Nel Walkman gira un cellulare

E' un ibrido il dispositivo che Sony Ericsson si appresta a lanciare sul mercato. Obiettivi: fronteggiare l'avanzata di iPod e rilanciare il negozio di musica Sony Connect


Cannes – Con uno degli esperimenti più azzardati nella storia ultraventennale del Walkman, Sony si appresta a svecchiare uno dei suoi tradizionali prodotti incrociandolo con un telefono cellulare. Il risultato sarà un dispositivo a metà strada fra un videofonino multimediale e un player audio portatile vero e proprio.

Il “walkfonino”, che verrà commercializzato dalla joint venture tra Sony e Ericsson , si baserà su di una memoria flash di piccola o media capienza e supporterà standard aperti come MP3, AAC e lo standard di digital rights management dell’OMA.

Sony Ericsson conta di lanciare il nuovo dispositivo a marzo in concomitanza con una campagna promozionale che farà soprattutto leva sullo storico marchio Walkman.

La speranza del colosso giapponese è quella di rilanciare il proprio servizio di musica on-line Connect partendo proprio dal promettente mercato mobile. Con il nuovo telefono ibrido sarà infatti possibile acquistare musica dal suo negozio on-line nel formato proprietario ATRAC, lo stesso supportato in tutti i più recenti Walkman.

E’ interessante notare come il vice presidente di Sony Ericsson, Rikko Sakaguchi, abbia tenuto a sottolineare la compatibilità fra il nuovo Walkman-cellulare e il formato AAC (senza DRM) utilizzato dall’iPod. Un chiaro segnale, se ci fossero stati dei dubbi, di come Apple sia il primo bersaglio delle nuove e aggressive politiche lanciate da Sony nel settore della musica digitale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: AAC su Nokia , su Motorola , su Win
    più che una questione di standard è una questione di numeriitunes è stato il primo e più fortunato venditore di contenuti digitali vendendo centinaia di milioni di files musicali, e l'ipod è diventato un must (soprattutto a causa del suo design, ma anche in base alla sua funzionalità.) quindi chi costruisce telefoni cellulari e si prepara a farne uno strumento d'intrattenimento musicale è ben attento a che il suo cell sia in grado di leggere anche il formato con cui itunes vende i propri files.se itunes avesse venduto questi files in formato ogg , o flac, o au, o aiff, o , il suddetto costruttore avrebbe fatto in modo che il proprio cell leggesse tali formati.
  • Sandro kensan scrive:
    AAC su Nokia , su Motorola , su Win
    La notizia di ieri era che la Nokia ha richiesto che su windows media player funzioni il formato AAC, Motorola supporta l'AAC, mi pare che questo formato stia prendendo piede massicciamente (parlando di telefonini i numeri sono stratosferici in confronto a quelli dei PC).Non so gli altri produttori ma quel che decideranno loro sarà il nuovo standard mondiale non solo in fatto di sistemi operativi (il mercato è numericamente spartito tra symbian (numeri elevatissimi) e linux (bassi numeri)) ma anche in fatto di formati audio.Ricordo che il mercato dei PC è un mercato di nicchia se comparato a quello dei cellulari e che nei cell decidono i produttori che sistema operativo installare e che formato audio è lo standard.Ancora ricordo che la maggior parte delle persone usa solo il cellulare, il PC è un oggetto misterioso e che l'interoperabilità tra il mondo dei computer e quello dei cellulari interessa una piccola minoranza della popolazione italiana, popolazione che possiede quasi interamente almeno un cellulare a testa.
Chiudi i commenti