Niente sesso con Kinect

Una diabolica software house prova a mischiare sacro e profano, sviluppando un videogame porno per il fantasioso sensore Xbox. Ma la benedizione di Microsoft non c'è

Roma – L’arrivo dei driver open source inizia a dare i suoi frutti. In questo caso però, si parla di frutti del peccato. ThriXXX Software sta infatti sviluppando un videogame pornografico per PC, basato sul motion tracking della nuova periferica Xbox 360. Ma dalle parti di Redmond preferirebbero non associare l’immagine di Kinect al cybersex.

Nella pruriginosa demo tecnica mostrata di recente (visibile qui sotto), l’utente può interagire senza alcun controller con una serie di donnine scollacciate e “toccare con mano” le forme poligonali di queste ragazze. La software house, specializzata in sex game ed Hentai, sta pensando di adattare a questo libidinoso sistema virtuale anche i suoi giochi piccanti già usciti, per colmare una “lacuna” nel parco titoli dei motion controller.

Inizialmente Microsoft non aveva commentato la vicenda ma il rischio che un titolo a tripla X, vietato ai minori, possa diventare il primo videogioco Kinect a raggiungere Windows 7, deve aver fatto scattare l’allarme interno. In una intervista al portale IGN , un rappresentante del colosso di Redmond ha chiarito che un prodotto dai contenuti hard non sarà assolutamente tollerato o certificato, perché “Kinect è stato pensato l’intrattenimento di tutta la famiglia”.

Dato che l’autorizzazione per usare la tecnologia in questo modo è venuta a mancare, molto probabilmente ThriXXX dovrà rinunciare al gemellaggio porno-Kinect per non finire in tribunale. Ma non sarà facile fermare in eterno il cammino di prodotti dall’animo bollente o underground, dedicati al sottobosco PC, che diventano fruibili sul computer con la complicità di driver altrettanto ufficiosi.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti