Nota/ Novità per i Forum di PI

Continua l'opera di rinnovamento del sito del quotidiano anche grazie alle indicazioni dei lettori. Si rinnova anche il sistema di gestione dei Forum e della Community


Roma – Prosegue l’opera di rinnovamento del sito di Punto Informatico che produrrà entro fine gennaio una serie di importanti novità, molte delle quali sono già state indicate dai lettori dopo il varo di PI 8.0.0.

Oltre alla nuova impostazione grafica della testata che ha finalmente conquistato la vetta di tutte le pagine del sito, alcune importanti innovazioni sono già state introdotte oggi nei Forum e nella Community.

La novità più evidente è la scomparsa del nick generico “Anonimo” utilizzato per indicare i commenti postati sui Forum di PI da chi è privo di un nickname riconosciuto dal sistema di gestione. Rimane naturalmente garantita a tutti la possibilità di pubblicare quanto si ritiene sui Forum messi a disposizione dal sito.

Come richiesto da alcuni, è stata anche semplificata la maschera di inserimento degli interventi nei Forum in modo da evitare qualsiasi genere di confusione nell’invio di nuovi messaggi.

E’ cambiato anche il modo in cui PI gestisce i cookie: ora per default i campi nickname e password non sono compilati automaticamente. Rimane tuttavia possibile semplificare l’inserimento dei dati identificativi effettuando la personalizzazione delle impostazioni nella pagina delle Opzioni della Community di PI.

Infine, è da oggi possibile scegliere di non effettuare automaticamente il login nella Community quanto si accede alle pagine riservate agli utenti registrati. Ma è sempre possibile scegliere tra le opzioni di non dover ogni volta inserire nickname e password.

Altri problemi segnalati dai lettori sono stati sistemati, a partire dal Forum-Box che ora permette di gestire regolarmente le segnalazioni delle discussioni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    il Garante si pulisce il q con i moduli
    Ho inviato anch'io un modulo al Garante per le Comunicazioni.Mica s'è fatto vivo!?!?!La solita fasulleria all'italiana e intanto i consumatori si prendono le fregature!!!
  • Anonimo scrive:
    Tutti furbi
    Ma perchè non ti sei vivo anche quando la Telecom ti faceva navigare gratis?Mi sembra che tutti cerchino di meterlo in quel posto all'altro dimenticando i propri doveri.Io so, per motivi che non ti sto a spiegare, come lavorano alla Telecom e forse questo è uno dei pochi casi in cui non ci hanno "provato" veramente.Ciò che voglio è che a parere mio è stato un semplice disguido, a cui però tu hai contribuito notevolmente.Per essere rispettato devi prima rispettare gli altri
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti furbi
      Come ho gia' detto io ho ciamato per dire che intendevo tenermi l'adsl e pagando quanto concordato per il contratto di tipo flat.Sono loro che mi hanno risposto scazzati dicendo che non ero IO a dover chiamare, ma che avrebbero chiamato loro a tempo debito.A quel punto ... se una azienda come Telecom non e' in grado di gestire un database dei suoi contratti .... io non posso farci niente!Leggiti tutta la mia lettera !Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti furbi
      perfettamente daccordo hai ragione nel fare tuttte le precisazioni nella raccomandata..ma se volessero essere altrettanto precisi dovrebbero addebitarti il costo di tutti i mesi a sbafo
  • Anonimo scrive:
    precisazione sulla disdetta di servizi
    Propriamente quando telecom o chicchessia ci appioppa un servizio non richiesto, cio' che si deve inviare ai furbi in questione non e' una disdetta, visto che non si e' aderito a nulla, bensi' una diffida a procedere ad un addebito per un servizio non sottoscritto.Di fatto chi manda una disdetta, come nei casi della persona autrice di questa lettera, si fa certo capire (ottima idea quella di bloccare l'addebito in banca). Tuttavia l'atto che si deve inviare propriamente e' una diffida.La diffida va mandata con raccomandata A/R facendo presente di non aver attivato alcun servizio, diffidando dal reiterare indebite richieste in merito ed avvisando che in difetto si adira' le vie legali, onde ottenere la rifusione dei danni subiti - rivolgendosi al giudice di pace.
  • Vaira scrive:
    Mi sembra strano ma
    vuoi vedere che sono l'unico ad avere alice flat che non ha mai dato problemi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sembra strano ma
      no c'è molta gente a cui va tutto bene, ma il problema è che quando ti capitano dei problemi sei letteralmente fottuto.. e questo non è giusto e non deve succedere, ma purtroppo con ste società è sempre così, non gliene frega se una minoranza di utenti ha problemi, nessuno è pagato per seguirli, e a parlare con numeri tipo il 187 fai pure peggio..
  • Anonimo scrive:
    deadbrain: l'unica lezione
    L'unica cosa che sembra chiara, dalla serie di "aneddoti" sulla telecom è che:In nessun caso e per nessun motivo bisogna stipulare contratti via telefono.Richiedere sempre il contratto scritto, rifiutare sempre e comunque le offerte speciali offerte telefonicamente, richiedendo che venga inviato un prospetto dell'offerta via posta ordinaria o, al limite, via email (che tanto non sanno usare).Altro accorgimento, ma più seccante da mettere in pratica, è quello di registrare le eventuali conversazioni telefoniche con gli operatori telecom, avvisando l'operatore che lo si sta facendo.
    • Canvil scrive:
      Re: deadbrain: l'unica lezione
      Credo che, salvo autorizzazione del giudice, tu non possa far rivalere la registrazione telefonica in giudicato e che quindi sia inutile.... se non forse ad evitare che l'operatore dica troppo caççate .
    • Anonimo scrive:
      Re: deadbrain: l'unica lezione
      finalmente qualcuno che ha le palle..........BISOGNA FARE COSI' SE NO SONO LORO CHE COMANDANO NON I LORO CLIENTI (COME E' SEMPRE STATO)
    • Anonimo scrive:
      Re: deadbrain: l'unica lezione
      - Scritto da: Anonimo
      L'unica cosa che sembra chiara, dalla serie
      di "aneddoti" sulla telecom è che:

      In nessun caso e per nessun motivo bisogna
      stipulare contratti via telefono.

      Richiedere sempre il contratto scritto,
      rifiutare sempre e comunque le offerte
      speciali offerte telefonicamente,
      richiedendo che venga inviato un prospetto
      dell'offerta via posta ordinaria o, al
      limite, via email (che tanto non sanno
      usare).Sono un utente di Alice Flat e vi posso confermare che il contratto da sottoscrivere al sottoscritto lo hanno inviato, con tutte le clausole che dovevono essere accettate e controfirmate.
  • Anonimo scrive:
    Forse è na fortuna...
    Fra chiedere la cessazione del servizio, e attivarne un altro con un altro provider passerebbero mesi...Magari mi staccassero involontariamente l'adsl...Ne sarei felice.Saluti
Chiudi i commenti