Nautilus 1.0, zucchero per Linux

Nautilus promette che riuscirà ad addolcire la pillola, in questo caso Linux, e rendere questo sistema operativo facile ed intuitivo come Windows o MacOS. L'obiettivo è spingere finalmente Linux sul mercato desktop
Nautilus promette che riuscirà ad addolcire la pillola, in questo caso Linux, e rendere questo sistema operativo facile ed intuitivo come Windows o MacOS. L'obiettivo è spingere finalmente Linux sul mercato desktop


Web – Dopo oltre un anno di lavoro, Eazel rilascia la versione 1.0 di Nautilus, un nuovo front-end integrato con l’ambiente desktop Gnome che promette di rendere Linux più intuitivo e facile da utilizzare.

Nautilus non è un ambiente desktop ma un’interfaccia utente che si appoggia su Gnome e porta con sé una filosofia che cerca di prendere quanto c’è di meglio negli attuali ambienti a finestre.

L’obiettivo di Nautilus è quello di portare in Linux ed in altri sistemi aperti un ambiente grafico davvero integrato, che possa offrire “di serie” un’insieme di strumenti, API e wizard in grado di mettere l’utente desktop nelle condizioni di apprendere un solo tipo di interfaccia, un solo look and feel ed un solo sistema di comando.

Fra le funzionalità di Nautilus vi sono anche diversi servizi on-line integrati, servizi attraverso cui Eazel conta di guadagnare, visto che il software è free e pubblicato sotto licenza GPL.

Eazel, fondata da alcuni ex dipendenti di AOL e Apple, ha già stretto accordi con Dell, Sun e Red Hat per fare di Nautilus il front-end standard dei loro sistemi o distribuzioni Unix/Linux.

La nuova versione 1.0 di Nautilus è disponibile per il download sia in versione codice sorgente sia in versione RPM per Red Hat Linux 6 e 7.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 03 2001
Link copiato negli appunti