News Archive, Google spegne le rotative digitali

Nessuna nuova funzione verrà aggiunta alla piattaforma che avrebbe dovuto digitalizzare i principali quotidiani del mondo. Mentre nuove funzionalità per la traduzione sono state implementate in Google Books
Nessuna nuova funzione verrà aggiunta alla piattaforma che avrebbe dovuto digitalizzare i principali quotidiani del mondo. Mentre nuove funzionalità per la traduzione sono state implementate in Google Books

Anno 2008. I vertici di Google annunciavano al mondo il lancio imminente di News Archive , ambiziosa piattaforma che avrebbe dovuto digitalizzare le versioni cartacee dei quotidiani del mondo . Pagine e pagine in formato elettronico, messe a disposizione degli utenti per ripercorrere gli eventi più significativi di un intero secolo di storia.

Anno 2011. Un portavoce della Grande G ha confermato quanto trapelato già da tempo: le rotative digitali di News Archive verranno definitivamente spente. Nessuna nuova funzionalità verrà dunque aggiunta all’archivio, i cui utenti dovranno accontentarsi dei circa 2mila quotidiani digitalizzati finora dai tecnici di Mountain View .

Come sottolineato dallo stesso portavoce di Google, gli utenti potranno continuare a consultare online vecchie edizioni di giornali come il vecchio London Advertiser , insieme alle edizioni dal 1910 al 1995 del Milwaukee Sentinel . Nessun microfilm o file digitale verrà più accettato da Google per il successivo inserimento nel database.

Nel frattempo, una nuova feature è stata implementata nel servizio di digitalizzazione dei libri Google Books, per una migliore e più accurata esperienza di lettura in formato digitale. Gli utenti potranno selezionare una singola parola – ma anche intere frasi – per ottenere la relativa traduzione in varie lingue .

Si potranno poi ricercare altri libri dedicati allo stesso argomento – esempio, selezionando la parola divorzio – o accedere direttamente alla relativa pagina su Wikipedia . Per la nuova funzione sono state praticamente frullate insieme tecnologie già sviluppate dal colosso di Mountain View, dai servizi di traduzione agli algoritmi legati al search.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 05 2011
Link copiato negli appunti