Niente Morte Nera per la Casa Bianca

L'ufficio del presidente statunitense risponde a una petizione popolare sulla costruzione di una Terza Morte Nera. Un progetto che non s'ha da fare, perché la scienza e la tecnologia spaziale statunitensi sono già il futuro
L'ufficio del presidente statunitense risponde a una petizione popolare sulla costruzione di una Terza Morte Nera. Un progetto che non s'ha da fare, perché la scienza e la tecnologia spaziale statunitensi sono già il futuro

Approfittando dell’occasione fornita dal sito di petizioni popolari aperto dalla Casa Bianca, i cittadini statunitensi appassionati di Star Wars hanno proposto la costruzione di una Morte Nera funzionante all’amministrazione Obama. La proposta è stata respinta, ma la risposta dell’amministrazione vale il racconto e un premio simbolico per le pubbliche relazioni allo staff presidenziale.

La risposta, obbligata dopo le 25mila firme raccolte dalla petizione, è stata scritta da Paul Shawcross, responsabile della divisione scientifica dell’ Office of Management and Budget della Casa Bianca: Shawcross infioretta il testo con citazioni continue a battute e passaggi celebri della saga fantascientifica più popolare, trovando anche il tempo di spiegare perché promuovere la scienza e la tecnologia spaziale di NASA sia un modo decisamente migliore di spendere i soldi dei contribuenti statunitensi.

La costruzione di una Morte Nera funzionante doveva partire nel 2016, secondo la petizione, ma costerebbe 850 quadrilioni – 850mila milioni di milioni di dollari statunitensi. “Stiamo lavorando sodo per ridurre il deficit, non per espanderlo”, scrive Sahawcross.

La principale funzionalità della Morte Nera, poi – cioè far saltare in aria interi pianeti – non fa parte delle politiche supportate dall’amministrazione Obama. La vulnerabilità della stazione spaziale a un singolo pilota di caccia X-Wing , infine, renderebbe l’opera di costruzione priva di valore.

Omaggio starwarsiano a parte, dove la risposta di Shawcross centra il bersaglio è nello sfruttare l’occasione per promuovere scienza e tecnologie molto più concrete di quelle ideate per la saga di George Lucas: NASA ha già all’attivo la realizzazione di una Stazione Spaziale Orbitante grossa come un campo da football, dice Shawcross, per non parlare dei rover marziani attualmente in attività.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 01 2013
Link copiato negli appunti