparmia ORE ed ORE di fila agli
        sportelli pubblici, era ora che si muovessero,
        per lavoro passo più tempo agli sportelli
        pubblici che con i clienti, da gennaio potrò
        almeno fare tutto in 5 minuti via internet.Su che pianeta ?!!! :D :D :D :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Il numero della bestia!
      - Scritto da: Anonimo
      Rifiutiamolo, opponiamoci a questa marchiatura,
      l'uomo non ha bisogno di essere un numero, siamo
      persone non cose, non facciamoci togliere
      quest'ultima dignità, quella di essere uomini.io sono 5 anni che devo rinnovare la carta d'identità e rimando sempre.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il numero della bestia!
      in questi giorni mi è arrivata la nuova tessera sanitaria elettronica. Uno degli scopi è anche quello di cercare di controllare e gestire meglio.Sono daccordo che le persone non sono numeri, ma la tecnologia può aiutare a vivere meglio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il numero della bestia!
        Già, ma chi la controlla questa tecnologia ? Tu o qualcun altro ? Il mio sospetto non è nei confronti della tecnologia, ma delle persone, ancor più quando ci sono dietro degli interessi contrari ai miei e sui quali non ho alcun potere (vedi banche, assicurazioni, ecc., che bramano impossessarsi dei dati personali di tutti).
      • Anonimo scrive:
        Re: Il numero della bestia!
        - Scritto da: Anonimo
        in questi giorni mi è arrivata la nuova tessera
        sanitaria elettronica. Uno degli scopi è anche
        quello di cercare di controllare e gestire
        meglio.
        Sono daccordo che le persone non sono numeri, ma
        la tecnologia può aiutare a vivere meglio.Ne riparliamo alle prime CIE clonate per fughe di dati da qualche anagrafe. Troppa roba e troppa tutta in un posto solo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il numero della bestia!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          in questi giorni mi è arrivata la nuova tessera

          sanitaria elettronica. Uno degli scopi è anche

          quello di cercare di controllare e gestire

          meglio.

          Sono daccordo che le persone non sono numeri, ma

          la tecnologia può aiutare a vivere meglio.

          Ne riparliamo alle prime CIE clonate per fughe di
          dati da qualche anagrafe. Troppa roba e troppa
          tutta in un posto solo.Intanto i comuni danno allegramente gli elenchi anagrafici alla RAI per tanare gente che non paga l'abbonamento. Immagino che su questi elenchi ci siano solo nominativo, comune e indirizzo: chi mi garantisce del contrario?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il numero della bestia!
            - Scritto da: Anonimo

            Intanto i comuni danno allegramente gli elenchi
            anagrafici alla RAI per stanare gente che non paga
            l'abbonamento. Immagino che su questi elenchi ci
            siano solo nominativo, comune e indirizzo: chi mi
            garantisce del contrario?non ci vedo nulla di male a stanare gli evasori.Non dimentichiamo che si paga anche la addizionale comunale e regionale. Meno evasori=più soldi=migliori servizi. Almeno in teoria.E comunque basta andare all'anagrafe elettorale che puoi liberamente accedere ai dati delle persone. Anche così ti arriva la pubblicità.
          • AnyFile scrive:
            Re: Il numero della bestia!
            - Scritto da: Anonimo
            Intanto i comuni danno allegramente gli elenchi
            anagrafici alla RAI per tanare gente che non paga
            l'abbonamento. Immagino che su questi elenchi ci
            siano solo nominativo, comune e indirizzo: chi mi
            garantisce del contrario?Questi dati di un qualunque cittadino sono comunque ottenibili da un qualunqe cittadino in quanto fanno parte di elenchi pubblici. Basta rivolgersi in anagrafe e chiedrli :-(Meglio ancora rivolgersi all'ufficio elettorale e chiedere di consultare le liste elettorali (se vi chiedono il motivo basta inventarsi qualsiasi scusa, ad esempio che dovete inviare materiale elettorale o che volete raccogliere firme per candidarvi, per chiederel'approvazione di una legge o di un referendum).Questi dati sono pubblici e chi se ne frega della privacy (per inciso la legge sulla tutela dei dati personali NON si applica ai pubblici registri!!!)
        • Anonimo scrive:
          Re: Il numero della bestia!
          Vuoi forse dire che una carta d'identità "cartacea" è impossibile da contraffare?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il numero della bestia!
            - Scritto da: Anonimo
            Vuoi forse dire che una carta d'identità
            "cartacea" è impossibile da contraffare?Semplicemente accedi a meno dati e a dati biometrici (la foto) non facilmente riproducibili....
    • Anonimo scrive:
      Re: Il numero della bestia!

      Rifiutiamolo, opponiamoci a questa marchiatura,
      l'uomo non ha bisogno di essere un numero, siamo
      persone non cose, non facciamoci togliere
      quest'ultima dignità, quella di essere uomini.Semplice esercizio in 3 mosse:1) prendi la tua carta d'identità cartacea;2) leggi il codice alfanumerico presente sotto la scritta "CARTA D'IDENTITA`";3) medita.Se ne possono aggiungere a piacere, di mosse.Ad esempio:n) conta quante fotografie devi dare al Comune per rinnovare la carta d'identità (per inciso, tre);n+1) conta quante fotografie ti vengono rese con la carta d'identità una volta fatta (per inciso, una);n+2) conta quante fotografie devi dare al Comune per richiedere un duplicato in caso di smarrimento della carta d'identità precendentemente emessa (per inciso, sempre tre);n+3) medita.
Chiudi i commenti