Niente Legge Stanca sul sito del DIT

Il Dipartimento per l'Innovazione guidato da Lucio Stanca, appena rinnovato, secondo gli esperti di accessibilità non risponde ai requisiti della Legge Stanca


Roma – Curiose le osservazioni che in queste ore appaiono sui siti dedicati all’accessibilità delle risorse web, una questione complessa quanto importante che in Italia, come noto, è stata affrontata in particolare con la Legge Stanca . Curiose perché sono osservazioni rivolte proprio al sito del Dipartimento all’Innovazione guidato dallo stesso ministro Stanca.

Sul celeberrimo forum di Diodati.org è apparso un post con una serie di osservazioni sul sito del DIT, parzialmente aggiornato proprio in questi giorni. “Ho dato una rapida occhiata al codice – scrive G.A. – e ho notato che:
– il codice di marcatura, pur essendo valido, non è conforme ai requisiti tecnici della Legge Stanca perché viene utilizzata una DTD Transitional;
– vengono utilizzate numerose tabelle di layout;
– tutte le intestazioni presenti sono di I livello quindi non aiutano un utente non vedente a comprendere la struttura della pagina;
– più altre amenità come l’uso di vari ” ” per spaziare le voci del menu orizzontale”.

Un peccato veniale quello del sito, secondo molti di coloro che hanno partecipato fin qui alla discussione online sull’argomento. “La cosa è semplice – scrive L.M. – sfruttano il fatto che la legge non è in vigore, e ora avranno ben 12 mesi per adeguarlo, tutto qui”.

In verità il dibattito sul sito del DIT è un’occasione in più per gli esperti del settore per discutere della Legge Stanca, una normativa che incontra, prima ancora di giungere ad una completa applicazione, una crescente opposizione da parte di molti esperti. Proprio in queste settimane un vivace dibattito si è aperto sulla Legge sulla lista pdl3486 . A non convincere, in particolare, è la specificità di molti elementi tecnici che il tessuto normativo della legge e dei regolamenti dispone.

“Anch’io mi sono stufato delle estenuanti discussioni sui siti non accessibili – conclude G.A. su Diodati.org – ma da questo in particolare mi aspettavo qualcosa di più. E’ chiedere troppo?”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il problema...
    ...viene quando c'è qualcuno che fa le leggi secondo il suo personalissimo pensiero, e perseguita qualcun altro perché non rispetta la sua Legge.Purtroppo in italia si sta tornando a questo (o forse non ce ne siamo mai staccati? Forse, davvero, ci piace, si ci piace di più...), con la bella scusa del terrorismo.Il controllo totale sarebbe il paradiso dei terroristi di oggi, i fondamentalisti (quelli che conoscono La Verità e te ne fanno dono, bontà loro), e i nostri rappresentanti, quelli dei paesi Liberi, che fanno? Fanno leggi speciali per controllare i propri cittadini. Bene, furbi, complimenti... Perché si sa che se bin laden vuole mandare una bomba a berlusconi dà i suoi ordini dall'indirizzo bin.laden@killemall.alq e la trasmette in chiaro a kamikaze46224@osamarulez.usMa sono solo io che vedo tanta idiozia in tutto questo? Cioè, dovrebbe essere chiaro come il sole che il controllo serve solo a creare l'utopia dello stato perfetto dove tutti si vogliono bene e sono contenti di far parte di quel sistema tanto bello a vedersi quanto finto perché umanamente insostenibile...Mi fate avere il mio angolino al riparo dal teleschermo per favore?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema...
      - Scritto da: Anonimo
      ...viene quando c'è qualcuno che fa le leggi
      secondo il suo personalissimo pensiero, e
      perseguita qualcun altro perché non rispetta la
      sua Legge.
      Purtroppo in italia si sta tornando a questo (o
      forse non ce ne siamo mai staccati? Forse,
      davvero, ci piace, si ci piace di più...), con la
      bella scusa del terrorismo.
      Il controllo totale sarebbe il paradiso dei
      terroristi di oggi, i fondamentalisti (quelli che
      conoscono La Verità e te ne fanno dono, bontà
      loro), e i nostri rappresentanti, quelli dei
      paesi Liberi, che fanno? Fanno leggi speciali per
      controllare i propri cittadini. Bene, furbi,
      complimenti... Perché si sa che se bin laden
      vuole mandare una bomba a berlusconi dà i suoi
      ordini dall'indirizzo bin.laden@killemall.alq e
      la trasmette in chiaro a
      kamikaze46224@osamarulez.us
      Ma sono solo io che vedo tanta idiozia in tutto
      questo? Cioè, dovrebbe essere chiaro come il sole
      che il controllo serve solo a creare l'utopia
      dello stato perfetto dove tutti si vogliono bene
      e sono contenti di far parte di quel sistema
      tanto bello a vedersi quanto finto perché
      umanamente insostenibile...
      Mi fate avere il mio angolino al riparo dal
      teleschermo per favore?Sacre parole!E dai commenti precedenti sono in molti stipendiati da coloro che vogliono il controllo, gli allungano i 50 euro per trollare, oppure gli allungano un 200 euro per portare in una determinata zona un camioncino... oppure uno zaino un po pesante.. magari mostrandogli prima la tessera della cia o qualcosa del genere... va be... Se non vi pagano posso solo dirvi che vi stanno fregando, non vi daranno nessun aiuto di altro tipo... Non ho mai utilizzato remailer, ma sono contento che esistano perche' prima o poi potrei averne bisogno!Invece cripto regolarmente le comunicazioni attravero i programmi di messaggistica, mi secca che qualcuno rubi le mie poesie per la mia dolce donzella...Ciao
  • Anonimo scrive:
    il mio post non è arrivato
    in cui facevo esempi di usi non illegali dei remailer e dichiaravo anche di non avere un ip rintracciabile
  • Anonimo scrive:
    Commenti pilotati?
    Spero davvero di sbagliarmi, ma trovo davvero strano che alla comparsa di un contributo pacato che propone sostanzialmente di rendere più facile l'offerta di un servizio LEGALE nel mondo libero così tanti (ma dato che questi avversari dell'anonimato si trincerano proprio dietro il tanto vituperato anonimato non sapremo mai se si tratti di uno solo) si fiondino a scrivere sul forum che il remailer è il male assoluto, che il suo utilizzo non può che servire ai malvagi, dai terroristi ai pedofili... Manca solo che qualcuno tiri in balla Satana e Belzebù e le avremo sentite tutte. Allora mi chiedo... Ma questa gente da dove salta fuori e soprattutto cosa vuole? Viene il sospetto che vogliano affossare un'iniziativa valida, che magari gli fa un po' paura,... visto che il loro lavoro di colpo diventerebbe più difficile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Commenti pilotati?
      - Scritto da: Anonimo
      Spero davvero di sbagliarmi, ma trovo davvero
      strano che alla comparsa di un contributo pacato
      che propone sostanzialmente di rendere più facile
      l'offerta di un servizio LEGALE nel mondo libero
      così tanti (ma dato che questi avversari
      dell'anonimato si trincerano proprio dietro il
      tanto vituperato anonimato non sapremo mai se si
      tratti di uno solo) si fiondino a scrivere sul
      forum che il remailer è il male assoluto, che il
      suo utilizzo non può che servire ai malvagi, dai
      terroristi ai pedofili... Manca solo che qualcuno
      tiri in balla Satana e Belzebù e le avremo
      sentite tutte. Allora mi chiedo... Ma questa
      gente da dove salta fuori e soprattutto cosa
      vuole? Viene il sospetto che vogliano affossare
      un'iniziativa valida, che magari gli fa un po'
      paura,... visto che il loro lavoro di colpo
      diventerebbe più difficile.see see.... blah..blah..blah..blah.. intanto non e' uscito fuori nemmeno un motivo valido legale per cui utilizzarliper quanto mi riguarda potete installare pure 100 server anonimi a testa me ne puo' fregar di meno, ognuno e' libero di buttare via tempo e soldi come gli pare
      • Anonimo scrive:
        Re: Commenti pilotati?
        Ma se io lo facessi anche solo per divertimento e per la gioia di farlo? Il tempo ed il soldi che io getto via non credo siano affar tuo no? Espando le mie conoscienze.
  • Anonimo scrive:
    Censimento: chi ci sta?
    Il progetto perquanto vago mi sembra molto interessante. Interessante sarebbe anche sapere chi è intenzionato a partecipare. Per cui chiedo a chi se la sente di aggiungere un post qua sotto, magari specificando quale contributo sarebbe in grado di offrire.Io da semplice utonto metterei a disposizione banda, qualche computer e, se necessario, qualche sesterzio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Censimento: chi ci sta?
      - Scritto da: Anonimo
      Il progetto perquanto vago mi sembra molto
      interessante. Interessante sarebbe anche sapere
      chi è intenzionato a partecipare. Per cui chiedo
      a chi se la sente di aggiungere un post qua
      sotto, magari specificando quale contributo
      sarebbe in grado di offrire.

      Io da semplice utonto metterei a disposizione
      banda, qualche computer e, se necessario, qualche
      sesterzio.tutto questo sforzo per farci cosa? perche' al posto di giocare a fare gli achér non adoperate il tempo e il denato per aiutare la gente che muore di fame e di malattie?
      • Anonimo scrive:
        Re: Censimento: chi ci sta?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Il progetto perquanto vago mi sembra molto

        interessante. Interessante sarebbe anche sapere

        chi è intenzionato a partecipare. Per cui chiedo

        a chi se la sente di aggiungere un post qua

        sotto, magari specificando quale contributo

        sarebbe in grado di offrire.



        Io da semplice utonto metterei a disposizione

        banda, qualche computer e, se necessario,
        qualche

        sesterzio.

        tutto questo sforzo per farci cosa? sostenitori dell'anonimizer, lo volete tirare fuori finalmente un motivo valido, credibile e legale per cui e' necessaria l'email anonima?
        • Anonimo scrive:
          Re: Censimento: chi ci sta?
          - Scritto da: Anonimo

          sostenitori dell'anonimizer, lo volete tirare
          fuori finalmente un motivo valido, credibile e
          legale per cui e' necessaria l'email anonima?Il solito troll:il remailer è LEGALE non è necessaria alcuna giustificazione ulteriore.Piuttosto che mi dici di chi ha manomesso ( illegalmente ) il server del remailer anonimo del progetto winston smith?
          • Anonimo scrive:
            Re: Censimento: chi ci sta?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            sostenitori dell'anonimizer, lo volete tirare

            fuori finalmente un motivo valido, credibile e

            legale per cui e' necessaria l'email anonima?
            Il solito troll:
            il remailer è LEGALE non è necessaria alcuna
            giustificazione ulteriore.
            Piuttosto che mi dici di chi ha manomesso (
            illegalmente ) il server
            del remailer anonimo del progetto winston smith?Se non hai alcun argomento per sostenere l'utilizzo del remailer per scopi non illeciti vuol dire che l'unico scopo e' quello PUNTO
          • Anonimo scrive:
            Re: Censimento: chi ci sta?
            A chi dice il remailer non ha scopi legali ecc. Permettemi di darvi degli ignoranti. Non offendetevi, forse siete della postale o carabinieri o chissà cosa. O solo utonti alla ricerca di flame. Non lo so. Ritengo che è il caso di informarvi dell'esistenza di un progetto di anonimità molto più ampio di un remailer e sicuro al 100% anche per usi malevoli volendo.il MIT (spero che nella vostra ignoranza sapete cosa sia), ha un dipartimento. Orion Routing Department. Un sistema molto avanzato di proxying tramite autenticazione client / server, che permette un rimbalzo all'interno della rete Orion (sparsa in tutto il mondo), con il risultato di avere molti hop prima di raggiungere la destionazione (il funzionamento è molto più complicato di come ho scritto io, ma per gli ignoranti in materia l'ho semplificato - badate non è un'offesa -). Questo permette di avere un'anonimità pari al 100% via protocollo IP. Applicate questo ad una mail cifrata con gpg ed ottenete un mezzo di interscambio dati sicuro e riservato. Allora questo a cosa serve? Al MIT sono tutti dei criminali incalliti? O non hanno altro da fare che perdere tempo e spendere denaro USA ?Riflettete amici miei prima di parlare... Riflettete....SalutiAlessio (BlAcKm[S])
          • Anonimo scrive:
            Re: Censimento: chi ci sta?
            - Scritto da: Anonimo
            A chi dice il remailer non ha scopi legali ecc.
            Permettemi di darvi degli ignoranti.siccome tu capisci tutto e il resto del mondo non ci arriva proprio con la testa... facci un esempio credibile di uso lecito
          • Anonimo scrive:
            Re: Censimento: chi ci sta?
            sicuramente li studiano cosi' a fondo per conto della CIA o dei servizi segreti, cosi' quando ci saranno sistemi del genere diffusi li potranno craccare, o per rendere quelli attuali vulnerabili e leggibili
          • Anonimo scrive:
            Re: Censimento: chi ci sta?
            Peccato che sia un servizio destinato all'utenza gia da molto tempo. E non lo stanno studiando, lo hanno creato. Quanti film vi fate...
  • Anonimo scrive:
    A chi non capisce.
    A quelli che berciano che "vogliono un esempio di utilizzo del remailer":Ma vi siete accorti di essere TUTTI ANONIMI?Perchè non postate con vostro nome e cognome se non avete nulla da nascondere? Evidentemente avete la coscienza sporca, siete tutti terroristi!Bah, la coerenza non si sa più com'è fatta....Un anonimo (secondo certa gente criminale per definizione).
    • Anonimo scrive:
      Re: A chi non capisce.
      - Scritto da: Anonimo
      A quelli che berciano che "vogliono un esempio di
      utilizzo del remailer":
      Ma vi siete accorti di essere TUTTI ANONIMI?
      Perchè non postate con vostro nome e cognome se
      non avete nulla da nascondere? Evidentemente
      avete la coscienza sporca, siete tutti
      terroristi!

      Bah, la coerenza non si sa più com'è fatta....

      Un anonimo (secondo certa gente criminale per
      definizione).ma vatti a nascondere trollazzo
      • Anonimo scrive:
        Re: A chi non capisce.
        - Scritto da: Anonimo
        ma vatti a nascondere trollazzoarrenditi talebano anonimo sei circondato!!
    • Anonimo scrive:
      Re: A chi non capisce.
      - Scritto da: Anonimo
      A quelli che berciano che "vogliono un esempio di
      utilizzo del remailer":
      Ma vi siete accorti di essere TUTTI ANONIMI?
      Perchè non postate con vostro nome e cognome se
      non avete nulla da nascondere? Evidentemente
      avete la coscienza sporca, siete tutti
      terroristi!Perche' devo registrarmi ? Sono pigro.Che metta il mio codice fiscale o "Burp" in fondo al post, il contenuto del mio messaggio non cambia.La coscienza c'entra poco, come vedi.Burp
  • Anonimo scrive:
    Remailer illegali?
    Una domanda facile facile per tutti quelli che sostengono, in base a cosa non si sa, che i remailer sarebbero sfruttati da pedofili, mafiosi, trafficanti, parroci, eccSe i remailer servono per attività illegali come mai non sono illegali essi stessi?Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer illegali?
      - Scritto da: Anonimo
      Una domanda facile facile per tutti quelli che
      sostengono, in base a cosa non si sa, che i
      remailer
      sarebbero sfruttati da pedofili, mafiosi,
      trafficanti, parroci, ecca che altro puo' servire? fammi un cazzo di esempio di uso legale del mezzo
      Se i remailer servono per attività illegali come
      mai non sono illegali essi stessi?infatti ci dovrebbe essere un alto livello di PRIVACY ma non di anonimita', pure gli alcolisti anonimi si vedono in faccia durante le riunioni, tu perche' dovresti avere il potere di scrivere quel che ti pare (magari insulti, soffiate, spam, ecc) senza essere rintracciato?
      • Anonimo scrive:
        Re: Remailer illegali?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Una domanda facile facile per tutti quelli che

        sostengono, in base a cosa non si sa, che i

        remailer

        sarebbero sfruttati da pedofili, mafiosi,

        trafficanti, parroci, ecc

        a che altro puo' servire? fammi un cazzo di
        esempio di uso legale del mezzo


        Se i remailer servono per attività illegali come

        mai non sono illegali essi stessi?

        infatti ci dovrebbe essere un alto livello di
        PRIVACY ma non di anonimita', pure gli alcolisti
        anonimi si vedono in faccia durante le riunioni,
        tu perche' dovresti avere il potere di scrivere
        quel che ti pare (magari insulti, soffiate, spam,
        ecc) senza essere rintracciato?Non capisci e non rispondi.L'uso dei remailer non è vietato dalla legge o sbaglio?Se non è vietato li posso usare. Punto.Se qualcuno poi vede o fa finta di vedere illegalità è un altro discorso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer illegali?
          ed eccoci punto e a capoche vuoi dire che siccome non e' illegale allora lo usi per farci cosa? mi dici l'utilizzo che ne fai? puoi anche andare per esempi non e' che mi devi raccontare la tua e-life segreta
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer illegali?
            - Scritto da: Anonimo
            ed eccoci punto e a capoInfatti siamo punto a capo. Non capisci.

            che vuoi dire che siccome non e' illegale allora
            lo usi per farci cosa? mi dici l'utilizzo che ne
            fai? puoi anche andare per esempi non e' che mi
            devi raccontare la tua e-life segretaNon arrampicarti sugli specchi.Hai cercato a più riprese di definere come illegale qualcosa che illegale non è affatto.Ma non ci sei riuscito.Per me la cosa finisce qui.Probabilmente si arriverà all'ampliamento della rete di remailer con buona pace di quelli come te.Chi rinuncia alla propria libertà in nome della sicurezza non merita nè l'una nè l'altra.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer illegali?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            ed eccoci punto e a capo
            Infatti siamo punto a capo. Non capisci.



            che vuoi dire che siccome non e' illegale allora

            lo usi
            per farci cosa? mi dici l'utilizzo che ne

            fai? puoi anche andare per esempi non e' che mi

            devi raccontare la tua e-life segreta
            Non arrampicarti sugli specchi.siete voi che vi arrampicate sugli specchi, nessuno ha ancora fatto 1 esempio di uso non illegale del mezzo
            Hai cercato a più riprese di definere come
            illegale qualcosa che illegale non è affatto.
            Ma non ci sei riuscito.non ci sono riuscito perche' non era assolutamente questa la mia intenzione io ho detto, e ripeto, che non esiste la necessita' di utilizzare un sistema del genere se non nel caso in cui si voglia fare qualcosa di illegale SMENTISCIMI
            Per me la cosa finisce qui.
            Probabilmente si arriverà all'ampliamento della
            rete
            di remailer con buona pace di quelli come te.Me ne puo' fregar di meno se c'e' o non c'e'....
            Chi rinuncia alla propria libertà in nome della
            sicurezza non merita nè l'una nè l'altra.io sono liberissimo di fare quel che voglio da sempre, nessuno mi ha mai impedito di fare nientema se tu per """""""libertà""""""" intendi in fatto di svolgere attivita' illegali senza essere rintracciato allora e' un altro discorso, ed e' giusto che tu non possa avere questa liberta'
  • sroig scrive:
    IL DL APPROVATO OGGI DICE:
    NUOVE NORME PER IL CONTRASTO DEL TERRORISMO INTERNAZIONALE E DELLA CRIMINALITÀArticolo 6 (Nuove norme sui dati del traffico telefonico e telematico)"...è sospesa l'applicazione delle disposizioni di legge ... che ... consentano la cancellazione dei dati del traffico ... telematico, ... e gli stessi, ... limitatamente alle informazioni che consentono la tracciabilità degli accessi e dei servizi, debbono essere conservati fino a quella data dai fornitori ... di un servizio di comunicazione elettronica accessibile al pubblico ..."Sostanzialmente da oggi gestire un remailer è illegale, fine del problema!
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DL APPROVATO OGGI DICE:
      - Scritto da: sroig
      NUOVE NORME PER IL CONTRASTO DEL TERRORISMO
      INTERNAZIONALE E DELLA CRIMINALITÀ

      Articolo 6 (Nuove norme sui dati del traffico
      telefonico e telematico)

      "...è sospesa l'applicazione delle disposizioni
      di legge ... che ... consentano la cancellazione
      dei dati del traffico ... telematico, ... e gli
      stessi, ... limitatamente alle informazioni che
      consentono la tracciabilità degli accessi e dei
      servizi, debbono essere conservati fino a quella
      data dai fornitori ... di un servizio di
      comunicazione elettronica accessibile al pubblico
      ..."

      Sostanzialmente da oggi gestire un remailer è
      illegale, fine del problema!e' giusto, coi tempi che corrono.... gli unici a lamentarsi saranno quei 4 poppanti che giocano a fare gli achér del dopo scuola
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DL APPROVATO OGGI DICE:
        "E' giusto coi tempi che corrono..."E' una frase che ho già ascoltato... in bocca ad inquisitori e teocrati e a tanti imbecilli che non avevano nulla da nascondere o di che preoccuparsi nella Germania di Hitler o nella Unione Sovietica di Stalin giusto qualche decennio fa. Coi tempi che corrono tra poco qualcuno proporrà l'abolizione dei più elementari diritti costituzionali che, si sa, avvantaggiano solo i criminali. Basta avvocati duranti gli interrogatori delle forze dell'ordine, basta segretezza delle comunicazioni,... Peccato che poi insieme con i criminali muoia anche la libertà, che è forse l'unica cosa che ci rende diversi da "loro". A giudicare dal tenore di alcuni commenti apparsi qui oggi sembrerebbe che i terroristi hanno già vinto.
        • Anonimo scrive:
          Re: IL DL APPROVATO OGGI DICE:
          - Scritto da: Anonimo
          "E' giusto coi tempi che corrono..."

          E' una frase che ho già ascoltato... in bocca ad
          inquisitori e teocrati e a tanti imbecilli certo allora diamo TUTTO a TUTTI i criminali che e' megliodai vatti a nascondere che hai gia' fatto la tua bella figura
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DL APPROVATO OGGI DICE:
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: sroig

        NUOVE NORME PER IL CONTRASTO DEL TERRORISMO

        INTERNAZIONALE E DELLA CRIMINALITÀ



        Articolo 6 (Nuove norme sui dati del traffico

        telefonico e telematico)



        "...è sospesa l'applicazione delle disposizioni

        di legge ... che ... consentano la cancellazione

        dei dati del traffico ... telematico, ... e gli

        stessi, ... limitatamente alle informazioni che

        consentono la tracciabilità degli accessi e dei

        servizi, debbono essere conservati fino a quella

        data dai fornitori ... di un servizio di

        comunicazione elettronica accessibile al
        pubblico

        ..."



        Sostanzialmente da oggi gestire un remailer è

        illegale, fine del problema!forse non è vero, posso tenere i log del mio remailer e se un messaggio passa attraverso 10 server saranno davvero poco utili i log
        e' giusto, coi tempi che corrono.... infatto in italia ci sono norme contro il riciclaggio di denaro che valgono per te e me, ma peccato che chi vuole riciclare non usi i normali canali bancaricomunqe a leggere il forum si arriva ad una conclusione CHI NON VUOLE CAPIRE NON CAPISCE
        • Anonimo scrive:
          Re: IL DL APPROVATO OGGI DICE:

          comunqe a leggere il forum si arriva ad una
          conclusione CHI NON VUOLE CAPIRE NON
          CAPISCEsi arriva anche alla conclusione che c'e' gente che vuole vivere come alice nel paese degli achér
          • Anonimo scrive:
            Re: IL DL APPROVATO OGGI DICE:
            - Scritto da: Anonimo


            comunqe a leggere il forum si arriva ad una

            conclusione CHI NON VUOLE CAPIRE NON

            CAPISCE

            si arriva anche alla conclusione che c'e' gente
            che vuole vivere come alice nel paese degli achérNel decreto non si fa menzione dei remailer, mi spiace...




          • Anonimo scrive:
            Re: IL DL APPROVATO OGGI DICE:
            Se volessi giocare a fare l'achér come dici tu, l'utlima cosa che vado ad utilizzare è un remailer, per ovvi motivi di tracciabilità, ma temo che la tu non contempli la conoscienza del funzionamento di tale sistema vero? E con questo non dico remailer si, remailer no. Se voglio inviare una mail anonima e riservata utilizzo altri metodi, a partire da GPG come è stato gia detto. Però ripeto, prima di aprire bocca e tirare fuori la famigerata parola hacker, ragazzotto hacker o quel che sia (un ragazzatto che gioca all'hacker magari non sa neanche cosa significhi un remailer), informati bene sul funzionamento di un remailer e sulle caratteristiche e potenzialità dell'analisi di rete florenze.SalutiAlessio (BlAcKm[S])
  • Anonimo scrive:
    Sono d'accordo totalmente con Ivan!!!
    Sono d'accordo totalmente con Ivan Grigoryevich!!!
  • Anonimo scrive:
    Mica e' stato preso di mira da crackers
    Ma dalla polizia postale, per lo stato la privacy non esiste, una firma del giudice e ti ribaltano casa.La difesa della sicurezza e la privacy dei cittadini sono un problema difficile da risovere. :o
    • Anonimo scrive:
      Re: Mica e' stato preso di mira da crack
      Hai ragione. Però nella eventualità che ribaltino la tua abitazione la cosa ti sarebbe subito tristemente nota e potresti immediatamente notificare l'avvenuta violazione della macchina ed avvisare i tuoi (potenziali) utenti.
  • Anonimo scrive:
    Quindi...
    Ne concludo che, per i detrattori, i remailer anonimi dovrebbero essere vietati.Di più.Il gestore del remailer, dovrebbe essere ritenuto responsabile di qualsiasi cosa esca o passi dal suo PC/Server.Ad esempio se qualcuno rivendicasse un attentato tramite e-mail che passa da un remailer, il gestore del remailer dovrebbe essere considerato responsabile "in solido" con il mittente dell'email.Basterebbe una leggina del genere per radere al suolo qualsiasi tentativo di installare remailer anonimi.Non ci hanno ancora pensato o la sanno lunga?Ingenuo 2001
    • Anonimo scrive:
      Re: Quindi...
      - Scritto da: Anonimo
      Ne concludo che, per i detrattori, i remailer
      anonimi dovrebbero essere vietati.
      Di più.
      Il gestore del remailer, dovrebbe essere
      ritenuto responsabile di qualsiasi cosa
      esca o passi dal suo PC/Server.Il problema, anche legalmente, e' che il gestore non puo' sapere cosa esce dal suo PC/Server, il mixmaster tiene i dati criptati ed e' fatto in modo che non sia possibile per il gestore avere controllo su quello che esce.Inoltre i mixmaster dividono e mixano le parti di mail facendole rimbalzare in giro, insieme a notevoli quantita' di traffico di copertura, anche in questo caso non c'e' controllo da parte dell'amministratore.
      Ad esempio se qualcuno rivendicasse un
      attentato tramite e-mail che passa da un
      remailer, il gestore del remailer dovrebbe
      essere considerato responsabile "in solido"
      con il mittente dell'email.Quindi se mi sta antipatica la telecom io mando una mail attraverso wind prima di un atto terroristico e la polizia arresta tutta telecom secondo te ???
      Basterebbe una leggina del genere per
      radere al suolo qualsiasi tentativo di
      installare remailer anonimi.Non ho capito a che genere di leggina tu alluda.
      Non ci hanno ancora pensato o la
      sanno lunga?Forse sei un po' ingenuo, pensaci ancora un po' va'.
      Ingenuo 2001
      • Anonimo scrive:
        Re: Quindi...



        Il gestore del remailer, dovrebbe essere

        ritenuto responsabile di qualsiasi cosa

        esca o passi dal suo PC/Server.

        Il problema, anche legalmente, e' che il gestore
        non puo' sapere cosa esce dal suo PC/Server, il
        mixmaster tiene i dati criptati ed e' fatto in
        modo che non sia possibile per il gestore avere
        controllo su quello che esce.
        Inoltre i mixmaster dividono e mixano le parti di
        mail facendole rimbalzare in giro, insieme a
        notevoli quantita' di traffico di copertura,
        anche in questo caso non c'e' controllo da parte
        dell'amministratore.Vediamo un esempio.Arrivi in Italia con un volo dall'estremo oriente, all'aeroporto la polizia doganale ti intima di aprire la valigia. Di chi è la responsabilità di quello che sta nella valigia?Di mio nonno in carriola? No è tua.Se dentro la valigia trovano qualcosa di illegale, tu puoi dire che non ne sapevi niente, ma glielo devi dimostrare: era nella tua valigia, non nella mia.Magari sei innocente, intanto passi un guaio.Ma vediamo l'antefatto.Prima di partire gridi ai quattro venti "Hey guys!! Datemi tutti i vostri pacchi che io ve li porto in Italia, non li apro e non faccio domande".Qualcuno ti sente e lo fa notare alle autorità (spione).A questo punto davanti alla dogana cosa dici? Che non ne sapevi niente? Che non hai aperto i pacchi? Ti sei preso la responsabilità di roba che non conosci.Se metti su un remailer anonimo devi pubblicizzarlo, sennò nessuno lo userebbe.Quindi dici: "Hey guys!! Mandate a me tutte le vostre pu*****te che io le giro ai destinatari senza fare domande".In pratica ti prendi la responsabilità di roba d'altri che non conosci.Poi una di quelle pu*****te scotta, e arriva la PolPost a casa tua, con il tuo discorsetto che "il gestore non puo' sapere cosa esce dal suo PC/Server" credo che ci farai un'ottima birra, proprio per il fatto che questa tua mancata conoscenza non è casuale ma voluta.Anche in questo caso credo che saranno guai.Ingenuo 2001 (forse dovrei aggiornare la data...)
        • Anonimo scrive:
          Re: Quindi...
          - Scritto da: Anonimo


          Il gestore del remailer, dovrebbe essere


          ritenuto responsabile di qualsiasi cosa


          esca o passi dal suo PC/Server.

          Il problema, anche legalmente, e' che il

          gestore non puo' sapere cosa esce dal

          suo PC/Server, il mixmaster tiene i dati

          criptati ed e' fatto in modo che non sia

          possibile per il gestore avere

          controllo su quello che esce.

          Inoltre i mixmaster dividono e mixano

          le parti di mail facendole rimbalzare in

          giro, insieme a notevoli quantita' di

          traffico di copertura, anche in questo

          caso non c'e' controllo da parte

          dell'amministratore.
          Vediamo un esempio.
          Arrivi in Italia con un volo dall'estremo
          oriente, all'aeroporto la polizia doganale ti
          intima di aprire la valigia.
          Di chi è la responsabilità di quello che sta
          nella valigia?
          Di mio nonno in carriola? No è tua.
          Se dentro la valigia trovano qualcosa di
          illegale, tu puoi dire che non ne sapevi
          niente, ma glielo devi dimostrare: era nella
          tua valigia, non nella mia.
          Magari sei innocente, intanto passi un guaio.
          Ma vediamo l'antefatto.
          Prima di partire gridi ai quattro venti "Hey
          guys!! Datemi tutti i vostri pacchi che io ve li
          porto in Italia, non li apro e non faccio
          domande".
          Qualcuno ti sente e lo fa notare alle autorità
          (spione).
          A questo punto davanti alla dogana cosa
          dici? Che non ne sapevi niente? Che non
          hai aperto i pacchi? Ti sei preso la
          responsabilità di roba che non conosci.E se non potevi aprire i pacchi perche' corazzati, ma hai fatto firmare una liberatoria in cui chiedevi alla gente di assicurarti che non c'era dentro materiale illegale ???
          Se metti su un remailer anonimo devi
          pubblicizzarlo, sennò nessuno lo userebbe.
          Quindi dici: "Hey guys!! Mandate a me tutte le
          vostre pu*****te che io le giro ai destinatari
          senza fare domande".Certo, ma specifichi anche che quel materiale non dev'essere illegale.
          In pratica ti prendi la responsabilità di roba
          d'altri che non conosci.
          Poi una di quelle pu*****te scotta, e arriva la
          PolPost a casa tua, con il tuo discorsetto che
          "il gestore non puo' sapere cosa esce dal suo
          PC/Server" credo che ci farai un'ottima birra,
          proprio per il fatto che questa tua mancata
          conoscenza non è casuale ma voluta.
          Anche in questo caso credo che saranno guai.Eppure non ho mai sentito di arresti di gestori di anonimous remailer, e anche quando seguestrano o aprono dei pc su cui girano gli anon non e' quasi mai per il remailer in se'.Oltre che a casa mia devono anche andare in diverse universita' in cui girano remailer, come Harvard ad esempio, forse la' sapressero spiegarti meglio di me le sfumature legali.
          Ingenuo 2001 (forse dovrei aggiornare la data...)
          • Anonimo scrive:
            Re: Quindi...


            Oltre che a casa mia devono anche andare in
            diverse universita' in cui girano remailer, come
            Harvard ad esempio, forse la' sapressero
            spiegarti meglio di me le sfumature legali.Senti, io non ce l'ho con te, anzi sono ben contrario al controllo globale.Voglio solo dire che, di questi tempi, se un remailer anonimo fosse VERAMENTE una barriera insuperabile nelle indagini di polizia, e un gestore potesse VERAMENTE trincerarsi dietro a liberatorie o quant'altro, si sarebbero già presi provvedimenti.Prova ad andare in un aeroporto e dire che un tizio che non conosci ti ha detto di mettere nel tuo bagaglio un pacco sigillato ma che però ti ha firmato un documento dove ti garantisce che non contiene nulla di illegale...Quindi secondo me i casi sono i seguenti:1. Nessuna indagine di polizia ha ancora sbattuto il naso contro un remailer anonimo.2. I remailer anonimi non sono un problema perché non forniscono alcun tipo di anonimato alle persone interessate al traffico di email.Bye e buon we!!Ingenuo 2001

            Ingenuo 2001 (forse dovrei aggiornare la
            data...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Quindi...

      Ad esempio se qualcuno rivendicasse un attentato
      tramite e-mail che passa da un remailer, il
      gestore del remailer dovrebbe essere considerato
      responsabile "in solido" con il mittente
      dell'email.
      anche il forum di punto informatico ha un disclaimer, potrebbe essere usato per scambiare informazioni illegali magari parlando con un codice (come fanno i mafiosi in carcere durante le viite dei parenti), forse è meglio se tutti i forum vengono chiusi.PS: del mio IP non se ne fanno un bel niente poiché non è quello vero ma passa da TOR, quindi ti posso trnquillamente comunicare che per la consegna della torta non ci sono problemi escluso il fatto che la cioccolata è un pò amara ;)
  • afiorillo scrive:
    In quindici anni che uso l'email...
    ...non ho mai sentito il bisogno di nascondere la mia identità. Forse perché non ho niente da nascondere?Si parla di "libertà", nell'articolo. Io la chiamerei diversamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: In quindici anni che uso l'email...
      - Scritto da: afiorillo
      ...non ho mai sentito il bisogno di nascondere la
      mia identità. Forse perché non ho niente da
      nascondere?

      Si parla di "libertà", nell'articolo. Io la
      chiamerei diversamente.infatti anche io, uso l'email dal 95 e non ho mai avuto nemmeno il bisogno di criptare una mail, la """""libertà""""" (fra 10 virgolette) che intendono questi e' invece la pretesa di fare tutti gli illeciti e i reati che gli pare senza la possibilita' di essere rintracciati
      • djalqali scrive:
        Re: In quindici anni che uso l'email...
        Vi siete mai posti il problema che in questo mondo ci sono anche altre persone oltre voi due? Magari hanno esigenze del tutto diverse dalle vostre (anche se perfettamente lecite). Certo scoprire che l'universo non gira attorno a voi due deve essere traumatico.....
        • afiorillo scrive:
          Re: In quindici anni che uso l'email...
          - Scritto da: djalqali
          Vi siete mai posti il problema che in questo
          mondo ci sono anche altre persone oltre voi due?
          Magari hanno esigenze del tutto diverse dalle
          vostre (anche se perfettamente lecite). Certo
          scoprire che l'universo non gira attorno a voi
          due deve essere traumatico.....OK, vediamo se questa è la volta buona che qualche anima pia (tu, ad esempio?) si prende la briga di rispondere alla domanda: "Qual'è un esempio di attività legale, lecita, ecc. ecc. che _ha bisogno_ necessariamente di un remailer"?Vediamo un po'. ;)
          • djalqali scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            Effettivamente mi sento molto pio oggi:ecco tre link di un botta e risposta tra me e un tale zipman in cui si portano gli esempi richiesti. http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1078897&tid=1078800&p=1&r=PI#1078897http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1078996&tid=1078800&p=1&r=PI#1078996http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1079612&tid=1078800&p=1&r=PI#1079612A parte gli insulti sempre disdicevoli, ci dovresti trovare materiale su cui riflettere visto che trovi due punti di vista diversi.......non mi levo mai il vizio di fare il democratico :p
          • afiorillo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: djalqali
            Effettivamente mi sento molto pio oggi:
            ecco tre link di un botta e risposta tra me e un
            tale zipman in cui si portano gli esempi
            richiesti.
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1078
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1078
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1079

            A parte gli insulti sempre disdicevoli, ci
            dovresti trovare materiale su cui riflettere
            visto che trovi due punti di vista diversi.

            ......non mi levo mai il vizio di fare il
            democratico :pNo, no, e poi NO. Non ci siamo. Tutti gli esempi che hai riportato in quei post possono essere benissimo risolti usando mezzi di comunicazione alternativi (telefonate, posta, volantini, ecc.), esattamente come è stato fatto per secoli, senza bisogno di fornire ai criminali un nuovo strumento col quale portare avanti i propri interessi.
          • djalqali scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...


            No, no, e poi NO. Non ci siamo. Tutti gli esempi
            che hai riportato in quei post possono essere
            benissimo risolti usando mezzi di comunicazione
            alternativi (telefonate, posta, volantini, ecc.),
            esattamente come è stato fatto per secoli, senza
            bisogno di fornire ai criminali un nuovo
            strumento col quale portare avanti i propri
            interessi. caro afiorillo, ci sono una serie di post (non solo i miei) che contengono una lunga lista di ragioni. Se vuoi un dialogo non limitarti a dire "è tutto sbagliato" ma devi contestare punto per punto le argomentazioni che ti vengono offerte.Mi rendo conto che potresti slogarti le dite a furia di controbattere sul forum, ma sai, la democrazia e il dialogo si fanno così.
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            hai mai letto il racconto "un vendifrottole smascherato" di Frantz Kafka, ecco vai a leggertelo
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...

            No, no, e poi NO. Non ci siamo. Tutti gli esempi
            che hai riportato in quei post possono essere
            benissimo risolti usando mezzi di comunicazione
            alternativi (telefonate, posta, volantini, ecc.),
            esattamente come è stato fatto per secoli, senza
            bisogno di fornire ai criminali un nuovo
            strumento col quale portare avanti i propri
            interessi.te lo dico io, non c'e' un esempio, sono qui da ieri a mezzanotte che chiedo di farmi UN, dico UN, esempio pratico come tu chiedi, e nessuno ha tirato fuori nulla, evidentemente ci troviamo davanti a ragazzini che giocano a fare gli achér e basta
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: afiorillo
            No, no, e poi NO. Non ci siamo. Tutti gli esempi
            che hai riportato in quei post possono essere
            benissimo risolti usando mezzi di
            comunicazione alternativi (telefonate, posta,
            volantini, ecc.), esattamente come è stato
            fatto per secoli, senza bisogno di fornire
            ai criminali un nuovo strumento col quale
            portare avanti i propri interessi.Azz, ma allora andava benissimo il tam tam ... A no puo' essere intercettato ! Emmm... Ecco forse secondo te potevamo allora fermarci ai piccioni viaggiatori (che possono e potevano essere usati anche per scopi illeciti). Che stupida l'umanita' ad inventare telefoni, tv, radio, automobili.Mi sa che sei rimasto ai tempo dei piccioni viaggiatori tu.
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...

            Azz, ma allora andava benissimo il tam tam ... A
            no puo' essere intercettato !
            Emmm... Ecco forse secondo te potevamo allora
            fermarci ai piccioni viaggiatori (che possono e
            potevano essere usati anche per scopi illeciti).

            Che stupida l'umanita' ad inventare telefoni, tv,
            radio, automobili.

            Mi sa che sei rimasto ai tempo dei piccioni
            viaggiatori tu. (troll2)
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo

            Azz, ma allora andava benissimo il tam tam

            ... A no puo' essere intercettato !

            Emmm... Ecco forse secondo te potevamo

            allora fermarci ai piccioni viaggiatori (che

            possono e potevano essere usati anche

            per scopi illeciti).

            Che stupida l'umanita' ad inventare

            telefoni, tv, radio, automobili.

            Mi sa che sei rimasto ai tempo dei piccioni

            viaggiatori tu.
            (troll2)Sono daccordo: afiorillo e' un troll
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: afiorillo
            - Scritto da: djalqali

            Vi siete mai posti il problema che in questo

            mondo ci sono anche altre persone oltre

            voi due?

            Magari hanno esigenze del tutto diverse

            dalle vostre (anche se perfettamente

            lecite). Certo scoprire che l'universo non

            gira attorno a voi due deve essere

            traumatico.....
            OK, vediamo se questa è la volta buona che
            qualche anima pia (tu, ad esempio?) si
            prende la briga di rispondere alla domanda:
            "Qual'è un esempio di attività legale, lecita,
            ecc. ecc. che _ha bisogno_ necessariamente
            di un remailer"?Mobbing in azienda da parte ad es di qualcuno dei sistemisti, che normalmente potrebbero leggere le tue e mail.Comunicare privatamente con medici ed ospedali senza che il tuo capo o la tua assicurazione sappiano che tu parli con l'istituto tumori (ad es.).Denunciare reati di mafia, di quelli che se qualcuno sa che te la sei cantata sei morto, ma anche solo se viene notato che tu scrivi mai a giudici, avvocati, magistrati, forze dell'ordine.Insomma tutti quei casi in cui sai che il solo sapere a chi stai scrivendo tu pio' mettere nei guai o provocare avvelenamenti da piombo cinetico.
          • afiorillo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo
            Mobbing in azienda da parte ad es di qualcuno dei
            sistemisti, che normalmente potrebbero leggere le
            tue e mail.Le email aziendali servono per il lavoro, non per i cavoli propri. Per questi c'è Hotmail & C.
            Comunicare privatamente con medici ed ospedali
            senza che il tuo capo o la tua assicurazione
            sappiano che tu parli con l'istituto tumori (ad
            es.).Vedi sopra.
            Denunciare reati di mafia, di quelli che se
            qualcuno sa che te la sei cantata sei morto, ma
            anche solo se viene notato che tu scrivi mai a
            giudici, avvocati, magistrati, forze dell'ordine.Via email? Ma per favore...
            Insomma tutti quei casi in cui sai che il solo
            sapere a chi stai scrivendo tu pio' mettere nei
            guai o provocare avvelenamenti da piombo
            cinetico.Non mi hai convinto. Sotto un altro...
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: afiorillo

            Denunciare reati di mafia, di quelli che se

            qualcuno sa che te la sei cantata sei morto, ma

            anche solo se viene notato che tu scrivi mai a

            giudici, avvocati, magistrati, forze
            dell'ordine.

            Via email? Ma per favore...


            Insomma tutti quei casi in cui sai che il solo

            sapere a chi stai scrivendo tu pio' mettere nei

            guai o provocare avvelenamenti da piombo

            cinetico.

            Non mi hai convinto. Sotto un altro...questo non e' un gioco a premi.. non si sta a convicere te.. adesso presta silenzio e resta nel 1800 a navigare nella tua ignoranza cronica :)
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            ecco un altra fracca di ca%%ate
            Mobbing in azienda da parte ad es di qualcuno dei
            sistemisti, che normalmente potrebbero leggere le
            tue e mail.andare all'ufficio del capo o direttamente alla polizia no? a dici nel caso che il sistemista di ha legato nella cantina col server e ti ha lasciato un browser aperto in caso ti sentivi solo e avevi voglia di andare a farti una navigata...
            Comunicare privatamente con medici ed ospedali
            senza che il tuo capo o la tua assicurazione
            sappiano che tu parli con l'istituto tumori (ad
            es.).I medici hanno il segreto professionale, anche se ci parlassi di persona nessuno potrebbe dire niente, e non penso che vorresti mandare una mail che rimarra' per anni e anni incustodita in qualche pc obsoleto in una asl??
            Denunciare reati di mafia, di quelli che se
            qualcuno sa che te la sei cantata sei morto, ma
            anche solo se viene notato che tu scrivi mai a
            giudici, avvocati, magistrati, forze dell'ordine.
            Nessuna denuncia viene presa minimamente in considerazione se non fatta di persona, anzi, questa e' doppiamente una cazzata perche' se un mafioso viene condannato per una specifica cosa che ti ha fatto, e per cui tu rischi, ti ammazza due volte se nessuno lo sa, invece se la polizia sa di te ci sono i programmi di protezione.
            Insomma tutti quei casi in cui sai che il solo
            sapere a chi stai scrivendo tu pio' mettere nei
            guai o provocare avvelenamenti da piombo
            cinetico.a me sembra ancora solo fumo negli occhi
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...


            "Qual'è un esempio di attività legale, lecita,
            ecc. ecc. che _ha bisogno_ necessariamente di un
            remailer"?

            Vediamo un po'. ;)mai sei tardo, quanti nella vita non hanno mai fatto (o ricevuto) una telefonata da una cabina telefonica (si chiamano scherzi).le email anonime si usano per- fare scherzi- inviare spam- inviare virus..................................
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo




            "Qual'è un esempio di attività legale, lecita,

            ecc. ecc. che _ha bisogno_ necessariamente di un

            remailer"?



            Vediamo un po'. ;)

            mai sei tardo, quanti nella vita non hanno mai
            fatto (o ricevuto) una telefonata da una cabina
            telefonica (si chiamano scherzi).

            le email anonime si usano per

            - fare scherzi

            - inviare spam

            - inviare virus

            ..................................ah ecco mi pareva :)
        • Anonimo scrive:
          Re: In quindici anni che uso l'email...
          - Scritto da: djalqali
          Vi siete mai posti il problema che in questo
          mondo ci sono anche altre persone oltre voi due?
          Magari hanno esigenze del tutto diverse dalle
          vostre (anche se perfettamente lecite). Certo
          scoprire che l'universo non gira attorno a voi
          due deve essere traumatico.....mi fai un ca%%o di esempio pratico o vogliamo stare qui fino a domani mattina????? nessuno ha fatto un pidocchioso esempio pratico!!!!!
          • djalqali scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: djalqali

            Vi siete mai posti il problema che in questo

            mondo ci sono anche altre persone oltre voi due?

            Magari hanno esigenze del tutto diverse dalle

            vostre (anche se perfettamente lecite). Certo

            scoprire che l'universo non gira attorno a voi

            due deve essere traumatico.....

            mi fai un ca%%o di esempio pratico o vogliamo
            stare qui fino a domani mattina????? nessuno ha
            fatto un pidocchioso esempio pratico!!!!!Mi rendo conto che puoi avere la vista affaticata ma con un bel paio di occhiali nuovi, se ti fai un giro su questo thread e sugli altri magari trovi le risposte che cerchi.Se no ti posso mandare un bel plico insieme alle pizze che ordini stasera. Contento?
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...


            mi fai un ca%%o di esempio pratico o vogliamo

            stare qui fino a domani mattina????? nessuno ha

            fatto un pidocchioso esempio pratico!!!!!

            Mi rendo conto che puoi avere la vista affaticata
            ma con un bel paio di occhiali nuovi, se ti fai
            un giro su questo thread e sugli altri magari
            trovi le risposte che cerchi.
            Se no ti posso mandare un bel plico insieme alle
            pizze che ordini stasera. Contento?All togheter now!! (rotfl) noi troll siam cosi' (troll3) (troll3) noi siamo tutti blusiam alti suppergiù (troll3) (troll3) due mele o poco piu'
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            chi vuole commettere illeciti ha già tanti modi per farlo anonimamente,quando mando una mail vorrei che rimanessi anonimo almeno quanto lo sono spedendo una lettera in busta chiusa senza indicazione del mittente (e magari scritta in codice)
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo
            chi vuole commettere illeciti ha già tanti modi
            per farlo anonimamente,
            quando mando una mail vorrei che rimanessi
            anonimo almeno quanto lo sono spedendo una
            lettera in busta chiusa senza indicazione del
            mittente (e magari scritta in codice)
            Anche chi spamma vorrebbe restare anonimo come te.
      • Anonimo scrive:
        Re: In quindici anni che uso l'email...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: afiorillo

        ...non ho mai sentito il bisogno di nascondere
        la

        mia identità. Forse perché non ho niente da

        nascondere?



        Si parla di "libertà", nell'articolo. Io la

        chiamerei diversamente.

        infatti anche io, uso l'email dal 95 e non ho mai
        avuto nemmeno il bisogno di criptare una mail, la
        """""libertà""""" (fra 10 virgolette) che
        intendono questi e' invece la pretesa di fare
        tutti gli illeciti e i reati che gli pare senza
        la possibilita' di essere rintracciati
        Ah si?e allora come mai nel tuo post mancano nome e cognome, indirizzo ecc?
        • Anonimo scrive:
          Re: In quindici anni che uso l'email...
          - Scritto da: Anonimo

          Ah si?
          e allora come mai nel tuo post mancano nome e
          cognome, indirizzo ecc?
          Oh ironia, dolce ironia...
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Ah si?

            e allora come mai nel tuo post mancano nome e

            cognome, indirizzo ecc?


            Oh ironia, dolce ironia...piu' che altro direi beata ignoranza...
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            Ah si?


            e allora come mai nel tuo post mancano nome e


            cognome, indirizzo ecc?




            Oh ironia, dolce ironia...

            piu' che altro direi beata ignoranza...Mah! Rimane il fatto che il tizio che dice di non aver mai avuto il bisogno di criptare una mail si presenta al forum in modo anonimo.
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo







            Ah si?



            e allora come mai nel tuo post mancano nome
            e



            cognome, indirizzo ecc?






            Oh ironia, dolce ironia...



            piu' che altro direi beata ignoranza...
            Mah! Rimane il fatto che il tizio che dice di non
            aver mai avuto il bisogno di criptare una mail si
            presenta al forum in modo anonimo.Paradossalmente, allo stesso modo del 99.9% di quelli che si registrano su un qualsiasi forum, compreso questo. Ma del resto internet è cosi; avere un account registrato e un nickname lo renderebbe "meno anonimo"?Ma stiamo divagando.
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo.

            Paradossalmente, allo stesso modo del 99.9% di
            quelli che si registrano su un qualsiasi forum,
            compreso questo.Quindi secondo te al 99,9 per cento degli utenti l'anonimato non da fastidio. Bene!
            Ma del resto internet è cosi;
            avere un account registrato e un nickname lo
            renderebbe "meno anonimo"?No. Ci vuole ben altro.
            Ma stiamo divagando.Forse. Quello che non mi va, comunque, è questa levata di scudi contro i remailer.
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...

            Mah! Rimane il fatto che il tizio che dice di non
            aver mai avuto il bisogno di criptare una mail si
            presenta al forum in modo anonimo.hey (troll2) hai mai letto "un vendifrottole smascherato" di franz kafka? te lo consiglio
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo


            Mah! Rimane il fatto che il tizio che dice di
            non

            aver mai avuto il bisogno di criptare una mail
            si

            presenta al forum in modo anonimo.


            hey (troll2) hai mai letto "un vendifrottole
            smascherato" di franz kafka? te lo consigliodi kafka ho letto la metamorfosi, il processo e nella colonia penale di che parla "un vendifrottole smascherato"?
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...


            hey (troll2) hai mai letto "un vendifrottole

            smascherato" di franz kafka? te lo consiglio
            di kafka ho letto la metamorfosi, il processo e
            nella colonia penale anche io li ho letti questi, ho comprato la raccolta
            di che parla "un vendifrottole smascherato"?parla di uno il cui unico scopo e' appiccicarsi come una cozza alla prima persona che gli da un po' retta, e poi gli scarica addosso una valanga di frottole e chiacchiericcio inconcludente per ore e ore fino a notte fonda, e non ti lascia mai andare! cosi' alla fine l'altro gli da una pacca sulla spalla e gli dice: "smascherato!", e se ne va.
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo


            hey (troll2) hai mai letto "un vendifrottole


            smascherato" di franz kafka? te lo consiglio


            di kafka ho letto la metamorfosi, il processo e

            nella colonia penale

            anche io li ho letti questi, ho comprato la
            raccolta


            di che parla "un vendifrottole smascherato"?

            parla di uno il cui unico scopo e' appiccicarsi
            come una cozza alla prima persona che gli da un
            po' retta, e poi gli scarica addosso una valanga
            di frottole e chiacchiericcio inconcludente per
            ore e ore fino a notte fonda, e non ti lascia mai
            andare! cosi' alla fine l'altro gli da una pacca
            sulla spalla e gli dice: "smascherato!", e se ne
            va.


            Probabilmente parli della raccolta pubblicata da Newton/Compton, io non ce l'ho ( ho comprato i singoli racconti ).Ma questo è un altro discorso. Piuttosto: perchè mi dai del troll?
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...



            di che parla "un vendifrottole smascherato"?



            parla di uno il cui unico scopo e' appiccicarsi

            come una cozza alla prima persona che gli da un

            po' retta, e poi gli scarica addosso una valanga

            di frottole e chiacchiericcio inconcludente per

            ore e ore fino a notte fonda, e non ti lascia
            mai

            andare! cosi' alla fine l'altro gli da una pacca

            sulla spalla e gli dice: "smascherato!", e se ne

            va.



            Probabilmente parli della raccolta pubblicata da
            Newton/Compton, io non ce l'ho ( ho comprato i
            singoli racconti ).
            Ma questo è un altro discorso.
            Piuttosto: perchè mi dai del troll?pac-pac... "smascherato!!!" :D
          • Anonimo scrive:
            Re: In quindici anni che uso l'email...
            - Scritto da: Anonimo



            di che parla "un vendifrottole smascherato"?





            parla di uno il cui unico scopo e'
            appiccicarsi


            come una cozza alla prima persona che gli da
            un


            po' retta, e poi gli scarica addosso una
            valanga


            di frottole e chiacchiericcio inconcludente
            per


            ore e ore fino a notte fonda, e non ti lascia

            mai


            andare! cosi' alla fine l'altro gli da una
            pacca


            sulla spalla e gli dice: "smascherato!", e se
            ne


            va.






            Probabilmente parli della raccolta pubblicata da

            Newton/Compton, io non ce l'ho ( ho comprato i

            singoli racconti ).

            Ma questo è un altro discorso.

            Piuttosto: perchè mi dai del troll?

            pac-pac... "smascherato!!!" :DSpiacente.Ma lei si sbaglia....e si smaschera!!
  • dromosz scrive:
    Magari lo facessero in tanti!
    Qualcuno dice: ok la polizia allora ne installa un decina falsi e monitora tutto.Ok, e io non uso un solo remailer ma 3-4 remailer in cascata...basta che uno della catena non sia controllato e gli altri diventano inutili, inutili i soldi spesi per installarli, inutili i soldi dello stipendio pagati a chi li usa per monitorare il traffico :-)Non mi interessa che sia scomodo o poco efficiente. Mi sento libero finchè ho la possibilità di farlo. Finchè so di potere (SE voglio) scrivere un'email senza che nessuno sappia a chi l'ho scritta o cosa c'era scrittoFinchè so di potere crittare un file sapendo che nessuno può dimostrare che il file ce l'hoFinchè so di potere scambiare un file con un mio amico senza che nessuno sappia che il file lo avevo io e che l'ho passato a lui.Credo che debba esistere sempre la possibilità di sfuggire al controllo.La libertà è più importante della sicurezza.(questo è essere responsabili, non l'aumento dei controlli)
    • Anonimo scrive:
      Re: Magari lo facessero in tanti!
      ti faccio notare che ogni persona che ha bisogno legittimamente e legalmente di un servizio del genere ci sono 300 pedofili e 50 terroristi che se ne approfittano
      • djalqali scrive:
        Re: Magari lo facessero in tanti!
        Ti faccio notare che i terroristi e i pedofili userebbero comunque questi strumenti anche se fossero illegali; se fossi coerente con le tue affermazioni dovresti essere contro tutto ciò che è pericoloso indipendentemente da chi lo usa: a cominciare dalle armi detenute legalmente da molti cittadini italiani (per non parlare della ricerca a fini militari).Se pensi invece che non si possano proibire le armi usate per legittima difesa allora perchè dovresti proibire strumenti (che in se stessi non offendono nessuno) che vengono usati per difendere legittamente i propri diritti!
  • Anonimo scrive:
    Questi remailers...
    ...saranno molto utilizzati dai lamoroni linzoZZari per le loro serate gay :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Questi remailers...
      - Scritto da: Anonimo
      ...saranno molto utilizzati dai lamoroni
      linzoZZari per le loro serate gay :Dquelle serate dove aspettano sotto casa i troll come te per installargli un joystick di ciccia ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Questi remailers...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...saranno molto utilizzati dai lamoroni

        linzoZZari per le loro serate gay :D


        quelle serate dove aspettano sotto casa i troll
        come te per installargli un joystick di ciccia ?lo sapevo.lo dicevo io che sei un pervertito!stammi lontano pervetito
  • Anonimo scrive:
    ma non sarebbe pericoloso?
    ...OK, personalmente non sono del tutto convinto che un emailer anonimo sia una cosa corretta, ma immaginiamo che io vi prepari una distribuzione linux facile da installare che funzioni senza problemi per l'utente semplice.... tipo una knoppix tanto per intenderci.ma cosa succederebbe se l'utente che la installa non fosse tanto utonto e che modificasse la propria installazione in modo da fare forward dell'email e IP alla polizia?Se io fossi il capo della polizia di uno stato metterei almeno 10 emailier anonimi crakkati, a disposizione del pubblico e farei entrare almeno 2 o tre poliziotti competenti nel gruppo dei programmatori....nun zo... mi pare una stronzata, ma ovviamente posso sbagliareM
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non sarebbe pericoloso?

      Se io fossi il capo della polizia di uno stato
      metterei almeno 10 emailier anonimi crakkati, a
      disposizione del pubblico e farei entrare almeno
      2 o tre poliziotti competenti nel gruppo dei
      programmatori.

      ...nun zo... mi pare una stronzata, ma ovviamente
      posso sbagliarequesti pollastri neohackers del dopo-oratorio non hanno capito ancora che gia' ci sono cose del genere in tutto il mondo e tutti ad usarli felici e contenti, ti pare che con i tempi che corrono i servizi segreti e l'intelligence di ogni nazione non abbiano gia' pensato a misure del genere? infatti i terroristi hanno reti e sistemi sviluppati in proprio, giusto pochi giorni fa hanno arrestato un sistemista assoldato dai terroristi islamici che aveva proprio lavorato per creare un sistema completo di comunicazione via internet completamente anonimo e criptato, solo i pollastri della domenica usano i remailer pubblici, e quei pochi veri che ci sono ci mettono, non si sa come, le mani dentro, vedi il caso autistici/antani/inventati
      • bandg4p scrive:
        Re: ma non sarebbe pericoloso?
        Ma il criptare il contenuto della mail e inviare una mail anonima non sono la stessa cosa. In soldoni, nel primo caso difendi la tua privacy, nel secondo la libertà di dire quello che pensi rimanendo anonimo.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non sarebbe pericoloso?
      C'è una grande differenza invece!Così come stanno le cose oggi i vari remailer già operanti *potrebbero* anche essere amministrati dalla CIA per quanto ne sappiamo. Creando invece una distribuzione il cui codice può essere controllato, installandola, ed utilizzando quella macchina che noi od un nostro fidato e carissimo amico teniamo in casa come nodo aggiuntivo della catena di remailer che adoperiamo la sicurezza delle nostre comunicazioni cresce. E di molto anche! Soltanto in questo modo potremmo avere la certezza che almeno uno dei nodi sia sicuro. Ed è già qualcosa mi pare.
      • djalqali scrive:
        Re: ma non sarebbe pericoloso?
        Essenzialmente sono d'accordo con te, ma il problema rimane. In questo genere di cose la responsabilità dell'amministratore è enorme fosse anche solo per istallare gli aggiornamenti per le vulnerabilità del software. Se l'amministratore fa un errore mette comunque in crisi la sicurezza degli altri. Secondo me il vero problema è questo: come bilanciare la semplicità d'uso con la complessità di gestione della sicurezza. Credo sia questo il vero motivo per cui non esiste una distribuzione come quella a cui si fa un riferimento nell'articolo.Sebbene si trovino in un settore molto diverso, ritengo che i programmi p2p anonimo come mute e compagnia, siano il miglior volano di massa per la sperimentazione e la ricerca di tecnologie di anonimizzazione su larga scala.In pratica i programmatori possono contare su un testing diffuso e gli utenti si abituano (se non altro all'idea ) ad usare in modo semplificato tecnologie di anonimizzazione
        • shamael scrive:
          Re: ma non sarebbe pericoloso?
          C'e' da dire una cosa pero': i nodi piu' critici sono essenzialmente il primo e l'ultimo. Infatti dopo il primo passaggio il mittente scompare dal messaggio, mentre prima dell'ultimo passaggio l'indirizzo del destinatario e' coperto da strati di crittografia pgp. Quindi anche solo conoscere due nodi fidati (tipo due amici) puo' migliorare di molto la sicurezza della trasmissione.Secondo me l'idea della distro e' molto interessante.
  • Anonimo scrive:
    l'avevo letta più volte
    http://www.forbes.com/intelligentinfrastructure/2005/06/16/linux-bsd-unix-cz_dl_0616theo.htmlin fondo all'articolo, a parte le varie critiche a linux da parte dell'azienda che vi prego di non leggere perchè sembrerebbero di parte, mi ha colpito l'ultima parte, quella in cui un programmatore ha trovato un commento all'interno del codice di linux:"ma questa parte va qui?"in pratica il tizio che stava programmando non sapeva neanche cosa stava facendo ed ha inserito una porzione di codice a caso (che nessuno ha poi controllato visto che stava ancora li).Una cosa più divertente non mi era mai capitata in un sorgente. Chissà quindi quanto di linux viene inserito senza neanche un vero controllo
    • Anonimo scrive:
      Re: l'avevo letta più volte
      - Scritto da: Anonimo
      Una cosa più divertente non mi era mai capitata
      in un sorgente.Si vede che non ne hai mai letto uno di un grosso progetto.Tempo fa erano trapelate grosse porzioni del codice sorgente di Windows (ci dovrebbe essere un articolo anche su PI) e anche lì mi ricordo che c'erano dei commenti niente male, soprattutto considerando quanto dovrebbe essere sorvegliata la stesura e gli aggiornamenti di quel codice.
    • Anonimo scrive:
      Re: l'avevo letta più volte

      senza neanche un vero controlloTi hanno gia risposto su altri 3dsSe tu leggessi i commenti di codice dos, per es,resteresti di sassoCommenti del tipo:questo non funzionerà maifacciamo cosi perchè gli utenti sono idi**iQuella vecchia suocera di Raadt ha il fegato chegli rode un bel po contro linux, ma non certo peri commenti del codice, bensì per un tasso dicrescita che non ha paragoni nel settore
    • Anonimo scrive:
      Re: l'avevo letta più volte
      se i programmatori parlassero di programmazione e gli stronzi di stronzate, perderemmo meno tempo.
  • djalqali scrive:
    centrato uno dei problemi
    l'autore dell'articolo ha centrato uno dei problemi principali della difesa della privacy con strumenti informatici.credo che molte persone si trovino nella mia situazione: -smanetto un poco con i pc, ,sono molto interessato alle tematiche della privacy, -ho provato a spippolare con pgp remailer etc,- non ho competenze da amministratore di sistema e gestione unix- sono troppo pigro o comunque non ho tempo per farmi queste competenze e mettere su un server decente.Risultato:se mi date un sistema semplice da usare e manutenere sarò lieto di dedicare una parte della mia banda e del mio tempo macchina per la causa della privacy.Se poi riuscite a farlo girare su windows (ORRORE :-) )e anche meglio, così il sistema può girare mentre mi faccio i fatti miei sul pc.
    • Anonimo scrive:
      Re: centrato uno dei problemi
      forse non hai bene in mente la differenza fra PRIVACY e ANONONIMITA', l'anonimizer non ti garantisce un piffero di privacy, anzi, forse e' proprio la volta buona che finisci in mano alla polizia perche' il sistema e' monitorato oppure e' falso (ce lo hanno messo apposta loro stessi e si fanno in copia tutte le email).ma poi a che ti serve un servizio con cui puoi mandare un'email di cui il destinatario non sa chi e' il mittente? e come fa a risponderti? se proprio vuoi la tua privacy vai in un internet point di quelli che non chiedono i documenti, ti apri un account di quelli gratuiti con servizio pop3, tipo google o email.it, poi torni a casa e lo configuri sul tuo outlook o thunderbird, installi il tuo bel plug-in pgp o gpg (fai fare la stessa cosa agli interessati) e vi mandate felicemente email criptate ad altissimo livello di privacy
      • Anonimo scrive:
        Re: centrato uno dei problemi
        - Scritto da: Anonimo
        forse non hai bene in mente la differenza fra
        PRIVACY e ANONONIMITA', l'anonimizer non ti
        garantisce un piffero di privacy, e basta! l'hai scritto venti volte, hai stufato, e sembra che hai avuto un'illuminazione..sapere se io ho contatti con un'associazione gay, una comunità di alcoolisti, drogati, se sono cristiano o comunista, se intrattengo una comunicazione extraconiugale con la bella vicina (tutti fatti che riguardano il mittente ed il destinatario) questo non riguarda la mia privacy indipendentemente dal contenuto?!?!?! quindi per favore smettila si fanno in copia tutte le email).
        FUD?
        ma poi a che ti serve un servizio con cui puoi
        mandare un'email di cui il destinatario non sa
        chi e' il mittente? e come fa a risponderti?
        e questo a te che ti frega?
        se proprio vuoi la tua privacy vai in un internet
        point di quelli che non chiedono i documentivabbé, oggi é bello se puoi esci a prendere un po' d'ariaciao
        • Anonimo scrive:
          Re: centrato uno dei problemi
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          forse non hai bene in mente la differenza fra

          PRIVACY e ANONONIMITA', l'anonimizer non ti

          garantisce un piffero di privacy,

          e basta! l'hai scritto venti volte, hai stufato,
          e sembra che hai avuto un'illuminazione..

          sapere se io ho contatti con un'associazione gay,
          una comunità di alcoolisti, drogati, se sono
          cristiano o comunista, se intrattengo una
          comunicazione extraconiugale con la bella vicina
          (tutti fatti che riguardano il mittente ed il
          destinatario) questo non riguarda la mia privacy
          indipendentemente dal contenuto?!?!?! quindi per
          favore smettilao sei un troll oppure ora ci spieghi come funziona questa comunicazione, a chi scrivi, come lo scrivi, come ti identificano, come ti rispondono
          • Anonimo scrive:
            Re: centrato uno dei problemi


            o sei un troll oppure ora ci spieghi come
            funziona questa comunicazione, a chi scrivi, come
            lo scrivi, come ti identificano, come ti
            rispondono...sono contento di sapere che tu hai una linea segreta e dedicata punto punto con ogni persona con cui scambi e-mail
          • Anonimo scrive:
            Re: centrato uno dei problemi
            - Scritto da: Anonimo




            o sei un troll oppure ora ci spieghi come

            funziona questa comunicazione, a chi scrivi,
            come

            lo scrivi, come ti identificano, come ti

            rispondono

            ...sono contento di sapere che tu hai una linea
            segreta e dedicata punto punto con ogni persona
            con cui scambi e-mailcome volevasi dimostrare.......adios
          • Anonimo scrive:
            Re: centrato uno dei problemi




            ...sono contento di sapere che tu hai una linea

            segreta e dedicata punto punto con ogni persona

            con cui scambi e-mail

            come volevasi dimostrare.......

            adios...ecco, lo sapevo, più di una riga con un po' di sarcasmo e mi tocca ri-rispondereil punto della questione é PUNTO-PUNTO, se io prendo un cavo e lo tiro dall'altra parte della strada e parlo con un mio amico é una comunicazione punto-punto. Internet é esattamente il contrario, inoltre tutto il traffico passa in chiaro. Aggiungiamo che ci sono dei nodi dove passa il traffico particolarmente interessanti come ISP e comunicazione intercontinentale (in particolare tramite satelliti). Aggiungiamo echelon, aggiungiamo sicurezza nazionale ed il gioco é fatto. E' dall'inizio dei tempi che tutte le nazioni hanno organi di controllo pù o meno segreti e meno che più controllati e controllabili: il risultato é che possono fare quello che vogliono e non é ne magia ne alchimianon sono un troll, é semplicemente la realtà, che poi controllino i miei messaggi lo dubito anch'io, ma non vedo perché non dovrebbero, sono li per quello...ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: centrato uno dei problemi
        - Scritto da: Anonimo[CUT]
        ma poi a che ti serve un servizio con cui puoi
        mandare un'email di cui il destinatario non sa
        chi e' il mittente? e come fa a risponderti? Invece è utilissimo, lo si può usare per fare spamming e mail bombing :D
        se proprio vuoi la tua privacy vai in un internet
        point di quelli che non chiedono i documenti, ti
        apri un account di quelli gratuiti con servizio
        pop3, tipo google o email.it, poi torni a casa e
        lo configuri sul tuo outlook o thunderbird,
        installi il tuo bel plug-in pgp o gpg (fai fare
        la stessa cosa agli interessati) e vi mandate
        felicemente email criptate ad altissimo livello
        di privacyA che serve attivare l'account da un Internet Point? Lo puoi fare da casa, non cambia niente.
        • Anonimo scrive:
          Re: centrato uno dei problemi
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo
          [CUT]

          ma poi a che ti serve un servizio con

          cui puoi mandare un'email di cui il

          destinatario non sa chi e' il mittente?

          e come fa a risponderti?
          Invece è utilissimo, lo si può usare per fare
          spamming e mail bombing :DMa ci godi a sparpagliare la tua ignoranza in giro ?Per fare spamming e' necessario cambiare sempre indirizzo di provenienza, mentre al contrario le email anonime provengono tutteindirizzi estremamente simili; hai abbastanza neuroni per trarne le conseguenze o haibisogno che te lo spieghino ?

          se proprio vuoi la tua privacy vai in un

          internet point di quelli che non chiedono

          i documenti, ti apri un account di quelli

          gratuiti con servizio pop3, tipo google

          o email.it, poi torni a casa e lo

          configuri sul tuo outlook o thunderbird,

          installi il tuo bel plug-in pgp o gpg (fai

          fare la stessa cosa agli interessati) e vi

          mandate felicemente email criptate ad

          altissimo livello di privacy
          A che serve attivare l'account da un Internet
          Point? Lo puoi fare da casa, non cambia
          niente.Come l'avete messa voi e' facilissimo tracciare chi a chi e quando si manda le mail, da li' a bucare uno dei 2 computer per prendersi le pass del pgp potrebbe essere facile.Probabilmente non vi rendete conto di come si interfaccia all'utente un anonimous remailer. Perche non provate ad iscrivervi e a mandarvi una mail anonima invece di stare qui a sparlare di cose che non sapete ?
      • Anonimo scrive:
        Re: centrato uno dei problemi

        se proprio vuoi la tua privacy vai in un internet
        point di quelli che non chiedono i documenti, ti
        apri un account di quelli gratuiti con servizio
        pop3, tipo google o email.it, poi torni a casa e
        lo configuri sul tuo outlook o thunderbird,
        installi il tuo bel plug-in pgp o gpg (fai fare
        la stessa cosa agli interessati) e vi mandate
        felicemente email criptate ad altissimo livello
        di privacyil server mail anche gratuito può (addirittura dovrà in base alle normative) tenere traccia dell'ip di chi vi si é connesso, l'isp tiene le tabelle cli-ip per cui il contenuto é crittato ma il contatto intercorso noinoltre la normativa sugli internet point prevede che tutti quelli presidiati identifichino il cliente (per favorire le compagnie telefoniche le postazioni automatiche vengono considerate non presidiate ma si prevede in futuro autenticazione)
  • Anonimo scrive:
    io proprio non capisco
    a che possa servire un remailer anonimo e tutti questi servizi del genere se non per mascherare attivita' illecite....spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati direttamente nei client di posta elettronica...non e' che sotto questa "liberta' di espressione" si voglia nascondere la liberta' di perpetuare liberamente fatti illeciti come spam e simili?
    • djalqali scrive:
      Re: io proprio non capisco
      E' stato spiegato tante di quelle volte sia su queste pagine che su siti dedicati che ci sono due possibilità:- non vuoi capire, allora continua la tua vita senza rompere le scatole a chi si dedica a risolvere problemi- non riesci a capire, in tal caso augurati che quelli che ci riescano facciano bene il loro lavoro anche per tesaluti
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        - Scritto da: djalqali
        E' stato spiegato tante di quelle volte sia su
        queste pagine che su siti dedicati che ci sono
        due possibilità:
        - non vuoi capire, allora continua la tua vita
        senza rompere le scatole a chi si dedica a
        risolvere problemi
        - non riesci a capire, in tal caso augurati che
        quelli che ci riescano facciano bene il loro
        lavoro anche per te
        salutinon ho mai letto nulla di quel che dici, mi spieghi tu per favore oppure mi indichi dove posso trovare una buona ragione per cui uno che fa la propria vita nella legalita' dovrebbe usare queste cose?
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: djalqali

          E' stato spiegato tante di quelle volte sia su

          queste pagine che su siti dedicati che ci sono

          due possibilità:

          - non vuoi capire, allora continua la tua vita

          senza rompere le scatole a chi si dedica a

          risolvere problemi

          - non riesci a capire, in tal caso augurati che

          quelli che ci riescano facciano bene il loro

          lavoro anche per te

          saluti

          non ho mai letto nulla di quel che dici, mi
          spieghi tu per favore oppure mi indichi dove
          posso trovare una buona ragione per cui uno che
          fa la propria vita nella legalita' dovrebbe usare
          queste cose?Non ti risponderà, perchè lui stesso non neanche di cosa sta parlando :)
        • djalqali scrive:
          Re: io proprio non capisco
          1) un dissidente politico, un ex agente segreto, un terrorista pentito, un poliziotto corrotto che è stato fregato, un politico tromabato, possono dare informazioni (pericolose per il potere) alla stampa senza farsi trovare (e arrestare, torturare, etc.). Questa necessità si può presentare anche in paesi democratici come il nostro se sei in possesso di informazioni che possono dare veramente fastidio ai potenti.2) un dipendente, operaio, impiegato, etc. possono comunicare maltrattamenti in atto nella sua azienda senza il pericolo di subire ritorsioni.3) un malato grave può comunicare in riservatezza senza essere controllato dalla sua assicurazione (che approfitterebbe per scaricarlo)4) un cittadino omosessuale potrebbe comunicare con le organizzazioni per i diritti gay senza che le comunicazioni possono essere tracciate e tenendo nascosto il suo orientamento sessuale............si può continuare all'infinito; segui i dibattiti su punto informatico, fatti una ricerca sugli articoli precedenti e visita i link proposti.Ri Saluti
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: djalqali
            1) un dissidente politico, un ex agente segreto,
            un terrorista pentito, un poliziotto corrotto che
            è stato fregato, un politico tromabato, possono
            dare informazioni (pericolose per il potere) alla
            stampa senza farsi trovare (e arrestare,
            torturare, etc.).Il dissidente si reca in una cabina telefonica della città più vicina e telefona a chi cavolo vuole in modo anonimo. Il remailer non serve; tra l'altro nessuno si sogna di dare credito ad informazioni sensibili senza sapere chi le ha fornite, quindi questo esempio non regge.
            Questa necessità si può
            presentare anche in paesi democratici come il
            nostro se sei in possesso di informazioni che
            possono dare veramente fastidio ai potenti.Se sei in possesso di informazioni di cotanta importanza puoi anche permetterti di parlare apertamente; una bella intervista in diretta televisiva e sei a posto per tutta la vita. Sempreché tu dica la verità!
            2) un dipendente, operaio, impiegato, etc.
            possono comunicare maltrattamenti in atto nella
            sua azienda senza il pericolo di subire
            ritorsioni.Lo possono fare comunque; fanno una telefonata e non vi è necessità di remailer; o adesso anche le aziende private tengono sotto controllo i telefoni di casa dei dipendenti?
            3) un malato grave può comunicare in riservatezza
            senza essere controllato dalla sua assicurazione
            (che approfitterebbe per scaricarlo)Se devi comunicare privatamente esiste PGP. Il remailer non garantisce riservatezza, garantisce l'anonimato che con la riservatezza non ci accozza.
            4) un cittadino omosessuale potrebbe comunicare
            con le organizzazioni per i diritti gay senza che
            le comunicazioni possono essere tracciate e
            tenendo nascosto il suo orientamento sessuale.Potrebbe usare PGP e non vi sarebbero pericoli di intercettazione; il remailer anonimo per questo scopo non ha alcuna utilità.
            si può continuare all'infinito; segui i dibattiti
            su punto informatico, fatti una ricerca sugli
            articoli precedenti e visita i link proposti.Si può anche continuare all'infinito a sparare cacchiate come quelle dette sopra. Ho letto tante stronzate che non hanno alcuna attinenza con lo scopo di un remailer; non è che puoi dirne UNA che però abbia qualche fondamento?A tutt'oggi, in Italia (se fossimo in Cina sarebbe diverso), non esiste alcun valido motivo per utilizzare un remailer, se non quello di lanciare sassi e nascondere la mano.Se quello che cerchi è riservatezza allora non hai bisogno di un remailer ma hai bisogno di PGP. L'anonimato della posta elettronica in Italia non ha alcun utilizzo legale realmente necessario.
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • djalqali scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: THe_ZiPMaN

            Il dissidente si reca in una cabina telefonica
            della città più vicina e telefona a chi cavolo
            vuole in modo anonimo.Una risposta del genere ti qualifica per quel che sei:la telefonata dalla cabina è la cosa più rintracciabile che esista al mondo. Il remailer non serve; tra
            l'altro nessuno si sogna di dare credito ad
            informazioni sensibili senza sapere chi le ha
            fornite, quindi questo esempio non regge.E chi te l'ha detto? L'anonimità della fonte impedisce che si possa avviare una azione legale, ma consente di avere informazioni utili per un'inchiesta: ti hanno mai detto che la polizia e i giornalisti, i servizi segreti, e coloro che fanno sindacato e diritti civili nei paesi dittatoriali si servono di fonti anonime?
            Se sei in possesso di informazioni di cotanta
            importanza puoi anche permetterti di parlare
            apertamente; una bella intervista in diretta
            televisiva e sei a posto per tutta la vita.
            Sempreché tu dica la verità!Infatti in Italia esiste una lunga serie di omicidi a danno di persone come Calvi, Salvatore Giuliano, etc. che avevano informazioni utlili per incastrare le connivenze politiche. Ma probabilmente non sai nemmeno di cosa sto parlando.
            Lo possono fare comunque; fanno una telefonata e
            non vi è necessità di remailer; o adesso anche le
            aziende private tengono sotto controllo i
            telefoni di casa dei dipendenti?Dipende dai casi: in alcuni casi può essere pericoloso che si sappia in giro che hai rapporti col sindacato. Può essere meglio scrivere e mandare documenti in allegato che parlare al telefono. In ogni caso il fatto che il telefono funzioni non vuol dire che bisogna rinunciare ad uno strumento potente.

            Se devi comunicare privatamente esiste PGP. Il
            remailer non garantisce riservatezza, garantisce
            l'anonimato che con la riservatezza non ci
            accozza.Complimenti per la scoperta del secolo. Quì stiamo parlando della necessità o meno dell'anonimità. Se hai bisogno di riservatezza e anonimato li usi entrambi. Nell'esempio che facevo potrei voler nascondere di avere una fitta corrispondenza con un medico: HO BISOGNO DELL'ANONIMITA'
            Potrebbe usare PGP e non vi sarebbero pericoli di
            intercettazione; il remailer anonimo per questo
            scopo non ha alcuna utilità.
            IL pgp nasconde il contenuto, il remail la fonte. Hanno funzioni diverse, capisci l'italiano? Se voglio comunicare con un gruppo omossuale, o di ex tossici voglio rendere pubbliche le mie esigenze (quindi il pgp è inutile) ma non voglio che si risalga alla mia vera identità (quindi uso il remailer per postare su un forum).
            Si può anche continuare all'infinito a sparare
            cacchiate come quelle dette sopra. Ho letto tante
            stronzate che non hanno alcuna attinenza con lo
            scopo di un remailer; non è che puoi dirne UNA
            che però abbia qualche fondamento?Una cosa sicuramente fondata è che sei un cretino; e sei in buona compagnia visto il tenore degli altri interventi su questo thread.

            A tutt'oggi, in Italia (se fossimo in Cina
            sarebbe diverso), non esiste alcun valido motivo
            per utilizzare un remailer, se non quello di
            lanciare sassi e nascondere la mano.Se fosse per la gente come te non ci sarebbe grande differenza tra l'Italia e la Cina. L'unica cosa che mi rode e che le battaglie che fanno gli altri vanno anche a vantaggio tuo.
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: io proprio non capisco

            Una risposta del genere ti qualifica per quel che
            sei:Personalmente la cosa importante è che non mi si possa confondere con te.
            la telefonata dalla cabina è la cosa più
            rintracciabile che esista al mondo.Ah però!!!
            per incastrare le connivenze politiche. Ma
            probabilmente non sai nemmeno di cosa sto
            parlando.Certo che no. Non studio la storia né seguo la cronaca, a differenza di te evidentemente che conosci tutte queste cose.
            Nell'esempio che
            facevo potrei voler nascondere di avere una fitta
            corrispondenza con un medico: HO BISOGNO
            DELL'ANONIMITA'Perché così nemmeno il medico sappia da chi arrivano le e-mail? Oppure perché le assicurazioni oggi hanno la capacità di intercettare tutta la corrispondenza indirizzata a tutti i medici di Italia?Gli unici che hanno il potere di fare intercettazioni sono le forze dell'ordine su indicazioni della magistratura, tutto il resto è ILLEGALE.Quindi l'unico valido motivo per cui puoi voler mantenere l'anonimato è quello di non poter essere intercettato dalle forze dell'ordine; sono pochi i motivi legali per cui qualcuno debba volere ciò.
            Se
            voglio comunicare con un gruppo omossuale, o di
            ex tossici voglio rendere pubbliche le mie
            esigenze (quindi il pgp è inutile) ma non voglio
            che si risalga alla mia vera identità (quindi uso
            il remailer per postare su un forum).A CHI devi nascondere la tua identità? Alle forze dell'ordine o ai comuni mortali? Se è la prima non ne vedo la necessità in questo caso, se è la seconda l'uso di remailer è superfluo poiché l'intercettazione è illegale.
            Una cosa sicuramente fondata è che sei un
            cretino; e sei in buona compagnia visto il tenore
            degli altri interventi su questo thread.Senti bimbo, se vuoi discutere bene, se vuoi offendere vedi di andare a prenderlo ...
            Se fosse per la gente come te non ci sarebbe
            grande differenza tra l'Italia e la Cina. L'unica
            cosa che mi rode e che le battaglie che fanno gli
            altri vanno anche a vantaggio tuo.Mi piacerebbe sapere qual'è il mio vantaggio nell'esistenza di un remailer anonimo.Ci sono tante battaglie per la libertà (di cui sono fervido sostenitore) ma non sono certamente queste le cose che rendono una persona libera. Queste sono solo IDIOZIE.
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: THe_ZiPMaN
            Gli unici che hanno il potere di fare
            intercettazioni sono le forze dell'ordine su
            indicazioni della magistratura, tutto il resto è
            ILLEGALE.Solo perche' e' illegale non vuol dire che la gente non lo faccia.
            Quindi l'unico valido motivo per cui puoi voler
            mantenere l'anonimato è quello di non poter
            essere intercettato dalle forze dell'ordine;
            sono pochi i motivi legali per cui qualcuno
            debba volere ciò. Ad esempio difendermi da chi illegalmente legge la mia posta, e magare mi spara pure un proiettile in fronte se "secondo lui" parlo alla persona sbagliata.
          • djalqali scrive:
            9 --
          • djalqali scrive:
            Re: io proprio non capisco
            ma ti rendi conto che ti sei limitato a rispondere "ah però" e ad ammettere che non segui ne storia e ne cronaca?Io la pianto quì, ma spero che il battibecco possa servire agli altri per farsi un'idea della questione.Avevo anche ribadito scherzosamente le mie opinioni sulle offese personali, ma evidentemente il moderatore del forum deve essere un tuo amico visto che consente a te di offendere tutti e a nessuno di reagire, neanche in maniera scherzosa.
          • Garson Poole scrive:
            Re: io proprio non capisco
            Di un remailer non c'è alcun bisogno come il telefono è la tua voce e questo è un paese libero e bello :D- Scritto da: djalqali

            - Scritto da: THe_ZiPMaN




            Il dissidente si reca in una cabina telefonica

            della città più vicina e telefona a chi cavolo

            vuole in modo anonimo.

            Una risposta del genere ti qualifica per quel che
            sei:
            la telefonata dalla cabina è la cosa più
            rintracciabile che esista al mondo.

            Il remailer non serve; tra

            l'altro nessuno si sogna di dare credito ad

            informazioni sensibili senza sapere chi le ha

            fornite, quindi questo esempio non regge.

            E chi te l'ha detto? L'anonimità della fonte
            impedisce che si possa avviare una azione legale,
            ma consente di avere informazioni utili per
            un'inchiesta: ti hanno mai detto che la polizia e
            i giornalisti, i servizi segreti, e coloro che
            fanno sindacato e diritti civili nei paesi
            dittatoriali si servono di fonti anonime?





            Se sei in possesso di informazioni di cotanta

            importanza puoi anche permetterti di parlare

            apertamente; una bella intervista in diretta

            televisiva e sei a posto per tutta la vita.

            Sempreché tu dica la verità!

            Infatti in Italia esiste una lunga serie di
            omicidi a danno di persone come Calvi, Salvatore
            Giuliano, etc. che avevano informazioni utlili
            per incastrare le connivenze politiche. Ma
            probabilmente non sai nemmeno di cosa sto
            parlando.




            Lo possono fare comunque; fanno una telefonata e

            non vi è necessità di remailer; o adesso anche
            le

            aziende private tengono sotto controllo i

            telefoni di casa dei dipendenti?

            Dipende dai casi: in alcuni casi può essere
            pericoloso che si sappia in giro che hai rapporti
            col sindacato. Può essere meglio scrivere e
            mandare documenti in allegato che parlare al
            telefono. In ogni caso il fatto che il telefono
            funzioni non vuol dire che bisogna rinunciare ad
            uno strumento potente.





            Se devi comunicare privatamente esiste PGP. Il

            remailer non garantisce riservatezza, garantisce

            l'anonimato che con la riservatezza non ci

            accozza.

            Complimenti per la scoperta del secolo. Quì
            stiamo parlando della necessità o meno
            dell'anonimità. Se hai bisogno di riservatezza e
            anonimato li usi entrambi. Nell'esempio che
            facevo potrei voler nascondere di avere una fitta
            corrispondenza con un medico: HO BISOGNO
            DELL'ANONIMITA'



            Potrebbe usare PGP e non vi sarebbero pericoli
            di

            intercettazione; il remailer anonimo per questo

            scopo non ha alcuna utilità.



            IL pgp nasconde il contenuto, il remail la fonte.
            Hanno funzioni diverse, capisci l'italiano? Se
            voglio comunicare con un gruppo omossuale, o di
            ex tossici voglio rendere pubbliche le mie
            esigenze (quindi il pgp è inutile) ma non voglio
            che si risalga alla mia vera identità (quindi uso
            il remailer per postare su un forum).



            Si può anche continuare all'infinito a sparare

            cacchiate come quelle dette sopra. Ho letto
            tante

            stronzate che non hanno alcuna attinenza con lo

            scopo di un remailer; non è che puoi dirne UNA

            che però abbia qualche fondamento?

            Una cosa sicuramente fondata è che sei un
            cretino; e sei in buona compagnia visto il tenore
            degli altri interventi su questo thread.




            A tutt'oggi, in Italia (se fossimo in Cina

            sarebbe diverso), non esiste alcun valido motivo

            per utilizzare un remailer, se non quello di

            lanciare sassi e nascondere la mano.

            Se fosse per la gente come te non ci sarebbe
            grande differenza tra l'Italia e la Cina. L'unica
            cosa che mi rode e che le battaglie che fanno gli
            altri vanno anche a vantaggio tuo.


          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: THe_ZiPMaN
            Il dissidente si reca in una cabina telefonica
            della città più vicina e telefona a chi cavolo
            vuole in modo anonimo. Il remailer non serve; tra
            l'altro nessuno si sogna di dare credito ad
            informazioni sensibili senza sapere chi le ha
            fornite, quindi questo esempio non regge.Per il telefono allora giustifichi l'anonimato, per l'email no? Strano caso di 2 pesi e 2 misure!
            Lo possono fare comunque; fanno una telefonata e
            non vi è necessità di remailer; o adesso anche le
            aziende private tengono sotto controllo i
            telefoni di casa dei dipendenti?Ha il controllo della email sì, ma del telefono no? Se ammetti un controllo, devi ammetterlo per tutti i media! Altro strano esempio di 2 pesi e 2 misure!
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco


            Lo possono fare comunque; fanno una telefonata e

            non vi è necessità di remailer; o adesso anche
            le

            aziende private tengono sotto controllo i

            telefoni di casa dei dipendenti?

            Ha il controllo della email sì, ma del telefono
            no? Se ammetti un controllo, devi ammetterlo per
            tutti i media! Altro strano esempio di 2 pesi e 2
            misure!le _aziende private_ hanno _alcune_ facoltà di controllo sulle risorse _aziendali_, ad esempio casella email aziendale e linea telefonica aziendale, (ma non penso di sbagliarmi se dico che le intercettazioni sono comunque compito dell'autorià giudiziaria)le _aziende private_ _non_ hanno facoltà di controllo sulle risorse non aziendali, casella email _personale_ o cellulare _del dipendente_.un peso, una misura.
          • AnyFile scrive:
            Re: io proprio non capisco


            Il dissidente si reca in una cabina telefonica
            della città più vicina e telefona a chi cavolo
            vuole in modo anonimo. Il remailer non serve; trase è consentito (al punto tale che è previsto dalla legge) fare telefonate anonime o inviare lettere anonime perché non dovrebbe essere consentito inviare e-mail anonime?Si dice spesso che le nuove tecnologie permettono di nascondore la propria identità, di essere anonimi, di mantenere la privacy e cose simili.La verità è esattamente l'opposto. Per millenni per essere sicuri di mantenere una conversazione riservata bastava parlare in un logo lontano da persone (beh .. qualche volta non bastava chiudersi in una stanza, c'è sempre stato che origliava alle porte, ma bastava trovarsi in aperta campagna o in mezzo ad un bosco).semmai sono le nuove tecnologie a permettere fin troppo facilmente di tener traccia delle nostre conversazioni, dei nostri spostamenti, ecc.Come mai i supermercati vi fanno alcuni sconti o vi regalano dei punti se gli presentate la tessera fedeltà? Perché in questo modo hanno una traccia esatta di tutte le cose che comprate, a che ora, in che qunatità, in che giorno della settimana, ecc.Fino a qualche anno fa questa cosa non avveniva perché la mole di dati era troppa da poter essere immagazzinata. Il progresso della tecnologia informatica ha permesso questa cosa.
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: AnyFile



            Il dissidente si reca in una cabina telefonica

            della città più vicina e telefona a chi cavolo

            vuole in modo anonimo. Il remailer non serve;
            tra

            se è consentito (al punto tale che è previsto
            dalla legge) fare telefonate anonime o inviare
            lettere anonime perché non dovrebbe essere
            consentito inviare e-mail anonime?Io non ho detto di vietare l'esistenza dei remailer anonimi, ho detto che normalmente non hanno alcuna utilità legale, quindi la proposta mi sembra sciocca (nel senso di superflua ed inutile).
            semmai sono le nuove tecnologie a permettere fin
            troppo facilmente di tener traccia delle nostre
            conversazioni, dei nostri spostamenti, ecc.In realtà la tecnologia consente di controllare ma consente anche di evitare il controllo. E' una lotta continua che non ha né vincitori né vinti, un gioco a guardie e ladri; quando la guardia trova il modo di incastrare il ladro, il ladro trova il modo di fregare la guardia.
            Fino a qualche anno fa questa cosa non avveniva
            perché la mole di dati era troppa da poter essere
            immagazzinata. Il progresso della tecnologia
            informatica ha permesso questa cosa.Ma non è detto che ciò sia negativo. In fondo la scelta la puoi operare tu; se non vuoi farti "profilare" non usi la tessera. Se però acconsenti a dare le informazioni (usando la tessera) puoi averne dei vantaggi anche tu, perché quei dati servono a migliorare l'efficienza del supermercato consentendoti di avere offerte migliori.Non ci vedo nulla di male in tutto ciò, fintantoché l'utente ha comunque la libertà di scegliere.
          • nop scrive:
            Re: io proprio non capisco
            mi sembrano motivazioni molto fumose...Ti faccio un esempio io di uso maligno...Scrivo a tutti i tuoi vicini che ti ho visto tampinare mio figlio minorenne e li avverto di stare attenti....come fai a difenderti da questa calunnia?IMHO gli svantaggi sono assai superiori a vantaggi...==================================Modificato dall'autore il 22/07/2005 8.46.57
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: nop
            mi sembrano motivazioni molto fumose...
            Ti faccio un esempio io di uso maligno...

            Scrivo a tutti i tuoi vicini che ti ho visto
            tampinare mio figlio minorenne e li avverto di
            stare attenti....

            come fai a difenderti da questa calunnia?

            IMHO gli svantaggi sono assai superiori a
            vantaggi...Banale, usando lo stesso metodo: basta scrivere un bel po' di e-mail anonime in cui dichiari di aver visto ciascun vicino tarpinare dietro al figlio di quello di un altro, usando proprio un remailer anonimo. Di fronte ad una simile accozzaglia di e-mail diffamatorie i vicini capiranno subito che qualcuno li sta prendendo in giro... :D
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            Molto interessante, c'è solo un piccolo particolare che non quadra: nessuno ti dà retta se non dici chi sei.Prova ad andare sul sito del Sindacato, scoprirai che è obbligatorio dire chi sei se decidi di fare una denuncia per comportamento antisindacale nella tua azienda.Un giornale che cita fonti anonime non è altro che un recipiente per servizi deviati ed altre piacevolezze.La privacy è una cosa, l'irresponsabilità un0altra è ora che ve ne rendiate conto...
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco
          www.philzimmermann.com/IT/essays/WhyIWrotePGP.html e nessuno parli di differenza tra privacy e anonimato che in questo caso sono la stessa cosa. qui si risponde al fatto del "ma se lo fai nascondi qlc, altrimenti che t'importa..."
      • Riot scrive:
        Re: io proprio non capisco

        E' stato spiegato tante di quelle volte sia su
        queste pagine che su siti dedicati che ci sono
        due possibilità:
        - non vuoi capire, allora continua la tua vita
        senza rompere le scatole a chi si dedica a
        risolvere problemi
        - non riesci a capire, in tal caso augurati che
        quelli che ci riescano facciano bene il loro
        lavoro anche per te- riesce a capire benissimo, ma è il solito tizio che ogni giorno, poco dopo mezzanotte, fa il giro a postare flames e trollate varie
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco
          - Scritto da: Riot

          E' stato spiegato tante di quelle volte sia su

          queste pagine che su siti dedicati che ci sono

          due possibilità:

          - non vuoi capire, allora continua la tua vita

          senza rompere le scatole a chi si dedica a

          risolvere problemi

          - non riesci a capire, in tal caso augurati che

          quelli che ci riescano facciano bene il loro

          lavoro anche per te

          - riesce a capire benissimo, ma è il solito tizio
          che ogni giorno, poco dopo mezzanotte, fa il giro
          a postare flames e trollate variele cose sono due: o lo spieghi o sei un troll, siccome non lo sai spiegare allora sei un troll
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        - Scritto da: djalqali
        E' stato spiegato tante di quelle volte sia su
        queste pagine che su siti dedicati che ci sono
        due possibilità:
        - non vuoi capire, allora continua la tua vita
        senza rompere le scatole a chi si dedica a
        risolvere problemi
        - non riesci a capire, in tal caso augurati che
        quelli che ci riescano facciano bene il loro
        lavoro anche per te
        salutied il mio diritto a non ricevere messaggi anonimi? (magari minacce)
    • Anonimo scrive:
      Re: io proprio non capisco
      - Scritto da: Anonimo
      a che possa servire un remailer anonimo e tutti
      questi servizi del genere se non per mascherare
      attivita' illecite....

      spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare
      questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati
      direttamente nei client di posta elettronica...

      non e' che sotto questa "liberta' di espressione"
      si voglia nascondere la liberta' di perpetuare
      liberamente fatti illeciti come spam e simili?
      LIBERTA' è anche preservare la propria PRIVACY.Già, ma quelli ignorantotti come te non arriveranno mai a capire questo semplice concetto.Quelli come te vedono il male dappertutto perche siete voi il male che droga la società allo stesso modo dei terroristi.
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        a che possa servire un remailer anonimo e tutti

        questi servizi del genere se non per mascherare

        attivita' illecite....



        spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare

        questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati

        direttamente nei client di posta elettronica...



        non e' che sotto questa "liberta' di
        espressione"

        si voglia nascondere la liberta' di perpetuare

        liberamente fatti illeciti come spam e simili?




        LIBERTA' è anche preservare la propria PRIVACY.
        Già, ma quelli ignorantotti come te non
        arriveranno mai a capire questo semplice
        concetto.
        Quelli come te vedono il male dappertutto perche
        siete voi il male che droga la società allo
        stesso modo dei terroristi.Qualcuno ha già scritto:

        spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare

        questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati

        direttamente nei client di posta elettronica...O forse perchè fa comodo questo sistema, per nascondere l'origine di un certo tipo di e-mail? :)
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        a che possa servire un remailer anonimo e tutti

        questi servizi del genere se non per mascherare

        attivita' illecite....



        spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare

        questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati

        direttamente nei client di posta elettronica...



        non e' che sotto questa "liberta' di
        espressione"

        si voglia nascondere la liberta' di perpetuare

        liberamente fatti illeciti come spam e simili?




        LIBERTA' è anche preservare la propria PRIVACY.la privacy la ottieni con PGP non con un anonimizer, ma hai la piu' pallida idea di cosa dici oppure spari cazzate a vanvera?
        Già, ma quelli ignorantotti come te non
        arriveranno mai a capire questo semplice
        concetto.infatti tu l'hai capito forte, l'anonimizer NON GARANTISCE LA PRIVACY!!!!!!Se tu mandi una comunicazione dove spieghi una tua situazione facendo nomi, cognomi, numeri di telefono SEI RINTRACCIABILISSIMO anche se non si capisce tecnicamente il mittente dell'email, ma ci arrivi a questo almeno?????
        Quelli come te vedono il male dappertutto perche
        siete voi il male che droga la società allo
        stesso modo dei terroristi.siete voi invece che vi piace giocare a fare il black bloc poi finite a fare i ragionieri in qualche posto statale con la mogliettina e la suocera in casa
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco

          siete voi invece che vi piace giocare a fare il
          black bloc poi finite a fare i ragionieri in
          qualche posto statale con la mogliettina e la
          suocera in casaMEGA LOL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!STUPENDO!!!La verità è che non sapete nemmeno voi che farvene eccetto inviare mail alla tipa che non vi fila perche' siete dei falliti!!!!!!!!E comunque chi invia una mail anonima è solo UN VIGLIACCO e un FALLITO!!!!!!!!!!Altrimenti non ha paura delle proprie opinioni..E per quanto riguarda l'esempio dell'assicurazione.. FIGLIO MIO TU STAI MALE FORTE!!!!!!!!!!!!Ma ve lo immaginate voi uno che invia una mail ad un dottore: Salve credo di avere un tumore, le invio il mio sangue via mai... e mi raccomando: se viene il mio assicuratore non gli dica niente è un segreto! Dica giuringiurellol!!Ma tornatevene a farvi una bella canna nel centro sociale và......GiulianoPs: le BR furono sgamate mettendo le schede telefonche nelle cabine.. Adesso vogliono rimediare agli errori passati con le mail anonime???? Mi fate troppo ridere!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        - Scritto da: Anonimo
        LIBERTA' è anche preservare la propria PRIVACY.
        Già, ma quelli ignorantotti come te non
        arriveranno mai a capire questo semplice
        concetto.
        Quelli come te vedono il male dappertutto perche
        siete voi il male che droga la società allo
        stesso modo dei terroristi.Ottimo esempio di uno che vede il bene dappetutto e che rispetta il prossimo. complimenti.
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        Libertà E' preservare la propria privacy, indiscutibile....peccato che l'anonimato e la prtivacy siano due concetti assolutamente distinti.Conservare l'anonimato che è solo un sistema per evitare le proprie responsbiòlità, con la libertà ha veramente poco a che fare.P.S.Io non sono quello di prima, ma gli slogan apodittici tienili per te, io sono probabilmente molto più di sinistra di te, ma preferisco ragionarci sulle cose invece di sparare il primo slogan che ho sentito....
    • Riot scrive:
      Re: io proprio non capisco
      - Scritto da: Anonimolol, ma va'[io proprio non capisco]
      a che possa servire un remailer anonimo e tutti
      questi servizi del genere se non per mascherare
      attivita' illecite....Domani pago un tizio per seguirti con una telecamera per un mese, di sicuro non avari nulla da obiettare a meno di non avere niente da nascondere.
      spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare
      questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati
      direttamente nei client di posta elettronica...Spiegatemi perchè dovrei usare delle buste per le mie lettere, perchè il voto è segreto, perchè non posso per legge infilarti una telecamera in casa.
      non e' che sotto questa "liberta' di espressione"
      si voglia nascondere la liberta' di perpetuare
      liberamente fatti illeciti come spam e simili?Non temere, la liberta di pensiero riguarda solo chi è in grado di pensare: tu sei al sicuro.A proposito bella l'idea dello spam criptato, davvero una genialata.Goodnight flamer/astroturfer.
      • THe_ZiPMaN scrive:
        Re: io proprio non capisco
        - Scritto da: Riot
        Domani pago un tizio per seguirti con una
        telecamera per un mese, di sicuro non avari nulla
        da obiettare a meno di non avere niente da
        nascondere. Cosa c'entra con l'anonimato questo? L'esempio tuo c'entra con la riservatezza, non con l'anonimato.Riprova, sarai + fortunato.
        Spiegatemi perchè dovrei usare delle buste per le
        mie lettere, perchè il voto è segreto, perchè non
        posso per legge infilarti una telecamera in casa.La busta delle lettere equivale alla cifratura con PGP.Il voto è segreto ma non anonimo; chi ha votato viene registrato, non c'è anonimato della persona, ma solo delespressione del voto; in ogni caso l'anonimato garantito da un remailer non è né sufficiente né paragonabile a quello richiesto per una votazione.Infilare una telecamera in casa equivale all'intercettare le mail presso il tuo provider, livello alla quale il remailer non serve a nulla;
        Non temere, la liberta di pensiero riguarda solo
        chi è in grado di pensare: tu sei al sicuro.Ma allora perché tu ti preoccupi?
        A proposito bella l'idea dello spam criptato,
        davvero una genialata.Urca, lo spam è diventato legale?
        Goodnight flamer/astroturfer.
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        hai detto un mare di cazzate- Scritto da: Riot
        - Scritto da: Anonimo
        lol, ma va'

        [io proprio non capisco]

        a che possa servire un remailer anonimo e tutti

        questi servizi del genere se non per mascherare

        attivita' illecite....

        Domani pago un tizio per seguirti con una
        telecamera per un mese, di sicuro non avari nulla
        da obiettare a meno di non avere niente da
        nascondere. spiegami perche' uno dovrebbe usare un sistema per inviare email anonime, 1 esempio per favore


        spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare

        questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati

        direttamente nei client di posta elettronica...

        Spiegatemi perchè dovrei usare delle buste per le
        mie lettere, perchè il voto è segreto, perchè non
        posso per legge infilarti una telecamera in casa.?????? ma che ca%%o dici?? ma che ti fumi?


        non e' che sotto questa "liberta' di
        espressione"

        si voglia nascondere la liberta' di perpetuare

        liberamente fatti illeciti come spam e simili?

        Non temere, la liberta di pensiero riguarda solo
        chi è in grado di pensare: tu sei al sicuro.visto che non sono in grado di pensare, fammi un esempio pratico oppure vai a nasconderti dalla vergogna

        A proposito bella l'idea dello spam criptato,
        davvero una genialata.spam criptato??? ma di che parli? :|

        Goodnight flamer/astroturfer.ma tu lo sai cos'e' un astroturfer??? non he hai la minima idea!!! bhuahuahuaa che trollone :)
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        E' arrivato un altro genio:secondo te la busta delle lettere è il corrispondente di un'anonimizer? Io normalmente sulle buste scrivo mittente e destinatario.Non è forse che la busta, che impedisce di leggere il contenuto (giustamente aggiungerei, questo è il diritto alla privacy) è da considerarsi invece il corrispondente di un pgp/gpg?Non so eh....pensaci un po' su....se vediamo il fumo, chiamiamo i pompieri....
    • Anonimo scrive:
      Re: io proprio non capisco
      - Scritto da: Anonimo
      spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare
      questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati
      direttamente nei client di posta elettronica...Il discorso è che spesso basta sapere "chi scrive a chi", anche senza conoscere il contenuto della missiva, che potrebbe essere appunto criptato.Tant'è che i governi spioni di mezza europa vogliono che venga conservato mittente e destinatario di ogni e-mail.Per le altre considerazioni, mi pare ti abbiano già risposto gli altri.
    • pippo75 scrive:
      Re: io proprio non capisco
      - Scritto da: Anonimo
      a che possa servire un remailer anonimo e tutti
      questi servizi del genere se non per mascherare
      attivita' illecite....
      purtroppo e' possibile, ma in Italia si e' fanatici della privacy.Conosco varie persone che lo sono, poi quando arrivano cartoline con scritto, offerte per 1 euro, barri qui e riceverà senza spese aggiuntive, cascano come allocchi.(barra qui' e' per dire che consentono al trattamento dei dati e di darli in giro).ciao.p.s. quanti di voi hanno ricevuto email da chissachi con nome Ebay, Microsoft, UniCredit, RedHat (ma in realtà fasulle, forse sapendo il mittente?....... magari comunicandolo alla unicredit poi.....).
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        - Scritto da: pippo75

        - Scritto da: Anonimo

        a che possa servire un remailer anonimo e tutti

        questi servizi del genere se non per mascherare

        attivita' illecite....




        purtroppo e' possibile, ma in Italia si e'
        fanatici della privacy.

        Conosco varie persone che lo sono, poi quando
        arrivano cartoline con scritto, offerte per 1
        euro, barri qui e riceverà senza spese
        aggiuntive, cascano come allocchi.Si, sono gli stessi che giocano a fare gli hacker e si blindano come fossero il sysadmin del pentagono, poi il primo exe con scritto "meet hot girls now" ci cliccano sopra

        (barra qui' e' per dire che consentono al
        trattamento dei dati e di darli in giro).

        ciao.

        p.s. quanti di voi hanno ricevuto email da
        chissachi con nome Ebay, Microsoft, UniCredit,
        RedHat (ma in realtà fasulle, forse sapendo il
        mittente?....... magari comunicandolo alla
        unicredit poi.....).infatti secondo me l'unico utilizzo VERO e' questo, non ci sono altri motivi
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco
          Il futuro che ci attende:1) 3486 distro Linux con inclusi remailer anonimi, multiproxy, firewall, PGP, GPG, THC, 'zzivari(tm), girano pure sul Commodore 64, tutti contenti.2) I l33t h4x0rs di tutto il mondo se le scaricano al volo perchè i loro compa^H^H^H^H^Hamici gli hanno detto che "quel Linux lì rispetta la loro privacy e si va in cuXo al sistema in maniera più sicura".3) I suddetti l33t h4x0rs, ghignando, possono diffondere i loro comunicati di enorme interesse politico-sociale : fotomontaggi di Berlusconi col lens flare di Photoshop sulla pelata, oppure appeso a testa in giù a Piazzale Loreto, oltre all'immancabile "M$ SUX!1!!".4) Le eminenze grigie che dirigono l'internazionale dello spam si buttano a pesce su quella enorme percentuale di remailer anonimi mal configurati senza doversi sbattere a tirare su una botnet o aprire account in Papuasia.5) I provider si svegliano, magari "invitati" da una legge ad hoc (fantascienza, ma a volte è bello sognare): se il tuo computer sparge spam posso, anzi sono tenuto a risolvere il cotnratto & segarti la connessione.6) I l33t h4xors siedono mogi mogi nei loro seminterrati bui pieni di ragnatele, action figures e manuali di D&D/casa della mamma/centro sociale, perchè Fastweb (o Telecom, o Tiscali, o chi per loro) gli ha tolto "l'internet".7) Crazy apre 239 thread tutti uguali su Punto informatico per consigliarci di BOICOTTARE FASTWEB, ah e anche PALLADIUM!8) L'universo raggiunge il coefficiente teorico massimo di stupidità, calcolato in circa 10,175 TeraBush, ed implode./senza offesa//oddio, forse un po' si/// I LIEK SLASHIES
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            Ma smettila, hai il senso dell'ironia di una betoniera!
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: Anonimo
            Ma smettila, hai il senso dell'ironia di una
            betoniera!Tu quoti come una betoniera.
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            Scusa, ma io non ho quotato proprio niente...
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: Anonimo
            Scusa, ma io non ho quotato proprio niente...Perche' le betoniere quotano ???
        • pippo75 scrive:
          Re: io proprio non capisco




          Conosco varie persone che lo sono, poi quando

          arrivano cartoline con scritto, offerte per 1

          euro, barri qui e riceverà senza spese

          aggiuntive, cascano come allocchi.

          Si, sono gli stessi che giocano a fare gli hacker
          e si blindano come fossero il sysadmin del
          pentagono, poi il primo exe con scritto "meet hot
          girls now" ci cliccano soprano, parlo di persone che non usano internet, non sanno quasi che esista, si lamentano della privacy, pero' quando ricevono queste offerte da pochi euro danno il consenso per i loro dati senza penasrci su.Poi si lamentano che arriva la pubblicità...ciao
    • Riot scrive:
      Re: io proprio non capisco

      spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare
      questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati
      direttamente nei client di posta elettronica...Avevo letto male questa parte e avevo capito esattamente il contrario.Pensavo fosse la solita trollata del tipo "se ti controllano e non hai nulla nascondere non corri rischi".Chiedo scusa.
    • Anonimo scrive:
      Re: io proprio non capisco
      - Scritto da: Anonimo
      a che possa servire un remailer anonimo e tutti
      questi servizi del genere se non per mascherare
      attivita' illecite....E chi lo dice?Quando mandi o ricevi una lettera è in busta chiusa, vero?
      spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare
      questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati
      direttamente nei client di posta elettronica...

      non e' che sotto questa "liberta' di espressione"
      si voglia nascondere la liberta' di perpetuare
      liberamente fatti illeciti come spam e simili?Quando mandi o ricevi una lettera ci deve per forza essere scritto il mittente?per la posta elettronica dovrebebro valere le stesse regole di libertà e riservatezza della posta tradizionalee invece......
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        a che possa servire un remailer anonimo e tutti

        questi servizi del genere se non per mascherare

        attivita' illecite....
        E chi lo dice?
        Quando mandi o ricevi una lettera è in busta
        chiusa, vero?Ni, il "lato apribile per ispezione postale" che si vede stampato su molte buste ha un suo motivo di esistere.

        spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe usare

        questi sistemi quando esistono pgp/gpg integrati

        direttamente nei client di posta elettronica...



        non e' che sotto questa "liberta' di
        espressione"

        si voglia nascondere la liberta' di perpetuare

        liberamente fatti illeciti come spam e simili?
        Quando mandi o ricevi una lettera ci deve per
        forza essere scritto il mittente?
        per la posta elettronica dovrebebro valere le
        stesse regole di libertà e riservatezza della
        posta tradizionaleNo , no...prova a mandare un telegramma, una raccomandata o un pacco, e vedi se all'ufficio postale te li accettano senza mittente.
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          a che possa servire un remailer anonimo e
          tutti


          questi servizi del genere se non per
          mascherare


          attivita' illecite....

          E chi lo dice?

          Quando mandi o ricevi una lettera è in busta

          chiusa, vero?

          Ni, il "lato apribile per ispezione postale" che
          si vede stampato su molte buste ha un suo motivo
          di esistere.Vedo che fai finta di non capire.Se compri una busta, ci metti la lettera a la chiudiincollandola non cìè nessun lato apribile per ispezione postale. Quello vale solo per le stampe e la pubblicità. Se la tua lettera è chiusa NON DEVE essere aperta. PUNTO:


          spiegatemi per favore perche' uno dovrebbe
          usare


          questi sistemi quando esistono pgp/gpg
          integrati


          direttamente nei client di posta
          elettronica...





          non e' che sotto questa "liberta' di

          espressione"


          si voglia nascondere la liberta' di perpetuare


          liberamente fatti illeciti come spam e simili?

          Quando mandi o ricevi una lettera ci deve per

          forza essere scritto il mittente?

          per la posta elettronica dovrebebro valere le

          stesse regole di libertà e riservatezza della

          posta tradizionale

          No , no...prova a mandare un telegramma, una
          raccomandata o un pacco, e vedi se all'ufficio
          postale te li accettano senza mittente.Continui a non capire...se la lettera di prima ( quella che nessuno deve aprire ) la imbuchi in una cassetta postale è già accettata.Capito? ( dai ce la puoi fare )
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco
          - Scritto da: Anonimo

          No , no...prova a mandare un telegramma, una
          raccomandata o un pacco, e vedi se all'ufficio
          postale te li accettano senza mittente.Non mi risulta che all'ufficio postale richiedano i documenti di chi scrive....
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo




            No , no...prova a mandare un telegramma, una

            raccomandata o un pacco, e vedi se all'ufficio

            postale te li accettano senza mittente.
            Non mi risulta che all'ufficio postale richiedano
            i documenti di chi scrive....E quando mandi una email invece si?
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo







            No , no...prova a mandare un telegramma, una


            raccomandata o un pacco, e vedi se all'ufficio


            postale te li accettano senza mittente.

            Non mi risulta che all'ufficio postale
            richiedano

            i documenti di chi scrive....

            E quando mandi una email invece si?Se non la mandi in modo anonimo non ce ne è bisogno. Sarà possibile individuare chi la manda.
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        dai torna a giocare con la pleistescion
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco
          - Scritto da: Anonimo
          dai torna a giocare con la pleistescion E' l'unico uso che si puo' fare dell'informatica vero ??? Secondo te i computer li hanno inventati per quello.
    • Anonimo scrive:
      Re: io proprio non capisco
      non preoccuarti, se non capisci va tutto benequando capirai qualcosa potrai pensare chequalcuno sta riuscendo a fregarticiao
      • Anonimo scrive:
        Re: io proprio non capisco
        - Scritto da: Anonimo
        non preoccuarti, se non capisci va tutto bene
        quando capirai qualcosa potrai pensare che
        qualcuno sta riuscendo a fregartie' arrivato il capiscione... sei tutta testa tu...allora ti ripeto la stessa cantilena che e' in giro da due giorni a cui nessuno ha ancora risposto: mi dici un cazzo di motivo legale per cui uno dovrebbe utilizzare questo tipo di servizio? e per favore non rispondere con le stesse stronzate degli altri tipo comunicare con l'ospedale senza farlo sapere alle assicurazioni, denunciare un mafioso e cazzate del genere.ora o rispondi seriamente o sei un trollazzo da strapazzo
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco

          allora ti ripeto la stessa cantilena che e' in
          giro da due giorni a cui nessuno ha ancora
          risposto: mi dici un cazzo di motivo legale per
          cui uno dovrebbe utilizzare questo tipo di
          servizio? mi dici un motivo per cui dovremmo rinunciare a spedire lettere in busta chiusa sulle quali non viene scritto il mittente? E sbagli una grossa cosa: tutto è permesso se non vietato, vuoi proibire forse tuttigli strumenti che possono essere usati illegalmente? Skype usa trasmissioni criptate non intercettabili (se non da chi ha scritto il software, magari sponsorizzato da qualche agenzia) quindi non lo usare o sei un criminale.Ma sei un criminale anche se vai in auto troppo forte, te ti giustifiche dicendo che eri in ritardo, ma per me era tua intenzione riuscire ad investire i pedone in fondo alla strada.Insomma tutto può essere usato illegalmente e se per te i motivi che sono stati dati non sono sufficienti non vuol dire che gli altri non possano trovarli adeguati, altro esempio: se te non trovi un motivo giusto per abortire non vuol dire che sia giusto proibire a chi questo motivo ce lo ha questo diritto.
          ora o rispondi seriamente o sei un trollazzo da
          strapazzosono un anonimo diverso, è il mio primo postSaluti ianezGROSSA NOTA: i remailer non possono essere usati per fare SPAM
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: Anonimo


            allora ti ripeto la stessa cantilena che e' in

            giro da due giorni a cui nessuno ha ancora

            risposto: mi dici un cazzo di motivo legale per

            cui uno dovrebbe utilizzare questo tipo di

            servizio?
            mi dici un motivo per cui dovremmo rinunciare a
            spedire lettere in busta chiusa sulle quali non
            viene scritto il mittente? come volevasi dimostrare
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo




            allora ti ripeto la stessa cantilena che e' in


            giro da due giorni a cui nessuno ha ancora


            risposto: mi dici un cazzo di motivo legale
            per


            cui uno dovrebbe utilizzare questo tipo di


            servizio? Se anche tu ammetti che è una cantilena perchè non la smetti?Comunque:Mi dici tu come mai nessuno ha mai messo fuori legge i remailer?Se le cose stessero come dici tu lo avrebbero già fatto da tempo, non credi?Io personalmente non ho mai fatto uso di remailer,ma voglio che esistano per poterli adoperare s e quando ne avrò bisogno e questo dovrebbe valere per tutti.

          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo






            allora ti ripeto la stessa cantilena che e'
            in



            giro da due giorni a cui nessuno ha ancora



            risposto: mi dici un cazzo di motivo legale

            per



            cui uno dovrebbe utilizzare questo tipo di



            servizio?
            Se anche tu ammetti che è una cantilena perchè
            non la smetti?perche' nonostante la cantilena nessuno ha dato ancora un cazzo di motivo credibile di utilizzo legale, legittimo, allora vuol dire che sotto sotto questa roba serve solo per fare illecitamente il cazzo che si vuole e siete tutti daccordo
            Comunque:
            Mi dici tu come mai nessuno ha mai messo fuori
            legge
            i remailer?Mi dici come mai nessuno ha messo fuori legge le mine anti uomo? eppure servono solo a mutilare la gente per i prossimi secoli.
            Se le cose stessero come dici tu lo avrebbero già
            fatto da tempo, non credi?Ancora non sono fuori legge per due motivi, il primo e' che ad usarli e' solamente una piccolissima (seppur oggettivamente significativa per l'utilizzo illegale che se ne fa) rispetto alla popolazione mondiale, il secondo e' che c'e' ancora l'anarchia e l'ignoranza informatica in chi ci governa.Allo stesso modo in cui non si puo' fare una denuncia anonima, cosi' in futuro, quando questo sara' appannaggio di tutta la popolazione, l'email anonima non sara' piu' possibile, o sara' illegale, o sara' possibile ma avra' valore zero, o sara' filtrata come spam.
            Io personalmente non ho mai fatto uso di remailer,
            ma voglio che esistano per poterli adoperare s e
            quando ne avrò bisogno e questo dovrebbe valere
            per tutti.ok, pero' visto che non esiste un motivo valido, legale, legittimo, credibile, per usarli, allora, 1+1=2, servono solo per cose illecite e illegaliuna pistola puo' essere usata per uccidere e per offendere oppure per difendersi da un'aggressione, ma almeno ha la doppia faccia, l'email anonima ancora non ha mostrato la faccia buona!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo








            allora ti ripeto la stessa cantilena che
            e'

            in




            giro da due giorni a cui nessuno ha ancora




            risposto: mi dici un cazzo di motivo
            legale


            per




            cui uno dovrebbe utilizzare questo tipo di




            servizio?


            Se anche tu ammetti che è una cantilena perchè

            non la smetti?

            perche' nonostante la cantilena nessuno ha dato
            ancora un cazzo di motivo credibile di utilizzo
            legale, legittimo, allora vuol dire che sotto
            sotto questa roba serve solo per fare
            illecitamente il cazzo che si vuole e siete tutti
            daccordoHai detto un sacco di volte "cazzo" cerca di limitarti.Il remailer è perfettamente legale.Nessuno deve dare, soprattutto a te, altrte spiegazioni.

            Comunque:

            Mi dici tu come mai nessuno ha mai messo fuori

            legge

            i remailer?

            Mi dici come mai nessuno ha messo fuori legge le
            mine anti uomo? eppure servono solo a mutilare la
            gente per i prossimi secoli.


            Se le cose stessero come dici tu lo avrebbero
            già

            fatto da tempo, non credi?

            Ancora non sono fuori legge per due motivi, il
            primo e' che ad usarli e' solamente una
            piccolissima (seppur oggettivamente significativa
            per l'utilizzo illegale che se ne fa) rispetto
            alla popolazione mondiale, il secondo e' che c'e'
            ancora l'anarchia e l'ignoranza informatica in
            chi ci governa.
            Allo stesso modo in cui non si puo' fare una
            denuncia anonima, cosi' in futuro, quando questo
            sara' appannaggio di tutta la popolazione,
            l'email anonima non sara' piu' possibile, o sara'
            illegale, o sara' possibile ma avra' valore zero,
            o sara' filtrata come spam.


            Io personalmente non ho mai fatto uso di
            remailer,

            ma voglio che esistano per poterli adoperare s e

            quando ne avrò bisogno e questo dovrebbe valere

            per tutti.

            ok, pero' visto che non esiste un motivo valido,
            legale, legittimo, credibile, per usarli, allora,
            1+1=2, servono solo per cose illecite e illegaliper te 1+1=45Che TU non riesca a capire ( o faccia finta di non capire ) l'utilizzo legittimo di un remailer non significa che questo non esista.
            una pistola puo' essere usata per uccidere e per
            offendere oppure per difendersi da
            un'aggressione, ma almeno ha la doppia faccia,
            l'email anonima ancora non ha mostrato la faccia
            buona!!!c'è differenza tra una pistola e un pistola....
          • Anonimo scrive:
            Re: io proprio non capisco
            sei incapace di dare una spiegazione plausibile
        • Anonimo scrive:
          Re: io proprio non capisco
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo
          allora ti ripeto la stessa cantilena che e' in
          giro da due giorni a cui nessuno ha ancora
          risposto: mi dici un cazzo di motivo legale per
          cui uno dovrebbe utilizzare questo tipo di
          servizio? e per favore non rispondere con le
          stesse stronzate degli altri tipo comunicare con
          l'ospedale senza farlo sapere alle assicurazioni,
          denunciare un mafioso e cazzate del genere.---- Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo---
          ora o rispondi seriamente o sei un trollazzo da
          strapazzosisi... mi sa che il trollazzo sei tu.. visto che fai finta di non capire ciaociaoAnonimo
  • Anonimo scrive:
    Remailer? Arma a doppio taglio
    Un bel modo per mascherare l'illegalità sotto le false spoglie della libertà.Immagino già l'utilizzo, per lo più usato dagli spammer, di questa bella ideona :)Lasciate perdere, impiegate le risorse per qualcosa di veramente utile!
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer? Arma a doppio taglio
      - Scritto da: Anonimo
      Un bel modo per mascherare l'illegalità sotto le
      false spoglie della libertà.

      Immagino già l'utilizzo, per lo più usato dagli
      spammer, di questa bella ideona :)

      Lasciate perdere, impiegate le risorse per
      qualcosa di veramente utile!Te ragioni alla carlona. Devi essere un sempliciotto che non vede oltre il palmo del suo naso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Remailer? Arma a doppio taglio
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Un bel modo per mascherare l'illegalità sotto le

        false spoglie della libertà.



        Immagino già l'utilizzo, per lo più usato dagli

        spammer, di questa bella ideona :)



        Lasciate perdere, impiegate le risorse per

        qualcosa di veramente utile!

        Te ragioni alla carlona. Devi essere un
        sempliciotto che non vede oltre il palmo del suo
        naso.Allora spiegami tu dall'alto della tua scienza.Fammi un esempio pratico di utilità di una roba simile, quando esisotno sistemi per la crittografia come gpg/pgp, etc...La privacy può essere tutelata in questo modo, senza aver bisogno di Anonymous remailer che nel 90% dei casi sarebbero utilizzati per ragioni illegali.Anzi ti dirò di più, se il Remailer viene compromesso, un cracker potrebbe compromettere anche la privacy degli utenti.A sto punto meglio affidarsi alla sicurezza di gpg ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer? Arma a doppio taglio
          - Scritto da: Anonimo

          A sto punto meglio affidarsi alla sicurezza di
          gpg ;)Per la difesa della privacy una cosa non esclude l' altra.
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio

            Per la difesa della privacy una cosa non esclude
            l' altra.Dov'è la correlazione tra privacy ed anonimato?
        • DoBs scrive:
          Re: Remailer? Arma a doppio taglio
          Evidentemente della vicenda autistici/inventati non hai capito nulla, rileggiti l'articolo di PI a riguardo per favore. - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Un bel modo per mascherare l'illegalità sotto
          le


          false spoglie della libertà.





          Immagino già l'utilizzo, per lo più usato
          dagli


          spammer, di questa bella ideona :)





          Lasciate perdere, impiegate le risorse per


          qualcosa di veramente utile!



          Te ragioni alla carlona. Devi essere un

          sempliciotto che non vede oltre il palmo del suo

          naso.

          Allora spiegami tu dall'alto della tua scienza.
          Fammi un esempio pratico di utilità di una roba
          simile, quando esisotno sistemi per la
          crittografia come gpg/pgp, etc...

          La privacy può essere tutelata in questo modo,
          senza aver bisogno di Anonymous remailer che nel
          90% dei casi sarebbero utilizzati per ragioni
          illegali.


          Anzi ti dirò di più, se il Remailer viene
          compromesso, un cracker potrebbe compromettere
          anche la privacy degli utenti.

          A sto punto meglio affidarsi alla sicurezza di
          gpg ;)
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: DoBs
            Evidentemente della vicenda autistici/inventati
            non hai capito nulla, rileggiti l'articolo di PI
            a riguardo per favore. A me sembra molto che di quella vicenda l'unico a non aver capito qualcosa sia tu. Che cazzo c'entra la vicenda Autistici/Inventati con il remailer anonimo? Lì si parlava di privacy e riservatezza, qui di anonimato; le cose sono MOLTO differenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: THe_ZiPMaN
            A me sembra molto che di quella vicenda l'unico a
            non aver capito qualcosa sia tu. Che cazzo
            c'entra la vicenda Autistici/Inventati con il
            remailer anonimo? Lì si parlava di privacy e
            riservatezza, qui di anonimato; le cose sono
            MOLTO differenti.Zipman, ho l'impressione che tu sia un grasso cazumba. I servizi minacciati sono in primis proprio quelli di gestione del remailer. Le chiavi che sono finite in mano all'ente che ha compiuto questa bravata hanno compromesso la sicurezza della catena dei remailers...in ogni caso l'anonimato e' l'apoteosi della privacy, se non riesci ad arrivare a questo lascia perdere e abbi la decenza di non impestare la rete con i tuoi testi.
        • shamael scrive:
          Re: Remailer? Arma a doppio taglio

          Allora spiegami tu dall'alto della tua scienza.
          Fammi un esempio pratico di utilità di una roba
          simile, quando esisotno sistemi per la
          crittografia come gpg/pgp, etc...
          Pgp e remailer non sono cose che si escludono a vicenda!Ti faccio un esempio: se io intercetto della posta criptata, conosco mittente, destinatario ma non contenuto (tuttavia se disponessi di sufficiente potenza di calcolo potrei arrivare anche a quello), ma se intercetto della posta che e' passata attraverso una catena di remailer, non so piu' nemmeno chi scrive a chi! A quel punto anche potendo disporre della potenza di calcolo di cui sopra per craccare pgp, se sto controllando qualcuno non potrei sapere su quali messaggi rivolgere l'attenzione e siccome decriptare tutto e' impossible il mio scopo sarebbe pressoche' irraggiungibile!Pensaci...Shamael
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio

            Pgp e remailer non sono cose che si escludono a
            vicenda!
            Ti faccio un esempio: se io intercetto della
            posta criptata, conosco mittente, destinatario ma
            non contenuto (tuttavia se disponessi di
            sufficiente potenza di calcolo potrei arrivare
            anche a quello),Per il momento sei a posto per circa 14.000.000.000 di anni.
            ma se intercetto della posta che
            e' passata attraverso una catena di remailer, non
            so piu' nemmeno chi scrive a chi!L'UNICO dato che viene perso per strada è il mittente, non il destinatario.
            A quel punto
            anche potendo disporre della potenza di calcolo
            di cui sopra per craccare pgp, se sto
            controllando qualcuno non potrei sapere su quali
            messaggi rivolgere l'attenzione e siccome
            decriptare tutto e' impossible il mio scopo
            sarebbe pressoche' irraggiungibile!Se sto controllando il destinatario, l'utilizzo del remailer non aggiunge alcuna sicurezza alla mia intercettazione; se riesco a forare PGP, allora probabilmente la lettera contiene sufficienti informazioni per determinare il mittente; se non foro PGP non vi è alcuna utilità (il mittente potrebbe essere comunque fasullo).Quindi è ovvio che in questo caso il remailer non serve.Se controllo invece il mittente, allora mi piazzo al primo hop disponibile, e in tale caso il remailer non entra nemmeno in gioco.L'UNICA utilità di un remailer anonimo è quella di inviare una mail a qualcuno senza che quel qualcuno sappia CHI gliela ha inviata.Non vedo però alcuno scopo lecito, aldilà dello studio, che RICHIEDA l'uso di un remailer, mentre mi sembra ve ne siano molti di illeciti che da un remailer traggono profitto.Quindi?
            Pensaci...Anche tu.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            Se chi ti controlla e' in grado di scoperchiare il gpg E loggare tutti i movimenti dei remailer E scoperchiare la criptazione mixmaster allora e' meglio gettare la spugna immediatamente.Ce ne sono tanti di enti cosi'?
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: Anonimo
            Se chi ti controlla e' in grado di scoperchiare
            il gpg E loggare tutti i movimenti dei remailer E
            scoperchiare la criptazione mixmaster allora e'
            meglio gettare la spugna immediatamente.
            Ce ne sono tanti di enti cosi'?Bhe, probabilmente l'associazione che coordina le scuole del regno della magia che freguenta Herry Potter puo' farlo. :-)
          • shamael scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            Ok, buone osservazioni, pero' ho delle cose da ribattere:- Scritto da: THe_ZiPMaN

            Pgp e remailer non sono cose che si escludono a

            vicenda!

            Ti faccio un esempio: se io intercetto della

            posta criptata, conosco mittente, destinatario
            ma

            non contenuto (tuttavia se disponessi di

            sufficiente potenza di calcolo potrei arrivare

            anche a quello),

            Per il momento sei a posto per circa
            14.000.000.000 di anni.Non conosco i numeri esatti, pensi pero' che nemmeno una rete di computer potrebbe farlo? Ovviamente non stavo pensando ad una singola macchina.

            ma se intercetto della posta che

            e' passata attraverso una catena di remailer,
            non

            so piu' nemmeno chi scrive a chi!

            L'UNICO dato che viene perso per strada è il
            mittente, non il destinatario.E' vero, dopo il primo passaggio il mittente si perde ma il destinatario rimane sotto i vari "strati" di criptazione. Il mio ragionamento era pero' che siccome il destinatario non si vede in chiaro e rompere pgp e' una possibilita' molto remota e dispendiosa, non si puo' scegliere su quali messaggi concentrarsi.Se poi sia mittente che destinatario utilizzano dei nym server...

            A quel punto

            anche potendo disporre della potenza di calcolo

            di cui sopra per craccare pgp, se sto

            controllando qualcuno non potrei sapere su quali

            messaggi rivolgere l'attenzione e siccome

            decriptare tutto e' impossible il mio scopo

            sarebbe pressoche' irraggiungibile!

            Se sto controllando il destinatario, l'utilizzo
            del remailer non aggiunge alcuna sicurezza alla
            mia intercettazione; se riesco a forare PGP,
            allora probabilmente la lettera contiene
            sufficienti informazioni per determinare il
            mittente; se non foro PGP non vi è alcuna utilità
            (il mittente potrebbe essere comunque fasullo).

            Quindi è ovvio che in questo caso il remailer non
            serve.Vero. Ma nessuno dice che i remailer siano la panacea per la liberta' in rete. Sono solo una sicurezza in piu'. Se il destinatario per tutta la sua "vita digitale" ha sempre usato remailer, nym server e pgp, e' ben difficile che sia controllato.La possibilita' esiste sempre, pero'...
            Se controllo invece il mittente, allora mi piazzo
            al primo hop disponibile, e in tale caso il
            remailer non entra nemmeno in gioco.Vedi sopra
            L'UNICA utilità di un remailer anonimo è quella
            di inviare una mail a qualcuno senza che quel
            qualcuno sappia CHI gliela ha inviata.
            Non vedo però alcuno scopo lecito, aldilà dello
            studio, che RICHIEDA l'uso di un remailer, mentre
            mi sembra ve ne siano molti di illeciti che da un
            remailer traggono profitto.

            Quindi?


            Pensaci...

            Anche tu.Per quanto riguarda lo spam, ci sono gia' varie protezioni sui remailer (filtri e possibilita' di bloccare il proprio indirizzo) e sui nym server (limiti di traffico consentito). Ovvio, sono lungi dall'essere perfette, tuttavia non mi sembra che gli spammer che non usano remailers se la cavino male.Un ultima cosa, se i remailers vengono usati ANCHE per scopi illeciti, questo non cambia il principio per cui sono stati creati. Arginare lo spam da remailer e' qualcosa a cui si puo' lavorare, ma criminalizzare l'intero sistema in virtu' di un suo uso possibile sarebbe come bandire i masterizzatori perche' potrebbero essere usati a fini di pirateria...
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio

            Vero. Ma nessuno dice che i remailer siano la
            panacea per la liberta' in rete. ma la liberta' di fare cosa? che c'avrete mai di cosi' segreto che avete bisogno di criptare con pgp e per giunta rendere pure anonimo il mittente...le cose sono due, o avete manie di persecuzione e pensate che tutti stanno dietro a voi, oppure servono solo per fare cose illecite e reati di vario genere, perche' anche se stessi lavorando al progetto del prossimo shuttle o su un brevetto industriale a diffusione mondiale basta avere il plug-in del pgp nel mio client di posta e nessuno se non il destinatario lo aprira' mai, e se proprio voglio rendermi anonimo faccio aprire una casella hotmail a mia nipote di 14 anni e poi cambio la password la uso io via outlook e criptando in pgp
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio


            Per il momento sei a posto per circa

            14.000.000.000 di anni.

            Non conosco i numeri esatti, pensi pero' che
            nemmeno una rete di computer potrebbe farlo?
            Ovviamente non stavo pensando ad una singola
            macchina. La fattorizzazione di una chiave a 4096 bit fatta con tutti i computer della Terra richiederebbe un tempo maggiore dell'età dell'universo. :-)
            Vero. Ma nessuno dice che i remailer siano la
            panacea per la liberta' in rete. Sono solo una
            sicurezza in piu'. Se il destinatario per tutta
            la sua "vita
            digitale" ha sempre usato remailer, nym server e
            pgp, e' ben difficile che sia controllato.
            La possibilita' esiste sempre, pero'...Il discorso che faccio io è abbastanza semplice: lo scopo di un remailer è rendere l'intercettazione pressoché impossibile e per questo ci si avvale di tecniche molto complesse (come la divisione delle mail in più parti, la crittografia ecc.ecc.) che alla fine rendono l'operazione quasi impossibile a tutti.In realtà però *in Italia* non si ravvede la necessità di utilizzare tali strumenti, dato che per evitare intercettazioni da parte di privati è sufficiente l'uso di PGP e di un account a caso su hotmail. Gli unici che potrebbero tracciare tale mail e ovviamente riconoscere i corrispondenti sono gli inquirenti che agiscono per ordine della magistratura; l'uso di remailer è utile quindi solo per schivare i controlli della magistratura, ma chi ha queste intenzioni _normalmente_ non opera nella legalità (altrimenti non avrebbe interesse a nascondere la cosa).Se fossimo in Cina o in Iran l'uso dei remailer avrebbe un senso, qua da noi non ne vedo invece l'utilità.
            (limiti di traffico consentito). Ovvio, sono
            lungi dall'essere perfette, tuttavia non mi
            sembra che gli spammer che non usano remailers se
            la cavino male.Tanto per lo spam ci sono orde di zombie in attesa di servire il padrone. Per Spam in questo caso non si intende mass mailing, ma si intende posta non gradita in generale.
            Un ultima cosa, se i remailers vengono usati
            ANCHE per scopi illeciti, questo non cambia il
            principio per cui sono stati creati. Arginare lo
            spam da remailer e' qualcosa a cui si puo'
            lavorare, ma criminalizzare l'intero sistema in
            virtu' di un suo uso possibile sarebbe come
            bandire i masterizzatori perche' potrebbero
            essere usati a fini di pirateria...Il problema è proprio tale principio. Qual'è? Ha un'utilizzo realmente utile in Italia al giorno d'oggi? Per me no.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: THe_ZiPMaN


            Per il momento sei a posto per circa


            14.000.000.000 di anni.

            Non conosco i numeri esatti, pensi pero'

            che nemmeno una rete di computer

            potrebbe farlo?

            Ovviamente non stavo pensando ad una

            singola macchina.
            La fattorizzazione di una chiave a 4096 bit
            fatta con tutti i computer della Terra
            richiederebbe un tempo maggiore dell'età
            dell'universo. :-)

            Vero. Ma nessuno dice che i remailer

            siano la panacea per la liberta' in rete.

            Sono solo una sicurezza in piu'. Se il

            destinatario per tutta la sua "vita

            digitale" ha sempre usato remailer,

            nym server e pgp, e' ben difficile che

            sia controllato.

            La possibilita' esiste sempre, pero'...
            Il discorso che faccio io è abbastanza
            semplice: lo scopo di un remailer è
            rendere l'intercettazione pressoché
            impossibile e per questo ci si avvale di
            tecniche molto complesse
            (come la divisione delle mail in più parti, la
            crittografia ecc.ecc.) che alla fine rendono
            l'operazione quasi impossibile a tutti.
            In realtà però *in Italia* non si ravvede la
            necessità di utilizzare tali strumenti, dato che
            per evitare intercettazioni da parte di privati è
            sufficiente l'uso di PGP e di un account a caso
            su hotmail. Gli unici che potrebbero tracciare
            tale mail e ovviamente riconoscere i
            corrispondenti sono gli inquirenti che
            agiscono per ordine della magistratura; l'uso
            di remailer è utile quindi solo per schivare i
            controlli della magistratura, ma chi ha queste
            intenzioni _normalmente_ non opera nella
            legalità (altrimenti non avrebbe interesse a
            nascondere la cosa).
            Se fossimo in Cina o in Iran l'uso dei remailer
            avrebbe un senso, qua da noi non ne vedo
            invece l'utilità.Mi sembra che dimentichi 2 cose :1) Internet, forse non l'hai mai notato (!!!) ma non e' confinata all'italia. Ma fa parte del mondo come forse mai una tecnologia prima.2) Hai dimenticato, ognuna delle 1000 volte in cui hai citato il nostro piccolo provinciale paesotto, di aggiungere un "al momento"; poiche cosi' come in passato non si sa' se in futuro ci ritroveremo in situazioni simil cina in cui i remailer sono molto graditi.

            (limiti di traffico consentito). Ovvio, sono

            lungi dall'essere perfette, tuttavia non mi

            sembra che gli spammer che non usano

            remailers se la cavino male.Hahahaha : un spammer secondo te dovrebbe usare una mail che esce tutta con lo stesso header e quindi potrebbe essere tranquillamente filtrata... Ma andiamo....

            Un ultima cosa, se i remailers vengono

            usati ANCHE per scopi illeciti, questo non

            cambia il principio per cui sono stati creati. Anche le calze da donna vengono usate come maschere per le rapine.

            Arginare lo spam da remailer e' qualcosa a

            cui si puo' lavorare, ma criminalizzare

            'intero sistema in virtu' di un suo uso

            possibile sarebbe come

            bandire i masterizzatori perche' potrebbero

            essere usati a fini di pirateria...
            Il problema è proprio tale principio. Qual'è?
            Ha un'utilizzo realmente utile in Italia al
            giorno d'oggi? Per me no.Ci hai fatto caso che c'e' un mondo la' fuori ??? Inoltre se adessimo li vietassimo ed un giorno ci fossero utili ???
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: shamael
            ma se intercetto della posta che
            e' passata attraverso una catena di remailer, non
            so piu' nemmeno chi scrive a chi! è inquietante. arriva già tanta di quella spazzatura, sapendo da dove. così diventerebbe l'anarchia. questa sarebbe privacy se tutti si prendessero la responsabilità di quello che scrivono.. ma non è così...
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: shamael

            ma se intercetto della posta che

            e' passata attraverso una catena di remailer,

            non so piu' nemmeno chi scrive a chi!
            è inquietante. arriva già tanta di quella
            spazzatura, sapendo da dove. così
            diventerebbe l'anarchia. questa sarebbe
            privacy se tutti si prendessero la
            responsabilità di quello che
            scrivono.. ma non è così...Ma sei fuori ? Questa roba funziona da anni e non mi sembra che il regno del Caos si sia riversato sulla terra come dici tu.Tipo un testimone che prende la responsabilita' di denunciare un mafioso e poi si trova in una bara di cemento, complimenti buona idea. Ma l'hai capito a cosa servono i remailer anonimi ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio

            Tipo un testimone che prende la responsabilita'
            di denunciare un mafioso e poi si trova in una
            bara di cemento, complimenti buona idea. Ma l'hai
            capito a cosa servono i remailer anonimi ?e tu l'hai capito che nessuno prende in considerazione NIENTE se non si sa l'identita' e di conseguenza l'attendibilita' di chi fa la denuncia?senno' io fra 10 minuti scrivo un'email alla polizia dicendo che tu hai palpato mia figlia nelle parti intime, tu forse pensi che questi mi ca9ano minimamente?la realta' e' che volete giocare a fare i rivoltosi e i "contro" quando in realta' siete completamente inglobati nella societa' e addirittura con il vostro essere "contro" la legittimatevorremmo proprio vederle le informazioni che la gente si scambia con questi sistemi, chissa' quali segreti industriali e informazioni per la sicurezza mondiale... o chissa' che altra squallida sorpresa ci troveremo....
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: Anonimo

            Tipo un testimone che prende la

            responsabilita' di denunciare un

            mafioso e poi si trova in una

            bara di cemento, complimenti

            buona idea. Ma l'hai capito a cosa

            servono i remailer anonimi ?
            e tu l'hai capito che nessuno prende in
            considerazione NIENTE se non si sa
            l'identita' e di conseguenza l'attendibilita'
            di chi fa la denuncia?Non e' vero, ti posso assicurare che molte discussioni anonime sono seguite dalla SCO proprio per questo.
            senno' io fra 10 minuti scrivo un'email alla
            polizia dicendo che tu hai palpato mia figlia
            nelle parti intime, tu forse pensi che questi mi
            ca9ano minimamente?Se gli sembra credibile si, probabile che ti rispondano per ricevere maggiori dettagli, certo non e' una denuncia a valore legale, e' solo una soffiata.
            la realta' e' che volete giocare a fare i
            rivoltosi e i "contro" quando in realta' siete
            completamente inglobati nella societa' e
            addirittura con il vostro essere "contro" la
            legittimateHe ? Ma stai cantando "sono contro" degli schiantos ?
            vorremmo proprio vederle le informazioni
            che la gente si scambia con questi sistemi,
            chissa' quali segreti industriali e
            informazioni per la
            sicurezza mondiale... o chissa' che altra
            squallida sorpresa ci troveremo....Veramente e' un abiente un po' piu' da sanatorio: aiuti psicologici, denuncie, e appunto soffiate di vario genere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio


            senno' io fra 10 minuti scrivo un'email alla

            polizia dicendo che tu hai palpato mia figlia

            nelle parti intime, tu forse pensi che questi mi

            ca9ano minimamente?

            Se gli sembra credibile si, probabile che ti
            rispondano per ricevere maggiori dettagli, :| e come ti rispondono se glielo mandi senza mittente???? :s :( :o ma stiamo farneticando o cosa???
            He ? Ma stai cantando "sono contro" degli
            schiantos ?si scrive SKIANTOS, che io ascoltavo quando tu imparavi a leggere e a scrivere

            vorremmo proprio vederle le informazioni

            che la gente si scambia con questi sistemi,

            chissa' quali segreti industriali e

            informazioni per la

            sicurezza mondiale... o chissa' che altra

            squallida sorpresa ci troveremo....

            Veramente e' un abiente un po' piu' da sanatorio:
            aiuti psicologici, denuncie, e appunto soffiate
            di vario genere.scusa ma mi sembrano solo stron7@te, tutte queste cose non si fanno in maniera anonima, specialmente aiuti psicologici!!! Le denunce proprio non ti cagano perche' ci deve essere ufficialmente il nome di chi la sporge, senno' sarebbe una caccia alle streghe, le soffiate le accettano solo da gente fidata che gia' conoscono.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: Anonimo


            senno' io fra 10 minuti scrivo


            un'email alla polizia dicendo


            che tu hai palpato mia figlia


            nelle parti intime, tu forse pensi


            che questi mi ca9ano minimamente?

            Se gli sembra credibile si, probabile che ti

            rispondano per ricevere maggiori dettagli,
            :| e come ti rispondono se glielo mandi senza
            mittente???? :s :( :o Ma allora proprio non hai idea di cosa si parla, :| !!! Certo che si puo' ricevere risposta attraverso gli anonimyzer, vabbe' lasciamo stare parlero' con qualcuno che almeno sa come funzionano queste cose.
            ma stiamo farneticando o cosa???

            He ? Ma stai cantando "sono contro" degli

            schiantos ?
            si scrive SKIANTOS, che io ascoltavo
            quando tu imparavi a leggere e a scrivereE probabilmente non hai mai ascoltato o letto altro nella vita che le loro canzoni e i loro testi.
            scusa ma mi sembrano solo stron7@te,
            tutte queste cose non si fanno in maniera
            anonima, specialmente aiuti psicologici!!!
            Le denunce proprio non ti cagano perche'
            ci deve essere ufficialmente il nome di
            chi la sporge, senno' sarebbe una caccia
            alle streghe, le soffiate le accettano solo
            da gente fidata che gia' conoscono.E' un buon modo di conoscere nuova gente, visto che (scoperta almeno per te) le risposte anonime si possono ricevere eccome.Inoltre non pensi che molte persone si potrebbero sentire piu' sicure a fare domande ad es sull'AIDS in maniera anonima piuttosto che presentarsi in un consultorio ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            A mee sembra che quello che non l'ha capito sei tu, caro il mio sostieni-spammer...Condivido quanto affermato in precedenza dall'altro commentatore: prtivacy è una cosa, anonimato un'altra e non c'entrano necessariamente l'una con l'altra, come in questo caso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            scusa eh, ma a me tutto il discorso mi sembra una grande stron%@7@
          • shamael scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: Anonimo
            scusa eh, ma a me tutto il discorso mi sembra una
            grande stron%@7@La mia mente vacilla nel considerare l'ampiezza e la profondita' delle tue argomentazioni! :|
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio
            - Scritto da: shamael

            - Scritto da: Anonimo

            scusa eh, ma a me tutto il discorso mi sembra
            una

            grande stron%@7@

            La mia mente vacilla nel considerare l'ampiezza e
            la profondita' delle tue argomentazioni! :|non e' che voglio fare il paragone... pero' quando ai tempi facevano i discorsi in piazza sulle leggi razziali, o cose del genere, erano una stronzata in totale non c'era molto da argomentare, cosi' mi pare anche il discorso del tizio
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Arma a doppio taglio

            è inquietante. arriva già tanta di quella
            spazzatura, sapendo da dove. così diventerebbe
            l'anarchia. questa sarebbe privacy se tutti si
            prendessero la responsabilità di quello che
            scrivono.. ma non è così..."Anonymity is a shield from the tyranny of the majority... It thusexemplifies the purpose behind the Bill of Rights, and of the FirstAmendment in particular: to protect unpopular individuals from retaliation-- and their ideas from suppression -- at the hand of an intolerantsociety.." --- U.S. Supreme Court Justice John Paul Stevens"Restriction of free thought and free speech is the most dangerous of allsubversions. It is the one un-American act that could most easily defeatus." --- Justice William O. DouglasNoi questi principi non ce li abbiamo. Non per questo sono meno importanti, anzi in una repubblica delle banane acquistano un ruolo essenziale per l'espressione delle opinioni individuali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer? Arma a doppio taglio
      Mi pare che ti sia già stato spiegato che gli spammer non saprebbero proprio che farsene dei remailer anonimi... Ciò che mi preme far capire è che TUTTO è un'arma a doppio taglio poichè tale è la mente dell'uomo. E allora per evitare di ferire o di tagliarsi sarebbe necessario bandire la libertà, in altre parole abolire gli uomini. Ed in questo nulla tutto sarebbe veramente perfetto, incontrovertibilmente corretto, assolutamente innocuo.
Chiudi i commenti