Nessun antifurto per i cellulari

Tutto ciò che si potrà fare dal 30 giugno sarà chiedere al proprio operatore di bloccare il cellulare rubato. Il telefonino uccel di bosco funzionerà comunque all'estero


Roma – Ci sono voluti lunghi mesi di faticose trattative tra i diversi operatori di telefonia mobile per riuscire a partorire un sistema che viene ora promosso un po’ ovunque come “antifurto per cellulari” ma che, invece, si ferma ad una sorta di rappresaglia ad alta tecnologia contro i ladri di telefonini.

Con l’arrivo dell’estate, la stagione nella quale più elevato è il numero di furti, e precisamente dal 30 giugno, gli utenti a cui venisse sottratto il telefonino potranno contattare il proprio operatore mobile e chiederne il blocco . Non avranno indietro l’oggetto ma avranno almeno la soddisfazione di poter infastidire il ladro pur essendo comunque costretti a comprare un nuovo telefonino.

Sul piano tecnico, il blocco viene effettuato attraverso l’ IMEI , il numero che identifica in modo univoco tutti i cellulari: in caso di furto i carrier inibiranno l’uso del telefonino al quale corrisponda l’IMEI comunicato dalla vittima del furto.

Il sistema è sofisticato non solo perché richiede una piattaforma di scambio di informazioni tra i diversi operatori ma anche perché, qualora l’abbonato non ricordi l’IMEI del proprio cellulare, questo potrà nella maggior parte dei casi essere comunque individuato: basterà che l’utente comunichi all’operatore le ultime quattro telefonate effettuate (per visualizzare l’IMEI sul cellulare è sufficiente digitare: *#06#).

Il registro dei codici IMEI bloccati secondo l’ Autorità TLC , che ha spinto per il varo del nuovo sistema, dovrebbe avere un valore deterrente e far sì che i ladri di cellulari si dedichino ad altre discipline. A giocare contro questa prospettiva è comunque il fatto che i telefonini bloccati in Italia potranno essere utilizzati all’estero.

Secondo Alessandro Luciano, commissario dell’Authority, “la funzionalità di blocco del codice IMEI porta l’Italia all’avanguardia nella tutela dei consumatori contro quella microcriminalità che provoca circa un milioni di furti di apparati all’anno”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Eccola !! L'innovazione !!!
    ricordo che la lista degli accessori indicati e'Copyright esclusivo dello scrivente.qualsiasi produttore di telefoni o gestore interessata a uno di quste nuove tecnologie dovrà per iniziare le trattative fornendo una settimana di vacanze con le testimonial femminili della loro compagnia (spero che il cane sia maschio)Comincerei con una bella carta di credito wifi poi metterei anche un debrifilatore nel caso tisniffino il numero della carta, una dose di morfina in caso ti trovi in area di guerra e venga ferito , un gps per ritrovare la strada di casa quando sei troppo briaco per farlo , a seguire un etilometro integrato , una torcia elettrica , un puntatore laser quando sul treno dei pendolari vuoi illustrare la politica economica del Burundi.Un cavatappi per festeggiare l'ennesima sconfitta dell'italia , una lavagna magnetica arrotolabile per fare i conti del supermercato.Un lampeggiante arancione nel caso ti si fermi la macchina da usarsi assieme al giacchettino CE ripiegato nell'apposito vano del telefonino ,Una forchetta e un coltello ripiegabili , un miniaspiratore per togliere le briciole dal cruscotto della seicento , un accendino al napalm da utilizzarsi anche come dissuasore in caso di aggressione , un mulinello d apesca con amo per una pescatina di frodo.
  • Anonimo scrive:
    Ci accontentano come i bambini..
    Coem sempre sperano sempre di aumentare le vendite allegando gadget a non finire su qualcosa che ci serve...Chi usa il cellulare vuole un telefono che funzioni, e che funzioni bene e non mille cagatine per fare le faccine nei messaggini tra i bambini..Dateci questo maledetto collegamento Internet ad alta velocità in modalità flat...Il gprs è ancora insufficiente, ma già l'edge di Tim va benissimo..solo che si paga ancora a consumo...cosa che non piace a nessuno.Il primo operatore che offrirà connettività con velocità almeno di 100/200 Kbit/sec a forfait ad un prezzo accettabile per me vincerà tutte le altre sfide...altro che gadgets..(non chiamiamo ancora quella di omnitel umts flat)CiaoCrazy
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci accontentano come i bambini..

      Chi usa il cellulare vuole un telefono che
      funzioni, e che funzioni bene e non mille
      cagatine per fare le faccine nei messaggini
      tra i bambini..
      ma hai mai visto un gruppetto di ragazzini/ine che si inviano a 2m di distanza foto, iconcine e suonerie?sono loro i clienti delle telco, quelli che papiiii, ho finito la carica del cellu, me la ricarichiii?
Chiudi i commenti