Netscape6, verso l'infinito e oltre

Dal timone di una nave alla plancia di comando di StarTrek. La preview di Netscape ammalia e diverte. Il perché è presto detto



Web – Download completato. Solo 200k? Il mistero è presto risolto, tutti gli altri file, solo quelli desiderati, se li va a prendere via Ftp on line. I server non danno il massimo, quante persone ci saranno contemporaneamente on line a scaricare?

Un download di quelli che riportano indietro nel tempo, ai modem 14.400 e il numero dei “k” che avanzava di uno in uno. Cnet consiglia di depennare dall’elenco dei moduli i 7 mega di Java, dato che sembrano essere la causa di molti problemi di installazione e stabilità. In totale quindi sono circa 5 mega da scaricare, lentamente, se si include il modulo per la posta e le news e l’istant Messenger, altrimenti sono un po ‘ meno. Ma l’attesa è ben ripagata.

A parte una malefica schermata “Activation” con la richiesta di dati personali che si pianta ogni volta (possibile che un colosso come Aol-Time Warner non abbia ancora i dati dell’intera popolazione del mondo?), l’impatto iniziale è d’effetto, e bisogna tener conto che grazie alla natura open source ed alle Skin, l’aspetto e la struttura stessa del programma sono completamente modificabili dall’utente. Come default è comunque molto accattivante.

Sobrio, hi-tech… sarà veramente un peccato sostituirlo con una skin di Lara Croft (arriveranno, arriveranno…)

Dalla barra del timone, simbolo del vecchio Netscape che ci portava a spasso per il mar del Web, siamo direttamente arrivati alla plancia di comando di StarTrek. Rigorosamente bidimensionale, come le schermate in computer graphic anni 70, con questi simboloni che fanno un po ‘ aeroporto, un po ‘ segnaletica stradale ma che in fondo sono così semplici e comprensibili. Tutti i menù ed i sottomenù rispettano questo stile piatto e stilizzato.

A dir la verità, soprattutto nella sezione posta, la mancanza di bordi ed elementi ben marcati e tridimensionali crea un po ‘ di confusione mancando di fatto un “solido” confine tra i vari campi delle finestre.

La navigazione Web è senza dubbio più veloce, il cosiddetto “rendering” delle pagine è fluido e senz’altro migliore rispetto alle precedenti versioni. Ma la novità principale è che finalmente Netscape6 “vede” le pagine Web come Explorer5.

Addio incubi dei webmaster, addio problemi di visualizzazione, cornici che scompaiono, fogli di stile che venivano male interpretati, sfondi che sparivano… Per dire veramente addio bisognerà comunque aspettare la versione definitiva. (continua)



Una delle novità interessanti è nella sezione Posta. La possibilità finalmente di gestire in maniera semplice (senza riavviare il programma) multipli account non è cosa da poco, considerando che di default N6 crea tanti Inbox quanti account esistono smistando, da bravo postino, ogni email nella giusta casella.

D’altronde chi è ormai che ha un solo account di Posta? Inoltre N6 legge anche il formato proprietario di Aol (ok, a noi in Italia non è che ci interessi molto, ma lo fa). Restiamo in attesa che qualche programmatore aggiunga il modulo per gestire da Netscape anche le poste Web, come fa Outlook con Hotmail, d’altronde il cuore Gecko permetterà questo ed altro.


L’integrazione con AIM è una di quelle cose che fanno gridare “ma perché non ci hanno pensato prima?”. Ricevere un messaggio email accorgendosi che il mittente è on line, segnalato dal simbolino verde a fianco del messaggio, e chiamarlo immediatamente in chat, sarà uno dei “must” dei mesi a venire.

A patto di essere registrati AIM, dato che la compatibilità con Icq, da noi sicuramente più diffuso, per il momento è solo nei progetti.

AIM, così come molte altre nuove features, fa comunque parte della barra laterale a scomparsa chiamata “MySidebar”.

Reuters, Search (Google), Cnn, Bookmark, Buddy list di AIM … c’è spazio per un sacco di cose, ed è personalizzabile. Anche qui spazio alla fantasia, la mente si perde nelle possibili applicazioni e sviluppi.

In fondo a tutte le finestre principali, come di consueto, ma sulla sinistra, ci sono i bottoni per accedere alle singole applicazioni: Browser, Mail e News, AIM (che apre una finestra separata di MySideBar), il Composer ovvero il semplice, fin troppo, compositore di pagine Web, l’AddressBook che sembra rimasto invariato a parte la grafica ed il calendario. Ovvero il servizio on line che fa parte di Netcenter che apparve nelle ultime versioni di Netscape e che consente di accedere ad una sorta di PIM on line accessibile tramite password da qualsiasi computer.(continua)



A proposito di Password: N6 all’atto di digitare una password chiede se conservarla o meno nell’elenco , che a sua volta deve essere protetto da una password generale. Questo sistema non è certo una novità dato che è ottenibile con numerosi shareware e freeware ed è incluso nei recenti sistemi Apple, ma il fatto di trovarlo nel browser/posta/messenger lo rende sicuramente più immediato e sempre pronto all’uso.

In questa versione di preview l’elenco di tutte le password non viene crittografato e quindi, attenzione, è a disposizione di eventuali incursioni piratesche, ma Netscape assicura nella versione definitiva una solida protezione dei dati personali… Una stoccata ai numerosi bug e buchi del concorrente?

Problemi e Crash ? Dopo due ore di navigazione solo il download di un file ha causato un infarto al neonato Netscape. La Posta ha ancora bisogno di qualche ritocco. Se si importano ad esempio i messaggi da Outlook Express, non viene ricreata la struttura gerarchica di cartelle e sottocartelle, il che è abbastanza fastidioso. La funzione “Import” ignora le precedenti funzioni di Netscape.

Ok: non si può pretendere, ancora, tutto.

Luca Schiavoni

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti