Niente di fatto per il wi-fi domestico

Dura nota di Assoprovider dopo lunghi mesi di inutile attesa: le limitazioni introdotte dal Governo ancora non consentono di far partire l'ultimo miglio wireless. L'Autorità TLC non ne parla


Roma – A pochi giorni dall’ idilliaco quadro della telefonia italiana disegnato dall’Autorità TLC piomba con durezza una nota di Assoprovider , l’associazione dei provider che da lungo tempo chiede inutilmente di poter operare appieno sul fronte del wireless e del broad band.

La questione è quella dell’ ultimo miglio wireless , una soluzione che interessa potenzialmente moltissimi italiani e che aprirebbe nuovi spazi di mercato, consentendo agli operatori alternativi a Telecom Italia e ai provider di lanciare una serie di nuovi servizi e agli utenti di godere di una maggiore e più competitiva offerta.

La posizione di Assoprovider è netta. In una nota si legge: “A più di un anno dal rilascio della regolamentazione sull’uso del Wi-Fi per applicazioni hot spot non si è ancora arrivati al giro di boa della tanto attesa regolamentazione sulle tecnologie IEEE 802.xx per l’ultimo ultimo miglio (utenze fisse)”.

A limitare questa applicazione è un decreto governativo che, spiega l’Associazione, ha limitato il suo utilizzo in “aree confinato”. Una sperimentazione era stata concessa dal Ministero soltanto dopo ripetute richieste da parte di Assoprovider, sperimentazione che prevedeva la realizzazione di reti wireless ultimo miglio .

“Molti ISP italiani – spiega l’Associazione – hanno “beneficiato” della sperimentazione con ottimi risultati comunicando anche al Ministero che tale tecnologia può essere applicata senza nessun tipo di problema . Ad oggi siamo quasi al termine del periodo di sperimentazione e non si vede ancora nulla all’orizzonte sul dopo-sperimentazione”.

La situazione attuale, l’assenza di una regolamentazione e di un via libera, secondo Assoprovider si concretizza in una serie di conseguenze pesanti per il settore:
– impossibilità di approdare in libera concorrenza al mercato delle TLC in mano ai soli grandi operatori
– blocco degli investimenti e di conseguenza un non incremento dell’organico aziendale
– si sono sviluppati progetti di connettività tra enti pubblici togliendo mercato agli operatori di comunicazione

Assoprovider denuncia anche il fatto che oggi l’Italia è appesa solo alla ADSL “con tutti i rischi di una scelta monotecnologica” e si augura che il Governo prenda rapidamente posizione. In particolare propone:

– libero uso delle frequenze delle bande non protette R-LAN ed Hyper-Lan (2,4 e 5 GHz) in modalità punto-multipunto (offerta di servizio alle utenze fisse) che punto-punto (offerta di servizio al pubblico e trunking tra sedi e stazioni base dell’operatore) Nessun costo di licenza né per l’operatore né per l’utenza.
2 – Nessuna limitazione sulle aree di copertura né geografiche né territoriali
3 – Nessuna limitazione circa la tipologia di servizi IP offerti con tecnologia wireless.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command
    - Scritto da: Anonimo
    sembra la storia di quello che ha pescato il
    pesce + grosso...

    anche io programmavo gli z80 e i 6502
    all'epoca e i compatibili
    apple si chiamavano Lemon (non scherzo)bha io ho iniziato con questahttp://www.giornaletecnologico.it/4images/data/media/84/1804_schede_perforate.jpg
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command

    Se e' regalato veramente alla comunita' e
    senza cavilli, per me va bene.Ma credi ancora a Babbo Natale ? :)
  • Mechano scrive:
    Re: Big devil starts to command
    - Scritto da: YureW
    Anch'io sono abbastanza vecchio da aver
    usato il primo PC (in realtà non l'ho
    usato, il mio primo 8086 era un Amstrad, e
    prima c'era un C64)
    Ma IBM era l'Impero del Male ancora negli
    anni '60, ed ha passato il testimone a MS
    proprio ai tempi dei primi PC.IBM e' una grossa azienda pronta anche lei a non guardare in faccia nessuno quando si tratta dei propri affari.Fortunatamente per Linux IBM e' maggiormente impegnata nell'hardware che nel software, e se tutto quello che regala non contiene gabelle o trucchi, per me tutto buono e benedetto.Sono decenni che spena noi e le nostre pubbliche amministrazioni. Ha tanto denaro da poter rilasciare opensource decine e decine di ottimi software e milioni di righe di codice.Io preferisco questo che lo shared source di M$.Se e' regalato veramente alla comunita' e senza cavilli, per me va bene.Sotto sotto c'e' lo spingere i propri hardware? Mi sta anche bene, perche' almeno sull'hardware c'e' ancora tanta concorrenza.--Ciao. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco il vero standard!
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Setup.exe -
    Avanti -
    Accetto
    -


    Tipica -
    Avanti -
    Leggi il file

    readme.htm -
    Fine.

    Più standard di questo! :'(
    Trascina -
    Leggi readme.html -
    fatto
    Più semplice di così ;)apt-get install "INVIO"oppureyum install "INVIO"Ancora piu' semplice, oggi Linux e' diventato una favola per il software. C'e' di tutto di piu' e s'installa cosi'.
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command
    sembra la storia di quello che ha pescato il pesce + grosso...anche io programmavo gli z80 e i 6502 all'epoca e i compatibiliapple si chiamavano Lemon (non scherzo)
  • Anonimo scrive:
    Re: Non scherziamo...
    E' vero sembrano proprio simili... come l'uomo e la scimmia
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command

    Al massimo davi delle
    istruzioni..PROGRAMMARE è tutt'altra
    faccenda!:$:D:$8)Dai allora imparami TU che ne sai tante :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command
    - Scritto da: Anonimo
    Cut
    Bel bambino io li PROGRAMMAVO gli apple II.
    :D E tu ?Al massimo davi delle istruzioni..PROGRAMMARE è tutt'altra faccenda!:$:D:$8)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco il vero standard!
    Purtroppo per il 50% degli utilizzatori di computer, questo è difficile... come accendere il computer o attaccare una tastiera... Effettivamente forse gli utenti normali non ne sentono la necessità di questa innovazione.
  • KerNivore scrive:
    Re: mmm ho un'idea migliore
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: AlbertoPd
    Ma stai scherzando? Lo standard industriale
    de facto non è apt-get ma è il
    suo discendente RPM di RedHat.rpm discendente da apt-get ? Ma da dove e' uscito questo ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command
    - Scritto da: Anonimo

    Finalmente un linaro che non fa guerre di
    religione, ti ringrazio molto per questo, a
    volte sembra di parlare con il muro :D

    Allora da buoni vecchietti deponiamo le armi
    e andiamo a farci un bianchino al bar :)

    P.S. sto giocando anch'io con una
    distribuzione linux :)Alla salute!
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command

    www.geocities.com/franktau/History2.html

    Ovviamente, tu non eri ancora nato, o forse
    poppavi ancora.Bel bambino io li PROGRAMMAVO gli apple II. :D E tu ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command
    - Scritto da: Anonimo
    Ma non era la Microsoft il nemico numero UNO
    :D
    Che memoria corta da queste parti!For the Apple II computer to compete against IBM, Jobs needed better marketing skills. Over the past seven years of Apple's creation, Jobs had created a strong productive company with a growth curve like a straight line North with no serious competitors. From 1978 to 1983, its compound growth rate was over 150% a year. Then IBM muscled into the personal computer business. Two years after introducing its PC, IBM passed Apple in dollar sales of the machines. IBM's dominance had made its operating system an industry standard which was not compatible with Apple's products. Jobs knew in order to compete with IBM, he would have to make the Apple compatible with IBM computers and needed to introduce new computers that could be marketed in the business world which IBM controlled. To help him market these new computers Jobs recruited John Sculley from Pesi Cola for a position as president at Apple. Jobs enticed Scully to Apple with a challenge: "If you stay at Pepsi, five years from now all you'll have accomplished is selling a lot more sugar water to kids. If you come to Apple you can change the world."The larger concern of management concerning the Macintosh was not IBM compatible. This caused an uphill fight for Apple in trying to sell Macintosh to big corporations that where IBM territory. "We have thought about this very hard and it old be easy for us to come out with an IBM look-alike product, and put the Apple logo on it, and sell a lot of Apples. Our earning per share would go up and our stock holders would be happy, but we think that would be the wrong thing to do," says Jobs.http://www.geocities.com/franktau/History2.htmlOvviamente, tu non eri ancora nato, o forse poppavi ancora.
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command


    Sono abbastanza vecchio da aver usato il

    primo IBM PC e nonostante l'età
    la

    mia memoria funziona ancora :)

    Sono i linari che hanno problemi di
    memoria

    e mi vengono a definire IBM e Novell
    come

    paladini della giustizia contro Bill :D

    Anch'io sono abbastanza vecchio da aver
    usato il primo PC (in realtà non l'ho
    usato, il mio primo 8086 era un Amstrad, e
    prima c'era un C64)
    Ma IBM era l'Impero del Male ancora negli
    anni '60, ed ha passato il testimone a MS
    proprio ai tempi dei primi PC.
    Non è strano che molti linari (io
    sono linaro) vedano IBM come paladina della
    giustizia, però preferirei che si
    informassero un poco meglio sulle vicende
    degli ultimi cinquant'anni di storia
    informatica.Finalmente un linaro che non fa guerre di religione, ti ringrazio molto per questo, a volte sembra di parlare con il muro :DAllora da buoni vecchietti deponiamo le armi e andiamo a farci un bianchino al bar :)P.S. sto giocando anch'io con una distribuzione linux :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command
    - Scritto da: Anonimo
    ...........mai letto il libro "l'IBM e
    l'olocausto?" un grazioso ed interessante
    libro!!!

    MarioNon l'ho letto, credo però di avere un'idea di cosa fossero i numerii tatuati sulla pelle degli internati nei campi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command
    - Scritto da: Anonimo
    Sono abbastanza vecchio da aver usato il
    primo IBM PC e nonostante l'età la
    mia memoria funziona ancora :)
    Sono i linari che hanno problemi di memoria
    e mi vengono a definire IBM e Novell come
    paladini della giustizia contro Bill :DAnch'io sono abbastanza vecchio da aver usato il primo PC (in realtà non l'ho usato, il mio primo 8086 era un Amstrad, e prima c'era un C64)Ma IBM era l'Impero del Male ancora negli anni '60, ed ha passato il testimone a MS proprio ai tempi dei primi PC.Non è strano che molti linari (io sono linaro) vedano IBM come paladina della giustizia, però preferirei che si informassero un poco meglio sulle vicende degli ultimi cinquant'anni di storia informatica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non scherziamo...
    - Scritto da: Anonimo
    ...sul Mac ho sempre "installato" i vari
    software draggandoli con il mouse sull'icona
    dell'HDD e li ho sempre "disinstallati"
    draggandoli sul cestino....perché si
    dovrebbe tornare all'età della pietra
    come con Windows o Linux?
    Non c'è niente di peggio in fatto di efficienza e spreco di risorse. Può andare bene per programmini piccoli o che usano lib standard del mac ma a lungo andare è distruttivo. Non preoccuparti, la Apple se ne è accorta, tra qualche anno anche voi avrete il vostro bel sistema di dipendenze. ;)
    Andate a ca6are, voi e la vostra
    "innovazione" al contrario....E meno male che i post in questo forum non devono essere offensivi...P.S. Pilotino, torna su icod và :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco il vero standard!
    - Scritto da: Anonimo
    Setup.exe -
    Avanti -
    Accetto -

    Tipica -
    Avanti -
    Leggi il file
    readme.htm -
    Fine.
    Più standard di questo! :'(Trascina -
    Leggi readme.html -
    fattoPiù semplice di così ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command

    - Scritto da: Anonimo


    IBM: the road to the hell.

    Ma non era la Microsoft il nemico
    numero UNO

    :D

    Che memoria corta da queste parti!

    Big Blue era l'Impero del Male *prima* che
    lo fosse MS, è stata superata da
    questa e potrebbe anche tornare al primo
    posto. Qui non si parla di memoria corta, ma
    di memoria sufficentemente lunga.Sono abbastanza vecchio da aver usato il primo IBM PC e nonostante l'età la mia memoria funziona ancora :)Sono i linari che hanno problemi di memoria e mi vengono a definire IBM e Novell come paladini della giustizia contro Bill :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command
    - Scritto da: YureW


    Big Blue era l'Impero del Male *prima* che
    lo fosse MS, è stata superata da
    questa e potrebbe anche tornare al primo
    posto. ...........mai letto il libro "l'IBM e l'olocausto?" un grazioso ed interessante libro!!!Mario
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command
    - Scritto da: Anonimo

    IBM: the road to the hell.
    Ma non era la Microsoft il nemico numero UNO
    :D
    Che memoria corta da queste parti!Big Blue era l'Impero del Male *prima* che lo fosse MS, è stata superata da questa e potrebbe anche tornare al primo posto. Qui non si parla di memoria corta, ma di memoria sufficentemente lunga.
  • Anonimo scrive:
    Re: Big devil starts to command

    IBM: the road to the hell.Ma non era la Microsoft il nemico numero UNO :DChe memoria corta da queste parti!
  • Anonimo scrive:
    Re: Non scherziamo...

    Beh, evidentemente è da un po' che non
    installi software su linux, perchè
    già da un
    po' il software (sulle migliori distro,
    debian
    per prima, ma ora anche mandrake, redhat,
    fedora, suse, ecc...) si installa
    semplicemente
    scrivendo un comando e il nome del pacchetto,
    e lui:

    - lo scarica da internet, lo installa e lo
    configura
    (e se non ci sono domande critiche non te ne
    fa
    neanche).Sembra la procedura per installare virus e malware sotto windows!Ci avete quasi raggiunti: BRAVISSIMI :D
  • riddler scrive:
    Re: Non scherziamo...
    - Scritto da: Anonimo
    Non mi risulta inoltre che Linux (che poi da
    Mac OSX tanto lontano non è) stia
    tanto meglio in fatto di installazioni,
    considerando la miriade di diverse
    distribuzioni e considerando il fatto che
    c'è ancora gente che va a dire in
    giro che su quella piattaforma il software
    di dovrebbe compilare e non installare in
    binario.Non con Gentoo :) E nemmeno con Debian a quanto ne so, il piu' "sfigato" e' l'rpm altrimenti vai direttamente di compilazione a mano :|
  • Anonimo scrive:
    Ecco il vero standard!
    Setup.exe -
    Avanti -
    Accetto -
    Tipica -
    Avanti -
    Leggi il file readme.htm -
    Fine.Più standard di questo! :'(
  • enzogupi scrive:
    Re: mmm ho un'idea migliore
    - Scritto da: Anonimo
    Ma stai scherzando? Lo standard industriale
    de facto non è apt-get ma è il
    suo discendente RPM di RedHat.Beh, sarà anche lo standard "industriale",ma personalmente trovo molto più efficente apt.Con rpm ho avuto a volte problemi, con apt mai.
  • enzogupi scrive:
    Re: Non scherziamo...

    Non mi risulta inoltre che Linux (che poi da
    Mac OSX tanto lontano non è) stia
    tanto meglio in fatto di installazioni,
    considerando la miriade di diverse
    distribuzioni e considerando il fatto che
    c'è ancora gente che va a dire in
    giro che su quella piattaforma il software
    di dovrebbe compilare e non installare in
    binario.Beh, evidentemente è da un po' che noninstalli software su linux, perchè già da unpo' il software (sulle migliori distro, debianper prima, ma ora anche mandrake, redhat,fedora, suse, ecc...) si installa semplicementescrivendo un comando e il nome del pacchetto,e lui:- lo scarica da internet, lo installa e lo configura(e se non ci sono domande critiche non te ne faneanche).Questo non mi risulta lo faccia neanche il mac(ho anche dei mac, e li conosco bene),anzi no, lo fa... tramite "fink", che guarda casoe` proprio il porting di "apt-get" di debiansu macosx.Ciao,Enzo.
  • Anonimo scrive:
    Re: mmm ho un'idea migliore
    - Scritto da: AlbertoPd
    Perchè farsi tante paranoie, quando
    il migliore sistema di gestione dei
    pacchetti esiste già?

    perchè perdere tanto tempo per niente?
    basta assumere come standard apt di debian!
    non esiste niente di meglio:...Ma stai scherzando? Lo standard industriale de facto non è apt-get ma è il suo discendente RPM di RedHat.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non scherziamo...
    - Scritto da: Anonimo
    ...sul Mac ho sempre "installato" i vari
    software draggandoli con il mouse sull'icona
    dell'HDD e li ho sempre "disinstallati"
    draggandoli sul cestino....perché si
    dovrebbe tornare all'età della pietra
    come con Windows o Linux?Beh allora hai insallato veramente pochi software senno ti saresti imbattuto sicuramente nell'installer fornito con il sistema operativo ( cerca /Applications/Utility/Installer ) oppure in installer di terze parti come il Vise Installer.
    Sarebbe come ritrovarsi a dover scrollare le
    spalle, fare "prrr prrr" con la bocca,
    sbattere le palpebre, agitare i capelli e
    muovere le orecchie solo per dire :"Si!"Come ho detto sopra si vede che parli senza cognizione di causa affidandoti a una visione manicheista e totalitaria di bene e male quando non riesci a capire che ci sono diverse esigenze di installazione a seconda di cosa installi, di quanto paghi, di chi ha prodotto quello che installi.Potresti anche installare un "driver" ( detto alla Windows ) di periferica gratuito e open source su Mac OS X, io l'ho fatto, ho dovuto scaricare il driver a manina, scompattare, leggermi il file delle istruzioni e quindi cercare una cartella, crearne un'altra e ravviare il sistema ( era un'estensione per una nuova periferica ).E' proprio come ritrovarsi a dover scrollare lespalle, fare "prrr prrr" con la bocca,sbattere le palpebre, agitare i capelli emuovere le orecchie solo per dire "Si!" quando in realtà tutto questo lavoro lo potrebbe fare subito e senza errori un programma di installazione, preferisci farlo a mano? beh fallo, ma sei l'unico.Non mi risulta inoltre che Linux (che poi da Mac OSX tanto lontano non è) stia tanto meglio in fatto di installazioni, considerando la miriade di diverse distribuzioni e considerando il fatto che c'è ancora gente che va a dire in giro che su quella piattaforma il software di dovrebbe compilare e non installare in binario.
    Andate a *****, voi e la vostra
    "innovazione" al contrario....Ah, non avevo letto questo tuo complimento, avrei evitato di risponderti, questo la dice veramente tutta.Francesco
  • Anonimo scrive:
    Re: mmm ho un'idea migliore
    - Scritto da: AlbertoPd
    Perchè farsi tante paranoie, quando
    il migliore sistema di gestione dei
    pacchetti esiste già?Già, il sistema Mac.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non scherziamo...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    ...sul Mac ho sempre "installato" i vari

    software draggandoli con il mouse
    sull'icona

    dell'HDD e li ho sempre "disinstallati"

    draggandoli sul
    cestino....perché si

    dovrebbe tornare all'età della
    pietra

    come con Windows o Linux?

    Da quando Photoshop, Freehands, Illustrator,
    Maya, Final Cut ecc.. ecc.. si possono
    installare semplicemente trascinando l'icona
    ?! :|Da quando hai un Mac.
  • Anonimo scrive:
    Re: mmm ho un'idea migliore
    - Scritto da: Anonimo
    evvai! ora manca solo lo slakkaro di turno a
    inneggiare swaret! lol!no, nogentoo rulezgentoo è per chi sa apprezzare la potenza della shell.gentoo powered (linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: mmm ho un'idea migliore
    evvai! ora manca solo lo slakkaro di turno a inneggiare swaret! lol!
  • Anonimo scrive:
    Re: Non scherziamo...
    - Scritto da: Anonimo
    ...sul Mac ho sempre "installato" i vari
    software draggandoli con il mouse sull'icona
    dell'HDD e li ho sempre "disinstallati"
    draggandoli sul cestino....perché si
    dovrebbe tornare all'età della pietra
    come con Windows o Linux?Da quando Photoshop, Freehands, Illustrator, Maya, Final Cut ecc.. ecc.. si possono installare semplicemente trascinando l'icona ?! :|
  • Anonimo scrive:
    Re: mmm ho un'idea migliore
    - Scritto da: AlbertoPd
    Perchè farsi tante paranoie, quando
    il migliore sistema di gestione dei
    pacchetti esiste già?

    perchè perdere tanto tempo per niente?
    basta assumere come standard apt di debian!
    non esiste niente di meglio:...emerge world
  • Anonimo scrive:
    Big devil starts to command
    IBM: the road to the hell.
  • Anonimo scrive:
    Non scherziamo...
    ...sul Mac ho sempre "installato" i vari software draggandoli con il mouse sull'icona dell'HDD e li ho sempre "disinstallati" draggandoli sul cestino....perché si dovrebbe tornare all'età della pietra come con Windows o Linux?Sarebbe come ritrovarsi a dover scrollare le spalle, fare "prrr prrr" con la bocca, sbattere le palpebre, agitare i capelli e muovere le orecchie solo per dire :"Si!"Andate a ca6are, voi e la vostra "innovazione" al contrario....
  • AlbertoPd scrive:
    mmm ho un'idea migliore
    Perchè farsi tante paranoie, quando il migliore sistema di gestione dei pacchetti esiste già?perchè perdere tanto tempo per niente?basta assumere come standard apt di debian!non esiste niente di meglio:...
Chiudi i commenti