Nel 2007 il cellulare l'avranno tutti

La mettono così gli esperti di Analysis Research. In Europa ben pochi potranno permettersi di non avere il cellulare o non l'avranno perché non potranno permetterselo. UMTS a go-go


Milano – Ogni cittadino europeo avrà entro il 2007 almeno un cellulare e questo segnerà un mercato che avrà raggiunto il massimo della maturità e della saturazione, cosa che spingerà i produttori a sudare altre camicie per convincere gli utenti a buttare via i propri cellulari e a sostituirli con apparecchi nuovi da presentare invariabilmente come più performanti, ammiccanti o belli.

Queste le conclusioni cui è giunta la società di analisi Analysis Research che in un suo rapporto evidenzia una crescita esponenziale nell’acquisto di SIM e cellulari da parte degli europei, sia per lavoro che per il tempo libero. Inoltre, sottolineano gli analisti, già adesso in Italia, Svezia e Gran Bretagna il rapporto tra abitanti e cellulari è di 1 a 1. Cosa che invece non accade in Francia, dove i numeri parlano di una penetrazione pari a circa il 65-70%.

Nonostante in alcuni Paesi la penetrazione dei telefonini sia già tendente e vicina al 100%, le opportunità di crescita non mancheranno da qui al 2007 e la partita si giocherà tutta sull’offerta di servizi e di proposte economiche: saranno dunque gli operatori a contendersi l’utenza a colpi di nuove offerte, promozioni, pacchetti. Cosa che accade già adesso in Italia, dove la concorrenza è spietata e agguerrita.

A sostenere la crescita del mercato europeo saranno anche e soprattutto i cellulari UMTS e, di conseguenza, i servizi aggiuntivi offerti dai player per sfruttarne al massimo le capacità e le caratteristiche. Ci sarà in Europa anche un altro fenomeno: gli utenti tenderanno a passare dalle prepagate agli abbonamenti, modello di mercato adottato soprattutto nel Nord Europa. Il che trainerà il mercato, poiché gli abbonamenti servono agli operatori per stabilizzare l’ARPU (Average Revenue Per User).

Nonostante ciò, i ricercatori della Analysis Research confermano che in molti casi, come per esempio l’Italia, il modello delle carte prepagate permetterà una penetrazione capillare della telefonia mobile all’interno di tutte le fasce sociali, senza alcun tipo di perdita economica da parte degli operatori.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    grazie an
    mi sono trovato per caso vicino ad un deputato an che inconsciamente mi ha infettato il cell il giorno dopo l ho rincontrato gli ho fatto presente la cosa ha portato il telefono in assistenza li gli hanno confermato la mia teoria la cosa più bella che non solo non mi ha ringraziato ma non si è neanche scusato grazie AN
  • Anonimo scrive:
    Aaaattentato! Anzi, peggio...
    "per infettare un cellulare tramite Bluetooth bisogna puntare un telefonino nel raggio di pochi metri"Quindi non era uno degli avversari ad avere condotto l'intrusione, ma, ancora peggio, un infiltrato nel suo stesso schieramento!
  • Anonimo scrive:
    ATTENTATO !!!!!!
    Questa cosa dell'attacco telematico e' stupefacente nella sua comicita' ... e mi stupisce che Emilio non ci abbia ricamato su uno dei suoi spettacolini di cabaret che ancora si ostina a chiamare tg.Questi signori della maggioranza sono veramente alla disperazione se arrivano al punto di diffondere allarmismi inutili, quando la spiegazione piu' corretta e' quella che ho visto su un altro post (certo nessun signor onorevole ammettera' mai di avere scaricato software crakkato, per carita' diddio).Cazzarola, viviamo in una nazione veramente spettacolare, credo che ormai si dimostrino cosi' cialtroni da essere perfino un po' simpatici.
    • Anonimo scrive:
      Re: ATTENTATO !!!!!!
      quoto in pieno!Fa conto che quando succede qualcosa di "grave" la prima cosa che faccio è guardare il tg di fede x ridere di quello che dice..
  • Anonimo scrive:
    E il deputato di An...
    ...come se lo è beccato Cari.Be ?Dunque, riassumiamo un po' come si prendono i virus via bluetooth.Un cellulare serie 60, infetto da Cari.Be invia il virus con il BT a tutti i cellulari con BT attivo e visibili in zona ( ~10 metri).I cellulari non Symbian Serie 60 riceveranno un mms che non potranno aprire e quindi loro proprietari cestineranno il msg sconosciuto.I cellulari S60 invece possono leggere il msg però prima di installare un qualunque programma (perchè il Cari.Be è alla fine un programma che si diffonde con file .sis come tutti i pacchetti di installazione symbian) chiedono conferma al proprietario: "Questo file è di provenienza ignota (nel caso il file non sia stato scaricato da organi regolari tipo rivenditori autorizzati) vuoi installarlo veramente ?" questo, più o meno, viene chiesto, parentesi a parte.Dunque, se il file è di origine riconosciuta, provviene da un server autorizzato e non può avere il virus.Caso diverso se il file è stato scaricato da un posto non autorizzato (tipo sito warez), succede infatti che alcuni programmi craccati abbiano al loro interno la sorpresina...Quindi il deputato che ha iniziato tutto ha scaricato qualcosa che non doveva e con lui tutti gli altri, ma che hanno installato di così interessante, il santino di silvio e cmq era proprio necessario installarlo piratato ?Chi ha cominciato il tutto ? Per me comincia con U....
Chiudi i commenti