New York Times e l'esperimento Beta620

Se l'editoria in un modo o nell'altro deve cambiare, allora è il caso di capire come: il New York Times ci prova con i metodi di una startup
Se l'editoria in un modo o nell'altro deve cambiare, allora è il caso di capire come: il New York Times ci prova con i metodi di una startup

Il New York Times ha lanciato Beta620, un sito in cui trovano spazio in versioni beta i suoi progetti sperimentali .

Il numero del nome si riferisce all’indirizzo del quartier generale del Times sull’ Eighth Avenue a New York.

Gli utenti sono invitati a navigarlo e a provare i dieci progetti in beta attualmente a disposizione e rispetto a Insights Lab , community di beta testing su invito dell’editore, è già aperto al pubblico .

Per il momento tra i progetti in prima pagina ci sono: TimesInstant , Community Hub e NYTimes Crossword Web App .
Il primo è un mashup che permette risultati di ricerca istantanea, funzioni di autocompletamento e altre opzioni che sfruttano le API del sistema di ricerca di articoli del New York Times; Community Hub è un dashborad orientato alla visualizzazione di user generated content , con feed dedicati ai commenti e collegamento al sistema di autenticazione di Facebook; NYTimes Crossword Web App è invece un cruciverba in HTML5 con funzionalità offline.

Altro progetto interessante è Times Skimmer , un’applicazione HTML5 con supporto ai touch screen per cui si consiglia la prova su iPad per la lettura del New York Times online.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti