Nintendo miniaturizza il DS

Piccolo grande restyling per la famosa console portatile della grande N che punta a dimensioni minute e ad un design più accattivante

Tokyo (Giappone) – Dopo aver dato vita ad un fenomeno di vendite con il piccolo DS , la casa della grande N punta a mantenere salda la testa della classifica operando un piccolo restyling strutturale al proprio pargoletto. Il boom di vendite, che ha fatto toccare quota 14 milioni (di cui poco più di 5 milioni nel solo Giappone), è associato al grande divertimento che la console porta con sé.

Nell’eterna lotta tra Nintendo DS e PSP, tutti coloro che hanno scartato la console di Sony, a favore della game station a doppio schermo, sono stati condizionati da diverse motivazioni. Tra le più importanti ci sono, per esempio, la maggiore disponibilità di giochi e il display touchscreen pilotabile tramite la pennina incorporata, una novità nel mondo dei videogiochi. Ciò che invece ha fermato i pochi che ancora non hanno deciso da che parte schierarsi è il design della console di Nintendo. La PSP ha, infatti, più stile del DS che, per colpa della sua costituzione robusta e squadrata ha fatto storcere il naso ai giocatori dal palato sopraffino.

Per questo motivo, l’azienda giapponese ha deciso di correre ai ripari annunciando la versione Lite della propria console con la convinzione di riuscire ad aumentare ancora le vendite. Nintendo DS Lite porterà con se un design più aggraziato, una colorazione bianco perla e un peso diminuito del 20% rispetto al modello originale (che passa dai circa 275 grammi ai 218 del nuovo modello). Non è tutto; stando alle dichiarazioni di Satoru Iwata, presidente di Nintendo, la nuova console vanterà anche degli schermi più luminosi. Le dimensioni, che nella versione originale erano 85 x 149 x 29 mm si trasformeranno, come per magia, in 74 x 133 x 21 mm, guadagnando in portabilità.

DS Lite è atteso nella terra del Sol Levante per il 2 di marzo. L’uscita anticipata in Giappone varrà come ringraziamento ai fan nipponici per il loro supporto e servirà anche per testare la richiesta del nuovo prodotto. Entro pochi mesi dal lancio nella madre patria, il nuovo piccino di Nintendo sbarcherà anche in America e in Europa, ma per il momento non vi sono ancora date certe.

Tra tutte queste buone notizie l’unica che stona riguarda il prezzo. Alla data del lancio in Giappone il nuovo DS Lite costerà 16.800 yen, circa 1.800 yen in più rispetto al prezzo della versione originale. In Italia, quando arriverà, non sarebbe una sorpresa se si presentasse con prezzi che sfiorano i 150-160 euro.

Dario Panzeri

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè solo il terzo mondo?
    In realta' qualche mese fa Negroponteaveva accennato alla possibilita' diuna versione retail, dal costo appuntodi 200$...Un note del genere sarebbe una figata pazzesca :D peccato che bisogna aspettare almeno fino alQ4 2006 - ammesso che lo facciano davvero uscire.
  • Anonimo scrive:
    La gira poi l'onu la manovella ?
    Quando sarà il momento di mettere in rete via wifi i portatili ci penseranno i delegati dell'onu a tenerla up con tanta sana palestra manovellatrice ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Anche l' Italia è terzo mondo
    - Scritto da: Anonimo
    Pechè non lo distribuiscono anche in Italia?perchè in italia c'è l'obbligo coattivo non scritto all'acquisto di winzozz assieme al portatile.per questo non ne ho ancora uno!
  • Anonimo scrive:
    Re: raccomandati

    e intanto negroponte fa i soldi
    che vergognaChe vergogna che in Italia ci siano elementi come te.
  • Anonimo scrive:
    Re: raccomandati
    è un male fare soldi?Dovrà campare pure lui, no?
  • Anonimo scrive:
    Re: GUIiptlabes interattiv:singoli progr
    - Scritto da: Anonimo
    Un aggeggio del genere farebbe gola anche a molti
    di qui, me per primo, che sono costretto a
    stampare un sacco di manuali per poterli leggere
    quando sono in giro.
    Non si potrebbe fare un accordo, del tipo: lo
    pago 200$ così pago il mio e quello di un bambino
    povero?*credo che nessuno qui da noi prederebbe un pc a manovella con *nix dentro....dentro *nix civilization non gira,come neanche tutti i viruspochi lo comprerebbero..non fa fighi usare qualcosa che è destinato al "3* mondo"
  • Anonimo scrive:
    raccomandati
    e intanto negroponte fa i soldiche vergogna
  • Anonimo scrive:
    Anche l' Italia è terzo mondo
    Pechè non lo distribuiscono anche in Italia?
  • Anonimo scrive:
    Perchè solo il terzo mondo?
    Un aggeggio del genere farebbe gola anche a molti di qui, me per primo, che sono costretto a stampare un sacco di manuali per poterli leggere quando sono in giro.Non si potrebbe fare un accordo, del tipo: lo pago 200$ così pago il mio e quello di un bambino povero?
Chiudi i commenti