Neural.it/ La web art dei blog

Blip...blah...blog, cioè Blog per capire che blog è un pezzo della rete


Roma – Il Palm Beach Institute of Contemporary Art (PBICA) ha inaugurato blip…blah…blog, uno mostra online che celebra il fenomeno dei “blog” sulla rete, i siti generalmente aggiornati da un sola persona in una sorta di diario personale e pubblico allo stesso tempo in continua evoluzione.
Fino al 28 di giugno il sito sarà linkato a tre blog offrendo un’introduzione a questa forma sociale di condivisione di pensieri e informazioni.

Secondo la curatrice Jody Servon, che ha scritto il suo saggio nello stile dei blog, “questo mezzo sta rapidamente diventando popolare come un nuovo e potente medium per l’espressione personale.” Un’importante caratteristica dei blog, infatti, è la prospettiva con cui gli autori li compilano, e cioè non quella di attirare l’utenza all’esplorazione del proprio sito, ma di permettere ai visitatori della pagina di esplorare zone inedite e interessanti del web.

I tre blog coinvolti sono quelli di James Luckett, Heather B. Hamilton, e Cursor.org. Luckett originario di Washington, ora risiede a Tokyo e parla d’arte, cultura popolare e stranezze, oltre a diversi dettagli sulla sua quotidianità. Hamilton ha perso il suo lavoro per i contenuti del suo blog, in cui aveva descritto dettagliati aneddoti sull’inettitudine e delle debolezze dei suoi colleghi, ma ora continua a parlare di sé e delle sue condizioni di vita. Cursor.org, invece è un blog gestito da più persone focalizzato sulla ricerca di visioni alternative dei temi trattati dalle notizie del momento.

Blip…blah…blog è qui

A cura di Neural.it, new
media art, e-music, hacktivism
.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    No Java? No party!
    Mi domando perchè programmi di pubblica utilità non vengano scritti in Java (dico "Java" ma il concetto è "platform-independent"). Esistono limiti tecnici? Ci credo poco...Se proprio vogliamo introdurre simili iniziative, proviamo a farlo per il reale beneficio di TUTTI.......se no, che party è?
    • Anonimo scrive:
      Re: No Java? No party!
      perchè java purtroppo è morto e sepolto
      • Anonimo scrive:
        Re: No Java? No party!
        - Scritto da: javer
        perchè java purtroppo è morto e sepoltoMorto e sepolto? In che senso? Spiegati!Forse perchè non viene usato persino nelle macchinette del caffè? Guarda che non è necessario: basta che faccia la sua parte là dove serve, e di ambiti in cui serve ce ne sono.Ein ogni casosottolineo"platform-independent" è quanto richiederei ad un'applicazione del genere, e credo che Java vada bene.Ma se pure c'è dell'altro, che ben vengaL'asta è aperta
  • Anonimo scrive:
    tol
    a quando la topa on line?
    • Anonimo scrive:
      Re: tol
      C'e' gia .. vai su http://www.fica.com/il vendono motherboard .. ma il nome e' molto divertente .. inoltre e' divertente leggere quello che scrivono
Chiudi i commenti