Navigazione indoor? C'è un'app

La navigazione all'interno degli edifici pubblici? Basta il magnetometro presente negli smartphone moderni. Ora la startup europea è pronta a sviluppare un ecosistema di app

Roma – Alzare lo sguardo dal cellulare quando ci si trova negli edifici pubblici per orientarsi nel percorso da seguire? Troppa fatica, meglio un’app: la startup finlandese IndoorAtlas dice di aver risolto il “problema” della navigazione indoor con l’utilizzo intelligente dei magnetometri presenti all’interno degli smartphone moderni.

Dove non arriva il segnale GPS arrivano le app di IndoorAtlas: la bussola dello smartphone viene in questo caso utilizzata per riconoscere le piccole variazioni rispetto al campo magnetico terrestre, variazioni provocate dalla presenza di scaffali, pareti e altro genere di “ostacolo” comunemente presente negli edifici ad accesso pubblico.

Con una precisione dichiarata di 10 cm, la tecnologia finlandese si premura di rendere “più facile” la navigazione in biblioteche, centri commerciali e luoghi affini grazie all’utilizzo di mappe precalcolate accessibili attraverso il sistema che IndoorAtlas ha chiamato Indoor Positioning System (IPS).

Nato da un ricerca condotta presso l’Università di Oulu, IPS è al momento in stato di beta e la società produttrice è alla ricerca di partner per creare un vero e proprio “ecosistema di app” in grado di sfruttare la nuova tecnologia sotto forma di API.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Number 6 scrive:
    Soluzione semplicissima!
    Mandiamo le scorie nucleari sulla Luna![yt]8WZW4groJro[/yt]Tanto cosa può mai succedere?
  • Silvan scrive:
    Similitudini
    La storia dell'Isola di Pasqua è ammonimento e presagio per l'umanità, se continua con la sua folle corsa verso il diastro planetario.
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: Similitudini
      - Scritto da: Silvan
      La storia dell'Isola di Pasqua è ammonimento e
      presagio per l'umanità, se continua con la sua
      folle corsa verso il diastro
      planetario.In realtà la storia dell'isola di Pasqua insegna che non è la tecnologia ad essere il problema dell'uomo, ma è l'uomo stesso ed è peggio quando è ignorante come un selvaggio
  • legale o scrive:
    bisogna fare un buco
    bisognerebbe fare un buco profondo tipo 100 km e buttarci tutto dentro e poi tapparlo, manco la deriva dei continenti lo scalfirebbe.
  • dimmi chi sei scrive:
    ma non è più semplice
    "tramandare" questa cosa ad ogni "generazione"?cioè come si fa già adesso... le scoperte di 100/200/300 anni fa non è che si sono conservate tramite strani metodi, semplicemente nelle università ci sono professori e alunni che imparano, che poi a loro volta insegneranno...
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: ma non è più semplice
      - Scritto da: dimmi chi sei
      "tramandare" questa cosa ad ogni "generazione"?

      cioè come si fa già adesso... le scoperte di
      100/200/300 anni fa non è che si sono conservate
      tramite strani metodi, semplicemente nelle
      università ci sono professori e alunni che
      imparano, che poi a loro volta
      insegneranno...E daje... la tesi dietro questa follia parte da quella di quei cosi tipo WWF o Greenpeace che prospetta una guerra nucleare a breve (o altra calamità da finimondo tipo epidemia letale, meteorite gigante, invasione di zombie, locuste...) per cui l'umanità non raggiungerà un livello tecnologico tale da rendere le scorie preziose materie prime o comunque "trasmutarle" o metterle in qualcosa di assolutamente sicuro o anche sconfiggere il cancro ed i danni al dna rendendo innocuo il contatto con le scorie. Magari con la modificazione genetica così che pure la discendenza lo sia (farebbe comodo pure per lo spazio).Tutta roba che, senza apocalisse, è raggiungibile entro i prossimi 100 anni (alcune cose si possono già fare) quindi devono diffondere quella ipotesi altrimenti il problema scorie sarebbe ovviamente un falso problema
      • Funz scrive:
        Re: ma non è più semplice
        - Scritto da: Surak 2.0
        - Scritto da: dimmi chi sei

        "tramandare" questa cosa ad ogni "generazione"?



        cioè come si fa già adesso... le scoperte di

        100/200/300 anni fa non è che si sono conservate

        tramite strani metodi, semplicemente nelle

        università ci sono professori e alunni che

        imparano, che poi a loro volta

        insegneranno...

        E daje... la tesi dietro questa follia parte da
        quella di quei cosi tipo WWF o Greenpeace che
        prospetta una guerra nucleare a breve (o altra
        calamità da finimondo tipo epidemia letale,
        meteorite gigante, invasione di zombie,
        locuste...) per cui l'umanità non raggiungerà un
        livello tecnologico tale da rendere le scorie
        preziose materie prime o comunque "trasmutarle" o
        metterle in qualcosa di assolutamente sicuro o
        anche sconfiggere il cancro ed i danni al dna
        rendendo innocuo il contatto con le scorie.
        Magari con la modificazione genetica così che
        pure la discendenza lo sia (farebbe comodo pure
        per lo
        spazio).
        Tutta roba che, senza apocalisse, è raggiungibile
        entro i prossimi 100 anni (alcune cose si possono
        già fare) quindi devono diffondere quella ipotesi
        altrimenti il problema scorie sarebbe ovviamente
        un falso
        problemaTu non hai capito che nessuno prevede il ritorno all'età della pietra o sciocchezze da film apocalittico (nessuno sano di mente, almeno!).Ma un medioevo nel futuro prossimo, dopo che il collasso economico che sta iniziando avrà portato al collasso degli Stati, quello è assai probabile.
        • Surak 2.0 scrive:
          Re: ma non è più semplice
          - Scritto da: Funz
          Tu non hai capito che nessuno prevede il ritorno
          all'età della pietra o sciocchezze da film
          apocalittico (nessuno sano di mente,
          almeno!).E chi ha detto che chi crede al WWF o Greenpeacentology lo debba essere? Anzi...
          Ma un medioevo nel futuro prossimo, dopo che il
          collasso economico che sta iniziandoSta iniziando dove e come?Non è che la crisi in Occidente, il fastidio in un'altra parte del mondo o la prosperità del resto indichino che il mondo tornerà al Medioevo (quello magari è nei sogni del dittatore del Qatar).mentre noi annaspiamo guidati da cialtroni laureati o meno, ci sono posti in cui la crescita corre beatamente (e ci sono anche posti insospettabili): http://www.indexmundi.com/g/r.aspx?v=66&l=itSe poi dici che gli americani sono riamsti dei selvaggi, posso pure concordare
          avrà portato
          al collasso degli Stati, quello è assai
          probabile.E secondo te la crisi economica farebeb scordare cosa siano le scorie o la radioattività? Senza contare che se leggi questo sito, avrai visto che pure con la crisi le scoperte scientifiche continuano ad arrivare..altro che ritorno al Medioevo.Questa tesi è ancora meno credibile di una sciagura planetaria che riporti l'umanità, non dico all'età dela pietra, ma a quella del rame.
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: ma non è più semplice
            - Scritto da: Surak 2.0
            Questa tesi è ancora meno credibile di una
            sciagura planetaria che riporti l'umanità, non
            dico all'età dela pietra, ma a quella del rame.Ma basta leggere le tue baggianate per capire che l'involuzione dell'umanità e moolto avanza
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: ma non è più semplice
            - Scritto da: Surak 2.0
            - Scritto da: Surak 2.0

            Questa tesi è ancora meno credibile di una

            sciagura planetaria che riporti l'umanità,
            non

            dico all'età dela pietra, ma a quella del
            rame.
            Ma basta leggere le tue baggianate per capire che
            l'involuzione dell'umanità e moolto
            avanzaChe c'entro io con l'umanità, XXXXXXXX d'un troll?Chi cavolo sei poi? Antola? il livello d'idiozia e capacità trolliche sembrano quelle
          • Funz scrive:
            Re: ma non è più semplice
            - Scritto da: Surak 2.0
            - Scritto da: Funz


            Tu non hai capito che nessuno prevede il
            ritorno

            all'età della pietra o sciocchezze da film

            apocalittico (nessuno sano di mente,

            almeno!).

            E chi ha detto che chi crede al WWF o
            Greenpeacentology lo debba essere?
            Anzi...


            Ma un medioevo nel futuro prossimo, dopo che
            il

            collasso economico che sta iniziando

            Sta iniziando dove e come?
            Non è che la crisi in Occidente, il fastidio in
            un'altra parte del mondo o la prosperità del
            resto indichino che il mondo tornerà al Medioevo
            (quello magari è nei sogni del dittatore del
            Qatar).
            mentre noi annaspiamo guidati da cialtroni
            laureati o meno, ci sono posti in cui la crescita
            corre beatamente (e ci sono anche posti
            insospettabili):

            http://www.indexmundi.com/g/r.aspx?v=66&l=it
            Se poi dici che gli americani sono riamsti dei
            selvaggi, posso pure
            concordare


            avrà portato

            al collasso degli Stati, quello è assai

            probabile.

            E secondo te la crisi economica farebeb scordare
            cosa siano le scorie o la radioattività? Senza
            contare che se leggi questo sito, avrai visto che
            pure con la crisi le scoperte scientifiche
            continuano ad arrivare..altro che ritorno al
            Medioevo.
            Questa tesi è ancora meno credibile di una
            sciagura planetaria che riporti l'umanità, non
            dico all'età dela pietra, ma a quella del
            rame.tu dimentichi che tutto il sistema si basa su un fiume di petrolio e altre materie prime a basso costo. Si prosciuga quello, la civiltà attuale finisce. Cosa viene dopo è tutto da vedere, ammesso che non ci inceneriamo in una guerra atomica, il che è sempre possibile.
    • shinken scrive:
      Re: ma non è più semplice
      - Scritto da: dimmi chi sei
      "tramandare" questa cosa ad ogni "generazione"?

      cioè come si fa già adesso... le scoperte di
      100/200/300 anni fa non è che si sono conservate
      tramite strani metodi, semplicemente nelle
      università ci sono professori e alunni che
      imparano, che poi a loro volta
      insegneranno...Fino a che punto il sistema è stabile?Una conoscenza vecchia di 2000-3000 anni potrebbe essere interpretata come una leggenda.Le Uni poi possono essere sensibili a sconvolgimenti sociali o grandi eventi catastrofici, parte della conoscenza potrebbe andare perduta.
  • gianni scrive:
    e chi conserva il disco ?
    Le informazioni dureranno milioni d anni... ma il supporto chi lo conserva? Dove?Stoccaggio dentro le piramidi e amen :-)
    • calunnioso scrive:
      Re: e chi conserva il disco ?
      - Scritto da: gianni
      Le informazioni dureranno milioni d anni... ma il
      supporto chi lo conserva?
      Dove?

      Stoccaggio dentro le piramidi e amen :-)Sì perché le piramidi durano 10 milioni di anni adesso. (rotfl) Se arrivano a 100.000 anni è già un miracolo.
      • shinken scrive:
        Re: e chi conserva il disco ?
        - Scritto da: calunnioso
        - Scritto da: gianni

        Le informazioni dureranno milioni d anni... ma
        il

        supporto chi lo conserva?

        Dove?



        Stoccaggio dentro le piramidi e amen :-)

        Sì perché le piramidi durano 10 milioni di anni
        adesso. (rotfl) Se arrivano a 100.000 anni è già
        un
        miracolo.Ma in fondo l' umanità durerà 10 milioni di anni?( e tutti cercano qualcosa da "toccare")Sarà che sono per la vecchia teoria evoluzionistica , però 10 milioni di anni sono tantini, gli umani non saranno più homo sapiens..saranno progrediti o estinti ( la seconda la vedo più pobabile)
        • legale o scrive:
          Re: e chi conserva il disco ?
          +100
        • calunnioso scrive:
          Re: e chi conserva il disco ?
          - Scritto da: shinken
          - Scritto da: calunnioso

          - Scritto da: gianni


          Le informazioni dureranno milioni d anni... ma

          il


          supporto chi lo conserva?


          Dove?





          Stoccaggio dentro le piramidi e amen :-)



          Sì perché le piramidi durano 10 milioni di anni

          adesso. (rotfl) Se arrivano a 100.000 anni è già

          un

          miracolo.

          Ma in fondo l' umanità durerà 10 milioni di anni?
          ( e tutti cercano qualcosa da "toccare")

          Sarà che sono per la vecchia teoria
          evoluzionistica , però 10 milioni di anni sono
          tantini, gli umani non saranno più homo
          sapiens..saranno progrediti o estinti ( la
          seconda la vedo più
          pobabile)Quasi sicuramente non ci arrivano. La vedo difficile già a 1 milione.
  • attonito scrive:
    soluzione semplice e geniale
    Segnalare un posto tabu? Al solito, teschio infilzato su una lancia.Chi passa il segno, se la va a vercare: che siano sabbie mobili, coccodrilli o scorie nucleari.MAI sorpassare i teschi sulla lancie, lo sanno anche i sassi. E' un messaggio universale che prescinde da lingua e cultura: teschio=morte.Se poi se la vogliono andare a cercare, XXXXX loro.
  • Surak 2.0 scrive:
    Spero che sia uno scherzo
    Cioè...c'è gente che sta lì a pensare a come scrivere su un disco di 20 centimetri di diametro 40 mila pagine miniaturizzate per avvisare della gente di tot migliaia di anni nel futuro e prende pure uno stipendio?Se nella fantasiosa ricostruzione degli ecoterroristi, l'idea è che a breve ci sia un ritorno all'età della pietra e quei selvaggi che verrebbero dopo non avendo conoscenze tecnologiche potrebbero ritrovarsi a giocherellare con le scorie dissepolte non si sa come, ma qui si presume che i ritrovatori abbiano una tecnologia tale da conoscere almeno il microscopio con una capacità tale da permettere di leggere lettere di dimensioni tali da poter formare 40 mila pagine e dopo aver capito che devono separare il disco scritto dal disco di protezione, ma a quel punto è probabile che già conoscano le radiazioni o che siano arrivati alle scorie...oppure non consocendo le prime, non sappiano di cosa diavolo stiano parlando.Ci sono già tante ide di comeutilizzare le scorie o renderle più gestibili, queste buffonate dovrebbero lasciarle inventare ai soliti "apocalisti"
  • uno qualsiasi scrive:
    Grandioso!
    Così, tra qualche secolo, si spargerà la voce: una caverna contenente un favoloso tesoro, costituito da gioielli in platino e zaffiro, lavorati con una precisione degna dei migliori orafi per realizzare incisioni piccolissime... solo che questo tesoro è maledetto: chiunque entri nella caverna per prenderlo, si ammalerà, perderà i capelli, gli verrà un tumore e gli nasceranno figli deformi.Usare materiali preziosi non è una buona idea, se si vuole produrre qualcosa destinato a durare nel tempo: i materiali preziosi attirano i saccheggiatori. E attirarli proprio nel deposito di scorie radioattive non è una buona idea.
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: Grandioso!
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Così, tra qualche secolo, si spargerà la voce:...7+
    • attonito scrive:
      Re: Grandioso!
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Usare materiali preziosi non è una buona idea, se
      si vuole produrre qualcosa destinato a durare nel
      tempo: i materiali preziosi attirano i
      saccheggiatori. E attirarli proprio nel deposito
      di scorie radioattive non è una buona
      idea.ma infatti: si sono XXXXXXX le pietre delle piramidi, il piombo dal Colsseo, figurati se lasciano li dischi di rubino: finirebbero direttamente al collo del capotribu' del futuro come simbolo di potere e ciao.
    • il signor rossi scrive:
      Re: Grandioso!
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Così, tra qualche secolo, si spargerà la voce:
      una caverna contenente un favoloso tesoro,
      costituito da gioielli in platino e zaffiro,
      lavorati con una precisione degna dei migliori
      orafi per realizzare incisioni piccolissime...
      solo che questo tesoro è maledetto: chiunque
      entri nella caverna per prenderlo, si ammalerà,
      perderà i capelli, gli verrà un tumore e gli
      nasceranno figli
      deformi.

      Usare materiali preziosi non è una buona idea, se
      si vuole produrre qualcosa destinato a durare nel
      tempo: i materiali preziosi attirano i
      saccheggiatori. E attirarli proprio nel deposito
      di scorie radioattive non è una buona
      idea.Ah ah, non è male! Magari gli antichi Egizi avevano fatto lo stesso ragionamento... "Mettiamo nella tomba di Tutankhamon degli avvertimenti, e per renderli facilmente comprensibili li scriviamo utilizzando dei pittogrammi..." :-)
  • michele d. scrive:
    lingue
    ad occhio e croce l'idea non è male ma le lingue si evolvo per, se noi non siamo in grado di leggere in Lineare A che ha appena 2500 anni, come possiamo essere sicuri che tra soli 10000 anni saranno in grado di leggere l'italiano o l'inglese? D'altronde è presumibile che tra qualche centinaio d'anni " i posteri" saranno in grado di maneggiare le scorie nucleari molto meglio di noi e di liberarsene totalmente magari gettandole nel sole.
    • attonito scrive:
      Re: lingue
      - Scritto da: michele d.
      ad occhio e croce l'idea non è male ma le lingue
      si evolvo per, se noi non siamo in grado di
      leggere in Lineare A che ha appena 2500 anni,
      come possiamo essere sicuri che tra soli 10000
      anni saranno in grado di leggere l'italiano o
      l'inglese? D'altronde è presumibile che tra
      qualche centinaio d'anni " i posteri" saranno in
      grado di maneggiare le scorie nucleari molto
      meglio di noi e di liberarsene totalmente magari
      gettandole nel
      sole.quello solo in star trek: prova ad immaginarti un vettore carico di scorie che esplode (vedi challenger) magari proprio sopra casa tua... seccante, vero?
      • krane scrive:
        Re: lingue
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: michele d.

        ad occhio e croce l'idea non è male ma le lingue

        si evolvo per, se noi non siamo in grado di

        leggere in Lineare A che ha appena 2500 anni,

        come possiamo essere sicuri che tra soli 10000

        anni saranno in grado di leggere l'italiano o

        l'inglese? D'altronde è presumibile che tra

        qualche centinaio d'anni " i posteri" saranno in

        grado di maneggiare le scorie nucleari molto

        meglio di noi e di liberarsene totalmente magari

        gettandole nel

        sole.
        quello solo in star trek: prova ad immaginarti un
        vettore carico di scorie che esplode (vedi
        challenger) magari proprio sopra casa tua...
        seccante, vero?Caz !!! Allora e' meglio evitare di trasportalte anche sui camion che potrebbero esplodere e mettere in centrali che potrebbero esplodere anche loro.Anzi meglio non estrarlo affatto e mettere i segnali per non far avvicinare la gente alla zona (ma i paletti dei segnali vanno piantati piano e delicatamente in modo da non far esplodere niente)
        • legale o scrive:
          Re: lingue
          Non è sicuro trasportare scorie su un missile carico di esplosivo pronto a scoppiare da un momento all'altro, daltronde la percentuale di fallimento nei lanci spaziali non permette nemmeno di pensarci a gettare la nostra mondezza nel sole.
          • krane scrive:
            Re: lingue
            - Scritto da: legale o
            Non è sicuro trasportare scorie su un missile
            carico di esplosivo pronto a scoppiare da un
            momento all'altro, daltronde la percentuale di
            fallimento nei lanci spaziali non permette
            nemmeno di pensarci a gettare la nostra mondezza
            nel sole.Quindi quale parte di: "tra qualche centinaio d'anni" non hai capito ?
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: lingue
            - Scritto da: legale o
            Non è sicuro trasportare scorie su un missile
            carico di esplosivo pronto a scoppiare da un
            momento all'altro, daltronde la percentuale di
            fallimento nei lanci spaziali non permette
            nemmeno di pensarci a gettare la nostra mondezza
            nel
            sole.E meno male che siamo in un sito che tratta di informatica e tecnologia (ed affini), figuriamoci se era un sito di punto e croce.Intanto il problema principale sarebbe quello dei costi almeno per ora, ma poi che senso avrebeb spendere quei soldi per roba che a breve diventerà materia prima? Ovviamente non tutta, ma intanto conserviamola da parte.Volendo poi esistono già materiali e recnologie capaci di resistere all'esplosione pure di un razzo e relativa ricaduta nell'atmosfera... mica parliamo di persone o esistono anche ipotesi di sistemi di lancio che non prevedono la "fiammata". Il problema però è che dovrebbe avere una spinta oltre la velocità di fuga, altrimenti al massimo resta in orbita, quindi è costoso.Se poi anche cadesse un razzo carico e bruciasse nell'atmosfera, é stato calcolato, l'aumento di radioattività nel mondo rispetto al naturale (hai presente che pure un sasso per strada contiene uranio?) sarebbe infinetesimale, tanto è vero che qualcuno aveva proposto la cosa come soluzione (quindi far bruciare tanti "carichi")
        • bertuccia scrive:
          Re: lingue
          - Scritto da: krane

          Anzi meglio non estrarlo affatto e mettere i
          segnali per non far avvicinare la gente alla zona
          (ma i paletti dei segnali vanno piantati piano e
          delicatamente in modo da non far esplodere
          niente) (rotfl)
Chiudi i commenti