Non si contiene in rete. Scatta l'Asbo

Succede in Inghilterra, dove un 17enne spavaldo ha pubblicato post pro-crimine, pro-droga e altre sciocchezze. La prossima volta ci penserà due volte
Succede in Inghilterra, dove un 17enne spavaldo ha pubblicato post pro-crimine, pro-droga e altre sciocchezze. La prossima volta ci penserà due volte

Nel Regno Unito il comportamento antisociale è punito con un ASBO , cioè un Anti Social Behaviour Order . Questo è il provvedimento irrogato a un 17enne del Norfolk che, spavaldo, ha postato su Bebo alcuni messaggi inneggianti la criminalità, ha descritto metodi per l’assunzione di droga e ha osato dileggiare la polizia di Sua Maestà.

Un provvedimento, esordisce EDP24 , tra i primi del genere. L’Asbo ha in questo caso una durata di due anni , durante i quali il ragazzo non potrà accedere in alcune aree della propria zona. Inoltre dovrà sottostare a 80 ore di lavoro non pagato e ad un periodo di coprifuoco lungo due mesi, durante i quali dovrà indossare un braccialetto elettronico di localizzazione.

Tim Chapman, comandante delle forze dell’ordine locali, ha riferito alla stampa che i messaggi inseriti dal giovane possono considerarsi dimostrazioni della sua attitudine ad offendere la comunità e la polizia stessa. Così, racconta The Inquirer , l’ispettore Knacker è piombato sul ragazzo come una tonnellata di mattoni . Il giudice ha anche deciso di vietargli parzialmente l’uso di Internet.

Il giovane, il cui nome non può essere rivelato per ragioni legali, è comparso di nuovo davanti alla Corte di Norwich la scorsa settimana dopo aver ammesso di essersi impossessato di un autoveicolo senza il consenso del proprietario, senza presentarsi alla polizia e dopo essere stato colto in possesso di cannabis. “I siti (come Bebo, ndR) sono pubblici e la gente ci scrive in modo irresponsabile, dipingendo atti criminali come cose da farsi. Ma noi intendiamo mettere in atto tutte le strategie di cui disponiamo”, ha aggiunto Chapman, che ha lavorato con i computer prima di entrare in polizia. “Continueremo a controllare regolarmente i nuovi contenuti e agiremo senza indugio se il giovane dovesse di nuovo scrivere (in modo sospetto, ndR). Molti pensano che noi non siamo interessati o che non possiamo agire perché la cosa avviene su Internet , ma non è così”, ha minacciato.

Un professionista interpellato ha detto: “Non possiamo fare commenti specifici sulla questione, ma è in ogni caso piacevole sapere che le Autorità agiscano per aiutare le vittime dei comportamenti antisociali. Ciò evidenzia come sia volere comune il non tollerarli”.

Marco Valerio Principato

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti